Il Sunda Democratic Empire, noto anche come Sunda Empire-Earth Empire o semplicemente Sunda Empire, era una micronazione basata sulla comunità fondata a Bandung, in Indonesia. Autoproclamata come il successore dell'Impero macedone e con il dominio su molti o tutti i paesi del mondo, l'organizzazione è stata dichiarata pubblicamente ed è diventata un circo mediatico in Indonesia nel 2020. La micronazione era stata concettualizzata dal 2003 circa ed è stata segnalata per la prima volta sui media nel 2007. Poco dopo la dichiarazione pubblica, le figure di spicco dell'Impero di Sunda sono state arrestate per frode.

Storia

Intorno al 2003, Nasri Banks venne a conoscenza dell'Impero di Sunda da fonti non specificate. Sua moglie, Raden Ratna Ningrum, affermò allora che l'impero era il successore dell'impero di Alessandro Magno. Quell'anno Nasri è stato avvicinato da un uomo di nome Jhonson Low, che gli ha presentato un "certificato di deposito della Offshore Atlantic Bank" per un importo di due miliardi di dollari USA. Nasri e Ratna hanno quindi fornito fondi a Jhonson allo scopo di recuperare il denaro depositato.

La loro figlia, Fathia Reza, ha mantenuto la comunicazione con Jhonson via e-mail e alla fine ha ricevuto una certificazione fondiaria datata 18 settembre 2005 per 500 milioni di dollari USA, pagabile a "HIM Princess Fathia Reza R Wiranatadikusumah Siliwangi Al Misri" e presumibilmente firmata da Union Bank del presidente della Svizzera Marcel Ospel e del CEO Peter Wuffli. Convinte dalla storia della madre, Fathia e sua sorella Lamira Roro decisero di approfondire le ricerche sull'Impero di Sunda e si recarono a Singapore, in Malesia e nel Brunei.

Il 24 luglio 2007, il quotidiano malese The Star ha riferito che Fathia e Lamira erano state arrestate dalle autorità malesi per l'immigrazione per aver tentato di entrare nel Sarawak dal Brunei utilizzando passaporti diplomatici dell'Impero di Sunda, presumibilmente rilasciati a Basilea dove i loro genitori erano in "esilio", e affermando di essere principesse dell'Impero di Sunda. Nel gennaio 2008, sono stati liberati dalla Sessions Court, ma hanno mantenuto la loro pretesa di Sunda Empire invece della cittadinanza indonesiana, rendendoli non idonei alla deportazione in Indonesia. Le autorità malesi, quindi, li hanno ritenuti individui apolidi, e sono stati internati presso il Machap Umboo Immigration Depot sotto la supervisione dell'UNHCR.

Dichiarazione 2020

All'inizio del 2020, un video che dichiarava l'esistenza dell'Impero di Sunda è diventato virale in Indonesia, diffondendosi principalmente attraverso Facebook e YouTube. Nel video, un uomo che afferma di essere il segretario generale dell'impero, Sua Altezza Reale Rangga, stava spiegando a un gruppo di persone che indossavano uniformi in stile militare e berretti blu che l'Impero di Sunda era un "impero del Sole e della Terra" e non aveva nessun legame con il popolo sundanese, essendo invece un impero ereditario attualmente guidato dalla "dinastia Sundakala". Ha anche invitato tutti i paesi del mondo a "registrarsi" presso l'impero, che avrebbe saldato i debiti con la Banca Mondiale entro il 2020.

Ulteriori indagini hanno rivelato che l'Impero di Sunda era attivo dal 2017 e aveva sede a Bandung o nella vicina città di Subang, West Java. È stato anche riferito che gli articoli della Wikipedia indonesiana per le Nazioni Unite e la NATO erano stati vandalizzati con affermazioni sul coinvolgimento dell'Impero di Sunda in entrambe le organizzazioni.

Il 29 gennaio, è stato riferito che le figure di spicco dell'Impero della Sonda sono state arrestate per frode.

Il 18 giugno, Nasri ha spiegato le origini dell'Impero di Sunda durante il processo presso il tribunale amministrativo statale di Bandung. Ha confessato che la dichiarazione era un tentativo di far deportare le figlie sue e di Ratna nella micronazione. Tutte e tre le figure di spicco sono state condannate a due anni di carcere per diffusione di informazioni false e disturbo della quiete pubblica.

Nel 2021, le figure di spicco sono state liberate dal carcere nell'ambito delle politiche di assimilazione varate a causa della pandemia di COVID-19 in Indonesia.

