Christiania è una micronazione e comunità intenzionale di circa 1.000 residenti, che copre 7,7 ettari (19 acri) nel distretto di Christianshavn nella capitale danese di Copenaghen. Christiania è stata fonte di controversie sin dalla sua creazione in un'area militare occupata nel 1971. Il suo commercio di cannabis è stato tollerato dalle autorità fino al 2004. Da allora, le relazioni tra Christiania e le autorità danesi sono state tese. Dall'inizio degli anni 2010, la situazione è stata in qualche modo semi-normalizzata.

Storia

L'area di Christiania è costituita dall'ex caserma militare di Bådsmandsstræde e da parti dei bastioni della città. I bastioni e il borgo di Christianshavn (allora una città separata) furono istituiti nel 1617 dal re Cristiano IV bonificando le spiagge basse e gli isolotti tra Copenaghen e Amager. Dopo l'assedio di Copenaghen durante la Seconda Guerra del Nord, i bastioni furono rinforzati tra il 1682 e il 1692 sotto Cristiano V formando un anello difensivo completo. I bastioni occidentali di Copenaghen furono demoliti durante il XIX secolo, ma quelli di Christianshavn furono lasciati rimanere. Sono oggi considerate tra le più belle opere di difesa del XVII secolo sopravvissute al mondo.

La caserma di Bådsmandsstræde (Bådsmandsstrædes Kaserne) ospitava il Royal Artillery Regiment, il Army Material Command e laboratori e depositi di munizioni. Ormai inutilizzate dopo la seconda guerra mondiale, le caserme furono abbandonate tra il 1967 e il 1971.

L'area adiacente a nord, Holmen, è stata la principale base navale della Danimarca fino agli anni '90. È un'area in via di sviluppo, sede del nuovo Teatro dell'Opera di Copenaghen (da non confondere con la prima e ancora esistente sede denominata "Operaen", una sala concerti a Christiania) e scuole. Un'area più a nord è ancora utilizzata dalla marina, ma aperta al pubblico durante il giorno.

La linea di difesa più esterna, Enveloppen, è stata ribattezzata Dyssen in lingua Christiania (ad eccezione della sua punta più meridionale che non è stata annessa da Christiania). È collegato al centro di Christiania da un ponte sul fossato principale o può essere raggiunto tramite il sentiero che inizia a Christmas Møllers Plads. Quattro depositi di polvere da sparo fiancheggiano le redans. Furono costruiti nel 1779-80 per sostituire un deposito nel centro di Copenaghen, a Østerport, che esplose infamemente nel 1770, uccidendo 50 persone. Gli edifici vengono rinominati Aircondition, Autogena, Fakirskolen (The Fakir School) e Kosmiske Blomst (Fiore Cosmico) e, sebbene protetti, sono stati leggermente alterati rispetto al loro stato storico.

L'ultimo luogo di esecuzione danese, attivo dal 1946 al 1950, è ancora visibile sul Second Redan vicino all'edificio chiamato Aircondition. Il capannone in legno dell'esecuzione è scomparso, ma le fondamenta in cemento e un canale di scolo per il sangue rimangono proprio accanto al sentiero. In totale, sul sito sono stati giustiziati 30 criminali della seconda guerra mondiale. L'ultimo fu Ib Birkedal, un collaboratore di alto livello della Gestapo danese, il 20 luglio 1950.

Protezione dell'edificio e dell'area

La Glass house a Freetown Christiania è una delle tante costruzioni stravaganti che esemplificano la moderna "architettura senza architetti".

Nel 2007, l'Agenzia del Patrimonio Nazionale ha proposto lo status di protezione per alcuni degli antichi edifici militari, ora a Christiania. Questi sono:

  • Den grå hal ("La sala grigia"), un tempo un maneggio con una costruzione unica del tetto Bohlendach, ora la più grande sala da concerto di Christiania
  • Den grønne hal ("La sala verde"), in origine un maneggio più piccolo
  • Mælkebøtten ("Il dente di leone")
  • La casa del comandante, un edificio a graticcio
  • Le polveriere del XVII e XVIII secolo sui bastioni.

Alcuni degli edifici storici sono stati modificati dopo l'acquisizione di Christiania.

Fondazione di Christiania

Dopo che i militari si sono trasferiti, l'area è stata sorvegliata solo da pochi guardiani e si sono verificati sporadici intrusioni di senzatetto utilizzando gli edifici vuoti. Il 4 settembre 1971, gli abitanti del quartiere circostante abbatterono la recinzione per occupare parti dell'area inutilizzata convertendola in un parco giochi per i loro bambini.

Sebbene l'acquisizione non sia stata necessariamente organizzata all'inizio, alcuni sostengono che ciò sia avvenuto come protesta contro il governo danese. All'epoca a Copenaghen mancavano alloggi a prezzi accessibili.

