Spesso ci viene chiesto in che modo i conflitti armati danneggiano l'ambiente. In questo articolo cerchiamo di fornire quanti più esempi possibili di danni. È inteso come un'introduzione non esaustiva che segue il ciclo dei conflitti e contiene collegamenti per ulteriori letture. Fondamentalmente, il danno ambientale ha implicazioni per le persone, così come per gli ecosistemi. Ciò significa che la protezione dei civili richiede innanzitutto la protezione dell'ambiente da cui dipendono.

Danno ambientale prima dei conflitti

L'impatto ambientale delle guerre inizia molto prima di loro. Costruire e sostenere forze militari consuma enormi quantità di risorse. Questi potrebbero essere metalli comuni o elementi di terre rare, acqua o idrocarburi. Mantenere la prontezza militare significa addestramento e l'addestramento consuma risorse. Veicoli militari, aerei, navi, edifici e infrastrutture richiedono tutti energia e il più delle volte l'energia è petrolio e l'efficienza energetica è bassa. Le emissioni di CO2 dei più grandi eserciti sono maggiori di quelle di molti paesi del mondo messi insieme.

I militari hanno anche bisogno di vaste aree di terra e mare, sia per basi e strutture, sia per test e addestramento. Si calcola che le terre militari coprono tra l'1 e il 6% della superficie terrestre globale. In molti casi si tratta di aree ecologicamente importanti. Sebbene l'esclusione dello sviluppo pubblico da queste aree possa giovare alla biodiversità, la questione se potrebbero essere gestite meglio come aree di protezione civile è raramente discussa. L'addestramento militare crea emissioni, interruzione dei paesaggi e degli habitat terrestri e marini e crea inquinamento chimico e acustico dall'uso di armi, aerei e veicoli.

Sostenere e rinnovare l'equipaggiamento e il materiale militare significa costi di smaltimento continui, con implicazioni per l'ambiente. Non sono solo le armi nucleari e chimiche più pericolose a creare problemi ambientali durante tutto il loro ciclo di vita. Lo stesso vale anche per le armi convenzionali, in particolare quando vengono eliminate mediante combustione a cielo aperto o detonazione. Storicamente, anche grandi quantità di munizioni in eccedenza venivano scaricate in mare.

Una storia di debole controllo ambientale ha lasciato molti paesi con gravi eredità ambientali legate all'inquinamento militare, con impatti sulla salute pubblica e ingenti costi per il risanamento ambientale. Questi continuano a crescere man mano che vengono identificati inquinanti emergenti come i PFAS. Queste eredità sono anche un problema intorno alle basi all'estero dove accordi unilaterali con le nazioni ospitanti possono ridurre il controllo ambientale.

Indirettamente, alti livelli di spesa militare distolgono le risorse dalla risoluzione dei problemi ambientali e dallo sviluppo sostenibile. Le tensioni internazionali alimentate da alti livelli di spesa militare riducono anche le opportunità di cooperazione internazionale sulle minacce ambientali globali, come l'emergenza climatica. È anche importante considerare come le politiche di sicurezza e il militarismo siano adattati per garantire l'accesso e il controllo delle risorse naturali come petrolio, gas, acqua e metalli.

Danni ambientali durante i conflitti

L'impatto ambientale dei conflitti stessi varia notevolmente. Alcuni conflitti armati internazionali possono essere brevi ma altamente distruttivi. Alcune guerre civili possono durare decenni ma essere combattute a bassa intensità. Molti conflitti contemporanei hanno offuscato i confini, durando anni ma con periodi prolungati di guerra ad alta intensità. Chi sta combattendo, dove stanno combattendo e come stanno combattendo tutti influenzano fortemente l'impatto ambientale di un conflitto.

