Negli anni passati, ai tempi dell’Internazionale, si soleva spesso adoperare la parola federalismo come sinonimo di anarchia; e la frazione anarchica della grande Associazione (che gli avversari, i quali imbevuti di spirito autoritario sogliono abbassare le più vaste questioni d’idee a meschine questioni di persone, chiamavano l’Internazionale bakunista) era dagli amici chiamata indifferentemente l’Internazionale anarchica, o l’Internazionale federalista.

Era l’epoca in cui l’”unità” era di moda in Europa; e non solamente tra i borghesi.

I rappresentanti più ascoltati dell’idea socialista autoritaria predicavano l’accentramento in tutto, e tuonavano contro l’idea federalista, che essi qualificavano reazionaria. E nel seno stesso dell’Internazionale, il Consiglio generale, composto da Marx, Engels e compagni socialisti democratici, tentava di imporre la sua autorità ai lavoratori di tutti i paesi, accentrando nelle sue mani la direzione suprema di tutta la vita dell’associazione, e pretendeva ridurre alla ubbidienza, o scacciare, le Federazioni ribelli, le quali non volevano riconoscergli nessun’attribuzione legislativa e proclamavano che l’Internazionale doveva essere una confederazione di individui, gruppi e federazioni autonome, legati tra loro dal patto di solidarietà nella lotta contro il capitalismo.

In quell’epoca dunque la parola federalismo, se non era assolutamente scevra di equivocità, pur rappresentava abbastanza bene, non fosse per il senso che le dava l’opposizione degli autoritari, l’idea di libera associazione tra individui liberi, che è il fondo del concetto anarchico.

Ma ora le cose sono parecchio mutate. I socialisti autoritari, già ferocemente unitari e accentratori, incalzati dalla critica anarchica, si dichiarano volentieri federalisti, come federalisti incominciano a dirsi la più parte dei repubblicani. E occorre perciò aprire gli occhi, e non lasciarsi ingannare da una parola.

Logicamente il federalismo, portato alle sue ultime conseguenze, applicato non solo ai diversi luoghi che gli uomini abitano, ma anche alle diverse funzioni che compiono nella società, spinto fino al comune, fino all’associazione per un qualsiasi scopo, fino all’individuo, significa la stessa cosa che l’anarchia – unità libere e sovrane che si federano per il vantaggio comune.

Ma non è questo il senso in cui intendono il federalismo i non anarchici.

Dei repubblicani propriamente detti, cioè dei repubblicani borghesi non è il caso di occuparsi adesso. Essi, unitari o federalisti che siano, vogliono conservare la proprietà individuale e la divisione della società in classi; e perciò, comunque sia organizzata la loro repubblica, libertà ed autonomia sarebbero sempre una menzogna per il più gran numero: il povero sempre dipendente, schiavo del ricco.

Il federalismo borghese significherebbe semplicemente maggior indipendenza, maggior arbitrio pei signori delle varie regioni, ma non minor forza per opprimere i lavoratori, poiché le truppe federali sarebbero sempre pronte ad accorrere per tenere a freno i lavoratori e difendere i signori.

Parliamo del federalismo come forma politica qualunque siano le istituzioni economiche.

Per i non anarchici il federalismo si riduce ad un decentramento amministrativo regionale e comunale più o meno largo, salva sempre l’autorità suprema della “Federazione”. Appartenere alla Federazione è obbligatorio; ed è obbligatorio ubbidire alle leggi federali, le quali dovrebbero regolare gli affari “comuni” ai diversi confederati. Chi stabilisce poi quali sono gli affari che debbono essere lasciati all’autonomia delle diverse località, e quali quelli comuni a tutti che debbono essere oggetto di leggi federali, è ancora la Federazione, cioè il governo centrale esso stesso che lo decide. Un governo che deve limitare la propria autorità!... si capisce già che la limiterà il meno possibile e che tenderà continuamente ad oltrepassare i limiti che al principio – quando era debole – ha dovuto imporsi.

Del resto, questo più o meno di autonomia riguarda i diversi governi comunali, regionali e centrali nei rapporti che hanno tra loro. L’individuo, l’uomo, resta sempre materia governabile e sfruttabile a discrezione, - col diritto di dire da chi gli piacerebbe di esser governato, ma col dovere di ubbidire a quel qualsiasi parlamento che verrà fuori dall’alambicco elettorale.

