Storicamente le frontiere non erano una festa d'amore capitalista. Molte comunità erano piuttosto vicine al mutualismo. Ad esempio, in Siberia in quasi tutti gli insediamenti c'era una banca comune (магазея, magazeya), la pelliccia e altre risorse venivano vendute al valore del lavoro svolto. Un sistema simile esisteva negli insediamenti dell'Australia, delle Americhe, ecc.

L'Anarco-Frontierismo (Anfront) è un'ideologia anarchica, transumanista, economicamente di centro, culturalmente centrista, che abita il basso fondo centrale del Compasso Politico.

A differenza dell'anarchismo amish, che è palesemente culturalmente reazionario e religioso, l'anarco-frontierismo è transumanista, culturalmente neutrale o leggermente progressista e intrinsecamente non religioso.

Crede che "le vere società anarchiche possano esistere solo alle frontiere della... civiltà" e quindi sostiene il transumanesimo per espandere la frontiera nello spazio.

Il fucile simboleggia i coloni, l'ascia rappresenta i nativi e il perno da ferrovia è simbolo del lavoro e delle grandi distese di frontiera. Il nero è il colore dell'anarchismo, il marrone slavato sta per le sabbie e le erbacce delle frontiere meridionali americane, il bianco sta per le nevi di quelle settentrionali.

Il suo sistema sociale include uno stato in gran parte limitato (minarchismo) o l'abolizione totale dello stato (anarchismo). Il suo sistema economico è fortemente basato sul Mutualismo.

L'Anarco-Frontierismo non è ostile ai sistemi di mercato e cerca di creare un sistema che ne combini gli aspetti migliori. I suoi ideali culturali includono la protezione del possesso di armi, la legalizzazione delle droghe ricreative, la libertà sessuale.

Gli Anfront ritengono che la conservazione della cultura sia necessaria per la coesione sociale, soprattutto quando si tratta di arte, lingua e storia.

Nonostante sia legato al Transumanesimo, l'Anarco-Frontierismo supporta solo l'aumento e la valorizzazione del corpo umano senza cambiare la natura umana stessa. È essenzialmente un'ideologia per le persone che vogliono essere cowboy spaziali.

La tesi della Frontiera

La tesi della frontiera o tesi di Turner (anche frontiera americana), è l'argomento avanzato dallo storico Frederick Jackson Turner nel 1893 secondo cui la democrazia americana è stata formata dalla frontiera americana. Ha sottolineato il processo, la linea di frontiera mobile, e l'impatto che ha avuto sui pionieri che lo hanno seguito. Ha anche sottolineato i risultati, in particolare che la democrazia americana è stata il risultato principale, insieme all'egualitarismo, alla mancanza di interesse per l' alta cultura e alla violenza.

"La democrazia americana non è nata dal sogno di nessun teorico; non è stata portata avanti nel Susan Constantin Virginia, né nel Mayflower a Plymouth. È uscita dalla foresta americana e ha acquisito nuova forza ogni volta che ha toccato una nuova frontiera."

Nella tesi, la frontiera americana ha stabilito la libertà liberando gli americani dalla mentalità europea ed erodendo vecchi costumi disfunzionali. La frontiera non aveva bisogno di eserciti permanenti, chiese stabilite, aristocratici o nobili. Non c'era nobiltà terriera che controllasse la maggior parte della terra e addebitasse affitti e tasse pesanti. La terra di frontiera era praticamente libera da prendere. Turner annunciò per la prima volta la sua tesi in un articolo intitolato "The Significance of the Frontier in American History", consegnato all'American Historical Association nel 1893 a Chicago. Ottenne ampi consensi tra storici e intellettuali. Turner ha elaborato il tema nelle sue lezioni di storia avanzata e in una serie di saggi pubblicati nei successivi 25 anni, pubblicati insieme al suo articolo iniziale come "La frontiera nella storia americana".

L'enfasi di Turner sull'importanza della frontiera nel plasmare il carattere americano ha influenzato l'interpretazione trovata in migliaia di storie accademiche. Quando Turner morì nel 1932, il 60% dei principali dipartimenti di storia negli Stati Uniti insegnava corsi di storia di frontiera lungo le linee turneriane.

