Friedrich Hielscher (1902–1990) è un esempio di come le discussioni tra i conservatori rivoluzionari nella Repubblica di Weimar fossero diverse e di ampio respiro.

Nazionalrivoluzionario molto popolare durante il periodo del nazismo, amico di Ernst Jünger, ma alla fine in contrasto politico con Hitler; sosteneva infatti il "sistema frazionato tribale" medievale, che si opponeva al "centralismo" hitleriano.

Come alcuni pensatori conservatori della Germania degli anni '20, Hielscher era contrario al nazismo e alle sue teorie razziali biologiche. Sebbene i suoi primi scritti fossero apertamente nazionalisti, si allontanò dal nazionalismo tedesco dopo il 1933 e partecipò alla resistenza clandestina.

Non subì nessuna condanna a Norimberga.

Era troppo giovane per prestare servizio nella prima guerra mondiale, ma si unì ai Freikorps e partecipò al culto del soldato. Ha studiato giurisprudenza, ma non ha mai intrapreso la professione. Invece, pubblicò per la prima volta saggi politici e nella Repubblica di Weimar il suo nome fu infine associato al suo libro Das Reich.

Diresse la rivista Der Vormarsch e faceva parte della Deutsches Ahnenerbe – Studiengesellschaft für Geistesurgeschichte (Eredità tedesca degli antenati – Società di studi per la preistoria dello spirito) che organizzò la spedizione SS in Tibet.

Le origini

Hielscher è stato ispirato dal movimento della rivoluzione conservatrice, in particolare da Arthur Moeller van den Bruck. Impressionato dal Declino dell'Occidente, contattò Oswald Spengler e visitò il suo appartamento a Monaco, ma fu freddamente respinto dallo storico.

Attraverso il loro comune amico, August Winnig, Hielscher fu presentato a Ernst Jünger nel 1926. Jünger teneva Hielscher in grande considerazione come una "miscela di razionalismo e ingenuità", e gli attribuiva persino il proprio disincanto per la tecnologia (tecknik). Seguendo Ernst von Salomon, che chiamò Hielscher "Bogumil", Jünger soprannominò Hielscher "Bodo" o "Bogo" in omaggio all'interesse di Hielscher per lo gnosticismo.

La prima pubblicazione di Hielscher fu un saggio intitolato Intrigue and Artistry nella rivista di Jünger Standarte-Arminius, nel dicembre 1926. Jünger affidò a Hielscher la direzione della sua rivista Der Vormarsch nell'aprile 1928. Hielscher avvicinò molti studenti, artisti e intellettuali alla causa rivoluzionaria conservatrice, in particolare quelli intorno al drammaturgo austriaco Arnolt Bronnen.

Hielscher abbandonò Der Vormarsch per lanciare il suo diario, Das Reich, nell'estate del 1929. Entrambi i giornali furono influenti nel formare circoli nazionalisti segreti che seguirono l'entrismo all'interno di tutti i partiti politici tedeschi tranne i comunisti.

Entrambe le pubblicazioni furono bandite dal regime di Hitler nel 1933.

L'impero

Nel 1931, Hielscher pubblicò la sua visione di un Reich tedesco etnico nella sua opera magnum, Das Reich. Hielscher ha proposto questo come una "teologia politica dell'Impero", armonizzando le sue opinioni spirituali e politiche in una nuova visione di Deutschheit (tedesco).

Si oppose a una definizione razziale o biologica della nazione tedesca, esaltando "la comunità di una razza dello spirito" per un'enfasi biologica che condannava come "interamente materialista". I valori "spirituali" più profondi erano genetici: "Il lignaggio non è una questione di discendenza ma di atteggiamento mentale".

Il concetto di Reich di Hielscher è stato ispirato anche dalla fede di Stefan George in una "Germania segreta", un argomento mistico ed etnico essenzialista per un potenziale spirituale e culturale detenuto dal popolo tedesco e da una nazione tedesca che esisteva in potentia ma la cui realizzazione era stata impedita nella storia del Sacro Romano Impero. Questa era una forza interiore, positiva, radicata negli imperativi etici e morali dello "spirito", e non imposta dall'alto né dalle classi sociali né dalla politica.

