"Il cataclisma è avvenuto, siamo tra le rovine, iniziamo a costruire nuovi piccoli habitat, ad avere nuove piccole speranze. È un lavoro piuttosto duro: adesso non c'è una strada agevole verso il futuro: ma si gira intorno, o si scavalca gli ostacoli. Dobbiamo vivere, non importa quanti cieli siano caduti."

– DH Lawrence

Che cos'è comunque la civiltà? Definire questo termine sembra sempre uno dei maggiori ostacoli per le persone quando cerco di parlare con loro di primitivismo. Ritengono che il termine "civiltà" sia troppo ampio e gli venga dato troppo libero arbitrio. Cosa intendo quando dico che "la civiltà sta distruggendo la terra" o "la civiltà ci aliena da noi stessi e gli uni dagli altri"? La civiltà non è davvero una cosa, quindi non può davvero agire, sostengono. Questo è un buon punto e vale la pena soffermarsi.

Cieli Caduti

Prima di definire cosa significhi per me la civiltà, devo dire che penso che l'idea di tornare alla vita primitiva sia così minacciosa per la maggior parte delle persone che cercano immediatamente ogni possibile scusa per respingere il contenuto della critica. Sputando "beh, cosa significa comunque civiltà?" è solo un modo per farlo. Tuttavia, come ogni discussione di idee complesse, è importante definire i termini. La maggior parte dei dizionari definirà la "civiltà" in base a una serie di caratteristiche chiave: è urbana o presenta popolazioni concentrate, è tecnologica, è industriale, è governata da un ordinamento giuridico, è connessa al concetto di stato, è in opposizione a qualcosa chiamato "il selvaggio", "il barbaro" o "il selvaggio". Forse la cosa più importante, il termine "civiltà" implica una totalità. È un'organizzazione nella società umana di tutte le risorse materiali, culturali, spirituali, in altre parole, di tutto. La civiltà è un modo particolare di rapportarsi a tutto.

Per dare corpo davvero a una definizione coerente di civiltà, sembra importante trarre alcune delle sue qualità implicite. Se è urbano, allora deve dipendere anche dall'agricoltura su larga scala. Se è industriale, allora deve impegnarsi nell'estrazione di minerali. Se è uno stato, deve avere un capo di stato e quindi deve essere gerarchico. Se ha un sistema legale, deve essere autoritario. La civiltà non è unica in nessuna parte particolare del mondo né in nessun momento particolare della storia. Ci sono anche gradi di civiltà, vale a dire, non tutte le civiltà possiedono ogni singola qualità di ogni altra civiltà. L'antica Mesopotamia non è chiaramente la stessa cosa dell'America del 20° secolo, ma le due società hanno molto in comune. Erano governati da un'élite, che sfruttava coloro che erano al di sotto di loro. Hanno costruito città. Erano sia espansionisti che militaristi. Praticavano l'agricoltura. Gli elementi distruttivi e sfruttatori della civiltà erano presenti nell'antica Mesopotamia, proprio come lo sono oggi. Non nella stessa misura, forse, ma certamente presenti. Soprattutto, tornare al primitivo non significa tornare al passato. Non voglio vivere nell'antica Mesopotamia, nell'antica Roma, nell'Europa nel medioevo, ecc. Ritornare al primitivo significa tornare a uno stile di vita che persiste da un milione di anni, mentre tutte queste civiltà sono sorte e cadute, ed è ancora vivo oggi. 

I miei amici spesso mi chiedono: “perché la civiltà? Non è davvero il capitalismo il problema?” È assolutamente vero che sotto il capitalismo, le tendenze viziose della civiltà sono pienamente realizzate. Ma ciò non significa che le civiltà non capitaliste non siano state un orribile sfruttamento dell'uomo e dell'ambiente o che una futura civiltà socialista, comunista o senza classi sarebbe in grado di creare relazioni veramente armoniose tra l'umanità e il mondo senza rivoluzionare allo stesso modo ogni altro aspetto della vita civile. Senza il capitalismo dovremmo ancora fare i conti con l'industrialismo, l'agricoltura, la tecnologia, tra gli altri. Allo stesso modo, non si può veramente dire che l'industrialismo o la tecnologia avanzata siano il problema centrale. Ciò suggerirebbe che le società agricole preindustriali su larga scala, stratificate, militariste non fossero anche profonde sfruttatrici e oppressive, come ovviamente lo erano.