Il 26 settembre 1971, Christiania fu dichiarata aperta da Jacob Ludvigsen, un noto provo e giornalista che pubblicò una rivista chiamata Hovedbladet ("Il giornale principale"), che era destinata e distribuita con successo alla maggior parte dei giovani. Nel giornale, Ludvigsen ha scritto un articolo in cui lui e altri cinque hanno esplorato quella che ha definito "La Città Proibita dei Militari". L'articolo annunciava ampiamente la proclamazione del libero comune, e tra l'altro scriveva quanto segue sotto il titolo "I civili conquistarono la 'città proibita' dei militari":

"Christiania è la terra dei coloni. È la più grande opportunità finora per costruire una società da zero, pur incorporando le restanti costruzioni. Una propria centrale elettrica, un bagno, un gigantesco edificio per l'atletica, dove tutti i cercatori di pace potrebbero avere il loro grande centro di meditazione e yoga. Sale dove i gruppi teatrali possono sentirsi a casa. Edifici per i fumatori che sono troppo paranoici e deboli per partecipare alla gara... Sì, per coloro che sentono il battito del cuore dei pionieri non ci possono essere dubbi sullo scopo di Christiania. È la parte della città che ci è stata tenuta segreta, ma non di più."

Ludvigsen è stato coautore della dichiarazione di intenti di Christiania, risalente al 1971, che offre quanto segue:

"L'obiettivo di Christiania è creare una società che si autogoverna in cui ogni individuo si ritenga responsabile del benessere dell'intera comunità. La nostra società deve essere economicamente autosufficiente e, in quanto tale, la nostra aspirazione deve essere risoluta nella convinzione che l'indigenza psicologica e fisica possa essere evitata."

Lo spirito di Christiania si sviluppò rapidamente in uno dei movimenti hippie, il movimento squatter, il collettivismo e l'anarchismo in contrasto con il precedente uso militare del sito.

La canzone di protesta del 1976 "I kan ikke slå os ihjel" (tradotto: "Non puoi ucciderci"), scritta da Tom Lunden del gruppo rock flower power Bifrost, divenne l'inno non ufficiale di Christiania.

La bandiera

La bandiera di Christiania è uno stendardo rosso con tre dischi gialli che rappresentano i punti in ciascuna i in "Christiania". Ha origine dallo stendardo militare dell'imperatore romano Costantino. Questo standard è chiamato labarum. Il labarum era un vexillum (stendardo militare) che mostrava il simbolo ""Chi-Rho" ☧, un cristogramma formato dalle prime due lettere greche della parola "Cristo" (greco: ΧΡΙΣΤΟΣ, o Χριστός) — Chi (χ) e Rho (ρ). Fu usato per la prima volta dall'imperatore romano Costantino il Grande. Poiché il vexillum consisteva in una bandiera sospesa alla traversa di una croce, era adatto a simboleggiare la crocifissione di Cristo.

La comunità

Meditazione e yoga sono sempre stati popolari tra i christiani, e per molti anni Christiania ha avuto un gruppo teatrale Solvognen, che, oltre alle loro rappresentazioni teatrali, ha anche messo in scena molti eventi a Copenaghen e in tutta la Danimarca. Ludvigsen aveva sempre parlato dell'accettazione dei tossicodipendenti che non potevano più far fronte alla società regolare, e lo spirito di tale convinzione non è ancora diminuito, anche se sono sorti molti problemi dovuti al traffico e all'uso di droga (per lo più di "droghe pesanti", che tuttavia non sono tollerati a Christiania). Questi tossicodipendenti entrano e rimangono a Christiania e sono considerati parte integrante dell'etica di Freetown quanto gli imprenditori. Per questo motivo molti danesi hanno visto Christiania come un esperimento sociale di successo. Però, per anni lo status giuridico della regione è stato in un limbo a causa dei diversi governi danesi che tentavano di rimuovere i christiani. Finora tali tentativi di rimozione non hanno avuto successo.

Christiania è considerata la quarta più grande attrazione turistica di Copenaghen (e ha mezzo milione di visitatori all'anno); e all'estero è un "marchio" ben noto per il presunto stile di vita danese progressista e libertario. Molte aziende e organizzazioni danesi usano anche Christiania come luogo di spettacolo per i loro amici e ospiti stranieri. Lo scopo è mostrare qualcosa di danese che non può essere trovato in nessun'altra parte del mondo.

Le persone di Christiania hanno sviluppato le proprie regole, indipendenti dal governo danese. Le regole vietano furto, violenza, pistole, coltelli, giubbotti antiproiettile, droghe pesanti e colori da motociclista.

Famosa per la sua via principale, conosciuta come Pusher Street, dove l'hashish e l'erba skunk vengono venduti apertamente da bancarelle permanenti, ha comunque delle regole che vietano le "droghe pesanti", come la cocaina, l'anfetamina, l'ecstasy e l'eroina. Il commercio di hashish è controverso, ma poiché le regole richiedono un consenso non possono essere rimosse a meno che tutti non siano d'accordo. La legalizzazione della cannabis è una delle idee di molti cittadini di Christiania. La regione ha negoziato un accordo con il ministero della difesa danese, che ancora possedeva la terra nel 1995. Dal 1994, i residenti hanno pagato tasse e tasse per acqua, elettricità, smaltimento dei rifiuti, ecc.

