La Repubblica di Poseidonia è stata fondata dall'aprile 2012 da alcuni amici per cambiare l'immagine dell'isola greca di Makronissos, in passato scenario di nefandezze, utilizzata come esilio per prigionieri e detenuti, e rendere più luminoso il suo futuro.

Venne sciolta il 1 febbraio 2019 a causa di una richiesta del Presidente a seguito di lunga inattività.

Il 9 marzo 2019 l'ex vicepresidente di Poseidonia ha deciso di creare un'assemblea costituzionale e si è nominato Presidente della nuova Repubblica di Poseidonia.

Storia dell'Isola

L'idea di istituire campi di concentramento sull'isola di Makronissos è stata incubata durante gli anni della guerra civile (1946-1949) nell'ambito dell'eliminazione di ogni opposizione di sinistra e nell'ambito della vasta operazione dell'esercito per epurarlo da ogni forma democratica e coscritti di sinistra. Con l'intervento britannico, il 'Popular Party' monarchico ottenne una "facile vittoria" alle elezioni del marzo 1946, e un referendum organizzato frettolosamente permise il ritorno del re nel settembre dello stesso anno. Il terrore scatenato dalla destra si è acuito. Decisero – tra le altre misure contro la sinistra – di “purificare” l'esercito da quei coscritti considerati “politicamente sospetti”. Questi furono disarmati e inviati a vari battaglioni o unità dell'esercito appositamente costituite a tale scopo (a Creta, Liopesi, Dodular, ecc.). Molti dei soldati furono espulsi dall'esercito o imprigionati e alcuni furono giustiziati. Numerosi ufficiali dell'Esercito di liberazione greco (ELAS) che combatterono nella Resistenza nazionale contro il germanismo furono banditi nelle isole di Naxos, Folegandros e Ikaria.

Nel febbraio del 1947 si decise di allestire i campi: Makronissos per i coscritti, Yaros per i membri della Resistenza e Trikeri per i cittadini “politicamente sospetti” delle zone “ripulite” del Paese. Nel 1949, tutti i civili detenuti come esiliati politici nelle isole di Ikaria, Ai-Stratis e Limnos furono trasferiti a Makronissos con l'obiettivo di sottometterli ideologicamente. Fu così creato il più grande campo di concentramento della guerra civile che contava circa 10.000 detenuti. Per la loro permanenza furono progressivamente organizzati campi di concentramento lungo la costa occidentale dell'isola.

Diverse categorie di detenuti sono passati attraverso i campi di Makronissos:

Coscritti considerati pericolosi per l'esercito Ufficiali dell'Esercito di Liberazione Greco (ELAS) e riservisti che hanno partecipato alla Resistenza Nazionale Cittadini di varie regioni che sono stati preventivamente arrestati prima delle "operazioni di sgombero" dell'esercito Prigionieri politici prelevati da varie carceri in su e giù per il paese Esiliati politici Donne esiliate politiche (circa 1.200) portate a Makronissos dal campo di concentramento di Trikeri nel gennaio 1950.

L'inganno con cui i responsabili avevano avvolto il "lavoro patriottico" praticato a Makronissos, è perpetrato da visitatori "affidabili" anche chi vi si recava ad ammirarlo ea proclamarne il valore. Esempi singolari sono la visita della regina Frederica e dello stesso generale americano Van Fleet.

Alcuni degli eventi straordinari nella tragica storia dell'isola sono:

  • Il primo “Esperimento di Riforma”, che ha avuto luogo presso il 3° Battaglione Genitori, che ha comportato per lungo tempo molti metodi aberranti di coercizione e tortura, utilizzato come modello per le pratiche di tortura negli altri campi;
  • L'operazione di "Ammutinamento" al 1° Battaglione Sappers, che è una delle esperienze più orribili a cui furono sottoposti i detenuti, assistendo a esecuzioni di massa organizzate e maltrattamenti dei loro compagni (1948);
  • Gli “Esperimenti di Riforma”, che furono estesi agli esuli politici a seguito dell'istituzione della “Scuola Speciale di Riforma per Civili” (ESAI), e che coincisero con la fine della guerra civile nel 1949;
  • Le elezioni parlamentari del 5 marzo 1950 in cui, nonostante il clima di terrore, i partiti democratici ottennero il 70% dei voti delle persone detenute a Makronissos, seppellendo il mito delle “scuole riformate” nel mondo intero.