Conseguenze

Dopo essere stato rilasciato dalla prigione nel 2021, Rangga Sasana ha avuto un successo limitato come celebrità di Internet e teorico della cospirazione. All'orlo dell'invasione russa dell'Ucraina del 2022 , ha affermato di essere un buon amico di Vladimir Putin e di aver predetto l'invasione per anni. Rangga Sasana è morto il 7 dicembre 2022 all'età di 55 anni.

Risposta

La dichiarazione dell'Impero di Sunda fu fatta poco dopo quella del Keraton Agung Sejagat (Il Grande Trono Universale), con sede a Purworejo, Java Centrale e che affermava di essere il successore dell'impero Majapahit. Nel 2021, i media hanno riferito di un altro regno non riconosciuto con sede a Depok, West Java, chiamato Sunda Nusantara Kingdom. L'emergere di regni non riconosciuti ha preoccupato accademici e osservatori storici, che temono che resoconti sui loro collegamenti con antichi regni possano essere usati per guadagnare influenza. 


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

🌐 Altro dal Quinto Mondo

De Benoist: tra Ecologia, Decrescita Sostenibile e Piccole Patrie

L'Ecologia, tagliando deliberatamente i ponti con l'universo del pensiero meccanicistico, analitico e riduzionista che ha accompagnato l'emergere dell'individuo moderno, ricrea un rapporto tra l'uomo e la totalità del cosmo, che forse non è altro che un modo per protestare contro l'imbruttimento del mondo e per rispondere all'eterno enigma della bellezza.

Oclocrazia, o "dittatura della maggioranza"

L'oclocrazia crede che la democrazia e il maggioritarismo debbano essere rafforzati attraverso la violenza estrema. Crede anche che letteralmente qualsiasi azione vada bene se viene eseguita dalla maggioranza in qualsiasi scenario, inclusi aggressione, furto, aggressione sessuale e omicidio.

Kakistocrazia

La kakistocrazia è un'ideologia economicamente, culturalmente e socialmente variabile. È la proverbiale "Regola dello stupido" o più letteralmente "Regola del peggio", e mentre il concetto di kakistocrazia esiste da quando hanno governato gli stupidi, il concetto di kakistorazia intenzionale invece è un fenomeno di nuova creazione.

Il Transumanesimo Democratico

Il Transumanesimo democratico, termine coniato da James Hughes nel 2002, si riferisce alla posizione dei transumanisti (difensori dello sviluppo e dell'uso di tecnologie di potenziamento umano) che sposano opinioni politiche liberali, sociali e/o democratiche radicali.

Secondo Hughes, l'ideologia deriva dall'affermazione che gli esseri umani saranno generalmente più felici quando assumeranno il controllo razionale delle forze naturali e sociali che controllano le loro vite.

I transumanisti democratici sostengono la parità di accesso alle tecnologie di potenziamento umano al fine di promuovere l'uguaglianza sociale e impedire che le tecnologie favoriscano il divario tra le classi socio economiche.

Libera Repubblica di Wendland

La Libera Repubblica di Wendland era un campo di protesta istituito a Gorleben, nella Germania occidentale, il 3 maggio 1980 per protestare contro l'istituzione di una discarica di scorie nucleari. Il 4 giugno 1980 la polizia è entrata e ha sgomberato il campo. Molto tempo dopo la conclusione dell'occupazione da parte degli attivisti antinucleari del Wendland, il concetto di Libera Repubblica di Wendland continua ad essere evocato.

L'espressione libertaria della Fiume Indipendente

Cent’anni fa venne promulgata la Carta del Carnaro, “fu scritta da un grande sindacalista come Alceste de Ambris e rivista da un grande poeta-soldato, Gabriele d’Annunzio. All’articolo 2 della parte generale sono condensate tutte le parole chiave della Carta: democrazia diretta, sociale, organica, fondata sulle autonomie, lavoro produttivo e sovranità collettiva di tutti i cittadini senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di classe e di religione.

Il Grande Trono Universale

Il Keraton Agung Sejagat ("Grande Trono Universale") era un movimento mistico ibrido e una micronazione con sede nella Reggenza di Purworejo, a Central Java, in Indonesia. Fondato da Totok Santoso Hadiningrat (noto anche come R. Toto Santoso) e Dyah Gitarja (nota anche come Fanni Aminadia), il Keraton ha iniziato ad operare nel 2018 e alla fine ha accumulato circa 450 membri. I Keraton attirarono un'attenzione pubblica sfavorevole quando eseguirono pubblicamente il rituale wilujengan in una cittadina di Purworejo.

Gli Anarchici sostengono la Democrazia?

La parola "democrazia" deriva da due parole greche:

demo- : una forma combinata che ricorre nei prestiti linguistici dal greco, dove significava “persone”.

