L'anarco-distributismo non si adatta perfettamente alle categorie tipiche. Non è né l'anarcocapitalismo né l'anarco-comunismo: non è contemporaneamente né l'uno né l'altro. È fondamentalmente mutualismo, ma di una varietà diversa. È anticapitalista nel senso più completo.(1) È di sinistra-libertario. Come anarchico, l'anarco-distributista cerca in definitiva la totale abolizione dello Stato. Tuttavia, l'anarco-distributista è realistico sul ruolo che il governo svolge nella società esistente e continuerà a svolgere nell'immediato futuro.

Consideriamo il distributismo come una pietra miliare sulla strada del volontariato (governo volontario), che aprirà il mercato alla concorrenza in ogni settore bancario libero, valute concorrenti, servizi di "polizia" concorrenti nella stessa area, forze di difesa concorrenti, ecc. Questo Stato volontarista, che permette alle agenzie di volontariato sul libero mercato di competere con esso in ogni modo, alla fine "svanirà", in quanto i liberi concorrenti in difesa, sicurezza, diritto, diritto, banche, ecc. lo ridurranno ad uno status non governativo come un'altra impresa competitiva nel libero mercato.

Prima di arrivare all'anarchia, o addirittura al volontarismo, dobbiamo prima di tutto attuare politiche distributiste per disfare alcune delle cose che il governo ha fatto. L'anarco-distributivismo è una forma di "libertarismo dialettico "(2). I libertariani dialettici sottolineano che ci sono due tipi di interventi governativi nell'economia: interventi primari e interventi secondari. C'è un intervento iniziale, che è la causa primaria dell'ingiustizia. Spesso, questi interventi primari finiscono per avere conseguenze negative (a volte involontarie). Ad esempio, il governo può introdurre una regolamentazione che limita la concorrenza e crea un monopolio artificiale (questo è un intervento primario), ma il monopolio avrà inevitabilmente prezzi monopolistici: la mancanza di concorrenza porterà a prezzi innaturalmente alti. Di conseguenza, il il governo deve fare qualcosa in risposta a questa conseguenza indesiderata del loro intervento primario. Al fine di migliorare o alleggerire l'onere del monopolio, che si manifesta in prezzi monopolistici, il governo può decidere di impegnarsi nella fissazione dei prezzi, limitando l'importo che il monopolio può chiedere per i suoi beni o servizi (questo è l'intervento secondario). Dovremmo spingere per l'immediata abolizione di tutte le norme e i regolamenti che si possono dimostrare essere interventi primari. Tuttavia, il libertario dialettico ritiene che non si debbano abrogare gli interventi secondari fino a quando non si sia prima annullato l'intervento primario. Non si può giustamente abolire la fissazione dei prezzi per i monopoli a meno che non si abolisca prima il monopolio consentendo la libera concorrenza. Dovremmo abrogare le norme restrittive che autorizzano i monopoli con privilegi ingiusti prima ancora di prendere in considerazione l'abrogazione delle restrizioni del governo sul potere del monopolio di esercitare il suo privilegio. L'intervento secondario dovrebbe essere abolito dopo - e solo dopo - e solo dopo - l'intervento primario è abolito. (3)

In una certa misura, possiamo considerare le leggi sul salario minimo come una sorta di intervento secondario. Le politiche e i regolamenti governativi hanno fatto sì che il lavoro salariato sia necessario per la maggior parte dei cittadini. La riscossione delle imposte sulla proprietà, il sovvenzionamento delle grandi imprese in modo che i singoli imprenditori non possano competere con le loro piccole imprese, le leggi sulle assicurazioni obbligatorie, le restrizioni urbanistiche che vietano agli individui di gestire certi tipi di imprese fuori casa, e tutta una serie di altri regolamenti creano artificialmente un sistema economico in cui la maggioranza degli individui non ha altra scelta che rivolgersi al lavoro salariato. Se si possiede una casa, è necessario rivolgersi al mercato del lavoro salariato al fine di guadagnare un reddito costante. Perché? Perché devi essere in grado di pagare le tasse di proprietà per evitare che il governo si porti via la tua casa. Come risultato di queste politiche, l'offerta di lavoro salariato è artificialmente alta, così da permette ai datori di lavoro di acquistare manodopera ad un prezzo artificialmente basso (un prezzo molto più basso del suo valore di mercato reale). Il salario minimo è un intervento secondario che migliora le conseguenze negative degli interventi primari di cui sopra. Un aumento del salario minimo può colpire molte persone in modo negativo. Tuttavia, può essere necessario aumentare il salario minimo se non possiamo immediatamente abolire gli interventi primari, come i sussidi aziendali, che aumentano costantemente l'onere della schiavitù salariale. Tuttavia, dovremmo cercare di ridurre il più possibile le conseguenze negative indesiderate di qualsiasi aumento del salario minimo. Forse un salario minimo separato e più basso potrebbe essere necessario per gli adolescenti e le persone che fanno certi tipi di lavoro non qualificato. Forse le piccole imprese dovrebbero avere un salario minimo più basso di quello che sono tenuti a pagare ai loro dipendenti; il salario minimo più basso per le piccole imprese servirebbe come una sorta di sovvenzione alle piccole imprese, come un modo di contrastare le sovvenzioni massicce che le grandi imprese già ottengono. Le grandi imprese che ricevono molti sussidi possono permettersi di pagare di più e dovrebbero essere costrette a pagare i loro dipendenti più di quelli delle piccole imprese che non ricevono tali sussidi. Nella misura in cui le grandi imprese hanno esercitato pressioni e ottenuto sovvenzioni dallo Stato, esse sono diventate un'estensione economica dello Stato. Una regolamentazione su una tale impresa non è necessariamente un'ingiustizia, così come una regolamentazione governativa che limita i poteri dello Stato non è una cosa negativa. (4)

