Il lavoro di Max Stirner è un argomento controverso tra gli anarchici, con numerose interpretazioni del suo lavoro, che vanno dal descrittivo, presentando un certo quadro di pensiero, al prescrittivo, sostenendo l'anti-autoritarismo ed esprimendo un impegno per "l'individualismo".

L'egoismo è principalmente di natura descrittiva. Le distinzioni fondamentali che Stirner fa, quelle tra idee fisse e non fisse, ed egoismo conscio e inconscio, non ci portano ad alcuna conclusione normativa, nonostante la chiara opposizione personale di Stirner allo stato e all'autorità in generale.

Piuttosto, molti anarchici sono egoisti perché trovano un valore personale in questa prospettiva.

L'egoismo ha tutto e niente a che fare con l'anarchismo.

In L'Unico e la Sua Proprietà, Stirner scrive di aver "basato i [suoi] affari sul nulla". Il nulla a cui si riferisce è il "nulla creativo" o l'unico, un vuoto interno, o indeterminatezza, l'assenza di qualsiasi regola che determina come dovremmo formare concetti. È paragonabile ad altri ineffabili non-concetti come il Śūnyatā del Buddismo o il Dao del Daoismo. Stirner non commenta quali sono questi affari, o quale forma dovrebbero assumere, solo su cosa sono "basati". Pertanto, basare i propri affari sul nulla significa basare consapevolmente i propri affari sul vuoto, un non-concetto che sfugge alla definizione, privo di qualsiasi forma essenziale o ideale, o riferimento a qualsiasi concetto, inclusi desiderio, pensiero, mente e così via.

Il processo del divenire da un vuoto sottostante può essere espresso come desiderio o volontà momentanei, che sorgono dal nulla creativo, formando concetti che “piaceranno” o gli saranno utili. Si può dire che ogni soggetto esprime e agisce in base ai propri desideri, e quindi Stirner sosterrebbe che tutti sono egoisti, il che rispecchia la teoria dell'egoismo psicologico. L'individuo che si sviluppa coscientemente dal nulla viene definito egoista cosciente . Stirner contrappone l'egoista cosciente all'egoista inconscio, colui che manca di coscienza dell'unico, e attribuisce invece il desiderio ad astrazioni come il sé, la mente, il cervello, le forme platoniche e così via, in contrapposizione al nulla creativo, risultando in quelle che Stirner chiama idee fisse, concetti ritenuti esistenti nel mondo, non prefigurati dal vuoto, ma come caratteristiche oggettive di un'esistenza predefinita.

L'approccio di Stirner presenta somiglianze con il problema scettico che Wittgenstein esprime in Ricerche Filosofiche, in cui osserva che non esiste alcun principio "là fuori" che determini come dovremmo per formare significato in termini di definizioni, grammatica e logica, minando qualsiasi nozione di significato fisso. La realtà è definita nell'esistenza, usando il linguaggio. Sebbene Wittgenstein non postuli esplicitamente un "vuoto" sotto queste definizioni, è implicito nel suo ragionamento. Osserva che ogni "cosa" sembra priva di qualsiasi tipo di essenza fissa. Piuttosto, i concetti sono utili astrazioni che si dissolvono quando adottiamo prospettive leggermente diverse; ingrandire, rimpicciolire, fare osservazioni su vaste scale temporali, ecc. Nella misura in cui queste prospettive sono semplificazioni o generalizzazioni, dobbiamo chiederci, rispetto a cosa? E la risposta è, tipicamente, relativa a un lessico alternativo, utilizzando definizioni particolari di "semplificazione" e "generalizzazione". Non si può dire che nulla esista in un senso immutabile, discreto, indipendente dal pensiero; piuttosto, i concetti mancano di esistenza intrinseca. Inoltre, l'esistenza stessa è una categoria che attribuiamo ai concetti, è in definitiva effimera, spazzata via da uno spostamento di prospettive e un cambiamento costante. Quindi, nulla esiste in sé.

La posizione di Stirner può essere descritta come nichilista, in quanto nega l'esistenza stessa, insieme a tutte le altre categorie fisse, come l'individualità. A seguito di un'indagine scettica oltre il cogito ergo sum di Cartesio ci conduce semplicemente al “pensiero”, alla soggettività priva di ogni contenuto o di ulteriori categorie. I concetti sono generati ricorsivamente nel pensiero, che si assegna l'etichetta di “pensiero”, “esperienza soggettiva”, o “essere”, e così via. Il sé, oggetto dell'introspezione, è una formazione nel pensiero e si sviluppa in relazione ad altri concetti, tutti originati dal nulla creativo. Non c'è alcuna nozione normativa su come si dovrebbe concettualizzare l'individualità, o se dovremmo averne un qualche concetto. Stirner nega l'esistenza inerente del sé, così come nega l'esistenza inerente o oggettiva di tutti i concetti.

