Lysander Spooner è una figura importante nella storia del movimento per la libertà. Era un sostenitore del movimento operaio ed era persino un membro della Prima Internazionale in un momento in cui socialisti e anarchici coesistevano pacificamente all'interno di quel movimento. Forse una delle cose più interessanti di Spooner è che fu il primo a gestire una società privata in diretta concorrenza con l'ufficio postale degli Stati Uniti. Questo sforzo prevedibilmente fallì non perché l'American Letter Mail Company non potesse competere, ma perché Spooner era ostacolato dalla legge.

Spooner nacque ad Athol, MA, nel 1808, discendente dei pellegrini Mayflower e secondo di nove figli. La sua carriera di avvocato ha stabilito il modello per il resto del lavoro della sua vita: Spooner aveva studiato sotto numerosi avvocati di spicco (una pratica nota come "leggere la legge", che era molto più comune all'epoca). Tuttavia, non aveva una laurea e la legge statale richiedeva che studiasse ulteriormente sotto un avvocato. Considerò questa una discriminazione legalizzata ma andò avanti e iniziò comunque a praticare.

Nel 1836, il legislatore statale si liberò del requisito. In effetti, Spooner era contrario a qualsiasi requisito legale per la licenza di qualsiasi professione, cosa che sarebbe tornata più avanti nella sua battaglia contro l'ufficio postale degli Stati Uniti. Questo faceva parte della convinzione di Spooner in una legge naturale, per cui qualsiasi atto di coercizione era ipso facto illegale.

Lo studio legale di Spooner non è stato un successo, né i suoi tentativi di dilettarsi nel mercato immobiliare. Tornò nella fattoria di suo padre nel 1840. Fu qui che escogitò il piano per l'American Letter Mail Company.

L'American Letter Mail Company

Per tutto il 1840, le tariffe dell'ufficio postale furono fonte di controversia nazionale, con molti americani che le consideravano esorbitanti. Per il contesto, a quei tempi inviare una lettera da Boston a Washington, DC costava 25 centesimi. Sono circa 7,50 dollari nel 2020. Il trasporto, tuttavia, era notevolmente più economico: un barile di farina costava circa i 2/3 di quanto costava spedire quella stessa lettera.

Spooner ha astutamente notato che mentre la Costituzione prevede un ufficio postale statale, non vieta ai privati ​​​​di gestire un proprio ufficio postale indipendente. Con la soluzione indipendente di Spooner sul mercato, i prezzi hanno iniziato a scendere in modo significativo. I casi giudiziari sono stati generalmente trovati a favore di Spooner, con la Circuit Court degli Stati Uniti d'accordo con la sua argomentazione secondo cui il governo degli Stati Uniti non aveva il diritto di monopolizzare il sistema di posta. Il Congresso intervenne, approvando una legge nel 1851, che rese l'ufficio postale degli Stati Uniti un monopolio legale.

Questo segnò la fine dell'azienda di Spooner, ma da allora in poi fu conosciuto come "il padre del francobollo da 3 centesimi".

L'abolizionismo di Spooner e la guerra civile

Il punto in cui Spooner è stato principalmente all'attenzione del pubblico era come abolizionista. Nel 1845 pubblicò un libro intitolato L'incostituzionalità della schiavitù, in cui sosteneva che la Costituzione degli Stati Uniti proibiva la schiavitù. Parte della sua argomentazione si basava sulla sua convinzione che tutte le leggi ingiuste fossero incostituzionali e potessero essere annullate dai giudici. Le sue argomentazioni sono state citate nella piattaforma del partito del Liberty Party e sono state citate da Fredrick Douglass per aver cambiato idea sull'argomento.

Dalla pubblicazione di questo libro fino al 1861, Spooner fu un instancabile attivista contro la schiavitù. Ha redatto lavori sull'annullamento della giuria e altri modi per i privati ​​​​cittadini di combatterlo. Spesso forniva gratuitamente consulenza legale agli schiavi fuggiaschi. Il senatore del Mississippi a favore della schiavitù Albert G. Brown credeva che Spooner fornisse la più forte sfida legale alla schiavitù, di cui era a conoscenza.

Spooner ha anche sostenuto la guerriglia e altre forme di violenza per fermare la schiavitù negli Stati Uniti. Tuttavia, si oppose anche agli Stati Uniti usando la forza per mantenere gli Stati Confederati nell'Unione. La sua opinione era che la stessa legge naturale che rendeva giusto e giusto che gli schiavi si ribellassero contro i loro proprietari, rendesse sbagliato e ingiusto che gli Stati Uniti usassero la forza militare contro il sud. Ciò lo rese alquanto impopolare da entrambe le parti della guerra, poiché le sue argomentazioni erano in contrasto con la narrativa ufficiale di ciascuna parte.