In questo senso, che è il senso in cui esiste in alcuni paesi ed in cui lo desiderano i più avanzati tra i repubblicani e socialisti democratici, il federalismo è un governo che, come tutti gli altri, è fondato sulla negazione della libertà dell’individuo, e tende a diventare sempre più oppressivo, e non trova limite alle sue pretese autoritarie se non nella resistenza dei governati. Noi dunque siamo avversari del federalismo come di qualsiasi altra forma di governo.

Accetteremmo invece la qualifica di federalisti, quando fosse inteso che ogni località, ogni corporazione, ogni associazione, ogni individuo è libero di federarsi con chi meglio gli piace o di non federarsi affatto, che ciascuno è libero di uscire quando gli piace dalla federazione in cui è entrato, che una federazione rappresenta un’associazione di forze per il maggior vantaggio degli associati e che non ha, come insieme, nulla da imporre ai singoli federati, e che ciascun gruppo come ciascun individuo non deve accettare nessuna risoluzione collettiva se non in quanto gli conviene e gli piace. Ma in questo senso il federalismo non è più una forma di governo: è solo un’altra parola per dire anarchia.

E questo vale tanto per le federazioni della società futura, quanto per le federazioni tra i compagni anarchici per la propaganda e per la lotta.»

- - -

Errico Malatesta chiarisce in questo testo le sue idee sul federalismo. Esse risultano del tutto simili al concetto di "comunità volontarie" non territoriali presentato e sviluppato da Libere Comunità.

Questo articolo è apparso su La Questione Sociale, Paterson, New Jersey, 6, nuova serie, n.20, 20 gennaio 1900


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

Proudhon e la sua Terza Posizione

Le idee di Proudhon non sono le nostre idee, non sono state nemmeno sempre sue. Hanno combattuto in lui e così spesso si sono distrutte a vicenda che la sua mente è definita il luogo d'incontro dei contraddittori. Avendo capito molto, questo grande oratore non è stato in grado di mettere tutto in ordine.

Il Sindacalismo Rivoluzionario di Padovani

Aurelio Padovani fu uno dei personaggi più carismatici appartenenti al sindacalismo rivoluzionario del secolo scorso, promotore di un concetto di sindacalismo che univa a tratti alcuni schemi di sia del sindacalismo libertario, che di quello anarchico prendendo a piene mani da Proudhon, in una chiave contraria (ma non anti-) al sindacalismo marxista (Approfondimento: L'Anarco-Sindacalismo: Proudhon contro Marx).

La Machnovščina: l'utopia di Makhno

Nestor Ivanovič Machno fu l’ispiratore di un vastissimo movimento rivoluzionario contadino nell’Ucraina all’indomani della rivoluzione russa. Nonostante le difficoltà create dalla lotta contro le armate bianche, quelle nazionaliste e anche quelle bolsceviche, i contadini ucraini ridistribuirono in modo egualitario la terra, costruirono soviet efficienti e iniziarono la costruzione di quello che si definisce, socialismo libertario e questo senza alcun tipo di condizionamento, senza sentire l'esigenza di un partito guida.

Proudhon: Dio è il Male, l'Uomo è Libero

Proudhon amava lo scandalo e la provocazione, e questo ha portato lui e i suoi amici nei guai. Nel suo Sistema di contraddizioni economiche, ha avvolto la sua tesi già provocatoria sull'evoluzione delle istituzioni attorno a una narrativa scandalosa sull'"ipotesi di Dio". Proudhon era affascinato dal cristianesimo e ne scrisse da una varietà di prospettive e con una varietà di toni, ma è probabilmente ricordato soprattutto per scritti come il suo "Inno a Satana" e il capitolo finale dei primi volumi delle Contraddizioni economiche, dove si elaborò una sorta di dichiarazione di guerra contro l'idea stessa di Dio.

Una panoramica sul Bioregionalismo

Il bioregionalismo è un approccio etico, politico, ideologico, legato al territorio in cui si vive, considerato come un insieme omogeneo dal punto di vista morfologico e da quello degli esseri viventi.

Rappresenta in un certo senso "l'intersezione" tra diverse anime culturali del movimento ambientalista: quelle tradizionaliste, (in senso eminentemente folclorico-ambientalista) e quelle localiste. Lo studio delle bioregioni utilizza largamente la Teoria degli Insiemi elaborata da Georg Cantor.