I conflitti ad alta intensità richiedono e consumano grandi quantità di carburante, portando a massicce emissioni di CO2 e contribuendo al cambiamento climatico. I movimenti di veicoli su larga scala possono portare a danni fisici diffusi a paesaggi sensibili e alla geodiversità, così come l'uso intensivo di ordigni esplosivi. L'uso di armi esplosive nelle aree urbane crea grandi quantità di detriti e macerie, che possono causare inquinamento dell'aria e del suolo. L'inquinamento può anche essere causato da danni all'industria leggera e alle infrastrutture sensibili dal punto di vista ambientale come gli impianti di trattamento delle acque. La perdita di forniture di energia può avere effetti dannosi per l'ambiente a lungo termine, la chiusura di impianti di trattamento o sistemi di pompaggio, o che possono portare all'uso di combustibili o generatori domestici più inquinanti.

Incidenti di grave inquinamento possono essere causati quando impianti industriali, petroliferi o energetici vengono deliberatamente attaccati, inavvertitamente danneggiati o interrotti. In alcuni casi, attacchi deliberati a impianti petroliferi o industriali vengono utilizzati come armi di guerra, per inquinare vaste aree e seminare il terrore. Altre tecniche di terra bruciata includono la distruzione delle infrastrutture agricole come canali, pozzi e pompe e l'incendio dei raccolti. Tattiche come queste minacciano la sicurezza alimentare e i mezzi di sussistenza, aumentando la vulnerabilità delle comunità rurali. Che siano non intenzionali o intenzionali, questi incidenti di inquinamento su larga scala possono portare a impatti transfrontalieri dovuti all'inquinamento atmosferico o alla contaminazione di fiumi, falde acquifere o mare. In alcuni casi, questi possono persino influenzare il tempo o il clima globale.

Anche le armi e il materiale militare utilizzati durante i conflitti lasciano eredità ambientali. Le mine antiuomo, le munizioni a grappolo e altri residuati bellici esplosivi possono limitare l'accesso ai terreni agricoli e inquinare i suoli e le fonti d'acqua con metalli e materiali energetici tossici. Nei grandi conflitti possono essere prodotti o abbandonati grandi volumi di rottami militari, che possono contenere una serie di materiali inquinanti, contaminare i suoli e le falde acquifere, esponendo al contempo coloro che vi lavorano a rischi per la salute acuti e cronici. Navi distrutte o danneggiate, sottomarini e infrastrutture petrolifere offshore possono causare inquinamento marino.

Molte armi convenzionali hanno componenti tossici, altre come l'uranio impoverito sono anche radioattive. Le armi incendiarie come il fosforo bianco non sono solo tossiche, ma possono anche danneggiare gli habitat attraverso il fuoco. Sebbene ora limitato, l'uso diffuso di defolianti chimici ha danneggiato la salute pubblica ed ecologica in vaste aree del Vietnam.

Un facile accesso alle armi leggere e di piccolo calibro può danneggiare la fauna selvatica facilitando l'aumento della caccia e del bracconaggio, e gli spazi non governati creati dal conflitto creano le condizioni ideali per il crimine della fauna selvatica. È stato scoperto che le armi utilizzate nel crimine contro la fauna selvatica provenivano da paesi colpiti dal conflitto. Scienziati e ricercatori potrebbero non essere in grado di accedere alle aree a causa di problemi di sicurezza, danneggiando i programmi di conservazione. Mentre i parchi nazionali e le aree protette possono perdere la protezione che avevano, o proteggerli può essere reso più difficile quando i bracconieri sono armati. Queste situazioni possono favorire una conservazione più militarizzata, che può avere effetti negativi sui rapporti con le comunità locali.

La deforestazione spesso aumenta durante i conflitti. La maggior parte delle volte ciò è dovuto al raccolto eccessivo da parte delle comunità che improvvisamente dipendono da legna e carbone per il combustibile e il riscaldamento. Ma può anche essere il risultato di bande armate o criminali che approfittano del crollo dei sistemi di gestione. Le strategie di reazione dei civili possono anche portare allo sfruttamento eccessivo di altre risorse naturali o a pratiche dannose per l'ambiente come la raffinazione artigianale del petrolio. E in alcuni casi, i sistemi comunitari di gestione sostenibile delle risorse possono essere interrotti. 

