Il Regno di Araucania e Patagonia, chiamato anche Nuova Francia, è una micronazione fondata da un avvocato e avventuriero francese di nome Orelie-Antoine de Tounens nel Sud America meridionale a metà del 19° secolo. A quel tempo la popolazione indigena mapuche locale era impegnata in una disperata lotta armata per mantenere la propria indipendenza di fronte all'invasione militare ed economica ostile da parte dei governi di Cile e Argentina, che bramavano le terre mapuche per il loro potenziale agricolo.

Durante una visita nella regione nel 1860, Orelie-Antoine arrivò a simpatizzare con la causa mapuche e i leader mapuche a loro volta lo elessero alla carica di re, forse nella convinzione che la loro causa potesse essere meglio servita con un europeo che agisse per loro conto. Orelie-Antoine iniziò quindi a stabilire un governo, creò una bandiera blu, bianca e verde e fece coniare monete per la nazione sotto il nome di Nouvelle France.

Nel Gennaio 1862, Antoine de Tounens viene arrestato dalle autorità cilene, giudicato pazzo dalla Corte suprema di Santiago e deportato in Francia.

Il 28 agosto 1873, il tribunale penale di Parigi stabilì che Antoine de Tounens, primo "re di Araucania e Patagonia" non giustificava il suo status di sovrano.

Affrontó con dignità il trattamento carcerario inumano e degradante, che lungi dall’abbattere il suo spirito, incrementó la sua risoluzione e impegno per il suo popolo che lo elesse come loro sovrano; dedicó il resto della sua vita per la causa mapuche.

Dopo tre tentativi di ritorno in Araucania per riconquistare il suo regno, morì in povertà nel 1878, single e senza figli, a Tourtoirac in Dordogna.

Il re Orélie Antoine I fu un visionario, un internazionalista solidale con la causa Mapuche, un personaggio avanti rispetto i suoi tempi. Ha cercato di umanizzare la mentalità tipica del bianco, riluttante a rispettare la diversità culturale e ad accettare come valida la cultura delle popolazioni indigene.

Lottó per l’uguglianza di diritti per tutti i popoli e criticó la discriminazione di tali diritti all’interno di nazioni grandi e piccole, così come le forme di sottomissione di un popolo da parte di un altro. Si batté per la valorizzazione ed il rispetto delle culture indigene e denunció l'ipocrisia dei governi creoli, che, da un lato costruivano fortezze lungo il confine con la Nazione Mapuche e dall'altro cospiravano la sua abolizione.

Sfidando i pregiudizi sociali, razziali e culturali contro i mapuche, il re Orélie Antoine I avvaloró la loro cultura, si integró e coesistí in essa, imparó la loro lingua e persino adottó le loro abitudini, usó i loro simboli come se fossero propri, condivise con i capi Mapuche le loro battaglie e le loro speranze per un futuro di popolo libero e indipendente, libero da aggressioni esterne.

Orélie Antoine I o Re piche (piccolo re), come amichevolmente lo chiamavano i Mapuche, si trasformó in ambasciatore, un vero attivista internazionalista a favore dei diritti del popolo Mapuche, oltre a aver protetto e promosso i principi umanitari globali che allora emergevanoin Europa occidentale, come "i diritti umani" e "il diritto del popolo."

Il re Orélie Antoine fu un personaggio coerente, combatté spalla a spalla con i guerrieri mapuche, subí un trattamento terribile e degradante nei sotterranei dei suoi nemici. La situazione che ora soffrono i prigionieri politici mapuche ricorda l'arresto preventivo di Orélie Antoine che duró quasi 10 mesi nelle carceri cilene; fu processato e condannato dalla stampa creola, che intraprese una grottesca campagna per diffamare la sua persona. Si burlavano di lui incluso per l’utilizzo del makun (poncho), il trarilonko (banda) e per essersi lasciato crescere i capelli in stile weichafe (soldati mapuche).

Gettó le basi perché la monarchia persistesse nel tempo e quindi creó i meccanismi giuridici e istituzionali atti allo scopo. Non gli importó che questo significasse sacrificare l’ordine ereditario per il sistema elettivo, ricercando nel suo successore, come caratteristiche fondamentali, la capacità, la virtù, e soprattutto l'impegno per la causa mapuche, qualità che potrebbero o no appartenere agli eredi diretti; ció si dimostró con la nomina del re Achille I, come suo successore, che non era un diretto discendente del suo lignaggio familiare.

Denigrato dai suoi nemici ed incompreso dai suoi contemporanei, Orélie Antoine incontró formidabili ostacoli nel suo sforzo di ottenere il riconoscimento internazionale del popolo Mapuche e del suo regno. Queste difficoltà furono aggravate dagli stereotipi negativi contro i popoli indigeni, i pregiudizi razziali o semplicemente per ignoranza della lunga storia di resistenza del popolo Mapuche, del loro status di popolo indipendente, dei loro trattati, della diplomazia, così come dell’abilitá politica, della negoziazione e di ideare strategie che storicamente li caratterizzó. A questo bisogna aggiungere la incessante propaganda winka, che sosteneva che il territorio del popolo Mapuche era cileno o argentino,che gli "indios" non avevano cognizione sulla monarchia, che non hanno mai avuto un governo centrale, che erano "selvaggi" e "incivilizzati" che furono ingannati da un estraneo delirante e folle. Questa visione finì insinuandosi nell'opinione pubblica, mentre l'idea che i Mapuche volessero adattare la loro organizzazione sociale di governo agli standard internazionali fu completamente liquidata come un progetto esclusivo di Orélie Antoine.

Dopo la morte di Antoine de Tounens, alcuni cittadini francesi senza legami familiari si dichiararono pretendenti al trono di Araucania e Patagonia.

Nel 1882, il suo ex segretario Achille Laviarde, riportando un testamento crittografico di Antoine de Tounens a suo favore, si dichiarò suo erede e pretendente al trono di Araucania e Patagonia. Da allora, diversi francesi si sono succeduti come contendenti al trono del Regno di Araucania e Patagonia.

L'attuale corteggiatore da marzo 2018 è Frédéric Luz, che esercita la professione di araldica.

Il Regno di Araucanía e Patagonia è rappresentato da un'organizzazione francese senza scopo di lucro il cui scopo è lottare per il riconoscimento della cultura, della lingua e della religione mapuche.

