Ci sono pochi argomenti di maggiore disaccordo tra i socialisti libertari di "liberazione nazionale" e "autodeterminazione nazionale".

Per "socialisti libertari" si intendono anarchici di ogni tipo, anche marxisti libertari autonomi e altri con politiche simili.

Con "liberazione/autodeterminazione nazionale", l'idea che alcune nazioni sono oppresse e meritano di essere liberate da tale oppressione e di poter decidere da sole sotto quali sistemi sociali, economici e politici desiderano vivere.

Questo è un problema importante nel mondo di oggi. In Medio Oriente, ai curdi e ai palestinesi viene negata la propria esistenza politica indipendente. Nel frattempo, gli Stati Uniti e altri stati imperialisti stanno dichiarando guerra a un certo numero di paesi oppressi.

Lo stato degli Stati Uniti possiede Porto Rico (ma tratta i portoricani, che sono cittadini statunitensi, come sudditi coloniali). Potrebbe esserci una guerra nucleare tra lo stato americano e la nazione impoverita della Corea del Nord. Lo stato imperialista russo nega l'indipendenza ai ceceni e ha attaccato l'Ucraina e altri paesi dell'Europa orientale. La Cina governa i tibetani e gli uigar e rivendica Taiwan. Ci sono appelli all'indipendenza nazionale in Catalogna, dalla Spagna e in Scozia, dal Regno Unito. Sto solo toccando alcuni dei tanti luoghi in cui sono sorte questioni nazionali. Non che siano tutti uguali, ma c'è un argomento comune che deve essere affrontato. (Le guerre tra due potenze oppressori e imperialiste, come gli USA contro la Russia, non implicano questioni di autodeterminazione nazionale. Entrambe le parti dovrebbero essere contrastate dagli antimperialisti.)

Mi è sempre sembrato ovvio, almeno in linea di principio, che noi che crediamo nella libertà dovremmo sostenere la liberazione/autodeterminazione nazionale come richiesta democratica. L'ho scritto più volte. Eppure molti, forse la maggior parte, anarchici e marxisti libertari non sono d'accordo. (Un tempo, i manifesti sul sito Libcom esortavano il gruppo anarchico di cui facevo parte a espellermi a causa del mio sostegno alla liberazione nazionale.) Quali sono le loro argomentazioni?

“L'unico problema che conta è l'emancipazione della classe operaia internazionale. Tutto il resto, come l'oppressione nazionale, è una distrazione dalla lotta di classe."

Presa alla lettera, questa prospettiva di classe pura e semplice è oggi un punto di vista minoritario. È detenuto solo dagli operai del legno, dai marxisti primitivi e dai sindacalisti. La maggior parte degli anarchici e dei marxisti riconosce che altre forme di oppressione oltre allo sfruttamento di classe sono reali e importanti. Le donne sono oppresse dal sessismo; afroamericani e altre persone di colore dalla supremazia bianca; persone LGBT per omofobia; immigrati per nativismo; e così via; per non parlare della realtà di questioni come il riscaldamento globale e la guerra. Il riconoscimento di questi sistemi di oppressione non impedisce di riconoscere l'importanza dello sfruttamento capitalistico della classe operaia. Queste forme di oppressione si sovrappongono e interagiscono con lo sfruttamento di classe. Ad esempio, la maggior parte delle persone nelle nazioni oppresse sono della classe operaia, dei contadini o di altre persone povere. Il fatto stesso che questi problemi siano usati per sostenere il capitalismo (in molti modi, oltre ad essere "distrazioni") significa che devono essere affrontati (a sua volta, il capitalismo sostiene anche questi sistemi oppressivi). Sostenere queste lotte rafforza la lotta contro il capitalismo e lo stato capitalista.

Stranamente, ci sono radicali che sostengono la lotta contro il razzismo, il sessismo, l'omofobia, il nativismo, ecc., ecc., ma non supportano le lotte contro l'oppressione nazionale. Alcuni addirittura si oppongono all'imperialismo delle grandi potenze, ma non sosterranno gli sforzi antimperialisti delle nazioni oppresse. A differenza degli operai puri e semplici, questi radicali sono... incoerenti.