La tecnologia, tuttavia, è certamente un elemento chiave nella definizione della civiltà. Ciò che rende la tecnologia diversa da uno strumento è il fatto che porta inevitabilmente con sé un enorme sistema di produzione e altera fondamentalmente l'esperienza dell'individuo che lo utilizza. In altre parole, uno strumento è qualcosa che chiunque può assemblare per se stesso, senza accedere a conoscenze e formazione altamente specializzate o materiali rari e oscuri. Per realizzare un arco e una freccia devi avere una certa esperienza e conoscenza e devi avere accesso a legno, pietra e pochi altri oggetti che sono prontamente a portata di mano. Ma per costruire un computer è necessaria una grande quantità di formazione tecnica e l'accesso a un'enorme quantità di materiali fabbricati che un individuo semplicemente non potrebbe procurarsi da solo in nessuna circostanza.

La questione dell'agency è sottile e problematica. Certo è vero che la civiltà, un complesso sistema di organizzazione, non può agire. La civiltà non può costringere qualcuno a fare qualcosa. Quindi, quando parliamo della civiltà che distrugge il mondo, cosa intendiamo veramente? Ebbene, prima di tutto, è importante notare che i governi, le aziende e le organizzazioni sono costituiti da individui. Le decisioni e le azioni di queste entità alla fine provengono da qualcuno. Ma purtroppo non basta puntare il dito contro politici e amministratori delegati nefasti e oscuri. Sebbene siano i principali responsabili, è anche vero che la civiltà si diffonde attraverso le decisioni più piccole degli individui di tutti i livelli della società. Civiltà, uno stile di vita, un modo di pensare, è qualcosa in cui abbiamo investito. Eppure non è del tutto una questione di scelta; le forze del potere mettono molta energia nel promuovere le idee e le opzioni che le favoriscono. Per non parlare del fatto che se non farai le scelte che i detentori del potere vogliono che tu faccia, ti troverai di fronte a uomini armati.

Come il virus dell'AIDS, la civiltà è più facile da definire in base ai suoi sintomi, che sono molti. Alienazione, depressione, suicidio, omicidi di massa. Queste sono routine nelle società altamente tecnologiche, socialmente stratificate e urbane. Sono estremamente rari nelle comunità di cacciatori-raccoglitori. Ogni volta che si cerca di mappare un concetto sulla realtà, diventa subito chiaro che il pensiero astratto non può rendere conto della nostra esperienza vissuta. Civiltà è solo una parola, ciò che conta è che abbiamo una certa comprensione di cosa intendiamo quando la usiamo, ma sappiamo cosa vogliamo e sappiamo cosa non vogliamo. Dobbiamo semplicemente raccogliere il coraggio per deporre il nostro fardello e lasciarci tutto alle spalle.

È Tempo di Baciare di Nuovo la Terra

"Non potremo mai recuperare una vecchia visione, una volta che è stata soppiantata. Ma quello che possiamo fare è scoprire una nuova visione in armonia con i ricordi di esperienze antiche, lontane, lontane, lontane che risiedono dentro di noi."

— DH Lawrence

Negli ultimi tre decenni, l'anarco-primitivismo è stata la forma dominante di critica anti-civiltà. Durante questo periodo, la crisi della società tecno-industriale si è intensificata a livelli prima inimmaginabili. Per quelli di noi che sono nemici della civiltà, siamo sicuri del problema ma la soluzione è meno chiara. Molti anarco-primitivisti hanno adottato la tattica di altri anarchici; distruzione di proprietà, sabotaggio, tree-sitting, vandalismo e altre forme di azione diretta. L'idea di fondo che motiva queste azioni è che alla fine indurranno le persone a "svegliarsi" e riconoscere la natura oppressiva della civiltà. In quanto tale, l'anarco-primitivismo si orienta come un movimento essenzialmente politico.