Dopo aspre trattative che hanno portato temporaneamente alla chiusura dell'area al pubblico, nel giugno 2011, i residenti di Christiania hanno deciso di istituire collettivamente un fondo per acquistare formalmente il terreno al di sotto dei prezzi di mercato. La comunità ha effettuato il suo primo pagamento nel luglio 2012, diventando ufficialmente proprietari terrieri legali.

Gay House

Dagli anni '70, la Gay House (Bøssehuset), una delle istituzioni autonome di Christiania, era stata un centro per l'attivismo, le feste e il teatro gay. Gli spettacoli di varietà umoristici e artisticamente di alto livello sono ancora famosi all'interno della comunità LGBT di Copenaghen.

Nel 2002, un gruppo di giovani artisti e attivisti gay, Dunst, è stato invitato a prendere in consegna la casa in modo che potesse rimanere un centro per l'attività gay. Dunst ha introdotto la gestione democratica e ha istituito laboratori aperti per la fotografia, l'arte, la musica, la danza, i video ecc. Hanno anche organizzato tre serate "Save Christiania", uno spettacolo di cabaret e tre feste di supporto per poter pagare alcuni dei debito verso Christiania. Secondo Dunst, tuttavia, i vicini non li avrebbero mai accettati prontamente e i nuovi arrivati ​​furono accusati di non comprendere "lo stile di vita di Christiania". Dunst ha affermato di aver ricevuto insulti verbali, lettere minatorie e persino in un caso, una mazza da baseball brandita contro di loro. Ad alcuni non piaceva la techno di Dunst. Dopo nove mesi, è stato chiesto loro di lasciare Christiania.

Nel 2004, Dunst ha partecipato a "Christiania Distortion", un evento a sostegno di Christiania. Poiché non potevano utilizzare la Gay House, la parte dell'evento di Dunst si è svolta in un autobus che girava intorno a Christiania.

Sparatoria e Omicidio

Il 24 aprile 2005, un residente di Christiania di 26 anni è stato ucciso e altri tre residenti sono stati feriti in un violento assalto di una banda a Pusher Street. La ragione di ciò era una faida sul mercato della cannabis di Copenaghen.

Dopo la fine del commercio di cannabis aperto a Christiania l'anno prima, i circoli criminali al di fuori di Christiania erano ansiosi di conquistare il mercato. I responsabili della sparatoria erano una di queste bande residenti a Nørrebro, un quartiere nord-occidentale della città. Avevano ripetutamente chiesto agli spacciatori di Christiania di consentire loro il giorno successivo che due auto si fermassero fuori Christiania e 6-8 uomini mascherati con armi automatiche scesero e si diressero verso Pusher Street. Quando sono arrivati ​​hanno sparato almeno 35 colpi indiscriminatamente verso la folla, uccidendo un cristiano e ferendone altri tre.

Alcuni hanno visto questo tragico incidente come un segno che la futura sopravvivenza della comunità era dubbia a causa del rischio di violenza derivante dal mercato della cannabis. Altri hanno attribuito l'incidente alla frammentazione del mercato della cannabis di Copenaghen e alla sua espansione nel resto della città, determinata dalle misure del governo di Anders Fogh Rasmussen. Vedi sotto: "Droghe".

Rivolte per la demolizione della casa

Il 14 maggio 2007, i lavoratori dell'Agenzia governativa per le foreste e la natura, accompagnati dalla polizia, sono entrati a Christiania per demolire i resti del piccolo edificio abbandonato di Cigarkassen ("la scatola dei sigari"). Sono stati accolti da christiani arrabbiati e spaventati, temendo che la polizia avesse intenzione di demolire anche altre case. I residenti hanno costruito posti di blocco, ma alla fine la polizia è entrata in massa a Freetown e ha incontrato resistenza. I residenti hanno lanciato pietre e sparato fuochi d'artificio contro i veicoli della polizia. Hanno anche costruito barricate nella strada fuori dal cancello di Christiania. La polizia ha usato gas lacrimogeni sui residenti e sono stati effettuati numerosi arresti. Un attivista si è intrufolato dietro al comandante della polizia e gli ha versato addosso un secchio di urina e feci prima di essere immediatamente arrestato. I problemi continuarono fino alle prime ore del mattino. In tutto, sono stati arrestati oltre 50 attivisti sia di Christiania che di altri paesi. I pubblici ministeri hanno chiesto che fossero imprigionati sulla base del fatto che avrebbero altrimenti potuto partecipare a ulteriori disordini a Copenaghen (che secondo i pubblici ministeri era "in uno stato di ribellione").

Macchine 

All'interno della stessa Christiania non sono ammesse auto private. Tuttavia, a partire dal 2004, un totale di 132 auto sono di proprietà dei residenti e devono essere parcheggiate nelle strade che circondano Freetown. Dopo aver negoziato con le autorità cittadine, Christiania ha accettato di istituire aree di parcheggio per le auto dei residenti sul suo territorio. A partire dal 2005, all'interno dell'area era stato istituito un parcheggio per sole 14 auto.