Il danno e il degrado ambientale possono anche derivare dall'estrazione di risorse utilizzate per finanziare i conflitti. In molti conflitti, i gruppi armati si contendono il controllo del petrolio, delle risorse minerarie o del legname. I metodi di lavorazione, come l'uso del mercurio nell'estrazione dell'oro, possono inquinare i corpi idrici. Oltre ai gruppi armati e ai lavoratori artigianali, anche aziende private possono essere attive in aree colpite da conflitti, operando spesso con un controllo ambientale minimo.  

Lo sfollamento umano è comune a molti conflitti. I campi per rifugiati e sfollati interni possono avere una grande impronta ambientale, in particolare quando non sono pianificati o mancano di servizi essenziali, come l'acqua, i servizi igienici e la gestione dei rifiuti. Anche la loro posizione è importante, poiché i residenti del campo possono essere costretti a utilizzare risorse locali come la legna da ardere, che può mettere sotto pressione le risorse locali. Le persone sfollate a causa del conflitto possono anche spostarsi all'interno delle aree urbane, ingrandendo la popolazione e mettendo a dura prova i servizi ambientali locali. 

In alcuni casi, le aree in cui si spostano gli sfollati possono essere messe sotto pressione, ad esempio i pastori che spostano il loro bestiame attraverso ecosistemi sensibili. I movimenti di profughi su larga scala possono anche creare impatti ambientali transfrontalieri, quando le aree dei paesi vicini lottano per far fronte all'afflusso di persone e per soddisfare i loro bisogni primari.

Un'esigenza fondamentale comune ai campi profughi e alle aree urbane in conflitto è la gestione dei rifiuti. I sistemi spesso si guastano durante i conflitti portando a un aumento dei tassi di scarico e combustione dei rifiuti, gestione impropria e minore segregazione dei rifiuti. I sistemi di gestione dei rifiuti sono solo un elemento della governance ambientale che può crollare durante i conflitti. Le leggi e i regolamenti ambientali locali possono essere ignorati e le amministrazioni locali e nazionali possono perdere la capacità di monitorare, valutare o rispondere ai problemi ambientali. Nuove amministrazioni possono emergere anche in aree che sono detenute da attori non statali e il cui approccio alla governance ambientalepuò differire notevolmente da quella del governo. Negli ultimi anni c'è stata una tendenza crescente verso l'armamento delle informazioni ambientali durante i conflitti, portando a una maggiore politicizzazione dei rischi ambientali. 

I governi potrebbero non essere in grado di adempiere ai propri obblighi ambientali internazionali, in particolare perché i progetti e i programmi sostenuti dalla comunità internazionale potrebbero essere ridotti. In questo modo un conflitto localizzato può danneggiare l'ambiente a livello nazionale, influendo sulla governance e sui progetti a livello nazionale. L'esistenza di un conflitto può anche creare seri rischi tecnologici derivanti dalle infrastrutture industriali e quindi ostacolare la cooperazione internazionale necessaria per affrontarli. 

Questi diversi impatti sull'ambiente significano che i conflitti sono spesso visti come uno sviluppo sostenibile al contrario e possono riportare i paesi indietro di anni. Non solo per i nuovi danni, ma nello sviluppo che si sarebbe verificato se non fosse stato per l'esistenza di un conflitto. Ma è tutto negativo? Ci sono momenti in cui l'esistenza di conflitti può conferire protezione ad aree, ad esempio rallentando lo sviluppo insostenibile che altrimenti si sarebbe verificato in aree precarie, o escludendo le attività umane per la presenza di residuati bellici esplosivi. Ma nel complesso, e in particolare a causa delle interruzioni che i conflitti causano alle società e alla governance, i danni superano di gran lunga i benefici.

Danni ambientali durante le occupazioni

Le occupazioni possono essere relativamente di breve durata o possono durare decenni. Mentre gli stati hanno l'obbligo di proteggere la popolazione occupata, i loro obblighi ambientali sono meno ben definiti. Come per i conflitti, le occupazioni possono frenare lo sviluppo sostenibile, ad esempio limitando l'accesso a materiali o tecnologie o fungendo da barriera agli investimenti. I programmi e i progetti ambientali preesistenti possono essere ridotti o sostituiti da una nuova amministrazione entrante.