Riepilogo

Turner inizia il saggio richiamando l'attenzione sul fatto che la linea di confine occidentale, che aveva definito l'intera storia americana fino al 1880, era terminata. Egli elabora affermando,

Dietro le istituzioni, dietro le forme e le modifiche costituzionali, si trovano le forze vitali che chiamano questi organi in vita e li modellano per soddisfare le mutevoli condizioni. La particolarità delle istituzioni americane è il fatto che sono state costrette ad adattarsi ai cambiamenti di un popolo in espansione ai cambiamenti coinvolti nell'attraversare un continente, nel conquistare una natura selvaggia e nello sviluppare in ogni area di questo progresso fuori dal condizioni economiche e politiche primitive della frontiera nella complessità della vita cittadina.

Secondo Turner, il progresso americano ha ripetutamente subito un processo ciclico sulla linea di frontiera poiché la società ha avuto bisogno di riqualificarsi con il suo movimento verso ovest. Tutto nella storia americana fino al 1880 in qualche modo riguarda la frontiera occidentale, inclusa la schiavitù. Nonostante ciò, lamenta Turner, la frontiera ha ricevuto pochi studi seri da storici ed economisti.

La linea di frontiera, che separa la civiltà dalla natura selvaggia, è “l'americanizzazione più rapida ed efficace” del continente; prende l'europeo dall'altra parte dell'Atlantico e lo plasma in qualcosa di nuovo. L'emigrazione americana verso ovest non è stimolata da incentivi governativi, ma piuttosto da un "potere espansivo" intrinseco al loro interno che cerca di dominare la natura. Inoltre, c'è bisogno di uscire dai confini dello Stato. L'aspetto più importante della frontiera per Turner è il suo effetto sulla democrazia. La frontiera ha trasformato la democrazia jeffersoniana in democrazia jacksoniana. L'individualismo promosso dal deserto di frontiera ha creato uno spirito nazionale complementare alla democrazia, poiché il deserto sfida il controllo. Pertanto, il marchio di democrazia popolare di Andrew Jackson è stato un trionfo della frontiera.

Turner imposta l'Oriente e l'Occidente come forze opposte; mentre l'Occidente si batte per la libertà, l'Oriente cerca di controllarla. Cita i tentativi britannici di soffocare l'emigrazione occidentale durante l'era coloniale e come esempio di controllo orientale. Anche dopo l'indipendenza, la costa orientale degli Stati Uniti ha cercato di controllare l'Occidente. Le istituzioni religiose della costa orientale, in particolare, hanno combattuto per il possesso dell'Occidente. Le tensioni tra le piccole chiese a seguito di questa lotta, afferma Turner, esistono oggi a causa del tentativo religioso di dominare l'Occidente e tali effetti meritano ulteriori studi.

Anche l'intelletto americano deve la sua forma alla frontiera. I tratti della frontiera sono:

“grossezza e forza combinate con acutezza e curiosità; quell'atteggiamento pratico, inventivo, pronto a trovare espedienti; quella padronanza magistrale delle cose materiali, priva dell'artistico ma potente per raggiungere grandi fini; quell'energia irrequieta e nervosa; quell'individualismo dominante, che lavora per il bene e per il male, e con esso quella vivacità ed esuberanza che derivano dalla libertà”.

Turner conclude il saggio dicendo che con la fine della frontiera è terminato il primo periodo della storia americana.

Contesto intellettuale

Teoria dei germi germanici 

La tesi della frontiera è nata in un momento in cui la teoria dei germi germanici della storia era popolare. I sostenitori della teoria dei germi credevano che le abitudini politiche fossero determinate da attributi razziali innati. Gli americani hanno ereditato tratti come l'adattabilità e l'autosufficienza dai popoli germanici d'Europa. Secondo la teoria, la razza germanica sarebbe comparsa e si sarebbe evoluta nelle antiche foreste teutoniche, dotate di una grande capacità politica e di governo. I loro germi furono, direttamente e attraverso l'Inghilterra, trasportati nel Nuovo Mondo dove fu loro permesso di germinare nelle foreste nordamericane. Così facendo, gli anglosassoni ei discendenti del popolo germanico, essendo esposti a una foresta come i loro antenati teutonici, diedero vita alle libere istituzioni politiche che costituirono le fondamenta del governo americano.

Lo storico ed etnologo Hubert Howe Bancroft ha articolato l'ultima iterazione della teoria dei germi germanici appena tre anni prima dell'articolo di Turner nel 1893. Ha sostenuto che la "marea dell'intelligenza" si è sempre spostata da est a ovest. Secondo Bancroft, i germi germanici si erano diffusi in tutta l'Europa occidentale nel Medioevo e avevano raggiunto il loro apice. Questa intelligenza germanica è stata fermata solo da "restrizioni civili ed ecclesiastiche" e dalla mancanza di "terra libera". Questa era la spiegazione di Bancroft per i secoli bui.