Prima delle elezioni comunali del novembre 2001, i residenti di una delle sezioni di Christiania hanno proposto che un asilo comunale appena fuori Christiania venisse demolito e spostato a qualche centinaio di metri di distanza, trasformando l'area in un parcheggio. La proposta è stata criticata da altri residenti e cittadini di Christiania nel distretto, ma i sostenitori hanno affermato che gli edifici dell'asilo in legno erano comunque obsoleti e che il problema del parcheggio doveva essere risolto prima che la stessa Christiania si trasformasse in un'area in cui le auto erano ampiamente parcheggiate. È stato anche affermato che taxi e veicoli della polizia aumentano i problemi di traffico.

A partire dal 2008, Christiania ha installato un robot di blocco stradale all'ingresso del veicolo di Christiania vicino a The Grey Hall (Grå Hal) per impedire ai clienti di cannabis e ad altri visitatori di entrare in Christiania e parcheggiare le loro auto nelle sue strade strette. Attraverso questi cancelli è consentito solo il trasporto di merci. Un aspetto negativo di questo è che ha spostato il problema in un'altra parte di Christiania, più in alto sulla strada, dove i residenti ora hanno bloccato completamente questo ingresso fino a quando non verrà installato un altro robot di blocco stradale. Ci sono pochissime entrate a Christiania. Con i due ingressi bloccati dai robot del posto di blocco, i christiani credono di potersi liberare dal problema del traffico molesto.

Attacco con granate del 2009

Il 24 aprile 2009, a un uomo di 22 anni è stata fatta saltare una parte della mascella da una bomba a mano lanciata tra la folla seduta al Cafe Nemoland. Quattro altri hanno riportato lievi lesioni alla schiena e alle gambe. Non è stato trovato un colpevole.

Riprese del 2016

Il 31 agosto 2016, una persona che si credeva portasse i guadagni della giornata dalle vendite di cannabis ha improvvisamente estratto una pistola durante un arresto di routine e ha sparato a due agenti di polizia e a un civile. Le ferite di uno degli agenti che è stato colpito alla testa sono state pericolose (è sopravvissuto, ma ha avuto bisogno di un lungo periodo di riabilitazione), mentre le ferite delle altre vittime sono state meno gravi. La polizia ha isolato l'intero quartiere e poche ore dopo ha localizzato l'autore a Kastrup. Durante una breve sparatoria con Politiets Aktionsstyrke (un'unità di polizia di intervento speciale) è stato gravemente ferito e in seguito è morto per le ferite riportate in ospedale. L'autore, un cittadino danese di 25 anni di origine bosniaca (arrivato in Danimarca da bambino con la sua famiglia), era ben noto alla polizia per la violenza e il coinvolgimento nella vendita di cannabis. Sebbene noto per essere un simpatizzante dell'estremismo islamico, non si ritiene che questo abbia avuto un ruolo nelle sue azioni. Gli agenti di polizia ricevono molto raramente ferite mortali durante gli incontri con i criminali (prima della sparatoria a Christiania, l'ultimo agente di polizia ucciso da un criminale in Danimarca era nel 1995) e l'incidente fu ampiamente condannato.

In una riunione comunale composta dai residenti di Christiania, è stato deciso che le bancarelle in Pusher Street (di gran lunga il luogo della più grande vendita di cannabis in Danimarca) dovrebbero essere rimosse, cosa che è avvenuta il giorno successivo, 2 settembre. I residenti locali hanno anche esortato le persone che erano amiche del quartiere ad aiutare non acquistando cannabis a Christiania. Circa due mesi dopo, è stato stimato che la pratica de facto accettata della vendita di cannabis all'interno di Christiania fosse diminuita di circa il 75%.

Droghe 

Fin dalla sua apertura, Christiania è stata famosa per il suo commercio di cannabis aperto, che si svolge nella centrale Pusher Street, anche se chiamata Green Light Districtdal Concilio Cristiano. Sebbene il commercio di hashish sia illegale, per molti anni le autorità sono state riluttanti a fermarlo con la forza. I sostenitori pensavano che concentrare il commercio di hashish in un unico luogo avrebbe limitato la sua dispersione nella società e che avrebbe potuto impedire ai consumatori di passare alle "droghe più pesanti". Alcuni volevano legalizzare del tutto l'hashish. Gli oppositori pensavano che il divieto dovesse essere applicato, a Christiania come altrove, e che non ci dovesse essere distinzione tra droghe "leggere" e "pesanti". È stato anche affermato che il commercio aperto di cannabis fosse una delle principali attrazioni turistiche di Copenaghen, mentre alcuni affermavano che spaventasse altri potenziali turisti. Anche se la polizia ha tentato di fermare il traffico di droga, il mercato della cannabis è generalmente prosperato a Christiania. Dopo le riprese del 2016dove i residenti locali hanno rimosso le bancarelle di Pusher Street, è stato stimato che la vendita di cannabis è diminuita di circa il 75%.

Sgombero delle "droghe pesanti" 

Murales e cartelli intorno a Christiania rendono chiara l'opposizione della comunità all'eroina.

