L'agorismo, abbreviato in (Anarchia, Agorà, Azione), come ideologia politica riguarda più i mezzi che i fini. In breve, afferma che il modo migliore per raggiungere una società libera è attraverso i mercati neri e grigi. Fu proposto per la prima volta da Samuel Edward Konkin III alle conferenze CounterCon I nell'ottobre 1974 e CounterCon II nel maggio 1975.

Per gli agoristi è importante distinguere tra mercati grigi e neri e un "mercato rosso". L'agorismo supporta solo comportamenti legali ma al di fuori del quadro del sistema statale (mercati grigi) o illegali ma non intrinsecamente violenti (mercati neri), ma non supporta il commercio relativo a cose che violano il principio di non aggressione (il mercato rosso). Sostengono tutti gli usi della Controeconomia definendola come la somma di tutte le Azioni Umane non aggressive vietate dallo Stato.

Alcune persone tendono a sostenere che l'agorismo è un'ideologia libertaria di sinistra o che è un'ideologia anarchica del mercato di sinistra e che non è in alcun modo correlato all'anarchismo di mercato di destra, questo, sebbene sia vero in parte perché di Konkin che si riferisce all'Agorismo in quanto tale, è falso perché non usa il termine con la definizione standard riferendosi al socialismo libertario, lo ha usato come definito da Roderick T. Long come una reintegrazione del libertarismo con preoccupazioni che sono tradizionalmente pensate come preoccupazioni della sinistra. Ciò include preoccupazioni per l'empowerment dei lavoratori, preoccupazioni per la plutocrazia, preoccupazioni per il femminismo e vari tipi di uguaglianza sociale.

Inoltre sul tema della proprietà vale anche la pena di verificare l'opinione di Konkin sulla proprietà intellettuale. Konkin si oppose bruscamente ai diritti di proprietà intellettuale e scrisse un saggio intitolato "Copywrons" su di esso e li considerava creatori di monopoli e distorsioni del mercato.

Credenze e fondamenti

Gli agoristi hanno la convinzione fondamentale che il miglior modo possibile per raggiungere una società libera (una società senza stato basata sull'associazione volontaria e sul libero mercato) è attraverso la rivoluzione pacifica attraverso la controeconomia, come già definita, il miglioramento di qualsiasi atto non violento proibito dalla governo, mercato nero, droga o qualsiasi tipo di disobbedienza. Ciò, attraverso una proficua disobbedienza civile, alla fine portano a "affamare lo Stato", trasferendo i suoi compiti attuali verso istituzioni decentrate fornite dal mercato. Nelle loro parole:

"Piuttosto che accumulare lentamente voti fino a quando una massa critica non consentirebbe la ritirata dello stato (se i nuovi statisti non cambiassero schieramento per proteggere i loro nuovi interessi acquisiti), si potrebbe commettere disobbedienza civile con profitto, eludendo tasse e regolamenti, avendo costi inferiori e (potenzialmente) maggiore efficienza rispetto ai propri concorrenti statalisti, se presenti."

Opposizione ai partiti politici

Di conseguenza, poiché si oppone alla democrazia come metodo valido per il raggiungimento di una società libera, si oppone anche al metodo con cui i libertari, attraverso la democrazia, cercano di raggiungere questo scopo. L'agorismo non sostiene nessun partito come mezzo di transizione verso l'anarchismo del libero mercato. I metodi di organizzazioni come il Partito Libertario degli Stati Uniti non sono affatto compatibili con la filosofia o la prassi agorista. Egli definisce la "parti-archia" come, l'anti-concetto di perseguire fini libertari attraverso mezzi statalisti.

Opinione sulla proprietà

Stabilito che, sebbene a volte vengano considerati anarchici di mercato di sinistra o liberisti di sinistra, gli agoristi sono in effetti libertari di destra, ma è ancora necessario approfondire l'opinione dell'Agorismo sulla proprietà e sugli imprenditori, ecc. L'agorismo divide i proprietari dei mezzi di produzione in tre gruppi. Imprenditori, detentori di capitale e capitalisti di Stato. L'opinione degli agoristi su ciascuno di questi è rispettivamente buona, neutra e cattiva. Ritiene che il primo gruppo sia la forza dei mercati liberi, degli acquirenti di rischi e dei produttori; ritiene che il secondo gruppo sia costituito da non innovatori relativamente simili ai droni; e ritiene che il 3° gruppo sia il principale male del pubblico reale ei veri e maggiori beneficiari del governo.

