"Il presente è il luogo in cui ci perdiamo, se dimentichiamo il nostro passato e non abbiamo una visione del futuro". Così scriveva il poeta ghanese Ayi Kwei Armah.

Quest'anno ricorre il centenario della morte del geografo anarchico Peter Kropotkin, una figura del passato che non dobbiamo certo dimenticare.

Geografo di talento, ecologista sociale pioniere e socialista rivoluzionario, Kropotkin ha generato un "tesoro di idee fertili" (come diceva il suo amico Errico Malatesta) che hanno ancora attualità contemporanea.

Il Filosofo

Nato a Mosca nel 1842, è una delle curiose ironie della storia che Kropotkin, divenuto uno dei più accaniti oppositori di tutte le forme di potere statale, sia nato nei ranghi più alti dell'aristocrazia russa. Perché i suoi antenati principeschi erano stati tra i primi governanti della Russia.

Dopo aver esplorato e intrapreso la ricerca scientifica nelle remote regioni della Manciuria e della Siberia durante gli anni '60 dell'Ottocento, Kropotkin sarebbe poi diventato membro dell'Associazione Internazionale dei Lavoratori.

Fu incarcerato due volte per le sue attività politiche. Arrivato in Gran Bretagna nel 1886, sarebbe rimasto un "onorevole esilio", come lo definì Nicolas Walter, per i successivi trent'anni.

Fino al suo ritorno nella sua terra natale nel 1917 allo scoppio della Rivoluzione Russa. Durante i suoi molti anni di esilio, Kropotkin divenne uno dei principali teorici del movimento anarchico, oltre a continuare i suoi studi scientifici. In effetti, il ritratto di Kropotkin è ancora appeso nella biblioteca della Royal Geographical Society di Londra.

Un naturalista evoluzionista come Darwin, Kropotkin era un poliedrico e multi-talento. Scrisse libri sulla grande rivoluzione francese, come la chiamava lui, sulla letteratura russa, sui cambiamenti climatici e la geografia fisica dell'Eurasia, sulla biologia evolutiva e sull'ecologia sociale, oltre a scrivere, nei suoi ultimi anni, un trattato filosofico sull'etica.

La Forza

Qui mi concentrerò su un aspetto della sua ricca e vasta opera, vale a dire, i suoi scritti seminali sull'ecologia sociale.

Al centro della vita umana, per Kropotkin, c'era un “paradosso” essenziale dato che, da un lato, gli esseri umani erano una parte intrinseca della natura, il prodotto di un processo evolutivo, e totalmente dipendenti dal Mondo Naturale per il cibo, acqua e aria – per la loro stessa esistenza.

Ma d'altra parte, gli esseri umani erano in un certo senso "separati" dalla natura: la terra stessa esisteva da miliardi di anni, molto prima che emergessero gli esseri umani, e gli esseri umani, come essere specie, erano piuttosto unici nel combinare un alto grado di autocoscienza, una profonda socialità e nell'aver sviluppato culture e tecnologie simboliche complesse.

In effetti, gli esseri umani sono ora descritti come diventati una "forza geologica" sul pianeta terra. Gli esseri umani erano in un certo senso "separati" dalla natura.

Ciò che è importante in Kropotkin è che si è sempre sforzato di tenere insieme queste due dimensioni della vita sociale umana.

Sfruttamento

Ha così combinato l'umanesimo, con la sua enfasi sull'azione umana e sulla cultura umana, e il naturalismo, riconoscendo pienamente la dimensione ecologica della vita umana, che gli esseri umani sono sempre "radicati nella natura". Come filosofo sociale Kropotkin era, quindi, fondamentalmente un umanista ecologico, un ecologista sociale.

Due libri da lui scritti (entrambi basati su articoli pubblicati negli anni '90 dell'Ottocento) esemplificano la sua ecologia sociale: questi sono Fields, Factories and Workshops Tomorrow (1899) e Mutual Aid: A Factor of Evolution (1902).

