L'agorismo, abbreviato in (Anarchia, Agorà, Azione), come ideologia politica riguarda più i mezzi che i fini. In breve, afferma che il modo migliore per raggiungere una società libera è attraverso i mercati neri e grigi. Fu proposto per la prima volta da Samuel Edward Konkin III alle conferenze CounterCon I nell'ottobre 1974 e CounterCon II nel maggio 1975.

Per gli agoristi è importante distinguere tra mercati grigi e neri e un "mercato rosso". L'agorismo supporta solo comportamenti legali ma al di fuori del quadro del sistema statale (mercati grigi) o illegali ma non intrinsecamente violenti (mercati neri), ma non supporta il commercio relativo a cose che violano il principio di non aggressione (il mercato rosso). Sostengono tutti gli usi della Controeconomia definendola come la somma di tutte le Azioni Umane non aggressive vietate dallo Stato.

Alcune persone tendono a sostenere che l'agorismo è un'ideologia libertaria di sinistra o che è un'ideologia anarchica del mercato di sinistra e che non è in alcun modo correlato all'anarchismo di mercato di destra, questo, sebbene sia vero in parte perché di Konkin che si riferisce all'Agorismo in quanto tale, è falso perché non usa il termine con la definizione standard riferendosi al socialismo libertario, lo ha usato come definito da Roderick T. Long come una reintegrazione del libertarismo con preoccupazioni che sono tradizionalmente pensate come preoccupazioni della sinistra. Ciò include preoccupazioni per l'empowerment dei lavoratori, preoccupazioni per la plutocrazia, preoccupazioni per il femminismo e vari tipi di uguaglianza sociale.

Inoltre sul tema della proprietà vale anche la pena di verificare l'opinione di Konkin sulla proprietà intellettuale. Konkin si oppose bruscamente ai diritti di proprietà intellettuale e scrisse un saggio intitolato "Copywrons" su di esso e li considerava creatori di monopoli e distorsioni del mercato.

Credenze e fondamenti

Gli agoristi hanno la convinzione fondamentale che il miglior modo possibile per raggiungere una società libera (una società senza stato basata sull'associazione volontaria e sul libero mercato) è attraverso la rivoluzione pacifica attraverso la controeconomia, come già definita, il miglioramento di qualsiasi atto non violento proibito dalla governo, mercato nero, droga o qualsiasi tipo di disobbedienza. Ciò, attraverso una proficua disobbedienza civile, alla fine portano a "affamare lo Stato", trasferendo i suoi compiti attuali verso istituzioni decentrate fornite dal mercato. Nelle loro parole:

"Piuttosto che accumulare lentamente voti fino a quando una massa critica non consentirebbe la ritirata dello stato (se i nuovi statisti non cambiassero schieramento per proteggere i loro nuovi interessi acquisiti), si potrebbe commettere disobbedienza civile con profitto, eludendo tasse e regolamenti, avendo costi inferiori e (potenzialmente) maggiore efficienza rispetto ai propri concorrenti statalisti, se presenti."

Opposizione ai partiti politici

Di conseguenza, poiché si oppone alla democrazia come metodo valido per il raggiungimento di una società libera, si oppone anche al metodo con cui i libertari, attraverso la democrazia, cercano di raggiungere questo scopo. L'agorismo non sostiene nessun partito come mezzo di transizione verso l'anarchismo del libero mercato. I metodi di organizzazioni come il Partito Libertario degli Stati Uniti non sono affatto compatibili con la filosofia o la prassi agorista. Egli definisce la "parti-archia" come, l'anti-concetto di perseguire fini libertari attraverso mezzi statalisti.

Opinione sulla proprietà

Stabilito che, sebbene a volte vengano considerati anarchici di mercato di sinistra o liberisti di sinistra, gli agoristi sono in effetti libertari di destra, ma è ancora necessario approfondire l'opinione dell'Agorismo sulla proprietà e sugli imprenditori, ecc. L'agorismo divide i proprietari dei mezzi di produzione in tre gruppi. Imprenditori, detentori di capitale e capitalisti di Stato. L'opinione degli agoristi su ciascuno di questi è rispettivamente buona, neutra e cattiva. Ritiene che il primo gruppo sia la forza dei mercati liberi, degli acquirenti di rischi e dei produttori; ritiene che il secondo gruppo sia costituito da non innovatori relativamente simili ai droni; e ritiene che il 3° gruppo sia il principale male del pubblico reale ei veri e maggiori beneficiari del governo.

Si differenziano dagli anarco-capitalisti poiché confondono il primo e il secondo gruppo, mentre i marxisti confondono tutti e tre.