In tutto questo parlare di libertarismo dialettico e di interventi primari e secondari il punto è sottolineare che il tipico approccio "volgare libertario" è estremamente difettoso. Il libertarismo dialettico ci chiama a considerare il sistema nel suo insieme e a considerare il ruolo che svolge ogni istanza di intervento governativo. Nelle parole di Keven A. Carson: "Questo significa che è un errore considerare ogni particolare forma di intervento statale in modo isolato, senza riguardo al ruolo che svolge nel sistema nel suo complesso......". Dobbiamo ricordare che la misura dello statalismo risiede nel funzionamento dell'intero sistema, non nello statalismo formale delle sue parti separate. Una riduzione dello statalismo formale di alcune parti separate, scelte in base alle priorità strategiche delle statistiche, può effettivamente portare ad un aumento netto del livello globale di statalismo. La nostra agenda strategica come libertari, nello smantellamento dello stato, deve riflettere la nostra comprensione della natura globale del sistema .(5)
Anche in questo caso, l'anarco-distributismo è realistico. Riconosce che i mercati sono utili e, alle condizioni esistenti, necessari. Vale la pena di notare che Bakunin e Bukharin (a mio parere, due dei più importanti scrittori comunisti) hanno entrambi fatto la stessa osservazione. I mercati sono un epifenomeno di statalismo, ma ora sono anche necessari; e molto utili per la causa anarchica, soprattutto se possiamo liberarli dalla regolamentazione. Inoltre, se gli anarchici potessero preservare il mercato dei beni di lusso nella società post-capitalista, sarebbe una soluzione vantaggiosa.

Il nostro obiettivo finale è l'abolizione totale dello Stato, ma non può essere raggiunto da un giorno all'altro. C'è un certo ordine in cui lo Stato e la sua struttura economica epifenomenale emergente devono essere eliminati, pezzo per pezzo. Altrimenti, agli attuali beneficiari del privilegio statale sarà concesso un vantaggio sleale e non potrà mai esistere una vera e propria concorrenza libera e leale. (E i sostenitori dei mercati "liberi" significano mercati "equi", dove la libertà è limitata a termini egualitari di "pari libertà "(6). Alle persone non sarebbe permesso di competere con mezzi coercitivi).

Nell'ambito del sistema esistente, abbiamo fondamentalmente un monopolio fondiario. La proprietà privata dei terreni è molto limitata. La maggior parte della terra è di proprietà di società e di banche (che la affittano con mutui ipotecari). Questa situazione si è verificata in passato a causa delle politiche di "recinzioni" e di "dominio immanente", così come attraverso un quadro giuridico capitalistico/feudale, attraverso il quale i governi hanno confiscato proprietà privata e beni comuni per ridistribuire la proprietà ad un'élite oligarchica, creando così i proprietari terrieri e infine la classe capitalista. La disuguaglianza esistente in termini di distribuzione della ricchezza è stata creata dall'intervento del governo. Il capitalismo non è per niente come un libero mercato. Il termine capitalismo in riferimento ad uno specifico sistema economico è stato originariamente coniato da Thomas Hodgskin, un economista di libero mercato e socialista ricardiano. Hodgskin ha usato il termine per riferirsi al sistema economico esistente durante la Rivoluzione Industriale, sistema di natura fortemente interventista. Il capitalismo è un sistema economico in cui lo Stato interviene nell'economia a beneficio della classe capitalista a spese di tutte le altre classi. Le caratteristiche principali del sistema capitalistico sono:
1 che il lavoro salariato è un fenomeno ordinario e
2 che la stragrande maggioranza delle persone non sono capitalisti o proprietari di proprietà produttive. (7)

Il primo passo è il distributismo alla G.K. Chesterton e Hilaire Belloc.(8) È necessaria una ridistribuzione al contrario, per annullare gli effetti ridistributivi originali delle vecchie politiche governative. Il problema del monopolio fondiario potrebbe essere risolto attraverso una politica quasi “georgista’, in cui le tasse sulla proprietà sono utilizzate per incoraggiare lo sviluppo di piccoli appezzamenti e scoraggiare le grandi proprietà. Tuttavia, l'anarco-distributista non avrebbe tasse sulla proprietà individuale che è occupata e utilizzata dal proprietario. Vorremmo che la proprietà fosse ridistribuita lontano dai proprietari e dai titolari di mutui ipotecari assenti, con la piena proprietà concessa agli effettivi proprietari/utilizzatori del terreno. La proprietà deve essere ridefinita in termini di occupazione e di utilizzo. Le grandi proprietà fondiarie da parte delle società dovrebbero essere tassate in modo abbastanza elevato, applicando la "tassa differenziale" di Hilaire Belloc in termini di imposta fondiaria, per vietare le grandi proprietà fondiarie.