Si differenziano dagli anarco-capitalisti poiché confondono il primo e il secondo gruppo, mentre i marxisti confondono tutti e tre.

Storia

La storia del termine deriva dalla parola Agorà, che deriva dal greco antico come parola ἀγορά, riferendosi ad uno spazio aperto in cui si svolge un mercato in una "polis" (πόλις) o città. Circa l'ideologia stessa, secondo Konkin, l'Agorismo era un concetto fondato su un contesto di alienazione politica come erano gli anni '60 e '70. Si attribuisce principalmente alla Scuola austriaca di economia ed economisti come Ludvig Von Mises come principali ispirazioni per le credenze economiche e la creazione dell'Agorismo in generale.

Konkin afferma che durante gli anni '70, in tale contesto di alienazione politica, il libertarismo ha preso vigore e si è diviso in due ali, i Rothbardiani, che hanno scelto di creare alleanze con movimenti corrispondenti (in alcuni casi), e il movimento paleoconservatore e la New Left, per influenzare le persone nel movimento libertario, che in seguito ha portato a miscele come i Paleolibertari e i Left-Rothbardiani; altresì Robert LeFevre e i suoi seguaci della West Coast, che sostenevano una "forma non partecipativa di disobbedienza civile".

Più tardi, secondo Konkin, questa seconda ala perse potere e svanì, e con la creazione del Partito Libertario la discussione libertario si polarizzava tra parti-archismo e l'agorismo come metodi proposti per realizzare la società ideale libertaria.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

L’individualismo assoluto quale mezzo di affrancamento dall’oppressione dualistica

Cos’è la morale? In breve rappresenta l’insieme di valori ed atteggiamenti utili alla vita comunitaria. Ma se la vita comunitaria si basa su una morale menzognera ed innaturale imposta attraverso il giogo di un sistema politico artefatto il cui fine è la sola sopravvivenza dello stato, non implica che ciò che viene pubblicamente esposto ed esaltato come “bene” sia realmente ed oggettivamente tale.

Corporatocrazia, o "socialismo per ricchi"

Si potrebbe dire che una politica economica simile alla corporatocrazia sia iniziata con il processo di enclosure in Inghilterra. Era un processo praticato in Inghilterra fin dal 13° secolo con il quale lo Stato inglese prendeva con la forza la terra rurale che era tradizionalmente di proprietà comune di piccoli collettivi e poi li dava a proprietari privati. Si tratta di un sistema economico in cui interviene statali all'interno dell'economia a beneficio del profitto di un numero selezionato per le società, in particolare nel contesto di schiacciamento concorrenza.

Manifesto Antipolitico

Ci opponiamo alla politica giudicandola pratica di potere e riteniamo i partiti e gli esponenti politici dediti a interessi personali e non al bene comune.

Aristotele diceva che chi afferma l'inutilità della filosofia la può sostenere solo argomentando filosoficamente, così si potrebbe dire che colui che proclama la sua contrarietà alla politica, fa necessariamente politica.

Se vogliamo trovare un criterio unico valido per tutti ci dobbiamo riferire a ciò che nell'uomo è sempre presente e permane immutabile, cioè alla natura, che non è soggetta alle convenzioni umane.

Alcune riflessioni irregolari sull'anarco-monarchismo: "Il re ideale sarebbe un po' come il re degli scacchi: il pezzo più inutile della scacchiera" Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

C'è... qualcosa di degradante nel sottomettersi a un politico, o passare attraverso la sciocca farsa di fingere che il "servizio pubblico" sia un'occupazione particolarmente onorevole, o essere costretti a scegliere quale banda di briganti, mediocri, facoltosi avvocati e (Dio ci risparmi) idealisti controllare i nostri destini per i prossimi anni.

Ma un re, cioè un re senza alcun potere reale, è un'istituzione così nobilmente arbitraria, così tenera e organicamente umana. È facile dare la nostra fedeltà a qualcuno la cui unica pretesa è un caso ereditario, perché allora è un gesto gratuito di affetto spontaneo che non richiede alcun elemento di autoinganno, e che non comporta l'umiliazione di dover chiedere essere governato.

Donatella Di Cesare - Decostruire l'Anarchia Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Il testo seguente è stato consegnato per la prima volta come discorso durante Anarchē, una conferenza di due giorni curata dall'Istituto per l'indagine culturale a Berlino. Qui la filosofa italiana Donatella Di Cesare esplora la possibilità di liberare l'ontologia anarchica nascosta nella tradizione anarchica.