Pur riconoscendo certamente il suo impatto sul mondo naturale, l'anarco-primitivismo tende a sottolineare i modi in cui la civiltà è dannosa per l'umanità: alienazione, povertà, depressione, sparatorie di massa. La società dei cacciatori-raccoglitori è considerata un ideale di perfetta felicità e uguaglianza umana mentre tutte le forme di ingiustizia sociale sono legate alla civiltà. La civiltà, in altre parole, è presentata essenzialmente come un problema sociale. È concettualizzato come una particolare forma di organizzazione sociale che ha prodotto una serie di circostanze indesiderabili. A questo proposito, l'anarco-primitivismo non è diverso dal socialismo o da qualsiasi altra filosofia sociale post-illuministica che presenta una visione della società senza sofferenza. La sua critica alla civiltà si basa su ciò che è meglio per l'umanità.

Questo è un problema perché alla radice della coscienza civile c'è l'idea che gli esseri umani siano la cosa più importante nell'universo. Pertanto, se gli anarco-primitivisti continueranno a concentrare la loro critica alla civiltà sui suoi effetti dannosi sull'umanità e continueranno a sostenere la società di cacciatori-raccoglitori come un paradiso egualitario, alla fine perpetueranno la convinzione che ciò che accade tra l'umanità è più importante di qualsiasi altra cosa.

È vero che in assenza di civiltà molti umani sarebbero più sani e più felici di quanto non lo siano ora? Probabilmente sì. Il problema con questa prospettiva non è che apprezzi l'umanità, ma che valorizzi l'umanità sopra ogni altra cosa. Rimuovere l'elemento anarchico o politico o di giustizia sociale dalla critica della civiltà non significa che la sofferenza degli esseri umani sia irrilevante. Mette semplicemente quella sofferenza in un contesto più ampio e vasto. La sofferenza di un essere umano non è più o meno importante della sofferenza di una mosca. Inutile dire che, come esseri umani, sperimenteremo naturalmente la sofferenza della nostra famiglia e dei nostri amici più intensamente della sofferenza di una mosca. Questo alla fine non lo rende più significativo, tuttavia.

"Tutte le cose sono piene di dèi".

— Talete

Se accettiamo che la vita di una mosca o di un granello di muschio sia importante quanto la vita umana, come sospetto lo faccia la maggior parte degli anarco-primitivisti, dobbiamo anche accettare che ci siamo lasciati alle spalle il regno della politica. In questo contesto, le preoccupazioni della società umana, le lotte specifiche di questo particolare gruppo o quello, sono irrilevanti. Amo la terra più di quanto amo l'umanità. Al centro di questa posizione c'è un atteggiamento fondamentalmente religioso che credo i primitivisti dovrebbero abbracciare.

L'animismo è la convinzione che tutte le cose naturali, non create dall'uomo, abbiano un'anima: alberi, felci, erbe, fiumi, montagne, ciottoli e tutte le creature. Tutto nel mondo è sacro e niente più o meno di ogni altra cosa. Questa comprensione della sacralità non dipende da nessuna idea particolare di dio, è semplicemente il riconoscimento della divinità in tutte le cose. E questa divinità non ha bisogno di essere motivata o provata. Come capivano gli antichi taoisti, ogni tentativo di dire “cos'è” deve essere condannato al fallimento. Il dao che può essere nominato non è il dao. Noi, come creature della civiltà, siamo stati condizionati a non accettare nulla senza definizioni precise e logiche convincenti. Questo desiderio è il desiderio dello scienziato, dell'ingegnere, del tecnico. Allo stesso modo, l'anima che può essere nominata non è l'anima. Qualsiasi definizione di quest'anima o divinità che esiste in tutte le cose deve necessariamente essere irrimediabilmente limitata dalla coscienza e dal linguaggio umani. Anche se forse possiamo dire, come gli antichi greci, romani, indù, ebrei, cinesi e altri, che il concetto di anima o spirito è legato al respiro. E, se calmiamo la mente e ascoltiamo attentamente, possiamo percepire il respiro delle rocce, dei ruscelli, delle sabbie del deserto.

