Grazie ad attrezzature rudimentali e materiali facilmente reperibili è possibile concentrare la luce del sole ed utilizzarla anche per fini alimentari al posto del fuoco o del gas! Dalla cottura alla pastorizzazione, piatti semplici o elaborati, fino alla sterilizzazione dell'acqua al fine di renderla potabile, o ancora, un ottimo caffè scaldato a lento. Fornelli solari avanzati su larga scala possono cucinare per centinaia di persone.

Poiché non utilizzano carburante e non costano nulla per funzionare, molte organizzazioni senza scopo di lucro ne stanno promuovendo l'uso in tutto il mondo per aiutare a ridurre i costi del carburante e l'inquinamento atmosferico e per aiutare a rallentare la deforestazione e la desertificazione.

Nell'antichità si credeva che l'uso dell'energia solare fosse esistito in civiltà tra Greci, Romani e Cinesi, anche se non per cucinare.

La prima descrizione accademica dei principi di un fornello solare è del geologo, meteorologo, fisico, alpinista ed esploratore alpino svizzero Horace-Bénédict de Saussure, nel 1767. Il principio di cucinare i pasti al sole è stato poi ampiamente sviluppato nella Legione Straniera francese, negli anni '70 dell'Ottocento.

Accademica indiana mostra un fornello solare nel 1963

Esistono due tipologie di forni solari: quelli a scatola, più semplici, e quelli a concentrazione.

I forni a scatola (es. kyoto box) sono i più semplici e, sebbene si trovino anche in commercio, è facile costruirli in casa con materiali poveri (cartoncino, carta stagnola, colla). Con questo tipo di forni solari, la cottura avviene a temperature relativamente basse: ciò consente di allontanarsi per svolgere altre faccende senza rischiare di bruciare il cibo. I fornelli solari a pannello sono fornelli solari economici che utilizzano pannelli riflettenti per dirigere la luce solare su una pentola racchiusa in un sacchetto di plastica trasparente.

forni solari a concentrazione, molto più efficienti di quelli a scatola seppure un po' più cari, sfruttano invece l'uso di uno specchio parabolico per concentrare al massimo la luce nel punto in cui si pone la pentola con il cibo, superando anche i 200 °C di temperatura: in condizioni di cielo sereno e con sole visibile, è possibile, ad esempio, cuocere del riso per otto persone in 25 minuti. È possibile realizzare uno di questi riciclando la base di un'antenna parabolica coprendola con uno strato di nastro di alluminio termoriflettente. I fornelli solari parabolici concentrano la luce solare in un unico punto. Quando questo punto è concentrato sul fondo di una pentola, può riscaldare la pentola rapidamente a temperature molto elevate che spesso possono essere paragonabili alle temperature raggiunte nei barbecue a gas e a carbone. 

Le pentole in metallo e/o i vassoi inferiori possono essere oscurati con vernice spray nera piatta (una che non è tossica quando riscaldata), vernice a tempera nera o fuliggine da un fuoco, lasciando una striscia trasparente nei contenitori trasparenti per osservare la cottura o bollitura del cibo.

Il cibo è preparato come per un forno o un piano cottura. Tuttavia, poiché il cibo cuoce più velocemente quando è in pezzi più piccoli, il cibo posto all'interno di un fornello solare viene solitamente tagliato in pezzi più piccoli di quanto potrebbe essere altrimenti. Ad esempio, le patate vengono solitamente tagliate a pezzetti piuttosto che arrostite intere. Per cotture molto semplici, come fondere burro o formaggio, potrebbe non essere necessario un coperchio e il cibo può essere posizionato su un vassoio scoperto o in una ciotola. Se più cibi devono essere cotti separatamente, vengono posti in contenitori diversi.

Il contenitore del cibo viene posizionato all'interno del fornello solare, che può essere sollevato su un mattone, una roccia, un sottopentola di metallo o un altro dissipatore di calore, e il fornello solare viene posto alla luce diretta del sole. Gli alimenti che cuociono rapidamente possono essere aggiunti al fornello solare in un secondo momento. Il riso per un pasto di mezzogiorno potrebbe essere iniziato al mattino presto, con verdure, formaggio o zuppa aggiunti al fornello solare a metà mattinata. A seconda delle dimensioni del fornello solare e del numero e della quantità di cibi cotti, una famiglia può utilizzare uno o più fornelli solari.

