A pochi giorni dal dodicesimo anniversario di Flandrensis, Nicholas de Mersch d'Oyenberghe ha pubblicato un vademecum con i consigli utili per fondare la propria micronazione.

L'inizio

Interessato a iniziare la tua micronazione?

Congratulazioni e buona fortuna per la tua nuova avventura! Partiamo dal presupposto che tu abbia visitato il nostro sito Web e letto cos'è veramente una micronazione (non un gioco di ruolo o fantasy). In questa guida vogliamo condividere le nostre esperienze e darti qualche consiglio per iniziare. Non troverai consigli su dove acquistare corone, medaglie e se le persone hanno bisogno di chiamarti "Sua Altezza Imperiale" oppure "Sua Altezza Serenissima" ci sono i gruppi di Facebook per questo. Ma se segui questa guida - insieme alla ricerca su siti web di altre micronazioni - sei pronto per entrare a far parte della comunità micronazionale mondiale.

Stabilisci un obiettivo per la tua micronazione

La tua prima domanda dovrebbe essere "Perché dovrei dichiarare l'indipendenza e iniziare la mia micronazione?". Solo per divertimento non è una risposta sbagliata! È così che è iniziato per Flandrensis (un hobby temporaneo per due settimane, che è sfuggito un po' di mano). Il micronazionalismo è divertente, ma hai bisogno di qualcosa di più. Puoi non essere d'accordo con il tuo governo o voler protestare contro i problemi sociali nel tuo paese. Essere orgoglioso della tua famiglia e della tua storia è una base perfetta per la tua micronazione. Se la tua unica motivazione è che hai un antenato reale al 18 ° grado e sei interessato solo ad avere un titolo, indossare una corona o un costume di fantasia con medaglie e/o la tua unica attività micronazionale è vendere titoli sul tuo sito web, allora darai ai veri micronazionalisti una cattiva fama di fantasticatori, truffatori o giocatori di ruolo.

I micronazionalisti sono persone creative. Una volta che hai un'idea, puoi creare un'organizzazione senza scopo di lucro, una ONG, un'azienda o anche un partito politico. Hai molti strumenti. Le micronazioni, se eseguite in modo intelligente e interessante, diventano un altro strumento che le persone possono utilizzare per raggiungere i propri obiettivi. Questi obiettivi potrebbero essere la difesa dei diritti LGBT, la lotta ai cambiamenti climatici o la promozione delle tradizioni o del patrimonio locale. Cerca di separarti dalle tante “micronazioni da camera da letto” e crea la tua micronazione sulla base di un buon concetto. Sei Tu a decidere!

Serietà micronazionale

Decidi quanto sei serio riguardo a questo progetto. Alcune micronazioni sono create con intenti seri, mentre altre esistono per hobby, virtuosismo, o sono il prodotto della megalomania e dell'instabilità mentale (speriamo sicuramente che tu non sia l'ultimo, altrimenti sarai condannato a essere emarginato dalla comunità micronazionale). Gestisci la tua micronazione come un vero paese, ma rimani sempre realista perché non sei una futura potenza mondiale (eppure, molti giovani micronazionalisti si comportano così). Noi di Flandrensis ci consideriamo un serio progetto ecologico e gestiamo la nostra micronazione nel modo più professionale possibile (anche se il Granduca considera Flandrensis come il suo hobby). Molossia e Aigues-Mortes sono altri due esempi di micronazioni che uniscono professionalità e divertimento.

Le basi

Prima di iniziare, pensa attentamente al tuo concetto (vedi i passaggi precedenti). Se cambi qualcosa ogni mese come il tuo nome o la bandiera, nessuno ti prenderà sul serio. Il fondatore di Flandrensis ha impiegato alcune settimane per creare le basi e altri due mesi prima di entrare nella comunità micronazionale.