La mancanza di investimenti e di sviluppo può portare al lento collasso di infrastrutture ambientali critiche, infrastrutture che possono essere danneggiate o degradate da periodi di violenza. Anche le misure adottate dalla popolazione occupata per opporsi all'occupante possono causare danni all'ambiente. La maggiore presenza militare può avere un impatto sui paesaggi con i movimenti dei veicoli o le aree di addestramento, o con la costruzione di muri e recinzioni che possono interrompere i movimenti della fauna selvatica o separare le persone dalle risorse da cui dipendono. Una cattiva gestione dei rifiuti nelle basi militari, gestite da stati o appaltatori privati, può danneggiare la salute pubblica e l'ambiente. Nel frattempo, risposte militarizzate ai problemi di sicurezza possono creare danni ambientali più gravi di quanto farebbero le risposte civili.

La gestione iniqua delle risorse è comune alle occupazioni, con l'accaparramento di risorse comuni e l'estrazione eccessiva, sia di acqua che di minerali. Il controllo ambientale può essere limitato o preferenziale, facilitando il degrado ambientale. La popolazione occupata potrebbe non essere in grado di godere degli stessi diritti umani ambientali di quelli dell'occupante ed essere costretta a vivere con risorse limitate, servizi ambientali più poveri e livelli di inquinamento più elevati.

Lo sviluppo incentrato sulla politica è comune poiché la potenza occupante cerca di lasciare il segno su un territorio. In questo modo è possibile realizzare grandi opere infrastrutturali con scarso controllo ambientale.

Danno ambientale dopo i conflitti

È raro in questi giorni che i conflitti si concludano in modo netto con un accordo di pace e un cessate il fuoco. Il conflitto di basso livello e l'insicurezza possono continuare per lunghi periodi. A questo proposito, molte delle forme di danno che si verificano durante i conflitti sono applicabili anche a questa fase, in particolare nelle sue fasi iniziali. 

Le transizioni verso la pace sono caratterizzate da un debole controllo statale, ciò significa che la governance ambientale e la capacità di fornirla sono spesso assenti. L'attenzione alle questioni ambientali di fronte a molte priorità sociali ed economiche contrastanti è generalmente limitata. Queste condizioni sono fondamentali per molti problemi ambientali postbellici. In alcuni casi, gli accordi di pace e di condivisione del potere hanno ostacolato la governance creando sistemi politici frammentati.

Subito dopo i conflitti, gli stati e gli attori internazionali possono trovarsi di fronte a eredità immediate, come enormi quantità di macerie e detriti. Se gestito male, ad esempio attraverso lo scarico informale, lo smaltimento può creare nuovi rischi ambientali. Ci sono stati casi in cui il saccheggio di siti industriali ha esposto le comunità a sostanze inquinanti e molte delle strategie di reazione dannose per l'ambiente che le persone hanno utilizzato per sopravvivere durante i conflitti potrebbero continuare ben oltre la loro fine. 

Nei conflitti con alti livelli di sfollamento, i diritti sulla terra e le questioni di proprietà sono comuni, in particolare quando i rimpatriati si trasferiscono a casa. Gli afflussi di persone possono aumentare le pressioni ambientali nelle aree da cui erano assenti, in particolare attraverso la conversione o l'espansione dell'agricoltura. Questo può portare ad un aumento dei tassi di deforestazione. La ricerca ha mostrato un forte aumento dei tassi di deforestazione in molti paesi postbellici, con lo sgombero che supera la capacità dello stato di controllarlo.

