Pensavo davvero che un interesse per l'anarchia mi avrebbe circondato di persone dalla mentalità aperta. È stato così strano che molti non si siano nemmeno cimentati con il materiale di cui sono così critici. Forse questa è una cosa americana anti-intellettuale, e forse è un residuo del paternalismo marxista. Questo tipo di arroganza è ciò che allontana le persone dagli anarchici in generale. Questa necessità di avere ragione è una nozione religiosa totalmente puritana.

Mi sbalordisce che così tante persone apparentemente intelligenti siano incapaci di immaginare un mondo senza società di massa e conformismo di massa (delle idee in particolare). Le persone sono diverse, e la formazione di gruppi sociali è meglio lasciarla alla scelta e all'affinità individuali piuttosto che al dogma, alla tradizione e al moralismo imposto (con qualsiasi nome). Mi sembra ovvio che l'anarchismo sia una rottura con la società di massa. Ma tanti anarchici non vedono all'opera le forze manageriali che vogliono un'utopia anarchica perfettamente gestita.

La politica in questo momento è incapace di risolvere i problemi del mondo. Il motivo è che la politica è una logica ristretta di guerra. È un teatro che finisce per definire tanti con il ruolo di militanti professionisti. Gli esseri umani sono semplicemente molto più interessanti e dinamici dei ruoli e delle categorie usati per definirli (e a volte si auto limitano felicemente).

Cos'è una vita degna di essere vissuta?

È iniziare dall'interno in modo non dualistico e spostarsi verso l'esterno per riconnettersi spiritualmente a una rivalutazione a lungo termine delle relazioni con lo spazio di vita comune che genera tutte le forme di vita e la dinamica in continua evoluzione in cui siamo tutti situazionalmente inclusi.

Sulla base di questo è entusiasmante connettersi e giocare pericolosamente in combutta creando nuovi modelli di società rigenerativi.

Non credo che ci sia una cosa contro cui possiamo combattere e vincere. Alcuni percorsi futuri potrebbero invece trovarsi a rendere inutili i vecchi modelli e non più necessari. La militanza e le vecchie strutture politiche non consentono una visione così olistica di una vita piena.

Questo argomento riguarda anche il modo in cui interagisci con persone e idee non anarchiche.

La maggior parte delle persone, anche le persone che amiamo e di cui ci prendiamo cura, non sono d'accordo con noi, e le relazioni con persone che non sono anarchiche sono inevitabili in questo mondo.

La mia domanda perciò include: qual è il tuo prossimo passo da quella premessa? Cosa significa cercare alleati in un mondo generalmente ostile a noi? Quanto è largo il cerchio, dove e come tracciare la linea e cosa significa questo impegno? Cosa succede nel futuro anarchico quando qualcuno non vuole vivere nella tua utopia anarchica? Li metti in fila contro un muro per voler vivere in modo diverso? Non credo che molti anarchici pensino davvero così in avanti perché penso che sia ancora una fantasia per loro. Mi fa anche chiedere come interagiscono giorno per giorno con persone con opinioni molto diverse. Si limitano a tirar su nei loro collettivi a cagare sui normali e occasionalmente strisciano fuori per lamentarsi di qualcuno che sembra essere un nazista?

Da quando ho realizzato che l'attivismo e la propaganda di sinistra o di destra sono essenzialmente inutili per qualsiasi tipo di cambiamento a cui sono interessato, ho rifiutato qualsiasi approccio che si basa sulla società di massa e che la perpetua. Le Libere Comunità mi sono sempre sembrate l'unica opzione praticabile per qualsiasi mondo a cui sono interessato.

Nel gergo della libertà, secessione significa semplicemente l'atto umano di recidere i legami politici a cui si è aderito. Invece di litigare per le chiavi del regno, come avviene in una democrazia di massa centralizzata, i secessionisti dicono semplicemente: "Non vogliamo un re. Preferiamo gestire le nostre vite attraverso una governance su scala ridotta e più localizzata."

Ma in realtà, l'analogia del "re" non funziona nel criticare lo stato moderno. Persino il re medievale non aveva potere sovrano sugli individui nel suo territorio nel modo in cui l'impero esercita oggi il suo potere incontrollato.

