A Primitivist Primer è un saggio breve di John Moore pubblicato nel 2000 sulla rivista Green Anarchy, il cui titolo consiste in un interessante gioco di parole non traducibile letteralmente in italiano. "Primer" infatti è traducibile dall'inglese in senso tattico-militare come "innesco" o "chi innesca una carica", e in senso edilizio come "prima mano". Il suo primitivismo non è inteso come un desiderio di ritornare ad un epoca primitiva, quanto, nel prendere la società pre-industriale come un modello di riferimento in cui «la cooperazione tra gli individui erano gli aspetti prevalenti della vita comunitaria».

John Moore, classe 1957 è stato un autore, insegnante e organizzatore anarchico britannico.

Membro dell'Anarchist Research Group a Londra negli anni '80, è stato uno dei principali teorici dell'anarchismo Pro-Situazionista degli anni '90 (più comunemente associato a Hakim Bey), ed è stato attratto in particolare dall'anarco-primitivismo; la sua opera più nota è il saggio A Primitivist Primer. Nonostante la forte influenza del teorico Fredy Perlman, in seguito si rivolse a teorici del linguaggio e della soggettività, come Julia Kristeva, Friedrich Nietzsche e Max Stirner.

Morì di infarto il 27 ottobre 2002 dopo essere crollato mentre andava a lavorare come docente di scrittura creativa presso l'Università di Luton (ora University of Bedfordshire).


A Primitivist Primer

John Moore, Green Anarchy Distro, 2000

Nota dell'autore

Questa non è un'affermazione definitiva, solo un resoconto personale, e cerca in termini generali di spiegare cosa si intende per anarco-primitivismo. Non vuole limitare o escludere, ma fornire un'introduzione generale all'argomento. Ci scusiamo per imprecisioni, interpretazioni errate o (inevitabile) sovrageneralizzazioni.

Cos'è l'anarco-primitivismo?

Anarco-primitivismo (noto anche come primitivismo radicale, primitivismo antiautoritario, movimento anti-civiltà o semplicemente primitivismo) è un termine abbreviato per una corrente radicale che critica la totalità della civiltà da una prospettiva anarchica e cerca di avviare una trasformazione globale della vita umana.

A rigor di termini, non esistono anarco-primitivista o anarco-primitivismo. Fredy Perlman, una voce importante in questa corrente, una volta disse: "L'unico '-ista' a cui rispondo è 'violoncellista'".

Gli individui associati a questa corrente non desiderano essere aderenti a un'ideologia, semplicemente persone che cercano di diventare individui liberi in comunità libere in armonia tra loro e con la biosfera, e possono quindi rifiutarsi di essere limitati dal termine "anarco-primitivista" o qualsiasi altro contrassegno ideologico.

Nella migliore delle ipotesi, quindi, l'anarco-primitivismo è un'etichetta conveniente usata per caratterizzare individui diversi con un progetto comune: l'abolizione di tutte le relazioni di potere - ad esempio, strutture di controllo, coercizione, dominio e sfruttamento - e la creazione di una forma di comunità che escluda tutte queste relazioni.

Allora perché si usa il termine anarco-primitivista per caratterizzare questa corrente?

Nel 1986, il circolo attorno al giornale di Detroit Fifth Estate ha indicato che erano impegnati nello sviluppo di un'"analisi critica della struttura tecnologica della civiltà occidentale, combinata con una rivalutazione del mondo indigeno e del carattere delle comunità primitive e originarie. In questo senso siamo primitivisti..." Il gruppo Fifth Estate ha cercato di integrare una critica della civiltà come progetto di controllo con una rivalutazione del primitivo, che consideravano fonte di rinnovamento e di ispirazione antiautoritaria. Questa rivalutazione del primitivo avviene da una prospettiva anarchica, una prospettiva che si occupa di eliminare i rapporti di potere. Indicando "una sintesi emergente dell'anarchia postmoderna e della visione estatica primitiva (nel senso di originale) basata sulla Terra", il circolo del Fifth Estate ha indicato: "Non siamo anarchici di per sé, ma pro-anarchia, che è per noi un'esperienza viva, integrale, incommensurabile con il potere e rifiutando ogni ideologia..."