Scegli un nome

Il nome della tua micronazione è la prima cosa che la gente sente! Il nome che sceglierai è il tuo “marchio di fabbrica”, quando lo dici devi essere orgoglioso! Fai qualche ricerca e sii creativo. Non cercare di avviare la ventesima Atlantide o duplicare un'altra nazione che è già stata fatta, solo perché pensi di poter fare di meglio. Invece, prova qualcosa di originale, come nominare la tua nazione secondo una località geografica come Aigues-Mortes, Saugeais e Seborga. Il nome di una nazione con un riferimento a un'area geografica fisica, come Sealand (terra in mare), Westarctica (Antartide occidentale) e Woodlandia (boschi del Canada), rende facile per le persone ricordare il nome delle micronazioni. Inoltre, avendo una micronazione con un nome geografico come Flandrensis (che significa terra allagata) e con origini (belghe) diverse, ma con la terra fisica situata altrove (Antartide), va benissimo… ovviamente! Alcune micronazioni prendono il nome da origini religiose, come la micronazione francese Angyalistan (ungherese per angyal) e la micronazione St. Charlie (dal cardinale e santo Carlo Borromeo). Potresti dare un nome alla tua nazione ispirato a un libro come West Who e Ruritania, basato su un'ideologia come Libertia, o in onore del nome del fondatore, come Matthewtopia e Austenasia. Questi sono tutti ottimi esempi di micronazioni con nomi originali e memorabili. La tua micronazione dovrebbe essere altrettanto eccezionale. Decidi tu, è la tua micronazione. In bocca al lupo!

Simboli Nazionali

Il tuo simbolo più importante non è la corona in testa o le dodici medaglie sul tuo costume elegante. È la tua bandiera! La tua bandiera e lo stemma sono un riflesso della tua identità nazionale, quindi prenditi il ​​tuo tempo con la creazione. Se aggiungi simboli o elementi come il seno nudo o qualcuno che dà il dito medio sulla tua bandiera, nessuno prenderà sul serio la tua micronazione (lo stesso con simboli controversi come le svastiche). I cinque comandamenti di base per creare la tua bandiera:

1) Sii semplice. La bandiera dovrebbe essere così semplice che un bambino possa disegnarla a memoria.

2) Usa 2-3 colori di base e limita il numero di colori sulla bandiera a tre, che contrastano bene e provengono dal set di colori standard.

3) Non usare mai scritte di alcun tipo o sigilli di un'organizzazione.

4) Usa un simbolismo significativo. I simboli delle Fiandre sono ispirati alla storia medievale regionale. Ci sono simboli legati ai tuoi obiettivi, territorio, storia locale o un importante evento storico che ha coinvolto un tuo antenato? Dietro ogni simbolo ci vuole una storia.

5) Non essere pigro. Evita di emulare altre bandiere.

Rivendica il territorio per la tua nazione

Non devi acquistare alcun terreno per la tua nazione, devi solo rivendicarlo. La maggior parte delle micronazioni ha rivendicato la propria casa o il proprio cortile. Puoi rivendicare un'isola disabitata o una sezione deserta della foresta, oppure cercare qualcosa di pubblico, come un parco o un lotto vuoto. Flandrensis non è l'unica micronazione con affermazioni antartiche e diverse micronazioni hanno rivendicazioni su Bir Tawil. A seconda del concetto della tua micronazione, puoi rivendicare una stella, un pianeta, una zona di immondizia, una barca, una piattaforma di perforazione offshore o altri luoghi unici. Ricorda solo di mantenere la tua affermazione realistica, non rivendicare interi stati o province e considera la popolazione sudditi fedeli della tua nazione.

Popolazione

La maggior parte delle micronazioni inizialmente ha circa 10 cittadini. Inizia con i tuoi amici più stretti (è così che è iniziato con Flandrensis) o con la famiglia. Convincili a unirsi alla tua avventura micronazionale dando loro un titolo o promettendogli una posizione. Convinci i loro amici e gli amici dei loro amici, ecc. In pochissimo tempo, dovresti avere abbastanza persone per organizzare un evento culturale, come un campionato nazionale di bowling, una conferenza, un aperitivo a tema, una mostra, viecc... Pubblica foto di incontri e attività sui tuoi social media e attirerai nuovi cittadini (i primi 21 Flandrensiani erano tutti amici del Granduca, il primo “outsider” è entrato a far parte dal 2009). Non essere troppo entusiasta, costruire una micronazione è una cosa, creare una comunità è un'altra e talvolta difficile. Non essere deluso se non raggiungi 20 cittadini nel tuo primo anno. Un consiglio importante, non mentire sul numero di cittadini per avere un aspetto migliore. Non considerare tutti quelli a cui piace la tua pagina su Facebook come cittadini e non bracconare (rubare cittadini in altre micronazioni). I micronazionalisti che pubblicano informazioni false o creano identità o profili falsi sui social media sono generalmente ignorati dalla comunità micronazionale.

