Si oppose alla Rivoluzione francese, al comunismo e al nazismo. Descrivendosi come un "arci-liberale conservatore" o "estremamente liberale", Kuehnelt-Leddihn ha spesso sostenuto che il governo della maggioranza nelle democrazie è una minaccia alle libertà individuali e si è dichiarato monarchico e nemico di tutte le forme di totalitarismo, sebbene sostenesse anche quelle che definiva "repubbliche non democratiche", come la Svizzera e i primi Stati Uniti.

I suoi scritti socio-politici trattano delle origini e delle correnti filosofiche e culturali che hanno formato il nazismo. Si sforzò di spiegare la complessità dei concetti monarchici e dei sistemi europei, i movimenti culturali come l'hussitismo e il protestantesimo e gli effetti disastrosi di una politica americana derivata dai sentimenti antimonarchici e dall'ignoranza della cultura e della storia europee.

Kuehnelt-Leddihn ha diretto alcune delle sue critiche più significative all'attivismo wilsoniano in politica estera. Tracce di wilsonianesimo si potevano individuare nella politica estera di Franklin Roosevelt; in particolare, il presupposto che la democrazia sia il sistema politico ideale in qualsiasi contesto. Credeva che gli americani avessero frainteso gran parte della cultura dell'Europa centrale come l'impero austro-ungarico, che egli sosteneva come uno dei fattori che contribuirono all'ascesa del nazismo. Ha anche evidenziato le caratteristiche della società e della cultura tedesca (in particolare le influenze sia protestanti che cattoliche) e ha tentato di spiegare le correnti sotterranee sociologiche del nazismo. Pertanto, conclude che il sano cattolicesimo, il sano protestantesimo o anche, probabilmente, la sana sovranità popolare (unificazione austro-tedesca nel 1919) tutti e tre avrebbero impedito il nazionalsocialismo, sebbene a Kuehnelt-Leddihn non piacessero gli ultimi due.

Contrariamente all'opinione prevalente che il partito nazista fosse un movimento radicale di destra con solo elementi di sinistra superficiali e minimi, egli ha affermato che il nazismo (nazionalsocialismo) era un movimento fortemente di sinistra, democratico, in ultima analisi, radicato nella Rivoluzione francese che ha scatenato le forze di egualitarismo, conformismo, materialismo e centralizzazione. Sosteneva che il nazismo, il fascismo, il liberalismo radicale, l'anarchismo, il comunismo e il socialismo erano essenzialmente movimenti democratici, basati sull'incitamento delle masse alla rivoluzione e intenti a distruggere le vecchie forme di società. Inoltre, ha affermato che tutta la democrazia è fondamentalmente totalitaria e che tutte le democrazie alla fine degenerano in dittature. Disse che non era il caso di "repubbliche" (la parola, per Kuehnelt-Leddihn, ha il significato di ciò che Aristotele chiama πολιτεία), come la Svizzera, o gli Stati Uniti (come erano originariamente intesi nella loro costituzione). Tuttavia, riteneva che gli Stati Uniti fossero stati in una certa misura soggetti a una silenziosa rivoluzione democratica alla fine degli anni 1820.

In Libertà o Uguaglianza, il suo capolavoro, Kuehnelt-Leddihn contrappone la monarchia alla democrazia e presenta i suoi argomenti a favore della superiorità della prima: la diversità è sostenuta meglio nei paesi monarchici che nelle democrazie. Il monarchismo non si basa sul governo del partito e "si inserisce organicamente nel modello ecclesiastico e familistico della società cristiana". Dopo aver insistito sul fatto che la richiesta di libertà riguarda come governare e non in alcun modo da chi governare un dato paese, trae argomenti a sostegno della sua opinione che il governo monarchico è genuinamente più liberale in questo senso, ma la democrazia naturalmente sostiene l'uguaglianza, anche esecutiva, e quindi diventa antiliberale.

Mentre la vita moderna diventa sempre più complicata attraverso molti diversi livelli sociopolitici, Kuehnelt-Leddihn sostiene che la Scita (la conoscenza politica, economica, tecnologica, scientifica, militare, geografica, psicologica delle masse e dei loro rappresentanti) e la Scienda (la conoscenza in queste materie necessarie per giungere a conclusioni logico-razionali-morali) sono separate da un divario che si allarga incessantemente e crudelmente e che i governi democratici sono del tutto inadeguati a tali imprese.

Nel febbraio 1969, scrisse un articolo contro la ricerca di un accordo di pace per porre fine alla guerra del Vietnam. Invece, sostenne che le due opzioni proposte, uno schema di riunificazione e la creazione di un governo di coalizione vietnamita, erano concessioni inaccettabili al Vietnam del Nord marxista. Esortò gli Stati Uniti a continuare la guerra fino a quando i marxisti non fossero stati sconfitti.