Il nostro lavoro su Fifth Estate come progetto esplora le possibilità per la nostra partecipazione a questo movimento, ma lavora anche per riscoprire le radici primitive dell'anarchia e per documentare la sua attuale espressione. Contemporaneamente, esaminiamo l'evoluzione del Potere in mezzo a noi per suggerire nuovi terreni di contestazione e critica per minare l'attuale tirannia del discorso totalitario moderno, quell'iperrealtà che distrugge il senso umano, e quindi la solidarietà, simulandolo con la tecnologia.

Alla base di tutte le lotte per la libertà c'è questa necessità centrale: riguadagnare un discorso veramente umano fondato su una mutualità autonoma, intersoggettiva e strettamente associato al mondo naturale. L'obiettivo è sviluppare una sintesi dell'anarchia originaria e contemporanea, una sintesi degli aspetti ecologicamente focalizzati, non statalisti e antiautoritari dei modi di vita primitivi con le forme più avanzate di analisi anarchica dei rapporti di potere. Lo scopo non è replicare o tornare al primitivo, ma semplicemente vedere il primitivo come fonte di ispirazione, come forme esemplificative di anarchia.

Per gli anarco-primitivisti, la civiltà è il contesto generale all'interno del quale si sviluppa la molteplicità delle relazioni di potere. Alcune relazioni di potere di base sono presenti nelle società primitive - e questa è una delle ragioni per cui gli anarco-primitivisti non cercano di replicare queste società - ma è nella civiltà che le relazioni di potere diventano pervasive e radicate praticamente in tutti gli aspetti della vita umana e delle relazioni umane con la biosfera. La civiltà, chiamata anche megamacchina o Leviatano, diventa un'enorme macchina che prende il suo slancio e diventa al di là del controllo anche dei suoi presunti governanti. Alimentate dalle routine della vita quotidiana che sono definite e gestite da modelli interiorizzati di obbedienza, le persone diventano schiave della macchina, del sistema di civiltà stesso. Solo il rifiuto diffuso di questo sistema e delle sue varie forme di controllo, la rivolta contro il potere stesso, può abolire la civiltà e rappresentare un'alternativa radicale.

Ideologie come il marxismo, l'anarchismo classico e il femminismo si oppongono ad aspetti della civiltà; solo l'anarco-primitivismo si oppone alla civiltà, contesto entro il quale le varie forme di oppressione proliferano e diventano pervasive — e, anzi, possibili. L'anarco-primitivismo incorpora elementi di varie correnti di opposizione - coscienza ecologica, antiautoritarismo anarchico, critiche femministe, idee situazioniste, teorie del lavoro zero, critica tecnologica - ma va oltre l'opposizione a singole forme di potere per rifiutarle tutte e porre un'alternativa radicale.

In che modo l'anarco-primitivismo differisce dall'anarchismo o da altre ideologie radicali?

Dal punto di vista dell'anarco-primitivismo, tutte le altre forme di radicalismo appaiono riformiste, indipendentemente dal fatto che si considerino rivoluzionarie o meno. Il marxismo e l'anarchismo classico, ad esempio, vogliono impadronirsi della civiltà, rielaborarne in una certa misura le strutture e rimuovere i suoi peggiori abusi e oppressioni.

Tuttavia, il 99% della vita nella civiltà rimane invariato nei loro scenari futuri, proprio perché gli aspetti della civiltà che mettono in discussione sono minimi. Sebbene entrambi vogliano abolire il capitalismo e l'anarchismo classico abolirebbe anche lo Stato, i modelli di vita generali non cambierebbero molto. Sebbene potrebbero esserci alcuni cambiamenti nelle relazioni socioeconomiche, come il controllo operaio dell'industria e dei consigli di quartiere al posto dello Stato, e persino un focus ecologico, i modelli di base rimarrebbero invariati. Il modello occidentale di progresso sarebbe semplicemente emendato e agirebbe ancora come un ideale. La società di massa essenzialmente continuerebbe, con la maggior parte delle persone che lavorano, vivono in ambienti artificiali e tecnologizzati e sono soggette a forme di coercizione e controllo.

