Alcuni anni fa, un gruppo pagano greco credeva nella possibilità di creare un villaggio dove poter vivere e lavorare in base alle proprie convinzioni e interessi. Questa sarebbe forse la salvezza nel mondo moderno: il ritorno alla comunità.

Può essere assurdo per molti, ma è senza dubbio un colpo duro contro il processo di urbanizzazione e concentrazione di popolazioni in cui ci troviamo, e questo è già qualcosa. La battaglia del futuro sarà tra centralizzazione e decentralizzazione, tra potere centrale e periferia.

È davvero un modo alternativo, non come gli altri, e anche rivoluzionario, perché il Sistema e il Capitalismo ci vogliono nelle grandi città, piene di forze dell'ordine, di controllo estremo, con vite e modi di pensare uniformi, come un branco ben concentrato e circondato di telecamere di sorveglianza. L'emancipazione, oggi, non può più essere solo mentale, deve essere anche fisica, vitale.

L'anarchismo ed il comunitarismo, sono la soluzione comunitaria e la resistenza periferica costituiscono una possibilità reale quando si costruiscono le prime avanguardie della società del futuro. La nostra deve essere una risposta spietata alla vita urbana e all'inerzia delle maggioranze già dominate.

Le nostre comunità devono essere aperte alle persone, diventando per loro una vera soluzione alternativa e uno stile di vita estraneo a quello del mondo moderno: Devono essere un esempio da seguire e una via di liberazione. Non si può ignorare che il comunitarismo era la fase fondamentale dell'organizzazione degli antichi popoli indoeuropei

Molti diranno che questo, più di ogni altra cosa, è disfattismo. Non sono d'accordo. In realtà si tratta di costruire una vera alternativa da zero: l'organizzazione di un movimento volto ad affermarsi secondo canoni e motivazioni del tutto estranee a chi vuole imporre chi governa i nostri giorni, conducendo una vita dissidente e rinunciando al dissenso della cittadinanza all'interno dello Stato e il prolificare la formazione di una nuova struttura societaria basata inizialmente su diversi comuni dispersi in collaborazione paritetica del tutto indipendente dal Sistema. Questo sarà davvero un combattimento duro, difficile e francamente lungo, quindi iniziamo a lavorare per la nostra forma di resistenza ora.

Diventiamo la soluzione che stiamo cercando, optiamo per il comunitarismo come forma di resistenza.

La creazione di comunità deve partire da ciascuno di noi, non servono per forza nuovi spazi, tante vecchie case sono ormai abbandonate perchè l'uomo, non capendo le potenzialità della campagna, ha preferito lasciarle per tentare una altra vita. Non servono nuove case, bastano quelle vecchie : occupare è un diritto contro l'abbandono!

Si è sempre cercato di mostrare come il governo ha causato la povertà della periferia rimuovendo i raccolti con la forza e poi con la tassazione, creando la ricchezza al centro; come la sua tassazione sul commercio, per aumentare il suo potere, ha causato un alto costo della vita, quindi alti salari, alti costi del lavoro e tecnologia per il risparmio di lavoro per ridurre quei costi del lavoro. È questa industrializzazione che sta causando danni terribili all'elevata popolazione del mondo sviluppato.

L'argomento killer contro l'industrializzazione significa un lavoro più duro. I lavoratori americani lavorano le ore più lunghe (forse solo il Giappone). Quello di cui non ho parlato è stato il danno fatto dal governo alla piccola comunità radicata, la tribù. La comunità aveva funzioni di difesa e benessere.

La prima forma di governo è personificabile in quella del bullo locale e i suoi compagni beceri che lo seguono, che costringono la popolazione locale a consegnare i risultati della caccia e della raccolta (un pò come accadeva nel film "Continuavano a chiamarlo Trinità" di Bud Spencer e Terence Hill, ndr). L'essere disarmati è il primo chiodo nella bara della comunità: perchè ha perso la sua funzione di difesa. Il sovrano fa quindi le sue leggi per proteggere la sua posizione, comprese le leggi che regolano il comportamento dei suoi sudditi. Questi sono amministrati dalla "giustizia". Questo è il secondo chiodo nella bara della piccola comunità. Facendo l'esempio del far west e del mondo dei cowboys, il comportamento inaccettabile ai danni della comunità è scoraggiato dalla vergogna, dal ridicolo e, in ultima analisi, dall'esilio.

