I popoli indigeni nel corso della storia hanno combattuto e sono morti per resistere alla forte invasione della civiltà nelle loro vite. Questa lotta continua oggi, poiché gli "incivili" sono spinti sempre più vicino al limite della sopravvivenza dai "civilizzati" di tutto il mondo e lo squilibrio tecnologico tra noi continua ad espandersi e creare un divario sociologico che ci rende incapaci di capire l'un l'altro anche a livello di base.

Gli stili di vita dei civili e degli incivili sono divergenti a tal punto che è diventato quasi impossibile per i civilizzati vedere che la loro civiltà è diventata un ostacolo alla nostra sopravvivenza di base. Invece, sostengono la loro civiltà come strumento della loro sopravvivenza e temono di vivere in un mondo senza di essa. Sono così condizionati dall'ordine della loro civiltà che non riescono a immaginare una vita in sua assenza.

L'intero concetto di "civiltà" dipende dal governo del colonizzatore e dalla sua brutale sottomissione delle popolazioni indigene. La marcia perpetua della civiltà globale è alimentata dal lavoro forzato e dallo sfruttamento delle risorse naturali nel Sud del mondo (e, storicamente, in tutte le terre oltre il continente europeo).

Per privare la terra delle sue risorse, le persone che vivono sulla terra devono essere sfollate e trasferite in città, fattorie o "riserve" affollate dove saranno costrette a lavorare per trasformare quelle risorse in prodotti di consumo per i mercati dell'Occidente. Questo processo di civilizzazione delle popolazioni indigene è rapido e la nostra cultura, lingua e storia vengono spesso estinte con la forza dai colonizzatori per assicurarci di non tentare di tornare alle nostre precedenti vite "non civilizzate" e reclamare quelle terre che hanno preso per la loro industria.

Le classi dirigenti sono sempre alla ricerca di nuove strade per accumulare ricchezza per se stesse. I governanti creano sottoclassi sottomesse privando i popoli incivili dei loro habitat naturali in modo che non abbiano altra scelta che accettare l'addomesticamento ed essere integrati nel sistema capitalista industriale. Il sovrano può quindi convertire con successo le persone che ha addomesticato e addomesticato in merci redditizie; lavoratori docili che possono lavorare tutta la vita per creare più ricchezza per il sovrano.

Un sovrano non vede alcuna utilità per un cacciatore-raccoglitore o per qualsiasi persona che non stia creando ricchezza e potere per il sovrano. Se le persone non avessero bisogno di lavorare affinché i governanti acquisissero cibo e riparo, i governanti cesserebbero di avere il potere. Quindi il peggior nemico del sovrano è una persona che non dipende dai governanti per sopravvivere, o peggio; un'intera cultura di persone autosufficienti. Una cultura incivile su cui non ha alcun controllo è la peggiore paura di un sovrano.

Sotto la civiltà, le popolazioni indigene non potranno più sopravvivere al di fuori delle loro terre ancestrali, cacciando e raccogliendo cibo. Ora, per sopravvivere in questo nuovo mondo impostoci dai colonizzatori, dobbiamo sopportare un lavoro massacrante in fabbriche, magazzini, miniere e fattorie industriali. I nostri figli devono essere educati alla maniera dei colonizzatori; per trasformarli in lavoratori produttivi e sottomessi. Dobbiamo dipendere dallo stato e dai colonizzatori per nutrirci e vestirci. Dobbiamo consumare, sprecare e partecipare alla distruzione degli ecosistemi che ci hanno sostenuto per millenni. Dobbiamo essere “civilizzati” affinché la classe dirigente possa prosperare a nostre spese.

Libertà attraverso il rifiuto

Rifiutare la civiltà significa opporsi a questa disposizione coercitiva in cui la nostra storia, la nostra cultura e la conoscenza collettiva che ci ha permesso di sopravvivere e prosperare sulla nostra terra ci vengono sottratte da industriali profittatori che ci vorrebbero dedicare la nostra intera vita a lavorare per il loro beneficio poiché ci negano l'accesso alle nostre terre e risorse.

Rifiutare la civiltà è opporsi all'urbanizzazione; l'ammassamento di persone in aree piccole, aride e cementate che possono essere controllate più facilmente dai nostri governanti per impedirci di infrangere le loro richieste di essere "civili" e obbedienti.