Le ideologie radicali di sinistra cercano di catturare il potere, non di abolirlo. Quindi, sviluppano vari tipi di gruppi esclusivi - quadri, partiti politici, gruppi di sensibilizzazione - al fine di ottenere convertiti e pianificare strategie per ottenere il controllo.

Le organizzazioni, per gli anarco-primitivisti, sono solo racket, bande per mettere al potere una particolare ideologia. La politica, "l'arte e la scienza del governo", non fa parte del progetto primitivista; solo una politica del desiderio, del piacere, della reciprocità e della libertà radicale.

In che modo l'anarco-primitivismo vede la tecnologia?

John Zerzan definisce la tecnologia come "l'insieme della divisione del lavoro/produzione/industrialismo e il suo impatto su di noi e sulla natura. La tecnologia è la somma delle mediazioni tra noi e il mondo naturale e la somma di quelle separazioni che ci mediano gli uni dagli altri. È tutta la fatica e la tossicità necessarie per produrre e riprodurre lo stadio di iper-alienazione in cui languiamo. È la struttura e la forma del dominio in ogni dato stadio della gerarchia e del dominio". L'opposizione alla tecnologia gioca quindi un ruolo importante nella pratica anarco-primitivista.

Tuttavia, Fredy Perlman afferma che "la tecnologia non è altro che l'armeria del Leviatano", i suoi "artigli e zanne". Gli anarco-primitivisti sono quindi contrari alla tecnologia, ma c'è un dibattito su come la tecnologia sia centrale per il dominio nella civiltà. Occorre fare una distinzione tra strumenti (o utensili) e tecnologia.

Perlman mostra che i popoli primitivi sviluppano tutti i tipi di strumenti e utensili, ma non tecnologie:

"Gli oggetti materiali, le canne e le canoe, i bastoni da scavo e i muri, erano cose che un singolo individuo poteva fare, o erano cose, come un muro, ciò ha richiesto la collaborazione di molti in una sola occasione... La maggior parte degli strumenti sono antichi e le eccedenze [materiali] [questi strumenti presumibilmente resi possibili] sono mature sin dalla prima alba, ma non hanno dato origine a impersonali istituzioni. Le persone, gli esseri viventi, danno origine a entrambi."

Gli strumenti sono creazioni localizzate, su piccola scala, i prodotti di singoli o piccoli gruppi in occasioni specifiche. In quanto tali, non danno luogo a sistemi di controllo e coercizione. La tecnologia, invece, è il prodotto di sistemi ad incastro su larga scala di estrazione, produzione, distribuzione e consumo, e tali sistemi acquistano il loro slancio e la loro dinamica. In quanto tali, richiedono strutture di controllo e obbedienza su scala di massa — ciò che Perlman chiama istituzioni impersonali.

Come ha sottolineato il Fifth Estate nel 1981:

"La tecnologia non è uno strumento semplice che può essere utilizzato in qualsiasi modo desideriamo. È una forma di organizzazione sociale, un insieme di relazioni sociali. Ha le sue leggi. Se vogliamo impegnarci nel suo utilizzo, dobbiamo accettare la sua autorità. L'enorme dimensione, le complesse interconnessioni e la stratificazione dei compiti che costituiscono i moderni sistemi tecnologici rendono necessario un comando autoritario e impossibile un processo decisionale indipendente e individuale."

L'anarco-primitivismo è una corrente antisistemica: si oppone a tutti i sistemi, istituzioni, astrazioni, l'artificiale, il sintetico e la macchina, perché incarnano relazioni di potere. Gli anarco-primitivisti si oppongono quindi alla tecnologia o al sistema tecnologico, ma non all'uso di strumenti e utensili nei sensi qui indicati. Per quanto riguarda se qualsiasi forma tecnologica sarà appropriata in un mondo anarco-primitivista, c'è dibattito su questo problema.