Storia

La storia del termine deriva dalla parola Agorà, che deriva dal greco antico come parola ἀγορά, riferendosi ad uno spazio aperto in cui si svolge un mercato in una "polis" (πόλις) o città. Circa l'ideologia stessa, secondo Konkin, l'Agorismo era un concetto fondato su un contesto di alienazione politica come erano gli anni '60 e '70. Si attribuisce principalmente alla Scuola austriaca di economia ed economisti come Ludvig Von Mises come principali ispirazioni per le credenze economiche e la creazione dell'Agorismo in generale.

Konkin afferma che durante gli anni '70, in tale contesto di alienazione politica, il libertarismo ha preso vigore e si è diviso in due ali, i Rothbardiani, che hanno scelto di creare alleanze con movimenti corrispondenti (in alcuni casi), e il movimento paleoconservatore e la New Left, per influenzare le persone nel movimento libertario, che in seguito ha portato a miscele come i Paleolibertari e i Left-Rothbardiani; altresì Robert LeFevre e i suoi seguaci della West Coast, che sostenevano una "forma non partecipativa di disobbedienza civile".

Più tardi, secondo Konkin, questa seconda ala perse potere e svanì, e con la creazione del Partito Libertario la discussione libertario si polarizzava tra parti-archismo e l'agorismo come metodi proposti per realizzare la società ideale libertaria.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

Panarchia?! Che cos'è? Si mangia?

Nel suo articolo del 1860 "Panarchia" Paul-Emile De Puydt, che espresse anche il suo sostegno all'economia del laissez-faire, applicò il concetto al diritto dell'individuo di scegliere qualsiasi forma di governo senza essere costretto a spostarsi dal luogo in cui si trova attualmente. Questo è talvolta descritto come "extraterritoriale" (o "exterritoriale") poiché i governi spesso servirebbero appezzamenti di terreno non contigui.

Anarchia Intellettuale

Autarchia è indipendenza. Non ci si riferisce soltanto al suo significato strettamente materiale legato alla produzione ma alla sua valenza più ampia ed assoluta. In tal caso il concetto di autarchia giunge fino alle più intime profondità dell’essere coinvolgendo la totalità degli aspetti della sua esistenza.

D'altronde come potremmo mai chiamare quell’aspetto dell’individualismo assoluto che sfocia in autonomia di pensiero, sincerità intellettuale e retto filosofare?

In un contesto socio-politico in cui la maggioranza della moltitudine manca di coraggio e volontà di potenza, qual è l’ostacolo più grande alla realizzazione di una futura società aurea?

Mutonia, la micronazione Steampunk

La Mutoid Waste Company è un gruppo d'artisti e performer fondato da Joe Rush e Robin Cooke in collaborazione con Alan P Scott e Joshua Bowler a metà degli anni ottanta nella Car Breaker Gallery della Freston Road di Londra. La loro attività continuò poi negli anni '90 in Italia con il trasferimento a Santarcangelo di Romagna e la fondazione di Mutonia.

Hakim Bey, il sogno anarchico delle T.A.Z.

Questa volta però vengo come il Dioniso vittorioso, che trasformerà il mondo in una vacanza... Non che abbia molto tempo...Nietzsche (dalla sua ultima “folle” lettera a Cosima Wagner)

I corsari e i pirati dei mari del XVIII secolo crearono una “rete d'informazione” che si estendeva per l’intero globo: primitiva e primariamente rivolta a truci affari, la rete funzionava nondimeno ammirabilmente. Sparse attraverso la rete erano isole, remoti nascondigli dove le navi potevano venire rifornite d'acqua e cibo, il bottino scambiato per necessità e lussi. Alcune di queste isole sostenevano “comunità intenzionali”, intere mini-società che vivevano coscientemente al di là della Legge e decise a rimanerci, anche se solo per breve ma felice esistenza.

Là dove finisce lo Stato, comincia l'uomo che non è superfluo

Si chiama Stato il più gelido di tutti i mostri. Esso è gelido anche quando mente; e questa menzogna gli striscia fuori di bocca: "Io, lo Stato, sono il popolo".

È una menzogna! Creatori furono coloro che crearono i popoli e sopra di essi affissero una fede e un amore: così facendo servirono la vita.

Distruttori sono coloro che sistemano trappole per i molti e li chiamano Stato: su di essi affiggono una spada e cento cupidigie.

Dove ancora esiste, il popolo non capisce lo stato e lo odia come occhio malvagio e colpa contro i costumi e i diritti.

