Come viene troncato il pensiero dalla sua radice?

Quando pensiamo all'immaginazione cosa ci viene in mente? Potremmo pensare alla creatività umana alla sua fonte, a una persona viva e pensante. Potremmo anche pensare all'immaginario, un regno separato da questo mondo in cui viviamo, sogni ad occhi aperti che sono separati dalle nostre vite: fantasie che servono solo come meccanismi di fuga, fantasie che sono piene di immagini prodotte dai mass media di altri pianeti, alieni con 14 dita, o sesso con umanoidi bionici dai lineamenti geometrici in silicone.

La parola immaginazione è stata corrosa insieme alla sua radice: l'immagine. Le immagini che ci troviamo di fronte ogni giorno sembrano non avere origine umana. Sono create per il mercato, e hanno le qualità del mercato, lasciano poca traccia dei loro creatori umani.

Quando vediamo un annuncio per computer Apple non pensiamo alla persona che ha messo insieme l'immagine pubblicitaria. Quella persona è probabilmente a migliaia di chilometri di distanza. Quel lavoratore lontano ha espresso poco della sua personalità nell'immagine che ha creato. Quindi, come previsto, pensiamo solo ai computer Apple. Quell'immagine era l'espressione di un impulso creativo contrastato e recuperato di qualcuno seduto in un ufficio lontano. La creatività che aumenta le proprie possibilità di vita è ormai raramente rispettata.

Quando qualcuno ha un'idea particolarmente inventiva, le persone hanno il coraggio di dire "dovresti commercializzarlo". Il capitalismo è un sistema così efficace perché canalizza e usa così efficacemente la creatività umana per i propri scopi. Nel processo, riduce la creatività a un processo incolore come la transazione monetaria. Riduce al minimo l'individualità della creatività. Questa uniformità è anche il risultato della monotonia della vita in una società piena di oggetti, immagini e spazi prodotti in serie; man mano che la vita diventa più uniforme, il pensiero segue da vicino.

Il fatto che l'immaginario possa essere pensato come separato da un soggetto immaginante riflette il grado in cui la frammentazione che sperimentiamo nella nostra vita quotidiana si è impiantata nel nostro stesso processo di pensiero. Quando ogni impulso creativo è stato separato dalla sua fonte soggettiva e incanalato nei mercati della produzione tecnologica e culturale, quando non c'è nessuno con cui condividere le nostre intuizioni perché solo la creatività commercializzata ha un posto dove essere vista o ascoltata, non c'è bisogno per censura.

Questo smembramento si traduce in pensieri che allontanano dal soggetto, schiaccia la volontà, produce desideri atomizzati per le merci e si traduce in azioni che non espandono le nostre vite ma la vita del vampiro che si nutre di noi. Invece di aumentare il nostro potere, i nostri pensieri ci portano a percorrere una linea retta tra il luogo in cui vomitiamo carburante per il mercato, ci fermiamo al supermercato per comprare i suoi rifiuti e torniamo a casa dove mangiamo la sua merda.

Per interrompere questo processo è necessario modificare il nostro stesso processo di pensiero, occorre ricollegare il pensiero alla sua fonte: il soggetto pensante. Per farlo dobbiamo espellere i poltergeist che ci perseguitano, poltergeist che hanno una somiglianza sospetta con quelli di un film di Steven Spielberg.

Perché il pensiero diventi strumento di espansione della propria progettualità di vita, è utile trovare altri con cui parlare un linguaggio diverso da quello del mercato, con cui esplorare le possibilità della vita al di fuori delle scelte limitate offerte dal capitale.

Se non c'è un linguaggio con cui esprimere i propri pensieri, e nessuno con cui parlare, il pensiero non sarà uno strumento affilato ma uno strumento ottuso. In questa società, una persona che insieme ad alcuni compagni che la pensano allo stesso modo mira ad aumentare il potenziale della vita, incontrerà rapidamente ostacoli sul suo cammino.

Questa società è un labirinto di barriere per chiunque desideri funzionare al di fuori di essa, chiunque desideri vivere secondo il proprio ritmo e non quello dell'orologio. Per distruggere gli ostacoli alla nostra stessa espansione abbiamo bisogno di tutti gli strumenti che possiamo ottenere; abbiamo bisogno sia di idee che di fuoco.