Storicamente, l'animismo è stato legato a luoghi particolari, montagne specifiche, fiumi specifici. Ci sono tanti animismi diversi quante sono le tribù e i popoli. In quanto tale, qualsiasi animismo particolare non può essere universale. L'animismo di una particolare tribù di popoli centroamericani non può essere lo stesso di una particolare comunità di scandinavi o mongoli. A questo proposito, però, possiamo pensare allo zen koan: il dito può indicare la posizione della luna ma il dito non è la luna. Il dito conta poco; la luna è davvero la cosa. In altre parole, i particolari spiriti animisti di una particolare comunità sono solo il dito. Bisogna guardare alla luna: la sacralità universale della terra.

Finora, l'anarco-primitivismo ha insistito per impegnarsi nel regno delle argomentazioni intellettuali. Nonostante tutto ciò che i critici della civiltà rifiutano le strutture sociali e culturali che dominano le nostre vite, c'è una forte tendenza ad accettare tacitamente alcuni modi di pensare civilizzati, vale a dire il secolarismo e l'empirismo. In gran parte della letteratura anarco-primitivista di scrittori seminali come John Zerzan e Kevin Tucker, c'è un chiaro impegno a dimostrare la verità attraverso la presentazione di prove empiriche valide e logica persuasiva. Si fanno appello alla ragione. Gli argomenti sono costruiti e distribuiti. I fatti raccolti dagli esperti sono citati fino alla nausea. Questi sono gli strumenti del maestro, gli strumenti della civiltà, e la storia è il cimitero delle ideologie che si credevano immuni dall'influenza degli strumenti e delle tattiche che usavano.

Gli anarco-primitivisti cercano di "esporre la loro causa" a coloro che non rifiutano la civiltà. Le persone che abbracciano la civiltà non lo fanno perché non hanno “i fatti”. Si potrebbero presentare migliaia di fatti che "dimostrano" la relativa felicità e facilità della vita di cacciatori-raccoglitori e nessuna persona sarebbe disposta ad abbandonare il loro attuale modo di vivere o addirittura ad ammettere che la critica della civiltà ha dei meriti.

Un'esistenza, una musica, un organismo, una vita, un Dio: il fuoco delle stelle e la forza della roccia, il flusso freddo del mare e l'anima oscura dell'uomo."

— Robinson Jeffers

Alla fine non importa cosa hanno fatto o non hanno fatto i cacciatori-raccoglitori. Non importa quali società storiche fossero colture autoritarie o coltivate. La critica alla civiltà non dovrebbe basarsi su argomenti. La critica della civiltà dovrebbe basarsi sulla fede negli spiriti della terra. La civiltà non è male perché fa sì che gruppi di umani cavillino tra loro e soffrano. La sofferenza è una parte inevitabile della vita e non ha bisogno di essere lamentata. La civiltà è cattiva perché è una guerra contro gli dei.

Nel loro fervore di convincere gli altri, gli anarco-primitivisti diventano sempre più dogmatici. Infuriano contro la "sinistra", discutono del veganismo, discutono dei meriti relativi delle economie a ritorno immediato rispetto alle economie a ritorno ritardato, si impantanano irrimediabilmente in continui litigi sulla moralità della violenza, si dilettano e si disperano alternativamente di fronte di nuove tecnologie aberranti. In quanto tale, la critica alla civiltà è del tutto solipsistica. E non è semplicemente che gli anarco-primitivisti tendono a teorizzare all'infinito senza alcun tentativo di applicare la prassi. Le poche azioni che si vedono, come abbiamo detto sopra, sono prive di significato e solo simboliche nei termini più ampi e vaghi.