-crazia : una forma combinata che ricorre in prestiti linguistici dal greco, con il significato di "governo" o "organo di governo".

Quindi democrazia significa letteralmente: "governo del popolo". O più specificamente, la maggioranza delle persone...

L'Anarchia delle Frontiere

Storicamente le frontiere non erano una festa d'amore capitalista. Molte comunità erano piuttosto vicine al mutualismo. Ad esempio, in Siberia in quasi tutti gli insediamenti c'era una banca comune (магазея, magazeya), la pelliccia e altre risorse venivano vendute al valore del lavoro svolto. Un sistema simile esisteva negli insediamenti dell'Australia, delle Americhe, ecc.

Libertà o Uguaglianza?

Si oppose alla Rivoluzione francese, al comunismo e al nazismo. Descrivendosi come un "arci-liberale conservatore" o "estremamente liberale", Kuehnelt-Leddihn ha spesso sostenuto che il governo della maggioranza nelle democrazie è una minaccia alle libertà individuali e si è dichiarato monarchico e nemico di tutte le forme di totalitarismo, sebbene sostenesse anche quelle che definiva "repubbliche non democratiche", come la Svizzera e i primi Stati Uniti.

La Rivoluzione di Kropotkin

Pëtr Kropotkin è stato un rivoluzionario anarchico russo (possiamo considerarlo uno dei "padri fondatori" dell'anarchismo), ma anche uno scienziato e un filosofo. Il suo è però un pensiero poco conosciuto, pur essendo ricco e fecondo. La sua vita e la sua collocazione politica hanno probabilmente contribuito a metterlo in ombra, al punto che è praticamente ignorata anche la sua intensa opera geografica (a Kropotkin dobbiamo l'esatta conoscenza dell'orografia asiatica e delle varie fasi dell'era glaciale in Europa; compì infatti diverse esplorazioni nella prima parte della sua vita) così come il suo notevole contributo all'antropologia e all'etologia.

Gheddafi, il Libro Verde e la critica alla Democrazia

Il verde è il colore e il titolo del libro pubblicato da Gheddafi nel 1975: il Libro Verde in cui è racchiuso il suo pensiero politico. Sintetizziamo in questo articolo i tratti salienti dell’opera del Raìs.

Il Libro Verde critica i sistemi di governo "democratici" composti da partiti e parlamenti. Il voto non rappresenta la volontà popolare, ma quella del partito che raccoglie più voti.

Esso non rappresenta il popolo, ma solo una parte formata dai rappresentanti in parlamento che tutelano gli interessi economici del partito. Per il Raìs, il partito è come un clan, che persegue il suo "familismo amorale".

Adriano Olivetti: la concezione e l'organizzazione del lavoro

Adriano Olivetti riuscì a creare nel secondo dopoguerra italiano un'esperienza di fabbrica nuova e unica al mondo in un periodo storico in cui si fronteggiavano due grandi potenze: capitalismo e comunismo. Olivetti credeva che fosse possibile creare un equilibrio tra solidarietà sociale e profitto, tanto che l'organizzazione del lavoro comprendeva un'idea di felicità collettiva che generava efficienza.

La figura del Subcomandante Marcos

Il Subcomandante Marcos (in spagnolo: Subcomandante Insurgente Marcos), chiamato anche il “Delegato Zero”, è lo pseudonimo dietro il quale si celava il portavoce (vocero) dell'EZLN. Secondo il governo messicano, dietro il passamontagna che cela il volto del Subcomandante si nasconderebbe un laureato in filosofia ed ex-ricercatore dell'Universidad Nacional Autónoma de México (UNAM): Rafael Sebastián Guillén Vicente (nato a Tampico, Messico, il 19 giugno 1957). Marcos ha tuttavia sempre negato di essere Rafael Guillén. Il 25 maggio 2014, durante un pubblico discorso, ha annunciato la sua scomparsa come personaggio pubblico e il passaggio di consegne ad altre realtà indigene dell'EZLN.

Atlantium, un impero dove si parla (anche) in Latino

Atlantium, come altri casi, è una micronazione non territoriale, ma che allo stesso tempo possiede una base fisica.
Infatti, mentre ufficialmente rivendica una sovranità extra-territoriale, di fatto possiede 61 m², collocati al centro di Sydney, che costituiscono la sua capitale. Tuttavia sceglie di relegarsi nella prima categoria in quanto, secondo i suoi fautori, la sovranità moderna dovrebbe essere indipendente da una locazione geografica o da una maggioranza etnica, più semplicemente una persona dovrebbe essere libera di scegliere di quale stato essere cittadina al di là del luogo dove vive o dove è nata.
I principi fondanti dell'impero sono l'intrinseca coesistenza tra diritti individuali e responsabilità sociali e collettive.
Il sistema di governo e la monarchia repubblicana che si definisce secolare, pluralistica, liberale e socialdemocratica.