Le grandi aziende hanno prosperato solo a causa della privatizzazione del profitto e della socializzazione dei costi - sono cresciute in modo anormale, oltre il punto di dimensioni ottimali, sfidando la legge dei rendimenti decrescenti, quasi esclusivamente attraverso il privilegio del governo. L'uso della "tassa differenziale" di Belloc sulle imprese contribuirebbe ad annullare gli effetti negativi della storica ridistribuzione della ricchezza verso l'alto da parte del governo. La concentrazione della ricchezza nelle mani di pochi è avvenuta a causa dei privilegi ingiusti concessi dallo Stato a certi individui e società. Una ridistribuzione di tale ricchezza non è intrinsecamente ingiusta, così come non è un furto un oggetto rubato a un ladro. Una piccola impresa locale non pagherebbe alcuna imposta, mentre le tasse verrebbero applicate man mano che le imprese si espandono e metastatizzano. Se aveste da uno a cinque negozi, non si applicherebbe nessuna tassa; ma l'aggiunta di un sesto negozio si tradurrebbe in un'imposta annuale moderata, l'aggiunta di un decimo negozio si tradurrebbe in un'imposta annuale più alta, e così via, fino a quando l'onere fiscale diventasse così alto da proibire un'ulteriore espansione.(9) E le aziende come Walmart dovrebbero essere divise con forza, costrette a dividersi in aziende più piccole, come lo scioglimento dei vecchi monopoli durante l'era antitrust.

Il principio distributista della sussidiarietà deve guidarci. Secondo la regola della sussidiarietà, le cose dovrebbero essere fatte il più possibile a livello locale, dal più piccolo ente governativo/amministrativo in grado di svolgere la funzione in modo efficiente. Di conseguenza, dobbiamo spostare il potere verso il basso, decentrando la produzione. È il caso in particolare dello Stato e della sua produzione di servizi di difesa, di sicurezza, di diritto e di arbitrato. Dobbiamo fare in modo che il governo locale assuma sempre più funzioni del governo federale. Quelle cose che possono essere fatte localmente dovrebbero essere fatte localmente. Questo significa che il potere legislativo dovrebbe spostarsi verso il basso, con il diritto statale/locale che ha la precedenza sul diritto federale. Ogni volta che c'è una contraddizione tra la legge statale e la legge federale, la legge statale dovrebbe essere mantenuta e lo stato dovrebbe annullare le leggi federali, proprio come il Colorado ha annullato il divieto federale sulla marijuana. Il potere militare deve essere spostato verso il basso e la guardia nazionale locale a livello statale deve sostituire i servizi federali. La retribuzione militare deve essere gestita interamente dagli uffici finanziari locali - non è necessaria un'organizzazione centralizzata superiore. A poco a poco, dobbiamo continuare finche' il governo federale come potere centralizzato non cessa di esistere. Per penultima cosa, torniamo all'ideale del federalismo, con una federazione decentralizzata di piccoli governi locali totalmente autonomi e indipendenti.

I militari dovrebbero essere totalmente decentrati attraverso la devoluzione, il trasferimento delle responsabilità del governo federale ai governi locali. Tutto dovrebbe essere portato al livello statale, affinchè tutti i militari diventino membri della guardia nazionale di qualsiasi Stato in cui risiedono.
Gli aspetti finanziari del Dipartimento della Difesa (DoD) possono essere gestiti in modo simile. Piuttosto che da uffici centralizzati e un'organizzazione burocratica che si occupa della retribuzione dei militari, tutto sarebbe gestito dall'ufficio finanziario locale del membro. Il Defense Finance and Account Service (DFAS) è inefficiente perché troppo centralizzato. L'intenzione è sempre quella di spostare tutto in un unico sistema. Si trascura il fatto che se questo sistema fallisse, allora l'intera missione fallirebbe. Un esempio di tale fallimento è il Defense Travel System (DTS). Il DTS ha avuto un malfunzionamento che ha causato migliaia di pagamenti da elaborare su conti errati, di conseguenza molti membri del servizio hanno dovuto aspettare mesi prima di ricevere i pagamenti cui avevano diritto. Un altro esempio potrebbe essere un problema che si è verificato con Global Exchange Services (GEX), che ha fatto sì che milioni di dollari di pagamenti dovuti siano stati inviati all'istituto finanziario sbagliato. Oppure si consideri la grande quantità di tempo necessario per ottenere un pagamento riemesso quando un pagamento con carta di debito pubblico a Citibank viene effettuato in modo errato e deve essere restituito: il processo può durare mesi, causando un debito del membro del servizio nel frattempo che il suo salario sia stato incassato. Questo è un altro problema causato da un'eccessiva centralizzazione. Non c'è ragione per cui tutte le carte di addebito devono essere tutte con Citibank (il fatto che siano tutte con Citibank fa parte del motivo per cui ci vuole così tanto tempo per recuperare i fondi erogati), né c'è ragione per cui l'ufficio finanziario locale non dovrebbe essere autorizzato a gestire la raccolta dei fondi restituiti per un pagamento emesso inizialmente e che deve anche riemettere. Il fatto che il processo di raccolta sia gestito da un piccolo gruppo centralizzato rallenta il processo. Se tutta l'acqua viene scaricata da un secchio da un piccolo foro laterale, potrebbero volerci ore; ma se si capovolgete il secchio sopra l'acqua viene erogato immediatamente. Se il processo fosse gestito dagli uffici finanziari locali, essi avrebbero un carico di lavoro minore rispetto agli uffici centralizzati e sarebbero in grado di fare le cose in modo più tempestivo. Un DoD decentralizzato sarebbe molto meglio per i membri del servizio nelle forze armate e per gli uffici finanziari.