Rifiutare la civiltà significa opporsi ai metodi di sfruttamento agricolo industriale che costringono i poveri delle zone rurali a sacrificare il proprio lavoro per nutrire le città materialmente ricche, mentre depreda rapidamente la terra della sua fertilità e inaridisce le falde acquifere per l'irrigazione a un ritmo molto più rapido di quanto possa essere reintegrato.

La civiltà dipende da una concentrazione massicciamente disuguale della ricchezza; una brutale gerarchia capitalista in cui i pochi che hanno avuto la fortuna di salire al vertice controllano tutti quelli che sono al di sotto di loro. In fondo alla gerarchia della civiltà ci sono i popoli indigeni del mondo.

Controllo e addomesticamento

Le voci dei popoli indigeni, siano essi accettati dai loro colonizzatori come "civilizzati" con successo, o rifiutati come "incivili", sono stati a lungo ignorati da tutti coloro che beneficiano della marcia della civiltà e delle cose luccicanti che offre loro. Cose brillanti rese possibili dallo sfruttamento dilagante delle terre indigene e dalla manipolazione e controllo delle popolazioni indigene attraverso l'addomesticamento.

“Controllo” è la parola chiave per capire perché è nata la civiltà. I colonizzatori capitalisti lavorano duramente per convincerci che dobbiamo essere controllati da loro e dalla loro civiltà. Che abbiamo bisogno della loro civiltà per proteggerci dal male. Se lavoriamo per loro, non soffriremo la fame. Se diamo loro le nostre terre e ci trasferiamo nelle loro "riserve" o nelle loro fattorie o nelle loro città, adottiamo la loro lingua e religione, ci daranno protezione, ci permetteranno di sopravvivere con "dignità", ci accetteranno come addomesticati e civilizzati con successo.

L'ironia di tutto ciò è sbalorditiva. I colonizzatori decimano le nostre foreste e squarciano la nostra terra per svuotarla delle sue risorse. Massacrano la nostra fauna selvatica fino all'estinzione e inzuppano la nostra vita vegetale con erbicidi per assicurarci che non possiamo sostenerci. Rendono la nostra acqua tossica e imbevibile. Distruggono il nostro clima con la loro combustione di carbonio. Ci uccidono se osiamo ostacolarli.

E poi ci offrono rifugio dalla loro tirannia. Una scelta tra asservimento o estinzione. Spostati nelle loro città, nei bassifondi, nelle piantagioni e nelle riserve ed essere accettato come "civilizzato" o muori per mano loro per essere "selvaggi incivili subumani" che non possono essere "salvati". Tutto ciò che la civiltà non può controllare deve essere epurato per garantire che la marcia della civiltà continui senza ostacoli.

Abbracciare l'anarchia significa opporsi all'idea stessa di controllo. Rifiutare l'autorità del colonizzatore e la sua civiltà coercitiva che ci toglie così tanto per fornire conforto a culture che prima ci vedrebbero massacrate piuttosto che minacciare i loro stili di vita alimentati dall'industria. L'anarchia è fidarsi di noi stessi e del nostro prossimo per lavorare insieme attraverso l'aiuto reciproco per risolvere i nostri problemi, senza aver bisogno della "carità" di potenti autorità.

Gli anarchici indigeni anti-civ riconoscono che il concetto stesso di civiltà dipende dalla capacità dei nostri colonizzatori di controllarci. La nostra assimilazione forzata nella civiltà aliena dei colonizzatori e le leggi punitive a cui siamo costretti a obbedire sono progettate per impedirci di resistere all'ordine perverso che i nostri colonizzatori ci impongono. Il loro ordine dipende dal nostro addomesticamento e dalla distruzione del nostro modo di vivere. La loro civiltà è progettata per distruggere tutto ciò che tocca.

Abbracciando il nostro "deserto inospitale"

Il cosiddetto "deserto inospitale" che la civiltà ha ritenuto opportuno ridurre alla sottomissione è la linfa vitale della nostra esistenza. Per millenni, abbiamo vissuto in pace con questo deserto, nutrendolo tanto quanto ha nutrito noi. Eravamo custodi della terra, piuttosto che sfruttatori di essa. Ora, come persone civili, lavoriamo per tutta la vita per il diritto di affermare la proprietà su un minuscolo pezzo di terra. In modo che possiamo lastricarlo ed erigere un blocco di cemento in cui vivere. Se abbiamo successo. La maggior parte di noi non ottiene nemmeno questo privilegio e sono costretti a pagare i ricchi proprietari terrieri per il diritto di vivere in uno dei blocchi di cemento che possiedono.