Doveva condividere quel potere con un certo numero di autorità sociali indipendenti, come la nobiltà, i principati e la chiesa, da cui il re doveva ottenere il consenso per governare nel suo regno. Nemmeno una monarchia assoluta nel 17° secolo potrebbe imporre un'imposta sul reddito, o creare un debito pubblico, o ordinare la coscrizione universale delle truppe.

Ho accettato da tempo la realtà che tutti non - e non lo faranno mai - pensano allo stesso modo, vogliono le stesse cose, scelgono lo stesso modo di vivere e relazionarsi. Più specificamente, c'è un numero straordinariamente piccolo di individui che condividono la mia prospettiva e i miei desideri di vita. Sto bene con quello. Non ho alcun desiderio di costringere o costringere in altro modo gli altri a pensare/vivere come faccio io. E di sicuro non lascerò che altri me lo facciano, nella misura in cui sono capace.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Feudalesimo e Anarchia

Il concetto storico di feudalesimo non è esente da controversie. Molti studiosi moderni mettono in dubbio sia l'utilità che l'accuratezza del termine. Ciò è in parte dovuto al fatto che i sistemi feudali nelle diverse aree avevano strutture sociali e politiche divergenti, e quindi non rientrano perfettamente nella stessa categoria. Ma nonostante i molti modi in cui il feudalesimo variava da una località all'altra, alcune caratteristiche del termine sono abbastanza coerenti da meritarne l'uso, specialmente con qualche precisazione.

Errico Malatesta - Contro la Dittatura del Proletariato (30 Luglio 1919)

Il testo che qui si riproduce è la lettera che Errico Malatesta scrisse da Londra a Luigi Fabbri in merito al tema della dittatura del proletariato che agitava il movimento operaio e rivoluzionario a seguito della Rivoluzione Russa. Con una certa cautela per una possibile evoluzione in senso libertario della Rivoluzione, ma anche con estrema chiarezza per quanto riguarda la realtà corrente, Malatesta chiarisce che la cosiddetta dittatura del proletariato altro non è che la dittatura del partito sulle masse popolari.

Ted Kaczynski dal carcere sull'Ecofascismo: "un ramo aberrante della sinistra"

A smentire i luoghi comuni e l'etichetta di ecofascista sul noto ecoterrorista e scrittore Ted Kaczynski, detto "Unabomber" e sui movimenti di ecologia radicale, ci pensa lui stesso dal carcere, in una nota manoscritta datata 29 settembre 2020, scansioni recuperate il 10 febbraio 2022.

📃 Segue traduzione in lingua italiana del documento originale.

Cripto-Anarchismo

Il criptoanarchismo - o criptoanarchia - è la realizzazione nel cyberspazio di una forma di anarchia mediante l'uso della crittografia. Assicurando la riservatezza, l'autenticità e l'integrità delle loro comunicazioni, il software crittografico offre agli individui una totale libertà di scambio garantendo il loro anonimato e il rispetto della loro vita privata.

La Rivoluzione di Kropotkin

Pëtr Kropotkin è stato un rivoluzionario anarchico russo (possiamo considerarlo uno dei "padri fondatori" dell'anarchismo), ma anche uno scienziato e un filosofo. Il suo è però un pensiero poco conosciuto, pur essendo ricco e fecondo. La sua vita e la sua collocazione politica hanno probabilmente contribuito a metterlo in ombra, al punto che è praticamente ignorata anche la sua intensa opera geografica (a Kropotkin dobbiamo l'esatta conoscenza dell'orografia asiatica e delle varie fasi dell'era glaciale in Europa; compì infatti diverse esplorazioni nella prima parte della sua vita) così come il suo notevole contributo all'antropologia e all'etologia.

Mutualismo Economico

Il mutualismo, chiamato anche proudhonismo o anarco-mutualismo (AnMut), è un'ideologia economicamente di sinistra (ma pro-mercato), anarchica e culturalmente variabile basata principalmente sugli scritti di Pierre-Joseph Proudhon.