Il crimine non è tanto punito quanto riparato. Ad esempio, se qualcuno uccide qualcuno, tutta la sua famiglia deve dare 50 capi di bestiame alla famiglia della vittima, come mi è capitato di leggere in qualche libro sul periodo. Questa è una forte sanzione contro l'uccisione di persone su potenziali assassini da parte della loro stessa famiglia. Nel sistema giudiziario odierno un crimine viene punito ma non si cerca di fare ammenda. Viene inflitta una multa, ma spetta allo Stato, non alla vittima. Anche sul sistema carcerario, ho i miei dubbi, essendo che pochi davvero sono usciti riformati da esso.

L'ultimo chiodo nella bara della piccola comunità è arrivato relativamente di recente. Mobilità del lavoro e quindi fornitura di welfare da parte dello Stato. Lo Stato ora ottiene metà del suo reddito e quindi potere dalle imposte indirette, tassate sul commercio. Più merci vengono scambiate, più tasse riceve il governo, più è potente. Ciò è giustificato dalla teoria senza senso dell'economia convenzionale secondo cui il commercio crea ricchezza che arriva fino ai più poveri. Così i poveri sono costretti a consegnare i raccolti che vengono consumati. Tutto ciò che resta da riversare alla periferia è fuliggine, liquami, rottami e vestiti di seconda mano. Per aumentare ancora di più i raccolti commerciati, i poveri vengono cacciati dalle loro terre dagli Atti di Recinzione e nelle città. Questa si chiama mobilità del lavoro. Tagliati fuori dalle loro comunità, non possono più fare affidamento sull'aiuto nei momenti di difficoltà. Per evitare la rivoluzione, i governi devono invece fornire il welfare statale. Quindi una comunità ora ha poca utilità. Lo Stato ha dirottato tutte le sue funzioni: difesa, giustizia e welfare.

Ma l'assunzione da parte dello Stato del welfare non funziona. Da un lato non siamo più vincolati dalle opinioni dei nostri nonni. Non ci vergogniamo più perché non lo sanno; sono così lontani, lo Stato non ammette che la comunità fornisca alcuno welfare; anzi, lo vieta. Ma d'altra parte alla sua polizia non importa se picchiamo le nostre mogli o i nostri mariti; a loro non importa se i bulli degli scolari "inviano fax" ai loro coetanei o se il personale maltratta orfani o anziani. Non si preoccupano se i poveri si aggrediscono a vicenda. La loro funzione è proteggere la proprietà dei ricchi e delle loro classi medie. Mentre non siamo più vincolati dalle opinioni dei nostri parenti che sono lontani, né siamo vincolati dalla polizia. Quindi otteniamo un tasso di criminalità vertiginoso e il crollo della vita sociale.

Come individui non abbiamo più bisogno della comunità. Lo Stato fornisce difesa, giustizia e benessere. Quindi non dobbiamo sopportare i vincoli della comunità, le interferenze dei nostri vicini e parenti. Siamo liberi! Possiamo fare tutti i bambini che vogliamo, possiamo abbattere le restrizioni del comportamento convenzionale. Possiamo essere noi stessi! Possiamo deridere i vecchi e i loro standard antiquati e le tradizioni che tenevano insieme la comunità. Ha un certo senso. Non abbiamo più bisogno della comunità. Lo Stato fa il lavoro della comunità. Il fatto che la vita sociale non sia completamente distrutta è perché la maggior parte di noi si comporta ancora in una maniera tale da essere influenzati da cosa penserebbero i nostri genitori, amici e parenti. Ma sempre più persone cercano di dimenticare questo vincolo, si comportano in modo inaccettabile e rendono impossibile la vita sociale.