"La liberazione/autodeterminazione nazionale e nazionalismo sono la stessa cosa, che noi, come internazionalisti, respingiamo."

L'oppressione nazionale è una realtà oggettiva, per i palestinesi, per esempio. Porta alla domanda su come opporvisi, qual è il programma che può portare alla liberazione nazionale e all'autodeterminazione. Uno di questi programmi è il "nazionalismo". Ma non è l'unico programma possibile, e non è sinonimo di "liberazione nazionale".

Il “nazionalismo” può essere definito in vari modi. Una comprensione comune è usare il nazionalismo per indicare l'amore delle persone per il loro paese, la loro cultura, il loro contributo alla civiltà mondiale e la loro storia di resistenza popolare all'oppressione (nazionale e straniera). Questo non è un programma per opporsi al dominio, ma piuttosto un amore per la loro terra e la loro gente. Non vedo nulla da criticare in questo, ma non è questo ciò che è controverso.

Come programma, “nazionalismo” significa vedere la particolare nazione oppressa come un blocco unitario. Ignora le differenze tra la classe dirigente e gli operai e i contadini, gli sfruttatori e gli sfruttati. Essenzialmente accetta la guida dei governanti o aspiranti governanti (questi possono essere ricchi capitalisti ma potrebbero anche essere burocrati, intellettuali déclassé, ufficiali militari o simili, aspiranti nuovi capi). Nega le differenze tra uomini e donne, gruppi religiosi o nazionalità e gruppi etnici maggioritari e minoritari, rifiutando le preoccupazioni speciali dei sottogruppi oppressi all'interno della nazione. Il suo scopo è quello di conquistare un proprio stato nazionale indipendente e di stabilire un qualche tipo di economia capitalista, forse come un programma di socialismo di stato, che in realtà si traduce in un capitalismo di stato.

Ormai, la maggior parte dei paesi del mondo ha ottenuto la propria indipendenza formale. Hanno i propri stati con le proprie bandiere, francobolli, denaro e uniformi per i propri militari e la propria polizia. Ma rimangono economicamente dominati dal mercato internazionale. Rimangono politicamente dominati dal sistema di potere internazionale. Sono vulnerabili ad essere invasi in qualsiasi momento. Sia l'economia mondiale che la politica mondiale sono dominate dalle grandi potenze imperialiste, prima tra le quali ci sono ancora gli Stati Uniti, cioè la classe dirigente statunitense e il suo stato. (Non si tratta dei lavoratori statunitensi, che hanno poco o nessun controllo sulla propria economia o sulle politiche internazionali del proprio stato).

In breve, il nazionalismo non è stato un'ottima soluzione alla povertà, all'oppressione, allo sfruttamento e alla sofferenza dei popoli del mondo. Ma il suo stesso fallimento - la continuazione dell'oppressione nazionale nonostante l'indipendenza formale - si traduce in una tendenza delle persone a cercare risposte, inclusa una rinascita del nazionalismo.

Tuttavia, ci sono altri programmi che offrono di risolvere i problemi delle nazioni oppresse. Ad esempio, il salfismo islamico (chiamato erroneamente “fondamentalismo”) è un movimento internazionale, completamente reazionario. Si oppone al dominio imperialista occidentale dei paesi a maggioranza musulmana, non con appelli al nazionalismo ma con programmi religiosi distorti, mirando a un "califfato".

Anarchici e altri socialisti libertari propongono una soluzione diversa all'oppressione nazionale. Il nostro programma è per una rivoluzione internazionale della classe operaia, alleata con tutte le altre persone oppresse e sfruttate, contro la classe dirigente capitalista, i suoi stati e tutti i sistemi di oppressione. Sostituirebbe le istituzioni capitaliste e autoritarie con associazioni popolari autogestite, cooperative e libere. Una tale rivoluzione probabilmente comincerà in alcuni paesi, ma dovrà diffondersi in tutto il mondo. Questo da solo permetterebbe di porre fine a tutte le forme di oppressione nazionale, così come a tutte le altre forme di oppressione, sfruttamento e dominio.