Gli esuli di Makronissos

A Makronissos, i prigionieri sotto coercizione costruirono una varietà di edifici: chiese, campi da gioco, teatri all'aperto, luoghi dove si praticava la riforma ideologica dei detenuti. Il nuovo Partenone, Santa Sofia, archi e bassorilievi, mosaici di ciottoli, iscrizioni con slogan che coprivano interi pendii completavano la scena della “riforma”. Furono eretti edifici amministrativi in ​​luoghi importanti, ville per i comandanti, un Circolo Ufficiali per gli "istruttori", persino edifici per funzioni comunali, forni per il pane, una fabbrica di bibite, una stazione radiofonica, un edificio dell'infermeria, cucine, cisterne d'acqua, aree sanitarie. campi da gioco, teatri all'aperto, luoghi dove si praticava la riforma ideologica dei detenuti. Il nuovo Partenone, Santa Sofia, archi e bassorilievi, mosaici di ciottoli, iscrizioni con slogan che coprivano interi pendii completavano la scena della “riforma”. Furono eretti edifici amministrativi in ​​luoghi importanti, ville per i comandanti, un Circolo Ufficiali per gli "istruttori", persino edifici per funzioni comunali, forni per il pane, una fabbrica di bibite, una stazione radiofonica, un edificio dell'infermeria, cucine, cisterne d'acqua, aree sanitarie. campi da gioco, teatri all'aperto, luoghi dove si praticava la riforma ideologica dei detenuti. Il nuovo Partenone, Santa Sofia, archi e bassorilievi, mosaici di ciottoli, iscrizioni con slogan che coprivano interi pendii completavano la scena della “riforma”. Furono eretti edifici amministrativi in ​​luoghi importanti, ville per i comandanti, un Circolo Ufficiali per gli "istruttori", persino edifici per funzioni comunali, forni per il pane, una fabbrica di bibite, una stazione radiofonica, un edificio dell'infermeria, cucine, cisterne d'acqua, aree sanitarie.

Gli esuli vivevano in tende, esposti ai venti, al freddo o al caldo insopportabile, soffrendo la fame e la sete. Ogni campo era circondato da fitte file di filo spinato e capanne di sentinella. Si stima che circa 60.000 persone siano passate attraverso l'isola in queste condizioni. Per un po' (nel 1948) la popolazione dei detenuti dell'isola raggiunse le 20.000 unità. Nel 1961 l'esercito abbandonò l'isola e successivamente tutte le installazioni furono saccheggiate e spogliate di tutti i materiali riutilizzabili.

Sono trascorsi più di quattro decenni dalla fine della guerra civile. Lentamente, e spesso dolorosamente, le conseguenze della guerra civile vengono sradicate, la normale vita parlamentare prende il sopravvento e molti ex detenuti di Makronissos, all'interno della sinistra più ampia, contribuiscono a molti campi artistici, scientifici e intellettuali, guadagnandosi un più ampio rispetto e attivamente partecipare alla vita sociale e politica della nazione.

Gli "esuli di Makronissos" cercano di preservare la memoria storica e tutto ciò che è rimasto dell'isola, che si è trasformata in un vasto pascolo.

Nel 1989 con decisione ministeriale lo Stato ha riconosciuto Makronissos come sito di interesse storico e la sua costruzione degna di conservazione come monumenti storici. È stata anche avanzata una proposta per includere l'isola tra i siti storici mediterranei elencati.

Makronisos: L'isola dell'Esilio

Quando si naviga da Lavrion all'isola di Kea, gran parte del viaggio viene speso girando intorno a una lunga isola arida dove si possono vedere le rovine di alcuni vecchi edifici e poco altro oltre alle rocce. Questa è l'isola di Makronisos, l'equivalente greco di Alkatraz.