Verso la fine del diciannovesimo secolo Kropotkin si occupò sempre più di due questioni o sviluppi interconnessi.

Uno era il crescente “abisso” che si stava sviluppando tra la campagna svuotata di persone e sempre più della sua fauna selvatica, e la città, con persone che vivevano nello squallore e nella povertà in case popolari sovraffollate e lavoravano in fabbriche in cui le condizioni erano malsane, di sfruttamento e completamente antidemocratico.

Uno Coltivato

L'altra preoccupazione era lo sviluppo, all'interno del capitalismo, di una forma industriale di agricoltura, un sistema di monocultura che impoveriva la fertilità del suolo e in cui l'agricoltura era orientata non solo alla produzione di cibo ma alla generazione di profitto.

Era anche preoccupato del fatto che praticamente tutta la terra in Gran Bretagna fosse di proprietà privata e che enormi appezzamenti di terra fossero destinati a riserve di caccia - di fagiani e galli cedroni - specificamente per le attività ricreative di una classe dirigente ricca e potente.

Sebbene persone come Trotsky, e gli studiosi liberali in generale, abbiano descritto Kropotkin come un intellettuale sognante, un socialista utopico, completamente fuori dal contatto con le "realtà sociali e politiche", in realtà Kropotkin era uno studioso molto pratico e con i piedi per terra.

Mentre Marx aveva trascorso il suo tempo nella biblioteca del British Museum studiando economia - principalmente rapporti del governo, Kropotkin viaggiò molto facendo studi empirici sulle pratiche agricole e per tutta la vita lui e sua moglie Sophie coltivarono un orto. Ha anche fatto i suoi mobili!

Cultura

Nel suo piccolo libro di riflessioni Fields, Factories and Workshops Tomorrow, che Colin Ward ha descritto come una delle "grandi opere profetiche del diciannovesimo secolo", Kropotkin ha sostenuto quanto segue:

  • Che tutte le forme di industria, siano esse fabbriche o officine, devono essere decentralizzate, e ha lanciato un appello per quello che ora definiremmo il "rinverdimento" della vita cittadina.
  • Che una futura agricoltura deve essere sia diversificata che intensiva, coinvolgendo orti, colture intensive dei campi, prati irrigui, frutteti, colture in serra, così come orti. Attraverso questi, ha affermato Kropotkin, si potrebbero produrre rese elevate di una varietà di colture. L'autosufficienza alimentare potrebbe essere raggiunta, secondo lui, senza il ricorso all'agricoltura industriale (sotto il capitalismo), se il coltivatore potesse essere libero dai tre "avvoltoi" (come Kropotkin descrisse allora): lo stato, il proprietario terriero e il banchiere. Kropotkin si oppose quindi sia alla collettivizzazione statale dell'agricoltura che all'agricoltura capitalista.
  • Tale lavoro, sia nell'industria che nell'agricoltura, dovrebbe - e potrebbe - essere ridotto a poche ore al giorno, consentendo alle persone in una comunità di avere tutto il tempo per il tempo libero e le attività culturali.

Brutalità

Tutto ciò, riconosceva Kropotkin, comporterebbe una rivoluzione sociale e la creazione di una società ecologica basata sui principi comunisti anarchici.

Vale la pena notare che il libro di Kropotkin ha avuto un'influenza importante su molte persone, inclusi ad esempio Lev Tolstoy, Ebenezer Howard (e la sua difesa delle città giardino), Lewis Mumford e Paul Goodman.

Il libro sul "Mutuo Aiuto" è forse il più noto di tutte le opere di Kropotkin ed è ancora in stampa. Opera di divulgazione scientifica, esprimeva la preoccupazione di Kropotkin alla fine del diciannovesimo secolo, al sorgere di una scuola di pensiero che divenne nota come “darwinismo sociale”.

Ciò che inizialmente provocò Kropotkin fu un articolo di Thomas Huxley, ampiamente conosciuto come "il bulldog di Darwin", data la sua difesa della teoria di Darwin, pubblicato sulla rivista The Nineteenth Century nel 1888.