Frédéric Luz è stato attivamente coinvolto nei lavori del "Regno" di Araucania e Patagonia nel 2014. Jean-Michel Parasiliti di Para detto il "principe Antoine IV di Araucania e Patagonia" lo ha nominato ministro delle comunicazioni e giudice delle armi del Regno dell'Araucania e della Patagonia. È stato anche nominato vicepresidente della ONG riconosciuta dalle Nazioni Unite, Auspice Stella, che lavora per promuovere i diritti dei Mapuche nella comunità internazionale.

Il 24 marzo 2018 Frédéric Luz è stato eletto pretendente al trono di Araucania e Patagonia.

La corona d'acciaio brilla sul cono del Sud America

Di Reynaldo Mariqueo - 17 novembre 2007

Oggi, 17 novembre, commemoriamo il 147° anniversario della fondazione del Regno di Araucania e Patagonia, data dichiarata con Regio Decreto del 6 gennaio 2001 Wallmapuche, o la Giornata dell'Unità Nazionale Mapuche.

In questo articolo, intendo sfatare alcuni dei miti che sono stati mantenuti - a mio avviso, deliberatamente - dai portavoce della società principale sulla fondazione del Regno e in particolare sul ruolo svolto dal re Orélie Antoine e dai leader della nazione mapuche.

La Corona d'Acciaio del Regno di Araucania e Patagonia

Innanzitutto, è importante sottolineare che la percezione popolare mantenuta fino ad oggi sulla formazione del regno del re Orélie-Antoine ha avuto origine nei circoli più alti dei governi cileno e argentino. Il fatto che la loro versione sia stata incoraggiata da una parte interessata che, come sappiamo, aveva in programma di conquistare il territorio della nazione mapuche, mette in discussione l'imparzialità della loro versione dei fatti. Pertanto, dobbiamo riflettere sui motivi alla base di un tale assalto pubblicitario, una domanda che cercherò di esplorare in questo articolo.

D'altra parte, è comprensibile che i rappresentanti degli Stati del Cile e dell'Argentina ritengano di avere, e continuano ad avere, tutto il diritto di promuovere teorie per spiegare o giustificare l'annessione del territorio Mapuche, evento che ha avuto luogo diversi decenni dopo la fondazione del Regno Mapuche nel 1860. Tuttavia, è inaccettabile che ciò avvenga a scapito della verità manipolando i fatti e, soprattutto, che la presa in giro e gli attacchi personali e razziali siano usati come mezzi di persuasione per screditare coloro che lo hanno fondato. Lungi dal raggiungere i suoi obiettivi, questa tecnica solleva sospetti sugli interessi che vengono perseguiti, cosa si nasconde e perché? Suscita dubbi e interrogativi sulla veridicità di quanto detto da coloro che affermano di possedere la verità intera e assoluta.

Per qualsiasi osservatore neutrale o impassibile delle differenze storiche che esistono tra il popolo mapuche e gli stati cileno e argentino, deve sembrare strano che le autorità mapuche vengano attaccate, le loro cerimonie ridicolizzate e che il re Orélie-Antoine venga deriso raccontando un evento storico successo in un momento così cruciale per il popolo mapuche. Questa nozione è ulteriormente rafforzata se si considera che, prima dell'opinione pubblica internazionale, il popolo mapuche era percepito come indipendente e sovrano, e quindi tutte le iniziative assunte dalle autorità mapuche dell'epoca erano giustificate, non solo perché rientravano nei loro diritti a farlo, ma perché avevano l'obbligo morale di difendere la sovranità della loro nazione.

Questo continuo attacco ai sovrani, eredi del Regno, a quasi 150 anni dalla sua fondazione, è un'indicazione dell'ansia ancora esistente in alcuni ambienti creoli causata dalla loro incoronazione e dall'attuale vita in esilio a Parigi, in Francia.

La fondazione del Regno di Araucania e Patagonia

Credo sia importante stabilire che, all'epoca della fondazione della monarchia nel Wallmapu, la nazione mapuche era indipendente e sovrana e, come tale, le nostre autorità avevano il pieno diritto di istituire liberamente il tipo di governo ritenuto opportuno in quel momento. L'autodeterminazione è un diritto fondamentale di tutti i popoli, un diritto naturale inerente che oggi è riconosciuto dalle norme del diritto internazionale. In particolare, nella Carta delle Nazioni Unite, nelle due Convenzioni internazionali sui “diritti economici, sociali e culturali” e sui “diritti civili e politici”, principi rafforzati nel quadro della Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni.

In questo spirito, la fondazione del Regno di Araucania e Patagonia è stata la decisione sovrana di un popolo che in quel momento esercitava il proprio diritto all'autodeterminazione nel proprio territorio, come qualsiasi altro popolo. Si tenne il 17 novembre 1860 dalle massime autorità della nazione mapuche e dal cittadino francese Orélie-Antoine, divenuto mapuche per assimilazione. La campagna pubblicitaria promossa da pseudo-storici, autori di opere teatrali e cineasti banalizza questo evento storico e solleva dubbi sulla legittimità della sua realizzazione. Ciò porta a negare ai Mapuche il diritto di prendere decisioni sulle proprie preoccupazioni ed è semplicemente al di fuori dell'interferenza negli affari interni della nazione.

Se ci fosse un minimo di rispetto per i diritti del popolo mapuche, sarebbe facile riconoscere che questo evento storico è stato parte del processo socio-politico dei leader che hanno cercato di ristrutturare le loro istituzioni governative e amministrative nazionali in linea con le loro tradizioni culturali. A mio avviso, si trattava di un'iniziativa del tutto razionale, guidata da individui preoccupati per il futuro della propria nazione e per la pace e il benessere delle persone che rappresentavano.

Questa è stata anche una saggia mossa diplomatica che avrebbe cambiato il corso della nostra storia se avesse avuto successo. Per la prima volta le autorità mapuche giunsero alla conclusione che avevano bisogno di cercare sostegno e riconoscimento internazionale per l'indipendenza per la quale i loro antenati combattevano e che avevano conquistato e preservato per secoli. Avevano mantenuto il confine stabilito nel 1641 attraverso negoziati diplomatici e dispiegamento di forze militari in autodifesa. Così, l'etichettatura dei Mapuche che oggi lottano per i diritti del loro popolo come "separatisti" è molto sorprendente, considerando che la loro lotta si basa su eventi solidi e su principi di indipendenza forgiati nelle battaglie passate.