La teoria di Turner del primo sviluppo americano, che si basava sulla frontiera come forza trasformatrice, si opponeva nettamente al determinismo razziale bancroftiano. Turner ha fatto riferimento alla teoria dei germi germanici per nome nel suo saggio, sostenendo che "un'attenzione troppo esclusiva è stata prestata dagli studenti istituzionali alle origini germaniche". Turner credeva che gli storici dovessero concentrarsi sulla lotta dei coloni con la frontiera come catalizzatore per la creazione del carattere americano, non sui tratti razziali o ereditari.

Sebbene il punto di vista di Turner avrebbe vinto sulla versione della storia occidentale della teoria dei germi germanici, la teoria è persistita per decenni dopo che la tesi di Turner ha estasiato l'American Historical Association. Nel 1946, lo storico medievale Carl Stephenson pubblicò un articolo esteso confutando la teoria dei germi germanici. Evidentemente, la convinzione che le istituzioni politiche libere degli Stati Uniti siano nate nelle antiche foreste germaniche durò fino agli anni '40.

Guerra Razziale

Un'interpretazione similmente basata sulla razza della storia occidentale occupava anche la sfera intellettuale negli Stati Uniti prima di Turner. La teoria della guerra razziale era una credenza emergente alla fine del diciannovesimo secolo sostenuta da Theodore Roosevelt in "The Winning of the West". Sebbene Roosevelt avrebbe in seguito accettato la storiografia di Turner sull'Occidente, definendo il lavoro di Turner una correzione o un'integrazione propria, i due certamente contraddicono.

Roosevelt non era del tutto infondato nel dire che lui e Turner erano d'accordo; sia Turner che Roosevelt concordavano sul fatto che la frontiera avesse plasmato quelle che sarebbero diventate istituzioni distintamente americane e l'entità misteriosa che ciascuno chiamava "carattere nazionale". Hanno anche convenuto che lo studio della storia dell'Occidente era necessario per affrontare le sfide alla democrazia alla fine degli anni 1890.

Turner e Roosevelt divergevano sull'esatto aspetto della vita di frontiera che ha plasmato l'americano contemporaneo. Roosevelt sosteneva che la formazione del carattere americano non avvenne con i primi coloni che lottavano per sopravvivere mentre imparavano una terra straniera, ma "all'avanguardia dell'espansione" nelle prime battaglie con i nativi americani nel Nuovo Mondo. Per Roosevelt, il viaggio verso ovest fu uno di incontri senza sosta con le "razze e culture ostili" del Nuovo Mondo, costringendo i primi coloni a difendersi mentre avanzavano. Ovunque, gli occidentali e i selvaggi nativi, lottarono per il dominio della terra attraverso la violenza.

Mentre Turner vedeva lo sviluppo del carattere americano avvenire appena dietro la linea di frontiera, mentre i coloni domavano e coltivavano la terra, Roosevelt lo vedeva formarsi nelle battaglie appena oltre la linea di frontiera. Alla fine, il punto di vista di Turner avrebbe prevalso tra gli storici, cosa che Roosevelt avrebbe accettato.

Evoluzione 

Turner stabilì un modello evolutivo (aveva studiato l'evoluzione con un importante geologo, Thomas Chrowder Chamberlin), usando la dimensione temporale della storia americana e lo spazio geografico della terra che divenne gli Stati Uniti. I primi coloni che arrivarono sulla costa orientale nel XVII secolo agirono e pensavano come gli europei. Si adattarono al nuovo ambiente fisico, economico e politico in certi modi: l'effetto cumulativo di questi adattamenti fu l'americanizzazione.

Le generazioni successive si spostarono più nell'entroterra, spostando le linee di insediamento e di deserto, ma preservando la tensione essenziale tra i due. Le caratteristiche europee caddero nel dimenticatoio e le istituzioni del vecchio paese (ad esempio, chiese stabilite, aristocrazie consolidate, eserciti permanenti, governo invadente e distribuzione delle terre altamente diseguale) erano sempre più fuori luogo. Ogni generazione si è spostata più a ovest ed è diventata più americana, più democratica e più intollerante alla gerarchia. Divennero anche più violenti, più individualisti, più diffidenti nei confronti dell'autorità, meno artistici, meno scientifici e più dipendenti da organizzazioni ad hoc che si erano formate. In termini generali, più si è a ovest, più americana è la comunità.