Un forno solare viene girato verso il sole e lasciato finché il cibo non è cotto. A differenza della cottura sul fornello o sul fuoco, che può richiedere più di un'ora di supervisione costante, il cibo in un forno solare generalmente non viene mescolato o capovolto, sia perché non è necessario, sia perché l'apertura del forno solare consente al calore intrappolato di fuoriuscire e quindi rallentare il processo di cottura. Se lo si desidera, il forno solare può essere controllato ogni una o due ore, per girare il forno in modo che sia rivolto verso il sole in modo più preciso e per assicurarsi che le ombre degli edifici o delle piante vicine non abbiano bloccato la luce solare. Se il cibo deve essere lasciato incustodito per molte ore durante il giorno, il forno solare viene spesso girato in modo da essere rivolto verso il punto in cui si troverà il sole quando sarà più alto nel cielo, invece che verso la sua posizione attuale.

Il tempo di cottura dipende principalmente dall'attrezzatura utilizzata, dalla quantità di luce solare in quel momento e dalla quantità di cibo da cuocere. Anche la temperatura dell'aria, il vento e la latitudine influiscono sulle prestazioni. Il cibo cuoce più velocemente nelle due ore prima e dopo il mezzogiorno solare locale di quanto non faccia al mattino presto o nel tardo pomeriggio. Grandi quantità di cibo e cibo in grandi pezzi richiedono più tempo per cuocere. Di conseguenza, possono essere forniti solo dati generali per il tempo di cottura. A seconda delle condizioni locali e del tipo di cucina solare, questi progetti potrebbero richiedere la metà o il doppio del tempo.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

🎥 Donazione Piante al Parco Della Vita (Brusciano, NA)

In occasione della festa dell'Albero 2021, il rappresentante di Libere Comunità, Graziano in rappresentanza della nostra start up, della micronazione intenzionale del "Bardo" (lui è il reggente della Zona Autonoma di Urside, parte del progetto Archipelago de 'il Bardo') ha donato diversi fiori e piante al Parco Della Vita di Brusciano, in provincia di Napoli, anche per celebrare la futura intesa tra le organizzazioni.

Flandrensis: nuove radici a Cognento

Vi aspettiamo domenica 22 Marzo 2022 a Cognento (Modena) per incontrarci di persona, conoscerci se già non ci conosciamo e nel frattempo mettere a dimora nuove piantine che in futuro contribuiranno ad assorbire la CO2 prodotta dall'autostrada che si trova nelle vicinanze.

🕑 Il ritrovo è alle 12:00 in via Cardinale Guglielmo Massaia all'altezza del civico 65 per poi spostarci nel parco adiacente dove, oltre a mettere a dimora le piantine, faremo un pic-nic tutti insieme.

🧑‍🌾 Quindi armatevi di bevande, stuzzichini e di volontà di rendere il mondo un posto migliore.

A domenica! 🌲

Confederalismo Democratico

Il confederalismo democratico è una piattaforma politico-sociale sviluppata da Abdullah Öcalan, leader del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, sulle basi del municipalismo libertario e dell'ecologia sociale precedentemente teorizzate dal filosofo socialista libertario Murray Bookchin. Öcalan lo descrive come "una amministrazione politica non statale o una democrazia senza stato".

Il Confederalismo democratico è il modello di organizzazione del Rojava, regione autonoma de facto nel nord e nord-est della Siria.

Ecofascismo, una supercazzola prematurata?

Prima o poi saremmo arrivati a trattare anche questo spinoso argomento, e come sempre, lo faremo sine ira et studio, liberi da paraocchi e acriticità. L'ecofascismo non è un termine di così recente invenzione, ma negli ultimi anni sta tornando a una notevole ribalta semantica, ormai difficile da ignorare. Ma di che cosa si tratta esattamente?

L'Uomo Autarchico

Può sembrare difficile da credere, ma c'è stato un tempo in cui la gente comune ha avuto un maggiore controllo sulla propria vita e ha abitato un mondo in cui la stragrande maggioranza degli individui era in grado di vivere in comunità solidali con i loro simili dove perseguire un'esistenza rurale lontano dal rumore dei centri commerciali; coltivare il cibo per il proprio consumo, parlare tra di loro e godere delle arti come la musica in una società senza televisione né videogiochi, una società centrata sulla trasmissione di valori tradizionali ai propri figli senza l'influenza nefasta delle scuole di regime e dei mass-media. Ma qualcosa è andato storto.