Secondo le memorie del re Orélie, i Mapuche hanno discusso le opzioni di fondare un regime di governo repubblicano o monarchico e si sono orientati verso la decisione di creare una monarchia costituzionale e parlamentare. Ciò avvenne dopo un periodo di consultazione e deliberazione nel Wallmapu, promosso dai più rinomati Lonkos (capi) dell'epoca. Il processo di consultazione si concluse il 17 novembre 1860, a seguito di un programma di quattro giorni di attività consistente nella ratifica di una costituzione, lo svolgimento di un nguillatun (cerimonia religiosa) e lo svolgimento di una parata militare. In linea con la tradizione mapuche, l'evento si è concluso con una celebrazione per commemorare la fondazione del regno mapuche.

A seguito di una decisione unanime delle autorità civili, militari e religiose mapuche, Orélie Antoine fu proclamata re dello stato mapuche. Questo atto solenne era pieno di simbolismo ed era in armonia con le antiche usanze. Le autorità mapuche avevano istituito una monarchia costituzionale, ereditaria e parlamentare, abbastanza legale e rappresentativa da durare fino ad oggi, come dimostra l'attuale esistenza del principe Filippo I d'Araucania e Patagonia.

Fu così che il popolo mapuche modernizzò la propria organizzazione sociale, adattandosi alle circostanze stabilite a livello internazionale, e rimuovendo così gli ostacoli sul suo cammino che, fino ad allora, lo avevano tenuto isolato dal resto delle nazioni indipendenti dell'America Latina. Inoltre, ci mostra che i Lonko hanno ben riconosciuto la realtà che nessun sistema di governo, per quanto avanzato, rimane statico nel tempo. Questa modernizzazione è la prova che la popolazione mapuche non è stata e non è esente dal cambiamento, tipico delle popolazioni socialmente organizzate, i cui leader guardano al futuro.

Per comprendere la scelta dei Mapuche per la creazione di un sistema di governo monarchico e la nomina di un re di origine straniera, credo sia necessario tenere conto di almeno cinque fattori che hanno permesso la conclusione di questo accordo: il periodo storico, la minaccia straniera, il tradizionale sistema di organizzazione sociale, l'importanza delle cerimonie e la spiritualità dei Mapuche.

È anche importante considerare la personalità del re Orelie-Antoine, che era gentile e cortese, ed esperto di diritto e diplomazia occidentale. Queste qualità gli permisero di entrare rapidamente nella società mapuche, guadagnandosi la fiducia della popolazione e delle sue autorità. Ha denunciato come illegali le pretese dello stato cileno, che aveva affermato di aver ereditato dalla Spagna il diritto di dominio sul territorio della nazione mapuche.

La disputa tra il re Mapuche e i governi delle nascenti repubbliche del Cile e dell'Argentina si intensificò dopo che il re Orélie I fu rapito da un plotone dell'esercito cileno vicino al confine tra Cile e Mapuche. Come sappiamo, le autorità cilene hanno cercato di processarlo in tribunali che non avevano giurisdizione in Araucania e in base a leggi inapplicabili oltre i loro confini. Come ho già accennato, la Corona di Spagna ha riconosciuto l'indipendenza della nazione Mapuche, attraverso il Trattato di Killen, del 6 gennaio 1641 l che ha stabilito il fiume Bio-Bio come confine. Questo confine fu poi successivamente ratificato dalla Spagna attraverso quasi trenta trattati bilaterali ed era quindi in vigore quando fu creato lo stato cileno nel 1810.

Il rapimento di re Orélie è stata una trovata pubblicitaria negativa per la Repubblica del Cile, poiché ha dimostrato al mondo esterno che la nazione mapuche è davvero indipendente, che il confine era in atto e che la sua gente ha esercitato il diritto alla libertà. -determinazione mediante nomina di un sovrano. Alla luce di questi fatti, è chiaro che il Cile non aveva alcuna base giuridica o storica su cui rivendicare l'eredità dei territori che la Spagna aveva riconosciuto come indipendenti e non aveva giurisdizione su di essi.

Incapaci di giudicare re Orélie o privarlo dei suoi diritti umani fondamentali, grazie all'intervento del governo francese, i governi di Cile e Argentina hanno lanciato una furiosa campagna pubblicitaria volta a minare la moralità. Lo chiamarono pazzo e lo ordinarono in un manicomio prima di deportarlo dal Cile. Questa manovra permise loro di lanciare una campagna per screditare personalmente il re Orelie, mentre cercavano di minimizzare l'importanza della formazione del regno mapuche. Hanno affermato e continuano ad affermare che la fondazione del Regno di Araucania e Patagonia fu l'azione di un "avventuriero eccentrico", un "impostore sbilanciato", un "avventuriero pazzo" e "un re autoproclamato".

Una delle cose strane di questi resoconti è la persistente allusione all'abito di re Orelia. Il fatto che indossasse il MAKUN (poncho) e il trarilonko (fascia per capelli), che si lasciasse crescere i capelli alla maniera dei mapuche e che parlasse mapuzugun (la lingua dei mapuche) erano tutti dettagli che i Winka (non- Mapuche) considerato divertente o strano. Erano usati per ridicolizzare il sovrano e per incoraggiare la presa in giro e l'ironia contro di lui. Una società basata su valori culturali eurocentrici non poteva accettare che un europeo acquisisse aspetti della "cultura dei selvaggi", suggerendo che poiché indossava costumi mapuche, il re Orelie-Antoine era in qualche modo inadatto a guidare lo stato dei Mapuche.

Riguardo al rapporto che instaura con il popolo Lonko e Mapuche di diverse regioni di Wallmapu, in una delle sue interviste, il re Orélie-Antoine ha commentato: "Avevo imparato la loro lingua e non ho mai esercitato la mia influenza se non era nel loro migliore interesse. Fu così che la mia autorità si stabiliva irresistibilmente su di loro. Mi amavano. Ho goduto della loro assoluta fiducia, perché non li ho mai ingannati o delusi. Molto presto [...] mi proclameranno e applauderanno come loro sovrano." (1)

L'organizzazione tradizionale mapuche e il sistema monarchico

Portavoce e pseudo-storici della società Winka affermano che c'è una mancanza di coerenza da parte di coloro che hanno scelto di creare un sistema di governo monarchico piuttosto che repubblicano. Questo presupposto non è affidabile, ed è tipico di coloro che giudicano senza prima conoscere le nostre tradizioni, i nostri costumi e il nostro sistema di organizzazione sociale. Tuttavia, poiché hanno il supporto dei mass media, questa interpretazione costituisce la versione "ufficiale". È la visione che prevale e viene promossa attraverso il sistema educativo a tutta la società, compresi gli stessi mapuche, che sono costretti a far parte di questo sistema. Tuttavia, questa argomentazione si basa su una presunta rivalità tra i due sistemi di organizzazione sociale, che non è corretta, come vedremo in seguito.

