L'etnobotanica è lo studio delle piante di una regione e dei loro usi pratici attraverso la conoscenza tradizionale di una cultura e di un popolo locali. Un etnobotanico si sforza quindi di documentare le usanze locali che coinvolgono gli usi pratici della flora locale per molti aspetti della vita, come le piante come medicinali, alimenti, sostanze intossicanti e vestiti.

Richard Evans Schultes, spesso indicato come il "padre dell'etnobotanica", spiegava la disciplina in questo modo:

Etnobotanica significa semplicemente... indagare sulle piante utilizzate dalle società in varie parti del mondo.

Dai tempi di Schultes, il campo dell'etnobotanica è passato dalla semplice acquisizione di conoscenze etnobotaniche a quella di applicarle a una società moderna, principalmente sotto forma di prodotti farmaceutici. I diritti di proprietà intellettuale e gli accordi di condivisione dei benefici sono questioni importanti nell'etnobotanica.

Storia

Le piante sono state ampiamente utilizzate dai guaritori nativi americani.

L'idea di etnobotanica fu proposta per la prima volta dal botanico dell'inizio del XX secolo John William Harshberger. Mentre Harshberger svolse ampiamente ricerche etnobotaniche, anche in aree come il Nord Africa, il Messico, la Scandinavia e la Pennsylvania, fu solo quando Richard Evans Schultes iniziò i suoi viaggi in Amazzonia che l'etnobotanica divenne una scienza più nota. Tuttavia, si pensa che la pratica dell'etnobotanica abbia origini molto più antiche nel I secolo d.C. quando un medico greco di nome Pedanius Dioscoridesscrisse un ampio testo botanico che descriveva in dettaglio le proprietà mediche e culinarie di "oltre 600 piante mediterranee" chiamato De Materia Medica. Gli storici notano che Dioscoride scrisse di viaggiare spesso in tutto l'impero romano, comprese regioni come "Grecia, Creta, Egitto e Petra", e così facendo ottenne una conoscenza sostanziale delle piante locali e delle loro proprietà utili. La conoscenza botanica europea si espanse drasticamente una volta scoperto il Nuovo Mondo a causa dell'etnobotanica. Questa espansione della conoscenza può essere principalmente attribuita al notevole afflusso di nuove piante dalle Americhe, comprese colture come patate, arachidi, avocado e pomodori. L'esploratore francese Jacques Cartier apprese una cura per lo scorbuto (un tè ricavato dagli aghi di una conifera, probabilmente abete rosso) da una tribù locale di Irochesi.

Medioevo e Rinascimento

Durante il periodo medievale, sono stati trovati comunemente studi etnobotanici collegati al monachesimo. Notevole in questo momento era Hildegard von Bingen. Tuttavia, la maggior parte delle conoscenze botaniche era conservata in giardini come i giardini fisici annessi agli ospedali e agli edifici religiosi. È stato pensato in termini di uso pratico per scopi culinari e medici e l'elemento etnografico non è stato studiato come un moderno antropologo potrebbe avvicinarsi all'etnobotanica oggi.

Età della ragione

Nel 1732 Carlo Linneo condusse una spedizione di ricerca in Scandinavia chiedendo al popolo Sami il loro uso etnologico delle piante.

L'età dell'Illuminismo ha visto un aumento dell'esplorazione botanica economica. Alexander von Humboldt raccolse dati dal Nuovo Mondo ei viaggi di James Cook riportarono raccolte e informazioni sulle piante del Sud Pacifico. In questo periodo furono avviati importanti giardini botanici, ad esempio i Royal Botanic Gardens, Kew nel 1759. I direttori dei giardini inviarono esploratori giardinieri-botanici per prendersi cura e raccogliere piante da aggiungere alle loro collezioni.