Inoltre, è fortemente a favore della libertà individuale e può essere visto come l'ideologia unificante tra le scuole di pensiero anarchico sociale, individualista e di mercato, ed è stato molto influente nello sviluppo di altre ideologie anarchiche successive.

Il colore arancione rappresenta il suo voler essere una terza via tra il marxismo (rosso) e il capitalismo (giallo), mutuando libertà individuale e collettivismo.

Aurora Selvaggia: Oltre il Pallore

La civiltà è la conquista 'più alta' dell'uomo. Eppure, in tutta la sua grandezza soprannaturale, è piuttosto perversa, un disorientamento spiccatamente umano.

Cosa si intende qui per 'civiltà'? Si intende un amalgama di tutte le cose nobili: moralità, altruismo, fedeltà, pietà, duro lavoro, amore incondizionato, purezza, 'progresso', ecc.

Cosa significa: sacrificio di sé, sublimazione degli istinti animali, rinuncia alla volontà, rinuncia alla libertà.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

"Il marxismo è alieno alla mia cultura quanto il capitalismo": Nativi Americani e Rivoluzione

Il seguente discorso fu tenuto da Russell Means nel luglio del 1980 davanti a migliaia di persone di tutto il mondo che si erano radunate per il "Black Hills International Survival Gathering", sulle Black Hills, nel Dakota del Sud, negli Stati Uniti. È il discorso più famoso di Russell Means. Membro della tribù Oglala Lakola, probabilmente è stata la personalità più conosciuta dell’American Indian Movement degli USA, fondato nel 1973 con l’occupazione di Wounded Knee. Means è stato anche attore, carriera che iniziò con il ruolo di Chingachgook nel film "L’ultimo dei Mohicani", autore e filosofo. È deceduto il 22 ottobre del 2012 a 72 anni.

Gli scritti di Bakunin contro Marx

Bakunin tira fuori le sue armi migliori, finalmente, per attaccare Marx e il gruppo di potere che si era insediato nell’Internazionale. In queste pagine è finito il tempo delle illusioni e delle collaborazioni, le critiche sono chiare e dirette.

Una volta aveva detto che bisognava separare le grandi capacità analitiche di Marx, la sua preparazione filosofica ed economica, la quale poteva essere utilizzata anche dagli anarchici (invero in questo campo endemicamente carenti) e per il resto lo si poteva mettere tra parentesi. Adesso affronta le trame intestine, le calunnie, le chiacchiere di corridoio, i soppesamenti dietro le quinte, le correnti di potere, le meschinerie personali, e tutto quel bagaglio che in una parola si potrebbe definire come “politica”.

Anarco Monarchismo

Il concetto di anarco-monarchia può sembrare l'ultima contraddizione in termini a molti, ma per altri può suscitare solo un senso di paradosso. Al pittore surrealista Salvador Dalì è stato chiesto, durante un'intervista televisiva, di dare un termine definitivo per esprimere le sue opinioni politiche, a cui ha risposto che era un monarchico-anarchico - con grande confusione dell'intervistatore.

L'Anarco-Sindacalismo: Proudhon contro Marx

Mi ci sono voluti vari anni per leggere e comprendere le opere di Pierre Joseph Proudhon. Bakunin, Kropotkin, Malatesta e Goldman mi erano tutti familiari, quindi perché ero reticente sul "padre dell'anarchismo"? Alcuni di questi possono essere attribuiti all'influenza generale degli scritti di Marx sull'opinione pubblica. Marx ha fatto un lavoro di scure su Proudhon e marxisti come Hal Draper hanno preso citazioni fuori contesto o hanno tirato fuori dichiarazioni imbarazzanti che facevano sembrare Proudhon autoritario o proto-fascista.

Anarchia o "Anarchismo"?

Una qualificazione che riteniamo importante per cominciare è la distinzione tra "anarchia" e "anarchismo".

Alcuni la rigetteranno in quanto meramente semantica o banale, ma per la maggior parte degli anarchici post-sinistra e anti-civiltà, questa differenziazione è importante.