È tempo di lasciarsi tutto questo alle spalle. Non importa cosa dicono i filosofi. Non importa cosa dicono gli scienziati. Dobbiamo accettare che le nostre convinzioni sono di natura religiosa e dipendono dalla fede.

È tempo di riaffermare la spiritualità basata sulla natura del nostro passato umano collettivo. Se il mondo naturale non è sacro, perché dovrebbe importare? L'unica alternativa è dire che il mondo naturale è importante perché dipendiamo da esso per la nostra sopravvivenza come specie. Questo per dire, come abbiamo visto sopra, che l'umanità è davvero la cosa a cui teniamo e niente di più: che il mondo naturale è importante per noi solo nella misura in cui soddisfa i nostri bisogni. Qualsiasi argomento a favore del valore intrinseco di tutte le cose naturali può essere basato solo su basi spirituali.

È tempo di smettere di scrivere libri, saggi e articoli pseudo-studiosi, combattere la polizia, organizzare proteste, distruggere ATMS e dare fuoco alle cose. Queste sono le tattiche di coloro che desiderano migliorare la società umana per particolari gruppi di umani. Queste non sono azioni che riflettono la convinzione che la vita naturale sia sacra.

L'umanità non cambierà il suo destino attraverso l'azione. Non attraverso le azioni dei governi e delle aziende, non attraverso le azioni dei movimenti di massa, e certamente non attraverso le azioni di un pugno di anarchici scontenti. Il destino dell'umanità è segnato. Il mondo che conosce da 10.000 anni non durerà. È sciocco e vano cercare di prevedere la natura del suo crollo o di immaginare il mondo che seguirà. Sarà buono? Sarà brutto? Non importa. Accadrà e l'umanità sarà costretta a rispondervi. Forse la società umana ha un futuro in qualche altra forma. Forse l'umanità si estinguerà del tutto.

Il percorso è sempre stato chiaro a chi sceglie di vedere. Dobbiamo evitare la civiltà e le cose della civiltà. Dobbiamo andare nella foresta e non uscirne mai. Dobbiamo riunire le nostre anime con le anime degli alberi, delle rocce, dei ruscelli, della terra. Dobbiamo meditare sul nostro posto nel cosmo. In tal modo, non cambieremo il destino di questo mondo ma saremo, finalmente, di nuovo fedeli alla nostra natura. Il mondo dei cacciatori-raccoglitori del Paleolitico è finito per sempre. Non possiamo tornare al passato. Ma gli dei che un tempo conoscevamo ci stanno ancora aspettando nei luoghi selvaggi del mondo. Se andiamo da loro, ci abbracceranno.


Fonte: Saggi dal salto della tigre, Ramon Elani (2015-2017) - thetigersleap.wordpress.com


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

🎥 Liberi Dalla Civiltà

Spunti per una critica radicale ai fondamenti della civilizzazione: dominio, cultura, paura, economia, tecnologia

È possibile vivere in un mondo senza dominio, senza sfruttamento, senza inquinamento e mercificazione? Per almeno due milioni di anni i nostri antenati primitivi hanno vissuto così, ed è solo con la comparsa dell'agricoltura che l'esistenza ha preso la via di una distruttività sempre più accelerata e dilagante.

Ambientalismo Senza Stato

Lo Stato e le sue istituzioni governative sono state dignitose nel mainstream ambientalista come forze palliative per affrontare e risolvere gli eccessi e i fallimenti del capitalismo e del neoliberismo verso una corretta gestione ambientale. Ma questo stato ambientale cade in evidenti contraddizioni rispetto al suo impegno formale con finalità ambientaliste. Inoltre, le istituzioni governative contribuiscono ad ampliare un atteggiamento nichilista nelle azioni ambientaliste della cittadinanza.