Quando il XVIII secolo divenne il XIX secolo, l'etnobotanica vide spedizioni intraprese con più obiettivi coloniali piuttosto che economia commerciale come quella di Lewis e Clarke che registrava sia le piante che i popoli che ne incontrarono l'uso. Edward Palmer raccolse manufatti di cultura materiale ed esemplari botanici da persone nel Nord America occidentale (Great Basin) e in Messico dal 1860 al 1890. Attraverso tutte queste ricerche, è stato stabilito il campo della "botanica aborigena", lo studio di tutte le forme del mondo vegetale che le popolazioni aborigene usano per il cibo, la medicina, i tessuti, gli ornamenti e altro ancora.

Sviluppo e applicazione nella scienza moderna

Il primo individuo a studiare la prospettiva emica del mondo vegetale fu un medico tedesco che lavorava a Sarajevo alla fine del XIX secolo: Leopold Glück. Il suo lavoro pubblicato sugli usi medici tradizionali delle piante svolto dalle popolazioni rurali in Bosnia (1896) deve essere considerato il primo lavoro etnobotanico moderno.

Altri studiosi hanno analizzato gli usi delle piante in una prospettiva indigena/locale nel XX secolo: Matilda Coxe Stevenson, Zuni plant (1915); Frank Cushing, cibi Zuni (1920); Keewaydinoquay Peschel, funghi Anishinaabe (1998), e l'approccio di squadra di Wilfred Robbins, John Peabody Harrington e Barbara Freire-Marreco, piante di Tewa pueblo (1916).

All'inizio, i campioni e gli studi etonobotanici non erano molto affidabili e talvolta non erano utili. Questo perché i botanici e gli antropologi non sempre hanno collaborato al loro lavoro. I botanici si sono concentrati sull'identificazione delle specie e sul modo in cui le piante sono state utilizzate invece di concentrarsi su come le piante si adattano alla vita delle persone. Gli antropologi, invece, si interessavano al ruolo culturale delle piante e trattavano superficialmente altri aspetti scientifici. All'inizio del XX secolo, botanici e antropologi collaborarono meglio e iniziò la raccolta di dati interdisciplinari affidabili e dettagliati.

A partire dal XX secolo, il campo dell'etnobotanica ha sperimentato uno spostamento dalla raccolta grezza dei dati a un maggiore riorientamento metodologico e concettuale. Questo è anche l'inizio dell'etnobotanica accademica. Il cosiddetto "padre" di questa disciplina è Richard Evans Schultes, anche se in realtà non ha coniato il termine "etnobotanica". Oggi il campo dell'etnobotanica richiede una varietà di competenze: formazione botanica per l'identificazione e la conservazione di esemplari vegetali; formazione antropologica per comprendere i concetti culturali intorno alla percezione delle piante; formazione linguistica, almeno sufficiente per trascrivere termini locali e comprendere la morfologia, la sintassi e la semantica nativi.

Mark Plotkin, che ha studiato all'Università di Harvard, alla Yale School of Forestry e alla Tufts University, ha contribuito con una serie di libri sull'etnobotanica. Completò un manuale per il popolo Tirio del Suriname che descriveva in dettaglio le loro piante medicinali; Racconti di un apprendista sciamano (1994); L'apprendista sciamano, un libro per bambini con Lynne Cherry (1998); e Medicine Quest: Alla ricerca dei segreti di guarigione della natura (2000).

Plotkin è stato intervistato nel 1998 dalla rivista South American Explorer, subito dopo l'uscita di Tales of a Shaman's Apprentice e del film IMAX Amazonia. Nel libro, ha affermato di aver visto la saggezza in entrambe le forme di medicina tradizionale e occidentale:

Nessun sistema medico ha tutte le risposte: nessuno sciamano con cui ho lavorato ha l'equivalente di un vaccino contro la poliomielite e nessun dermatologo da cui sono stato potrebbe curare un'infezione fungina in modo efficace (ed economico) come alcuni dei miei mentori amazzonici. Non dovrebbe essere il dottore contro lo stregone. Dovrebbero essere gli aspetti migliori di tutti i sistemi medici (ayurvedici, erboristici, omeopatici e così via) combinati in un modo che renda l'assistenza sanitaria più efficace e più accessibile a tutti.