Anarchismo idiosincratico di Spooner

Dopo la guerra, ha continuato a scrivere sul tema dell'annullamento della giuria. La maggior parte del suo lavoro successivo è apparso nel diario Liberty dell'anarchico individualista Benjamin Tucker.

Spooner era un anarchico di una tradizione che è in gran parte scomparsa dalla scena: l'anarchico individualista che considera la società preindustriale e le piccole parti interessate come contrappeso al capitalismo industriale, di cui Spooner era un aspro critico. Era anche contrario alle leggi contro l'usura, così come alle leggi che impedivano il conio di moneta privata. Ha sostenuto il lavoro autonomo e si è opposto al lavoro salariato.

Quando il movimento libertario iniziò ad emergere all'inizio del XX secolo, il lavoro di Spooner godette di una sorta di rinascita, venendo ristampato nelle riviste popolari dell'epoca come Rampart Journal e Left and Right: A Journal of Libertarian Thought. Murray Rothbard lo ha citato come un'influenza, così come Randy Barnett. Tuttavia, la sua critica al lavoro salariato e al capitalismo rende difficile collocare Spooner come un "anarco-capitalista" nel modo in cui sarebbe pensato oggi. Spooner era un paladino del piccolo imprenditore, del piccolo agricoltore e della cooperativa di lavoro.

Forse il segno che Spooner lascia di più al movimento libertario come lo conosciamo oggi è la sua critica alla Costituzione, che secondo lui non ha alcuna autorità intrinseca. In quanto tali, gli individui non sono legalmente o moralmente obbligati a rispettare l'autorità federale. Tali sentimenti sono spesso ripresi da cittadini sovrani, resistenti alle tasse e altri membri del movimento per la libertà.

Vale la pena leggere Spooner, non solo perché le sue idee sono ancora attuali oggi (come lo sono) ma anche perché esiste in uno spazio così insolito e non calpestato nella storia della libertà americana. Potresti non essere d'accordo con tutto ciò che ha da dire, ma sicuramente avrai difficoltà a discuterne.

* Dall'articolo originale di Sam Jackobs https://ammo.com/articles/lysander-spooner-first-private-post-office-anarchism-forgotten-history

Il pensiero

In qualità di anarchico individualista, Spooner ha sostenuto la vita preindustriale in comunità di piccoli proprietari di proprietà in modo che potessero perseguire la vita, la libertà, la felicità e la proprietà in reciproca onestà senza cedere la responsabilità a un governo centrale. Spooner riteneva che un governo espansivo creasse schiavi virtuali e le sue richieste di obbedienza espropriassero il ruolo dell'individuo. Lasciando che il governo faccia e faccia rispettare le leggi, Spooner ha affermato che gli americani "hanno ceduto le loro libertà senza riserve nelle mani del governo".

Oltre al suo servizio postale extra-governativo e alle opinioni sull'abolizionismo, Spooner scrisse No Treason in cui sostiene che la Costituzione non è né un contratto né un testo a cui i cittadini sono vincolati. Spooner ha sostenuto che il Congresso nazionale dovrebbe dissolversi e lasciare che i cittadini si governino da soli poiché riteneva che gli individui dovrebbero fare il proprio destino.

Spooner credeva che fosse vantaggioso per le persone essere lavoratori autonomi in modo da poter godere di tutti i benefici del proprio lavoro piuttosto che doverli condividere con un datore di lavoro. Ha sostenuto che varie forme di intervento del governo nel libero mercato hanno reso difficile per le persone avviare un'attività in proprio. Per uno, credeva che le leggi contro i tassi di interesse elevati, o l'usura, impedissero a coloro che hanno capitale di concedere credito perché non potevano essere compensati per gli alti rischi di non essere rimborsati, scrivendo:

Se un uomo non ha capitale proprio, su cui elargire il suo lavoro, è necessario che gli sia permesso di ottenerlo a credito. E perché possa ottenerlo a credito, è necessario che gli sia permesso di contrarre a un tasso di interesse tale che induca un uomo, avendo un capitale in eccesso, a prestarglielo; poiché il capitalista non può, conformemente al diritto naturale, essere costretto a prestare il suo capitale contro la sua volontà. Tutti i vincoli legislativi sul saggio d'interesse, quindi, non sono altro che vincoli arbitrari e tirannici sulla capacità naturale di un uomo in mezzo al diritto naturale di assumere capitale, su cui elargire il proprio lavoro. [...] L'effetto delle leggi sull'usura, quindi, è di dare il monopolio del diritto di prendere in prestito denaro, a quei pochi, che possono offrire la sicurezza più approvata.