Era intitolato La lotta per l'esistenza e la sua influenza sull'uomo. Citando Hobbes, Huxley ha descritto specificamente la vita nella natura - sia la natura organica che la vita sociale delle popolazioni tribali - come una vita "solitaria, povera, cattiva, brutale e breve".

Mutuo Aiuto

Seguendo Huxley, i darwinisti sociali – che includevano imprenditori americani spietati come Rockefeller e Carnegie – applicarono la teoria darwiniana – in particolare il concetto di Herbert Spencer della “sopravvivenza del più adatto” alla vita sociale umana.

Questo concetto è stato utilizzato come giustificazione ideologica per promuovere il capitalismo e l'imperialismo e lo sfruttamento coloniale dei popoli indigeni. Implicava anche che gli esseri umani fossero per natura, motivati ​​da impulsi aggressivi, ed erano individualisti intrinsecamente egoisti, egoisti, competitivi e possessivi.

Kropotkin, ovviamente, fu critico nei confronti di Rousseau e non dubitò mai dell'esistenza – la realtà – di conflitto, competizione ed egoismo (agency soggettiva), sia nel mondo vivente che nella vita sociale umana.

Ma ha comunque sfidato con forza la visione del mondo hobbesiana (capitalista), sostenendo che era esagerata e completamente unilaterale. Venne quindi a scrivere una serie di articoli sul "mutuo soccorso" - le attività di cooperazione e il sostegno e la cura reciproci che si sono espressi non solo dagli animali, ma in tutte le società umane e nel corso della storia.

La tendenza al mutuo soccorso, o ciò che ha anche descritto come "anarchia", era chiaramente evidente anche tra le persone "tra di noi" nelle società occidentali.

Coesisteva con, e spesso in opposizione, allo stato e alle istituzioni capitaliste. Il mutuo soccorso (o anarchia) è stato espresso, sosteneva Kropotkin, nelle associazioni dei lavoratori, nei sindacati, nella vita familiare, negli enti di beneficenza religiosi, in vari club e società culturali, così come in molte altre forme di associazioni di volontariato. Il mutuo soccorso, ha sottolineato Kropotkin, è stato un fattore importante nell'evoluzione e nella vita sociale umana.

Saccheggi

Il Mutuo Aiuto non è un testo anarchico, né un'opera di teoria politica, ma riflette la concezione di Kropotkin di una società futura che ha descritto come comunismo libero o anarchico.

Ciò implicherebbe la necessità di una rivoluzione sociale e di una forma di politica che coinvolgesse i seguenti tre principi o principi essenziali:

  • Un rifiuto dello Stato e di tutte le forme di gerarchia e oppressione che inibivano l'autonomia e il benessere della persona come unico essere sociale;
  • Un ripudio dell'economia di mercato capitalista, insieme al suo sistema salariale (che per Kropotkin era una forma di schiavitù), alla proprietà privata, al suo ethos competitivo e alla sua ideologia dell'individualismo possessivo;
  • E, infine, una visione di una futura società ecologica, basata sul mutuo soccorso, sulle associazioni di volontariato, su forme partecipative di democrazia e su una forma di organizzazione sociale orientata alla comunità. Una tale società rafforzerebbe la più piena espressione della libertà individuale ed esprimerebbe un mutualismo, un rapporto di cooperazione con il mondo naturale.

In un'epoca in cui il capitalismo aziendale regna trionfante, creando condizioni che inducono paura, dislocazioni sociali, gravi disuguaglianze economiche e un'acuta crisi ecologica, la visione di Kropotkin e la sua forma politica hanno ancora una rilevanza contemporanea.

In contrasto con i fautori del "Green New Deal" - sostenuti da Naomi Klein et al - Kropotkin avrebbe insistito sul fatto che lo stato capitalista piuttosto che essere la soluzione alla crisi ecologica ne fosse in realtà la causa.