Ma questi non erano criminali incalliti, assassini e teppisti. Makronisos era il luogo in cui molte persone che avevano combattuto per liberare la Grecia dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale, incontrarono il loro destino per mano dei loro connazionali, torturati e uccisi a causa delle loro convinzioni politiche. Gli uomini che vissero e morirono qui furono le prime vittime della Guerra Fredda.

Nell'ottobre 1944 l'esercito tedesco che aveva occupato la Grecia si ritirò. Il loro soggiorno in Grecia non fu piacevole, perché anche se il governo greco e l'esercito si erano ritirati dalla Grecia quando arrivarono i tedeschi per la prima volta, la resistenza greca, che era prevalentemente comunista, molestò gli occupanti anche dai loro accampamenti sulle montagne come nelle città. Quando il paese fu liberato, il governo greco tornò con George Papandreau (padre di Andreas) come Primo Ministro condividendo il potere con la sinistra in un governo di unità nazionale.

Sfortunatamente per la sinistra era stato deciso in anticipo a Yalta dai leader di USA, Gran Bretagna e Unione Sovietica, quando hanno diviso l'Europa, che la Grecia non sarebbe stata lasciata cadere sotto l'influenza dei comunisti. La possibilità che la sinistra potesse avere un posto nel sistema politico greco disturbava i leader del mondo libero, nonostante il fatto che la sinistra fosse stata la principale resistenza contro i nazisti. Il generale Scoby su ordine di Winston Churchill iniziò intrighi politici contro i comunisti e li costrinse a dimettersi dal governo. Il 3 dicembre una manifestazione pacifica in piazza Syntagma è stata attaccata dai cecchini della polizia che hanno provocato la morte di civili innocenti. Ciò portò alla Dekembriana, la rivolta di dicembre che durò fino al 5 gennaio.

Con il trattato di Varkiza di febbraio i comunisti consegnarono le armi che li resero facile preda delle milizie criminali di destra, che avevano collaborato con i nazisti ma ora erano appoggiate dagli inglesi, che diedero la caccia ai membri della resistenza e ai loro famiglie. Le prime elezioni si tennero nel marzo del 1946 ma furono boicottate dal partito comunista, un errore fatale perché da quel momento in poi furono estranei e non partecipanti al sistema politico greco.

Dal trattato di Varkiza le atrocità commesse dalla destra contro la sinistra rivaleggiarono con i crimini dei nazisti. Ci furono 1289 assassinati, 31.632 torturati, 30.000 imprigionati e molti violentati, nonché saccheggi e distruzione di proprietà. Così nel 1946, mentre il resto d'Europa celebrava la pace dopo la seconda guerra mondiale e cercava di rimettersi in piedi, la Grecia era entrata in un altro periodo di miseria quando era scoppiata la guerra civile con gli inglesi che sostenevano il più reazionario dei greci. I partiti di sinistra del KKE, ELAS ed EPON sono stati messi fuori legge. I tribunali militari sono stati istituiti in tutto il paese. Migliaia di persone di sinistra furono giustiziate. 50.000 furono imprigionati e decine di migliaia furono esiliati in isole remote.

Nel 1946, sotto una direttiva del governo del primo ministro Sofoulis, comunisti in età di leva furono inviati nell'arida isola di Makronisos al largo della costa dell'Attika, tra la città di Lavrion e l'isola di Kea. Il futuro primo ministro Kannelopoulos (che fu rovesciato dalla giunta) aveva chiamato Makronisos "il nuovo Partenone della Grecia". In molti anni successivi, si pentì di averlo detto. Il piano era di riabilitare questi greci "cattivi" in cittadini modello. Nonostante avessero partecipato alla resistenza nazionale contro l'occupazione tedesca, erano considerati "traditori" e "nemici dello stato".