Incivili, vagavamo liberi, frutti ed erbe selvatiche crescevano in ogni direzione; pronti per la raccolta. Ruscelli d'acqua dolce pieni di pesci punteggiavano il paesaggio. I suoni della fauna selvatica riempivano l'aria. Il nostro lavoro è stato minimo e le ricompense sono state istantanee. Conoscevamo solo l'abbondanza. O, più precisamente: ricchezza senza abbondanza.

I cacciatori-raccoglitori sono in grado di soddisfare i loro bisogni immediati senza dover accumulare un surplus come devono fare le persone civili per sopravvivere (con agricoltura, lavoro, prestiti, risparmi, mutui, pensioni, assicurazioni). Gli incivili non hanno bisogno di beni materiali perché cose così frivole ostacolerebbero la loro capacità di vivere nomadicamente con le stagioni. Avere troppi beni ci costringe a stare sempre in un posto per custodire quei beni con la nostra vita, in modo da poter continuare a possederli e non rischiare che ci vengano portati via. Ciò crea uno stile di vita paranoico incentrato sulla sicurezza che mette la proprietà e la protezione della proprietà al di sopra dei nostri bisogni più elementari.

I cacciatori-raccoglitori possono confidare che l'ambiente provvederà a noi, che andare a fare una passeggiata per cacciare o cercare cibo darà a noi e ai nostri cari tutto il cibo e l'acqua di cui avremo bisogno per alcuni giorni. Dopo aver fatto quella passeggiata, il resto della giornata è completamente aperto per il tempo libero.

Le persone civilizzate amano riferirsi ai cacciatori-raccoglitori come colpiti dalla "povertà". Ma questa povertà è una povertà materiale; una mancanza di eccedenze, lussi, cose. In termini reali, i cacciatori-raccoglitori sono molto più ricchi dei lavoratori civili perennemente indebitati che hanno poco spazio per il tempo libero e devono misurare la loro intera esistenza in termini di "tempo". I civili, nelle loro società basate sull'agricoltura, devono lavorare 5 o 6 giorni alla settimana semplicemente per sopravvivere. Gli incivili non hanno bisogno di simili assurdità. Come ha osservato Marshall Sahlins, i cacciatori-raccoglitori sono la società benestante originaria. Senza bisogni materiali, non c'è bisogno di povertà o ricchezza. Tutte le persone possono essere uguali; una vera anarchia.

Le persone civilizzate piantano filari di raccolti in monocolture industriali recintate e sterilizzate che a malapena assomigliano alle diverse foreste alimentari interconnesse che si sostengono a vicenda che ci hanno nutrito nel corso della storia. Gli agricoltori filtrano ripetutamente gli stessi appezzamenti di terra anno dopo anno per coltivare queste singole colture, inzuppandole di fertilizzanti chimici e pesticidi in modo che nient'altro che la monocoltura possa sopravvivere. Il suolo è eroso, sterile di vita, dipendente dagli intrugli chimici che l'agricoltore deve indebitarsi per procurarsi.

Nella civiltà, l'acqua è scarsa, controllata e costosa. La frutta arriva avvolta nella plastica e devi lavorare nella miseria per un giorno intero per permettertela. Il pesce è contaminato dai rifiuti tossici che l'industria vomita nei corsi d'acqua, eppure siamo ancora accusati del privilegio di mangiarlo. La fauna selvatica è stata in gran parte sostituita da vaste distese di bestiame in gabbia. Gli infiniti escrementi di queste strutture industriali per la carne si riversano anche nei corsi d'acqua, avvelenando ulteriormente l'ecosistema e sterilizzando la terra.

La natura selvaggia che un tempo ci definiva è stata estromessa dai nostri colonizzatori. Come cani allevati da lupi selvatici per essere obbedienti e sottomessi ai loro padroni, siamo arrivati ​​a dipendere dallo stato e dai capitalisti per la nostra sopravvivenza di base. Malati e addomesticati, ci combattiamo per gli avanzi di cibo gettatici dai governanti che ci privano della nostra terra e delle nostre stesse vite.