Perché, come ha affermato tempo fa l'ecologo sociale Murray Bookchin, il capitalismo in relazione simbiotica con lo stato saccheggia la terra in cerca di profitti ed è di conseguenza la causa principale della "crisi moderna".


Fonte: pubblicato originariamente su The Ecologist, 24 dicembre 2021 https://www.theecologist.org/2021/dec/24/kropotkins-ecology


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

L'Anarchia è Ordine: creare il Nuovo Mondo nel guscio del Vecchio

La parola "anarchia" deriva dall'antica parola greca "anarchos" e significa "senza un sovrano". Mentre i governanti, abbastanza prevedibilmente, affermano che la fine del governo porterà inevitabilmente a una discesa nel caos e nel tumulto, gli anarchici sostengono che il governo non è necessario per la conservazione dell'ordine. Piuttosto che una discesa nella guerra di Hobbes di tutti contro tutti, una società senza governo suggerisce agli anarchici la possibilità stessa di relazioni umane creative e pacifiche. Pierre-Joseph Proudhon ha ben riassunto la posizione anarchica nel suo famoso slogan: "L'anarchia è ordine".

John Zerzan, pioniere dell'Anarco Primitivismo

Le opere di John Zerzan criticano la civiltà agricola come intrinsecamente opprimente e sostengono il ricorso ai modi di vita dei cacciatori-raccoglitori come ispirazione per come dovrebbe essere una società libera. Gli argomenti della sua critica includono l'addomesticamento, il linguaggio, il pensiero simbolico (come la matematica e arte) e il concetto di tempo.

Le Comunità Intenzionali Anarchiche

Alcuni anni fa, un gruppo pagano greco credeva nella possibilità di creare un villaggio dove poter vivere e lavorare in base alle proprie convinzioni e interessi. Questa sarebbe forse la salvezza nel mondo moderno: il ritorno alla comunità.

Può essere assurdo per molti, ma è senza dubbio un colpo duro contro il processo di urbanizzazione e concentrazione di popolazioni in cui ci troviamo, e questo è già qualcosa. La battaglia del futuro sarà tra centralizzazione e decentralizzazione, tra potere centrale e periferia.

Una panoramica sul Bioregionalismo

Il bioregionalismo è un approccio etico, politico, ideologico, legato al territorio in cui si vive, considerato come un insieme omogeneo dal punto di vista morfologico e da quello degli esseri viventi.

Rappresenta in un certo senso "l'intersezione" tra diverse anime culturali del movimento ambientalista: quelle tradizionaliste, (in senso eminentemente folclorico-ambientalista) e quelle localiste. Lo studio delle bioregioni utilizza largamente la Teoria degli Insiemi elaborata da Georg Cantor.

Si tratta quindi di considerare un territorio geografico omogeneo in cui dovrebbero essere predominanti le regole dettate dalla natura e non le leggi che l'uomo avrebbe definito.

I comunitaristi libertari nativi americani d'Alaska

Oggi noi di Libere Comunità vi presentiamo i comunitaristi libertari delle tribù dei nativi americani d'Alaska. Ringraziamo il compagno Rinehart per averci inviato l'articolo raccontandoci la sua esperienza e la formazione della sua comunità libertaria indipendente ed autosufficiente formata da nativi americani in Alaska... buona lettura.

Clarence Lee Swartz, "La praticabilità del Mutualismo" (1926)

Il mutualismo è applicabile a tutte le relazioni umane. In tutta la gamma dell'esistenza, dalla nascita alla morte, la mutualità — associazione volontaria per l'azione reciproca — è dovunque e in ogni momento in attesa di risolvere ogni problema dei rapporti sociali, di decidere ogni questione che si pone nel commercio e nell'industria. Per praticare il mutualismo è necessario nominare solo due condizioni: che l'individuo non invadente non sia costretto, e che nessuna parte del prodotto del lavoro di nessuno gli sarà tolta senza il suo consenso. Con quelle generalizzazioni negative così postulate, affermando così la sovranità dell'individuo, ne deriva naturalmente il corollario positivo e costruttivo: la reciprocità; che implica iniziativa individuale, libero contratto e associazione di volontariato.