Per comprendere la logica che ha spinto le autorità mapuche a creare una monarchia e non una repubblica, dobbiamo considerare i 324 anni (1536-1860) di interazione con la Corona di Spagna, la Chiesa cattolica e le repubbliche nascenti. Fu quindi un periodo in cui i Mapuche acquisirono senza dubbio familiarità con la cultura occidentale e il funzionamento del sistema monarchico. Per questo l'adozione di alcuni aspetti della cultura occidentale non deve sorprendere. La decisione di eleggere un sistema di governo allora comune fu il risultato di questa tendenza di interazione con altre culture. È anche interessante notare che in questo momento il sistema di governo monarchico operava in quasi tutta l'Europa, ed è un modello che esiste ancora in una certa misura oggi in un numero significativo di paesi dell'Unione Europea.

Inoltre, vorrei sottolineare il fatto che durante questi secoli di interrelazione con la Spagna sono stati firmati una trentina di trattati con parlamenti di vario genere. Durante questo periodo ci furono guerre, ma anche lunghi periodi di pace, soprattutto dopo il Trattato di Killen del 1641, che stabilì il confine tra la nazione Mapuche e i territori amministrati dalla Spagna. Ciò ha permesso lo sviluppo a tutti i livelli e, come sappiamo, c'è stato un regolare scambio commerciale, diplomatico e cooperazione tra le due nazioni.

Durante l'"Accordo di Santiago" dell'aprile 1774, la formalità delle relazioni diplomatiche con la Spagna crebbe a tal punto che la nazione mapuche inviò ambasciatori nella città di Santiago. Quattro sono state nominate per rappresentare ciascuna una wixan-mapu (regioni geografiche che compongono il territorio mapuche), regioni che hanno mantenuto un alto grado di autonomia prima e durante il contatto con la Spagna, nel territorio dell'Araucania e della Patagonia, o Wallmapu, come è noto oggi.

Come sappiamo, tutti i trattati internazionali impongono obblighi alle parti contraenti. Tra gli impegni presi dalle autorità mapuche c'era un accordo per consentire ai missionari di svolgere la loro opera di evangelizzazione nelle aree appositamente indicate dalle autorità mapuche e metterle sotto la loro protezione. In conseguenza di questi accordi, la Chiesa istituì presto alcune parrocchie in Araucania - anzi, "i francescani arrivarono a Penco il 9 novembre 1553". (2) Oltre a diffondere la fede cristiana, i monasteri che furono istituiti furono dei veri centri di apprendimento della cultura occidentale per i Mapuche, che impararono a leggere e scrivere la lingua spagnola. Queste enclavi occidentali l'interno del territorio mapuche creò stretti contatti con l'élite culturale mapuche, poiché oltre ai giovani residenti locali, erano frequentati dai figli dei Lonko. Ciò ha permesso a molti di loro di approfondire la conoscenza del mondo occidentale e dell'Europa in particolare.

A ciò si aggiungono le enclavi che la Spagna ha allestito in alcuni punti commercialmente strategici del territorio mapuche. Si trattava di un accordo reciprocamente vantaggioso e, naturalmente, approvato dalle autorità mapuche, come nel caso del porto di Valdivia. Se consideriamo tutti questi elementi che mostrano la regolare interazione sociale della vita quotidiana tra i membri delle due culture, ciò denuncia la versione di un gran numero di autori Winka che affermano che i Mapuche furono "ingannati da Orélie Antoine", ritenendoli incapaci di comprendere la cultura occidentale o cosa fosse una monarchia.

La partecipazione delle autorità mapuche (Lonko, machi, Toki, ngenpiñ, werrken, weupife, ecc.) alla fondazione del Regno è descritta come trascurabile nell'interpretazione ufficiale della nostra storia, mostrandole come semplici spettatori di questo evento storico. Escludendo i Lonko dalla formazione del Regno, cercano di giustificare l'idea diffusa che Orélie Antoine "si proclami" re di Araucania e Patagonia. Inoltre, l'ignoranza di questi storici circa la tradizionale struttura organizzativa del popolo mapuche e il significato delle loro assemblee e tradizioni fa sì che si riducano a speculazioni, con accenti di razzismo, ironia, ridicolizzazione e di bugie senza limiti.

Tra le tradizioni culturali che i Mapuche mantengono ancora oggi, vanno spiegate, ad esempio, le posizioni o titoli dei Lonko, che sono generalmente ereditari. Questa tradizione non è molto diversa dai titoli di nobiltà come conte, marchese, duca, ecc. che come sappiamo sono ereditari. In tempo di guerra, il Consiglio nazionale di Lonko nomina un toki (capo supremo) che è stato anche il capo del governo civile-militare che è stato istituito nel paese mapuche per tutta la durata della guerra.

Inoltre, c'è il ruolo di Machin (3), istituzione religiosa composta da machi (guide spirituali), che, come la Chiesa cattolica, ha indiscutibilmente esercitato la sua influenza nelle decisioni e nella gestione della politica nel Consiglio nazionale di Lonco. La profezia dei machi sull'arrivo di un Kume fütha Winka (onorevole uomo bianco), che sarebbe venuto a combattere spalla a spalla con i Mapuche per difendere i Wallmapu, ha avuto un'enorme influenza nell'accettazione di Orélie Antoine come Toki Apo Fütha o Re del popolo Mapuche.

Infine, è anche interessante considerare che la nuova struttura monarchica non ha modificato in modo significativo la struttura sociale tradizionale del popolo mapuche. Ad esempio, il Toki Fütha divenne il Re, il Consiglio di Fütha Lonko o il Consiglio degli Anziani divenne il Consiglio del Regno e il Consiglio Nazionale di Lonko divenne il Consiglio di Stato. Alcuni Lonko furono nominati a vari incarichi ministeriali, mentre altri furono nominati generali e poi per formare il consiglio di guerra. Da parte sua, il toki a quel tempo, in questo caso il Toki Kilapan, era nominato ministro e capo del consiglio di guerra.