Tecnoprimitivismo

Il tecnoprimitivismo (o archeofuturismo) è un'ideologia che crede che, sebbene i progressi della tecnologia siano stati benefici per la razza umana, il cambiamento nei valori culturali avvenuto insieme agli sviluppi tecnologici sia stato negativo per la razza umana. Pertanto la società dovrebbe tornare ai valori culturali del passato.

Flandrensis supporta Città di Smeraldo: Nuove Antiche Foreste

Sempre più spesso, ormai, si percepisce un gran bisogno di "ecologia", di cambiare le cose, di sperare in un futuro migliore. Allo stesso tempo non è raro che le persone finiscono per imbarcarsi in progetti che poi si rivelano di scarso valore. Se invece si uniscono le forze in progetti educativi e di alto valore ambientale, il risultato è di certo più inclusivo.

Le siepi morte aka dead hedges

Le siepi morte sono cumuli di rami e ramoscelli disposti a formare una barriera che vengono sempre più utilizzati come mezzo per smaltire il materiale derivante dalle operazioni di diradamento o disboscamento nei boschi. L'utilizzo di rami in eccesso in questo modo fa bene alla fauna selvatica, in particolare ai piccoli mammiferi e uccelli, perché offre loro un rifugio protetto dai predatori e dal vento e dalla pioggia. Va bene anche per gli insetti: le siepi morte in effetti creano un'eco-catasta perfetta per diversi tipi di creature. Si possono usare come copertura morta ad esempio per invitare le persone a rimanere sui sentieri pubblici e per scoraggiare le persone dal camminare attraverso aree sensibili di un bosco. In molte situazioni la siepe morta deve avere degli spazi vuoti per i sentieri dei cervi e per consentire a gestori e proprietari di aggirare il bosco, ma tutto è assolutamente non invasivo e perfettamente inglobato nell'ambiente.

Flandrensis partecipa alla Giornata Mondiale della Pulizia

Ogni anno il Granducato di Flandrensis partecipa in 72 nazioni al World Cleanup Day, un programma annuale di azione sociale globale volto a combattere il problema mondiale dei rifiuti solidi, compreso il problema dei detriti marini. È coordinato dall'organizzazione globale Let's Do It! World, la sede si trova a Tallinn, in Estonia.

I partecipanti ai World Cleanup Days sono in genere volontari, con il coordinamento di organizzazioni non governative che assistono nella sensibilizzazione, nella logistica e nella raccolta fondi.

🎥 Libere Comunità incontra Patria Socialista - intervista e dibattito con Igor Camilli

La vita ci regala emozioni e momenti bellissimi, ma allo stesso tempo ci pone davanti a ostacoli e sfide che ci mettono in grande difficoltà.

L’importante è farsi trovare pronti, soprattutto a livello mentale, in modo da trovare dentro di noi la forza per superarli.

Ken Saro-Wiwa non è morto invano

Con ogni mezzo non violento Ken Saro-Wiwa: con la forza delle parole, della letteratura, della socialità, della buona politica, dell’amministrazione etica e trasparente, del coinvolgimento popolare, della sensibilità, del “coraggio civile”. In una battaglia in cui rispetto della dignità umana e tutela ambientale sono sempre stati aspetti indivisibili, propedeutici l’uno all’altro.

Il Poeta è stato ucciso dalla sete capitalistica della Shell contro il popolo Ogoni in Nigeria.

🎥 Piantiamo una mimosa in occasione della Festa Della Donna 2022

L'8 Marzo 2022, alcuni sodali di Libere Comunità, si sono recati presso il Parco Della di Brusciano (NA) per piantare un albero di mimosa, in occasione della festa della Donna.

L'incontro antartico non riesce a proteggere i pinguini imperatori nonostante le crescenti minacce per l'Antartide

Nel 1959, sull'orlo della Guerra Fredda, 12 paesi accettarono il Trattato sull'Antartide. L'idea centrale del trattato era la libertà della ricerca scientifica in Antartide e l'uso pacifico del continente. Nel corso degli anni si sono aggiunte altre nazioni. Oggi, 53 paesi fanno parte del Trattato sull'Antartide.