Spooner credeva che le restrizioni del governo all'emissione di denaro privato rendessero estremamente difficile per gli individui ottenere il capitale a credito per avviare le proprie attività, mettendoli così in una situazione in cui "una parte molto ampia di loro, per salvarsi dalla fame, ha non c'è alternativa che vendere il proprio lavoro ad altri" e coloro che impiegano altri possono solo permettersi di pagare "molto al di sotto di ciò che i lavoratori potrebbero produrre di se essi stessi avessero il capitale necessario con cui lavorare". Spooner ha detto che c'era "una tassa proibitiva - una tassa del dieci per cento - su tutte le banconote emesse per la circolazione come denaro, a parte le banconote degli Stati Uniti e delle banche nazionali" che secondo lui causavano una carenza artificiale di credito e che l'eliminazione di questa tassa comporterebbe la messa a disposizione di molti soldi per il prestito.

Spooner si oppose al lavoro salariato, argomentando:

"Tutti i grandi stabilimenti, di ogni genere, ora nelle mani di pochi proprietari, ma che impiegano un gran numero di salariati, sarebbero stati smantellati; perché poche o nessuna persona che potesse assumere capitali e fare affari per se stesso acconsentirebbe a lavorare per salariare qualcun'altro".

In risposta agli anarco-capitalisti che sostenevano che Spooner fosse un libertario di destra e un anarco-capitalista, Iain MacSaorsa sostiene che poiché Spooner era contrario al lavoro salariato, era un socialista di un tipo particolare, in particolare seguiva il socialismo di mercato, poiché il capitalismo è non l'unico sistema di mercato.

L'appartenenza di Spooner alla Prima Internazionale socialista e l'opposizione al lavoro salariato è il motivo per cui gli autori di An Anarchist FAQ e storici anarchici come James Martin e Peter Marshall lo considerano un libertario di sinistra anticapitalista, libertario socialista e socialista di mercato. Altri hanno definito Spooner un libertario, un anarco-capitalista e un proprietario terriero.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

Errico Malatesta - Contro la Dittatura del Proletariato (30 Luglio 1919)

Il testo che qui si riproduce è la lettera che Errico Malatesta scrisse da Londra a Luigi Fabbri in merito al tema della dittatura del proletariato che agitava il movimento operaio e rivoluzionario a seguito della Rivoluzione Russa. Con una certa cautela per una possibile evoluzione in senso libertario della Rivoluzione, ma anche con estrema chiarezza per quanto riguarda la realtà corrente, Malatesta chiarisce che la cosiddetta dittatura del proletariato altro non è che la dittatura del partito sulle masse popolari.

Herbert Marcuse e il pensiero anti-autoritario

Herbert Marcuse è stato uno dei pensatori più influenti del Novecento, soprattutto è nota la passione che per lui avevano gli studenti in rivolta nei tardi anni sessanta. Il suo pensiero, intrinsecamente anti-autoritario, rispecchiava la volontà di cambiamento radicale che animava la protesta dei giovani in tutto il mondo occidentale; il suo rifiuto di ogni forma di repressione, il suo secco no alla civiltà tecnologica (in entrambe le declinazioni liberal-capitalistica e comunista-sovietica), lo resero il filosofo del "grande rifiuto" verso ogni forma di repressione.

Cripto-Anarchismo

Il criptoanarchismo - o criptoanarchia - è la realizzazione nel cyberspazio di una forma di anarchia mediante l'uso della crittografia. Assicurando la riservatezza, l'autenticità e l'integrità delle loro comunicazioni, il software crittografico offre agli individui una totale libertà di scambio garantendo il loro anonimato e il rispetto della loro vita privata.

Anarchia Intellettuale

Autarchia è indipendenza. Non ci si riferisce soltanto al suo significato strettamente materiale legato alla produzione ma alla sua valenza più ampia ed assoluta. In tal caso il concetto di autarchia giunge fino alle più intime profondità dell’essere coinvolgendo la totalità degli aspetti della sua esistenza.