La presenza di forze militari può estendersi anche nella fase postbellica. L'operazione e la chiusura definitiva o la consegna delle basi sono associate a problemi di inquinamento, in particolare laddove la nazione ospitante potrebbe non essere in grado di far rispettare gli standard ambientali. L'uso di pratiche come le fosse di combustione ha esposto il personale militare e le comunità a un inquinamento pericoloso, lasciando i veterani con continui problemi di salute. Lo sgombero postbellico delle mine antiuomo e dei residuati bellici esplosivi può portare al degrado del suolo e all'inquinamento localizzato e cambiamenti negativi nell'uso del suolo quando le aree vengono restituite alle comunità.

Il danno che i conflitti provocano alla governance ambientale possono avere implicazioni per la protezione ambientale per anni. Ciò può ostacolare i progressi su questioni diverse come il controllo dell'inquinamento, la gestione delle risorse e delle aree protette, l'adattamento ai cambiamenti climatici e la protezione della biodiversità. Infine, i costi ambientali del recupero possono essere significativi. I grandi progetti di ricostruzione urbana possono richiedere enormi volumi di risorse.

Opportunità ambientali

Mentre i conflitti armati e le attività militari possono causare o facilitare molte diverse forme di danno ambientale, affrontare l'ambiente durante e dopo i conflitti può anche creare opportunità per costruire e sostenere la pace e per aiutare a trasformare le società attraverso una ripresa sostenibile.

Le risorse naturali condivise possono fornire la base per il dialogo tra le parti in guerra, così come le comuni minacce ambientali che si estendono oltre i confini e i confini umani. Approvvigionamenti energetici imprevedibili durante i conflitti possono incoraggiare una transizione all'energia solare, mentre la devastazione causata dai conflitti può essere un'opportunità per ricostruire un ambiente più verde o per creare nuovi quadri giuridici nazionali per gestire in modo sostenibile le risorse.

Tuttavia, queste opportunità dipendono da una maggiore attenzione all'ambiente prima, durante e dopo i conflitti. Se non richiediamo una maggiore protezione prima e durante i conflitti, il danno sarà considerato accettabile. E se ignoriamo l'ambiente dopo i conflitti, non solo perderemo opportunità per incoraggiare una ripresa sostenibile, ma potremmo anche creare stati per futuri conflitti di risorse. 


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

🎥 Botanica Per Tutti - Viaggio tra uomini, donne e piante

Questo documentario è l’ABC per approcciare l'Etnobotanica, una materia che si lega alla psiche umana, alla genetica, alle tradizioni ed all’empatia con il mondo vegetale. Sì tratta del primo frutto del progetto PROSPETTIVE VEGETALI. Un viaggio tra le persone capaci di raccontare l’importanza della Botanica nel nostro paese. Contadini, vivaisti, scienziati, artisti, poeti. Più di 260 interviste realizzate con un cellulare, raccolte viaggiando per due anni in tutta Italia con 8 domande sul taccuino.

Un documentario che vuole essere un manifesto in costante aggiornamento. Una fonte, per ispirare futuri progetti, volti a favorire processi di interazione tra Uomo e Vegetali.

Impero di Angyalistan, il paese dell'Orizzonte

L'Impero di Angyalistan è una micronazione fondata il 31 gennaio 1999, e la cui sovranità è stata proclamata il 7 ottobre 2000. Si estende all'orizzonte ed è quindi una nazione quantistica: in ogni momento, ogni punto della Terra è allo stesso tempo parte di un'infinità di linee di orizzonte e non di un'altra infinità di linee di orizzonte; il territorio dell'Impero è e non è allo stesso tempo, e l'Angyalistan ha su di sé una sovranità quantistica, chiamata “co-sovranità”. L'Impero rivendica dall'ottobre 2012 anche l'immondizia nelle acque internazionali (Nord e Sud Pacifico, Nord e Sud Atlantico, Oceano Indiano), con l'obiettivo di far scomparire questo territorio fisico e rendendolo l'unico "paese" al mondo che cerca la propria distruzione.

L'Ecologia Libertaria

Il pensiero ecologico moderno matura negli anni Settanta e Ottanta alimentato, almeno in parte, dall’onda lunga e la grandissima risonanza di libri pionieristici come Primavera silenziosa di Rachel Carson (1962), che per primo aveva raccontato i danni di DDT e fitofarmaci sull’ambiente e la salute umana.