La visione di George influenzò in particolare la resistenza tedesca al nazismo di Claus von Stauffenberg, meglio conosciuto per il suo tentativo fallito il 20 luglio 1944 per assassinare Adolf Hitler alla tana del lupo.

Anticolonialismo

Come con altri membri della Rivoluzione conservatrice, Hielscher ha sostenuto i movimenti anticolonialisti in tutto il mondo come alleati naturali della Germania nella sua stessa lotta contro le potenze dietro Versailles. Nel marzo 1927, Hielscher scrisse un "appello per i popoli oppressi" in Arminius, proclamando che "le terre della cultura" erano a est e poiché anche la Germania possedeva la "cultura", ha ragionato che dovrebbe essere una nazione "fratello" per quelle terre che sostengono "tradizioni nobili e potenti".

Ha sostenuto un'alleanza con la Russia mentre si opponeva al comunismo: "In primo luogo dobbiamo respingere in modo più chiaro, la Terza Internazionale e la sua ideologia, perché non è né russa né tedesca, ma occidentale, e rappresenta solo una maschera per la Russia. In secondo luogo, dobbiamo cercare una collaborazione con Mosca nonostante l'ideologia comunista, perché gran parte delle conseguenze che la Russia ha tratto dalla sua ideologia non sono marxiste, ma russe".

Nella sua rivista Das Reich, Hielscher ha dato udienza ai movimenti di liberazione antimperialisti sotto il titolo "Vormarsch der Volker" (Ascesa dei popoli). "Organizzava continuamente incontri e raduni a Berlino per 'popoli oppressi' - di solito giovani africani, indiani e cinesi che studiavano nelle università tedesche". Questi incontri furono condannati personalmente dal teorico nordico della razza Alfred Rosenberg, e si presume spesso che Hitler alludesse a Hielscher in un passaggio sprezzante del Mein Kampf:

«Già nel 1920-21, quando il movimento giovanile cominciò lentamente ad affacciarsi all'orizzonte politico e qua e là si erano formati movimenti di liberazione della nazione tedesca, il Partito fu avvicinato da più parti nel tentativo di concretizzarlo collegamento con i movimenti di liberazione di altri paesi, in linea con i piani della 'Lega delle Nazioni Oppresse', pubblicizzata a più riprese e composta principalmente da rappresentanti di alcuni Stati balcanici e anche dell'Egitto e dell'India. Questi mi hanno sempre impressionato come ciarlatani che si davano grandi arie ma non avevano affatto un vero background. Non pochi tedeschi, tuttavia, specialmente nel campo nazionalista, si lasciavano prendere da questi pomposi orientali,e nella persona di qualche studente indiano o egiziano errante credettero subito di trovarsi faccia a faccia con un "rappresentante" dell'India o dell'Egitto".

Movimento di resistenza

Sotto il regime nazista dal 1933 al 1945, sostenne un approccio clandestino alla resistenza, tentando di collocare i suoi aderenti in posizioni chiave in cui potessero contribuire alla caduta definitiva del regime. L'UFK di Hielscher non era di per sé una cellula della resistenza tedesca, ma molti dei suoi membri erano allo stesso tempo attivi in ​​tale. Tramite Franz Maria Liedig e August Winnig, l'UFK era ben collegato con il più ampio movimento di resistenza. Hielscher convinse molti dei suoi seguaci a cercare posizioni all'interno del regime, tra cui intelligence ( Abwehr ), comando militare, Ahnenerbe e polizia ( SS-Reichssicherheitshauptamt), dalle quali posizioni riuscirono a proteggere alcuni dei perseguitati dal regime nazista.

Hielscher fu arrestato nel 1944 in connessione con il fallito complotto del 20 luglio per assassinare Hitler. È stato rilasciato dopo che il regista di Ahnenerbe Wolfram Sievers ha interceduto per suo conto.

Quando Sievers fu accusato di crimini di guerra al processo ai dottori di Norimberga, Hielscher a sua volta intercedette per lui, affermando che Sievers faceva parte della sua resistenza clandestina. Sievers fu tuttavia condannato a morte e giustiziato nel 1948.