All'interno dei filoni ambientalisti dell'anarchismo, la questione dello Stato ha concentrato un'attenzione e una posizione rilevanti. Una prima critica verde si può trovare negli anarchici del diciannovesimo secolo, in cui lo Stato non ha spazio come forza violenta e centralizzata, in quanto corruttore della bontà della materia e della connessione riproduttiva e spirituale dell'uomo con la Natura.

"A Primitivist Primer", l'innesco al Primitivismo di John Moore

A Primitivist Primer è un saggio breve di John Moore pubblicato nel 2000 sulla rivista Green Anarchy, il cui titolo consiste in un interessante gioco di parole non traducibile letteralmente in italiano. "Primer" infatti è traducibile dall'inglese oltre che come "principiante", in senso tattico-militare come "innesco" o "chi innesca una carica", e in senso edilizio come "prima mano". Il suo primitivismo non è inteso come un desiderio di ritornare ad un epoca primitiva, quanto, nel prendere la società pre-industriale come un modello di riferimento in cui «la cooperazione tra gli individui erano gli aspetti prevalenti della vita comunitaria».

L'Uomo Autarchico

Può sembrare difficile da credere, ma c'è stato un tempo in cui la gente comune ha avuto un maggiore controllo sulla propria vita e ha abitato un mondo in cui la stragrande maggioranza degli individui era in grado di vivere in comunità solidali con i loro simili dove perseguire un'esistenza rurale lontano dal rumore dei centri commerciali; coltivare il cibo per il proprio consumo, parlare tra di loro e godere delle arti come la musica in una società senza televisione né videogiochi, una società centrata sulla trasmissione di valori tradizionali ai propri figli senza l'influenza nefasta delle scuole di regime e dei mass-media. Ma qualcosa è andato storto.

Permacultura Incivile

Nell'ambiente ambientalista contemporaneo sia la teoria della permacultura che la sua pratica sono diventate popolari come mezzi con cui riparare lo strato superficiale della terra che si sta esaurendo e tentare altrimenti di vivere in modo più sostenibile con il nostro pianeta. Non è che una risposta alla crisi ecologica che affrontiamo, sia che la conversazione sia incentrata sul cambiamento climatico, la distruzione ambientale, la sicurezza alimentare o la totalità.

Fronte di Liberazione Animale

L'Animal Liberation Front (ALF) è un movimento di resistenza politica e sociale internazionale, senza leader e decentralizzato, che si impegna e promuove un'azione diretta non violenta per protestare contro gli episodi di crudeltà verso gli animali. Nasce negli anni '70 dalle Bande della Misericordia. I partecipanti affermano che si tratta di una moderna ferrovia sotterranea, che rimuove animali da laboratori e fattorie, distrugge strutture, organizza rifugi, cure veterinarie e gestisce santuari dove successivamente vivono gli animali. I detrattori li hanno etichettati come terroristi.

La Carcassa in Decomposizione dietro lo Spauracchio Verde

Come l'anarchia verde è diventata la posizione più controversa

L'anarchia verde, indipendentemente dalla propaggine, è una filosofia, una critica e un modo di vivere che enfatizza i principi anarchici più pronunciati. Gli anarchici verdi sono pronti e disposti a smantellare tutte le strutture di dominio, a partire da un'analisi radicata dell'ecologia, il che significa la relazione tra tutti gli esseri viventi e l'ambiente fisico da cui tutti dipendiamo per sopravvivere.

Esamineremo le origini e la graduale evoluzione dell'anarchia verde, esploreremo come queste idee vengono percepite dalle persone che guardano dall'esterno e cercheremo di capire perché l'anarchia verde è così detestata da un contingente di teorici di sinistra che, sempre più, ci hanno calunniato come "eco-fascisti".

La Rivoluzione di Kropotkin

Pëtr Kropotkin è stato un rivoluzionario anarchico russo (possiamo considerarlo uno dei "padri fondatori" dell'anarchismo), ma anche uno scienziato e un filosofo. Il suo è però un pensiero poco conosciuto, pur essendo ricco e fecondo. La sua vita e la sua collocazione politica hanno probabilmente contribuito a metterlo in ombra, al punto che è praticamente ignorata anche la sua intensa opera geografica (a Kropotkin dobbiamo l'esatta conoscenza dell'orografia asiatica e delle varie fasi dell'era glaciale in Europa; compì infatti diverse esplorazioni nella prima parte della sua vita) così come il suo notevole contributo all'antropologia e all'etologia.