Feudalesimo e Anarchia Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Il concetto storico di feudalesimo non è esente da controversie. Molti studiosi moderni mettono in dubbio sia l'utilità che l'accuratezza del termine. Ciò è in parte dovuto al fatto che i sistemi feudali nelle diverse aree avevano strutture sociali e politiche divergenti, e quindi non rientrano perfettamente nella stessa categoria. Ma nonostante i molti modi in cui il feudalesimo variava da una località all'altra, alcune caratteristiche del termine sono abbastanza coerenti da meritarne l'uso, specialmente con qualche precisazione.

Anarchia Intellettuale Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Autarchia è indipendenza. Non ci si riferisce soltanto al suo significato strettamente materiale legato alla produzione ma alla sua valenza più ampia ed assoluta. In tal caso il concetto di autarchia giunge fino alle più intime profondità dell’essere coinvolgendo la totalità degli aspetti della sua esistenza.

D'altronde come potremmo mai chiamare quell’aspetto dell’individualismo assoluto che sfocia in autonomia di pensiero, sincerità intellettuale e retto filosofare?

In un contesto socio-politico in cui la maggioranza della moltitudine manca di coraggio e volontà di potenza, qual è l’ostacolo più grande alla realizzazione di una futura società aurea?

Uno sguardo all'Anarco-Capitalismo Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Gli anarco-capitalisti possono essere definiti dei capitalisti classici? E soprattutto, possono essere definiti anarchici?

“Lo Stato, a differenza di quanto accade con una banda di malfattori, non è considerato una organizzazione criminale; anzi, solitamente i suoi tirapiedi hanno rivestito le posizioni più elevate nella società. Si tratta di una condizione che permette allo Stato di cibarsi delle proprie vittime e, al tempo stesso, di raccogliere il sostegno, o almeno l’acquiescenza, di gran parte di esse a questo processo di sfruttamento.”

 

(Murray Rothbard)

Lo stesso autodefinirsi "anarchici" dei principali esponenti dell'anarco-capitalismo è stato spesso contestato dagli altri movimenti anarchici. Nonostante ciò, gli anarco-capitalisti credono che la via da loro proposta sia la sola attraverso cui è possibile giungere a realizzare concretamente l'ideale di assenza dello stato cui tendono anche gli anarchici "tradizionali".

Mutualismo Economico Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Il mutualismo, chiamato anche proudhonismo o anarco-mutualismo (AnMut), è un'ideologia economicamente di sinistra (ma pro-mercato), anarchica e culturalmente variabile basata principalmente sugli scritti di Pierre-Joseph Proudhon.

Inoltre, è fortemente a favore della libertà individuale e può essere visto come l'ideologia unificante tra le scuole di pensiero anarchico sociale, individualista e di mercato, ed è stato molto influente nello sviluppo di altre ideologie anarchiche successive.

Il colore arancione rappresenta il suo voler essere una terza via tra il marxismo (rosso) e il capitalismo (giallo), mutuando libertà individuale e collettivismo.

Proudhon e la sua Terza Posizione Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Le idee di Proudhon non sono le nostre idee, non sono state nemmeno sempre sue. Hanno combattuto in lui e così spesso si sono distrutte a vicenda che la sua mente è definita il luogo d'incontro dei contraddittori. Avendo capito molto, questo grande oratore non è stato in grado di mettere tutto in ordine.

Libertà o Uguaglianza? Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Si oppose alla Rivoluzione francese, al comunismo e al nazismo. Descrivendosi come un "arci-liberale conservatore" o "estremamente liberale", Kuehnelt-Leddihn ha spesso sostenuto che il governo della maggioranza nelle democrazie è una minaccia alle libertà individuali e si è dichiarato monarchico e nemico di tutte le forme di totalitarismo, sebbene sostenesse anche quelle che definiva "repubbliche non democratiche", come la Svizzera e i primi Stati Uniti.

L'Anarchismo Idiosincratico di Lysander Spooner e il "Socialismo di Mercato" Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Lysander Spooner è una figura importante nella storia del movimento per la libertà. Era un sostenitore del movimento operaio ed era persino un membro della Prima Internazionale in un momento in cui socialisti e anarchici coesistevano pacificamente all'interno di quel movimento. Forse una delle cose più interessanti di Spooner è che fu il primo a gestire una società privata in diretta concorrenza con l'ufficio postale degli Stati Uniti. Questo sforzo prevedibilmente fallì non perché l'American Letter Mail Company non potesse competere, ma perché Spooner era ostacolato dalla legge.