Hielscher è stato criticato dai suoi stessi seguaci per la sua leadership, il fallimento del suo concetto di resistenza clandestina e i suoi tentativi di difendere Sievers. Disilluso e deluso per la sua incapacità di salvare Sievers dall'esecuzione, Hielscher annunciò pubblicamente il suo ritiro da tutte le attività politiche, decidendo di limitare i suoi sforzi a quelli puramente religiosi.

Dopo il 1945

Dopo la guerra, Hielscher si ritirò da tutte le cariche pubbliche. Visse con la moglie Gertrud a Marburg e Münnerstadt e dal 1964 nell'isolato Rimprechtshof vicino a Schönwald nella Foresta Nera.

È stato editore della Deutsche Corpszeitung negli anni '60, dove ha pubblicato numerosi saggi sulla scherma accademica.

Hielscher ha continuato a guidare l'UFK fino alla sua morte a Furtwangen nel 1990.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

Erbe spontanee: linfa naturale di selvaticità!

Cerco sempre di coinvolgere chi mi legge, in un rapporto più diretto con ciò che utilizziamo per la nostra salute e la nostra alimentazione. Dunque oggi vorrei parlarti delle erbe selvatiche come ingredienti da portare in tavola. Perchè? Te lo racconto subito, e ti porterò due testimonianze di care amiche che praticano la raccolta di erbe selvatiche.

Eugenetica, l'abominevole ideologia dei progressisti americani

Le teorie eugenetiche sono state uno dei tratti più inquietanti delle politiche razziali della Germania nazionalsocialista. Per tale ragione, nel discorso pubblico esse vengono talvolta impropriamente associate in modo univoco alla cultura politica della destra estrema. In realtà, le origini dell’eugenetica emergono nell’alveo del progressismo americano d’inizio Novecento. (Giovanni Borgognone)

Socialismo Inglese

Il socialismo inglese, più conosciuto con il suo ritaglio Ingsoc e in alternativa come "orwellianismo", è un'ideologia totalitaria "doubleplus" basata sul romanzo classico di George Orwell 1984, che abita in un'area dell'AuthUnity al di fuori della bussola politica. IngSoc ha incaricato l'autore di ricordarti che la guerra è pace, la libertà è schiavitù e l'ignoranza è forza. Il grande Fratello ti sta osservando. Viene spesso descritto come "l'apice del totalitarismo", in cui lo stato ha il controllo completo sull'individuo.

I comunitaristi libertari nativi americani d'Alaska

Oggi noi di Libere Comunità vi presentiamo i comunitaristi libertari delle tribù dei nativi americani d'Alaska. Ringraziamo il compagno Rinehart per averci inviato l'articolo raccontandoci la sua esperienza e la formazione della sua comunità libertaria indipendente ed autosufficiente formata da nativi americani in Alaska... buona lettura.

Incontro con Nazione Napolitana Indipendente

Il 12 settembre 2020 i portavoce di Libere Comunità si sono incontrati coi responsabili di "NNI (Nazione Napolitana Indipendente), movimento identitario per il separatismo del popolo napolitano.

Abbiamo portato sul tavolo della discussione gli argomenti più disparati, soddisfatti di come le idee e le nuove proposte siano state ispirate e fluenti, molte sono le battaglie che ci accomunano, e siamo orgogliosi dell'incontro avvenuto.

L’antirazzista Nick Land e le radici dell’Illuminismo Oscuro

Il filosofo britannico Nick Land, nato nel 1962, noto come padre di quel filone filosofico nato negli anni ’90, all’epoca della crisi delle ideologie, e sovente detto accelerazionismo, è poco conosciuto in Italia e nei paesi dell’Europa mediterranea; solo negli ultimi due anni due sue opere sono state tradotte in italiano: Collasso. Scritti 1987-1994 a cura della Luiss University Press, e L’Illuminismo Oscuro tradotto e curato dalla Gog Edizioni. Di quest’ultima opera ci si vuole qui occupare analizzandone alcuni aspetti che rappresentano le teorie innovative di Land e spesso utili per comprendere la nostra epoca.