Frontiera chiusa

Turner vide che la frontiera terrestre stava finendo, dal momento che il censimento degli Stati Uniti del 1890 aveva dichiarato ufficialmente che la frontiera americana si era rotta.

Nel 1890, l'insediamento nell'ovest americano aveva raggiunto una densità di popolazione sufficiente che la linea di frontiera era scomparsa; nel 1890 l'Ufficio del Censimento pubblicò un bollettino che dichiarava la chiusura della frontiera, affermando:

"Fino al 1880 compreso il paese aveva una frontiera di insediamento, ma attualmente l'area instabile è stata così frammentata da corpi di insediamento isolati che difficilmente si può dire che sia una linea di frontiera. Nella discussione della sua estensione, del suo movimento verso ovest, ecc., non può quindi più avere un posto nei rapporti del censimento."

Frontiere comparate

Storici, geografi e scienziati sociali hanno studiato le condizioni di frontiera in altri paesi, con un occhio al modello turneriano. Il Sudafrica, il Canada, la Russia, il Brasile, l'Argentina e l'Australia, e persino l'antica Roma, avevano lunghe frontiere che furono anch'esse stabilite dai pionieri. Tuttavia queste altre società di frontiera operavano in un ambiente politico ed economico molto difficile che rendeva molto meno probabile la comparsa della democrazia e dell'individualismo ed era molto più difficile liberarsi di una potente regalità, eserciti permanenti, chiese stabilite e un'aristocrazia che possedeva la maggior parte della terra. La domanda è se le loro frontiere fossero abbastanza potenti da superare le forze centrali conservatrici con sede nella metropoli. Ogni nazione ha avuto esperienze di frontiera abbastanza diverse. Ad esempio, i boeri olandesi in Sud Africa furono sconfitti in guerra dalla Gran Bretagna. In Australia, la "matericità" e il lavoro insieme erano valutati più dell'individualismo.

Impatto e influenza

La tesi di Turner divenne rapidamente popolare tra gli intellettuali. Ha spiegato perché il popolo americano e il governo americano erano così diversi dalle loro controparti europee. Era popolare tra i New Dealer: Franklin Roosevelt e i suoi migliori aiutanti pensavano in termini di trovare nuove frontiere. FDR, nel celebrare il terzo anniversario della sicurezza sociale nel 1938, consigliava:

"C'è ancora oggi una frontiera che non è stata conquistata, un'America non reclamata. Questa è la grande frontiera nazionale dell'insicurezza, del bisogno umano e paura. Questa è la frontiera, l'America, che ci siamo prefissi di rivendicare."

Gli storici lo adottarono, specialmente negli studi sull'occidente, ma anche in altri campi, come l'influente opera di Alfred D. Chandler Jr. (1918–2007) nella storia degli affari.

Molti credevano che la fine della frontiera rappresentasse l'inizio di una nuova fase della vita americana e che gli Stati Uniti dovessero espandersi oltreoceano. Tuttavia, altri hanno visto questa interpretazione come l'impulso per una nuova ondata nella storia dell'imperialismo degli Stati Uniti. William Appleman Williams guidò la "Scuola del Wisconsin" di storici diplomatici sostenendo che la tesi di frontiera incoraggiò l'espansione americana all'estero, specialmente in Asia, durante il XX secolo. Williams ha visto il concetto di frontiera come uno strumento per promuovere la democrazia attraverso entrambe le guerre mondiali, per sostenere la spesa per gli aiuti esteri e motivare l'azione contro il totalitarismo. Tuttavia, il lavoro di Turner, in contrasto con il lavoro di Roosevelt "The Winning of the West", pone maggiore enfasi sullo sviluppo del repubblicanesimo americano che sulla conquista territoriale. Altri storici, che volevano concentrare gli studi sulle minoranze, in particolare i nativi americani e gli ispanici, iniziarono negli anni '70 a criticare la tesi della frontiera perché non tentava di spiegare l'evoluzione di quei gruppi. In effetti, il loro approccio era quello di rifiutare la frontiera come un processo importante e di studiare l'Occidente come una regione, ignorando l'esperienza della frontiera a est del fiume Mississippi.