Avarizionismo: l'empatia è un fantasma Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

L'abolizione dello stato parallela all'attitudine di individui che agiscono come vogliono, consentirà a quei "forti" che agiranno nel loro migliore interesse di prendere la proprietà degli altri e consentirà la massima concorrenza sia dei mercati che delle persone.

Panarchia?! Che cos'è? Si mangia? Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Nel suo articolo del 1860 "Panarchia" Paul-Emile De Puydt, che espresse anche il suo sostegno all'economia del laissez-faire, applicò il concetto al diritto dell'individuo di scegliere qualsiasi forma di governo senza essere costretto a spostarsi dal luogo in cui si trova attualmente. Questo è talvolta descritto come "extraterritoriale" (o "exterritoriale") poiché i governi spesso servirebbero appezzamenti di terreno non contigui.

Clarence Lee Swartz, "La praticabilità del Mutualismo" (1926) Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Il mutualismo è applicabile a tutte le relazioni umane. In tutta la gamma dell'esistenza, dalla nascita alla morte, la mutualità — associazione volontaria per l'azione reciproca — è dovunque e in ogni momento in attesa di risolvere ogni problema dei rapporti sociali, di decidere ogni questione che si pone nel commercio e nell'industria. Per praticare il mutualismo è necessario nominare solo due condizioni: che l'individuo non invadente non sia costretto, e che nessuna parte del prodotto del lavoro di nessuno gli sarà tolta senza il suo consenso. Con quelle generalizzazioni negative così postulate, affermando così la sovranità dell'individuo, ne deriva naturalmente il corollario positivo e costruttivo: la reciprocità; che implica iniziativa individuale, libero contratto e associazione di volontariato.

Errico Malatesta - Contro la Dittatura del Proletariato (30 Luglio 1919) Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Il testo che qui si riproduce è la lettera che Errico Malatesta scrisse da Londra a Luigi Fabbri in merito al tema della dittatura del proletariato che agitava il movimento operaio e rivoluzionario a seguito della Rivoluzione Russa. Con una certa cautela per una possibile evoluzione in senso libertario della Rivoluzione, ma anche con estrema chiarezza per quanto riguarda la realtà corrente, Malatesta chiarisce che la cosiddetta dittatura del proletariato altro non è che la dittatura del partito sulle masse popolari.

La Concezione Liberale di Bruno Leoni Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Nel secondo dopoguerra, mentre nel mondo intellettuale prevaleva il cosiddetto consenso keynesiano, Leoni criticava la logica dell'intervento pubblico mentre esaltava la superiore razionalità e legittimità degli ordini che emergono dal basso, per effetto del concorso delle volontà dei singoli individui.

Cripto-Anarchismo Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Il criptoanarchismo - o criptoanarchia - è la realizzazione nel cyberspazio di una forma di anarchia mediante l'uso della crittografia. Assicurando la riservatezza, l'autenticità e l'integrità delle loro comunicazioni, il software crittografico offre agli individui una totale libertà di scambio garantendo il loro anonimato e il rispetto della loro vita privata.

L'Anarchismo Spirituale nell'Anarca Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

L'Anarca è quell'individuo sovrano nato dalla mentalità fuori dal comune che attingeva dall'illimitato pozzo della storia, della filosofia e dell'arte.

Lui-lei è al di là della sinistra o della destra, si muove senza fine in modo nomade con libertà mutevole attraverso il pensiero, sintetizzando idee contrastanti. Ma sempre saldamente radicato nel nichilismo. Questo è il vero anarchico. La loro è l'anarchia che ha prodotto (e produce tuttora) una vasta sottocultura ermetica e letteraria sotterranea.

Diario di uno Scemo del Villaggio Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Pensavo davvero che un interesse per l'anarchia mi avrebbe circondato di persone dalla mentalità aperta. È stato così strano che molti non si siano nemmeno cimentati con il materiale di cui sono così critici. Forse questa è una cosa americana anti-intellettuale, e forse è un residuo del paternalismo marxista. Questo tipo di arroganza è ciò che allontana le persone dagli anarchici in generale. Questa necessità di avere ragione è una nozione religiosa totalmente puritana.