La Cartografia Mitica, l'atto di creare e mantenere luoghi sacri

Esiste un'abbondanza di risorse, a questo punto della storia, per spiegare e preparare il terreno per questa comprensione fondamentale, qui sulla scia del cambiamento climatico, delle estinzioni di massa e della crescita sconsiderata della popolazione umana:

Qualcosa deve cambiare. Il modo in cui viviamo qui, sulla Terra, deve cambiare. La nostra situazione è diventata pericolosa.

Ora puoi guardare a questo in due modi. Un modo coinvolge il battito del seno, la disperazione, il panico, la profezia di sventura e tristezza e il concentrarsi su tutto ciò a cui dobbiamo rinunciare per sopravvivere ed espiare.

L'altro modo consiste nel concederci finalmente il permesso di appartenere e rivendicare tutto ciò di cui i nostri cuori, spiriti e corpi sono affamati da quando la civiltà ha iniziato la sua marcia implacabile.

L'Era dell'Esitazione: Olocene, Antropocene e Chthulucene

"L'età della spada, l'età dell'ascia, gli scudi sono spaccati, l'età del vento, l'età del lupo, prima che il mondo affondi" — Vǫluspá

Non c'è dubbio che l'attività umana abbia profondamente danneggiato la vasta rete interconnessa di sistemi ecologici che mantengono le condizioni di vita su questo pianeta.

Allo stesso modo, c'è sempre più accordo tra gli scienziati del clima sul fatto che siamo attualmente nel mezzo di un sesto evento di estinzione geologica che potrebbe causare l'annientamento fino al 75% delle specie sulla terra, compresa l'umanità.

L'unica domanda ora è come concettualizziamo questo fatto e, naturalmente, come intendiamo affrontarlo.

Anarchia indigena e necessità di un rifiuto della "Civiltà" del colonizzatore

I popoli indigeni nel corso della storia hanno combattuto e sono morti per resistere alla forte invasione della civiltà nelle loro vite. Questa lotta continua oggi, poiché gli "incivili" sono spinti sempre più vicino al limite della sopravvivenza dai "civilizzati" di tutto il mondo e lo squilibrio tecnologico tra noi continua ad espandersi e creare un divario sociologico che ci rende incapaci di capire l'un l'altro anche a livello di base.

Il Barone Selvatico

Lord Randal Plunkett è un barone irlandese che ha scelto di lottare per gli animali e l’ecosistema.

Ha trasformato 700 acri del suo parco a 40 chilometri da Dublino in un'area di riabilitazione e recupero di animali selvatici che ora accoglie di nuovo volpi, barbagianni, ermellini, gufi, aironi e sparvieri, cervi, volpi, lontre, tassi, martore, lepri: foreste, prati, torrenti e ruscelli selvaggi accolgono finalmente animali liberi. Sì, perché Lord Randal ha bandito la caccia (tradizione nobiliare per eccellenza nei secoli) in virtù della libertà di vivere.

Si chiama rewild, ed è un obiettivo comune ad aristocratici dal cuore puro (come il Duca del Bardo micronazione, se vogliamo restare in Italia): «Dovrebbe essere una pratica comune» racconta il Barone su VanityFair «Voglio aiutare a cambiare le cose».

L'Ecologia di Kropotkin

"Il presente è il luogo in cui ci perdiamo, se dimentichiamo il nostro passato e non abbiamo una visione del futuro". Così scriveva il poeta ghanese Ayi Kwei Armah.

Quest'anno ricorre il centenario della morte del geografo anarchico Peter Kropotkin, una figura del passato che non dobbiamo certo dimenticare.