I comunitaristi libertari in Ucraina

Con i gruppi politici marginali che hanno guadagnato slancio durante la Rivoluzione Euromaidan nel 2013, molta attenzione degli studiosi è stata data agli attori della destra radicale mentre le dinamiche della cosiddetta "Nuova sinistra radicale" sono state ignorate.

In passato la Nuova Sinistra Radicale si è battuta per l'egemonia culturale; tuttavia, la loro influenza diminuì quando il movimento sviluppò gravi divisioni ideologiche dopo Euromaidan. Con una "Nuova Sinistra Radicale" ideologicamente divisa, un nuovo gruppo, i comunitaristi libertari, è entrato nell'arena politica ucraina con l'obiettivo di riappropriarsi dei concetti del nazionalismo ucraino e dell'idea di una lotta antimperialista contro la Russia che incarna l'ucraino contemporaneo.

Ambientalismo Senza Stato

Lo Stato e le sue istituzioni governative sono state dignitose nel mainstream ambientalista come forze palliative per affrontare e risolvere gli eccessi e i fallimenti del capitalismo e del neoliberismo verso una corretta gestione ambientale. Ma questo stato ambientale cade in evidenti contraddizioni rispetto al suo impegno formale con finalità ambientaliste. Inoltre, le istituzioni governative contribuiscono ad ampliare un atteggiamento nichilista nelle azioni ambientaliste della cittadinanza.

All'interno dei filoni ambientalisti dell'anarchismo, la questione dello Stato ha concentrato un'attenzione e una posizione rilevanti. Una prima critica verde si può trovare negli anarchici del diciannovesimo secolo, in cui lo Stato non ha spazio come forza violenta e centralizzata, in quanto corruttore della bontà della materia e della connessione riproduttiva e spirituale dell'uomo con la Natura.

L'Anarchismo Epistemologico di Feyerabend

La pista anarchica non è solo auspicabile in ambito politico, ma bensì anche nel campo dell’epistemologia.

Paul Feyerabend con il suo libro “Contro il Metodo” presenta la sua teoria anarchica della conoscenza, essa si fonda sul desiderio di accrescere la libertà, di condurre a una vita piena e gratificante, e il corrispondente tentativo di scoprire i segreti della natura e dell'uomo che comporta il rifiuto di ogni norma universale e di ogni tradizione rigida.

Rifiutandosi d’essere un osservatore di norme rigorose considera l’anarchismo "una eccellente medicina per l'epistemologia e per la filosofia della scienza".

Anarco-Perennialismo, oltre le strumentalizzazioni delle "destre"

Una delle caratteristiche principali di ogni anarchico, è avere questo forte senso di giusto e sbagliato, di essere fermamente impegnato in un insieme di valori, anche se quei valori sono l'opposto di quelli stabiliti dalla cultura prevalente.

I valori alternativi che sposiamo non sono emersi dal nulla, o da un seminario da salotto del 1888.

Sono nati da migliaia di anni di cultura umana. L'amore per la natura, l'avversione per l'egoismo, il materialismo, l'avidità, l'omicidio: sono tutti valori tradizionali che emergono nelle culture e nelle religioni di tutto il mondo.

Naturalmente, qui c'è un'apparente contraddizione, poiché il pensiero convenzionale tende ad affermare che i "valori tradizionali" sono qualcosa di conservatore o di destra.

Ma questa è solo una facciata, progettata per ingannare.

Donatella Di Cesare - Decostruire l'Anarchia

Il testo seguente è stato consegnato per la prima volta come discorso durante Anarchē, una conferenza di due giorni curata dall'Istituto per l'indagine culturale a Berlino. Qui la filosofa italiana Donatella Di Cesare esplora la possibilità di liberare l'ontologia anarchica nascosta nella tradizione anarchica.

Libertà o Uguaglianza?

Si oppose alla Rivoluzione francese, al comunismo e al nazismo. Descrivendosi come un "arci-liberale conservatore" o "estremamente liberale", Kuehnelt-Leddihn ha spesso sostenuto che il governo della maggioranza nelle democrazie è una minaccia alle libertà individuali e si è dichiarato monarchico e nemico di tutte le forme di totalitarismo, sebbene sostenesse anche quelle che definiva "repubbliche non democratiche", come la Svizzera e i primi Stati Uniti.

L'Uomo Autarchico

Può sembrare difficile da credere, ma c'è stato un tempo in cui la gente comune ha avuto un maggiore controllo sulla propria vita e ha abitato un mondo in cui la stragrande maggioranza degli individui era in grado di vivere in comunità solidali con i loro simili dove perseguire un'esistenza rurale lontano dal rumore dei centri commerciali; coltivare il cibo per il proprio consumo, parlare tra di loro e godere delle arti come la musica in una società senza televisione né videogiochi, una società centrata sulla trasmissione di valori tradizionali ai propri figli senza l'influenza nefasta delle scuole di regime e dei mass-media. Ma qualcosa è andato storto.