Una grande quantità di informazioni sugli usi tradizionali delle piante è ancora intatta presso i popoli tribali. Ma i guaritori nativi sono spesso riluttanti a condividere accuratamente le loro conoscenze con gli estranei. Schultes in realtà si è fatto apprendista presso uno sciamano amazzonico, il che implica un impegno a lungo termine e una relazione genuina. In Wind in the Blood: Mayan Healing & Chinese Medicine di Garcia et al. gli agopuntori in visita sono stati in grado di accedere a livelli di medicina Maya che gli antropologi non potevano perché avevano qualcosa da condividere in cambio. Il sacerdote di medicina Cherokee David Winston descrive come suo zio avrebbe inventato sciocchezze per soddisfare gli antropologi in visita.

Un altro studioso, James W. Herrick, che ha studiato con l'etnologo William N. Fenton, nel suo lavoro Iroquois Medical Ethnobotany (1995) con Dean R. Snow (editore), professore di antropologia alla Penn State, spiega che la comprensione delle medicine erboristiche nella tradizione irochese culture è radicata in un forte e antico sistema di credenze cosmologiche. Il loro lavoro fornisce percezioni e concezioni di malattie e squilibri che possono manifestarsi in forme fisiche da malattie benigne a malattie gravi. Include anche un'ampia raccolta del lavoro sul campo di Herrick da numerose autorità irochesi di oltre 450 nomi, usi e preparazioni di piante per vari disturbi. I praticanti irochesi tradizionali avevano (e hanno) una prospettiva sofisticata sul mondo vegetale che contrasta in modo sorprendente con quella della moderna scienza medica.

La ricercatrice Cassandra Quave della Emory University ha utilizzato l'etnobotanica per affrontare i problemi che derivano dalla resistenza agli antibiotici. Quave osserva che il vantaggio dell'etnobotanica medica rispetto alla medicina occidentale risiede nella differenza di meccanismo. Ad esempio, l'estratto di more di olmo si concentra invece sulla prevenzione della collaborazione batterica invece di sterminarli direttamente.

Botanica per Tutti (documentario)

Il progetto Prospettive Vegetali ideato da Giacomo Castagna, ha pubblicato nel 2020 il documentario "Botanica per Tutti", un viaggio tra le persone capaci di raccontare l’importanza della Botanica nel nostro paese. È visionabile gratuitamente al link Botanica Per Tutti - Viaggio tra uomini, donne e piante.

Contadini, vivaisti, scienziati, artisti, poeti. Più di 260 interviste realizzate con un cellulare, raccolte viaggiando per due anni in tutta Italia con 8 domande sul taccuino.

Questo documentario è l’ABC per approcciare l'etnobotanica, una materia che si lega alla psiche umana, alla genetica, alle tradizioni ed all’empatia con il mondo vegetale.

Un documentario che vuole essere un manifesto in costante aggiornamento. Una fonte, per ispirare futuri progetti, volti a favorire processi di interazione tra Uomo e Vegetali.

Problemi

Molti casi di pregiudizio di genere si sono verificati riguardo l'etnobotanica, creando il rischio di trarre conclusioni errate. Gli antropologi si consultavano spesso principalmente con uomini. A Las Pavas, una piccola comunità agricola a Panama, gli antropologi hanno tratto conclusioni sull'uso delle piante da parte dell'intera comunità dalle loro conversazioni e lezioni con la maggior parte degli uomini. Hanno consultato 40 famiglie, ma le donne hanno partecipato solo raramente alle interviste e non si sono mai unite a loro sul campo. A causa della divisione del lavoro, la conoscenza delle piante selvatiche per il cibo, la medicina e le fibre, tra le altre, è stata esclusa dal quadro, risultando in una visione distorta di quali piante fossero effettivamente importanti per loro.