Il Fifth Estate ha osservato nel 1979 che:

"Ridotte ai suoi elementi più elementari, le discussioni sul futuro in modo ragionevole dovrebbero basarsi su ciò che desideriamo socialmente e da ciò determinare quale tecnologia è possibile. Tutti noi desideriamo il riscaldamento centralizzato, i servizi igienici con lo sciacquone e l'illuminazione elettrica, ma non a spese della nostra umanità. Forse sono tutti possibili insieme, ma forse no."

E la medicina?

In definitiva, l'anarco-primitivismo è tutto incentrato sulla guarigione - sanare le spaccature che si sono aperte all'interno degli individui, tra le persone e tra le persone e la natura, le spaccature che si sono aperte attraverso la civiltà, attraverso il potere, incluso lo Stato, il Capitale e la tecnologia. Il filosofo tedesco Nietzsche ha affermato che il dolore, e il modo in cui viene affrontato, dovrebbe essere al centro di ogni società libera e, a questo proposito, ha ragione.

Gli individui, le comunità e la Terra stessa sono stati menomati in un modo o nell'altro dai rapporti di potere caratteristici della civiltà. Le persone sono state mutilate psicologicamente ma anche fisicamente aggredite da invalidità e malattie. Questo non vuol dire che l'anarco-primitivismo possa abolire il dolore, l'invalidità e la malattia! Tuttavia, la ricerca ha rivelato che molte malattie sono il risultato di condizioni di vita civilizzate, e se queste condizioni fossero abolite, allora alcuni tipi di sofferenza, invalidità e malattia potrebbero scomparire. Quanto al resto, un mondo che pone al centro il dolore sarebbe vigoroso nella sua ricerca di alleviarlo trovando modi per curare invalidità e malattie. In questo senso, l'anarco-primitivismo è molto interessato alla medicina.

Tuttavia, la forma alienante di medicina high-tech, incentrata sulla farmaceutica, praticata in Occidente non è l'unica forma di medicina possibile. La questione di cosa potrebbe consistere la medicina in un futuro anarco-primitivista dipende, come nel commento del Fifth Estate alla tecnologia di cui sopra, da ciò che è possibile e ciò che le persone desiderano, senza compromettere i modi di vita degli individui liberi nelle comunità libere incentrate sull'ecologia. Come per tutte le altre domande, non esiste una risposta dogmatica a questo problema.

E la popolazione?

Una questione controversa, soprattutto perché non c'è consenso tra gli anarco-primitivisti su questo argomento. Alcune persone sostengono che la riduzione della popolazione non sarebbe necessaria; altri sostengono che sarebbe per motivi ecologici e/o per sostenere il tipo di vita immaginata dagli anarco-primitivisti. George Bradford, in How Deep is Deep Ecology?, sostiene che il controllo delle donne sulla riproduzione porterebbe a un calo del tasso di popolazione. Il punto di vista personale di chi scrive è che la popolazione dovrebbe essere ridotta, ma ciò accadrebbe per spreco naturale - cioè, quando le persone morirebbero, non tutte sarebbero sostituite, e quindi il tasso complessivo della popolazione diminuirebbe e alla fine si stabilizzerebbe.

Gli anarchici hanno a lungo sostenuto che in un mondo libero, le pressioni sociali, economiche e psicologiche verso la riproduzione eccessiva verrebbero rimosse. Ci sarebbero troppe altre cose interessanti in corso per coinvolgere il tempo delle persone! Le femministe hanno sostenuto che le donne, libere dai vincoli di genere e dalla struttura familiare, non sarebbero definite dalle loro capacità riproduttive come nelle società patriarcali, e ciò comporterebbe anche livelli di popolazione più bassi. Quindi è probabile che la popolazione diminuisca, volenti o nolenti.

Dopotutto, come spiega chiaramente Perlman, la crescita della popolazione è puramente un prodotto della civiltà:

"un aumento costante del numero di esseri umani è persistente quanto lo stesso Leviatano. Questo fenomeno sembra esistere solo tra gli esseri umani leviatanizzati. Gli animali così come le comunità umane allo stato di natura non proliferano i loro simili al punto da spingere tutti gli altri fuori dal campo."