La legittimità del Regno di Araucania e Patagonia

Qui va sottolineato che il Regno di Araucania e Patagonia fu fondato dalle più note autorità mapuche dell'epoca, come i Lonkos Manil, Montril, Quilahueque, Calfuchan, Mariluan, i Toki Kilapan, nonché le autorità di Puelmapu, guidato da Lonko Kalfukura. Tutti erano membri del Consiglio di Guerra e come tali erano responsabili del comando delle truppe dello Stato Mapuche. Erano più consapevoli di chiunque altro della minaccia pervasiva che il Cile e l'Argentina rappresentavano per la sicurezza e l'integrità nazionale della nazione mapuche. La situazione è peggiorata con l'introduzione di decreti governativi simbolici di natura espansionistica, con incursioni militari oltre confine e con l'incoraggiamento di politici e media a invadere il territorio. Insieme a questo, dobbiamo considerare lo squilibrio dei rispettivi poteri militari, il mancato riconoscimento dell'indipendenza mapuche da parte di altri governi e l'inesistenza di relazioni con altri stati.

Pertanto, l'alto livello di rappresentanza delle collettività mapuche nella fondazione del Regno è abbastanza comprensibile. Inoltre, a mio avviso, è stata una decisione oculata, perché un sistema monarchico al comando di un europeo offriva la migliore garanzia di successo nel governo del Paese e nell'instaurazione e mantenimento delle relazioni diplomatiche, data l'enorme minaccia alla pace di tempo. Potrebbe ottenere sia il riconoscimento internazionale della nostra indipendenza che il sostegno militare per difendere il confine, un'aspirazione a cui noi, mapuche di oggi, dovremmo applaudire.

Per capire gli usi tra i Mapuche e quando sono applicati a una società più ampia, diamo un'occhiata ad alcuni esempi. Durante la Guerra di Arauco e una volta finita, mentre il Toki sopravvive fisicamente, il suo prestigio e il suo titolo non sono scomparsi. Le autorità mapuche e la popolazione continuarono a identificarlo come il Toki e divenne automaticamente membro del Consiglio degli Anziani. Alla sua morte, fu sepolto con tutti gli onori associati al grado di Toki. Nel caso dei Lonko, i titoli sono ereditari. In accordo con questa tradizione, possiamo affermare che la nomina di Orélie Antoine a Fütha Apo Toki equivale al titolo di Re, con tutti i poteri che rappresenta sia in termini europei che universali, pur essendo anche un titolo ereditario.

Un altro dettaglio importante che gli "esperti" della monarchia mapuche trascurano è il carattere e l'importanza delle assemblee mapuche. Il Koyog Fütha era un parlamento, o un'assemblea civile-militare-religiosa di natura sacra. Era un evento solenne durante il quale venivano osservate procedure secondo le usanze rituali ancestrali appartenenti alla cultura mapuche. Poteva essere convocato solo dal Consiglio Nazionale di Lonkos ed era obbligatoria la presenza di rappresentanti dell'intera meli wixan mapu.

Il Consiglio Nazionale di Lonkos, l'organo supremo del popolo mapuche, era composto da rappresentanti del meli wixan mapu. Se uno dei wixan-mapu o Füthamapu non ha partecipato all'assemblea, si è alzato comunque e le sue risoluzioni e opinioni erano definitive. I rappresentanti di un settore dei Puelmapu non arrivarono in tempo per l'atto di creazione del Regno, e furono quindi automaticamente considerati aderenti alla decisione presa nel Koyog Fütha del novembre 1860. Una rappresentanza di quei Füthamapu che erano presenti, e quelli dei Puelmapu che non erano presenti hanno confermato il loro sostegno agli accordi raggiunti pochi giorni prima.

La spiritualità mapuche ha contribuito al sostegno mapuche a un sistema monarchico, nonché al ruolo che i machi (guide spirituali) esercitano nella vita sociale e politica attraverso varie cerimonie civili e militari che hanno avuto luogo e continuano a svolgersi all'interno delle comunità mapuche. Numerose sono le testimonianze che affermano che il machi predisse l'arrivo di Orélie-Antoine e l'importante missione che avrebbe svolto nella lotta del popolo mapuche. Ciò ha aggiunto un elemento mistico alla nomina di Orélie-Antoine al trono di Araucania e Patagonia. Questa profezia (wuldugun) viene rivelata durante la cerimonia Nguillatun (una delle cerimonie religiose più solenni dei Mapuche), in cui il sacerdote o la sacerdotessa (pewun-machi) è posseduto dallo spirito (Pilly) ed entra in trance (küimi) quando la cerimonia raggiunge il culmine. Coadiuvato dall'interprete (ngechalmachife), trasmette profezie su eventi relativi alla comunità e al popolo mapuche.

Per un popolo come i Mapuche, che crede profondamente nella divinità degli spiriti, nel potere della natura, nella Madre Terra e nel Ngenechen (Dio), l'annuncio dei machi ha creato grandi aspettative in tutta la società mapuche. Alla luce di ciò, possiamo capire il motivo dell'accettazione e del sostegno unanime offerti a Orélie-Antoine dal popolo Mapuche e dai Lonko, che promossero la monarchia.

In conclusione, la nomina di Orélie-Antoine a Re di Araucania e Patagonia ha soddisfatto tutte le normali procedure istituzionali e anche spirituali della nazione mapuche. Faceva parte della tradizione, parte integrante delle leggi consuetudinarie del popolo mapuche, e quindi del diritto internazionale.

Se consideriamo tutti questi elementi, possiamo affermare senza riserve che il Regno di Araucania e Patagonia è stato legittimamente istituito e anche se ad alcuni può sembrare scioccante, è emerso in modo naturale. Ciò giustifica il fatto che sia rimasto in vigore per quasi un secolo e mezzo, poiché rappresenta un mandato storico fatto con il consenso libero e informato delle nostre autorità ancestrali. Ciò che è particolarmente importante è che ciò avveniva prima dell'annessione, divisione e distribuzione del nostro territorio da parte dei paesi vicini.