Gli etnobotanici hanno anche ipotizzato che la proprietà di una risorsa significhi familiarità con quella risorsa. In alcune società le donne sono escluse dal possesso della terra, pur essendo quelle che la lavorano. Dati imprecisi possono provenire da interviste solo ai proprietari.

Altre questioni includono preoccupazioni etiche relative alle interazioni con le popolazioni indigene e la Società internazionale di etnobiologia ha creato un codice etico per guidare i ricercatori.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Contea Ecologica di Ca' Pallai

Non permettendo a nessun essere umano di accedere nella sua madrepatria, nel 2022 il governo del Flandrensis ha stabilito i "Territori d'Oltremare", consentendo ai cittadini di far riconoscere il loro territorio come contea ecologica, provincia, dipendenza della corona o colonia del Flandrensis.

L'obiettivo della Contea Ecologica di Ca' Pallai è quello di creare un pezzo di terra dove sia possibile vivere a stretto e rispettoso contatto con madre natura, organizzare eventi per promuovere modi di vivere ecologici.

🎥 Botanica Per Tutti - Viaggio tra uomini, donne e piante

Questo documentario è l’ABC per approcciare l'Etnobotanica, una materia che si lega alla psiche umana, alla genetica, alle tradizioni ed all’empatia con il mondo vegetale. Sì tratta del primo frutto del progetto PROSPETTIVE VEGETALI. Un viaggio tra le persone capaci di raccontare l’importanza della Botanica nel nostro paese. Contadini, vivaisti, scienziati, artisti, poeti. Più di 260 interviste realizzate con un cellulare, raccolte viaggiando per due anni in tutta Italia con 8 domande sul taccuino.

Un documentario che vuole essere un manifesto in costante aggiornamento. Una fonte, per ispirare futuri progetti, volti a favorire processi di interazione tra Uomo e Vegetali.

John Zerzan, pioniere dell'Anarco Primitivismo

Le opere di John Zerzan criticano la civiltà agricola come intrinsecamente opprimente e sostengono il ricorso ai modi di vita dei cacciatori-raccoglitori come ispirazione per come dovrebbe essere una società libera. Gli argomenti della sua critica includono l'addomesticamento, il linguaggio, il pensiero simbolico (come la matematica e arte) e il concetto di tempo.

🎥 Il Ducato del Bardo: Marco Zagni intervista Piercarlo Bormida

Marco Zagni intervista in esclusiva Piercarlo Bormida, fondatore della micronazione intenzionale del Bardo nella roccaforte del Ducato piemontese.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Otto Strasser: il peggior nemico di Hitler

Nel luglio del 1930, Adolf Hitler descriveva Otto Strasser come un ebreo intellettuale marxista e incapace di qualsiasi organizzazione. Strasser riteneva invece che l'originale natura anticapitalista del NSDAP fosse stata tradita da Adolf Hitler. Da quel momento Strasser decise di abbandonare lo NSDAP assieme ad altri 25 membri, annunciando che "i socialisti lasciano lo NSDAP". Da qui la nascita di un partigiano movimento di resistenza anti-hitleriano.

Flandrensis: nuove radici a Cognento (report)

Nella giornata di domenica 27 marzo 2022, i cavalieri del Consolato Estense del Gran Ducato di Flandrensis si sono riuniti a Cognento, frazione di Modena, per mettere a dimora dei nuovi alberi in un parchetto cittadino al bordo dell'autostrada e per passare un pomeriggio a contatto con la cittadinanza.

Ken Saro-Wiwa non è morto invano

Con ogni mezzo non violento Ken Saro-Wiwa: con la forza delle parole, della letteratura, della socialità, della buona politica, dell’amministrazione etica e trasparente, del coinvolgimento popolare, della sensibilità, del “coraggio civile”. In una battaglia in cui rispetto della dignità umana e tutela ambientale sono sempre stati aspetti indivisibili, propedeutici l’uno all’altro.