Dove andiamo da qui? L'immaginazione utopica

Per andare verso la distruzione di questa società e la creazione di nuove relazioni, abbiamo bisogno di avere una chiara concezione di come procedere da qui, ma non abbiamo bisogno di un modello concreto di dove andremo a finire. Anche se qualsiasi mondo futuro conterrebbe tracce o rovine di questa società, quel mondo potrebbe essere al di là della nostra attuale capacità di immaginazione. È importante chiedersi se un'idea aumenta o diminuisce le nostre possibilità.

Quand'è che un'idea diventa un modello fossilizzato che ci limita? Le visioni utopiche possono essere utili aperture fuori dall'ordine presente, ma possono anche confinarci. Il Paleolitico è stato un riferimento utile perché ci rompe dall'idea dominante che gli esseri umani per natura hanno bisogno di creare istituzioni di autorità. I cacciatori-raccoglitori viventi ci hanno anche mostrato che l'anarchia è una possibilità reale, non solo un sogno utopico, e che in effetti è molto probabile che gli esseri umani abbiano vissuto in anarchia per la maggior parte del loro passato. Ma quando iniziamo a creare un'immagine utopica sulle pratiche specifiche dei cacciatori-raccoglitori, stiamo creando un modello primitivista con limiti intrinseci; un'immagine del genere limita la nostra visione di ciò che potrebbe essere un mondo futuro. Inoltre, è improbabile che le persone in tutto il mondo durante il Paleolitico si siano effettivamente comportate in modo abbastanza prevedibile perché qualsiasi modello possa essere basato su relazioni così molteplici. I cacciatori-raccoglitori viventi hanno una varietà di tipi di relazioni sociali. Ciò che accomuna queste persone è l'assenza di odiose istituzioni di autorità, l'assenza di sfruttamento. Oltre a ciò ogni gruppo ha le sue caratteristiche, la sua scelta di relazioni sociali.

I Machiguenga dell'Amazzonia peruviana sono insoliti nella loro forte preferenza contro la vita in qualsiasi comunità più grande della famiglia immediata. Quando gli estranei visitano il Machiguenga, è normale che spieghino "no somos muy unidos aqui". Si aspettano che gli estranei siano sorpresi dal fatto che preferiscono vivere lontano da insediamenti concentrati. I Machiguenga si stanno insediando sempre più spesso nelle città per mandare i propri figli a scuola e perché stanno diventando sempre più dipendenti dagli strumenti di ferro che hanno bisogno di accedere ai mercati esterni per essere acquistati.

Negli anni '70 le interviste con gli abitanti delle città di Machiguen hanno rivelato che la maggior parte delle persone ha fatto a malincuore questo cambiamento. In precedenza la maggior parte dei Machiguenga cacciava, raccoglieva e coltivava con le loro famiglie immediate. Si incontravano con le famiglie vicine per i banchetti della birra e per le spedizioni di pesca. Alla domanda sul perché preferissero non vivere in una comunità, generalmente avevano due risposte: avevano un maggiore accesso alle risorse forestali in gruppi più piccoli e la vita in comunità comportava restrizioni indesiderate.

La lingua Machiguenga manca di termini per le categorie sociali. Altri gruppi amazzonici hanno complessi sistemi di classificazione politica, ma i Machiguenga prendono in prestito termini sociali da gruppi vicini. Non hanno termine per la famiglia. C'è una parola per parenti ma solo parenti egocentrici, e usano una parola presa in prestito (noshanika, o la mia gente) per quelli che vivono nelle vicinanze. Alcuni antropologi hanno suggerito che i Machigenga vivano in gruppi molto piccoli a causa di una dispersione avvenuta dopo le epidemie dell'epoca coloniale. Ma la loro mancanza di termini sociali suggerisce che non è così. Non ci sono prove che i Machiguenga abbiano mai avuto una terminologia politica.

I Machiguenga non sono solo cacciatori-raccoglitori (coltivano anche), e non sono certo primitivi “incontaminati”, ma non è questo il punto. Sto offrendo loro come esempio che il comunismo primitivo può essere esistito durante il Paleolitico ma esclusivamente come assenza di proprietà privata.