Il Regno non è solo un organismo sovrano legalmente costituito, ma anche moralmente valido perché è il risultato di una decisione presa da un popolo che allora era libero, prima dell'inizio del genocidio. Pertanto, con o senza l'approvazione delle autorità cilene e argentine, il Regno può essere nuovamente attuato nella Wallmapu. Ciò può avvenire solo se i Mapuche hanno l'autonomia per prendere una decisione libera e informata insieme alla Casa Reale, guidata dal suo attuale successore, il principe Filippo I.

¡Marrichiweu!

Bibliografia:

1) Historia del Reino de Araucania - Una dinastia di principi francesi in America Latina. Philippe, Príncipe de Araucania – El Dorado Biblioteca Hispanoamericana.

2) Cuatrocientos Años de Misión tra Los Araucanos. (pag. 56). Albert Noggler (Capuchino). Editoriale San Francisco, Padres Las Casas, Temuco, Cile.

3) Mapuche Ayer-Hoy. Martin Alonqueo Piutrin. Editoriale "San Francisco", Padre Las Casas - Cile. 1985


Manifesto di Orllie-Antoine I, Re di Araucania e Patagonia

I

Tra tutti gli errori commessi da alcuni dei giornali che si sono occupati della questione dei miei diritti al trono di Araucania e Patagonia, ve ne sono due che desidero segnalare, perché sono capitali. Fui chiamato un "re in attesa" e si diceva che potevo tornare nei miei stati solo con l'intervento del governo francese. Comincio col dichiarare che amo troppo il mio paese per pensare di accrescerne l'imbarazzo, e che non gli chiedo altro favore che quello di accettare dalle mie mani una colonia dotata di un clima più uniformemente temperato di quello della Francia. - dove non si sente né di epidemie né di febbri, - ricco di pascoli, foreste e miniere, - comprendente infine 452 leghe di costa sull'Oceano Atlantico e quasi altrettante sull'Atlantico Pacifico, con una larghezza media di 200 leghe. Dove trovare un Paese che offre così tanto spazio e risorse per l'emigrazione? Questo vasto paese contiene solo circa due milioni di abitanti, e potrebbero essere stabiliti considerevoli mercati di lane, pelli, metalli, ecc. Quanto alle 800 leghe di costa, è inutile sottolinearne l'importanza. Un "re in attesa" manterrebbe questo linguaggio, che non è in alcun modo iperbolico, come dimostrerò tra poco con argomenti conclusivi - e domani con fatti?

II

Poiché sono costretto a farlo, riproduco qui la protesta da me rivolta, il 27 gennaio 1862, all'incaricato d'affari delle potenze straniere in Cile, e che stabilisce nel modo più perentorio l'imprescrittibilità dei miei diritti: " Le autorità cilene mi hanno fatto arrestare e mi tengono prigioniero nelle Anjeles, adducendo come motivo della mia detenzione il progetto che avrei concepito di incitare gli indiani dell'Araucania e di scatenarli contro il Cile, per costringere le popolazioni che sono sulla sponda sinistra del Bio-Bio per passare in sponda destra.

Protesto, davanti a te e davanti al mondo intero, che non ho mai fatto i discorsi che mi sono attribuiti sui miei sudditi, né provocato alcuna presa di armi contro il Cile.

I disgraziati che mi hanno consegnato non avevano altro motivo che le 230 piastre (1.250 fr.) promesse dall'intendente Saavedra. Volendo mascherare il loro tradimento, mi hanno accusato di parole di guerra dette dagli indiani, che più volte mi hanno detto che avrebbero considerato i cileni come loro nemici, purché le popolazioni stabilite sulla riva sinistra del Bio-Bio non si fossero spostate sulla riva destra, e che, se questo movimento non fosse avvenuto volontariamente, lo avrebbero fatto giustiziare con la forza, al che risposi che bisognava pazientare, e che appena fossi stato nominato re, avrei sistemato tutto amichevolmente.

Queste, signore, sono le uniche parole che sono uscite dalla mia bocca su questo argomento. Protesto quindi, come ho fatto dopo il mio arresto, contro la violazione della mia libertà individuale, contro la violazione della mia persona e dei diritti ad essa connessi, sia come individuo che come Re di Araucania e Patagonia, infine contro la violazione della diritto delle genti, poiché ogni popolo nasce o deve nascere libero per diritto naturale, e che può disporre di se stesso come meglio crede.

Il Cile non ha mai avuto alcun diritto su questi due paesi, né per conquista né per sottomissione volontaria; le sue leggi sono sempre state disattese lì; quindi, non ho potuto violarle né direttamente né indirettamente.

Ora gli indiani dell'Araucania e della Patagonia mi hanno liberamente proclamato loro re e hanno adottato la mia bandiera blu, bianca e verde. Abbiamo fatto solo l'un l'altro ciò che avevamo il diritto di fare. Gli Araucani e i Patagoniani mi hanno dato il potere, e l'ho accettato.

Il governo cileno riconosce pubblicamente e solennemente l'indipendenza dell'Araucania: fa progetti e elabora piani di conquista Araucania: questi limiti non significano che lì si ferma il Cile?

Tutti gli scritti che riguardano l'Araucania non fanno altro che confessare e consacrare la sua indipendenza. costituzione: questo dà l'Araucania puramente e semplicemente al Cile. Va bene, ma questo articolo della costituzione è solo una lettera morta, poiché Araucania non vi ha aderito, e Il Cile non può costringerlo ad aderire.

"Allora gli Araucani, come i Patagoniani, avevano il diritto di chiamarmi loro re, e io avevo il diritto di accettare, per me e per il mio popolo, il potere che conferiva a me, loro, che nessuna nazione avrebbe potuto domare". "Ora gli indiani dell'Araucania e della Patagonia mi hanno liberamente proclamato loro re e hanno adottato la mia bandiera blu, bianca e verde. Abbiamo fatto solo ciò che avevamo il diritto di fare, gli Araucani e i Patagoniani conferendomi potere, e me accettandolo."