Kuehnelt-Leddihn ha anche denunciato la pastorale del 1982 dei vescovi statunitensi La sfida della pace:

«La lettera dei Vescovi respira idealismo... l'imperialismo morale, il tentativo di iniettare la teologia nella politica, dovrebbe essere evitato se non in casi estremi, di cui l'abolizione della schiavitù è esempio».


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Errico Malatesta - Contro la Dittatura del Proletariato (30 Luglio 1919)

Il testo che qui si riproduce è la lettera che Errico Malatesta scrisse da Londra a Luigi Fabbri in merito al tema della dittatura del proletariato che agitava il movimento operaio e rivoluzionario a seguito della Rivoluzione Russa. Con una certa cautela per una possibile evoluzione in senso libertario della Rivoluzione, ma anche con estrema chiarezza per quanto riguarda la realtà corrente, Malatesta chiarisce che la cosiddetta dittatura del proletariato altro non è che la dittatura del partito sulle masse popolari.

🔈 Intervista ad Alessandro Marzo Magno

Il portale libertario è lieto di comunicare una speciale Intervista ad Alessandro Marzo Magno, scrittore, storico e giornalista, presso la Villa Aganoor Pompilj, Lago Trasimeno (Umbria).

Anteprima del libro in uscita per il trecentesimo anno dalla nascita di Giacomo Casanova.

Donatella Di Cesare - Decostruire l'Anarchia

Il testo seguente è stato consegnato per la prima volta come discorso durante Anarchē, una conferenza di due giorni curata dall'Istituto per l'indagine culturale a Berlino. Qui la filosofa italiana Donatella Di Cesare esplora la possibilità di liberare l'ontologia anarchica nascosta nella tradizione anarchica.

L'Anarchismo Idiosincratico di Lysander Spooner e il "Socialismo di Mercato"

Lysander Spooner è una figura importante nella storia del movimento per la libertà. Era un sostenitore del movimento operaio ed era persino un membro della Prima Internazionale in un momento in cui socialisti e anarchici coesistevano pacificamente all'interno di quel movimento. Forse una delle cose più interessanti di Spooner è che fu il primo a gestire una società privata in diretta concorrenza con l'ufficio postale degli Stati Uniti. Questo sforzo prevedibilmente fallì non perché l'American Letter Mail Company non potesse competere, ma perché Spooner era ostacolato dalla legge.

Feudalesimo e Anarchia

Il concetto storico di feudalesimo non è esente da controversie. Molti studiosi moderni mettono in dubbio sia l'utilità che l'accuratezza del termine. Ciò è in parte dovuto al fatto che i sistemi feudali nelle diverse aree avevano strutture sociali e politiche divergenti, e quindi non rientrano perfettamente nella stessa categoria. Ma nonostante i molti modi in cui il feudalesimo variava da una località all'altra, alcune caratteristiche del termine sono abbastanza coerenti da meritarne l'uso, specialmente con qualche precisazione.

Anarco Monarchismo

Il concetto di anarco-monarchia può sembrare l'ultima contraddizione in termini a molti, ma per altri può suscitare solo un senso di paradosso. Al pittore surrealista Salvador Dalì è stato chiesto, durante un'intervista televisiva, di dare un termine definitivo per esprimere le sue opinioni politiche, a cui ha risposto che era un monarchico-anarchico - con grande confusione dell'intervistatore.

L’individualismo assoluto quale mezzo di affrancamento dall’oppressione dualistica

Cos’è la morale? In breve rappresenta l’insieme di valori ed atteggiamenti utili alla vita comunitaria. Ma se la vita comunitaria si basa su una morale menzognera ed innaturale imposta attraverso il giogo di un sistema politico artefatto il cui fine è la sola sopravvivenza dello stato, non implica che ciò che viene pubblicamente esposto ed esaltato come “bene” sia realmente ed oggettivamente tale.

Cripto-Anarchismo

Il criptoanarchismo - o criptoanarchia - è la realizzazione nel cyberspazio di una forma di anarchia mediante l'uso della crittografia. Assicurando la riservatezza, l'autenticità e l'integrità delle loro comunicazioni, il software crittografico offre agli individui una totale libertà di scambio garantendo il loro anonimato e il rispetto della loro vita privata.

Alcune riflessioni irregolari sull'anarco-monarchismo: "Il re ideale sarebbe un po' come il re degli scacchi: il pezzo più inutile della scacchiera" Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

C'è... qualcosa di degradante nel sottomettersi a un politico, o passare attraverso la sciocca farsa di fingere che il "servizio pubblico" sia un'occupazione particolarmente onorevole, o essere costretti a scegliere quale banda di briganti, mediocri, facoltosi avvocati e (Dio ci risparmi) idealisti controllare i nostri destini per i prossimi anni.