Da questo punto di vista, gli anarchici e altri possono partecipare alle lotte nazionali contro il dominio imperialista. Riconosciamo la legittimità di tali lotte e siamo solidali con le persone oppresse. Ma non siamo d'accordo né sosteniamo quei leader che sostengono programmi nazionalisti (o jihadisti). Cerchiamo di convincere i lavoratori di queste nazioni al nostro programma rivoluzionario internazionalista.

Questo è lo stesso approccio che possiamo usare in qualsiasi lotta. Ad esempio, dobbiamo sostenere il movimento per la liberazione delle donne. Ci opponiamo alla supremazia maschile (patriarcato) e sosteniamo la lotta delle donne contro di essa. Ma non siamo d'accordo né sosteniamo le versioni liberali, filo-capitalistiche, del femminismo sollevate dalla leadership borghese del movimento delle donne. Cerchiamo di convincere le donne e i loro alleati maschi alla nostra prospettiva rivoluzionaria.

Con-vincendo le donne o le persone oppresse a livello nazionale, non intendo dire che dovremmo semplicemente svelare il nostro programma come se conoscessimo tutte le risposte: Ta-da! Persuadere le persone del nostro punto di vista significa ascoltarle e imparare da loro, nel dialogo. Include fargli sviluppare le idee a modo loro, rilevanti per la loro situazione.

"Gli anarchici non hanno mai sostenuto l'autodeterminazione nazionale."

Alcuni anarchici ignorano il fatto che gli anarchici hanno sostenuto la liberazione nazionale come principio. E gli anarchici hanno preso parte alle lotte di liberazione nazionale.

Michael Bakunin ha affermato la sua "forte simpatia per qualsiasi rivolta nazionale contro qualsiasi forma di oppressione... ogni popolo [ha il diritto] di essere se stesso... nessuno ha il diritto di imporre i suoi costumi, le sue lingue e le sue leggi."

Iain McKay scrive:

"Kropotkin era un sostenitore delle lotte di liberazione nazionale... Gli anarchici, sosteneva Kropotkin, dovrebbero lavorare all'interno dei movimenti di liberazione nazionale al fine di... trasformarli in lotte di liberazione umana, da ogni forma di oppressione, economica, politica, sociale e nazionale ...la creazione di... una libera federazione di popoli liberi non più divisi per classi o gerarchie."

Peter Kropotkin ha scritto:

"Il vero internazionalismo non sarà mai raggiunto se non attraverso l'indipendenza di ogni nazionalità, piccola o grande che sia... Se diciamo nessun governo dell'uomo da parte dell'uomo, come possiamo permettere il governo delle nazionalità conquistate da parte delle nazionalità conquistatrici?"

Errico Malatesta era un influente anarchico italiano che era stato compagno di Bakunin e Kropotkin. Ha scritto:

"Siamo internazionalisti... quindi estendiamo la nostra patria al mondo intero... e cerchiamo benessere, libertà e autonomia per ogni individuo e gruppo... Ora che l'Italia di oggi invade un altro paese [la Libia]... è la rivolta degli arabi contro il tiranno italiano che è nobile e santo….Ci auguriamo che il popolo italiano…imponga al suo governo un ritiro dall'Africa: se no, speriamo che gli arabi riescano a scacciarlo."

Ciò non implicava un accordo con la politica della dirigenza araba.

Durante le guerre che seguirono la rivoluzione russa, Nester Makhno e altri anarchici organizzarono una resistenza militare in Ucraina. Le loro forze si opposero ai capitalisti e ai proprietari terrieri, integrando queste questioni di classe con una guerra ucraina contro gli invasori tedeschi, polacchi e russi. Allo stesso modo, durante la seconda guerra mondiale, gli anarchici coreani organizzarono una resistenza militare agli invasori giapponesi.

Dopo la seconda guerra mondiale ci fu una guerra di liberazione nazionale condotta dai ribelli algerini contro l'impero francese. Gli anarchici francesi hanno fornito aiuti concreti e varie forme di sostegno alle forze algerine. In quanto “intellettuale pubblico” anarchico, Daniel Guerin ha espresso la sua solidarietà al popolo algerino in rivolta. Era per le organizzazioni algerine quando hanno combattuto contro lo stato francese, il che non equivale a sostenere la loro politica nazionalista, cosa che non ha fatto.