Durante le sue prime manifestazioni, il movimento ambientalista inizia un’analisi dello stato del pianeta partendo da innumerevoli spunti e intuizioni spesso governati da ricerche scientifiche, a volte da approcci mistici, altre da una mescolanza propria o impropria delle due cose. Ognuna di queste visioni del mondo ha la sua analisi, i suoi scenari, le mappe su cui costruire una “soluzione” ai problemi ambientali.

Flandrensis: due giornate di riforestazione!

🇪🇬 ! CERCASI VOLONTARI !🌲 Vi aspettiamo questo week-end per un doppio appuntamento, stavolta di nuovo in collaborazione a Città di Smeraldo Aps e Simbiosi Magazine nell'ambito del progetto Riforestiamo in Italia - Pianta un albero 🌱 NAF (Nuove Antiche Foreste) nasce con l'intento di ricostruire parti dell'antica foresta planiziale ormai pressoché completamente scomparsa. Tutta la Pianura Padana un tempo era ricoperta da un'immensa verde foresta, con stagni, paludi e una biodiversità oggi inimmaginabile. Il sogno è vedere nuove parti di questa foresta crescere, aumentando il valore biologico del territorio, migliorando l'aria, abbassando la CO2, aumentando esponenzialmente la biodiversità e dando rifugio a tante specie, sia animali che vegetali, che oggi sono in grande difficoltà 🌲 COSA ASPETTATE ? IL MOMENTO DI AGIRE È ORA !

Flandrensis: nuove radici a Cognento

Vi aspettiamo domenica 22 Marzo 2022 a Cognento (Modena) per incontrarci di persona, conoscerci se già non ci conosciamo e nel frattempo mettere a dimora nuove piantine che in futuro contribuiranno ad assorbire la CO2 prodotta dall'autostrada che si trova nelle vicinanze.

🕑 Il ritrovo è alle 12:00 in via Cardinale Guglielmo Massaia all'altezza del civico 65 per poi spostarci nel parco adiacente dove, oltre a mettere a dimora le piantine, faremo un pic-nic tutti insieme.

🧑‍🌾 Quindi armatevi di bevande, stuzzichini e di volontà di rendere il mondo un posto migliore.

A domenica! 🌲

Una panoramica sul Bioregionalismo

Il bioregionalismo è un approccio etico, politico, ideologico, legato al territorio in cui si vive, considerato come un insieme omogeneo dal punto di vista morfologico e da quello degli esseri viventi.

Rappresenta in un certo senso "l'intersezione" tra diverse anime culturali del movimento ambientalista: quelle tradizionaliste, (in senso eminentemente folclorico-ambientalista) e quelle localiste. Lo studio delle bioregioni utilizza largamente la Teoria degli Insiemi elaborata da Georg Cantor.

Si tratta quindi di considerare un territorio geografico omogeneo in cui dovrebbero essere predominanti le regole dettate dalla natura e non le leggi che l'uomo avrebbe definito.

🎥 Liberi Dalla Civiltà

Spunti per una critica radicale ai fondamenti della civilizzazione: dominio, cultura, paura, economia, tecnologia

È possibile vivere in un mondo senza dominio, senza sfruttamento, senza inquinamento e mercificazione? Per almeno due milioni di anni i nostri antenati primitivi hanno vissuto così, ed è solo con la comparsa dell'agricoltura che l'esistenza ha preso la via di una distruttività sempre più accelerata e dilagante.

Derrick Jensen: "Le Azioni Parlano Più Forte Delle Parole" (Earth First!, 1998)

Derrick Jensen (nato il 19 dicembre 1960) è un ecofilosofo, scrittore, autore, insegnante e ambientalista americano di tradizione anarco-primitivista, anche se rifiuta l'etichetta "anarchico". È un critico dell'attenzione del movimento ambientalista mainstream sulla conservazione della civiltà e della tecnologia rispetto alla conservazione del mondo naturale.