Avvertenza: i passaporti e le carte d'identità sembrano legittimi e professionali, ma possono essere utilizzati per crimini illegali o peggio. Le micronazioni non professionali vendono questi documenti governativi ai rifugiati per fare soldi. In Flandrensis abbiamo scelto di fornire solo un certificato di cittadinanza.

Costruisci un governo per la tua nazione

Essere un micronazionalista è molto più che definirsi presidente o imperatore. Puoi facilmente iniziare le basi del governo da solo, anche se potresti aver bisogno di persone che ti aiutino con l'ulteriore sviluppo della tua micronazione. La verità è che i micronazionalisti sono in realtà piccoli dittatori (sì, anche in Flandrensis il Granduca detiene il diritto di veto). A nessuno piace gestire il potere o il contollo sulla micronazione che hanno fondato, e questo è il motivo probabile per cui la maggior parte delle micronazioni crolla entro i primi sei mesi. Vogliono cittadini, ma non danno nulla in cambio per tenerli coinvolti.

Scegli un tipo di governo che si adatti alla tua scelta di ideologia politica. Il consiglio più importante è quello di "mantenerlo semplice". Molte micronazioni hanno complicato costituzioni con procedure, strategie, elezioni e altro, ma con pochi cittadini sufficienti per tradurle dalla carta alla realtà. Anche Flandrensis ha avuto più di dieci riforme costituzionali! Ponetevi solo una domanda: come posso gestire la mia “organizzazione” nel modo migliore e più semplice? Tra il 2008 e il 2013 tutti gli incontri politici nelle Flandrensis si sono svolti in Belgio (vedi foto), oggi il Gabinett granducale proviene da tutto il mondo e ha incontri online.

Crea un sito web

In generale, non contattiamo il nostro governo tramite Facebook o altri social media. Invece, usiamo il loro sito web. Nessuno si unisce a una micronazione o firma un trattato senza un'adeguata ricerca. Un sito web è il posto migliore per iniziare. Non iniziare con la creazione di una pagina su Wikipedia o altri siti simili. A meno che non venga menzionato su giornali o libri, è una perdita di tempo. Una pagina su MicroWiki o sui social media è utile, ma un buon sito web con informazioni concrete e reali è la base.

Sii attivo al di fuori di Internet!

Questa è una delle maggiori sfide per una micronazione. Sfortunatamente, molte micronazioni sono solo un "sito Web" con un sovrano auto-dichiarato dietro lo schermo del suo computer. Sii attivo al di fuori di Internet. Le immagini di incontri di vita reale o eventi culturali con i tuoi cittadini sono una pubblicità fantastica per la tua micronazione. Inoltre, partecipare a una conferenza micronazionale, un congresso o una visita di stato a una micronazione vicina può aumentare la popolarità. Sarai sorpreso di scoprire che alleati e partner micronazionali possono trasformarsi in amici per la vita!

Sviluppa relazioni diplomatiche nella comunità micronazionale

Avere relazioni diplomatiche è una delle condizioni per essere riconosciuti come uno stato (Convenzione di Montevideo). Ci sono alcune comunità micronazionali attive sui siti di social media come Twitter o Discord, ma la maggior parte delle comunità sono generalmente attive su Facebook, Micronationals and Alternative Polities, Micronations and Royal Houses, Micronational Forum, ecc.