"L'autodeterminazione nazionale è stata sollevata da Lenin."

Alcuni anarchici sottolineano che l'autodeterminazione nazionale è stata sostenuta da Vladimir Lenin, il fondatore dell'Unione Sovietica totalitaria e del movimento "comunista". (Alcuni affermano addirittura, per ignoranza, che Lenin abbia inventato il concetto.) Questo dovrebbe screditare lo slogan.

Gli appelli alla liberazione nazionale e all'autodeterminazione sono antichi almeno quanto la formazione delle nazioni e degli stati-nazione nel XVIII secolo. Sono stati realizzati da molte persone, allora e ora. Ad esempio, durante la prima guerra mondiale, il presidente liberale degli Stati Uniti, Woodrow Wilson, fece dell'autodeterminazione nazionale una parte dei suoi "14 punti", che elevò (ipocritamente) come presunti "obiettivi di guerra" per gli alleati imperialisti.

Con l'obiettivo di portare il suo partito al potere statale, Lenin ha seguito una certa strategia. Ha rifiutato di concentrarsi solo sulle questioni sindacali fondamentali, come salari migliori, orari più brevi, ecc. Questo è stato chiamato "economismo". Ha anche rifiutato di sollevare l'eventuale - e astratto - obiettivo del socialismo. Voleva invece che il suo partito ottenesse il sostegno sostenendo anche le richieste democratiche di ogni gruppo oppresso e discriminato. Voleva che il suo partito utilizzasse i suoi giornali e altri organi di stampa per sostenere grandi gruppi come contadini, donne e nazioni rese schiave dall'impero zarista. Ma anche per difendere i reclutati dell'esercito maltrattati, gli scrittori censurati, le sette religiose minoritarie e così via. Difendendo i diritti democratici di tutti questi gruppi (comprese le nazioni oppresse), credeva, avrebbe contrapposto il suo programma socialista rivoluzionario a quello dei liberali, dei riformisti e dei nazionalisti. Costruirebbe il sostegno popolare e preparerebbe il suo partito a governare.

Sia chiaro. Il problema con Lenin non era il suo sostegno alle rivendicazioni democratiche! Difficilmente si potrebbe criticare Lenin per essere troppo a favore della democrazia e della libertà! La richiesta di liberazione/autodeterminazione nazionale fa parte del programma democratico. Non è qui che gli anarchici dovrebbero essere in disaccordo con Lenin.

Il problema con Lenin era che il suo sostegno alle richieste democratiche era strumentale, usato in effetti solo per portare il suo partito al potere e per stabilire il suo governo autoritario. Il sostegno ai contadini doveva portarli alla fine, volontariamente, a unire le loro terre in fattorie statali collettivizzate. Il sostegno ai diritti nazionali aveva lo scopo di persuadere i lavoratori delle nazioni oppresse che potevano fidarsi dei lavoratori delle nazioni oppressive - e alla fine portare a una fusione volontaria in stati più grandi e centralizzati - cosa che ha affermato. (Non sto entrando nel modo in cui Lenin ha violato queste promesse democratiche, inclusa l'autodeterminazione nazionale, una volta al potere.)

Gli anarchici rivoluzionari sono internazionalisti. Siamo anche decentralisti e pluralisti. Apprezziamo le piccole culture e le società multiple, non come trampolini di lancio verso uno stato mondiale alla fine unificato e centralizzato, ma come buone in sé stesse. Per citare ancora il riassunto di McKay della prospettiva di Kropotkin, il nostro obiettivo è "una federazione libera di popoli liberi non più divisi da classi o gerarchie". È qui che gli anarchici devono rifiutare l'approccio di Lenin alla liberazione nazionale.