Turner non ha mai pubblicato un libro importante sulla frontiera per il quale ha fatto 40 anni di ricerche. Tuttavia le sue idee presentate nei suoi seminari di laurea al Wisconsin e ad Harvard hanno influenzato molte aree della storiografia. Nella storia della religione, ad esempio, Boles (1993) osserva che William Warren Sweet della Divinity School dell'Università di Chicago e Peter G. Mode (nel 1930), sostenevano che le chiese si adattassero alle caratteristiche della frontiera, creando nuove denominazioni come i Mormoni, la Chiesa di Cristo, i Discepoli di Cristo e i Presbiteriani di Cumberland. La frontiera, sostenevano, modellava istituzioni unicamente americane come i revival, le riunioni dei campi e la predicazione itinerante. Questa visione ha dominato la storiografia religiosa per decenni. Moos (2002) mostra che il regista e romanziere nero Oscar Micheaux dal 1910 al 1940 incorporò la tesi della frontiera di Turner nel suo lavoro. Micheaux ha promosso l'Occidente come un luogo in cui i neri potevano sperimentare forme meno istituzionalizzate di razzismo e guadagnare successo economico attraverso il duro lavoro e la perseveranza.

Slatta (2001) sostiene che la diffusa divulgazione della tesi della frontiera di Turner abbia influenzato le storie popolari, i film e i romanzi, che caratterizzano l'Occidente in termini di individualismo, violenza di frontiera e giustizia grossolana. La Frontierland di Disneyland dalla metà alla fine del XX secolo rifletteva il mito dell'individualismo rude che celebrava quella che era percepita come l'eredità americana. Il pubblico ha ignorato i modelli antiturneriani degli storici accademici, soprattutto perché sono in conflitto con e spesso distruggono le icone del patrimonio occidentale. Tuttavia, il lavoro degli storici durante gli anni 1980-1990, alcuni dei quali hanno cercato di seppellire la concezione della frontiera di Turner, e altri che hanno cercato di risparmiare il concetto ma con sfumature, hanno fatto molto per contestualizzare i miti occidentali.

Uno studio del 2020 in Econometrica ha trovato un supporto empirico per la tesi della frontiera, mostrando che l'esperienza di frontiera ha avuto un impatto causale sull'individualismo.

Primo pensiero anti-turneriano

Sebbene il lavoro di Turner fosse enormemente popolare ai suoi tempi e per decenni dopo, ricevette un significativo rifiuto intellettuale nel bel mezzo della seconda guerra mondiale. Questa citazione da The Frontier in American History di Turner è probabilmente la dichiarazione più famosa del suo lavoro e, per gli storici successivi, la più controversa:

La democrazia americana non è nata dal sogno di nessun teorico; non è stato portato nel Susan Constant in Virginia, né nel Mayflower a Plymouth. Usciva dalla foresta americana e acquistava nuova forza ogni volta che toccava una nuova frontiera. Non la costituzione, ma la terra libera e l'abbondanza di risorse naturali aperte a un popolo in formazione, hanno reso il tipo di società democratica in America per tre secoli mentre occupava il suo impero.

Un esempio di questa preoccupazione è nell'influente saggio sulla frontiera di George Wilson Piersona. Ha chiesto perché il carattere americano di Turner fosse limitato alle tredici colonie che hanno continuato a formare gli Stati Uniti, perché la frontiera non ha prodotto lo stesso carattere tra i nativi americani precolombiani e gli spagnoli nel Nuovo Mondo.

Nonostante il lavoro di Pierson e di altri studiosi, l'influenza di Turner non terminò durante la seconda guerra mondiale o anche dopo la guerra. In effetti, la sua influenza si è fatta sentire nelle aule americane fino agli anni '70 e '80.

Nuove Frontiere

Critici, storici e politici successivi hanno suggerito che altre "frontiere", come l'innovazione scientifica, potrebbero svolgere funzioni simili nello sviluppo americano. Gli storici hanno notato che John F. Kennedy all'inizio degli anni '60 si richiamava esplicitamente alle idee della frontiera. Al suo discorso di accettazione per assicurarsi la nomina del Partito Democratico per il presidente degli Stati Uniti il ​​15 luglio 1960, Kennedy chiamò il popolo americano:

"Chiedo a ciascuno di voi di essere nuovi pionieri su quella Nuova Frontiera. La mia chiamata è ai giovani di cuore, indipendentemente dall'età, ai robusti di spirito, indipendentemente dal partito."