Quindi non c'è davvero alcun motivo per supporre che la popolazione umana non dovrebbe stabilizzarsi una volta abolite le relazioni sociali leviataniche e ripristinata l'armonia comunitaria. Ignora le strane fantasie diffuse da alcuni commentatori ostili all'anarco-primitivismo che suggeriscono che i livelli di popolazione previsti dagli anarco-primitivisti dovrebbero essere raggiunti da morie di massa o campi di sterminio in stile nazista. Queste sono solo tattiche diffamatorie.

Come si potrebbe realizzare un futuro anarco-primitivista?

La domanda da sessantaquattromila dollari! (per usare una metafora del tutto sospetta!) Non ci sono regole rigide qui, nessun progetto. La risposta disinvolta - vista da alcuni come una scappatoia - è che le forme di lotta emergono nel corso dell'insurrezione. Questo è vero, ma non necessariamente molto utile! Il fatto è che l'anarco-primitivismo non è un'ideologia in cerca di potere. Non cerca di catturare lo Stato, conquistare fabbriche, conquistare convertiti, creare organizzazioni politiche o dare ordini alla gente. Vuole invece che le persone diventino individui liberi che vivono in comunità libere che sono interdipendenti tra loro e con la biosfera in cui abitano. Vuole, quindi, una trasformazione totale, una trasformazione dell'identità, dei modi di vivere, dei modi di essere e di comunicare. Ciò significa che i mezzi collaudati delle ideologie di ricerca del potere non sono rilevanti per il progetto anarco-primitivista, che cerca di abolire ogni forma di potere. Occorre quindi sviluppare nuove forme di azione e di essere, forme adeguate e commisurate al progetto anarco-primitivista.

Questo è un processo continuo e quindi non c'è una risposta facile alla domanda: cosa si deve fare? Al momento, molti concordano sul fatto che le comunità di resistenza siano un elemento importante nel progetto anarco-primitivista. La parola 'comunità' è sparsa in questi giorni in tutti i modi assurdi (ad esempio, la comunità degli affari), proprio perché la maggior parte delle comunità autentiche sono state distrutte dal Capitale e dallo Stato.

Alcuni pensano che se le comunità tradizionali, spesso fonti di resistenza al potere, sono state distrutte, quindi la creazione di comunità di resistenza - comunità formate da individui con la resistenza come obiettivo comune - sono un modo per ricreare le basi per l'azione. Una vecchia idea anarchica è che il nuovo mondo debba essere creato all'interno del guscio del vecchio. Ciò significa che quando la civiltà crollerà - per sua stessa volontà, attraverso i nostri sforzi o una combinazione dei due - ci sarà un'alternativa in attesa di prendere il suo posto. Ciò è davvero necessario poiché, in assenza di alternative positive, lo sconvolgimento sociale causato dal collasso potrebbe facilmente creare l'insicurezza psicologica e il vuoto sociale in cui potrebbero fiorire il fascismo e altre dittature totalitarie.

Per chi scrive, questo significa che gli anarco-primitivisti devono sviluppare comunità di resistenza — microcosmi (per quanto possono essere) del futuro a venire — sia nelle città che fuori. Questi devono fungere da basi per l'azione (in particolare l'azione diretta), ma anche come luoghi per la creazione di nuovi modi di pensare, comportarsi, comunicare, essere e così via, nonché nuovi insiemi di etiche - in breve, un insieme nuova cultura liberatoria. Devono diventare luoghi in cui le persone possono scoprire i loro veri desideri e piaceri e, attraverso la buona vecchia idea anarchica dell'atto esemplare, mostrare agli altri con l'esempio che sono possibili modi di vita alternativi.

Tuttavia, ci sono molte altre possibilità che devono essere esplorate. Il tipo di mondo immaginato dall'anarco-primitivismo è un mondo senza precedenti nell'esperienza umana in termini di grado e tipi di libertà previsti... quindi non possono esserci limiti alle forme di resistenza e insurrezione che potrebbero svilupparsi. Il tipo di vaste trasformazioni previste richiederà ogni tipo di pensiero e attività innovativa.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

I comunitaristi libertari in Ucraina

Con i gruppi politici marginali che hanno guadagnato slancio durante la Rivoluzione Euromaidan nel 2013, molta attenzione degli studiosi è stata data agli attori della destra radicale mentre le dinamiche della cosiddetta "Nuova sinistra radicale" sono state ignorate.