I contribuenti non dovrebbero pagare il costo della correzione dei ripetuti errori commessi su larga scala (e le frequenti perdite di fondi). Gli errori si verificherebbero solo su piccola scala e sarebbero più facili da correggere.(10) Il membro del servizio sarebbe in grado di andare al suo ufficio finanziario locale e parlare con qualcuno se avesse un problema con la sua retribuzione, mentre ora deve contattare qualcuno al DFAS e navigare attraverso i canali per trovare il sito e l'ufficio appropriato per gestire la sua particolare questione. Chiamerà e la sua chiamata sarà trasferita ad un numero del servizio clienti in Ohio, poi ad un altro nel Maine, e poi ad uno in Indiana prima di trovare una persona che possa effettivamente rispondere alle sue domande. Anche le questioni legali potrebbero essere gestite in questo modo. Non c'è bisogno di avere forze dell'ordine e tribunali a livello federale. Tutto può essere gestito localmente. La Corte Suprema è un'istituzione di tipo cartaceo: è la corte d'appello finale.(11) La sentenza della corte d'appello finale è definitiva e vincolante; non può essere messa in discussione o contestata. Ma perché la Corte Suprema ha maggiori probabilità di rendere giustizia rispetto ai tribunali locali? Il fatto è che la Corte Suprema spesso commette errori. I suoi errori si fanno sentire su larga scala. Per esempio, nella causa Plessy contro Ferguson la Corte Suprema ha stabilito che la segregazione razziale forzata è perfettamente costituzionale e dovrebbe essere tollerata. La Corte Suprema fece questo errore nel 1896 e fu solo nel 1954 che l'errore fu corretto in Brown contro il Board of Education di Topeka. La segregazione è stata imposta in tutti gli Stati Uniti per oltre mezzo secolo a causa della cattiva decisione di una sola corte. Se fosse stata gestita presso i tribunali locali, allora la segregazione avrebbe potuto persistere in questo periodo, ma sarebbe restata in vigore solo in alcune aree. Altre aree potrebbero aver avuto tribunali che proibivano la segregazione. E le buone decisioni di quei tribunali avrebbero rapidamente condannato coloro che sostenevano la segregazione per il loro errore. Coloro che sostenevano la segregazione avrebbero visto uomini di razze diverse vivere insieme in armonia in varie altre località e si sarebbero resi conto che non c'era motivo di temere l'integrazione. Ci sono uomini brillanti di tutte le razze che daranno un grande contributo alla società come filosofi, imprenditori e inventori se avranno la libertà di interagire con i loro coetanei. La segregazione era dannosa per la società perché non permetteva a brillanti imprenditori di lavorare insieme se non erano della stessa razza. Gli uomini che vivevano in una parte separata della nazione si sarebbero presto resi conto del beneficio di una maggiore cooperazione sociale e di una maggiore uguaglianza razziale, perché avrebbero visto i loro vicini di casa beneficiare di una mancanza di segregazione. Coloro che sostenevano la segregazione si sarebbero necessariamente ridotti in numero.

Non abbiamo bisogno del governo federale per far rispettare la Costituzione. Se non possiamo fidarci degli Stati per essere fedeli alla Costituzione, allora come possiamo fidarci del governo federale per seguirla? Il più potente dei due è destinato a essere il più corrotto. La storia ha dimostrato che il governo federale non fa un buon lavoro di applicazione della Costituzione. La Costituzione dice che solo l'argento e l'oro devono essere usati come "moneta a corso legale" negli Stati Uniti, ma abbiamo una moneta fiat che non è sostenuta da alcun metallo prezioso.(12) La Costituzione non permetteva la schiavitù o la segregazione forzata, ma il governo federale sì. L'esperimento pseudo-federalista nel governo centralizzato è fallito. E' tempo di un approccio decentrato. Un approccio devoluzionario dovrebbe essere implementato, in cui le funzioni del governo federale sono consegnate ai governi locali finché il governo federale non si riduce a nulla.

Il secondo passo è il volontariato alla Auberon Herbert. Dopo il decentramento del governo, i radicali in ogni località devono spingere per il volontariato o "governo volontario "(13). Dobbiamo abolire la tassazione. Il governo deve essere finanziato interamente su base volontaria. L'arruolamento nell'esercito deve essere abolito. Inoltre, la libera concorrenza deve essere permessa.(14) Il governo non deve essere a mantenere qualsiasi monopolio con la forza della legge. La concorrenza deve essere consentita in tutti i settori, in particolare nella produzione di servizi di difesa e di sicurezza. I servizi di arbitrato privato devono poter competere con i tribunali governativi.

Non vi è alcuna necessità che il governo sia così malvagio come lo è attualmente. Non ci sarebbe bisogno che il governo raccolga denaro attraverso il furto o la "tassazione". Potrebbe raccogliere denaro fornendo beni e servizi senza coercizione. Per esempio, se si vuole investire nella sicurezza sociale, il governo può rendere ciò facoltativo. Potrebbero addebitare un 7% volontario "imposta sul reddito" per la sicurezza sociale, risparmiandone il 5% per coprire le prestazioni di sicurezza sociale e mantenendo il restante 2% come reddito generale. E quei benefici che gli uomini non sopravvivono abbastanza a lungo per riscattare potrebbero essere mantenuti dal governo per altri scopi. Gli impiegati governativi potrebbero raccogliere fondi per il governo attraverso attività creative di raccolta fondi. Il governo potrebbe anche essere in grado di raccogliere una quantità considerevole attraverso donazioni di beneficenza. Attualmente lo Stato non riceve molte donazioni proprio perché ruba ricchezza agli uomini in anticipo. Gli uomini non sentono il bisogno di dare a un'istituzione che ha già preso con la forza le cose da loro. Potrei fare una donazione a una chiesa; ma se scopro che la chiesa mi ha rubato dei soldi, allora non mi sento più propenso a fare una donazione. Lo stesso vale per lo Stato.