De Benoist: tra Ecologia, Decrescita Sostenibile e Piccole Patrie

L'Ecologia, tagliando deliberatamente i ponti con l'universo del pensiero meccanicistico, analitico e riduzionista che ha accompagnato l'emergere dell'individuo moderno, ricrea un rapporto tra l'uomo e la totalità del cosmo, che forse non è altro che un modo per protestare contro l'imbruttimento del mondo e per rispondere all'eterno enigma della bellezza.

Etnobotanica, perché studiarla è importante?

L'etnobotanica è lo studio delle piante di una regione e dei loro usi pratici attraverso la conoscenza tradizionale di una cultura e di un popolo locali. Un etnobotanico si sforza quindi di documentare le usanze locali che coinvolgono gli usi pratici della flora locale per molti aspetti della vita, come le piante come medicinali, alimenti, sostanze intossicanti e vestiti.

Introduzione all'Anarco Tribalismo e all'Anarco Comunitarismo

Da alcuni anni esiste una minoranza piccola ma sempre più influente nei media libertari contemporanei che si è sviluppata in alcuni paesi, considerata "eretica" dalla maggioranza. Questa minoranza, la cui voce è ogni giorno più forte nonostante coloro che sono interessati a zittirla.

La figura del Subcomandante Marcos

Il Subcomandante Marcos (in spagnolo: Subcomandante Insurgente Marcos), chiamato anche il “Delegato Zero”, è lo pseudonimo dietro il quale si celava il portavoce (vocero) dell'EZLN. Secondo il governo messicano, dietro il passamontagna che cela il volto del Subcomandante si nasconderebbe un laureato in filosofia ed ex-ricercatore dell'Universidad Nacional Autónoma de México (UNAM): Rafael Sebastián Guillén Vicente (nato a Tampico, Messico, il 19 giugno 1957). Marcos ha tuttavia sempre negato di essere Rafael Guillén. Il 25 maggio 2014, durante un pubblico discorso, ha annunciato la sua scomparsa come personaggio pubblico e il passaggio di consegne ad altre realtà indigene dell'EZLN.

Sorel, il primo Sindacalista Rivoluzionario

Afferma Sorel: «il socialismo è una questione morale, nel senso che esso porta alla luce un nuovo modo di giudicare gli atti umani, oppure, seguendo una celebre espressione di Nietzsche, una nuova valutazione di tutti i valori».

Il proletariato non ha bisogno di guide: autorganizzandosi, invece, può rendersi consapevole della sua funzione rivoluzionaria. Contro la tesi marxista del proletariato organizzato in un partito, Sorel auspica - senza per questo riprendere le idee anarchiche di Michail Bakunin ma semmai quelle di Proudhon, il primo anarchico - che l'azione diretta, senza mediazione alcuna, sia lo strumento dell'azione rivoluzionaria.

🎥 Lo Scontro delle Civiltà e il Nuovo Ordine Mondiale

Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale è un libro del 1996 (esponente la teoria omonima) dello scienziato politico statunitense Samuel P. Huntington. In sintesi nel suo saggio Huntington sostiene che la principale fonte di conflitti nel mondo post-Guerra fredda diverranno le identità culturali e religiose. La teoria era stata originariamente formulata in un articolo del 1993 su Foreign Affairs dal titolo The Clash of Civilizations?, in risposta al libro The End of History and the Last Man, dato alle stampe nel 1992 dal suo allievo Francis Fukuyama.

Herbert Marcuse e il pensiero anti-autoritario

Herbert Marcuse è stato uno dei pensatori più influenti del Novecento, soprattutto è nota la passione che per lui avevano gli studenti in rivolta nei tardi anni sessanta. Il suo pensiero, intrinsecamente anti-autoritario, rispecchiava la volontà di cambiamento radicale che animava la protesta dei giovani in tutto il mondo occidentale; il suo rifiuto di ogni forma di repressione, il suo secco no alla civiltà tecnologica (in entrambe le declinazioni liberal-capitalistica e comunista-sovietica), lo resero il filosofo del "grande rifiuto" verso ogni forma di repressione.