La loro riabilitazione fu chiamata il Battistero di Siloe e consisteva in torture, vivere in tende in condizioni climatiche estremamente calde o fredde, fame e sete, isolamento, minacce e lavaggio del cervello. Quando il loro spirito era spezzato, potevano firmare una dichiarazione in cui ammettevano la trasgressione e chiedevano perdono. Furono quindi inviati in prima linea a combattere contro i loro compagni. Coloro che si rifiutavano di firmare venivano processati in un tribunale, giustiziati con un plotone di esecuzione o rinchiusi nella prigione militare di Makronisos. La stragrande maggioranza è stata lasciata sull'isola per essere torturata e maltrattata.

Nella parte settentrionale di Makronisos civili e ufficiali erano tenuti in quello che veniva chiamato Battaglione D. Questi erano gruppi di 500 uomini ammassati quattordici in una tenda e isolati dagli altri gruppi da un recinto di filo spinato alto quindici piedi. Un battaglione era peggio e i prigionieri venivano picchiati e torturati con mazze, sbarre di ferro e canne di bambù provocando ossa rotte, lesioni spinali, accecamento, traumi psicologici e morte per migliaia di prigionieri. Ciò andò avanti anche dopo la fine della guerra civile nel 1949. Col passare del tempo, molti combattenti di sinistra che volevano solo tornare a casa e ricominciare la propria vita, scoprirono che non potevano tornare ai loro villaggi per paura di rappresaglie. Nel 1949 i comunisti in ritirata nei paesi del blocco orientale emanarono il famigerato editto che tutti i combattenti sarebbero rimasti pronti a riattaccare ("to oplo para podas"). Questo ovviamente era falso, ma dava ai governi di destra la scusa per perseguire tutti i simpatizzanti di sinistra (non solo i comunisti) senza sosta. E molti ovviamente sono finiti a Makronisos. La giunta militare che ha governato la Grecia ha ripopolato l'isola con i detenuti durante il periodo 1967-73. Ora Makronisos è deserta e le torture e le crudeltà avvenute mezzo secolo fa sono un ricordo quasi dimenticato tranne che da coloro che l'hanno vissuta.

Mentre le isole greche di solito ci fanno pensare all'estate, al sole, al nuoto e alle notti nelle taverne, Makronisos ci mostra che c'è un altro lato e che la disumanità dell'uomo verso il suo prossimo può trasformare qualsiasi paradiso in un inferno. Come i campi di concentramento in Polonia e Germania, l'isola di Makronisos dovrebbe essere aperta al pubblico con foto e descrizioni di ciò che è accaduto in quei giorni vergognosi.

Forse la cosa più triste è che la storia successiva di Makronissos ha eclissato il significato dell'isola nei tempi antichi, poiché Macronissos era il luogo di rifugio della bellissima Elena quando scoppiò la guerra di Troia.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

Doddore Meloni e la Repubblica di Malu Entu

Salvatore "Doddore" Meloni era finito per la prima volta in carcere nel dicembre 1981. L’accusa di aver progettato una sorta di colpo di Stato per liberare la Sardegna dall’oppressione dello Stato italiano contando sul sostegno della Libia di Gheddafi gli costò nove anni di carcere e la cancellazione perpetua del diritto di voto. Arrivato all’età della pensione, ha ripreso la sua battaglia per l’indipendenza della Sardegna escludendo però stavolta ogni ricorso alla violenza e alle armi. Nell’estate del 2008 finisce sui giornali di tutto il mondo con l’occupazione dell’isola di Mal di Ventre e la proclamazione della Repubblica indipendente di Malu Entu.

Repubblica di Bosgattia

La Repubblica di Bosgattia, detta anche Tamisiana Repubblica di Bosgattia, è stata una micronazione creata dapprima nella golena di Panarella di Papozze e poi sull'isolotto del Balotin, in prossimità di Corbola, provincia di Rovigo, da un gruppo di uomini guidato dal linguista Luigi Salvini.