I popoli viventi ci mostrano che con ogni probabilità i popoli paleolitici vivevano in vari tipi di formazioni sociali che andavano da quelle più comunitarie a quelle più disperse. Questa è ovviamente tutta una speculazione, ma il caso dei Machiguenga sfida l'immagine utopica del comunismo primitivo, l'idea che gli esseri umani preferiscano naturalmente vivere collettivamente.

Questa idea è una reazione alla frammentazione che sperimentiamo in una società dominata dal capitale, bramiamo le relazioni che ci mancano e assumiamo che l'opposto del capitalismo sia il collettivo.

Manteniamo le visioni utopiche che ampliano le nostre possibilità e scartiamo i rigidi modelli che ci limitano. Per allontanarci dal stabilito verso l'ignoto dobbiamo avere un processo di pensiero che sia espansivo. Dobbiamo dirigere il nostro pensiero verso la sua radice soggettiva e lontano dalla scarsità di opzioni propinateci dal capitale. Per esplorare le possibilità della vita al di fuori di questi stretti confini, dobbiamo avere il coraggio di scartare visioni impoverite di ciò che sta oltre l'esistente.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

La figura del Subcomandante Marcos

Il Subcomandante Marcos (in spagnolo: Subcomandante Insurgente Marcos), chiamato anche il “Delegato Zero”, è lo pseudonimo dietro il quale si celava il portavoce (vocero) dell'EZLN. Secondo il governo messicano, dietro il passamontagna che cela il volto del Subcomandante si nasconderebbe un laureato in filosofia ed ex-ricercatore dell'Universidad Nacional Autónoma de México (UNAM): Rafael Sebastián Guillén Vicente (nato a Tampico, Messico, il 19 giugno 1957). Marcos ha tuttavia sempre negato di essere Rafael Guillén. Il 25 maggio 2014, durante un pubblico discorso, ha annunciato la sua scomparsa come personaggio pubblico e il passaggio di consegne ad altre realtà indigene dell'EZLN.

Anarchia indigena e necessità di un rifiuto della "Civiltà" del colonizzatore

I popoli indigeni nel corso della storia hanno combattuto e sono morti per resistere alla forte invasione della civiltà nelle loro vite. Questa lotta continua oggi, poiché gli "incivili" sono spinti sempre più vicino al limite della sopravvivenza dai "civilizzati" di tutto il mondo e lo squilibrio tecnologico tra noi continua ad espandersi e creare un divario sociologico che ci rende incapaci di capire l'un l'altro anche a livello di base.

I comunitaristi libertari nativi americani d'Alaska

Oggi noi di Libere Comunità vi presentiamo i comunitaristi libertari delle tribù dei nativi americani d'Alaska. Ringraziamo il compagno Rinehart per averci inviato l'articolo raccontandoci la sua esperienza e la formazione della sua comunità libertaria indipendente ed autosufficiente formata da nativi americani in Alaska... buona lettura.

Unabomber: la società industriale e il suo futuro

Nel 1971, Theodore John Kaczynski, detto Ted, si trasferì in una cabina remota senza elettricità o acqua corrente vicino a Lincoln, nel Montana, dove visse da recluso mentre imparava le abilità di sopravvivenza per diventare autosufficiente. Ha assistito alla distruzione della natura selvaggia che circondava la sua capanna e ha concluso che vivere nella natura stava diventando impossibile, decidendo di combattere l'industrializzazione e la sua distruzione della natura.

Anarchia o "Anarchismo"?

Una qualificazione che riteniamo importante per cominciare è la distinzione tra "anarchia" e "anarchismo".

Alcuni la rigetteranno in quanto meramente semantica o banale, ma per la maggior parte degli anarchici post-sinistra e anti-civiltà, questa differenziazione è importante.

Sebbene l'anarchismo possa fungere da importante punto di riferimento storico da cui trarre ispirazione e lezioni, è diventato troppo sistematico, fisso e ideologico... tutto ciò che l'anarchia non lo è.

Permacultura Incivile

Nell'ambiente ambientalista contemporaneo sia la teoria della permacultura che la sua pratica sono diventate popolari come mezzi con cui riparare lo strato superficiale della terra che si sta esaurendo e tentare altrimenti di vivere in modo più sostenibile con il nostro pianeta. Non è che una risposta alla crisi ecologica che affrontiamo, sia che la conversazione sia incentrata sul cambiamento climatico, la distruzione ambientale, la sicurezza alimentare o la totalità.