Proudhon e la sua Terza Posizione

Le idee di Proudhon non sono le nostre idee, non sono state nemmeno sempre sue. Hanno combattuto in lui e così spesso si sono distrutte a vicenda che la sua mente è definita il luogo d'incontro dei contraddittori. Avendo capito molto, questo grande oratore non è stato in grado di mettere tutto in ordine.

L'Anarco-Sindacalismo: Proudhon contro Marx

Mi ci sono voluti vari anni per leggere e comprendere le opere di Pierre Joseph Proudhon. Bakunin, Kropotkin, Malatesta e Goldman mi erano tutti familiari, quindi perché ero reticente sul "padre dell'anarchismo"? Alcuni di questi possono essere attribuiti all'influenza generale degli scritti di Marx sull'opinione pubblica. Marx ha fatto un lavoro di scure su Proudhon e marxisti come Hal Draper hanno preso citazioni fuori contesto o hanno tirato fuori dichiarazioni imbarazzanti che facevano sembrare Proudhon autoritario o proto-fascista.

Futurismo ed Anarchismo: origini di un movimento d'Avanguardia

Anarchismo e futurismo si incontrarono, si scontrarono, fecero un tratto di strada assieme, provocandosi e molestandosi, magari si persero anche, ma raccogliamo la loro storia litigiosa come ispirazione per la creazione di un futuro nuovo che vada oltre le etichette e i diktat di una società che ci vuole divisi.

L’individualismo assoluto quale mezzo di affrancamento dall’oppressione dualistica

Cos’è la morale? In breve rappresenta l’insieme di valori ed atteggiamenti utili alla vita comunitaria. Ma se la vita comunitaria si basa su una morale menzognera ed innaturale imposta attraverso il giogo di un sistema politico artefatto il cui fine è la sola sopravvivenza dello stato, non implica che ciò che viene pubblicamente esposto ed esaltato come “bene” sia realmente ed oggettivamente tale.

Anarco Monarchismo

Il concetto di anarco-monarchia può sembrare l'ultima contraddizione in termini a molti, ma per altri può suscitare solo un senso di paradosso. Al pittore surrealista Salvador Dalì è stato chiesto, durante un'intervista televisiva, di dare un termine definitivo per esprimere le sue opinioni politiche, a cui ha risposto che era un monarchico-anarchico - con grande confusione dell'intervistatore.

Unabomber: la società industriale e il suo futuro

Nel 1971, Theodore John Kaczynski, detto Ted, si trasferì in una cabina remota senza elettricità o acqua corrente vicino a Lincoln, nel Montana, dove visse da recluso mentre imparava le abilità di sopravvivenza per diventare autosufficiente. Ha assistito alla distruzione della natura selvaggia che circondava la sua capanna e ha concluso che vivere nella natura stava diventando impossibile, decidendo di combattere l'industrializzazione e la sua distruzione della natura.

Libera città di Christiania

Christiania è una micronazione e comunità intenzionale di circa 1.000 residenti, che copre 7,7 ettari (19 acri) nel distretto di Christianshavn nella capitale danese di Copenaghen. Christiania è stata fonte di controversie sin dalla sua creazione in un'area militare occupata nel 1971. Il suo commercio di cannabis è stato tollerato dalle autorità fino al 2004. Da allora, le relazioni tra Christiania e le autorità danesi sono state tese. Dall'inizio degli anni 2010, la situazione è stata in qualche modo semi-normalizzata.

Buddismo Anarchico

L'anarco-buddismo è radicato in tre verità fondamentali dell'universo, i sigilli del dharma:

  1. Tutto è in un costante stato di cambiamento, niente è permanente.
  2. Quella "sofferenza" esiste ovunque nel Samsara.
  3. Che tutto è privo di un "sé".

Quindi, non ci può essere uno "Stato perfetto" nel Samsara. Qualsiasi istituzione creata dall'uomo è impermanente oltre che imperfetta, poiché le persone e il mondo cambiano costantemente.

Inoltre, nessuna ricchezza materiale o potere politico garantirà alle persone una felicità permanente: la soddisfazione non illuminata è un'illusione che perpetua solo il Samsara.

La libertà individuale, sebbene sia un obiettivo degno per gli anarchici, è tuttavia incompleta, nella misura in cui preclude la nostra comune umanità, poiché non c'è, in definitiva, nessun "sé" che sia intrinsecamente distinto dal resto dell'universo.