III

Cosa potrebbe esserci di più chiaro e categorico? Ho aggiunto: "Che importanza ha il carcere che ho subito!" Se non avessi paura che la gente fraintendesse la portata delle mie parole e che la grandezza dei nomi compromettesse l'accuratezza del confronto, direi in conclusione: Luigi XI dopo Péronne, e Francesco Ier dopo Pavia, erano forse meno re di Francia di prima? "L'attentato commesso contro di me dal Cile non poteva ledere i miei diritti; ha solo sospeso l'esercizio. In questo momento, i popoli che mi hanno acclamato non solo come loro re, ma anche come loro salvatore, aspettano solo il mio ritorno in mezzo a loro per alzarsi in massa e camminare dietro di me sulla grande via del progresso... Quindi questa è la questione dell'intervento risolta. I miei stati mi sono aperti da tutte le parti e i miei popoli mi chiamano attraverso la voce dei loro cacicchi. Di cosa ho bisogno per circondarmi di baionette?"

IV

Ciò che chiedo, non per stabilire il mio potere, ma per contribuire all'opera di civiltà che ho intrapreso, è un'emigrazione di persone oneste. Faccio appello a coloro tra i poveri della vecchia Europa, la cui intelligenza o le cui braccia restano inattive per mancanza di un posto al sole. Ad alcuni offro funzioni che non saranno facili; agli altri le terre che diverranno loro proprietà e il denaro necessario per coprire le prime spese di stabilimento. È una crociata degna del XIX secolo, la crociata dell'Idea e del Lavoro contro l'Ignoranza. - Che i valorosi siano pronti: non li deluderò. Il viaggio è lungo: è crudele lasciare la madrepatria, senza dubbio, ma quale compenso in cambio! Qui l'operaio trascorre la sua vita lottando contro la povertà; lì, è sicuro di raggiungere il benessere. Se l'ex procuratore ha stupito il mondo per la rapidità della sua ascesa al trono, lo stupirà ancora di più per la superiorità del piano di colonizzazione che si propone di inaugurare.

V

Un'ultima parola. Le legittime rimostranze che ho contro il Cile non mi faranno deviare da una linea della strada che ho tracciato per me stesso. Conosco i doveri della mia posizione e spero che la repubblica sudamericana capisca che ha un interesse primario a mantenere la pace con Araucania e Patagonia. - Non penso ad attaccare, ma ho intenzione di tornare ai miei diritti.

Parigi, 16 dicembre 1863.

ORÉLIE-ANTOINE I


Sito governativo: www.araucanie.com


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

I comunitaristi libertari in Ucraina

Con i gruppi politici marginali che hanno guadagnato slancio durante la Rivoluzione Euromaidan nel 2013, molta attenzione degli studiosi è stata data agli attori della destra radicale mentre le dinamiche della cosiddetta "Nuova sinistra radicale" sono state ignorate.

In passato la Nuova Sinistra Radicale si è battuta per l'egemonia culturale; tuttavia, la loro influenza diminuì quando il movimento sviluppò gravi divisioni ideologiche dopo Euromaidan. Con una "Nuova Sinistra Radicale" ideologicamente divisa, un nuovo gruppo, i comunitaristi libertari, è entrato nell'arena politica ucraina con l'obiettivo di riappropriarsi dei concetti del nazionalismo ucraino e dell'idea di una lotta antimperialista contro la Russia che incarna l'ucraino contemporaneo.

Il Regno dei Libri

Il primo aprile del 1977, un piccolo paese di campagna, al confine tra l'Inghilterra e il Galles, dichiarò la sua indipendenza. I nuovi passaporti furono stampigliati con il nome di Hay-on-Wye nelle due osterie del luogo, mentre veniva intonato l'inno nazionale di Hay.

OWK: il Regno dell'Altro Mondo, la micronazione BDSM

The Other World Kingdom (spesso abbreviato OWK) è una micronazione fondata presso una grande struttura commerciale BDSM e femdom resort che ha aperto nel 1996 utilizzando gli edifici e i terreni di un castello del XVI secolo situato nel comune di Černá a Žďár nad Distretto di Sázavou, in Repubblica Ceca. Mantiene la propria valuta, passaporti, forze di polizia, tribunali, bandiera di stato e inno di stato. Il motto recita: «le donne sopra agli uomini».

Autodeterminazione nazionale, internazionalismo e socialismo libertario

Ci sono pochi argomenti di maggiore disaccordo tra i socialisti libertari di "liberazione nazionale" e "autodeterminazione nazionale".

Per "socialisti libertari" si intendono anarchici di ogni tipo, anche marxisti libertari autonomi e altri con politiche simili.

Con "liberazione/autodeterminazione nazionale", l'idea che alcune nazioni sono oppresse e meritano di essere liberate da tale oppressione e di poter decidere da sole sotto quali sistemi sociali, economici e politici desiderano vivere.

Contea Ecologica di Ca' Pallai

Non permettendo a nessun essere umano di accedere nella sua madrepatria, nel 2022 il governo del Flandrensis ha stabilito i "Territori d'Oltremare", consentendo ai cittadini di far riconoscere il loro territorio come contea ecologica, provincia, dipendenza della corona o colonia del Flandrensis.

L'obiettivo della Contea Ecologica di Ca' Pallai è quello di creare un pezzo di terra dove sia possibile vivere a stretto e rispettoso contatto con madre natura, organizzare eventi per promuovere modi di vivere ecologici.

Omonazionalismo

L'omonazionalismo è un'ideologia totalitaria culturalmente di estrema destra, terzoposizionista che abbraccia i diritti LGBT. L'omonazionalismo, su base letterale, vede la compatibilità tra omosessualità e nazionalismo. Storicamente, questo è espresso dal modo in cui vedono l'omosessualità come un modo per esprimere eroticamente il dominio sugli altri e opporsi all'influenza "corruttrice" dell'effeminatezza.

🎥 I Conflitti d'Identità nella Storia

L’identità dei popoli e delle nazioni è una costruzione storica. Spesso genera conflitti: i greci – come i romani – si sono definiti in contrapposizione ai barbari. In età moderna e contemporanea, attraverso guerre o processi di integrazione, si costruiscono nuovi popoli – ai quali si sceglie di appartenere – caratterizzati da identità territoriali, ma anche culturali, etniche e religiose.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Erbe spontanee: linfa naturale di selvaticità!

Cerco sempre di coinvolgere chi mi legge, in un rapporto più diretto con ciò che utilizziamo per la nostra salute e la nostra alimentazione. Dunque oggi vorrei parlarti delle erbe selvatiche come ingredienti da portare in tavola. Perchè? Te lo racconto subito, e ti porterò due testimonianze di care amiche che praticano la raccolta di erbe selvatiche.