Ted Kaczynski dal carcere sull'Ecofascismo: "un ramo aberrante della sinistra"

A smentire i luoghi comuni e l'etichetta di ecofascista sul noto ecoterrorista e scrittore Ted Kaczynski, detto "Unabomber" e sui movimenti di ecologia radicale, ci pensa lui stesso dal carcere, in una nota manoscritta datata 29 settembre 2020, scansioni recuperate il 10 febbraio 2022.

📃 Segue traduzione in lingua italiana del documento originale.

Flandrensis: "pronti ad annettere altri Territori d'Oltremare"

Al vaglio la campagna per le nuove annessioni territoriali.

Con la riforma costituzionale del Giugno 2022, il Granducato di Flandrensis ha ufficialmente aperto le porte all'incorporazione dei Territori d'Oltremare, annettendo tali terreni come Contee, Provincie, Dipendenze o Colonie Ecologiche di Flandrensis.

Tutti i cittadini possono richiedere il riconoscimento spiegando la missione del progetto e come si intende rispettarne i pilastri ecologici.

Tale riforma è stata proposta dal Ministro Manuel Noorglo, discussa dalla Cancelleria Granducale e approvata dopo un intenso iter di discussione interna.

Ecofascismo, una supercazzola prematurata?

Prima o poi saremmo arrivati a trattare anche questo spinoso argomento, e come sempre, lo faremo sine ira et studio, liberi da paraocchi e acriticità. L'ecofascismo non è un termine di così recente invenzione, ma negli ultimi anni sta tornando a una notevole ribalta semantica, ormai difficile da ignorare. Ma di che cosa si tratta esattamente?

Contro la Società di Massa

Molte persone desiderano un'esistenza libera dall'autorità coercitiva, in cui tutti siano liberi di plasmare la propria vita come scelgono per il bene dei propri bisogni, valori e desideri personali. Affinché tale libertà sia possibile, nessuna singola persona può estendere la propria sfera di controllo sulla vita degli altri senza la propria scelta.

Tecnoprimitivismo

Il tecnoprimitivismo (o archeofuturismo) è un'ideologia che crede che, sebbene i progressi della tecnologia siano stati benefici per la razza umana, il cambiamento nei valori culturali avvenuto insieme agli sviluppi tecnologici sia stato negativo per la razza umana. Pertanto la società dovrebbe tornare ai valori culturali del passato.

Primitivismo Primordiale

Il Primitivismo Primordiale, originariamente chiamato Primalismo, chiamato anche Feralismo o Animalismo, è un'ideologia libertaria fuori bussola che crede nella devoluzione dell'umanità in uno stato più animalesco.

Il Primitivismo Primordiale potrebbe essere considerato la forma estrema fuori controllo dell'Anarco-Primitivismo, a meno che non venga portato ancora più in là per disassemblare la società fino a ridurla agli istinti primordiali.

Il Primitivismo Primordiale è così contrario all'esperimento umano che qualsiasi segno di sviluppo evolutivo oltre la base dell'istinto animale (che sopravviva o muoia) è considerato malvagio e da punire.

L'incontro antartico non riesce a proteggere i pinguini imperatori nonostante le crescenti minacce per l'Antartide

Nel 1959, sull'orlo della Guerra Fredda, 12 paesi accettarono il Trattato sull'Antartide. L'idea centrale del trattato era la libertà della ricerca scientifica in Antartide e l'uso pacifico del continente. Nel corso degli anni si sono aggiunte altre nazioni. Oggi, 53 paesi fanno parte del Trattato sull'Antartide.

A Berlino, 2 giugno 2022, si è conclusa la 44a riunione consultiva del Trattato Antartico, che non ha messo in atto misure urgenti per affrontare le crescenti minacce per l'ambiente dell'Antartide.

Le organizzazioni ambientaliste hanno espresso profonda preoccupazione e frustrazione per il fatto che i progressi su questioni chiave siano stati ostacolati, inclusa l'adozione di un piano d'azione sui cambiamenti climatici e la protezione delle specie chiave.