Capire il neocolonialismo

Il primo presidente del Ghana, Kwame Nkrumah, spiegò succintamente il neocolonialismo nel 1965:

L'essenza del neocolonialismo è che lo Stato che ne è soggetto è, in teoria, indipendente e ha tutti i simboli esteriori della sovranità internazionale. In realtà il suo sistema economico e quindi la sua politica è diretta dall'esterno. I metodi e la forma di questa direzione possono assumere varie forme. (Molto) spesso, il controllo neocolonialista viene esercitato attraverso mezzi economici o monetari. Il controllo sulla politica del governo nello Stato neocoloniale può essere assicurato da pagamenti per le spese di gestione dello Stato, dalla fornitura di funzionari pubblici in posizioni in cui possono dettare la politica e dal controllo monetario sui cambi attraverso l'imposizione di un sistema bancario, sistema controllato dal potere imperiale.

Questa descrizione del neocolonialismo suona ancora vera oggi, con le culture indigene di tutto il mondo che sperimentano ciò che Nkrumah ha descritto nelle sue varie forme. Più recentemente, i neocolonialisti cinesi si sono riversati nelle terre indigene, promettendo di risollevarci con la loro ricchezza. I loro investitori, banchieri, commercianti, istituti di credito, sviluppatori e enti di beneficenza promettono tutti di migliorare le nostre vite in meglio.

I paesi africani in particolare stanno contraendo enormi debiti con Pechino, offrendo la loro terra, petrolio, gas, minerali e altre risorse come garanzia per ogni nuovo prestito di un miliardo di dollari che prendono. Quando inevitabilmente andranno in default su questi prestiti insostenibili, la Cina prenderà le garanzie e priverà il continente della sua ricchezza naturale. La Malesia si è recentemente resa conto dei pericoli di questa trappola del debito e si è ritirata dagli accordi di sviluppo cinesi. Il primo ministro Mahathir Mohamad ha avvertito il mondo:

"c'è una nuova versione del colonialismo in corso".

L'Istituto Confucio senza scopo di lucro che opera nelle terre indigene è un veicolo per la propaganda cinese, limitando ciò che gli insegnanti forniti dalla Cina possono dire, distorcendo ciò che gli studenti imparano. Questa propaganda attraverso l'istruzione è progettata per promuovere gli interessi economici della Cina condizionando i bambini indigeni ad accettare la colonizzazione e una vita di sottomissione. I colonizzatori fanno di tutto per normalizzare il terrore che portano e convincerci che ci fa bene.

Kwame Nkrumah:

Il neocolonialismo potrebbe anche essere la peggiore forma di imperialismo. Per chi lo pratica significa potere senza responsabilità e per chi ne soffre significa sfruttamento senza riparazione. Ai tempi del colonialismo vecchio stile, il potere imperiale doveva almeno spiegare e giustificare in patria le azioni che stava compiendo all'estero. Nella colonia coloro che servivano il potere imperiale dominante potevano almeno guardare alla sua protezione contro qualsiasi mossa violenta dei loro oppositori. Con il neocolonialismo non è così.

Analogamente alla Cina, la Corea del Sud e le sue multinazionali hanno acquistato diritti agricoli su milioni di ettari di terreni agricoli in paesi “sottosviluppati”, al fine di garantire risorse alimentari ai propri cittadini. La storia del colonialismo e delle repubbliche delle banane ci ha mostrato che questo tipo di accordo ha portato solo alla miseria delle popolazioni indigene e al degrado delle nostre terre.

Park Yong-soo, CEO di RG Energy Resources Asset Management della Corea del Sud:

La nazione (sudcoreana) non produce una sola goccia di petrolio greggio e altri minerali industriali chiave. Per alimentare la crescita economica e sostenere i mezzi di sussistenza delle persone, non possiamo sottolineare troppo che la sicurezza delle risorse naturali nei paesi stranieri è un must per la nostra sopravvivenza futura.

Il capo dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), Jacques Diouf, ha avvertito che l'aumento di questi accordi sulla terra potrebbe creare una forma di neocolonialismo, con le regioni più povere che producono cibo per i ricchi a spese della propria gente affamata. È sicuro dire che questa ultima forma di neocolonialismo è già arrivata, e i nostri governi corrotti stanno firmando accordi che ci rendono sempre più dipendenti da queste nazioni straniere e dalle loro promesse di "sollevarci" costruendoci città e infrastrutture.