Il finanziamento attraverso i contributi volontari è il controllo finale sul potere del governo. Se qualcosa non può essere finanziato volontariamente, probabilmente è qualcosa che non dovrebbe essere fatto. Inoltre, il governo potrebbe uscire completamente dal mercato monetario, consentendo alle valute concorrenti di prendere il sopravvento. Potremmo facilmente orientarci verso un esercito assolutamente volontario, senza la possibilità di un progetto. Un progetto non è mai necessario. Quando il governo deve redigere gli uomini nell'esercito, è solo un'indicazione che il governo è coinvolto in una guerra ingiusta. Se la guerra fosse giusta, allora molti uomini si offrirebbero volontari per combattere per la causa. Gli uomini rischiano abitualmente la loro vita per cause giuste; ecco perché oltre il 70% dei vigili del fuoco americani sono volontari.

Inoltre, in questo Stato volontarista decentralizzato, il governo permetterebbe la libera concorrenza. I tribunali non governativi, i servizi di arbitrato, i fornitori di difesa e sicurezza, le banche che creano denaro e i club di manutenzione stradale sarebbero autorizzati a competere con i servizi simili forniti dal governo. La gente potrebbe scegliere tra l'acquisto di questi servizi dal governo e l'acquisto da organizzazioni concorrenti sul libero mercato.

La meta è l'anarchia. La fase volontaristica è una semplice fase di transizione tra la minarchia e l'anarchia. Una volta messo in atto il regime volontaristico, lo Stato "svanirà gradualmente". La concorrenza ridurrà il governo alla posizione di essere solo un altro fornitore di servizi sul libero mercato. Non ci sarà nessun unicogoverno, nessun potere e autorità centrale. Ogni servizio attualmente monopolizzato dallo Stato sarà fornito da una varietà di organizzazioni competitive su base volontaria. Nessun monopolio è mai stato sostenuto a lungo in condizioni di libera concorrenza. Tutti i monopoli duraturi sono stati creati e sostenuti con la forza. Se viene creato il regime volontaristico, e ai fornitori di servizi alternativi è permesso di competere con il governo, allora il governo perderà presto il suo status di monopolio e diventerà solo un altro fornitore di servizi tra le varie opzioni competitive che si troveranno sul mercato.

Sotto l'anarchismo, dovremmo aspettarci di vedere la rinascita e l'espansione di accordi volontari comunisti. Come ha osservato David Graeber, abbiamo un "comunismo della vita quotidiana", in cui famiglie e amici condividono cibo, alloggio, ecc. su base comunista. Ancora oggi, il comunismo è un aspetto molto reale e necessario della nostra società. E dovremmo aspettarci di vedere la sfera del comunismo volontario espandersi in assenza dello Stato. L'area degli accordi comunisti era più ampia prima dell'ascesa degli Stati moderni e del denaro sostenuto dal governo come misura di contabilità. Gli accordi in condizioni primitive erano incentrati su transazioni non monetarie/non di baratto/non di mercato nelle comunità locali. L'economia delle donazioni era il normale accordo. Piuttosto che vendere scarpe, il calzolaio dava scarpe a membri di fiducia della sua comunità locale (il baratto e il commercio erano riservati a estranei e sconosciuti). C'era l'obbligo implicito e informale per quella persona di "restituire il favore" in futuro, ogni volta che il calzolaio aveva bisogno di un bene o di un servizio che potesse fornire. Con l'abolizione dello Stato, l'economia dei doni potrebbe essere rilanciata come un fenomeno economico regolare.

Nell'ambito della libera concorrenza sul libero mercato, in assenza di un intervento statale, i prezzi saranno mantenuti il più bassi possibile. La concorrenza tende a far scendere i prezzi. Mentre ogni produttore cerca di competere per il vostro business, abbassa i prezzi per "abbassare i prezzi". la concorrenza." Di conseguenza, in regime di pura concorrenza, i prezzi tenderanno a gravitare verso i costi di produzione. Questo fenomeno era centrale per le idee di Benjamin Tucker e Josiah Warren, che tenevano al "principio del costo", che il prezzo dovrebbe essere determinato quasi esclusivamente dal costo di produzione. I prezzi sarebbero stati notevolmente ridotti in condizioni di libero mercato. Come ha osservato Kevin A. Carson, in The Free Market as Full Communism, in condizioni di libero mercato i produttori dovranno rimanere altamente competitivi. I produttori si sforzeranno costantemente di ridurre i costi di produzione al fine di "abbassare la concorrenza" con prezzi ridotti. I produttori competitivi cercheranno i modi più efficienti, produttivi ma a basso costo, per produrre i loro prodotti. Come risultato, molte cose diventeranno così a buon mercato che il costo della contabilità supererà il valore di scambio. L'applicazione dei principi della permacultura e delle nuove tecnologie all'agricoltura ci condurrà in una società post-scarsità in cui la maggior parte del cibo sarà probabilmente coltivato in orti comunitari, o in aziende agricole nei comuni, o nei cortili degli individui. Le necessità della vita non costerà nulla in termini di denaro perché il loro prezzo sarà così basso che non può essere misurato in unità monetarie. La sfera del mercato si restringerebbe, poiché le necessità sarebbero tutte fornite da accordi non monetari, non di baratto e non di mercato, e gli accordi volontari comunisti diventerebbero più comuni. Di conseguenza, vedremmo qualcosa come il comunismo anarchico di Peter Kropotkin e Alexander Berkman svilupparsi naturalmente e spontaneamente. Tuttavia, dovremmo aspettarci che il mercato sia preservato come meccanismo di distribuzione di articoli di lusso.