Il motivo per cui ci sono così tanti gruppi è perché la comunità micronazionale (mondiale) è molto multiculturale e c'è molta diversità. Diverse opinioni su ideologie politiche, diritti LGBT, religione, possono portare a conflitti e micronazionalisti a lasciare un gruppo e fondare la propria nazione. Inoltre, c'è una vasta gamma di differenze di età tra i micronazionalisti e i micronazionalisti giovani di tutte le età sono diventati più attivi nella comunità MicroWiki. In genere, l'età è irrilevante e molti giovani micronazionalisti si comportano in modo molto maturo per la loro età e partecipano alle discussioni con i più adulti. Le età meno mature sembrano far parte dei gruppi Discord con 11.000 volte la parola "vaffan*", che di solito si dichiarano guerra a vicenda.

Avviso: quando ti unisci a un gruppo micronazionale, presentati con una breve spiegazione su chi sei e collegalo al tuo sito web. C'è solo una regola non scritta, ma d'oro, ricorda che rappresenti sempre la tua micronazione! Agendo come se fossi una superpotenza micronazionale, usando un linguaggio aggressivo o offensivo (o semplicemente agendo come un Trump micronazionale), perderai credibilità e reputazione tra le micronazioni. Se hai incontrato una persona fantastica, non perdere tempo! Vai avanti. Ignora le micronazioni che non ti piacciono, alcune rimangono attive solo tormentando altre.

Alcuni micronazionalisti sono convinti che creare un'ONU micronazionale sia il modo migliore per avviare relazioni diplomatiche. C'è persino un nome per questo, YAMO (Yet Another Micronational Organization). Ci sono poche organizzazioni micronazionali stabili e di lunga data come Grand Unified Micronational (MicroWiki-community), Antarctic Micronational Union (AMU) e La MicroFrancophony (micronazioni francofone) che unificano le relazioni diplomatiche, a meno che tu non abbia un concetto diverso per la tua organizzazione.

Non accettare ogni richiesta.

Hai il diritto di essere selettivo e non hai bisogno di un trattato firmato per avere discussioni amichevoli sui social media. Se richiedi il riconoscimento da una micronazione più consolidata, dedica il tuo tempo a sviluppare la tua micronazione in modo che possano vedere sul tuo sito web o sui social media. Se vuoi veramente sperimentare il meglio della diplomazia micronazionale, incontra un altro micronazionalista nella vita reale!

Resta attivo e cambia quando necessario

Dal 2008, Flandrensis è stata minacciata di collasso tre volte. Se i cittadini non sono più attivi o perdono interesse, diventi immotivato. Immagina di gestire un'azienda. Se non hai clienti, devi agire prima di fallire.

In origine, Flandrensis è nata come simulazione politica con elezioni e partiti politici, ma quando i cittadini hanno perso interesse, la micronazione si è trasformata in un movimento culturale. Un movimento che organizzava attività mensili, come il National Championship Bowling, Flandrensis Master Chef, i Flandrensian Games e altro ancora. Infine, dal movimento si è formata in un'organizzazione ecologica. Mantieni le basi della tua micronazione, ma non esitare a cambiare quando necessario!

Hai completato le basi e creato una solida base per la tua micronazione? Ora può iniziare la vera avventura! Ci sono tanti progetti per tenervi occupati, francobolli, monete, medaglie, podcast radiofonici, giornali, propaganda sui social media, incontri con i cittadini, ecc. Non dimenticate di imparare dagli altri, ma concentratevi sulla vostra micronazione!

Cosa fare e cosa non fare

Nel 2009, Flandrensis ha pubblicato il "Manifest of the Micronational Spirit" nella comunità micronazionale. Per essere rispettato come un vero micronazionalista, segui semplicemente queste 13 linee guida:

1) Mostra rispetto per tutte le forme di micronazioni, trattale come uguali e non comportarti mai in modo superiore.

2) Tratta tutti con rispetto. Rappresenti sempre la tua micronazione!

3) Sii onesto riguardo alla tua micronazione. Non diffondere false informazioni per avere un aspetto migliore.

4) Rispetta i micronazionalisti e le loro vite personali. Non tutti sono micronazionalisti a tempo pieno e cose come la famiglia, il lavoro o la scuola possono avere la priorità.

5) Non cuocere in camicia! Il bracconaggio è un termine poco lusinghiero usato dalle micronazioni, per indicare l'atto di rubare cittadini di altre micronazioni.