È fondamentale resistere ai loro tentativi di civilizzare le nostre terre in modo che saremo costretti a lavorare per loro; aiutandoli a rubare le nostre risorse naturali per far crescere i loro imperi in modo che possano espandersi ulteriormente e sfruttare più popolazioni indigene in tutto il mondo.

E le nostre autorità locali, che sono così pronte a vendere il nostro futuro per i lussi fugaci di torri di cemento e treni più veloci, sono altrettanto colpevoli in questa spinta neocoloniale a trasformarci in lavoratori mendicanti di imperi stranieri.

I Maasai, una tribù semi-nomade che abita principalmente Tanzania e Kenya, migrano con le stagioni da secoli. Sono stati sempre più espulsi dalla loro terra dagli stati e dagli interessi economici che colludono per scrivere leggi che proibiscono loro di coltivare piante e pascolare i loro animali su ampi tratti della loro terra tradizionale.

Decine di migliaia di Maasai sono rimasti senza casa dopo che le loro case nell'area turistica del cratere di Ngorongoro sono state date alle fiamme, presumibilmente per "preservare l'ecosistema della regione" e attirare più turisti.

Il governo tanzaniano collabora con Tanzania Conservation Limited, che è di proprietà della Thomson Safaris, con sede negli Stati Uniti, e Ortello Business Corporation; una compagnia di caccia di lusso con sede negli Emirati Arabi Uniti, per scacciare i Maasai dalla loro terra. Vengono picchiati, fucilati e le loro proprietà confiscate. I giovani pastori sono così spaventati che ora corrono ogni volta che vedono un veicolo in avvicinamento, temendo per la loro vita.

Lo stato ha ora ordinato al popolo Maasai di lasciare la propria terra natale in modo che possa essere trasformata in un terreno di caccia per turisti benestanti che pagano un sovrapprezzo per sparare a selvaggina di grossa taglia e portare a casa le carcasse come trofei di peluche.

Lo stato aiuta in questi atti genocidi per garantire investimenti stranieri per costruire le sue città. Lo stato metterà sempre i civili prima degli incivili perché l'intera ragione per cui esiste uno stato è far crescere le sue città e saccheggiare cibo e risorse per alimentare quella crescita.

La civiltà è sempre stata l'arma usata dai potenti per condannarci a una vita di servitù. Rifiuta la civiltà. Rifiuta lo stato. Rifiuta il capitalismo. Rifiuta tutti i tentativi di conquistare le nostre terre e rendere schiavi i nostri popoli.

Guardare in bocca a caval donato: il divario tecnologico

Dovremmo capire che c'è una grande differenza tra i concetti di "strumenti" e "tecnologia". Gli strumenti possono essere realizzati su piccola scala con materiali locali, da individui o piccoli gruppi di persone nelle occasioni in cui gli strumenti sono necessari. A differenza della tecnologia, gli strumenti non costruiscono sistemi di autorità e obbedienza per consentire a un gruppo di dominarne un altro, purché ognuno sia in grado di creare o acquisire realisticamente strumenti da solo. La tecnologia dipende dalla capacità di organizzare immense operazioni di estrazione, produzione, distribuzione e consumo. Ciò richiede autorità e gerarchia coercitive. Oppressione.

Il Fifth Estate ha spiegato le insidie ​​della tecnologia nel 1981:

La tecnologia non è uno strumento semplice che può essere utilizzato in qualsiasi modo ci piace. È una forma di organizzazione sociale, un insieme di relazioni sociali. Ha le sue leggi. Se vogliamo impegnarci nel suo utilizzo, dobbiamo accettare la sua autorità. L'enorme dimensione, le complesse interconnessioni e la stratificazione dei compiti che costituiscono i moderni sistemi tecnologici rendono necessario un comando autoritario e impossibile un processo decisionale indipendente e individuale».

La tecnologia viene utilizzata dai governanti per controllare e pacificare i propri cittadini. Le società dei coloni sono cariche di meraviglie tecnologiche. Ma la loro gente è distaccata dalla terra in cui vive, alienata l'una dall'altra, i loro occhi sono costantemente fissi su distrazioni insensate che emanano dai loro schermi, mentre le loro terre si seccano e bruciano per pagare la loro dipendenza da questi prodotti industriali tossici.

La tecnologia è usata per conquistare, per affermare il dominio, per distruggere intere culture che osano rifiutare l'ordine mondiale dell'impero. Libia, Afghanistan, Siria, Iraq, interi paesi decimati dalla grande tecnologia degli imperialisti, che piovono morte dai cieli.