Qui, è importante notare che niente di tutto ciò implica l'opposizione a un dato concetto, solo un quadro di come le idee sono concettualizzate, come fisse o non fisse. Cioè, si può avere un sé indeterminato, non fissato, generato dall'utilità, e un sé fisso, concettualizzato come statico e uniforme. Questo quadro può essere esteso a tutto il resto. Ad esempio, l'anarchismo, il rifiuto dell'autorità, può essere concettualizzato come un dovere morale, o una preferenza personale, o un desiderio che fornisce utilità. Questa utilità non deve essere confusa con l'egoismo. Si può trovare utilità in qualsiasi numero di cose, incluso l'altruismo. Un altro esempio potrebbe essere una sedia, una proprietà emergente che apportiamo a un assemblaggio di altri oggetti, ciascuno dei quali è anche un assemblaggio, composto da diverse parti che possono essere suddivise all'infinito, che prendono forma solo in relazione ad altri oggetti. Inoltre, mentre la "sedia" decade, cambia di momento in momento, finché a un certo punto potremmo dire che non "esiste più". La "sedia" è un particolare orientamento delle articolazioni oggettive in natura, o è un concetto utile all'interno del nostro quadro di riferimento, definito in termini di nostri fini, in questo caso qualcosa su cui sedersi? Come la prima, la sedia è un'idea fissa, come la seconda è infissa, esistente per i propri fini.

Questo ci impone di chiederci, se l'egoismo non ha nulla a che fare con il contenuto delle idee, che senso ha l'egoismo cosciente? Nulla deriva dall'egoismo, non è autoritario o antiautoritario. Piuttosto, nega le idee fisse, operando una distinzione che la pone in una posizione simile alla meta-etica rispetto all'etica, un quadro che non si occupa del contenuto dei concetti, ma del vuoto che li sostiene.

Ad esempio, prendi la questione del "moralismo", a cui si oppongono molti egoisti autodefiniti. Per un egoista cosciente coerente, la moralità è un'idea fissa per definizione, un'affermazione di verità e qualcosa che esiste oggettivamente, incorporato nella struttura del cervello o fluttuante come un insieme di forme platoniche. L'egoista potrebbe invece esprimere valori come preferenze personali, dove il valore di verità è qualcosa legato a espressioni per utilità, formando tautologie basate sull'applicazione della logica e definizioni utili. Dire che "il furto è sbagliato" è definire il furto come appropriazione non consensuale, su basi che ci si oppone per ragioni proprie. Allo stesso modo, l'affermazione che una "sedia è rossa" non è intrinsecamente vera, è vera sulla base delle proprie definizioni di "rosso" e "sedia", con riferimento a una certa porzione dello spettro elettromagnetico, l'utilità pratica di un oggetto su cui sedersi e l'uso di operatori logici per trasmettere la "verità". Naturalmente, questa è una questione di definizione. La "morale" non è necessariamente definita in termini oggettivi, fissi o essenziali, piuttosto, la natura della moralità è discussa nel campo della meta-etica, ma qui espongo come un antimoralista possa costantemente mantenere questa posizione alla luce delle principali distinzioni di Stirner.

Tuttavia, le accuse di "moralismo" sono spesso impiegate in modo incoerente, come un modo per cortocircuitare il discorso; l'uso di pretese meta-etiche per invalidare i valori normativi è incoerente perché l'egoismo non prescrive il contenuto del desiderio. Dire a qualcuno che le sue convinzioni morali non "esistono" non affronta il contenuto delle sue convinzioni, allo stesso modo in cui dire a qualcuno che una sedia non "esiste" non lo farà smettere di credere nella sedia. Invece, ha più senso evidenziare incoerenze e problemi nelle reciproche posizioni sulla base di assiomi condivisi. Ad esempio, si può dire che "il furto è sbagliato", senza entrare nel moralismo, che dipende da come si concettualizza "l'errore" in termini meta-etici. Per fare un esempio più controverso, non è necessariamente moralistico affermare che "si ha il dovere di servire la nazione", il che dipende da come si concettualizza il "dovere" e la "nazione". Certo, "dovere" e "nazione" sono di solito idee fisse, ma questo esempio aiuta a illustrare ulteriormente a cosa si riferiscono esattamente le idee fisse, per non parlare del fatto che ho incontrato persone nella destra politica con interpretazioni abbastanza coerenti di Stirner. Se si sperimenta una “vocazione superiore”, ciò che conta ai fini della distinzione di Stirner è la natura specifica della vocazione superiore: è un'espressione cosciente del desiderio che scaturisce dal nulla, o si giustifica in relazione a una rete di concetti esterni? Nessuna parola è intrinsecamente moralistica (qui sto definendo il moralismo in termini di idee fisse), anche se è più probabile che molte vengano usate in modi moralistici.