Sfida in modo specifico i cambiamenti dello stile di vita e le soluzioni individualistiche ampiamente sostenute, considerandole inadeguate alla scala della catastrofe ambientale globale. Invece, promuove la disobbedienza civile, l'attivismo radicale e lo smantellamento delle infrastrutture a livello massiccio per fermare quello che ha chiamato "l'assassinio del pianeta".

Insieme ad altri attivisti ambientalisti radicali, Jensen ha corrisposto a "Unabomber", Ted Kaczynski, dopo il suo arresto. Hanno litigato perché Kaczynski sentiva che Jensen e altri ambientalisti radicali erano troppo dediti a cause di sinistra che Kaczynski trovava irrilevanti.

La Cartografia Mitica, l'atto di creare e mantenere luoghi sacri

Esiste un'abbondanza di risorse, a questo punto della storia, per spiegare e preparare il terreno per questa comprensione fondamentale, qui sulla scia del cambiamento climatico, delle estinzioni di massa e della crescita sconsiderata della popolazione umana:

Qualcosa deve cambiare. Il modo in cui viviamo qui, sulla Terra, deve cambiare. La nostra situazione è diventata pericolosa.

Ora puoi guardare a questo in due modi. Un modo coinvolge il battito del seno, la disperazione, il panico, la profezia di sventura e tristezza e il concentrarsi su tutto ciò a cui dobbiamo rinunciare per sopravvivere ed espiare.

L'altro modo consiste nel concederci finalmente il permesso di appartenere e rivendicare tutto ciò di cui i nostri cuori, spiriti e corpi sono affamati da quando la civiltà ha iniziato la sua marcia implacabile.

Permacultura Incivile

Nell'ambiente ambientalista contemporaneo sia la teoria della permacultura che la sua pratica sono diventate popolari come mezzi con cui riparare lo strato superficiale della terra che si sta esaurendo e tentare altrimenti di vivere in modo più sostenibile con il nostro pianeta. Non è che una risposta alla crisi ecologica che affrontiamo, sia che la conversazione sia incentrata sul cambiamento climatico, la distruzione ambientale, la sicurezza alimentare o la totalità.

L'Ecologia di Kropotkin

"Il presente è il luogo in cui ci perdiamo, se dimentichiamo il nostro passato e non abbiamo una visione del futuro". Così scriveva il poeta ghanese Ayi Kwei Armah.

Quest'anno ricorre il centenario della morte del geografo anarchico Peter Kropotkin, una figura del passato che non dobbiamo certo dimenticare.

Etnobotanica, perché studiarla è importante?

L'etnobotanica è lo studio delle piante di una regione e dei loro usi pratici attraverso la conoscenza tradizionale di una cultura e di un popolo locali. Un etnobotanico si sforza quindi di documentare le usanze locali che coinvolgono gli usi pratici della flora locale per molti aspetti della vita, come le piante come medicinali, alimenti, sostanze intossicanti e vestiti.

Il Generale Giuseppe Marasco: la nuova figura cardine per la lotta e la tutela dell'ambiente

A meno che non viviate sotto una roccia o in una caverna nascosta (scelta che noi approviamo, ndr), vi sarà sicuramente capitato di vedere, soprattutto grazie alla diffusione per mezzo internet attraverso video oppure attraverso "meme" divertenti (menzioni d'onore a pagine come Mimmo Modem), le avventure del dott. Giuseppe Marasco, persona che da anni combatte per la tutela ambientale ed ecologica specialmente della sua zona d'origine Manfredonia ed il Nord Della Puglia. In questo articolo vogliamo farvelo conoscere e ringraziarlo per il suo operato.

🎥 Donazione Piante al Parco Della Vita (Brusciano, NA)

In occasione della festa dell'Albero 2021, il rappresentante di Libere Comunità, Graziano in rappresentanza della nostra start up, della micronazione intenzionale del "Bardo" (lui è il reggente della Zona Autonoma di Urside, parte del progetto Archipelago de 'il Bardo') ha donato diversi fiori e piante al Parco Della Vita di Brusciano, in provincia di Napoli, anche per celebrare la futura intesa tra le organizzazioni.