A Berlino, 2 giugno 2022, si è conclusa la 44a riunione consultiva del Trattato Antartico, che non ha messo in atto misure urgenti per affrontare le crescenti minacce per l'ambiente dell'Antartide.

Le organizzazioni ambientaliste hanno espresso profonda preoccupazione e frustrazione per il fatto che i progressi su questioni chiave siano stati ostacolati, inclusa l'adozione di un piano d'azione sui cambiamenti climatici e la protezione delle specie chiave.

André Gorz e L'Ecologia Politica

Il comunitarismo di André Gorz è di matrice decisamente progressista. Si tratta di un comunitarismo di tipo associativo e non ascrittivo. È stato un filosofo e giornalista francese, noto come il principale fondatore dell'ecologia politica. Ha fondato nel 1964 Le Nouvel Observateur con lo pseudonimo Michel Bosquet, insieme con Jean Daniel.

Flandrensis: mettiamo radici per il futuro!

🇪🇬 Possiedi un terreno e vuoi trasformarlo in un bosco? Contattaci! Il Consolato Estense del Gran Ducato di Flandrensis aderisce al piano d'Azione Ambientale per il futuro sostenibile tramite il bando per la distribuzione gratuita di piante forestali nell'ambito del progetto "Quattro milioni e mezzo di alberi in più: piantiamo un albero per ogni abitante dell'Emilia-Romagna"!

🌲 La Regione Emilia-Romagna prosegue nel progetto “Mettiamo radici per il futuro” con lo scopo di estendere le aree boschive e le foreste in generale, realizzare nuovi boschi e piantagioni forestali in prossimità dei corsi d’acqua, riqualificare sistemi agroforestali, siepi e filari in un contesto di valorizzazione del paesaggio e di fruizione pubblica del territorio.

Unabomber: la società industriale e il suo futuro

Nel 1971, Theodore John Kaczynski, detto Ted, si trasferì in una cabina remota senza elettricità o acqua corrente vicino a Lincoln, nel Montana, dove visse da recluso mentre imparava le abilità di sopravvivenza per diventare autosufficiente. Ha assistito alla distruzione della natura selvaggia che circondava la sua capanna e ha concluso che vivere nella natura stava diventando impossibile, decidendo di combattere l'industrializzazione e la sua distruzione della natura.

Etnobotanica, perché studiarla è importante?

L'etnobotanica è lo studio delle piante di una regione e dei loro usi pratici attraverso la conoscenza tradizionale di una cultura e di un popolo locali. Un etnobotanico si sforza quindi di documentare le usanze locali che coinvolgono gli usi pratici della flora locale per molti aspetti della vita, come le piante come medicinali, alimenti, sostanze intossicanti e vestiti.

🎥 Intervista a Plastic Free Modena - 4 Aprile 2022

Nella giornata di oggi, i Cavalieri del Consolato Estense del Gran Ducato di Flandrensis hanno supportato l'iniziativa di pulizia volontaria di discariche abusive promossa da Plastic Free Modena presso Viale Dello Sport. Plastic Free Odv Onlus è un'associazione di volontariato nata il 29 Luglio 2019 con lo scopo di informare e sensibilizzare più persone possibili sulla pericolosità della plastica, in particolare quella monouso, che inquina e uccide.

Erbe spontanee: linfa naturale di selvaticità!

Cerco sempre di coinvolgere chi mi legge, in un rapporto più diretto con ciò che utilizziamo per la nostra salute e la nostra alimentazione. Dunque oggi vorrei parlarti delle erbe selvatiche come ingredienti da portare in tavola. Perchè? Te lo racconto subito, e ti porterò due testimonianze di care amiche che praticano la raccolta di erbe selvatiche.

De Benoist: tra Ecologia, Decrescita Sostenibile e Piccole Patrie

L'Ecologia, tagliando deliberatamente i ponti con l'universo del pensiero meccanicistico, analitico e riduzionista che ha accompagnato l'emergere dell'individuo moderno, ricrea un rapporto tra l'uomo e la totalità del cosmo, che forse non è altro che un modo per protestare contro l'imbruttimento del mondo e per rispondere all'eterno enigma della bellezza.