L'egoismo è anche spesso paragonato al relativismo morale e specificamente utilizzato per criticare il concetto di moralità, che è una lettura errata di Stirner. La sua nozione di idee fisse può essere applicata a tutti i concetti. Inoltre, un egoista può costantemente imporre i propri valori agli altri, affermare che i propri valori sono più importanti degli altri, impiegare la coercizione e persino fare affermazioni "universali" (non come una verità, ma come un'affermazione). Ad esempio, non è necessariamente moralistico sostenere che dovremmo essere universalmente antirazzisti. Un nichilista può ricoprire qualsiasi posizione desideri perché il nichilismo non giustifica né confuta nulla.

Ora, tenendo presente questi chiarimenti, possiamo tornare alla domanda "qual è esattamente lo scopo dell'egoismo cosciente?" Non ha senso essere un egoista cosciente. Anche questo, potrebbe dire un egoista cosciente coerente, si riduce ai propri desideri. Forse trovano conforto nel nulla e nel flusso. Lo stesso Stirner fornisce una ragione, suggerendo che si può essere governati da idee fisse o "pensiero assoluto", che la moralità ha "potere sullo" spirito e che lo "spirito d'amore" può rendere schiavo una persona - come se l'egoismo inconscio fosse una forma di auto-tradimento. Qui, per "regola", Stirner non intende la regola dell'autorità, ma l'abnegazione dovuta all'egoismo inconscio. Un esempio potrebbe essere qualcuno che si impegna nell'astinenza sessuale per una chiamata più alta, nonostante il desiderio di fare sesso. In un senso simile, Wittgenstein afferma che si può essere "trattenuti prigionieri da un'immagine", essendo l'"immagine" una cornice oggettiva della realtà, non vista come utile, ma necessaria, che porta a cercare all'infinito la verità dove non ce n'è. Nonostante il linguaggio apparentemente prescrittivo, questa non è esattamente una contraddizione nel pensiero di Stirner, ma un'espressione delle sue stesse preferenze (non qualcosa che discende dall'egoismo). Un egoista inconscio emerge dal nulla, anche se inconsciamente, questa emergenza è ancora una funzione del desiderio, proprietà dell'unico.

Personalmente non mi interessa vedere l'anarchia come un dovere, purché non sia in disaccordo con il contenuto delle loro reali convinzioni. Afferrare idee fisse, come affermare che l'esistenza è più di un semplice concetto utile, ma una proprietà essenziale dell'universo, e credere che possiamo conoscere la natura dell'esistenza con assoluta certezza, sono principi che molti, se non la maggior parte, sostengono.. Lo stesso vale per idee come il nazionalismo, a cui mi oppongo, non perché tendano a essere fisse (non lo sono necessariamente), ma a causa del loro contenuto. Sebbene i propri desideri possano cambiare dopo aver rifiutato le idee fisse, i valori e gli ideali emergenti dell'egoista inconscio possono essere identici a quelli dell'egoista cosciente, che può trattare l'esistenza e la verità come concetti utili con i quali è possibile interagire e formularsi in modi diversi, alcuni dei quali sono più utili per loro rispetto ad altri.

Anche se non c'è un punto centrale nell'egoismo, possiamo ancora chiederci perché gli anarchici, in particolare, tendano ad essere attratti dall'egoismo. La prima cosa che mi viene in mente è l'Unione degli Egoisti di Stirner, un'associazione anarchica di egoisti coscienti che viene annullata senza un consenso continuo. Questa idea è una congettura di ciò che è consensuale, le interazioni tra egoisti coscienti potrebbero assomigliare a persone che cooperano consapevolmente tra loro nel perseguimento dei propri desideri. Tuttavia, un egoista cosciente non è necessariamente qualcuno che partecipa a un'unione di egoisti perché può imporre la propria volontà sugli altri, concetti come il nazionalismo precludono automaticamente la possibilità di un'unione di egoisti perché si basano su relazioni non consensuali. Inoltre, non si deve necessariamente essere un egoista cosciente per essere anarchici, si può partecipare ad associazioni consensuali, non gerarchiche mantenendo idee fisse.