"Ma è uno stato!" 😱

Sostegno all'autodeterminazione nazionale significa sostegno a nuovi stati nazionali? No. Significa che i socialisti libertari rivoluzionari sono solidali con il popolo (principalmente operai, contadini e poveri) della nazione oppressa. Gli stessi cittadini della nazione possono credere (nella loro maggioranza) che l'unica soluzione alla loro oppressione straniera è quella di formare un nuovo stato proprio. Gli anarchici non sono d'accordo con questa visione popolare. Ma noi crediamo nella libertà, se crediamo in qualcosa. Dobbiamo difendere il loro diritto di decidere da soli ciò che vogliono, anche se pensiamo che stiano commettendo un errore. È così che le persone imparano.

Tra lo stato imperialista che governa il paese e il popolo oppresso, non siamo neutrali. Non dovremmo diventare neutrali se pensiamo che la gente stia accettando un programma sbagliato. Dobbiamo essere solidali con loro nelle loro lotte, anche se cerchiamo di persuaderli che solo l'internazionalismo anarchico può davvero risolvere i loro problemi. Non dobbiamo approvare i loro dirigenti; siamo oppositori politici dei loro leader nazionalisti. Ma vogliamo che gli imperialisti perdano e che il popolo vinca.

Quando i lavoratori decidono di formare un sindacato, di solito si uniscono a un sindacato con la sua leadership burocratica filo-capitalista. Tuttavia, gli anarchici non sono mai neutrali tra i padroni e gli operai. Dobbiamo sostenere la libertà dei lavoratori di scegliere il sindacato che vogliono (cercando di persuaderli della necessità della democrazia e della militanza sindacale e dell'opposizione rivoluzionaria alla burocrazia sindacale). Questo è lo stesso principio del nostro atteggiamento verso l'autodeterminazione nazionale.

Come riassume Lucien van der Walt:

"Un approccio anarchico e sindacalista... era quello di partecipare alle lotte di liberazione nazionale, al fine di plasmarle, vincere la battaglia delle idee, sostituire il nazionalismo con una politica di liberazione nazionale attraverso la lotta di classe e spingere la liberazione nazionale lotta in una direzione rivoluzionaria."

Ciò significa, in una direzione socialista rivoluzionaria, internazionalista, libertaria.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

Ecofascismo, una supercazzola prematurata?

Prima o poi saremmo arrivati a trattare anche questo spinoso argomento, e come sempre, lo faremo sine ira et studio, liberi da paraocchi e acriticità. L'ecofascismo non è un termine di così recente invenzione, ma negli ultimi anni sta tornando a una notevole ribalta semantica, ormai difficile da ignorare. Ma di che cosa si tratta esattamente?

Introduzione all'Anarco Tribalismo e all'Anarco Comunitarismo

Da alcuni anni esiste una minoranza piccola ma sempre più influente nei media libertari contemporanei che si è sviluppata in alcuni paesi, considerata "eretica" dalla maggioranza. Questa minoranza, la cui voce è ogni giorno più forte nonostante coloro che sono interessati a zittirla.

I comunitaristi libertari in Ucraina

Con i gruppi politici marginali che hanno guadagnato slancio durante la Rivoluzione Euromaidan nel 2013, molta attenzione degli studiosi è stata data agli attori della destra radicale mentre le dinamiche della cosiddetta "Nuova sinistra radicale" sono state ignorate.

In passato la Nuova Sinistra Radicale si è battuta per l'egemonia culturale; tuttavia, la loro influenza diminuì quando il movimento sviluppò gravi divisioni ideologiche dopo Euromaidan. Con una "Nuova Sinistra Radicale" ideologicamente divisa, un nuovo gruppo, i comunitaristi libertari, è entrato nell'arena politica ucraina con l'obiettivo di riappropriarsi dei concetti del nazionalismo ucraino e dell'idea di una lotta antimperialista contro la Russia che incarna l'ucraino contemporaneo.

🎥 Libere Comunità incontra Patria Socialista - intervista e dibattito con Igor Camilli

La vita ci regala emozioni e momenti bellissimi, ma allo stesso tempo ci pone davanti a ostacoli e sfide che ci mettono in grande difficoltà.

L’importante è farsi trovare pronti, soprattutto a livello mentale, in modo da trovare dentro di noi la forza per superarli.