I colonizzatori avranno sempre una tecnologia migliore della nostra. Qualunque sia la tecnologia che ci promettono in cambio della nostra cooperazione con la loro agenda, impallidirà in confronto alle tecnologie che guidano le loro stesse società. Ci diranno che abbiamo bisogno della loro tecnologia per essere civilizzati, per evitare di rimanere indietro rispetto al resto del mondo, ma non c'è modo di mettersi al passo con la macchina dell'impero. Ci macinerà e ci sfornerà molto prima che rinunci ai segreti che promette.

La tecnologia è un'arma impugnata dai più potenti e non c'è modo per noi di eguagliare quel potere, quindi perché provare? Perché dedicare la nostra vita a giocare al loro gioco, secondo le loro regole? Ricevere in cambio i loro obsoleti scarti? Usano la loro tecnologia per convincerci che siamo inferiori a loro, che siamo "arretrati" e che hanno bisogno di "salvarci" dalla nostra esistenza "selvaggia". Dicono tutto questo mentre la loro supremazia tecnologica dipende dalle nostre risorse e dal nostro lavoro, dal fatto che siano in grado di costringerci a sacrificare noi stessi e i nostri figli e i figli dei nostri figli per dare loro il carburante per le loro grandi macchine importanti. Macchine che consentono loro di mantenere il loro dominio su di noi, in modo da rimanere perennemente inferiori a loro. Se mai ci hanno dato ciò che promettono; la liberazione che dicono porterà la loro tecnologia, il loro potere su di noi sarebbe perso. Non avremmo più bisogno di loro per "salvarci" dalla nostra natura selvaggia perché saremmo civili come loro.

Quando rinunciamo a così tanto di noi stessi in modo che ci diano la loro tecnologia, si assicurano che avremo bisogno di loro per mantenerla. Diventiamo dipendenti dalla loro tecnologia, e quindi dipendiamo da loro per continuare ad alimentarcela e ripararla quando si rompe. Le nostre vite iniziano a girare attorno alla tecnologia e ci dimentichiamo come farne a meno. E mentre siamo distratti dal bagliore calmante dei nostri piccoli schermi, i nostri ecosistemi vengono decimati dai coloni.

La tecnologia è una carota su un bastone e non può liberarci, solo addomesticarci e renderci schiavi. Rifiutala. Rifiuta di essere misurato dalla nostra abilità tecnologica o da quanto siamo civili. Rifiuta il colonizzatore e i suoi falsi doni e manipolazioni. Rifiuta la sua civiltà. Rifiuta il suo controllo su chi siamo e chi saremo.


Articolo originale: https://raddle.me/wiki/Indigenous_Anarchy


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

I comunitaristi libertari nativi americani d'Alaska

Oggi noi di Libere Comunità vi presentiamo i comunitaristi libertari delle tribù dei nativi americani d'Alaska. Ringraziamo il compagno Rinehart per averci inviato l'articolo raccontandoci la sua esperienza e la formazione della sua comunità libertaria indipendente ed autosufficiente formata da nativi americani in Alaska... buona lettura.

🎥 Libere Comunità incontra Patria Socialista - intervista e dibattito con Igor Camilli

L'Associazione Internazionale dei Lavoratori fu costituita a Londra nel 1864, per coordinare lo sviluppo del movimento operaio. Il programma e lo statuto furono stesi dallo stesso Marx che ne dettò pure i principi costitutivi ispirati alla solidarietà internazionale nella lotta per la liberazione dal dominio del capitale.

A partire dal 1869 emersero le polemiche politiche e di principio dell’ala anarchica, guidata da Proudhon e soprattutto da Bakunin, contrari alla gestione centralistica dell'associazione e all’indirizzo di costituire partiti socialisti in tutti i paesi. Il dibattito sulla sconfitta della Comune di Parigi provocò la rottura tra le due tendenze e gli anarchici furono espulsi dall’associazione.

Cosa succede se nel 2021 queste due idee tornano a scontrarsi? Le distanze sono ancora così persistenti? Scopriamolo in questa entusiasmante intervista e dibattito con Igor Camilli, segretario nazionale di Patria Socialista.