D'altronde come potremmo mai chiamare quell’aspetto dell’individualismo assoluto che sfocia in autonomia di pensiero, sincerità intellettuale e retto filosofare?

In un contesto socio-politico in cui la maggioranza della moltitudine manca di coraggio e volontà di potenza, qual è l’ostacolo più grande alla realizzazione di una futura società aurea?

Gli scritti di Bakunin contro Marx

Bakunin tira fuori le sue armi migliori, finalmente, per attaccare Marx e il gruppo di potere che si era insediato nell’Internazionale. In queste pagine è finito il tempo delle illusioni e delle collaborazioni, le critiche sono chiare e dirette.

Una volta aveva detto che bisognava separare le grandi capacità analitiche di Marx, la sua preparazione filosofica ed economica, la quale poteva essere utilizzata anche dagli anarchici (invero in questo campo endemicamente carenti) e per il resto lo si poteva mettere tra parentesi. Adesso affronta le trame intestine, le calunnie, le chiacchiere di corridoio, i soppesamenti dietro le quinte, le correnti di potere, le meschinerie personali, e tutto quel bagaglio che in una parola si potrebbe definire come “politica”.

🎥 Partecipazione al comitato NO DRAGHI di Perugia ed intervista esponenti PCI

Questa mattina a Perugia si è svolta una manifestazione collegata alla Giornata Nazionale No Draghi, dopo un anno dalla prima in risposta al governo Draghi.

Il Distributismo applicato alle Libere Comunità

L'anarco-distributismo non si adatta perfettamente alle categorie tipiche. Non è né l'anarcocapitalismo né l'anarco-comunismo: non è contemporaneamente né l'uno né l'altro. È fondamentalmente mutualismo, ma di una varietà diversa. È anticapitalista nel senso più completo.(1) È di sinistra-libertario. Come anarchico, l'anarco-distributista cerca in definitiva la totale abolizione dello Stato. Tuttavia, l'anarco-distributista è realistico sul ruolo che il governo svolge nella società esistente e continuerà a svolgere nell'immediato futuro.

Donatella Di Cesare - Decostruire l'Anarchia

Il testo seguente è stato consegnato per la prima volta come discorso durante Anarchē, una conferenza di due giorni curata dall'Istituto per l'indagine culturale a Berlino. Qui la filosofa italiana Donatella Di Cesare esplora la possibilità di liberare l'ontologia anarchica nascosta nella tradizione anarchica.

Proudhon e la sua Terza Posizione

Le idee di Proudhon non sono le nostre idee, non sono state nemmeno sempre sue. Hanno combattuto in lui e così spesso si sono distrutte a vicenda che la sua mente è definita il luogo d'incontro dei contraddittori. Avendo capito molto, questo grande oratore non è stato in grado di mettere tutto in ordine.

L'Agorismo

L'agorismo, abbreviato in (Anarchia, Agorà, Azione), come ideologia politica riguarda più i mezzi che i fini. In breve, afferma che il modo migliore per raggiungere una società libera è attraverso i mercati neri e grigi. Fu proposto per la prima volta da Samuel Edward Konkin III alle conferenze CounterCon I nell'ottobre 1974 e CounterCon II nel maggio 1975.

Per gli agoristi è importante distinguere tra mercati grigi e neri e un "mercato rosso". L'agorismo supporta solo comportamenti legali ma al di fuori del quadro del sistema statale (mercati grigi) o illegali ma non intrinsecamente violenti (mercati neri), ma non supporta il commercio relativo a cose che violano il principio di non aggressione (il mercato rosso). Sostengono tutti gli usi della Controeconomia definendola come la somma di tutte le Azioni Umane non aggressive vietate dallo Stato.

Proudhon, il primo anarchico

Pierre-Joseph Proudhon è stato un filosofo, economista, sociologo, saggista ed anarchico francese. Tra i principali teorici dell'anarchismo, fu il primo ad attribuire un significato positivo ai termini "anarchia" ed "anarchico", sino ad allora impiegati soltanto con un'accezione dispregiativa, come afferenti ai concetti di anomia ed entropia, anche dai suoi stessi pensatori e militanti del tempo (perfino da William Godwin, generalmente considerato un teorico ed esponente ante litteram dell'anarchismo).

Proudhon, un pensatore scomodo

È un detto di Fouché: «Datemi un pezzo di carta con la firma d'un uomo, ed io lo farò giustiziare». Questo può essere un principio basilare della procedura cui s'informa la Polizia di Stato 🚨 ma nelle istanze intellettuali non è davvero un buon criterio.