6) Non rubare da altre micronazioni. Trova l'ispirazione creando la tua micronazione! Non copiare pagine o siti Web completi da altre micronazioni.

7) Non ingaggiare o avviare guerre micronazionali. Tutti i conflitti sono un fallimento della diplomazia. Impegnarsi in una guerra micronazionale è un modo sicuro per distruggere la tua reputazione. La guerra micronazionale non porta a nulla, rovina gli sforzi e il divertimento degli altri e rende paria i suoi sostenitori.

8) Non interferire con gli affari interni di altre micronazioni. Concentrati sulla tua micronazione!

9) Non essere irrealista! Non sarai un futuro leader mondiale, non guiderai eserciti o investirai milioni di soldi per costruire la tua micronazione. Nel momento in cui dichiari che la tua micronazione è una nazione "reale", si potrebbe dire che potresti soffrire di megalomania, a meno che tu non riesca a entrare a far parte delle Nazioni Unite. In poche parole, mantienilo realistico.

10) Lavora prima sulla tua micronazione. Se sei un professionista o hai sviluppato un concetto forte, altre micronazioni guarderanno alla tua micronazione come fonte di ispirazione.

11) Guadagna rispetto! Non fare il prepotente o dominare altre micronazioni, o non riceverai alcun rispetto.

12) Non essere una superpotenza micronazionale! I superpoteri micronazionali non esistono! I micronazionalisti che lavorano sodo e mettono molto tempo e impegno per far crescere le loro micronazioni e la comunità in modo continuo, più grande in tutto il mondo, sono un esempio per le persone che credono di essere un "superpotere".

13) Sii un micronazionalista al di fuori di Internet. Internet è solo un mezzo e non un modo per sembrare attivi. Prova ad avviare attività o progetti per la tua micronazione al di fuori del web.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

Flandrensis: mettiamo radici per il futuro!

🇪🇬 Possiedi un terreno e vuoi trasformarlo in un bosco? Contattaci! Il Consolato Estense del Gran Ducato di Flandrensis aderisce al piano d'Azione Ambientale per il futuro sostenibile tramite il bando per la distribuzione gratuita di piante forestali nell'ambito del progetto "Quattro milioni e mezzo di alberi in più: piantiamo un albero per ogni abitante dell'Emilia-Romagna"!

🌲 La Regione Emilia-Romagna prosegue nel progetto “Mettiamo radici per il futuro” con lo scopo di estendere le aree boschive e le foreste in generale, realizzare nuovi boschi e piantagioni forestali in prossimità dei corsi d’acqua, riqualificare sistemi agroforestali, siepi e filari in un contesto di valorizzazione del paesaggio e di fruizione pubblica del territorio.

Flandrensis invade il Bardo!

Le guerre e i dissidi tra micronazioni sono meno consueti dei macro conflitti a cui siamo ormai abituati, ma non sono impossibili, a volte accadono per divergenze, altre volte per rivendicazioni di territori in comune, altre volte per il semplice egotismo di capi di Stato usciti di senno... Ma in questo caso si è trattata di un'invasione pacifica.

Granducato di Westarctica

Westarctica, ufficialmente Granducato di Westarctica, è un'area di terra desolata nell'Antartide occidentale che non è stata rivendicata fino a quando un americano non ha dichiarato l'area la propria micronazione, una dichiarazione di status non riconosciuta dai paesi stabiliti, nel 2001. Il territorio è costituito da Marie Byrd Land con alcune rivendicazioni aggiuntive e non ha residenti tutto l'anno, sebbene nella regione siano state localizzate stazioni di ricerca. Westarctica è stata fondata su una presunta scappatoia nel Trattato Antartico. La rivendicazione dello status di micronazione è stata utilizzata come base per coniare e vendere monete ai collezionisti.

Flandrensis: nuove radici a Cognento (report)

Nella giornata di domenica 27 marzo 2022, i cavalieri del Consolato Estense del Gran Ducato di Flandrensis si sono riuniti a Cognento, frazione di Modena, per mettere a dimora dei nuovi alberi in un parchetto cittadino al bordo dell'autostrada e per passare un pomeriggio a contatto con la cittadinanza.