Ma un re, cioè un re senza alcun potere reale, è un'istituzione così nobilmente arbitraria, così tenera e organicamente umana. È facile dare la nostra fedeltà a qualcuno la cui unica pretesa è un caso ereditario, perché allora è un gesto gratuito di affetto spontaneo che non richiede alcun elemento di autoinganno, e che non comporta l'umiliazione di dover chiedere essere governato.

Herbert Marcuse e il pensiero anti-autoritario Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Herbert Marcuse è stato uno dei pensatori più influenti del Novecento, soprattutto è nota la passione che per lui avevano gli studenti in rivolta nei tardi anni sessanta. Il suo pensiero, intrinsecamente anti-autoritario, rispecchiava la volontà di cambiamento radicale che animava la protesta dei giovani in tutto il mondo occidentale; il suo rifiuto di ogni forma di repressione, il suo secco no alla civiltà tecnologica (in entrambe le declinazioni liberal-capitalistica e comunista-sovietica), lo resero il filosofo del "grande rifiuto" verso ogni forma di repressione.

Diario di uno Scemo del Villaggio Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Pensavo davvero che un interesse per l'anarchia mi avrebbe circondato di persone dalla mentalità aperta. È stato così strano che molti non si siano nemmeno cimentati con il materiale di cui sono così critici. Forse questa è una cosa americana anti-intellettuale, e forse è un residuo del paternalismo marxista. Questo tipo di arroganza è ciò che allontana le persone dagli anarchici in generale. Questa necessità di avere ragione è una nozione religiosa totalmente puritana.

L'Agorismo Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

L'agorismo, abbreviato in (Anarchia, Agorà, Azione), come ideologia politica riguarda più i mezzi che i fini. In breve, afferma che il modo migliore per raggiungere una società libera è attraverso i mercati neri e grigi. Fu proposto per la prima volta da Samuel Edward Konkin III alle conferenze CounterCon I nell'ottobre 1974 e CounterCon II nel maggio 1975.

Per gli agoristi è importante distinguere tra mercati grigi e neri e un "mercato rosso". L'agorismo supporta solo comportamenti legali ma al di fuori del quadro del sistema statale (mercati grigi) o illegali ma non intrinsecamente violenti (mercati neri), ma non supporta il commercio relativo a cose che violano il principio di non aggressione (il mercato rosso). Sostengono tutti gli usi della Controeconomia definendola come la somma di tutte le Azioni Umane non aggressive vietate dallo Stato.

Uno sguardo all'Anarco-Capitalismo Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Gli anarco-capitalisti possono essere definiti dei capitalisti classici? E soprattutto, possono essere definiti anarchici?

“Lo Stato, a differenza di quanto accade con una banda di malfattori, non è considerato una organizzazione criminale; anzi, solitamente i suoi tirapiedi hanno rivestito le posizioni più elevate nella società. Si tratta di una condizione che permette allo Stato di cibarsi delle proprie vittime e, al tempo stesso, di raccogliere il sostegno, o almeno l’acquiescenza, di gran parte di esse a questo processo di sfruttamento.”

 

(Murray Rothbard)

Lo stesso autodefinirsi "anarchici" dei principali esponenti dell'anarco-capitalismo è stato spesso contestato dagli altri movimenti anarchici. Nonostante ciò, gli anarco-capitalisti credono che la via da loro proposta sia la sola attraverso cui è possibile giungere a realizzare concretamente l'ideale di assenza dello stato cui tendono anche gli anarchici "tradizionali".

L'Anarchismo Spirituale nell'Anarca Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

L'Anarca è quell'individuo sovrano nato dalla mentalità fuori dal comune che attingeva dall'illimitato pozzo della storia, della filosofia e dell'arte.

Lui-lei è al di là della sinistra o della destra, si muove senza fine in modo nomade con libertà mutevole attraverso il pensiero, sintetizzando idee contrastanti. Ma sempre saldamente radicato nel nichilismo. Questo è il vero anarchico. La loro è l'anarchia che ha prodotto (e produce tuttora) una vasta sottocultura ermetica e letteraria sotterranea.

Anarchia Intellettuale Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

Autarchia è indipendenza. Non ci si riferisce soltanto al suo significato strettamente materiale legato alla produzione ma alla sua valenza più ampia ed assoluta. In tal caso il concetto di autarchia giunge fino alle più intime profondità dell’essere coinvolgendo la totalità degli aspetti della sua esistenza.

D'altronde come potremmo mai chiamare quell’aspetto dell’individualismo assoluto che sfocia in autonomia di pensiero, sincerità intellettuale e retto filosofare?

In un contesto socio-politico in cui la maggioranza della moltitudine manca di coraggio e volontà di potenza, qual è l’ostacolo più grande alla realizzazione di una futura società aurea?