Rappresentò, dal 1946 al 1955, l'illusione di una minuscola nazione "lontana dalle imposizioni della società civile" creata nella golena di Panarella di Papozze, e poi sull'isolotto del Balotin in prossimità di Corbola (provincia di Rovigo) là dove il fiume Po, dopo essersi separato dal Po di Goro, forma un’ampia ansa dando inizio al suo Delta.

Libera Repubblica di Liberand

Liberland è una micronazione che rivendica un appezzamento di terreno conteso sulla riva occidentale del Danubio, tra Croazia e Serbia. È stata proclamata il 13 aprile 2015 dal politico e attivista libertario ceco Vít Jedlička.

Il sito web ufficiale di Liberland afferma che la nazione è stata creata a causa della disputa sul confine tra Croazia e Serbia. Secondo Jedlička, questa disputa ha portato a un'area che non è stata rivendicata da nessuna delle parti.

Libera Repubblica di Alcatraz

"Fonderemo una Libera Repubblica naturalistica e poetica, un gesto dadaista, un grande gioco. Ma un gioco vero. Ogni volta che diciamo che fondiamo una repubblica vediamo le facce degli amici che si illuminano. Abbiamo bisogno di uno spazio per il sogno."

Così chiosava Jacopo Fo, figlio d'arte del più noto Dario Fo e Franca Rame, alle soglie del 25 luglio 2009.

Repubblica di Kugelmugel

La Repubblica di Kugelmugel (approssimativamente, "collina sferica" o "collina della sfera") è stata originariamente costruita dall'artista Edwin Lipburger e suo figlio Nikolaus Lipburger nel 1971, in una piccola città austriaca chiamata Katzelsdorf. L'edificio ha un diametro di 8 m ed è costruito con blocchi di legno rivestiti con lamiere di zinco. All'inizio fungeva da atelier di pittori. Ma dopo qualche tempo le autorità locali informarono i Lipburger che gli edifici sferici non erano ammessi.. da questo contenzioso inizia la storia di questa micronazione.

Repubblica Rossa di Caulonia

«Poi ‘nta la guerra,

d’undi ca juntau,

‘nu sindacu sovieticu sciurtìu;

‘na repubblica russa ‘mminestràu,

e, comu fu lu fattu, scumparìu»

(Poesia in dialetto calabrese di Pasquale Cavallaro)

La cosiddetta Repubblica Rossa di Caulonia nacque il 6 marzo 1945, sotto la guida del sindaco di Caulonia, Pasquale Cavallaro, insegnante elementare, ex seminarista, iscritto dal 1943 al Partito Comunista Italiano, ed ebbe brevissima durata.

La Repubblica dei Piani Sottani: Michele Mulieri e l'Italia dei ladri

«L’Italia è mansionata da infami, ladri e barbari, gli enti e gli uffici mi hanno riempito di dolori e io ho affrontato la sorte menandomi all’avventura in quest’aperta campagna pure essendo un grande invalido del lavoro. Fui infortunato il 16 Aprile 1943 con frattura del malleolo di due calcagni e della colonna vertebrale alla seconda e terza lombare. E perché mi è avvenuto questo infortunio? È un infortunio di patria, subito per l’onore della patria. La mia storia è lunga».

Questa storia “lunga” è la storia di Michele Mulieri, un “Figlio del Tricolore” che però non si riconosceva cittadino dell’Italia; infatti, era il capo assoluto della Repubblica dei Piani Sottani.

New Atlantis: la Nuova Atlantide di Hemingway

New Atlantis è stata una micronazione formata da Leicester Hemingway, fratello di Ernest Hemingway.

L'"isola", una zattera di bambù di 22 m² al largo della costa della Giamaica, è stata istituita come repubblica costituzionale il 4 luglio 1964.

Hemingway fondò la sua micronazione di Nuova Atlantide su una chiatta che aveva rimorchiato dalla Giamaica, nel luglio 1964. Ha utilizzato il Guano Islands Act del 1856 per rivendicare metà della chiatta come una nuova nazione e metà per gli Stati Uniti.