Contea Ecologica di Ca' Pallai

Non permettendo a nessun essere umano di accedere nella sua madrepatria, nel 2022 il governo del Flandrensis ha stabilito i "Territori d'Oltremare", consentendo ai cittadini di far riconoscere il loro territorio come contea ecologica, provincia, dipendenza della corona o colonia del Flandrensis.

L'obiettivo della Contea Ecologica di Ca' Pallai è quello di creare un pezzo di terra dove sia possibile vivere a stretto e rispettoso contatto con madre natura, organizzare eventi per promuovere modi di vivere ecologici.

Flandrensis: due giornate di riforestazione!

🇪🇬 ! CERCASI VOLONTARI !🌲 Vi aspettiamo questo week-end per un doppio appuntamento, stavolta di nuovo in collaborazione a Città di Smeraldo Aps e Simbiosi Magazine nell'ambito del progetto Riforestiamo in Italia - Pianta un albero 🌱 NAF (Nuove Antiche Foreste) nasce con l'intento di ricostruire parti dell'antica foresta planiziale ormai pressoché completamente scomparsa. Tutta la Pianura Padana un tempo era ricoperta da un'immensa verde foresta, con stagni, paludi e una biodiversità oggi inimmaginabile. Il sogno è vedere nuove parti di questa foresta crescere, aumentando il valore biologico del territorio, migliorando l'aria, abbassando la CO2, aumentando esponenzialmente la biodiversità e dando rifugio a tante specie, sia animali che vegetali, che oggi sono in grande difficoltà 🌲 COSA ASPETTATE ? IL MOMENTO DI AGIRE È ORA !

La Grande Guerra Micronazionale Antartica

La Grande Guerra Micronazionale Antartica, nota anche come "La Guerra di Siple", fu un conflitto micronazionale tra il Granducato di Flandrensis, Finismund, Estado de Marie e il Granducato di Westarctica che iniziò il 29 gennaio 2009 e fu conclusa ufficialmente da Flandrensis e Finismund il 1 Giugno 2009. Il conflitto ha acquisito una notevole notorietà nella comunità internazionale è stato anche menzionato in una rivista di viaggi olandese.

Flandrensis: nuove radici a Cognento

Vi aspettiamo domenica 22 Marzo 2022 a Cognento (Modena) per incontrarci di persona, conoscerci se già non ci conosciamo e nel frattempo mettere a dimora nuove piantine che in futuro contribuiranno ad assorbire la CO2 prodotta dall'autostrada che si trova nelle vicinanze.

🕑 Il ritrovo è alle 12:00 in via Cardinale Guglielmo Massaia all'altezza del civico 65 per poi spostarci nel parco adiacente dove, oltre a mettere a dimora le piantine, faremo un pic-nic tutti insieme.

🧑‍🌾 Quindi armatevi di bevande, stuzzichini e di volontà di rendere il mondo un posto migliore.

A domenica! 🌲

Flandrensis supporta Città di Smeraldo: Nuove Antiche Foreste

Sempre più spesso, ormai, si percepisce un gran bisogno di "ecologia", di cambiare le cose, di sperare in un futuro migliore. Allo stesso tempo non è raro che le persone finiscono per imbarcarsi in progetti che poi si rivelano di scarso valore. Se invece si uniscono le forze in progetti educativi e di alto valore ambientale, il risultato è di certo più inclusivo.

Flandrensis: stop all'uccisione insensata delle nutrie!

Sono animali pericolosi, potenzialmente aggressivi e fortemente territoriali. Si sono riprodotti a dismisura al di fuori della loro area di provenienza e rappresentano una minaccia serissima per la sopravvivenza delle altre specie e dell’intero ecosistema. Questo per quanto riguarda l'Homo Sapiens!

Flandrensis e il Conflitto di Bracconaggio

Il "conflitto di bracconaggio" fu uno stato di guerra fredda tra il Granducato di Flandrensis e il Principato di Oud-Saeftinghe. È nota come la prima crisi tra due micronazioni fiamminghe.