Il Sindacalismo Rivoluzionario di Padovani

Aurelio Padovani fu uno dei personaggi più carismatici appartenenti al sindacalismo rivoluzionario del secolo scorso, promotore di un concetto di sindacalismo che univa a tratti alcuni schemi di sia del sindacalismo libertario, che di quello anarchico prendendo a piene mani da Proudhon, in una chiave contraria (ma non anti-) al sindacalismo marxista (Approfondimento: L'Anarco-Sindacalismo: Proudhon contro Marx).

Contea Ecologica di Ca' Pallai

Non permettendo a nessun essere umano di accedere nella sua madrepatria, nel 2022 il governo del Flandrensis ha stabilito i "Territori d'Oltremare", consentendo ai cittadini di far riconoscere il loro territorio come contea ecologica, provincia, dipendenza della corona o colonia del Flandrensis.

L'obiettivo della Contea Ecologica di Ca' Pallai è quello di creare un pezzo di terra dove sia possibile vivere a stretto e rispettoso contatto con madre natura, organizzare eventi per promuovere modi di vivere ecologici.

Bakunin: lo Stato non è la Patria

Pochi sono al corrente del fatto che un illustrissimo pensatore e rivoluzionario, quale fu Bakunin, da molti considerato effettivo padre del movimento anarchico, abbia riflettuto parecchio sul concetto di patria e su come esso poteva essere conciliato con gli ideali libertari che lui propugnava; allo stesso modo in cui lo fece Mazzini in correlazione al repubblicanesimo. Bakunin che, consapevole del concetto di “identità et(n)ica”, non lo trascura e lo assimila nel suo pensiero, senza, per questo contraddirsi.

Makhnovia: il primo stato anarchico al mondo

La sperimentazione politica non era rara all'inizio del XX secolo. In Ucraina, dove le disastrose battaglie della prima guerra mondiale sul fronte orientale hanno lasciato vuoti di potere, c'erano opportunità per alcuni individui di tutto lo spettro politico di emergere con idee diverse. Ondate di uomini, armi e fondi hanno assicurato che questi nuovi movimenti potessero cristallizzarsi negli stati. Una di queste entità era Makhnovia.

Gli scritti di Bakunin contro Marx

Bakunin tira fuori le sue armi migliori, finalmente, per attaccare Marx e il gruppo di potere che si era insediato nell’Internazionale. In queste pagine è finito il tempo delle illusioni e delle collaborazioni, le critiche sono chiare e dirette.

Una volta aveva detto che bisognava separare le grandi capacità analitiche di Marx, la sua preparazione filosofica ed economica, la quale poteva essere utilizzata anche dagli anarchici (invero in questo campo endemicamente carenti) e per il resto lo si poteva mettere tra parentesi. Adesso affronta le trame intestine, le calunnie, le chiacchiere di corridoio, i soppesamenti dietro le quinte, le correnti di potere, le meschinerie personali, e tutto quel bagaglio che in una parola si potrebbe definire come “politica”.

Orania, il micro-voolkstat boero "in" Sudafrica

Orania è una micronazione di circa 1500 abitanti, enclave del Sudafrica nella Provincia del Capo Settentrionale. Sorge sulle sponde del fiume Orange, nella regione semi-desertica del Karoo. È nata negli anni novanta come esperimento di micro-volkstaat (stato boero) autogovernato ed esclusivamente afrikaner. La terra su cui sorge Orania fu acquistata nel dicembre del 1990 da un gruppo di 40 famiglie afrikaner, attraverso una società appositamente fondata, la Vluyteskraal Aandeleblok ("comproprietari della fattoria dei fischietti").

Il Socialismo Antidogmatico di Stanis Ruinas

La scelta di trattare un personaggio come Stanis Ruinas è dovuto al fatto che questo pensatore politico non ha mai avuto il peso che meritava. Lui, in qualche modo, può essere anche considerato precursore di quelli che poi saranno parte di movimenti successivi (come la Novelle Droite o la European New Right a destra, oppure come Partito Socialista Unificato della Catalogna o il Unione Nazionale Africana dello Zimbabwe più a sinistra) che inizieranno il sincretismo politico per superare l’oramai faziosa e stagnante dicotomia destra-sinistra, che da sempre hanno favorito il potere finanziario e capitalistico tradendo più volte gli ideali iniziali.