Alla fine degli anni '70, le "droghe pesanti" come l'eroina erano considerate consentite, ma ciò aveva gravi conseguenze. In un anno, dal 1978 al 1979, dieci persone morirono a Christiania per overdose; quattro di loro erano residenti. La maggior parte di loro viveva in un edificio chiamato 'L'Arco della Pace', che era in uno stato di estremo degrado: mancavano le porte, c'erano buchi nei pavimenti e, nella maggior parte delle stanze, non c'erano mobili tranne che per i materassi. Un piano è stato invaso da una colonia di gatti selvatici.

Gli spacciatori di eroina sono stati infine sfrattati dai residenti e il "divieto" di droghe pesanti continua ancora oggi.

Sfratto della banda di motociclisti

Intorno al 1984, una banda di motociclisti residente a Copenaghen chiamata Bullshit arrivò a Christiania e prese il controllo di una parte del mercato della cannabis. La violenza nel quartiere è aumentata e molti christiani si sono sentiti insicuri e scontenti dei nuovi residenti. Ciò ha portato ad atti di sabotaggio diretti ai motociclisti e alla pubblicazione di numerosi manoscritti provocatori che esortavano i christiani a cacciare i motociclisti potenti e armati. Questa tensione è culminata quando la polizia ha trovato un individuo assassinato che era stato fatto a pezzi e sepolto sotto il pavimento di un edificio. Christiania ha reagito con due colossali incontri comunitari, uno fuori dall'edificio, dove si è deciso che i motociclisti dovessero andarsene.

Una guerra di motociclisti tra gli Hells Angels e le bande rivali per il traffico di droga è continuata a Copenaghen fino al 1996 dall'omicidio del leader di Bullshit, "Makrellen", che controllava il traffico di cannabis a Christiania.

Azione contro la vendita aperta di droga

Fin dalla sua apertura nel 1971, il traffico di droga aperto di Christiania è stato una spina nel fianco delle autorità danesi, una fonte costante di discussione pubblica, e ha portato a proteste anche dai paesi vicini (in particolare la Svezia con la sua politica di non tolleranza sulla droga ). Quando il governo di centrodestra di Anders Fogh Rasmussen si è insediato nel 2001, una delle sue promesse era di porre fine alle attività illegali a Christiania. Questi erano, incluso l'ovvio mercato della cannabis, una lunga lista di presunte attività criminali. La gente chiedeva la fine delle vendite di "droghe pesanti", come la cocaina e le anfetamine, il commercio di armi, il contrabbando, ecc. I residenti di Christiania sostenevano che si trattasse di accuse puramente speculative.

Nel 2002, il governo ha iniziato a mirare a rendere meno visibile il commercio di cannabis. In risposta, i venditori di cannabis hanno coperto i loro stand con reti mimetiche militari come risposta divertente. Il 4 gennaio 2004, gli spalti furono demoliti dai trafficanti di cannabis il giorno prima di un'operazione di polizia su vasta scala. Sapevano di questa operazione, e decisero di togliere di mezzo loro stessi. La polizia ha effettuato più di 20 arresti nelle settimane successive e gran parte della rete organizzata di concessionari di Pusher Street è stata quindi eliminata. Prima che venissero demoliti, il Museo Nazionale della Danimarca è stato in grado di ottenere uno degli stand più colorati, che ora fa parte di una mostra.

Il 16 marzo 2004, la polizia ha fatto irruzione nell'area. Presumibilmente, molti spacciatori hanno iniziato a trasferire enormi quantità di cannabis a Copenaghen e nel resto del paese. Ciò è stato fatto per evitare la pesante presenza della polizia a Christiania e per soddisfare la domanda di cannabis da parte dei clienti.

Il commercio di cannabis aperto è tornato a Pusher Street dopo i raid del 2004, ma le bancarelle sono state nuovamente abbattute dai residenti di Christiania dopo la sparatoria del 2016. La pausa sul commercio di cannabis aperto è stata di breve durata; entro maggio 2017, le bancarelle di Pusher Street sono state ripristinate.

Ulteriori sviluppi

Il commercio aperto di cannabis a Christiania è stato accolto da alcuni danesi e condannato da altri. Il governo di centrodestra ha adottato una serie di misure per far rispettare la legge a Christiania. Il primo passo in questo processo è stato un giro di vite della polizia sul commercio di cannabis. Sia i politici che la polizia hanno dichiarato che il commercio di cannabis non sarebbe stato autorizzato a tornare. La seconda fase (e attualmente in corso) è la registrazione di tutti gli edifici a Christiania. Il terzo passo sarà la demolizione di alcune residenze private in legno situate in un'area protetta (la storica fortezza navale di Copenaghen). Questi edifici erano stati tutti approvati dalle autorità prima che il nuovo governo approvasse l'attuale legge su Christiania. Negli ultimi 15 anni il governo non ha permesso la costruzione a Christiania. Questo viene ora applicato su una politica di tolleranza zero con l'aiuto di una massiccia presenza di polizia.

Misure governative di normalizzazione

Nel 2004, il governo danese ha approvato una legge che abolisce il collettivo e tratta i suoi 900 membri come individui. A partire dall'estate del 2005, una serie di proteste è stata organizzata dai membri di Christiania. Nello stesso periodo, la polizia danese ha effettuato frequenti perlustrazioni dell'area.