In passato la Nuova Sinistra Radicale si è battuta per l'egemonia culturale; tuttavia, la loro influenza diminuì quando il movimento sviluppò gravi divisioni ideologiche dopo Euromaidan. Con una "Nuova Sinistra Radicale" ideologicamente divisa, un nuovo gruppo, i comunitaristi libertari, è entrato nell'arena politica ucraina con l'obiettivo di riappropriarsi dei concetti del nazionalismo ucraino e dell'idea di una lotta antimperialista contro la Russia che incarna l'ucraino contemporaneo.

Libere Comunità: per una reale alternativa sociale

Il comunitarismo libertario è visto come movimento atipico da chi non conosce tale stile di vita, perché è davvero l''unica reale alternativa sociale che schiettamente combatte per un mondo nuovo. La nostra visione trae radici dall'anarchismo classico e dai pensatori che promuovevano libertà ed indipendenza. Nel nostro mondo, noi auspichiamo un predominio, in maniera non totalitarista, ma attraverso la libera associazione delle persone, delle comunità/tribù auto-sufficienti ed auto-governate.

Ambientalismo Senza Stato

Lo Stato e le sue istituzioni governative sono state dignitose nel mainstream ambientalista come forze palliative per affrontare e risolvere gli eccessi e i fallimenti del capitalismo e del neoliberismo verso una corretta gestione ambientale. Ma questo stato ambientale cade in evidenti contraddizioni rispetto al suo impegno formale con finalità ambientaliste. Inoltre, le istituzioni governative contribuiscono ad ampliare un atteggiamento nichilista nelle azioni ambientaliste della cittadinanza.

All'interno dei filoni ambientalisti dell'anarchismo, la questione dello Stato ha concentrato un'attenzione e una posizione rilevanti. Una prima critica verde si può trovare negli anarchici del diciannovesimo secolo, in cui lo Stato non ha spazio come forza violenta e centralizzata, in quanto corruttore della bontà della materia e della connessione riproduttiva e spirituale dell'uomo con la Natura.

Sakalash! Anarco-Comunitarismo

"La spiritualità non è una religione. Essa rappresenta la spinta di ciascun individuo verso la conoscenza delle proprie origini, attitudini, manifestazioni interiori.

Un approccio spirituale della vita implica la capacità di porre e porsi delle domande, stessa qualità del vivere da anarchici; mettersi costantemente in gioco e fare delle proprie conoscenze un'arma vincente così da non sottostare ad opinioni collettive, rendendosi padroni delle proprie vedute.

Spiritualità e anarchismo si compenetrano a vicenda perché entrambe pongono alla base la libertà di essere se stessi senza essere condizionati da dogmi o dalla società contemporanea, entrambe prevedono una totale armonia nell'autonomia."

John Zerzan, pioniere dell'Anarco Primitivismo

Le opere di John Zerzan criticano la civiltà agricola come intrinsecamente opprimente e sostengono il ricorso ai modi di vita dei cacciatori-raccoglitori come ispirazione per come dovrebbe essere una società libera. Gli argomenti della sua critica includono l'addomesticamento, il linguaggio, il pensiero simbolico (come la matematica e arte) e il concetto di tempo.

La Carcassa in Decomposizione dietro lo Spauracchio Verde

Come l'anarchia verde è diventata la posizione più controversa

L'anarchia verde, indipendentemente dalla propaggine, è una filosofia, una critica e un modo di vivere che enfatizza i principi anarchici più pronunciati. Gli anarchici verdi sono pronti e disposti a smantellare tutte le strutture di dominio, a partire da un'analisi radicata dell'ecologia, il che significa la relazione tra tutti gli esseri viventi e l'ambiente fisico da cui tutti dipendiamo per sopravvivere.

Esamineremo le origini e la graduale evoluzione dell'anarchia verde, esploreremo come queste idee vengono percepite dalle persone che guardano dall'esterno e cercheremo di capire perché l'anarchia verde è così detestata da un contingente di teorici di sinistra che, sempre più, ci hanno calunniato come "eco-fascisti".