La Cartografia Mitica, l'atto di creare e mantenere luoghi sacri

Esiste un'abbondanza di risorse, a questo punto della storia, per spiegare e preparare il terreno per questa comprensione fondamentale, qui sulla scia del cambiamento climatico, delle estinzioni di massa e della crescita sconsiderata della popolazione umana:

Qualcosa deve cambiare. Il modo in cui viviamo qui, sulla Terra, deve cambiare. La nostra situazione è diventata pericolosa.

Ora puoi guardare a questo in due modi. Un modo coinvolge il battito del seno, la disperazione, il panico, la profezia di sventura e tristezza e il concentrarsi su tutto ciò a cui dobbiamo rinunciare per sopravvivere ed espiare.

L'altro modo consiste nel concederci finalmente il permesso di appartenere e rivendicare tutto ciò di cui i nostri cuori, spiriti e corpi sono affamati da quando la civiltà ha iniziato la sua marcia implacabile.

🎥 Liberi Dalla Civiltà

Spunti per una critica radicale ai fondamenti della civilizzazione: dominio, cultura, paura, economia, tecnologia

È possibile vivere in un mondo senza dominio, senza sfruttamento, senza inquinamento e mercificazione? Per almeno due milioni di anni i nostri antenati primitivi hanno vissuto così, ed è solo con la comparsa dell'agricoltura che l'esistenza ha preso la via di una distruttività sempre più accelerata e dilagante.

La Carcassa in Decomposizione dietro lo Spauracchio Verde

Come l'anarchia verde è diventata la posizione più controversa

L'anarchia verde, indipendentemente dalla propaggine, è una filosofia, una critica e un modo di vivere che enfatizza i principi anarchici più pronunciati. Gli anarchici verdi sono pronti e disposti a smantellare tutte le strutture di dominio, a partire da un'analisi radicata dell'ecologia, il che significa la relazione tra tutti gli esseri viventi e l'ambiente fisico da cui tutti dipendiamo per sopravvivere.

Esamineremo le origini e la graduale evoluzione dell'anarchia verde, esploreremo come queste idee vengono percepite dalle persone che guardano dall'esterno e cercheremo di capire perché l'anarchia verde è così detestata da un contingente di teorici di sinistra che, sempre più, ci hanno calunniato come "eco-fascisti".

Tecnoprimitivismo

Il tecnoprimitivismo (o archeofuturismo) è un'ideologia che crede che, sebbene i progressi della tecnologia siano stati benefici per la razza umana, il cambiamento nei valori culturali avvenuto insieme agli sviluppi tecnologici sia stato negativo per la razza umana. Pertanto la società dovrebbe tornare ai valori culturali del passato.

Dal Pensiero all'Ignoto

Come viene troncato il pensiero dalla sua radice?

Quando pensiamo all'immaginazione cosa ci viene in mente? Potremmo pensare alla creatività umana alla sua fonte, a una persona viva e pensante. Potremmo anche pensare all'immaginario, un regno separato da questo mondo in cui viviamo, sogni ad occhi aperti che sono separati dalle nostre vite: fantasie che servono solo come meccanismi di fuga, fantasie che sono piene di immagini prodotte dai mass media di altri pianeti, alieni con 14 dita, o sesso con umanoidi bionici dai lineamenti geometrici in silicone.

La parola immaginazione è stata corrosa insieme alla sua radice: l'immagine. Le immagini che ci troviamo di fronte ogni giorno sembrano non avere origine umana. Sono create per il mercato, e hanno le qualità del mercato, lasciano poca traccia dei loro creatori umani.

Permacultura Incivile

Nell'ambiente ambientalista contemporaneo sia la teoria della permacultura che la sua pratica sono diventate popolari come mezzi con cui riparare lo strato superficiale della terra che si sta esaurendo e tentare altrimenti di vivere in modo più sostenibile con il nostro pianeta. Non è che una risposta alla crisi ecologica che affrontiamo, sia che la conversazione sia incentrata sul cambiamento climatico, la distruzione ambientale, la sicurezza alimentare o la totalità.

Per una rete di Libere Comunità

L'idea di rimodellare il mondo e l'umanità, in virtù di una sfida non solo ecologica, ma economica, politica e sociale, ripensando al concetto di comunità e soprattutto di piccola patria ("small is better" direbbero gli inglesi o, meglio ancora, "less is more") è un'idea che, volenti o nolenti, terrà banco nel futuro prossimo.

