Ripensando agli illustri antenati che compongono il mio barocco albero genealogico, la mia simpatia corre subitanea alla figura di Cinolo de nobilibus Montesperello, il ribelle perugino. Il suo spirito anarco-monarchico non ha infatti bisogno di presentazioni. Ora vi spiego il perché... Bisogna annoverarlo tra i personaggi più tipici della famiglia Montesperelli (antica famiglia di origine tedesca imparentata peraltro anche con la Morea la cui origine si fa risalire ad un barone germanico nel Settimo secolo d.C.), uomo fiero e sdegnoso, e forte inflessibile volle forse un giorno vendicarsi della sua patria che, quale nobile, I'aveva scacciato dalla città inesorabilmente. 

Correva l'anno 1370, all'epoca in cui Perugia si trovava in piena guerra contro il Papa, che voleva ripristinare nella forte repubblica medievale il potere d'un tempo, reso quasi irrisorio e nullo dalle conquistate libertà. I nobili fuorusciti aiutavano il movimento del potere teocratico, perché sapevano che alla vittoria del Papa sarebbe seguita la loro senza indugi di sorta.
Cinolo, che si trovava nelle contrade di Magione, fu certo tra i più audaci e tentò davvero un colpo da maestro. Improvvisamente riuscì ad entrare nella famosa Rocca di quella terra, di tutto punto munita, ne scacció i Cavalieri di S. Giovanni e là si chiuse con genti della Chiesa.
I magistrati, impressionati di tale successo, sperarono di poter vincere Cinolo con uno stratagemma: dopo avere arrestati tutti i suoi parenti li portarono legati di fronte alla Rocca, minacciando di farne strage se egli non si fosse arreso.

Il Montesperelli stette fermo e per nulla tentennò; era cosi grande l'odio contro la sua patria! I magistrati, visto inutile il loro tentativo, chiusi in prigione tutti i Montesperelli e i loro partigiani. Mandarono poi contro il fiero aristocratico Contucciolo di Facciardo con un buon nerbo di truppa, sperando di prenderlo a forza.
Ma Cinolo che pensava a difendersi, si era fortificato e munito di fanti e cavalli; all'appressarsi del messo perugino finse di volersi arrendere. Contucciolo non comprese l'imboscata tesagli, andò e fu fatto prigioniero insieme a venti dei suoi. Cinolo aveva un ostaggio prezioso, la vita dei suoi era salva, Perugia li avrebbe rispettati.

E così fu. Per cinque anni il Montesperelli rimase tranquillamente nella Rocca occupata, arrogandosene la proprietà. Perugia, distratta dalle guerre col pontefice, non pensò più al facinoroso fuoriscito.
L'Abbate di Monmaggiore però  si ricordò di lui. Cinolo che aveva nel 1370 presa la Rocca di Magione a nome del Papa, quasi ad aiutarlo nelle sue vendette contro Perugia, se ne era poi attribuito il possesso, e alla venuta del governatore pontificio seguitò a tenerla e ad abitarla con tutti i suoi, assoluto padrone e signore. Inutilmente gli fu richiesto di recedere dall'usurpazione, mostrandogli ordinanze e sentenze dei Tribunali pontifici sempre rispedite al mittente; Cinolo rispondeva con rifiuti “svilaneggiando e battendo li magistrati perugini”.

Si volle allora prenderlo a forza: e M. Rosello (un capitano di allora) giunse con armi ed armati là sotto Magione per cacciarlo dalla Rocca come usurpatore. Un tale si offri al messo perugino per fargli avere la fortezza con tutta facilità, quasi senza colpo ferire. Di sorpresa giunse alle porte della Rocca, entrò dentro indisturbato approfittando della calma apparente, mentre Cinolo si trovava fuori. Si chiuse là dentro, e salito in una torre cominciò a fare i segnali convenuti al messo perugino, che doveva poi correre con tutte le sue milizie alla presa della Rocca.