NOTE

1 "Anarco-distributismo" è un termine che ho coniato per descrivere la mia opinione su come si potrebbe realizzare una rivoluzione anarchica. È una nozione eclettica che sintetizza le migliori idee di distribuzione, volontariato e anarchismo. Sono il principale sostenitore di questa posizione in questo momento, anche se ci sono pochi altri che sottoscrivono una qualche forma di anarco-distribuzione. Personalmente, mi considero un pan-anarchico, sostenendo "l'anarchia senza aggettivi" e sostenendo il mutualismo, l'anarchismo individualista e anche l'anarchismo comunista. L'anarco-distribuzione non è tanto una filosofia politica quanto una filosofia sulla metodologia politica legata all'anarchismo.

2 Cf. Chris Sciabarra, Total Freedom & Kevin A. Carson, Free Market Reforms and the Reduction of Statism

3 Cfr. Kevin A. Carson, Riforme del libero mercato e riduzione dello statalismo: "Le priorità strategiche dei libertari di principio dovrebbero essere esattamente l'opposto [della tipica strategia "volgare libertaria"]: prima di tutto smantellare le forme fondamentali e strutturali di intervento statale, il cui effetto primario è quello di consentire lo sfruttamento, e solo in seguito smantellare le forme secondarie e migliorative di intervento che servono a rendere la vita sopportabile per la persona media che vive in un sistema di sfruttamento statale. Come ha detto il blogger Jim Henley, rimuovete le catene prima delle stampelle". (parentesi la mia)

4 Cfr. Keven A. Carson, Riforme del libero mercato e riduzione dello statalismo: "Inoltre, le norme che limitano e limitano l'esercizio del privilegio [concesso dal governo] non comportano, in senso proprio, un aumento netto dello statalismo. Sono semplicemente le restrizioni stabilizzatrici dello stato aziendale che stabilizzano le proprie forme più fondamentali di intervento". (tra parentesi una mia aggiunta)

5 Keven A. Carson, le riforme del libero mercato e la riduzione dello statalismo.

6 Cfr. la "legge della pari libertà", come sostenuta da Herbert Spencer in Statica sociale (capitolo 4, sezione 3), che afferma che ogni individuo dovrebbe avere "la libertà di fare tutto ciò che vuole, a condizione che non violi la pari libertà di nessun altro" per fare lo stesso.

7 Cfr. Kevin A. Carson: "Il capitalismo, a differenza del libero mercato, è un sistema in cui lo Stato rappresenta i proprietari del capitale e della terra e interviene sul mercato per loro conto. La sua applicazione di privilegi speciali mantiene la terra e il capitale artificialmente scarso e costoso rispetto al lavoro, cosicché il lavoro deve pagare un tributo per l'accesso ai mezzi di produzione. Lasciamo, quindi, che lo stato rimuova le sue garanzie di privilegio, e lasciamo che i fornitori di terra e capitale competano in un libero mercato senza barriere all'ingresso, e la terra e il capitale cesseranno di trarre rendimenti monopolistici" (Kevin A. Carson, Anticapitalismo del libero mercato) e Hilaire Belloc: "La caratteristica principale del [capitalismo] è il possesso dei mezzi di produzione, cioè terra e macchinari, da parte di un piccolo numero di cittadini, mentre i grandi produttori e i grandi produttori di beni e servizi. la maggior parte dei cittadini rimane spossessata non solo della terra e dei macchinari, ma anche dei negozi di generi alimentari, abbigliamento e abitazioni, senza i quali gli uomini non possono vivere" (Hilaire Belloc, Nationalization) & John C. Médaille: "Nelle economie capitaliste, la stragrande maggioranza degli uomini non sono capitalisti; cioè, non hanno capitale sufficiente per vivere, da soli o in collaborazione con i loro vicini, ma devono lavorare per i salari per vivere" (John C. Médaille, Toward a Truly Free Market, capitolo 5) Anche Karl Marx non usa il termine capitalismo come semplice sinonimo di "libero mercato". Il capitalismo, secondo Marx, ha due caratteristiche primarie: in primo luogo, l'"accumulazione" o concentrazione della maggior parte del capitale nelle mani di una piccola classe di capitalisti e, in secondo luogo, la sottomissione del resto della società al lavoro salariato come dipendenti dei capitalisti. Cfr. Karl Marx: "....il capitalismo, quando la ricchezza sociale diventa in misura sempre maggiore proprietà di coloro che sono in grado di appropriarsi continuamente e sempre di nuovo del lavoro non retribuito degli altri........ Solo quando e dove il lavoro salariato è la sua base la produzione di merci si impone alla società nel suo insieme; ma solo allora e lì si dispiega tutte le sue potenzialità nascoste........ Nella misura in cui la produzione di merci, secondo le proprie leggi intrinseche, si sviluppa ulteriormente nella produzione capitalistica, le leggi di proprietà della produzione di merci si trasformano nelle leggi di appropriazione capitalistica" (Karl Marx, Capitale, Vol. 1, Capitolo 24, Sezione 1 [sottolineatura mia]) e "Il capitale sotto forma di denaro deve essere sempre disponibile, in particolare per il pagamento dei salari, prima che la produzione possa essere effettuata in modo capitalistico. Ma i proprietari terrieri possono avere una speranza. Tutto viene a coloro che attendono, e a tempo debito il capitalista industriale avrà a sua disposizione non solo il proprio denaro ma anche quello degli altri" (Karl Marx, Capitale, Vol. 2, Capitolo 1, Sezione 1 [sottolineaturai mia]) "L'agricoltura si svolge in modo capitalistico, cioè è l'impresa di un agricoltore capitalista su larga scala; il coltivatore diretto della terra è il salariato-lavoratore."(Karl Marx, Capital, Vol. 2, Capitolo 19, Sezione 1 [enfasi mia]) Il modo in cui uso il termine "capitalismo" è in linea con il modo in cui il termine è stato originariamente usato sia dai teorici del libero mercato che dai sostenitori dello statalismo.