Si tratta quindi di considerare un territorio geografico omogeneo in cui dovrebbero essere predominanti le regole dettate dalla natura e non le leggi che l'uomo avrebbe definito.

Bakunin: il Ribelle

Il maggior rappresentante del movimento anarchico internazionale nell'Ottocento e, allo stesso tempo, il primo agitatore che cercò di dare una giustificazione teorica alla sua azione rivoluzionaria è stato Michail Bakunin, nato in Russia (a Tver, l'odierna Kalinin) da nobile famiglia il 30 maggio 1814 e morto il 1° luglio 1876. La sua vita si svolse prevalentemente in Occidente (in Svizzera, in Francia ed in Italia), alla cui cultura si era formato studiando la filosofia tedesca particolarmente di Fichte e di Hegel. Partecipò attivamente al 48 francese e all'insurrezione di Dresda del 1849.

Panarchia?! Che cos'è? Si mangia?

Nel suo articolo del 1860 "Panarchia" Paul-Emile De Puydt, che espresse anche il suo sostegno all'economia del laissez-faire, applicò il concetto al diritto dell'individuo di scegliere qualsiasi forma di governo senza essere costretto a spostarsi dal luogo in cui si trova attualmente. Questo è talvolta descritto come "extraterritoriale" (o "exterritoriale") poiché i governi spesso servirebbero appezzamenti di terreno non contigui.

Errico Malatesta - Contro la Dittatura del Proletariato (30 Luglio 1919)

Il testo che qui si riproduce è la lettera che Errico Malatesta scrisse da Londra a Luigi Fabbri in merito al tema della dittatura del proletariato che agitava il movimento operaio e rivoluzionario a seguito della Rivoluzione Russa. Con una certa cautela per una possibile evoluzione in senso libertario della Rivoluzione, ma anche con estrema chiarezza per quanto riguarda la realtà corrente, Malatesta chiarisce che la cosiddetta dittatura del proletariato altro non è che la dittatura del partito sulle masse popolari.

Proudhon, un pensatore scomodo

È un detto di Fouché: «Datemi un pezzo di carta con la firma d'un uomo, ed io lo farò giustiziare». Questo può essere un principio basilare della procedura cui s'informa la Polizia di Stato 🚨 ma nelle istanze intellettuali non è davvero un buon criterio.

Primitivismo Primordiale

Il Primitivismo Primordiale, originariamente chiamato Primalismo, chiamato anche Feralismo o Animalismo, è un'ideologia libertaria fuori bussola che crede nella devoluzione dell'umanità in uno stato più animalesco.

Anarco Transumanesimo

L'anarco-transumanesimo è una filosofia che sintetizza l'anarchismo con il transumanesimo che si occupa rispettivamente della libertà sociale e fisica. Gli anarco-transumanisti definiscono la libertà come l'espansione della propria capacità di sperimentare il mondo che li circonda, possono sostenere varie prassi per far avanzare i loro ideali, tra cui l'hacking del computer, la stampa tridimensionale o il biohacking.

Libera città di Christiania

Christiania è una micronazione e comunità intenzionale di circa 1.000 residenti, che copre 7,7 ettari (19 acri) nel distretto di Christianshavn nella capitale danese di Copenaghen. Christiania è stata fonte di controversie sin dalla sua creazione in un'area militare occupata nel 1971. Il suo commercio di cannabis è stato tollerato dalle autorità fino al 2004. Da allora, le relazioni tra Christiania e le autorità danesi sono state tese. Dall'inizio degli anni 2010, la situazione è stata in qualche modo semi-normalizzata.

Gli scritti di Bakunin contro Marx

Bakunin tira fuori le sue armi migliori, finalmente, per attaccare Marx e il gruppo di potere che si era insediato nell’Internazionale. In queste pagine è finito il tempo delle illusioni e delle collaborazioni, le critiche sono chiare e dirette.

Una volta aveva detto che bisognava separare le grandi capacità analitiche di Marx, la sua preparazione filosofica ed economica, la quale poteva essere utilizzata anche dagli anarchici (invero in questo campo endemicamente carenti) e per il resto lo si poteva mettere tra parentesi. Adesso affronta le trame intestine, le calunnie, le chiacchiere di corridoio, i soppesamenti dietro le quinte, le correnti di potere, le meschinerie personali, e tutto quel bagaglio che in una parola si potrebbe definire come “politica”.