"Il marxismo è alieno alla mia cultura quanto il capitalismo": Nativi Americani e Rivoluzione

Il seguente discorso fu tenuto da Russell Means nel luglio del 1980 davanti a migliaia di persone di tutto il mondo che si erano radunate per il "Black Hills International Survival Gathering", sulle Black Hills, nel Dakota del Sud, negli Stati Uniti. È il discorso più famoso di Russell Means. Membro della tribù Oglala Lakola, probabilmente è stata la personalità più conosciuta dell’American Indian Movement degli USA, fondato nel 1973 con l’occupazione di Wounded Knee. Means è stato anche attore, carriera che iniziò con il ruolo di Chingachgook nel film "L’ultimo dei Mohicani", autore e filosofo. È deceduto il 22 ottobre del 2012 a 72 anni.

Ted Kaczynski dal carcere sull'Ecofascismo: "un ramo aberrante della sinistra"

A smentire i luoghi comuni e l'etichetta di ecofascista sul noto ecoterrorista e scrittore Ted Kaczynski, detto "Unabomber" e sui movimenti di ecologia radicale, ci pensa lui stesso dal carcere, in una nota manoscritta datata 29 settembre 2020, scansioni recuperate il 10 febbraio 2022.

📃 Segue traduzione in lingua italiana del documento originale.

Primitivismo Primordiale

Il Primitivismo Primordiale, originariamente chiamato Primalismo, chiamato anche Feralismo o Animalismo, è un'ideologia libertaria fuori bussola che crede nella devoluzione dell'umanità in uno stato più animalesco.

Il Primitivismo Primordiale potrebbe essere considerato la forma estrema fuori controllo dell'Anarco-Primitivismo, a meno che non venga portato ancora più in là per disassemblare la società fino a ridurla agli istinti primordiali.

Il Primitivismo Primordiale è così contrario all'esperimento umano che qualsiasi segno di sviluppo evolutivo oltre la base dell'istinto animale (che sopravviva o muoia) è considerato malvagio e da punire.

Aurora Selvaggia: Oltre il Pallore

La civiltà è la conquista 'più alta' dell'uomo. Eppure, in tutta la sua grandezza soprannaturale, è piuttosto perversa, un disorientamento spiccatamente umano.

Cosa si intende qui per 'civiltà'? Si intende un amalgama di tutte le cose nobili: moralità, altruismo, fedeltà, pietà, duro lavoro, amore incondizionato, purezza, 'progresso', ecc.

Cosa significa: sacrificio di sé, sublimazione degli istinti animali, rinuncia alla volontà, rinuncia alla libertà.

🎥 Liberi Dalla Civiltà

Spunti per una critica radicale ai fondamenti della civilizzazione: dominio, cultura, paura, economia, tecnologia

È possibile vivere in un mondo senza dominio, senza sfruttamento, senza inquinamento e mercificazione? Per almeno due milioni di anni i nostri antenati primitivi hanno vissuto così, ed è solo con la comparsa dell'agricoltura che l'esistenza ha preso la via di una distruttività sempre più accelerata e dilagante.

La Cartografia Mitica, l'atto di creare e mantenere luoghi sacri

Esiste un'abbondanza di risorse, a questo punto della storia, per spiegare e preparare il terreno per questa comprensione fondamentale, qui sulla scia del cambiamento climatico, delle estinzioni di massa e della crescita sconsiderata della popolazione umana:

Qualcosa deve cambiare. Il modo in cui viviamo qui, sulla Terra, deve cambiare. La nostra situazione è diventata pericolosa.

Ora puoi guardare a questo in due modi. Un modo coinvolge il battito del seno, la disperazione, il panico, la profezia di sventura e tristezza e il concentrarsi su tutto ciò a cui dobbiamo rinunciare per sopravvivere ed espiare.

L'altro modo consiste nel concederci finalmente il permesso di appartenere e rivendicare tutto ciò di cui i nostri cuori, spiriti e corpi sono affamati da quando la civiltà ha iniziato la sua marcia implacabile.