Il Poeta è stato ucciso dalla sete capitalistica della Shell contro il popolo Ogoni in Nigeria.

🎥 Piantiamo una mimosa in occasione della Festa Della Donna 2022

L'8 Marzo 2022, alcuni sodali di Libere Comunità, si sono recati presso il Parco Della di Brusciano (NA) per piantare un albero di mimosa, in occasione della festa della Donna.

🎥 Il Medioevo: tra Realtà e Pregiudizio

Dalla Storiografia ufficiale e dagli insegnamenti scolastici tradizionali, il medioevo è stato da sempre pregiudicato come periodo buio ed oscuro. 

In questo video appuntamento discutiamo su cosa è stato veramente il Medioevo, lasciando i pregiudizi fuori dalla discussione e togliendoci anche qualche sassolino dalla scarpa su un periodo che, sebbene non raggiunga i fasti dell’epoca classica, ha segnato moltissimo i secoli successivi.

Quanto la realtà incontra il pregiudizio? Quanto davvero quello che ci hanno “tramandato” è reale?

Impero di Angyalistan, il paese dell'Orizzonte

L'Impero di Angyalistan è una micronazione fondata il 31 gennaio 1999, e la cui sovranità è stata proclamata il 7 ottobre 2000. Si estende all'orizzonte ed è quindi una nazione quantistica: in ogni momento, ogni punto della Terra è allo stesso tempo parte di un'infinità di linee di orizzonte e non di un'altra infinità di linee di orizzonte; il territorio dell'Impero è e non è allo stesso tempo, e l'Angyalistan ha su di sé una sovranità quantistica, chiamata “co-sovranità”. L'Impero rivendica dall'ottobre 2012 anche l'immondizia nelle acque internazionali (Nord e Sud Pacifico, Nord e Sud Atlantico, Oceano Indiano), con l'obiettivo di far scomparire questo territorio fisico e rendendolo l'unico "paese" al mondo che cerca la propria distruzione.

Eugenetica, l'abominevole ideologia dei progressisti americani

Le teorie eugenetiche sono state uno dei tratti più inquietanti delle politiche razziali della Germania nazionalsocialista. Per tale ragione, nel discorso pubblico esse vengono talvolta impropriamente associate in modo univoco alla cultura politica della destra estrema. In realtà, le origini dell’eugenetica emergono nell’alveo del progressismo americano d’inizio Novecento. (Giovanni Borgognone)

🎥 Filosofia del Black Metal

Il fenomeno del black metal da strettamente musicale si è evoluto nel tempo in un vero e proprio stile di vita, rendendo infine "codificata" una certa attitudine e definendo atteggiamenti comuni tra i suoi estimatori. Le colonne portanti sono sicuramente la misantropia e il nichilismo, considerabili fra i principi tematici alla base di questa espressione musicale. Alcuni musicisti black esprimono i loro disagi esistenziali e trattano il problema della solitudine con una visione negativa della realtà. Alcuni gruppi inoltre hanno cercato di evolvere le tradizionali tematiche del genere occupandosi di naturalismo e guerra. Altri ancora hanno cercato rifugio immedesimandosi nella tipica natura scandinava e nelle antiche tradizioni popolari.

Unabomber: la società industriale e il suo futuro

Nel 1971, Theodore John Kaczynski, detto Ted, si trasferì in una cabina remota senza elettricità o acqua corrente vicino a Lincoln, nel Montana, dove visse da recluso mentre imparava le abilità di sopravvivenza per diventare autosufficiente. Ha assistito alla distruzione della natura selvaggia che circondava la sua capanna e ha concluso che vivere nella natura stava diventando impossibile, decidendo di combattere l'industrializzazione e la sua distruzione della natura.

🎥 Donazione Piante al Parco Della Vita (Brusciano, NA)

In occasione della festa dell'Albero 2021, il rappresentante di Libere Comunità, Graziano in rappresentanza della nostra start up, della micronazione intenzionale del "Bardo" (lui è il reggente della Zona Autonoma di Urside, parte del progetto Archipelago de 'il Bardo') ha donato diversi fiori e piante al Parco Della Vita di Brusciano, in provincia di Napoli, anche per celebrare la futura intesa tra le organizzazioni.