Libera città di Christiania

Christiania è una micronazione e comunità intenzionale di circa 1.000 residenti, che copre 7,7 ettari (19 acri) nel distretto di Christianshavn nella capitale danese di Copenaghen. Christiania è stata fonte di controversie sin dalla sua creazione in un'area militare occupata nel 1971. Il suo commercio di cannabis è stato tollerato dalle autorità fino al 2004. Da allora, le relazioni tra Christiania e le autorità danesi sono state tese. Dall'inizio degli anni 2010, la situazione è stata in qualche modo semi-normalizzata.

🎥 Partecipazione al comitato NO DRAGHI di Perugia ed intervista esponenti PCI

Questa mattina a Perugia si è svolta una manifestazione collegata alla Giornata Nazionale No Draghi, dopo un anno dalla prima in risposta al governo Draghi.

Derrick Jensen: "Le Azioni Parlano Più Forte Delle Parole" (Earth First!, 1998)

Derrick Jensen (nato il 19 dicembre 1960) è un ecofilosofo, scrittore, autore, insegnante e ambientalista americano di tradizione anarco-primitivista, anche se rifiuta l'etichetta "anarchico". È un critico dell'attenzione del movimento ambientalista mainstream sulla conservazione della civiltà e della tecnologia rispetto alla conservazione del mondo naturale.

Sfida in modo specifico i cambiamenti dello stile di vita e le soluzioni individualistiche ampiamente sostenute, considerandole inadeguate alla scala della catastrofe ambientale globale. Invece, promuove la disobbedienza civile, l'attivismo radicale e lo smantellamento delle infrastrutture a livello massiccio per fermare quello che ha chiamato "l'assassinio del pianeta".

Insieme ad altri attivisti ambientalisti radicali, Jensen ha corrisposto a "Unabomber", Ted Kaczynski, dopo il suo arresto. Hanno litigato perché Kaczynski sentiva che Jensen e altri ambientalisti radicali erano troppo dediti a cause di sinistra che Kaczynski trovava irrilevanti.

Cieli Caduti, è Tempo di Baciare di Nuovo la Terra

"Il cataclisma è avvenuto, siamo tra le rovine, iniziamo a costruire nuovi piccoli habitat, ad avere nuove piccole speranze. È un lavoro piuttosto duro: adesso non c'è una strada agevole verso il futuro: ma si gira intorno, o si scavalca gli ostacoli. Dobbiamo vivere, non importa quanti cieli siano caduti."

– DH Lawrence

Che cos'è comunque la civiltà? Definire questo termine sembra sempre uno dei maggiori ostacoli per le persone quando cerco di parlare con loro di primitivismo. Ritengono che il termine "civiltà" sia troppo ampio e gli venga dato troppo libero arbitrio. Cosa intendo quando dico che "la civiltà sta distruggendo la terra" o "la civiltà ci aliena da noi stessi e gli uni dagli altri"? La civiltà non è davvero una cosa, quindi non può davvero agire, sostengono. Questo è un buon punto e vale la pena soffermarsi.

Ted Kaczynski dal carcere sull'Ecofascismo: "un ramo aberrante della sinistra"

A smentire i luoghi comuni e l'etichetta di ecofascista sul noto ecoterrorista e scrittore Ted Kaczynski, detto "Unabomber" e sui movimenti di ecologia radicale, ci pensa lui stesso dal carcere, in una nota manoscritta datata 29 settembre 2020, scansioni recuperate il 10 febbraio 2022.

Segue traduzione in lingua italiana.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Le Comunità Intenzionali Anarchiche

Alcuni anni fa, un gruppo pagano greco credeva nella possibilità di creare un villaggio dove poter vivere e lavorare in base alle proprie convinzioni e interessi. Questa sarebbe forse la salvezza nel mondo moderno: il ritorno alla comunità.