Quindi il governo, distruggendo la piccola comunità dirottando le sue funzioni, è la causa dell'aumento del crollo sociale. Sta anche distruggendo la conoscenza tradizionale acquisita, in nome di un fantomatico "progresso", ma più che evoluzione, qui sta andando alla deriva.

Per questo il ritorno alle tribù, alle città-stato, alle micronazioni ed alle comunità regolate da principi anarchici è l'unica salvezza in questo mondo che collassa anno dopo anno.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

🎥 Partecipazione al comitato NO DRAGHI di Perugia ed intervista esponenti PCI

Questa mattina a Perugia si è svolta una manifestazione collegata alla Giornata Nazionale No Draghi, dopo un anno dalla prima in risposta al governo Draghi.

Libere Comunità: per una reale alternativa sociale

Il comunitarismo libertario è visto come movimento atipico da chi non conosce tale stile di vita, perché è davvero l''unica reale alternativa sociale che schiettamente combatte per un mondo nuovo. La nostra visione trae radici dall'anarchismo classico e dai pensatori che promuovevano libertà ed indipendenza. Nel nostro mondo, noi auspichiamo un predominio, in maniera non totalitarista, ma attraverso la libera associazione delle persone, delle comunità/tribù auto-sufficienti ed auto-governate.

Introduzione all'Anarco Tribalismo e all'Anarco Comunitarismo

Da alcuni anni esiste una minoranza piccola ma sempre più influente nei media libertari contemporanei che si è sviluppata in alcuni paesi, considerata "eretica" dalla maggioranza. Questa minoranza, la cui voce è ogni giorno più forte nonostante coloro che sono interessati a zittirla.

Organizzazione comunitaria e Rivolta contro la massificazione

In un mondo che si dipinge come pieno di libertà, svago, egoismo, di sviluppo tecnico e di progresso infinito verso uno stato di beatitudine e uguaglianza, si deve vedere infatti l'assoluto opposto. Come ha detto Hegel, viviamo in un mondo capovolto, dove la verità è essa stessa un momento del falso. Più questo mondo progredisce, più approfondisce le proprie conseguenze; più segue il proprio processo logico, più vediamo all'opera l'involuzione, più la realtà sprofonda nel degrado totale e in un non senso che rende la parola «nichilismo» sembra un eufemismo per descriverlo. C'è qualcosa di peggio del nichilismo («razionalità») e della scienza come base metafisica del mondo tecnico), è la «felicità di massa».

Panarchia?! Che cos'è? Si mangia?

Nel suo articolo del 1860 "Panarchia" Paul-Emile De Puydt, che espresse anche il suo sostegno all'economia del laissez-faire, applicò il concetto al diritto dell'individuo di scegliere qualsiasi forma di governo senza essere costretto a spostarsi dal luogo in cui si trova attualmente. Questo è talvolta descritto come "extraterritoriale" (o "exterritoriale") poiché i governi spesso servirebbero appezzamenti di terreno non contigui.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

I comunitaristi libertari nativi americani d'Alaska

Oggi noi di Libere Comunità vi presentiamo i comunitaristi libertari delle tribù dei nativi americani d'Alaska. Ringraziamo il compagno Rinehart per averci inviato l'articolo raccontandoci la sua esperienza e la formazione della sua comunità libertaria indipendente ed autosufficiente formata da nativi americani in Alaska... buona lettura.

I comunitaristi libertari africani di Afro Native Pride Liberia

Oggi abbiamo chiesto ai nostri fratelli Africani dell' ANPT (Afro Native Pride Liberia) di spiegarci la loro visione del mondo, la loro comunità è attiva da una decade, e qui ci illustrano il perchè hanno aderito al Comunitarismo Libertario. Ringraziamo pubblicamente il loro portavoce, passandogli metaforicamente la penna per descriverci la sua realtà comunitaria libertaria ed autosufficiente!

I comunitaristi libertari in Ucraina

Con i gruppi politici marginali che hanno guadagnato slancio durante la Rivoluzione Euromaidan nel 2013, molta attenzione degli studiosi è stata data agli attori della destra radicale mentre le dinamiche della cosiddetta "Nuova sinistra radicale" sono state ignorate.