8 Cfr. Donald P. Goodman III: "Questa è la caratteristica distintiva del Distributismo: la distribuzione su larga scala della proprietà produttiva in tutta la società, cosicché la proprietà di essa è la norma, piuttosto che l'eccezione" (Introduzione al Distributismo, Parte 1 [visto 29.8.2012]) e "La distribuzione diffusa della proprietà produttiva è l'obiettivo primario del Distributismo" (Introduzione al Distributismo, Parte 2 [visto 29.8.2012]).

9 Cfr. Hilaire Belloc: "Il principio dell'Imposta Differenziale è che una diversa proporzione di tassazione, così come un diverso importo, può essere applicata agli uomini in circostanze diverse. Per esempio, se si applica un'imposta sul reddito pari a zero ai redditi inferiori a $2.000, del 5 per cento tra $2.000 e $5.000 del 10 per cento tra $5.000 e così via, questa è un'imposta differenziale."(Hilaire Belloc, The Differential Tax) Belloc si spinge fino a dire che "lo scopo di ogni sana riforma sociale" dovrebbe essere "la più ampia distribuzione della proprietà" e che l'imposta differenziale è "una tassa specialmente mirata contro l'accumulazione eccessiva" (ibid.) Belloc sottolinea che questo è "niente di rivoluzionario", poiché tutti gli stati del mondo moderno praticano una tassazione progressiva. La sua unica obiezione è che "non la praticano per il fine veramente utile che può servire, che è la migliore distribuzione della proprietà" (ibid.) Questa migliore distribuzione della proprietà è necessaria per la libertà di esistere, egli dice, perché: "Dove è solo il reddito che è ben distribuito, gli uomini sono ancora sotto il pollice di chi o qualunque cosa paghi quel reddito, ma dove la proprietà è ben distribuita, i proprietari sono tutti uomini liberi" (ibid.) L'anarco-distributista, tuttavia, ritiene che questo principio di un'imposta differenziale non dovrebbe essere applicato sotto forma di imposta sul reddito, ma piuttosto come imposta sulla proprietà e come imposta sul profitto aziendale.

10 È stato sostenuto che il personale finanziario locale è generalmente incompetente e inaffidabile e che, di conseguenza, è necessaria una centralizzazione. Tuttavia, anche il personale del DFAS è generalmente incompetente. Inoltre, l'ignoranza del personale finanziario del ministero della Difesa in generale è il risultato di una regolamentazione troppo complessa e di sistemi governativi troppo arcaici e obsoleti. Non c'è bisogno di avere un esercito "in servizio attivo" a livello federale come qualcosa di diverso dalla guardia nazionale locale. Inoltre, non c'è ragione per cui a tutto il personale militare di ogni Stato debba applicarsi un unico ed uniforme insieme di norme. Ogni Stato dovrebbe avere il controllo assoluto della propria guardia nazionale, stabilendo le proprie norme in materia di retribuzione militare, libero di scegliere norme diverse da quelle degli altri Stati, e libero di utilizzare qualsiasi sistema scelto per la contabilità e l'esborso.

11 Cfr. Adrian Fortescue, Il primo papato al Sinodo di Calcedonia nel 451, cap. 7.

12 La Costituzione degli Stati Uniti, articolo 1, sezione 10

13 Agli anarco-capitalisti piace equiparare il "volontarismo" all'anarchia di mercato. Questo è fuorviante. C'è un terreno comune, ma sia Murray Rothbard che Auberon Herbert hanno dichiarato che il volontariato è una filosofia non anarchica. Auberon Herbert, il fondatore del volontariato, ha scritto: "Crediamo che l'ideale anarchico di non avere macchine fisse e regolarmente organizzate per la repressione del crimine da fondare per errore; e noi siamo governanti, nel senso che crediamo che lo strumento comune per la repressione del crimine aggressivo ordinario dovrebbe poggiare sulla parte più forte della nazione, cioè sulla maggioranza.......". Non dovremmo dirigere i nostri attacchi - come fanno gli anarchici contro tutto il governo, contro il governo in sé, come la forza-macchina nazionale....." (Auberon Herbert, I principi del volontariato e della vita libera) Il volontariato, a differenza dell'anarchismo, vede il governo come un monopolio naturale...." (Auberon Herbert, I principi del volontariato e della vita libera) Il volontariato, a differenza dell'anarchismo, vede il governo come un monopolio naturale

14 Cfr. Auberon Herbert, I Principi del Volontariato e della Vita Libera, dove dice "che lo Stato non deve imporre alcun servizio e non esigere alcun pagamento con la forza, ma deve dipendere interamente dai servizi volontari e dai pagamenti volontari" e "che dovrebbe essere libero di condurre molte imprese utili, in relazione all'istruzione, alle questioni sanitarie, ai soccorsi, alle assicurazioni, agli affari postali, al commercio, all'ispezione degli edifici, ai macchinari, ecc, e molte altre questioni, ma di farlo in concorrenza con tutte le agenzie di volontariato, senza impiego di forza, in dipendenza da pagamenti volontari, e agendo con il consenso degli interessati...."..". (sottolineatura mia)


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Proudhon, il primo anarchico

Pierre-Joseph Proudhon è stato un filosofo, economista, sociologo, saggista ed anarchico francese. Tra i principali teorici dell'anarchismo, fu il primo ad attribuire un significato positivo ai termini "anarchia" ed "anarchico", sino ad allora impiegati soltanto con un'accezione dispregiativa, come afferenti ai concetti di anomia ed entropia, anche dai suoi stessi pensatori e militanti del tempo (perfino da William Godwin, generalmente considerato un teorico ed esponente ante litteram dell'anarchismo).