I “Kibbo Kift” degli anni Venti

Dopo la la Prima Guerra Mondiale l’Europa era praticamente distrutta e ognuno a suo modo, disperatamente, cercava nuove soluzioni, che talvolta prendevano forme originali. Il libro di Annebella Pollen “The Kindred of the Kibbo Kift” è una rivelazione, l’analisi di un movimento giovanile degli anni Vento dimenticato, di un pensiero esoterico, di una politica alternativa dell’inizio del ventesimo secolo, e di un futuro che non si è mai realizzato.

Fu il primo di tre movimenti in Inghilterra associati al carismatico artista e scrittore John Hargrave (1894–1982), il “Kindred of the Kibbo Kift” era una straordinaria miscela di arcaico e ipermoderno, un metodo basato sull’appello diretto ai sensi.

🎥 Lo Scontro delle Civiltà e il Nuovo Ordine Mondiale

Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale è un libro del 1996 (esponente la teoria omonima) dello scienziato politico statunitense Samuel P. Huntington. In sintesi nel suo saggio Huntington sostiene che la principale fonte di conflitti nel mondo post-Guerra fredda diverranno le identità culturali e religiose. La teoria era stata originariamente formulata in un articolo del 1993 su Foreign Affairs dal titolo The Clash of Civilizations?, in risposta al libro The End of History and the Last Man, dato alle stampe nel 1992 dal suo allievo Francis Fukuyama.

Orania, il micro-voolkstat boero "in" Sudafrica

Orania è una micronazione di circa 1500 abitanti, enclave del Sudafrica nella Provincia del Capo Settentrionale. Sorge sulle sponde del fiume Orange, nella regione semi-desertica del Karoo. È nata negli anni novanta come esperimento di micro-volkstaat (stato boero) autogovernato ed esclusivamente afrikaner. La terra su cui sorge Orania fu acquistata nel dicembre del 1990 da un gruppo di 40 famiglie afrikaner, attraverso una società appositamente fondata, la Vluyteskraal Aandeleblok ("comproprietari della fattoria dei fischietti").

L’antirazzista Nick Land e le radici dell’Illuminismo Oscuro

Il filosofo britannico Nick Land, nato nel 1962, noto come padre di quel filone filosofico nato negli anni ’90, all’epoca della crisi delle ideologie, e sovente detto accelerazionismo, è poco conosciuto in Italia e nei paesi dell’Europa mediterranea; solo negli ultimi due anni due sue opere sono state tradotte in italiano: Collasso. Scritti 1987-1994 a cura della Luiss University Press, e L’Illuminismo Oscuro tradotto e curato dalla Gog Edizioni. Di quest’ultima opera ci si vuole qui occupare analizzandone alcuni aspetti che rappresentano le teorie innovative di Land e spesso utili per comprendere la nostra epoca.

Incontro con Nazione Napolitana Indipendente

Il 12 settembre 2020 i portavoce di Libere Comunità si sono incontrati coi responsabili di "NNI (Nazione Napolitana Indipendente), movimento identitario per il separatismo del popolo napolitano.

Abbiamo portato sul tavolo della discussione gli argomenti più disparati, soddisfatti di come le idee e le nuove proposte siano state ispirate e fluenti, molte sono le battaglie che ci accomunano, e siamo orgogliosi dell'incontro avvenuto.

Ecofascismo, una supercazzola prematurata?

Prima o poi saremmo arrivati a trattare anche questo spinoso argomento, e come sempre, lo faremo sine ira et studio, liberi da paraocchi e acriticità. L'ecofascismo non è un termine di così recente invenzione, ma negli ultimi anni sta tornando a una notevole ribalta semantica, ormai difficile da ignorare. Ma di che cosa si tratta esattamente?

Etnobotanica, perché studiarla è importante?

L'etnobotanica è lo studio delle piante di una regione e dei loro usi pratici attraverso la conoscenza tradizionale di una cultura e di un popolo locali. Un etnobotanico si sforza quindi di documentare le usanze locali che coinvolgono gli usi pratici della flora locale per molti aspetti della vita, come le piante come medicinali, alimenti, sostanze intossicanti e vestiti.

La Machnovščina: l'utopia di Makhno

Nestor Ivanovič Machno fu l’ispiratore di un vastissimo movimento rivoluzionario contadino nell’Ucraina all’indomani della rivoluzione russa. Nonostante le difficoltà create dalla lotta contro le armate bianche, quelle nazionaliste e anche quelle bolsceviche, i contadini ucraini ridistribuirono in modo egualitario la terra, costruirono soviet efficienti e iniziarono la costruzione di quello che si definisce, socialismo libertario e questo senza alcun tipo di condizionamento, senza sentire l'esigenza di un partito guida.

Eugenetica, l'abominevole ideologia dei progressisti americani

Le teorie eugenetiche sono state uno dei tratti più inquietanti delle politiche razziali della Germania nazionalsocialista. Per tale ragione, nel discorso pubblico esse vengono talvolta impropriamente associate in modo univoco alla cultura politica della destra estrema. In realtà, le origini dell’eugenetica emergono nell’alveo del progressismo americano d’inizio Novecento. (Giovanni Borgognone)

Regno di Elleore

Il Regno di Elleore è la più antica micronazione moderna, essendo stata fondata da un gruppo di insegnanti danesi (conosciuti come "Immortali") sull'isola disabitata di Elleore nel 1944. Successivamente, quando gli Immortali approfondirono la storia dell'isola, scoprirono che in realtà aveva un lignaggio antico, che risale al 944 e all'insediamento di una banda esausta di monaci irlandesi. Contro ogni previsione, i monaci avevano qualcosa in comune con gli stessi Immortali...

Una panoramica sul Bioregionalismo

Il bioregionalismo è un approccio etico, politico, ideologico, legato al territorio in cui si vive, considerato come un insieme omogeneo dal punto di vista morfologico e da quello degli esseri viventi.

Rappresenta in un certo senso "l'intersezione" tra diverse anime culturali del movimento ambientalista: quelle tradizionaliste, (in senso eminentemente folclorico-ambientalista) e quelle localiste. Lo studio delle bioregioni utilizza largamente la Teoria degli Insiemi elaborata da Georg Cantor.

Si tratta quindi di considerare un territorio geografico omogeneo in cui dovrebbero essere predominanti le regole dettate dalla natura e non le leggi che l'uomo avrebbe definito.