In passato la Nuova Sinistra Radicale si è battuta per l'egemonia culturale; tuttavia, la loro influenza diminuì quando il movimento sviluppò gravi divisioni ideologiche dopo Euromaidan. Con una "Nuova Sinistra Radicale" ideologicamente divisa, un nuovo gruppo, i comunitaristi libertari, è entrato nell'arena politica ucraina con l'obiettivo di riappropriarsi dei concetti del nazionalismo ucraino e dell'idea di una lotta antimperialista contro la Russia che incarna l'ucraino contemporaneo.

"A Primitivist Primer", l'innesco al Primitivismo di John Moore

A Primitivist Primer è un saggio breve di John Moore pubblicato nel 2000 sulla rivista Green Anarchy, il cui titolo consiste in un interessante gioco di parole non traducibile letteralmente in italiano. "Primer" infatti è traducibile dall'inglese oltre che come "principiante", in senso tattico-militare come "innesco" o "chi innesca una carica", e in senso edilizio come "prima mano". Il suo primitivismo non è inteso come un desiderio di ritornare ad un epoca primitiva, quanto, nel prendere la società pre-industriale come un modello di riferimento in cui «la cooperazione tra gli individui erano gli aspetti prevalenti della vita comunitaria».

Anarchia indigena e necessità di un rifiuto della "Civiltà" del colonizzatore

I popoli indigeni nel corso della storia hanno combattuto e sono morti per resistere alla forte invasione della civiltà nelle loro vite. Questa lotta continua oggi, poiché gli "incivili" sono spinti sempre più vicino al limite della sopravvivenza dai "civilizzati" di tutto il mondo e lo squilibrio tecnologico tra noi continua ad espandersi e creare un divario sociologico che ci rende incapaci di capire l'un l'altro anche a livello di base.

Sakalash! Anarco-Comunitarismo

"La spiritualità non è una religione. Essa rappresenta la spinta di ciascun individuo verso la conoscenza delle proprie origini, attitudini, manifestazioni interiori.

Un approccio spirituale della vita implica la capacità di porre e porsi delle domande, stessa qualità del vivere da anarchici; mettersi costantemente in gioco e fare delle proprie conoscenze un'arma vincente così da non sottostare ad opinioni collettive, rendendosi padroni delle proprie vedute.

Spiritualità e anarchismo si compenetrano a vicenda perché entrambe pongono alla base la libertà di essere se stessi senza essere condizionati da dogmi o dalla società contemporanea, entrambe prevedono una totale armonia nell'autonomia."

Per una rete di Libere Comunità

L'idea di rimodellare il mondo e l'umanità, in virtù di una sfida non solo ecologica, ma economica, politica e sociale, ripensando al concetto di comunità e soprattutto di piccola patria ("small is better" direbbero gli inglesi o, meglio ancora, "less is more") è un'idea che, volenti o nolenti, terrà banco nel futuro prossimo.

Libera città di Christiania

Christiania è una micronazione e comunità intenzionale di circa 1.000 residenti, che copre 7,7 ettari (19 acri) nel distretto di Christianshavn nella capitale danese di Copenaghen. Christiania è stata fonte di controversie sin dalla sua creazione in un'area militare occupata nel 1971. Il suo commercio di cannabis è stato tollerato dalle autorità fino al 2004. Da allora, le relazioni tra Christiania e le autorità danesi sono state tese. Dall'inizio degli anni 2010, la situazione è stata in qualche modo semi-normalizzata.

Hakim Bey, il sogno anarchico delle T.A.Z.

Questa volta però vengo come il Dioniso vittorioso, che trasformerà il mondo in una vacanza... Non che abbia molto tempo...Nietzsche (dalla sua ultima “folle” lettera a Cosima Wagner)

I corsari e i pirati dei mari del XVIII secolo crearono una “rete d'informazione” che si estendeva per l’intero globo: primitiva e primariamente rivolta a truci affari, la rete funzionava nondimeno ammirabilmente. Sparse attraverso la rete erano isole, remoti nascondigli dove le navi potevano venire rifornite d'acqua e cibo, il bottino scambiato per necessità e lussi. Alcune di queste isole sostenevano “comunità intenzionali”, intere mini-società che vivevano coscientemente al di là della Legge e decise a rimanerci, anche se solo per breve ma felice esistenza.