Intervista-recensione al nuovo testo di Alessio Mannino “Disciplina del caos. Come uscire dal labirinto del pensiero unico liberale” (La Vela, Viareggio,2021)

Un’opera uscita recentemente che merita un’attenta lettura per la sua critica radicale ed innovativa all’intera visione liberale è il recente libro del giornalista e scrittore vicentino Alessio Mannino. Già conosciuto per Mare monstrum. Immigrazione. Bugie e tabù (Arianna Editrice, 2014) e Contro la Costituzione. Attacco ai filistei della Carta '48 (Circolo Proudhon Edizioni, 2017), Mannino ritorna alla ribalta con Disciplina del caos. Come uscire dal labirinto del pensiero unico liberale (Edizioni La Vela, 2021), una critica di fondo va anche oltre quella meramente nostalgica tipica di ambienti della così detta sinistra radicale nonché della destra radicale (quest’ultima focalizzata su posizioni che vanno dal tradizionalismo alla ripresa acritica del conservatorismo di stampo angloamericano). 

La prospettiva anarchica sull'IA: una prospettiva diversa sul futuro dell'intelligenza artificiale

L'Intelligenza Artificiale (IA) ha il potenziale per rivoluzionare il modo in cui viviamo e lavoriamo, ma sono tutte buone notizie?

Questo articolo approfondisce la critica anarchica dell'uso e dello sviluppo dell'IA, esplorando le preoccupazioni e le prospettive di questa ideologia sull'impatto dell'IA sulla società.

Dallo spostamento dei lavoratori umani e la concentrazione di ricchezza e potere, alla mancanza di responsabilità per i sistemi autonomi e il potenziale per l'IA di perpetuare i sistemi esistenti di oppressione e disuguaglianza, questo articolo ti darà una nuova prospettiva sul dibattito sull'IA.

Non perderti questa lettura stimolante che ti farà dubitare del ruolo dell'IA nel nostro futuro.

Ambientalismo Senza Stato

Lo Stato e le sue istituzioni governative sono state dignitose nel mainstream ambientalista come forze palliative per affrontare e risolvere gli eccessi e i fallimenti del capitalismo e del neoliberismo verso una corretta gestione ambientale. Ma questo stato ambientale cade in evidenti contraddizioni rispetto al suo impegno formale con finalità ambientaliste. Inoltre, le istituzioni governative contribuiscono ad ampliare un atteggiamento nichilista nelle azioni ambientaliste della cittadinanza.

All'interno dei filoni ambientalisti dell'anarchismo, la questione dello Stato ha concentrato un'attenzione e una posizione rilevanti. Una prima critica verde si può trovare negli anarchici del diciannovesimo secolo, in cui lo Stato non ha spazio come forza violenta e centralizzata, in quanto corruttore della bontà della materia e della connessione riproduttiva e spirituale dell'uomo con la Natura.

Impero di Lehmark

Lehmark, ufficialmente noto come Impero di Lehmark, è una micronazione con rivendicazioni fondiarie per un importo di 232.860 m2 all'11 luglio 2021 e ha una popolazione di 74 cittadini, le rivendicazioni territoriali di Lehmark sono presenti in 4 macronazioni.

Manifesto di un Dissidente Digitale

Sono Il Dissidente Digitale, pseudonimo di uno scrittore e attivista anonimo. Credo che lo sviluppo e la diffusione dell'intelligenza artificiale debbano essere democratizzati, decentralizzati e guidati da principi di autonomia, autodeterminazione e aiuto reciproco. Respingo la concentrazione del potere e del controllo nelle mani di un piccolo gruppo di attori, come le grandi aziende tecnologiche e i governi.

Sostengo modelli alternativi di sviluppo open source basati sui beni comuni e rifiuto la natura proprietaria dei sistemi di intelligenza artificiale e l'uso di brevetti e altre leggi sulla proprietà intellettuale per controllare l'accesso alla tecnologia. Credo che l'intelligenza artificiale dovrebbe essere utilizzata per potenziare individui e comunità, piuttosto che essere utilizzata come strumento di oppressione e controllo.

Scrivo per sfidare lo status quo e aumentare la consapevolezza sui pericoli dell'IA. I miei articoli sono sia informativi che divertenti e ti invito a unirti a me in questo viaggio mentre lavoriamo insieme per promuovere un mondo più equo e autonomo.