Può essere assurdo per molti, ma è senza dubbio un colpo duro contro il processo di urbanizzazione e concentrazione di popolazioni in cui ci troviamo, e questo è già qualcosa. La battaglia del futuro sarà tra centralizzazione e decentralizzazione, tra potere centrale e periferia.

🎥 Libere Comunità incontra Patria Socialista - intervista e dibattito con Igor Camilli

La vita ci regala emozioni e momenti bellissimi, ma allo stesso tempo ci pone davanti a ostacoli e sfide che ci mettono in grande difficoltà.

L’importante è farsi trovare pronti, soprattutto a livello mentale, in modo da trovare dentro di noi la forza per superarli.

L'Uomo Autarchico

Può sembrare difficile da credere, ma c'è stato un tempo in cui la gente comune ha avuto un maggiore controllo sulla propria vita e ha abitato un mondo in cui la stragrande maggioranza degli individui era in grado di vivere in comunità solidali con i loro simili dove perseguire un'esistenza rurale lontano dal rumore dei centri commerciali; coltivare il cibo per il proprio consumo, parlare tra di loro e godere delle arti come la musica in una società senza televisione né videogiochi, una società centrata sulla trasmissione di valori tradizionali ai propri figli senza l'influenza nefasta delle scuole di regime e dei mass-media. Ma qualcosa è andato storto.

Hakim Bey, il sogno anarchico delle T.A.Z.

Questa volta però vengo come il Dioniso vittorioso, che trasformerà il mondo in una vacanza... Non che abbia molto tempo...Nietzsche (dalla sua ultima “folle” lettera a Cosima Wagner)

I corsari e i pirati dei mari del XVIII secolo crearono una “rete d'informazione” che si estendeva per l’intero globo: primitiva e primariamente rivolta a truci affari, la rete funzionava nondimeno ammirabilmente. Sparse attraverso la rete erano isole, remoti nascondigli dove le navi potevano venire rifornite d'acqua e cibo, il bottino scambiato per necessità e lussi. Alcune di queste isole sostenevano “comunità intenzionali”, intere mini-società che vivevano coscientemente al di là della Legge e decise a rimanerci, anche se solo per breve ma felice esistenza.

Per una rete di Libere Comunità

L'idea di rimodellare il mondo e l'umanità, in virtù di una sfida non solo ecologica, ma economica, politica e sociale, ripensando al concetto di comunità e soprattutto di piccola patria ("small is better" direbbero gli inglesi o, meglio ancora, "less is more") è un'idea che, volenti o nolenti, terrà banco nel futuro prossimo.

I comunitaristi libertari nativi americani d'Alaska

Oggi noi di Libere Comunità vi presentiamo i comunitaristi libertari delle tribù dei nativi americani d'Alaska. Ringraziamo il compagno Rinehart per averci inviato l'articolo raccontandoci la sua esperienza e la formazione della sua comunità libertaria indipendente ed autosufficiente formata da nativi americani in Alaska... buona lettura.

Confederalismo Democratico

Il confederalismo democratico è una piattaforma politico-sociale sviluppata da Abdullah Öcalan, leader del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, sulle basi del municipalismo libertario e dell'ecologia sociale precedentemente teorizzate dal filosofo socialista libertario Murray Bookchin. Öcalan lo descrive come "una amministrazione politica non statale o una democrazia senza stato".

Il Confederalismo democratico è il modello di organizzazione del Rojava, regione autonoma de facto nel nord e nord-est della Siria.

L'Ecologia Libertaria

Il pensiero ecologico moderno matura negli anni Settanta e Ottanta alimentato, almeno in parte, dall’onda lunga e la grandissima risonanza di libri pionieristici come Primavera silenziosa di Rachel Carson (1962), che per primo aveva raccontato i danni di DDT e fitofarmaci sull’ambiente e la salute umana.

Durante le sue prime manifestazioni, il movimento ambientalista inizia un’analisi dello stato del pianeta partendo da innumerevoli spunti e intuizioni spesso governati da ricerche scientifiche, a volte da approcci mistici, altre da una mescolanza propria o impropria delle due cose. Ognuna di queste visioni del mondo ha la sua analisi, i suoi scenari, le mappe su cui costruire una “soluzione” ai problemi ambientali.