Ca' Pallai - Giornata di Riforestazione Collettiva del Consolato Estense del Flandrensis

🇪🇬 Consolato Autonomo Estense del Gran Ducato di Flandrensis 🌲 Giornata di Riforestazione Collettiva di Ca' Pallai, 40 ciliegi messi a dimora in un'oasi protetta.

🐝 Creazione di Bug Hotel ecosostenibili in omaggio al recente rapporto diplomatico con il Principato d'Anthophilia, la Micronazione delle Api.

Una panoramica sul Bioregionalismo

Il bioregionalismo è un approccio etico, politico, ideologico, legato al territorio in cui si vive, considerato come un insieme omogeneo dal punto di vista morfologico e da quello degli esseri viventi.

Rappresenta in un certo senso "l'intersezione" tra diverse anime culturali del movimento ambientalista: quelle tradizionaliste, (in senso eminentemente folclorico-ambientalista) e quelle localiste. Lo studio delle bioregioni utilizza largamente la Teoria degli Insiemi elaborata da Georg Cantor.

Si tratta quindi di considerare un territorio geografico omogeneo in cui dovrebbero essere predominanti le regole dettate dalla natura e non le leggi che l'uomo avrebbe definito.

Antispecismo e Tradizione Spirituale

Ad un livello più profondo del pensiero antispecista ecocentrista vi è un tentativo di esautorazione dell’uomo dal centro del Creato, mentalità stabilitasi dopo millenni di storia attraverso il dominio materiale sulla natura, i miti occidentali greci, il mito giudaico-cristiano e che si concretizza in modo definitivo con la Modernità.

Pratiche come quella dell’astensione dai derivati animali in ogni forma, come nella scelta di una dieta vegana o nel boicottaggio di prodotti che usano animali nell’abbigliamento o in ambito farmacologico, nell’Occidente rappresentano una vera e propria rottura con la “tradizione” di tipo antropocentrista.

Nazionalismo ed Anarchismo sono davvero agli antipodi?

Prendendo spunto da un articolo in rete (leggilo qui https://www.nihilist.li/2018/01/07/historical-tradition-anarchism-nationalism/)  sulla militanza di diversi anarchici nelle organizzazioni Organisation of Ukrainian Nationalists e Ukrainian Insurgent Army (OUN, UPA) e sui legami di anarchici e nazionalisti, abbiamo deciso di scrivere un articolo scottante quanto interessante. 

Il nazionalismo e l'anarchismo possono essere compatibili? Sono davvero agli antipodi? Queste sono domande scottanti, sulle quali abbiamo meditato a lungo. Molti anarchici direbbero di no, come molti nazionalisti direbbero di no.

La risposta reale è: dipende.

Cieli Caduti, è Tempo di Baciare di Nuovo la Terra

"Il cataclisma è avvenuto, siamo tra le rovine, iniziamo a costruire nuovi piccoli habitat, ad avere nuove piccole speranze. È un lavoro piuttosto duro: adesso non c'è una strada agevole verso il futuro: ma si gira intorno, o si scavalca gli ostacoli. Dobbiamo vivere, non importa quanti cieli siano caduti."

– DH Lawrence

Che cos'è comunque la civiltà? Definire questo termine sembra sempre uno dei maggiori ostacoli per le persone quando cerco di parlare con loro di primitivismo. Ritengono che il termine "civiltà" sia troppo ampio e gli venga dato troppo libero arbitrio. Cosa intendo quando dico che "la civiltà sta distruggendo la terra" o "la civiltà ci aliena da noi stessi e gli uni dagli altri"? La civiltà non è davvero una cosa, quindi non può davvero agire, sostengono. Questo è un buon punto e vale la pena soffermarsi.