Un altro motivo per cui molti anarchici sembrano trovare valore nell'egoismo è che il rifiuto delle idee fisse suggerisce che non esiste un vero paradigma, solo paradigmi utili agli individui, dove tutto è soggettivo. In questa prospettiva, non esiste una base fissa per un “dovere” universale che possa essere utilizzato per legittimare il dominio, privandolo di qualsiasi fondamento ontologico ed epistemologico fisso. Ad esempio, l'egoismo invalida storie come progresso, genere, scienza e nazione come verità assolute, proponendole invece come concetti utili che gli individui adottano per le proprie ragioni.

Tuttavia, contrariamente a quanto molti pensano, il fatto che l'egoismo invalidi l'idea di fondamenti filosofici non implica che gli egoisti siano obbligati a valorizzare la soggettività degli altri. Non c'è principio che derivi dall'egoismo secondo il quale un egoista non dovrebbe lottare per l'autorità epistemica e ontologica per le proprie ragioni, solo per come concettualizzano quelle ragioni. Piuttosto, gli anarchici egoisti coerenti scelgono di valorizzare la soggettività perché li soddisfa, preferiscono un'unione di egoisti. Qualcuno che crede nella verità, nell'esistenza e nella moralità, può anche porre l'accento morale, ad esempio, sulla soggettività dell'identità personale, anche in presenza di apparenti "contraddizioni". Personalmente rifiuto le costruzioni che invalidano l'autoespressione o che sono storicamente, empiricamente o intuitivamente sbagliate o inutili per me.

In Ricerche Filosofiche, Wittgenstein dice: "non pensare, ma guarda". Ciò che intendeva con questo è che, dato che tutti i tentativi di definire il mondo in termini di condizioni necessarie e sufficienti sono insufficienti, potrebbe essere meglio descrivere il mondo così come lo viviamo. La natura di questa "esperienza" può essere un complesso sistema di segni reciproci o un semplice insieme monolitico di definizioni che non si adattano alla soggettività individuale. Quindi, affinché il mondo sia organizzato secondo una visione del mondo monolitica, dovrebbe esserci una qualche forma di applicazione dall'alto verso il basso. Tuttavia, ancora una volta, qualcuno con una teoria soggettiva della moralità può ancora avere opinioni che spianano la soggettività, semplicemente non usa il linguaggio dell'oggettività per esprimere le proprie posizioni. Nello stesso senso, qualcuno che concettualizza le cose come oggettive può rifiutare di imporre le proprie opinioni agli altri, pur ritenendole vere. L'egoismo conscio contro l'inconscio è una meta-consapevolezza di tutti i valori. Si considerano i valori come derivanti dal nulla o da sistemi oggettivi come i diritti naturali. L'obiettività contro la soggettività è una distinzione utile in questo senso, ma non viene fornita con alcuna prescrizione propria.


🔗 Pubblicato originariamente su c4ss.org/content/56030


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

L'Anarchismo Spirituale nell'Anarca

L'Anarca è quell'individuo sovrano nato dalla mentalità fuori dal comune che attingeva dall'illimitato pozzo della storia, della filosofia e dell'arte.

Lui-lei è al di là della sinistra o della destra, si muove senza fine in modo nomade con libertà mutevole attraverso il pensiero, sintetizzando idee contrastanti. Ma sempre saldamente radicato nel nichilismo. Questo è il vero anarchico. La loro è l'anarchia che ha prodotto (e produce tuttora) una vasta sottocultura ermetica e letteraria sotterranea.

L'Edonismo Autarchico della Scuola Cirenaica

La scuola cirenaica si sviluppa a Cirene, città greca del Nord Africa, nella prima metà del IV secolo a.C. La scuola si forma alcuni decenni dopo la morte del suo iniziatore Aristippo, un cirenaico emigrato ad Atene, allievo di Socrate e Protagora, poi rientrato in patria a diffondere il proprio pensiero. Più che di una vera e propria scuola si dovrebbe parlare di un indirizzo filosofico variegato e non univoco.

Anarchia e Legge Naturale

La legge naturale è una teoria filosofica secondo cui certi diritti e leggi sono inerenti alla natura umana e possono essere universalmente compresi attraverso la ragione. È spesso usata come giustificazione per un certo codice morale o legale.

La filosofia anarchica è invece un'ideologia politica che sostiene l'abolizione del governo e l'istituzione di una società basata sulla cooperazione volontaria e l'aiuto reciproco.

Sebbene la teoria del diritto naturale possa essere utilizzata per sostenere determinati diritti e libertà, non è intrinsecamente legata alla filosofia anarchica, che enfatizza il rifiuto di tutte le forme di autorità e gerarchia esterne, ma le due cose non si escludono a vicenda.

Alcuni anarchici possono usare argomenti di diritto naturale per sostenere le loro convinzioni, tuttavia ci sono anche anarchici che rifiutano completamente il concetto di diritto naturale.