Mathiopoulos nota di aver "coltivato questa resurrezione dell'ideologia di frontiera come motto di progresso ("far muovere l'America") durante il suo mandato". Ha promosso la sua piattaforma politica come la "Nuova Frontiera", con un'enfasi particolare sull'esplorazione dello spazio e sulla tecnologia. Limerick sottolinea che Kennedy presumeva che "le campagne della Vecchia Frontiera avessero avuto successo e fossero moralmente giustificate". La metafora della "frontiera" mantenne così i suoi legami retorici con il progresso sociale americano. La tesi della frontiera è uno dei documenti più influenti sul west americano di oggi.

Fermilab

Adrienne Kolb e Lillian Hoddeson sostengono che durante il periodo di massimo splendore della "Nuova Frontiera" di Kennedy, i fisici che hanno costruito il Fermilab hanno cercato esplicitamente di riconquistare l'eccitazione della vecchia frontiera. Sostengono che "le immagini di frontiera motivano i fisici del Fermilab e una retorica notevolmente simile a quella di Turner li ha aiutati a garantire il supporto per la loro ricerca". Rifiutando gli stili di vita della costa orientale e occidentale preferiti dalla maggior parte degli scienziati, hanno selezionato un sobborgo di Chicago nella prateria come sede del laboratorio. Un piccolo branco di bisonti americani è stato avviato alla fondazione del laboratorio per simboleggiare la presenza del Fermilab sulla frontiera della fisica e la sua connessione con la prateria americana. La mandria di bisonti vive ancora nei terreni del Fermilab. Architettonicamente, i progettisti del laboratorio hanno rifiutato il design militarista di Los Alamos e Brookhaven, nonché l'architettura accademica del Lawrence Berkeley National Laboratory e dello Stanford Linear Accelerator Center. Invece i pianificatori del Fermilab hanno cercato di tornare ai temi turneriani. Hanno sottolineato i valori dell'individualismo, dell'empirismo, della semplicità, dell'uguaglianza, del coraggio, della scoperta, dell'indipendenza e del naturalismo al servizio dell'accesso democratico, dei diritti umani, dell'equilibrio ecologico e della risoluzione di questioni sociali, economiche e politiche. Milton Stanley Livingston, direttore associato del laboratorio, disse nel 1968

"La frontiera dell'alta energia e dell'infinitamente piccolo è una sfida per la mente dell'uomo. Se riusciremo a raggiungere e attraversare questa frontiera, le nostre generazioni avranno fornito una pietra miliare significativa nel storia umana."

Frontiera Elettronica

John Perry Barlow, insieme a Mitch Kapor, ha promosso l'idea del cyberspazio (il regno delle telecomunicazioni) come una "frontiera elettronica" oltre i confini di qualsiasi governo a base fisica, in cui la libertà e l'autodeterminazione potrebbero essere pienamente realizzate. Gli studiosi che hanno analizzato Internet hanno spesso citato il modello di frontiera di Frederick Jackson Turner. Di particolare interesse è la questione se la frontiera elettronica replicherà ampiamente le fasi di sviluppo della frontiera terrestre americana.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Soulismo: Ego-Comunalismo Animista

Non solo dovrebbero essere abolite le gerarchie di stato, capitale e reazione, ma anche gerarchie come la gravità o l'inerzia. Ciò è possibile ascendendo a un livello superiore dell'essere o attraverso la tecnologia transumanista.

L'Anarchismo Idiosincratico di Lysander Spooner e il "Socialismo di Mercato"

Lysander Spooner è una figura importante nella storia del movimento per la libertà. Era un sostenitore del movimento operaio ed era persino un membro della Prima Internazionale in un momento in cui socialisti e anarchici coesistevano pacificamente all'interno di quel movimento. Forse una delle cose più interessanti di Spooner è che fu il primo a gestire una società privata in diretta concorrenza con l'ufficio postale degli Stati Uniti. Questo sforzo prevedibilmente fallì non perché l'American Letter Mail Company non potesse competere, ma perché Spooner era ostacolato dalla legge.

Cripto-Anarchismo

Il criptoanarchismo - o criptoanarchia - è la realizzazione nel cyberspazio di una forma di anarchia mediante l'uso della crittografia. Assicurando la riservatezza, l'autenticità e l'integrità delle loro comunicazioni, il software crittografico offre agli individui una totale libertà di scambio garantendo il loro anonimato e il rispetto della loro vita privata.