Il Christiania Café Månefiskeren ha istituito un tabellone che registra il numero di pattuglie di polizia su Christiania nel novembre 2005. Nell'estate del 2006 questa ha superato la millesima pattuglia (circa 4-6 pattuglie al giorno). Queste pattuglie consistevano normalmente da 6 a 20 agenti di polizia, spesso vestiti con uniformi da combattimento e talvolta con cani poliziotto.

Nel gennaio 2006, il governo ha proposto che Christiania fosse trasformata in una comunità alternativa mista e un'area residenziale aggiungendo condomini per 400 nuovi residenti. Gli attuali residenti, che ora pagano 1.450 corone danesi (250 dollari USA) al mese, potrebbero rimanere, ma devono iniziare a pagare l'affitto normale per le strutture, anche se al di sotto dei livelli di mercato. Christiania ha rifiutato questo scenario, temendo che la freetown si trasformasse in un normale quartiere di Copenhagen. In particolare, il concetto di abitazione di proprietà privata sarebbe incompatibile con la proprietà collettiva di Christiania.

Nel settembre 2007, i rappresentanti di Christiania e il consiglio comunale di Copenaghen hanno raggiunto un accordo per cedere il controllo di Christiania alla città nel corso di 10 anni ai fini dello sviluppo del business. Inoltre, a partire da maggio 2009, l'Alta Corte Orientale ha confermato un atto del Parlamento del 2004 che ha riaffermato la pretesa legale dello stato di controllare la base. Questa regola è stata confermata nel febbraio 2011 dalla Corte Suprema. Lo stato ha ora pieno diritto di disporre dell'area di Christiania. Nel giugno 2011, lo Stato firma l'accordo con Christiania per il trasferimento dell'area di Christiania a una nuova fondazione, la Foundation Freetown Christiania.

La parte più controversa di questo processo è stata quella di costringere i residenti naturalmente contrari all'intera idea della proprietà ad acquistare il pezzo di terra che occupano da più di 40 anni. Nel luglio 2012, hanno effettuato il primo pagamento e i christiani sono passati da occupanti abusivi a proprietari terrieri legali. È stata costituita una fondazione, gestita da residenti, per raccogliere fondi e richiedere un prestito bancario. I christiani sono stati in grado di acquistare circa 19 acri del terreno iniziale di 84 acri.

Nel suo libro del gennaio 2013 In the Name of the People, Ivo Mosley ha citato Christiania come uno dei pochi esempi di comunità gestite su linee veramente democratiche che esistono nel mondo. Sei mesi dopo, le leggi che governavano Christiania cambiarono. Nel luglio 2013, la proposta legislativa L 179 per l'abrogazione della legge Christiania è adottata da tutti i partiti del parlamento danese ad eccezione del Partito popolare danese. Da questo momento, a Christiania si applicano le stesse regole legislative che valgono per il resto della Danimarca.

Citazioni di politici 

Christiania è un'abitazione per persone che desiderano vivere in modo diverso... Ma è fondamentale che vengano introdotti vari modelli di proprietà, in modo che ci siano sia case private che parzialmente di proprietà.

—  Christian Wedell-Neergaard, portavoce di Christiania per il partito conservatore al governo

La richiesta (di Christiania) che ci sia un fondo collettivo non è giusta, non soddisfa il desiderio di una normalizzazione. Noi (il governo) abbiamo sottolineato che dovrebbero esserci vari modelli di proprietà, come la proprietà privata... è naturale che ci siano anche edifici di proprietà privata in un'area come Christiania... Perché è il caso della società circostante in generale, che ci sono varietà nella proprietà.

—  Christian Wedell-Neergaard

È una questione di principio se un gruppo di persone debba occupare gran parte della proprietà del governo nel centro di Copenaghen. Non c'è dubbio che quello che hanno fatto è illegale... hanno sequestrato proprietà del governo e ci hanno vissuto sopra e questo vale un sacco di soldi ora.

—  Karsten Lauritzen, membro del parlamento del partito danese Venstre

Il ministro delle Finanze del Partito Liberale (Venstre), parte dell'allora coalizione di governo, che alla domanda in parlamento se i nuovi edifici a Christiania fossero solo motivati ​​economicamente, ha risposto:

È una priorità politica che vengano costruite nuove case come suggerito, per garantire uno sviluppo dell'area di Christiania con diversi modelli di proprietà.

—  Thor Pedersen (ministro delle finanze e membro del partito liberale danese Venstre)

Concorso di architettura

Al fine di presentare un uso ragionevole dell'area dopo un'eventuale "pulizia", ​​il governo danese ha indetto un concorso di architettura. Sono pervenute 17 proposte, di cui solo otto hanno soddisfatto i requisiti formali del concorso. Tutte le proposte sono state respinte dalla giuria. Il costo del concorso di architettura è stato di 850.000 corone danesi.