Ca' Pallai - Giornata di Riforestazione Collettiva del Consolato Estense del Flandrensis

🇪🇬 Consolato Autonomo Estense del Gran Ducato di Flandrensis 🌲 Giornata di Riforestazione Collettiva di Ca' Pallai, 40 ciliegi messi a dimora in un'oasi protetta.

🐝 Creazione di Bug Hotel ecosostenibili in omaggio al recente rapporto diplomatico con il Principato d'Anthophilia, la Micronazione delle Api.

Flandrensis partecipa alla Giornata Mondiale della Pulizia

Ogni anno il Granducato di Flandrensis partecipa in 72 nazioni al World Cleanup Day, un programma annuale di azione sociale globale volto a combattere il problema mondiale dei rifiuti solidi, compreso il problema dei detriti marini. È coordinato dall'organizzazione globale Let's Do It! World, la sede si trova a Tallinn, in Estonia.

I partecipanti ai World Cleanup Days sono in genere volontari, con il coordinamento di organizzazioni non governative che assistono nella sensibilizzazione, nella logistica e nella raccolta fondi.

Flandrensis: approvato il progetto sperimentale per il controllo ecologico delle nutrie a Modena

Approvato il progetto sperimentale per il controllo ecologico delle nutrie a Modena a seguito delle indagini svolte dai Cavalieri del Granducato di Flandrensis del Consolato Estense. Soddisfatti? Sì, ma solo in parte...

Flandrensis

🇪🇬 il Granducato di Flandrensis è una micronazione con rivendicazioni su alcune aree dell'Antartide, fondata nel 2008 dal belga Nicholas de Mersch d'Oyenberghe. Dal 2021 la micronazione è registrata in Belgio come organizzazione non-profit ambientale “vzw Groothertogdom Flandrensis”.

Transizione Ecologica? Ma intanto dichiariamo guerra al Cielo!

Nella città di Modena è in vigore, senza la necessità di ulteriori ordinanze, il divieto di far esplodere petardi, articoli pirotecnici o fuochi d'artificio di qualunque genere, a eccezione di quelli a esclusivo effetto luminoso.

Ma, in occasione della Festa Dell'Unità di Modena, roccaforte piddina, nelle serate di apertura, di chiusura e non solo, vi sono soventi esibizioni di fuochi d'artificio che non tengono minimamente conto di tali norme espresse dalla Giunta.

Bardo incontra Flandrensis

Il 21 Luglio 2020 il Bardo ha accolto il Console Estense del Granducato di Flandrensis, Barone Manuel Noorglo, per firmare il trattato di reciproco riconoscimento fra le due micronazioni vicine per impegno a favore dell'ambiente.

Il Duca Reggente Piercarlo von Bòrmida crede fermamente nella collaborazione con il Granducato di ghiaccio più famoso del mondo e nelle sue azioni positive contro il surriscaldamento globale.

Consolato Estense del Gran Ducato di Flandrensis

I membri del Corpo Diplomatico Flandrense sono diplomatici che rappresentano il Granducato di Flandrensis in un altro stato sovrano. Ambasciatori e Consoli allargano la comunità Flandrense e aiutano lo sviluppo della nostra identità nazionale. Hanno contatti con le autorità e le organizzazioni locali, organizzano incontri occasionali con cittadini o altri micronazionalisti e sensibilizzano la comunità locale su Flandrensis e sui cambiamenti climatici.

Flandrensis: il Grande Duca dei Pinguini. Intervista con la micronazione antartica

“L'unico Paese al mondo che non vuole che la sua terra sia abitata da persone”, Flandrensis si trova su cinque piccole isole delle coste dell'Antartide occidentale: e nel 2008 ha basato la sua affermazione su un'interpretazione del Trattato sull'Antartide (1959). Il trattato proibisce a qualsiasi nazione di rivendicare il territorio antartico tra 90-150° (Antartide occidentale), ma il trattato non menziona le rivendicazioni di singole persone. Così l'attuale reggente Nicholas de Mersch d'Oyenberghe rivendicò le isole a suo nome personale e inviò lettere alle Nazioni Unite e alle nazioni che firmarono il Trattato sull'Antartide per informarle della sua rivendicazione, quindi concesse le sue isole al Granducato.