Arne Næss, pioniere dell'Ecologia Profonda

Seguendo le linee del filosofo norvegese Arne Næss nella sua formulazione di "Deep Ecology" (Ecologia Profonda), l'Attivismo Profondo sarebbe quello che affonda le sue radici e motivazioni nelle esperienze profonde della persona. Si tratterebbe, quindi, di un attivismo fondato non solo sugli aspetti razionali ed etici dell'azione sociale, politica o ambientale, ma anche sugli aspetti affettivi, estetici e di coscienza.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Autodeterminazione nazionale, internazionalismo e socialismo libertario

Ci sono pochi argomenti di maggiore disaccordo tra i socialisti libertari di "liberazione nazionale" e "autodeterminazione nazionale".

Per "socialisti libertari" si intendono anarchici di ogni tipo, anche marxisti libertari autonomi e altri con politiche simili.

Con "liberazione/autodeterminazione nazionale", l'idea che alcune nazioni sono oppresse e meritano di essere liberate da tale oppressione e di poter decidere da sole sotto quali sistemi sociali, economici e politici desiderano vivere.

Hakim Bey, il sogno anarchico delle T.A.Z.

Questa volta però vengo come il Dioniso vittorioso, che trasformerà il mondo in una vacanza... Non che abbia molto tempo...Nietzsche (dalla sua ultima “folle” lettera a Cosima Wagner)

I corsari e i pirati dei mari del XVIII secolo crearono una “rete d'informazione” che si estendeva per l’intero globo: primitiva e primariamente rivolta a truci affari, la rete funzionava nondimeno ammirabilmente. Sparse attraverso la rete erano isole, remoti nascondigli dove le navi potevano venire rifornite d'acqua e cibo, il bottino scambiato per necessità e lussi. Alcune di queste isole sostenevano “comunità intenzionali”, intere mini-società che vivevano coscientemente al di là della Legge e decise a rimanerci, anche se solo per breve ma felice esistenza.

Donatella Di Cesare - Decostruire l'Anarchia

Il testo seguente è stato consegnato per la prima volta come discorso durante Anarchē, una conferenza di due giorni curata dall'Istituto per l'indagine culturale a Berlino. Qui la filosofa italiana Donatella Di Cesare esplora la possibilità di liberare l'ontologia anarchica nascosta nella tradizione anarchica.

Il Manifesto dell'Anarco Transumanesimo (Completo)

L’Anarco-Transumanesimo è una branca dell’anarchismo che, nel rispetto dei valori tradizionali e moderni dell’anarchismo, li combina con il transumanesimo ed il postumanesimo, può essere descritto come: Una rivoluzione democratica radicale che, seppur vecchia di secoli, ancora cresce forte, con al suo cuore l’idea che la popolazione sia maggiormente felice quando può controllare razionalmente la propria vita.

Ragione, scienza e tecnologia forniscono un genere di controllo che ci libera gradualmente da ignoranza, fatica, dolore e malattia. La democrazia radicale fornisce altri tipi di controllo, attraverso le libertà civili. Di seguito pubblichiamo interamente il manifesto completo degli anarchici transumanisti come approfondimento completo sia sulla matrice anarchica che sull'ideologia ed applicazione del transumanesimo.

Fabrizio De André: l'internazionalista identitario

«Credo che ogni piccola etnia abbia diritto all'auto-determinazione. Anzi, se fosse per me tornerei ai Comuni liberi, alle città-stato.» (Fabrizio De André)

Rampollo favoloso e ribelle di una borghesia genovese distintissima, curioso del mondo e innamorato di sé, a vent’anni trascurava gli studi in giurisprudenza frequentando prostitute e suonando sulle navi da crociera.

Contestato dal Movimento Studentesco nel 1968 salì sul palco un po’ barcollante, scherzò dedicando La cattiva strada “al mio amico Nietzsche” e “al mio amico Cristo” e iniziò a suonare.