Il piano di sviluppo di Christiania

Christiania ha contrastato i piani del governo per la normalizzazione con una propria proposta di pianificazione guidata dalla comunità, che dopo otto mesi di workshop e incontri interni ha ottenuto il consenso durante l'incontro comune prima di essere pubblicata all'inizio del 2006. Il piano di sviluppo di Christiania è stato premiato con il Premio Iniziativa della Società per l'abbellimento di Copenaghen nel novembre 2006. Il piano ha ricevuto un'attenzione positiva dal comune di Copenaghen e dalla Società Agenda 21 per i suoi obiettivi di sostenibilità e il processo democratico.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Panarchia?! Che cos'è? Si mangia?

Nel suo articolo del 1860 "Panarchia" Paul-Emile De Puydt, che espresse anche il suo sostegno all'economia del laissez-faire, applicò il concetto al diritto dell'individuo di scegliere qualsiasi forma di governo senza essere costretto a spostarsi dal luogo in cui si trova attualmente. Questo è talvolta descritto come "extraterritoriale" (o "exterritoriale") poiché i governi spesso servirebbero appezzamenti di terreno non contigui.

I comunitaristi libertari nativi americani d'Alaska

Oggi noi di Libere Comunità vi presentiamo i comunitaristi libertari delle tribù dei nativi americani d'Alaska. Ringraziamo il compagno Rinehart per averci inviato l'articolo raccontandoci la sua esperienza e la formazione della sua comunità libertaria indipendente ed autosufficiente formata da nativi americani in Alaska... buona lettura.

Libere Comunità: per una reale alternativa sociale

Il comunitarismo libertario è visto come movimento atipico da chi non conosce tale stile di vita, perché è davvero l''unica reale alternativa sociale che schiettamente combatte per un mondo nuovo. La nostra visione trae radici dall'anarchismo classico e dai pensatori che promuovevano libertà ed indipendenza. Nel nostro mondo, noi auspichiamo un predominio, in maniera non totalitarista, ma attraverso la libera associazione delle persone, delle comunità/tribù auto-sufficienti ed auto-governate.

"A Primitivist Primer", l'innesco al Primitivismo di John Moore

A Primitivist Primer è un saggio breve di John Moore pubblicato nel 2000 sulla rivista Green Anarchy, il cui titolo consiste in un interessante gioco di parole non traducibile letteralmente in italiano. "Primer" infatti è traducibile dall'inglese oltre che come "principiante", in senso tattico-militare come "innesco" o "chi innesca una carica", e in senso edilizio come "prima mano". Il suo primitivismo non è inteso come un desiderio di ritornare ad un epoca primitiva, quanto, nel prendere la società pre-industriale come un modello di riferimento in cui «la cooperazione tra gli individui erano gli aspetti prevalenti della vita comunitaria».

🎥 Libere Comunità incontra Patria Socialista - intervista e dibattito con Igor Camilli

L'Associazione Internazionale dei Lavoratori fu costituita a Londra nel 1864, per coordinare lo sviluppo del movimento operaio. Il programma e lo statuto furono stesi dallo stesso Marx che ne dettò pure i principi costitutivi ispirati alla solidarietà internazionale nella lotta per la liberazione dal dominio del capitale.

A partire dal 1869 emersero le polemiche politiche e di principio dell’ala anarchica, guidata da Proudhon e soprattutto da Bakunin, contrari alla gestione centralistica dell'associazione e all’indirizzo di costituire partiti socialisti in tutti i paesi. Il dibattito sulla sconfitta della Comune di Parigi provocò la rottura tra le due tendenze e gli anarchici furono espulsi dall’associazione.

Cosa succede se nel 2021 queste due idee tornano a scontrarsi? Le distanze sono ancora così persistenti? Scopriamolo in questa entusiasmante intervista e dibattito con Igor Camilli, segretario nazionale di Patria Socialista.

Hakim Bey, il sogno anarchico delle T.A.Z.

Questa volta però vengo come il Dioniso vittorioso, che trasformerà il mondo in una vacanza... Non che abbia molto tempo...Nietzsche (dalla sua ultima “folle” lettera a Cosima Wagner)

I corsari e i pirati dei mari del XVIII secolo crearono una “rete d'informazione” che si estendeva per l’intero globo: primitiva e primariamente rivolta a truci affari, la rete funzionava nondimeno ammirabilmente. Sparse attraverso la rete erano isole, remoti nascondigli dove le navi potevano venire rifornite d'acqua e cibo, il bottino scambiato per necessità e lussi. Alcune di queste isole sostenevano “comunità intenzionali”, intere mini-società che vivevano coscientemente al di là della Legge e decise a rimanerci, anche se solo per breve ma felice esistenza.

I comunitaristi libertari in Ucraina

Con i gruppi politici marginali che hanno guadagnato slancio durante la Rivoluzione Euromaidan nel 2013, molta attenzione degli studiosi è stata data agli attori della destra radicale mentre le dinamiche della cosiddetta "Nuova sinistra radicale" sono state ignorate.

In passato la Nuova Sinistra Radicale si è battuta per l'egemonia culturale; tuttavia, la loro influenza diminuì quando il movimento sviluppò gravi divisioni ideologiche dopo Euromaidan. Con una "Nuova Sinistra Radicale" ideologicamente divisa, un nuovo gruppo, i comunitaristi libertari, è entrato nell'arena politica ucraina con l'obiettivo di riappropriarsi dei concetti del nazionalismo ucraino e dell'idea di una lotta antimperialista contro la Russia che incarna l'ucraino contemporaneo.