Uno sguardo all'Anarco-Capitalismo

Il 19 luglio 2020 alcuni membri di Libere Comunità presso la micronazione del Bardo, hanno avuto modo di intraprendere un aperto confronto con degli esponenti di Movimento Libertario. Per quanto ognuno di noi sia rimasto sulle proprie convinzioni (ma sicuramente con qualcosa in più su cui ragionare!) l'incontro è sicuramente stato utile per poter criticare più lucidamente le contraddizioni della politica moderna, svincolati da luoghi comuni e preconcetti, oltre che ad avere idee più chiare su tale movimento.

"Il marxismo è alieno alla mia cultura quanto il capitalismo": Nativi Americani e Rivoluzione

Il seguente discorso fu tenuto da Russell Means nel luglio del 1980 davanti a migliaia di persone di tutto il mondo che si erano radunate per il "Black Hills International Survival Gathering", sulle Black Hills, nel Dakota del Sud, negli Stati Uniti. È il discorso più famoso di Russell Means. Membro della tribù Oglala Lakola, probabilmente è stata la personalità più conosciuta dell’American Indian Movement degli USA, fondato nel 1973 con l’occupazione di Wounded Knee. Means è stato anche attore, carriera che iniziò con il ruolo di Chingachgook nel film "L’ultimo dei Mohicani", autore e filosofo. È deceduto il 22 ottobre del 2012 a 72 anni.

L'Anarchia delle Frontiere

Storicamente le frontiere non erano una festa d'amore capitalista. Molte comunità erano piuttosto vicine al mutualismo. Ad esempio, in Siberia in quasi tutti gli insediamenti c'era una banca comune (магазея, magazeya), la pelliccia e altre risorse venivano vendute al valore del lavoro svolto. Un sistema simile esisteva negli insediamenti dell'Australia, delle Americhe, ecc.

Carlo Cattaneo: il repubblicano federalista

Cattaneo viene ricordato per le sue idee federaliste impostate su un forte pensiero liberale e laico: dopo il 1860 acquisterà prospettive ideali vicine al nascente movimento operaio-socialista. Cattaneo era fautore di un sistema politico basato su una confederazione di stati italiani sullo stile della Svizzera; avendo stretto amicizia di vecchia data con politici ticinesi come Stefano Franscini, aveva ammirato nei suoi viaggi l'organizzazione e lo sviluppo economico della Svizzera interna che imputava proprio a questa forma di governo.

L'Anarchismo Spirituale nell'Anarca

L'Anarca è quell'individuo sovrano nato dalla mentalità fuori dal comune che attingeva dall'illimitato pozzo della storia, della filosofia e dell'arte.

Lui-lei è al di là della sinistra o della destra, si muove senza fine in modo nomade con libertà mutevole attraverso il pensiero, sintetizzando idee contrastanti. Ma sempre saldamente radicato nel nichilismo. Questo è il vero anarchico. La loro è l'anarchia che ha prodotto (e produce tuttora) una vasta sottocultura ermetica e letteraria sotterranea.

Libertà o Uguaglianza?

Si oppose alla Rivoluzione francese, al comunismo e al nazismo. Descrivendosi come un "arci-liberale conservatore" o "estremamente liberale", Kuehnelt-Leddihn ha spesso sostenuto che il governo della maggioranza nelle democrazie è una minaccia alle libertà individuali e si è dichiarato monarchico e nemico di tutte le forme di totalitarismo, sebbene sostenesse anche quelle che definiva "repubbliche non democratiche", come la Svizzera e i primi Stati Uniti.

Fabrizio De André: l'internazionalista identitario

«Credo che ogni piccola etnia abbia diritto all'auto-determinazione. Anzi, se fosse per me tornerei ai Comuni liberi, alle città-stato.» (Fabrizio De André)

Rampollo favoloso e ribelle di una borghesia genovese distintissima, curioso del mondo e innamorato di sé, a vent’anni trascurava gli studi in giurisprudenza frequentando prostitute e suonando sulle navi da crociera.

Contestato dal Movimento Studentesco nel 1968 salì sul palco un po’ barcollante, scherzò dedicando La cattiva strada “al mio amico Nietzsche” e “al mio amico Cristo” e iniziò a suonare.