Ernst Junger: Il Trattato del Ribelle

"Quando tutte le istituzioni divengono equivoche o addirittura sospette, e persino nelle chiese si sente pregare ad alta voce per i persecutori, anziché per le vittime, la responsabilità morale passa nelle mani del singolo, o meglio del singolo che non si è ancora piegato."

Uno sguardo all'Anarco-Capitalismo

Il 19 luglio 2020 alcuni membri di Libere Comunità presso la micronazione del Bardo, hanno avuto modo di intraprendere un aperto confronto con degli esponenti di Movimento Libertario. Per quanto ognuno di noi sia rimasto sulle proprie convinzioni (ma sicuramente con qualcosa in più su cui ragionare!) l'incontro è sicuramente stato utile per poter criticare più lucidamente le contraddizioni della politica moderna, svincolati da luoghi comuni e preconcetti, oltre che ad avere idee più chiare su tale movimento.

Autodeterminazione nazionale, internazionalismo e socialismo libertario

Ci sono pochi argomenti di maggiore disaccordo tra i socialisti libertari di "liberazione nazionale" e "autodeterminazione nazionale".

Per "socialisti libertari" si intendono anarchici di ogni tipo, anche marxisti libertari autonomi e altri con politiche simili.

Con "liberazione/autodeterminazione nazionale", l'idea che alcune nazioni sono oppresse e meritano di essere liberate da tale oppressione e di poter decidere da sole sotto quali sistemi sociali, economici e politici desiderano vivere.

Mutualismo Economico

Il mutualismo, chiamato anche proudhonismo o anarco-mutualismo (AnMut), è un'ideologia economicamente di sinistra (ma pro-mercato), anarchica e culturalmente variabile basata principalmente sugli scritti di Pierre-Joseph Proudhon.

Inoltre, è fortemente a favore della libertà individuale e può essere visto come l'ideologia unificante tra le scuole di pensiero anarchico sociale, individualista e di mercato, ed è stato molto influente nello sviluppo di altre ideologie anarchiche successive.

Il colore arancione rappresenta il suo voler essere una terza via tra il marxismo (rosso) e il capitalismo (giallo), mutuando libertà individuale e collettivismo.

L'Anarco-Sindacalismo: Proudhon contro Marx

Mi ci sono voluti vari anni per leggere e comprendere le opere di Pierre Joseph Proudhon. Bakunin, Kropotkin, Malatesta e Goldman mi erano tutti familiari, quindi perché ero reticente sul "padre dell'anarchismo"? Alcuni di questi possono essere attribuiti all'influenza generale degli scritti di Marx sull'opinione pubblica. Marx ha fatto un lavoro di scure su Proudhon e marxisti come Hal Draper hanno preso citazioni fuori contesto o hanno tirato fuori dichiarazioni imbarazzanti che facevano sembrare Proudhon autoritario o proto-fascista.

Il Sindacalismo Rivoluzionario di Padovani

Aurelio Padovani fu uno dei personaggi più carismatici appartenenti al sindacalismo rivoluzionario del secolo scorso, promotore di un concetto di sindacalismo che univa a tratti alcuni schemi di sia del sindacalismo libertario, che di quello anarchico prendendo a piene mani da Proudhon, in una chiave contraria (ma non anti-) al sindacalismo marxista (Approfondimento: L'Anarco-Sindacalismo: Proudhon contro Marx).

Diario di uno Scemo del Villaggio

Pensavo davvero che un interesse per l'anarchia mi avrebbe circondato di persone dalla mentalità aperta. È stato così strano che molti non si siano nemmeno cimentati con il materiale di cui sono così critici. Forse questa è una cosa americana anti-intellettuale, e forse è un residuo del paternalismo marxista. Questo tipo di arroganza è ciò che allontana le persone dagli anarchici in generale. Questa necessità di avere ragione è una nozione religiosa totalmente puritana.

L’individualismo assoluto quale mezzo di affrancamento dall’oppressione dualistica

Cos’è la morale? In breve rappresenta l’insieme di valori ed atteggiamenti utili alla vita comunitaria. Ma se la vita comunitaria si basa su una morale menzognera ed innaturale imposta attraverso il giogo di un sistema politico artefatto il cui fine è la sola sopravvivenza dello stato, non implica che ciò che viene pubblicamente esposto ed esaltato come “bene” sia realmente ed oggettivamente tale.