Per una rete di Libere Comunità

L'idea di rimodellare il mondo e l'umanità, in virtù di una sfida non solo ecologica, ma economica, politica e sociale, ripensando al concetto di comunità e soprattutto di piccola patria ("small is better" direbbero gli inglesi o, meglio ancora, "less is more") è un'idea che, volenti o nolenti, terrà banco nel futuro prossimo.

Introduzione all'Anarco Tribalismo e all'Anarco Comunitarismo

Da alcuni anni esiste una minoranza piccola ma sempre più influente nei media libertari contemporanei che si è sviluppata in alcuni paesi, considerata "eretica" dalla maggioranza. Questa minoranza, la cui voce è ogni giorno più forte nonostante coloro che sono interessati a zittirla.

Anarchia indigena e necessità di un rifiuto della "Civiltà" del colonizzatore

I popoli indigeni nel corso della storia hanno combattuto e sono morti per resistere alla forte invasione della civiltà nelle loro vite. Questa lotta continua oggi, poiché gli "incivili" sono spinti sempre più vicino al limite della sopravvivenza dai "civilizzati" di tutto il mondo e lo squilibrio tecnologico tra noi continua ad espandersi e creare un divario sociologico che ci rende incapaci di capire l'un l'altro anche a livello di base.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Le Comunità Intenzionali Anarchiche

Alcuni anni fa, un gruppo pagano greco credeva nella possibilità di creare un villaggio dove poter vivere e lavorare in base alle proprie convinzioni e interessi. Questa sarebbe forse la salvezza nel mondo moderno: il ritorno alla comunità.

Può essere assurdo per molti, ma è senza dubbio un colpo duro contro il processo di urbanizzazione e concentrazione di popolazioni in cui ci troviamo, e questo è già qualcosa. La battaglia del futuro sarà tra centralizzazione e decentralizzazione, tra potere centrale e periferia.

Organizzazione comunitaria e Rivolta contro la massificazione

In un mondo che si dipinge come pieno di libertà, svago, egoismo, di sviluppo tecnico e di progresso infinito verso uno stato di beatitudine e uguaglianza, si deve vedere infatti l'assoluto opposto. Come ha detto Hegel, viviamo in un mondo capovolto, dove la verità è essa stessa un momento del falso. Più questo mondo progredisce, più approfondisce le proprie conseguenze; più segue il proprio processo logico, più vediamo all'opera l'involuzione, più la realtà sprofonda nel degrado totale e in un non senso che rende la parola «nichilismo» sembra un eufemismo per descriverlo. C'è qualcosa di peggio del nichilismo («razionalità») e della scienza come base metafisica del mondo tecnico), è la «felicità di massa».

I comunitaristi libertari africani di Afro Native Pride Liberia

Oggi abbiamo chiesto ai nostri fratelli Africani dell' ANPT (Afro Native Pride Liberia) di spiegarci la loro visione del mondo, la loro comunità è attiva da una decade, e qui ci illustrano il perchè hanno aderito al Comunitarismo Libertario. Ringraziamo pubblicamente il loro portavoce, passandogli metaforicamente la penna per descriverci la sua realtà comunitaria libertaria ed autosufficiente!

Il Nuovo Mondo Amoroso di Charles Fourier

Fourier affermava che attenzione e cooperazione erano i segreti del successo sociale, e che una società i cui membri cooperassero realmente avrebbe potuto vedere un immenso miglioramento della propria produttività. Queste comunità, da lui denominate falangi, sarebbero state basate su strutture di abitazioni comuni chiamate Falansteri.

L'uomo non deve avere una sola partner e le donne devono poter avere più uomini, anche le donne devono godere di una loro sessualità (cose che facevano passare Fourier per un pornografo). In breve bisogna abbandonare sempre l'unidimensionalità.

Sono previste anche libertà e comunità sessuale tra i membri della falange. La famiglia monogamica viene superata e i bambini vengono allevati dall'intera comunità. Questo metodo privo di alienazione avrebbe dovuto condurre ad un aumento della produzione.

🎥 Partecipazione al comitato NO DRAGHI di Perugia ed intervista esponenti PCI

Questa mattina a Perugia si è svolta una manifestazione collegata alla Giornata Nazionale No Draghi, dopo un anno dalla prima in risposta al governo Draghi.

Sakalash! Anarco-Comunitarismo

"La spiritualità non è una religione. Essa rappresenta la spinta di ciascun individuo verso la conoscenza delle proprie origini, attitudini, manifestazioni interiori.

Un approccio spirituale della vita implica la capacità di porre e porsi delle domande, stessa qualità del vivere da anarchici; mettersi costantemente in gioco e fare delle proprie conoscenze un'arma vincente così da non sottostare ad opinioni collettive, rendendosi padroni delle proprie vedute.

Spiritualità e anarchismo si compenetrano a vicenda perché entrambe pongono alla base la libertà di essere se stessi senza essere condizionati da dogmi o dalla società contemporanea, entrambe prevedono una totale armonia nell'autonomia."