Hemingway ha anche "scritto" una costituzione, che era una copia della Costituzione degli Stati Uniti con le parole "Nuova Atlantide" sostituite da "Stati Uniti". Lo scopo di New Atlantis era quello di generare denaro per la ricerca oceanografica vendendo monete e francobolli.

Repubblica di Užupis: intervista alla micronazione autonoma nella capitale della Lituania

Užupis è stata dichiarata nel 1998 nel centro storico di Vilnius, in un quartiere degradato e indesiderabile della capitale della Lituania da una comunità di artisti. Con una popolazione di circa 7.000 abitanti, la micronazione è una repubblica indipendente, autodichiarata, in parte riconosciuta da altri paesi. I valori di fratellanza, di tolleranza, di volontà di conseguire i propri sogni hanno travolto non solo il circondario, ma hanno superato confini e oceani fino a raggiungere personaggi del calibro del XIV Dalai Lama che ne è diventato un fiero cittadino onorario, dopo aver visitato Užupis nel 2001.

🎥 Intervista a Jacopo Fo: che cos'è Alcatraz e com'è nata?

Che cos'è Alcatraz e com'è nata? Intervista a Jacopo Fo di Angela Anconetani, Redattrice del settimanale "Voce della Vallesina".

Jacopo Fo è il fondatore della rivista Cacao che ha portato in seguito sul web abbinata al progetto della Libera Università di Alcatraz da lui lanciato nel 1979. Fo ha anche pubblicato a dispense, e in dodici volumi, l'Enciclopedia del sesso sublime. Impegnato in battaglie civili e di solidarietà sociale, cura un blog personale nel quale esprime anche le proprie opinioni politiche e sociali.

Repubblica di Molossia

La Molossia, ufficialmente Repubblica di Molossia, è una micronazione nordamericana senza sbocco sul mare all'interno della città di Dayton, Nevada, e con un'enclave nella contea di San Bernardino, nel sud della California. Si definisce uno "stato sovrano" dal 1977 e si è dichiarata in stato di guerra con la Germania dell'Est dal 1983.

Repubblica di Minerva

La Repubblica di Minerva è stata una micronazione costituita dalle Scogliere di Minerva. Nel 1972 stato uno dei pochi tentativi moderni di creare una micronazione sovrana sulla terra bonificata di un'isola artificiale. L'architetto era il milionario immobiliare di Las Vegas e attivista politico Michael Oliver, che ha continuato con altri tentativi simili nel decennio successivo.

Reggenza del Carnaro: può essere considerata una micronazione?

Dal 27 al 29 Agosto 2020 i portavoce di Libere Comunità si sono riuniti presso una località. Tra i vari punti, vi è stato un dibattito sullo Stato Libero di Fiume, un'esperienza che riteniamo sia molto vicina ad LC nonostante le strumentalizzazioni della Destra. La volontà di slegare l’appropriazione indebita della Destra reazionaria è stato uno degli argomenti affrontati, rendendo giustizia a quella che è stata una delle più incredibili avventure degli uomini liberi di ogni latitudine ed attitudine, la Reggenza del Carnaro.

Cospaia: la prima micronazione anarchica 'in' Italia!

La Repubblica di Cospaia (Republica de' Cošpäja in altotiberino umbro) fu un microstato indipendente esistito dal 1441 al 1826 a causa di un errore nel tracciamento dei confini fra lo Stato Pontificio e la Repubblica di Firenze (poi Granducato di Toscana). Oggi il paese di Cospaia è una frazione del comune di San Giustino, in provincia di Perugia.

Libero Territorio di Valbona

Libero Territorio di Valbona, comunemente noto come Valbona, è una micronazione che occupa un'area di 6000 mq su una sconosciuta collina nel nord Italia, circondata dalla provincia Padovana. Valbona nasce con lo scopo di combattere l'abbandono dei terreni agricoli e far conoscere l'importanza dell'agricoltura e il suo governo ha anche una particolare attenzione alla tutela dell'ambiente e alla filatelia.