Il Montesperelli, furibondo per tanto successo, corse alla Rocca e abbattute le porte, salì in cima alla torre e gettò giù a capofitto l'audace invasore.
Quindi chiusosi là dentro resistette finché Perugia mandò tutta la sua cavalleria: a chi lo consigliava di arrendersi rispose con una pugnalata; preferiva la morte ad un atto di dedizione. Solo la forza ebbe la meglio su di lui: preso, fu recato in Perugia, portato innanzi ai Tribunali e condannato come ribelle alla prigionia per tutta la vita nel 1375.

Fonte: articolo tratto dall'Archivio di famiglia, "Per le nozze Montesperelli-Briscese" di Francesco Briganti e Aldo Martelli


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

Anarco Monarchismo

Il concetto di anarco-monarchia può sembrare l'ultima contraddizione in termini a molti, ma per altri può suscitare solo un senso di paradosso. Al pittore surrealista Salvador Dalì è stato chiesto, durante un'intervista televisiva, di dare un termine definitivo per esprimere le sue opinioni politiche, a cui ha risposto che era un monarchico-anarchico - con grande confusione dell'intervistatore.

Feudalesimo e Anarchia

Il concetto storico di feudalesimo non è esente da controversie. Molti studiosi moderni mettono in dubbio sia l'utilità che l'accuratezza del termine. Ciò è in parte dovuto al fatto che i sistemi feudali nelle diverse aree avevano strutture sociali e politiche divergenti, e quindi non rientrano perfettamente nella stessa categoria. Ma nonostante i molti modi in cui il feudalesimo variava da una località all'altra, alcune caratteristiche del termine sono abbastanza coerenti da meritarne l'uso, specialmente con qualche precisazione.

Libertà o Uguaglianza?

Si oppose alla Rivoluzione francese, al comunismo e al nazismo. Descrivendosi come un "arci-liberale conservatore" o "estremamente liberale", Kuehnelt-Leddihn ha spesso sostenuto che il governo della maggioranza nelle democrazie è una minaccia alle libertà individuali e si è dichiarato monarchico e nemico di tutte le forme di totalitarismo, sebbene sostenesse anche quelle che definiva "repubbliche non democratiche", come la Svizzera e i primi Stati Uniti.

🎥 Il Medioevo: tra Realtà e Pregiudizio

Dalla Storiografia ufficiale e dagli insegnamenti scolastici tradizionali, il medioevo è stato da sempre pregiudicato come periodo buio ed oscuro. 

In questo video appuntamento discutiamo su cosa è stato veramente il Medioevo, lasciando i pregiudizi fuori dalla discussione e togliendoci anche qualche sassolino dalla scarpa su un periodo che, sebbene non raggiunga i fasti dell’epoca classica, ha segnato moltissimo i secoli successivi.

Quanto la realtà incontra il pregiudizio? Quanto davvero quello che ci hanno “tramandato” è reale?

Kraterocrazia

L'unica speranza per i deboli di raggiungere un'esistenza tollerabile è quella di salire di grado attraverso la forza bruta o la manipolazione.

Alcune riflessioni irregolari sull'anarco-monarchismo: "Il re ideale sarebbe un po' come il re degli scacchi: il pezzo più inutile della scacchiera" Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

C'è... qualcosa di degradante nel sottomettersi a un politico, o passare attraverso la sciocca farsa di fingere che il "servizio pubblico" sia un'occupazione particolarmente onorevole, o essere costretti a scegliere quale banda di briganti, mediocri, facoltosi avvocati e (Dio ci risparmi) idealisti controllare i nostri destini per i prossimi anni.

Ma un re, cioè un re senza alcun potere reale, è un'istituzione così nobilmente arbitraria, così tenera e organicamente umana. È facile dare la nostra fedeltà a qualcuno la cui unica pretesa è un caso ereditario, perché allora è un gesto gratuito di affetto spontaneo che non richiede alcun elemento di autoinganno, e che non comporta l'umiliazione di dover chiedere essere governato.