"A Primitivist Primer", l'innesco al Primitivismo di John Moore

A Primitivist Primer è un saggio breve di John Moore pubblicato nel 2000 sulla rivista Green Anarchy, il cui titolo consiste in un interessante gioco di parole non traducibile letteralmente in italiano. "Primer" infatti è traducibile dall'inglese oltre che come "principiante", in senso tattico-militare come "innesco" o "chi innesca una carica", e in senso edilizio come "prima mano". Il suo primitivismo non è inteso come un desiderio di ritornare ad un epoca primitiva, quanto, nel prendere la società pre-industriale come un modello di riferimento in cui «la cooperazione tra gli individui erano gli aspetti prevalenti della vita comunitaria».

Come Ho Fatto A Far Crollare La Civiltà

Una domanda che mi viene spesso posta è:

"Cosa ti fa pensare di poter abbattere la civiltà?"

La mia risposta è piuttosto semplice e si compone di due parti: la prima parte è che sono ancora relativamente (rispetto a molti altri) abile e capace e la seconda parte è che le mie esperienze passate dimostrano che ho la capacità di fare crollare la civiltà.

Ted Kaczynski dal carcere sull'Ecofascismo: "un ramo aberrante della sinistra"

A smentire i luoghi comuni e l'etichetta di ecofascista sul noto ecoterrorista e scrittore Ted Kaczynski, detto "Unabomber" e sui movimenti di ecologia radicale, ci pensa lui stesso dal carcere, in una nota manoscritta datata 29 settembre 2020, scansioni recuperate il 10 febbraio 2022.

📃 Segue traduzione in lingua italiana del documento originale.

Cieli Caduti, è Tempo di Baciare di Nuovo la Terra

"Il cataclisma è avvenuto, siamo tra le rovine, iniziamo a costruire nuovi piccoli habitat, ad avere nuove piccole speranze. È un lavoro piuttosto duro: adesso non c'è una strada agevole verso il futuro: ma si gira intorno, o si scavalca gli ostacoli. Dobbiamo vivere, non importa quanti cieli siano caduti."

– DH Lawrence

Che cos'è comunque la civiltà? Definire questo termine sembra sempre uno dei maggiori ostacoli per le persone quando cerco di parlare con loro di primitivismo. Ritengono che il termine "civiltà" sia troppo ampio e gli venga dato troppo libero arbitrio. Cosa intendo quando dico che "la civiltà sta distruggendo la terra" o "la civiltà ci aliena da noi stessi e gli uni dagli altri"? La civiltà non è davvero una cosa, quindi non può davvero agire, sostengono. Questo è un buon punto e vale la pena soffermarsi.

Unabomber: la società industriale e il suo futuro

Nel 1971, Theodore John Kaczynski, detto Ted, si trasferì in una cabina remota senza elettricità o acqua corrente vicino a Lincoln, nel Montana, dove visse da recluso mentre imparava le abilità di sopravvivenza per diventare autosufficiente. Ha assistito alla distruzione della natura selvaggia che circondava la sua capanna e ha concluso che vivere nella natura stava diventando impossibile, decidendo di combattere l'industrializzazione e la sua distruzione della natura.

John Zerzan, pioniere dell'Anarco Primitivismo

Le opere di John Zerzan criticano la civiltà agricola come intrinsecamente opprimente e sostengono il ricorso ai modi di vita dei cacciatori-raccoglitori come ispirazione per come dovrebbe essere una società libera. Gli argomenti della sua critica includono l'addomesticamento, il linguaggio, il pensiero simbolico (come la matematica e arte) e il concetto di tempo.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Hakim Bey, il sogno anarchico delle T.A.Z.

Questa volta però vengo come il Dioniso vittorioso, che trasformerà il mondo in una vacanza... Non che abbia molto tempo...Nietzsche (dalla sua ultima “folle” lettera a Cosima Wagner)

I corsari e i pirati dei mari del XVIII secolo crearono una “rete d'informazione” che si estendeva per l’intero globo: primitiva e primariamente rivolta a truci affari, la rete funzionava nondimeno ammirabilmente. Sparse attraverso la rete erano isole, remoti nascondigli dove le navi potevano venire rifornite d'acqua e cibo, il bottino scambiato per necessità e lussi. Alcune di queste isole sostenevano “comunità intenzionali”, intere mini-società che vivevano coscientemente al di là della Legge e decise a rimanerci, anche se solo per breve ma felice esistenza.