Sebbene l'anarchismo possa fungere da importante punto di riferimento storico da cui trarre ispirazione e lezioni, è diventato troppo sistematico, fisso e ideologico... tutto ciò che l'anarchia non lo è.

La Carcassa in Decomposizione dietro lo Spauracchio Verde

Come l'anarchia verde è diventata la posizione più controversa

L'anarchia verde, indipendentemente dalla propaggine, è una filosofia, una critica e un modo di vivere che enfatizza i principi anarchici più pronunciati. Gli anarchici verdi sono pronti e disposti a smantellare tutte le strutture di dominio, a partire da un'analisi radicata dell'ecologia, il che significa la relazione tra tutti gli esseri viventi e l'ambiente fisico da cui tutti dipendiamo per sopravvivere.

Esamineremo le origini e la graduale evoluzione dell'anarchia verde, esploreremo come queste idee vengono percepite dalle persone che guardano dall'esterno e cercheremo di capire perché l'anarchia verde è così detestata da un contingente di teorici di sinistra che, sempre più, ci hanno calunniato come "eco-fascisti".

🎥 Liberi Dalla Civiltà

Spunti per una critica radicale ai fondamenti della civilizzazione: dominio, cultura, paura, economia, tecnologia

È possibile vivere in un mondo senza dominio, senza sfruttamento, senza inquinamento e mercificazione? Per almeno due milioni di anni i nostri antenati primitivi hanno vissuto così, ed è solo con la comparsa dell'agricoltura che l'esistenza ha preso la via di una distruttività sempre più accelerata e dilagante.

Libertà o Uguaglianza?

Si oppose alla Rivoluzione francese, al comunismo e al nazismo. Descrivendosi come un "arci-liberale conservatore" o "estremamente liberale", Kuehnelt-Leddihn ha spesso sostenuto che il governo della maggioranza nelle democrazie è una minaccia alle libertà individuali e si è dichiarato monarchico e nemico di tutte le forme di totalitarismo, sebbene sostenesse anche quelle che definiva "repubbliche non democratiche", come la Svizzera e i primi Stati Uniti.

Clarence Lee Swartz, "La praticabilità del Mutualismo" (1926)

Il mutualismo è applicabile a tutte le relazioni umane. In tutta la gamma dell'esistenza, dalla nascita alla morte, la mutualità — associazione volontaria per l'azione reciproca — è dovunque e in ogni momento in attesa di risolvere ogni problema dei rapporti sociali, di decidere ogni questione che si pone nel commercio e nell'industria. Per praticare il mutualismo è necessario nominare solo due condizioni: che l'individuo non invadente non sia costretto, e che nessuna parte del prodotto del lavoro di nessuno gli sarà tolta senza il suo consenso. Con quelle generalizzazioni negative così postulate, affermando così la sovranità dell'individuo, ne deriva naturalmente il corollario positivo e costruttivo: la reciprocità; che implica iniziativa individuale, libero contratto e associazione di volontariato.

🔈 Intervista ad Alessandro Marzo Magno

Il portale libertario è lieto di comunicare una speciale Intervista ad Alessandro Marzo Magno, scrittore, storico e giornalista, presso la Villa Aganoor Pompilj, Lago Trasimeno (Umbria).

Anteprima del libro in uscita per il trecentesimo anno dalla nascita di Giacomo Casanova.

Donatella Di Cesare - Decostruire l'Anarchia

Il testo seguente è stato consegnato per la prima volta come discorso durante Anarchē, una conferenza di due giorni curata dall'Istituto per l'indagine culturale a Berlino. Qui la filosofa italiana Donatella Di Cesare esplora la possibilità di liberare l'ontologia anarchica nascosta nella tradizione anarchica.

L'Anarchia delle Frontiere

Storicamente le frontiere non erano una festa d'amore capitalista. Molte comunità erano piuttosto vicine al mutualismo. Ad esempio, in Siberia in quasi tutti gli insediamenti c'era una banca comune (магазея, magazeya), la pelliccia e altre risorse venivano vendute al valore del lavoro svolto. Un sistema simile esisteva negli insediamenti dell'Australia, delle Americhe, ecc.