Il Sindacalismo Rivoluzionario di Padovani

Aurelio Padovani fu uno dei personaggi più carismatici appartenenti al sindacalismo rivoluzionario del secolo scorso, promotore di un concetto di sindacalismo che univa a tratti alcuni schemi di sia del sindacalismo libertario, che di quello anarchico prendendo a piene mani da Proudhon, in una chiave contraria (ma non anti-) al sindacalismo marxista (Approfondimento: L'Anarco-Sindacalismo: Proudhon contro Marx).

🎥 Partecipazione al comitato NO DRAGHI di Perugia ed intervista esponenti PCI

Questa mattina a Perugia si è svolta una manifestazione collegata alla Giornata Nazionale No Draghi, dopo un anno dalla prima in risposta al governo Draghi.

I comunitaristi libertari nativi americani d'Alaska

Oggi noi di Libere Comunità vi presentiamo i comunitaristi libertari delle tribù dei nativi americani d'Alaska. Ringraziamo il compagno Rinehart per averci inviato l'articolo raccontandoci la sua esperienza e la formazione della sua comunità libertaria indipendente ed autosufficiente formata da nativi americani in Alaska... buona lettura.

Makhnovia: il primo stato anarchico al mondo

La sperimentazione politica non era rara all'inizio del XX secolo. In Ucraina, dove le disastrose battaglie della prima guerra mondiale sul fronte orientale hanno lasciato vuoti di potere, c'erano opportunità per alcuni individui di tutto lo spettro politico di emergere con idee diverse. Ondate di uomini, armi e fondi hanno assicurato che questi nuovi movimenti potessero cristallizzarsi negli stati. Una di queste entità era Makhnovia.

Bakunin: lo Stato non è la Patria

Pochi sono al corrente del fatto che un illustrissimo pensatore e rivoluzionario, quale fu Bakunin, da molti considerato effettivo padre del movimento anarchico, abbia riflettuto parecchio sul concetto di patria e su come esso poteva essere conciliato con gli ideali libertari che lui propugnava; allo stesso modo in cui lo fece Mazzini in correlazione al repubblicanesimo. Bakunin che, consapevole del concetto di “identità et(n)ica”, non lo trascura e lo assimila nel suo pensiero, senza, per questo contraddirsi.

Herbert Marcuse e il pensiero anti-autoritario

Herbert Marcuse è stato uno dei pensatori più influenti del Novecento, soprattutto è nota la passione che per lui avevano gli studenti in rivolta nei tardi anni sessanta. Il suo pensiero, intrinsecamente anti-autoritario, rispecchiava la volontà di cambiamento radicale che animava la protesta dei giovani in tutto il mondo occidentale; il suo rifiuto di ogni forma di repressione, il suo secco no alla civiltà tecnologica (in entrambe le declinazioni liberal-capitalistica e comunista-sovietica), lo resero il filosofo del "grande rifiuto" verso ogni forma di repressione.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Otto Strasser: il peggior nemico di Hitler

Nel luglio del 1930, Adolf Hitler descriveva Otto Strasser come un ebreo intellettuale marxista e incapace di qualsiasi organizzazione. Strasser riteneva invece che l'originale natura anticapitalista del NSDAP fosse stata tradita da Adolf Hitler. Da quel momento Strasser decise di abbandonare lo NSDAP assieme ad altri 25 membri, annunciando che "i socialisti lasciano lo NSDAP". Da qui la nascita di un partigiano movimento di resistenza anti-hitleriano.

Nazional Transumanesimo o Transumanesimo Autoritario

Il Nazional Transumanismo è un termine per descrivere l'applicazione dell'ideologia e delle tecnologie transumaniste attraverso organizzazioni societarie, ideologiche e modus operandi che sono oppressive o non coercitive. È una macro famiglia che include in sé diverse sottocategorie che sono collocate nel ramo autoritario dello spettro politico (fascismo, nazional socialismo, nazional bolscevismo ma anche Stalinismo, Nazional Comunismo, Juchismo, Posadismo etcc...).

Viene indicato nelle forma più generica di Transumanesimo Autoritario, proprio per l'eterogeneità appena descritta. Ribadiamo che la bandiera posta come immagine dell'articolo è stata volutamente creata per raggruppare sotto una sola immagine le varie ideologie stataliste che sono sotto l'ala del Nazional Transumanesimo.