Là dove finisce lo Stato, comincia l'uomo che non è superfluo

Si chiama Stato il più gelido di tutti i mostri. Esso è gelido anche quando mente; e questa menzogna gli striscia fuori di bocca: "Io, lo Stato, sono il popolo".

È una menzogna! Creatori furono coloro che crearono i popoli e sopra di essi affissero una fede e un amore: così facendo servirono la vita.

Distruttori sono coloro che sistemano trappole per i molti e li chiamano Stato: su di essi affiggono una spada e cento cupidigie.

Dove ancora esiste, il popolo non capisce lo stato e lo odia come occhio malvagio e colpa contro i costumi e i diritti.

In che modo la guerra danneggia l'ambiente?

Spesso ci viene chiesto in che modo i conflitti armati danneggiano l'ambiente. In questo articolo cerchiamo di fornire quanti più esempi possibili di danni. È inteso come un'introduzione non esaustiva che segue il ciclo dei conflitti e contiene collegamenti per ulteriori letture. Fondamentalmente, il danno ambientale ha implicazioni per le persone, così come per gli ecosistemi. Ciò significa che la protezione dei civili richiede innanzitutto la protezione dell'ambiente da cui dipendono.

Proudhon e la sua Terza Posizione

Le idee di Proudhon non sono le nostre idee, non sono state nemmeno sempre sue. Hanno combattuto in lui e così spesso si sono distrutte a vicenda che la sua mente è definita il luogo d'incontro dei contraddittori. Avendo capito molto, questo grande oratore non è stato in grado di mettere tutto in ordine.

Contea Ecologica di Urabba

Questa contea ecologica del Flandrensis è stata fondata nel 2022 e si trova al numero 4 di Urabba Street a Rankins Springs, New South Wales, Australia. È composto da uno spazio aperto di 1.310 mq con alcuni alberi e arbusti.

L'obiettivo di Urabba è promuovere la missione del Granducato di Flandrensis e riunire le persone mettendo in mostra il movimento Australian Landcare unendo gli sforzi della vita reale con una presenza online mondiale.

La terra della Contea Ecologica è di proprietà di Urabba Parks, un ente di beneficenza australiano fondato per acquisire e gestire Urabba nel 2012.

Panarchia?! Che cos'è? Si mangia?

Nel suo articolo del 1860 "Panarchia" Paul-Emile De Puydt, che espresse anche il suo sostegno all'economia del laissez-faire, applicò il concetto al diritto dell'individuo di scegliere qualsiasi forma di governo senza essere costretto a spostarsi dal luogo in cui si trova attualmente. Questo è talvolta descritto come "extraterritoriale" (o "exterritoriale") poiché i governi spesso servirebbero appezzamenti di terreno non contigui.

Bakunin: il Ribelle

Il maggior rappresentante del movimento anarchico internazionale nell'Ottocento e, allo stesso tempo, il primo agitatore che cercò di dare una giustificazione teorica alla sua azione rivoluzionaria è stato Michail Bakunin, nato in Russia (a Tver, l'odierna Kalinin) da nobile famiglia il 30 maggio 1814 e morto il 1° luglio 1876. La sua vita si svolse prevalentemente in Occidente (in Svizzera, in Francia ed in Italia), alla cui cultura si era formato studiando la filosofia tedesca particolarmente di Fichte e di Hegel. Partecipò attivamente al 48 francese e all'insurrezione di Dresda del 1849.

Makhnovia: il primo stato anarchico al mondo

La sperimentazione politica non era rara all'inizio del XX secolo. In Ucraina, dove le disastrose battaglie della prima guerra mondiale sul fronte orientale hanno lasciato vuoti di potere, c'erano opportunità per alcuni individui di tutto lo spettro politico di emergere con idee diverse. Ondate di uomini, armi e fondi hanno assicurato che questi nuovi movimenti potessero cristallizzarsi negli stati. Una di queste entità era Makhnovia.