Mutonia, la micronazione Steampunk

La Mutoid Waste Company è un gruppo d'artisti e performer fondato da Joe Rush e Robin Cooke in collaborazione con Alan P Scott e Joshua Bowler a metà degli anni ottanta nella Car Breaker Gallery della Freston Road di Londra. La loro attività continuò poi negli anni '90 in Italia con il trasferimento a Santarcangelo di Romagna e la fondazione di Mutonia.

Il Manifesto dell'Anarco Transumanesimo (Completo)

L’Anarco-Transumanesimo è una branca dell’anarchismo che, nel rispetto dei valori tradizionali e moderni dell’anarchismo, li combina con il transumanesimo ed il postumanesimo, può essere descritto come: Una rivoluzione democratica radicale che, seppur vecchia di secoli, ancora cresce forte, con al suo cuore l’idea che la popolazione sia maggiormente felice quando può controllare razionalmente la propria vita.

Ragione, scienza e tecnologia forniscono un genere di controllo che ci libera gradualmente da ignoranza, fatica, dolore e malattia. La democrazia radicale fornisce altri tipi di controllo, attraverso le libertà civili. Di seguito pubblichiamo interamente il manifesto completo degli anarchici transumanisti come approfondimento completo sia sulla matrice anarchica che sull'ideologia ed applicazione del transumanesimo.

Proudhon e la sua Terza Posizione

Le idee di Proudhon non sono le nostre idee, non sono state nemmeno sempre sue. Hanno combattuto in lui e così spesso si sono distrutte a vicenda che la sua mente è definita il luogo d'incontro dei contraddittori. Avendo capito molto, questo grande oratore non è stato in grado di mettere tutto in ordine.

Anarco Transumanesimo

L'anarco-transumanesimo è una filosofia che sintetizza l'anarchismo con il transumanesimo che si occupa rispettivamente della libertà sociale e fisica. Gli anarco-transumanisti definiscono la libertà come l'espansione della propria capacità di sperimentare il mondo che li circonda, possono sostenere varie prassi per far avanzare i loro ideali, tra cui l'hacking del computer, la stampa tridimensionale o il biohacking.

Clarence Lee Swartz, "La praticabilità del Mutualismo" (1926)

Il mutualismo è applicabile a tutte le relazioni umane. In tutta la gamma dell'esistenza, dalla nascita alla morte, la mutualità — associazione volontaria per l'azione reciproca — è dovunque e in ogni momento in attesa di risolvere ogni problema dei rapporti sociali, di decidere ogni questione che si pone nel commercio e nell'industria. Per praticare il mutualismo è necessario nominare solo due condizioni: che l'individuo non invadente non sia costretto, e che nessuna parte del prodotto del lavoro di nessuno gli sarà tolta senza il suo consenso. Con quelle generalizzazioni negative così postulate, affermando così la sovranità dell'individuo, ne deriva naturalmente il corollario positivo e costruttivo: la reciprocità; che implica iniziativa individuale, libero contratto e associazione di volontariato.

Transumanesimo Libertario o Transubertarianesimo

Il transumanesimo libertario è un'ideologia politica che sintetizza libertarismo (anarco capitalismo, minarchismo ed altre ideolgie della destra libertaria) e transumanesimo. Viene anche chiamato con il neologismo Transubertarianismo, siccome vuole riferirsi unicamente al libertarismo "giallo-nero".

Transumanisti libertari autodefinitisi tali, come Ronald Bailey della rivista Reason e Glenn Reynolds di Instapundit, sono sostenitori dell'asserito "diritto al miglioramento umano" che sostengono che il libero mercato è il miglior garante di questo diritto, sostenendo che produce maggiore prosperità e la libertà personale rispetto ad altri sistemi economici.

Mutualismo Economico

Il mutualismo, chiamato anche proudhonismo o anarco-mutualismo (AnMut), è un'ideologia economicamente di sinistra (ma pro-mercato), anarchica e culturalmente variabile basata principalmente sugli scritti di Pierre-Joseph Proudhon.

Inoltre, è fortemente a favore della libertà individuale e può essere visto come l'ideologia unificante tra le scuole di pensiero anarchico sociale, individualista e di mercato, ed è stato molto influente nello sviluppo di altre ideologie anarchiche successive.

Il colore arancione rappresenta il suo voler essere una terza via tra il marxismo (rosso) e il capitalismo (giallo), mutuando libertà individuale e collettivismo.