Carl Schmitt: Nichilismo e Anarchia nel Diritto Internazionale

Una scomoda complicità condivisa da quell'esistenzialista ed eretico realista, Carl Schmitt, con i suoi acerrimi nemici ideologici: gli anarchici. Nelle loro posizioni diametralmente opposte sullo Stato, sia Schmitt che gli anarchici rivelano l'assolutismo dello Stato nel momento sovrano dell'eccezione, e la sua dipendenza da una figura dell'anarchia che allo stesso tempo lo destabilizza, offuscando la divisione tra dentro e fuori e aprendo un momento genuinamente rivoluzionario.

Ernst Junger: Il Trattato del Ribelle

"Quando tutte le istituzioni divengono equivoche o addirittura sospette, e persino nelle chiese si sente pregare ad alta voce per i persecutori, anziché per le vittime, la responsabilità morale passa nelle mani del singolo, o meglio del singolo che non si è ancora piegato."

I comunitaristi libertari africani di Afro Native Pride Liberia

Oggi abbiamo chiesto ai nostri fratelli Africani dell' ANPT (Afro Native Pride Liberia) di spiegarci la loro visione del mondo, la loro comunità è attiva da una decade, e qui ci illustrano il perchè hanno aderito al Comunitarismo Libertario. Ringraziamo pubblicamente il loro portavoce, passandogli metaforicamente la penna per descriverci la sua realtà comunitaria libertaria ed autosufficiente!

L'Anarchismo Idiosincratico di Lysander Spooner e il "Socialismo di Mercato"

Lysander Spooner è una figura importante nella storia del movimento per la libertà. Era un sostenitore del movimento operaio ed era persino un membro della Prima Internazionale in un momento in cui socialisti e anarchici coesistevano pacificamente all'interno di quel movimento. Forse una delle cose più interessanti di Spooner è che fu il primo a gestire una società privata in diretta concorrenza con l'ufficio postale degli Stati Uniti. Questo sforzo prevedibilmente fallì non perché l'American Letter Mail Company non potesse competere, ma perché Spooner era ostacolato dalla legge.

Sorel, il primo Sindacalista Rivoluzionario

Afferma Sorel: «il socialismo è una questione morale, nel senso che esso porta alla luce un nuovo modo di giudicare gli atti umani, oppure, seguendo una celebre espressione di Nietzsche, una nuova valutazione di tutti i valori».

Il proletariato non ha bisogno di guide: autorganizzandosi, invece, può rendersi consapevole della sua funzione rivoluzionaria. Contro la tesi marxista del proletariato organizzato in un partito, Sorel auspica - senza per questo riprendere le idee anarchiche di Michail Bakunin ma semmai quelle di Proudhon, il primo anarchico - che l'azione diretta, senza mediazione alcuna, sia lo strumento dell'azione rivoluzionaria.

"Il marxismo è alieno alla mia cultura quanto il capitalismo": Nativi Americani e Rivoluzione

Il seguente discorso fu tenuto da Russell Means nel luglio del 1980 davanti a migliaia di persone di tutto il mondo che si erano radunate per il "Black Hills International Survival Gathering", sulle Black Hills, nel Dakota del Sud, negli Stati Uniti. È il discorso più famoso di Russell Means. Membro della tribù Oglala Lakola, probabilmente è stata la personalità più conosciuta dell’American Indian Movement degli USA, fondato nel 1973 con l’occupazione di Wounded Knee. Means è stato anche attore, carriera che iniziò con il ruolo di Chingachgook nel film "L’ultimo dei Mohicani", autore e filosofo. È deceduto il 22 ottobre del 2012 a 72 anni.

Omonazionalismo

L'omonazionalismo è un'ideologia totalitaria culturalmente di estrema destra, terzoposizionista che abbraccia i diritti LGBT. L'omonazionalismo, su base letterale, vede la compatibilità tra omosessualità e nazionalismo. Storicamente, questo è espresso dal modo in cui vedono l'omosessualità come un modo per esprimere eroticamente il dominio sugli altri e opporsi all'influenza "corruttrice" dell'effeminatezza.