Proudhon e la sua Terza Posizione

Le idee di Proudhon non sono le nostre idee, non sono state nemmeno sempre sue. Hanno combattuto in lui e così spesso si sono distrutte a vicenda che la sua mente è definita il luogo d'incontro dei contraddittori. Avendo capito molto, questo grande oratore non è stato in grado di mettere tutto in ordine.

🎥 Libere Comunità incontra Movimento Distributista Italiano - intervista e dibattito con Matteo Mazzariol

Il Movimento Distributista Italiano nasce a Bergamo il 13 novembre 2012 da un gruppo di cittadini sinceramente interessati a rimettere il senso comune, l'adesione al reale e l'uso della retta ragione al centro dell'agire politico, al di là di ogni ideologia e nell'interesse del bene comune. Il Movimento Distributista Italiano affonda le sue radici nel pensiero di Gilbert Keith Chesterton e Hilaire Belloc.

Secondo il distributismo, la proprietà dei mezzi di produzione deve essere ripartita nel modo più ampio possibile fra la popolazione generale, piuttosto che essere centralizzata sotto il controllo dello Stato (nel socialismo) o di pochi privati facoltosi (nel capitalismo).

L'Anarchia è Ordine: creare il Nuovo Mondo nel guscio del Vecchio

La parola "anarchia" deriva dall'antica parola greca "anarchos" e significa "senza un sovrano". Mentre i governanti, abbastanza prevedibilmente, affermano che la fine del governo porterà inevitabilmente a una discesa nel caos e nel tumulto, gli anarchici sostengono che il governo non è necessario per la conservazione dell'ordine. Piuttosto che una discesa nella guerra di Hobbes di tutti contro tutti, una società senza governo suggerisce agli anarchici la possibilità stessa di relazioni umane creative e pacifiche. Pierre-Joseph Proudhon ha ben riassunto la posizione anarchica nel suo famoso slogan: "L'anarchia è ordine".

Clarence Lee Swartz, "La praticabilità del Mutualismo" (1926)

Il mutualismo è applicabile a tutte le relazioni umane. In tutta la gamma dell'esistenza, dalla nascita alla morte, la mutualità — associazione volontaria per l'azione reciproca — è dovunque e in ogni momento in attesa di risolvere ogni problema dei rapporti sociali, di decidere ogni questione che si pone nel commercio e nell'industria. Per praticare il mutualismo è necessario nominare solo due condizioni: che l'individuo non invadente non sia costretto, e che nessuna parte del prodotto del lavoro di nessuno gli sarà tolta senza il suo consenso. Con quelle generalizzazioni negative così postulate, affermando così la sovranità dell'individuo, ne deriva naturalmente il corollario positivo e costruttivo: la reciprocità; che implica iniziativa individuale, libero contratto e associazione di volontariato.

Proudhon, un pensatore scomodo

È un detto di Fouché: «Datemi un pezzo di carta con la firma d'un uomo, ed io lo farò giustiziare». Questo può essere un principio basilare della procedura cui s'informa la Polizia di Stato 🚨 ma nelle istanze intellettuali non è davvero un buon criterio.

L'Anarchia delle Frontiere

Storicamente le frontiere non erano una festa d'amore capitalista. Molte comunità erano piuttosto vicine al mutualismo. Ad esempio, in Siberia in quasi tutti gli insediamenti c'era una banca comune (магазея, magazeya), la pelliccia e altre risorse venivano vendute al valore del lavoro svolto. Un sistema simile esisteva negli insediamenti dell'Australia, delle Americhe, ecc.

L'Anarco-Sindacalismo: Proudhon contro Marx

Mi ci sono voluti vari anni per leggere e comprendere le opere di Pierre Joseph Proudhon. Bakunin, Kropotkin, Malatesta e Goldman mi erano tutti familiari, quindi perché ero reticente sul "padre dell'anarchismo"? Alcuni di questi possono essere attribuiti all'influenza generale degli scritti di Marx sull'opinione pubblica. Marx ha fatto un lavoro di scure su Proudhon e marxisti come Hal Draper hanno preso citazioni fuori contesto o hanno tirato fuori dichiarazioni imbarazzanti che facevano sembrare Proudhon autoritario o proto-fascista.

Mutualismo Economico

Il mutualismo, chiamato anche proudhonismo o anarco-mutualismo (AnMut), è un'ideologia economicamente di sinistra (ma pro-mercato), anarchica e culturalmente variabile basata principalmente sugli scritti di Pierre-Joseph Proudhon.

Inoltre, è fortemente a favore della libertà individuale e può essere visto come l'ideologia unificante tra le scuole di pensiero anarchico sociale, individualista e di mercato, ed è stato molto influente nello sviluppo di altre ideologie anarchiche successive.

Il colore arancione rappresenta il suo voler essere una terza via tra il marxismo (rosso) e il capitalismo (giallo), mutuando libertà individuale e collettivismo.

L'Anarchismo Idiosincratico di Lysander Spooner e il "Socialismo di Mercato"

Lysander Spooner è una figura importante nella storia del movimento per la libertà. Era un sostenitore del movimento operaio ed era persino un membro della Prima Internazionale in un momento in cui socialisti e anarchici coesistevano pacificamente all'interno di quel movimento. Forse una delle cose più interessanti di Spooner è che fu il primo a gestire una società privata in diretta concorrenza con l'ufficio postale degli Stati Uniti. Questo sforzo prevedibilmente fallì non perché l'American Letter Mail Company non potesse competere, ma perché Spooner era ostacolato dalla legge.