🎥 Libere Comunità incontra Patria Socialista - intervista e dibattito con Igor Camilli

L'Associazione Internazionale dei Lavoratori fu costituita a Londra nel 1864, per coordinare lo sviluppo del movimento operaio. Il programma e lo statuto furono stesi dallo stesso Marx che ne dettò pure i principi costitutivi ispirati alla solidarietà internazionale nella lotta per la liberazione dal dominio del capitale.

A partire dal 1869 emersero le polemiche politiche e di principio dell’ala anarchica, guidata da Proudhon e soprattutto da Bakunin, contrari alla gestione centralistica dell'associazione e all’indirizzo di costituire partiti socialisti in tutti i paesi. Il dibattito sulla sconfitta della Comune di Parigi provocò la rottura tra le due tendenze e gli anarchici furono espulsi dall’associazione.

Cosa succede se nel 2021 queste due idee tornano a scontrarsi? Le distanze sono ancora così persistenti? Scopriamolo in questa entusiasmante intervista e dibattito con Igor Camilli, segretario nazionale di Patria Socialista.

L'Anarchismo non è (solo) un club del libro

L’articolo di oggi vuole essere un invito a prendere per mano il proprio destino in una epoca segnata da continue divisioni sociali.

Il ruolo della cultura e della (contro)cultura in questi casi può essere sia la croce che la delizia di qualsiasi sottocultura si presenti per fare avere una propria identità a chi, non è soddisfatto di questa sopravvivenza, in una società dai mille compromessi che serve solo ad annichilire e far sprofondare sottoterra gli animi nobili e sensibili che potrebbero davvero contribuire ad una (de)crescita della qualità della vita.

Anarchia Intellettuale

Autarchia è indipendenza. Non ci si riferisce soltanto al suo significato strettamente materiale legato alla produzione ma alla sua valenza più ampia ed assoluta. In tal caso il concetto di autarchia giunge fino alle più intime profondità dell’essere coinvolgendo la totalità degli aspetti della sua esistenza.

D'altronde come potremmo mai chiamare quell’aspetto dell’individualismo assoluto che sfocia in autonomia di pensiero, sincerità intellettuale e retto filosofare?

In un contesto socio-politico in cui la maggioranza della moltitudine manca di coraggio e volontà di potenza, qual è l’ostacolo più grande alla realizzazione di una futura società aurea?

La Pedagogia Libertaria in Godwin

William Godwin (Wisbech, 3 marzo 1756 – Londra, 7 aprile 1836) è stato un filosofo, scrittore e politico libertario britannico. Pensatore del tardo Illuminismo nonché ispiratore di parte del Romanticismo inglese, specialmente la "seconda generazione romantica" comprendente John Keats, il suo genero Percy Bysshe Shelley e George Gordon Byron, radicale e repubblicano, è considerato uno dei primi teorizzatori anarchici moderni. L'opera più celebre di Godwin è il saggio Inchiesta sulla giustizia politica in cui esprime un ideale di anarchismo filosofico.

Nazionalismo ed Anarchismo sono davvero agli antipodi?

Prendendo spunto da un articolo in rete (leggilo qui https://www.nihilist.li/2018/01/07/historical-tradition-anarchism-nationalism/)  sulla militanza di diversi anarchici nelle organizzazioni Organisation of Ukrainian Nationalists e Ukrainian Insurgent Army (OUN, UPA) e sui legami di anarchici e nazionalisti, abbiamo deciso di scrivere un articolo scottante quanto interessante. 

Il nazionalismo e l'anarchismo possono essere compatibili? Sono davvero agli antipodi? Queste sono domande scottanti, sulle quali abbiamo meditato a lungo. Molti anarchici direbbero di no, come molti nazionalisti direbbero di no.

La risposta reale è: dipende.