La Carcassa in Decomposizione dietro lo Spauracchio Verde

Come l'anarchia verde è diventata la posizione più controversa

L'anarchia verde, indipendentemente dalla propaggine, è una filosofia, una critica e un modo di vivere che enfatizza i principi anarchici più pronunciati. Gli anarchici verdi sono pronti e disposti a smantellare tutte le strutture di dominio, a partire da un'analisi radicata dell'ecologia, il che significa la relazione tra tutti gli esseri viventi e l'ambiente fisico da cui tutti dipendiamo per sopravvivere.

Esamineremo le origini e la graduale evoluzione dell'anarchia verde, esploreremo come queste idee vengono percepite dalle persone che guardano dall'esterno e cercheremo di capire perché l'anarchia verde è così detestata da un contingente di teorici di sinistra che, sempre più, ci hanno calunniato come "eco-fascisti".

Tecnoprimitivismo

Il tecnoprimitivismo (o archeofuturismo) è un'ideologia che crede che, sebbene i progressi della tecnologia siano stati benefici per la razza umana, il cambiamento nei valori culturali avvenuto insieme agli sviluppi tecnologici sia stato negativo per la razza umana. Pertanto la società dovrebbe tornare ai valori culturali del passato.

Come Ho Fatto A Far Crollare La Civiltà

Una domanda che mi viene spesso posta è:

"Cosa ti fa pensare di poter abbattere la civiltà?"

La mia risposta è piuttosto semplice e si compone di due parti: la prima parte è che sono ancora relativamente (rispetto a molti altri) abile e capace e la seconda parte è che le mie esperienze passate dimostrano che ho la capacità di fare crollare la civiltà.

Cieli Caduti, è Tempo di Baciare di Nuovo la Terra

"Il cataclisma è avvenuto, siamo tra le rovine, iniziamo a costruire nuovi piccoli habitat, ad avere nuove piccole speranze. È un lavoro piuttosto duro: adesso non c'è una strada agevole verso il futuro: ma si gira intorno, o si scavalca gli ostacoli. Dobbiamo vivere, non importa quanti cieli siano caduti."

– DH Lawrence

Che cos'è comunque la civiltà? Definire questo termine sembra sempre uno dei maggiori ostacoli per le persone quando cerco di parlare con loro di primitivismo. Ritengono che il termine "civiltà" sia troppo ampio e gli venga dato troppo libero arbitrio. Cosa intendo quando dico che "la civiltà sta distruggendo la terra" o "la civiltà ci aliena da noi stessi e gli uni dagli altri"? La civiltà non è davvero una cosa, quindi non può davvero agire, sostengono. Questo è un buon punto e vale la pena soffermarsi.

John Zerzan, pioniere dell'Anarco Primitivismo

Le opere di John Zerzan criticano la civiltà agricola come intrinsecamente opprimente e sostengono il ricorso ai modi di vita dei cacciatori-raccoglitori come ispirazione per come dovrebbe essere una società libera. Gli argomenti della sua critica includono l'addomesticamento, il linguaggio, il pensiero simbolico (come la matematica e arte) e il concetto di tempo.

"A Primitivist Primer", l'innesco al Primitivismo di John Moore

A Primitivist Primer è un saggio breve di John Moore pubblicato nel 2000 sulla rivista Green Anarchy, il cui titolo consiste in un interessante gioco di parole non traducibile letteralmente in italiano. "Primer" infatti è traducibile dall'inglese oltre che come "principiante", in senso tattico-militare come "innesco" o "chi innesca una carica", e in senso edilizio come "prima mano". Il suo primitivismo non è inteso come un desiderio di ritornare ad un epoca primitiva, quanto, nel prendere la società pre-industriale come un modello di riferimento in cui «la cooperazione tra gli individui erano gli aspetti prevalenti della vita comunitaria».

Contro la Società di Massa

Molte persone desiderano un'esistenza libera dall'autorità coercitiva, in cui tutti siano liberi di plasmare la propria vita come scelgono per il bene dei propri bisogni, valori e desideri personali. Affinché tale libertà sia possibile, nessuna singola persona può estendere la propria sfera di controllo sulla vita degli altri senza la propria scelta.