🎥 Intervista a Plastic Free Modena - 4 Aprile 2022

Nella giornata di oggi, i Cavalieri del Consolato Estense del Gran Ducato di Flandrensis hanno supportato l'iniziativa di pulizia volontaria di discariche abusive promossa da Plastic Free Modena presso Viale Dello Sport. Plastic Free Odv Onlus è un'associazione di volontariato nata il 29 Luglio 2019 con lo scopo di informare e sensibilizzare più persone possibili sulla pericolosità della plastica, in particolare quella monouso, che inquina e uccide.

Come Ho Fatto A Far Crollare La Civiltà

Una domanda che mi viene spesso posta è:

"Cosa ti fa pensare di poter abbattere la civiltà?"

La mia risposta è piuttosto semplice e si compone di due parti: la prima parte è che sono ancora relativamente (rispetto a molti altri) abile e capace e la seconda parte è che le mie esperienze passate dimostrano che ho la capacità di fare crollare la civiltà.

Flandrensis: mettiamo radici per il futuro!

🇪🇬 Possiedi un terreno e vuoi trasformarlo in un bosco? Contattaci! Il Consolato Estense del Gran Ducato di Flandrensis aderisce al piano d'Azione Ambientale per il futuro sostenibile tramite il bando per la distribuzione gratuita di piante forestali nell'ambito del progetto "Quattro milioni e mezzo di alberi in più: piantiamo un albero per ogni abitante dell'Emilia-Romagna"!

🌲 La Regione Emilia-Romagna prosegue nel progetto “Mettiamo radici per il futuro” con lo scopo di estendere le aree boschive e le foreste in generale, realizzare nuovi boschi e piantagioni forestali in prossimità dei corsi d’acqua, riqualificare sistemi agroforestali, siepi e filari in un contesto di valorizzazione del paesaggio e di fruizione pubblica del territorio.

Flandrensis partecipa alla Giornata Mondiale della Pulizia

Ogni anno il Granducato di Flandrensis partecipa in 72 nazioni al World Cleanup Day, un programma annuale di azione sociale globale volto a combattere il problema mondiale dei rifiuti solidi, compreso il problema dei detriti marini. È coordinato dall'organizzazione globale Let's Do It! World, la sede si trova a Tallinn, in Estonia.

I partecipanti ai World Cleanup Days sono in genere volontari, con il coordinamento di organizzazioni non governative che assistono nella sensibilizzazione, nella logistica e nella raccolta fondi.

L'Era dell'Esitazione: Olocene, Antropocene e Chthulucene

"L'età della spada, l'età dell'ascia, gli scudi sono spaccati, l'età del vento, l'età del lupo, prima che il mondo affondi" — Vǫluspá

Non c'è dubbio che l'attività umana abbia profondamente danneggiato la vasta rete interconnessa di sistemi ecologici che mantengono le condizioni di vita su questo pianeta.

Allo stesso modo, c'è sempre più accordo tra gli scienziati del clima sul fatto che siamo attualmente nel mezzo di un sesto evento di estinzione geologica che potrebbe causare l'annientamento fino al 75% delle specie sulla terra, compresa l'umanità.

L'unica domanda ora è come concettualizziamo questo fatto e, naturalmente, come intendiamo affrontarlo.

Spirito della Natura e Stregoneria: intervista a Lisa Catola

Essere strega per me è un modo di vivere la vita con la consapevolezza di essere parte della Natura in cui ogni cosa vivente è sacra. È un cammino spirituale fatto di pratiche concrete e reali che arrivano dalle Streghe che mi hanno preceduta, e che integro nella mia vita quotidiana. Trovo che sia essenziale per una strega, vivere seguendo i ritmi della Natura, onorarne i cambiamenti e in base a questi ritmi creare i propri incanti per trasformare la propria vita e aiutare anche gli altri a fare lo stesso.