Lysander Spooner è una figura importante nella storia del movimento per la libertà. Era un sostenitore del movimento operaio ed era persino un membro della Prima Internazionale in un momento in cui socialisti e anarchici coesistevano pacificamente all'interno di quel movimento. Forse una delle cose più interessanti di Spooner è che fu il primo a gestire una società privata in diretta concorrenza con l'ufficio postale degli Stati Uniti. Questo sforzo prevedibilmente fallì non perché l'American Letter Mail Company non potesse competere, ma perché Spooner era ostacolato dalla legge.

Spooner nacque ad Athol, MA, nel 1808, discendente dei pellegrini Mayflower e secondo di nove figli. La sua carriera di avvocato ha stabilito il modello per il resto del lavoro della sua vita: Spooner aveva studiato sotto numerosi avvocati di spicco (una pratica nota come "leggere la legge", che era molto più comune all'epoca). Tuttavia, non aveva una laurea e la legge statale richiedeva che studiasse ulteriormente sotto un avvocato. Considerò questa una discriminazione legalizzata ma andò avanti e iniziò comunque a praticare.

Nel 1836, il legislatore statale si liberò del requisito. In effetti, Spooner era contrario a qualsiasi requisito legale per la licenza di qualsiasi professione, cosa che sarebbe tornata più avanti nella sua battaglia contro l'ufficio postale degli Stati Uniti. Questo faceva parte della convinzione di Spooner in una legge naturale, per cui qualsiasi atto di coercizione era ipso facto illegale.

Lo studio legale di Spooner non è stato un successo, né i suoi tentativi di dilettarsi nel mercato immobiliare. Tornò nella fattoria di suo padre nel 1840. Fu qui che escogitò il piano per l'American Letter Mail Company.

L'American Letter Mail Company

Per tutto il 1840, le tariffe dell'ufficio postale furono fonte di controversia nazionale, con molti americani che le consideravano esorbitanti. Per il contesto, a quei tempi inviare una lettera da Boston a Washington, DC costava 25 centesimi. Sono circa 7,50 dollari nel 2020. Il trasporto, tuttavia, era notevolmente più economico: un barile di farina costava circa i 2/3 di quanto costava spedire quella stessa lettera.

Spooner ha astutamente notato che mentre la Costituzione prevede un ufficio postale statale, non vieta ai privati ​​​​di gestire un proprio ufficio postale indipendente. Con la soluzione indipendente di Spooner sul mercato, i prezzi hanno iniziato a scendere in modo significativo. I casi giudiziari sono stati generalmente trovati a favore di Spooner, con la Circuit Court degli Stati Uniti d'accordo con la sua argomentazione secondo cui il governo degli Stati Uniti non aveva il diritto di monopolizzare il sistema di posta. Il Congresso intervenne, approvando una legge nel 1851, che rese l'ufficio postale degli Stati Uniti un monopolio legale.

Questo segnò la fine dell'azienda di Spooner, ma da allora in poi fu conosciuto come "il padre del francobollo da 3 centesimi".

L'abolizionismo di Spooner e la guerra civile

Il punto in cui Spooner è stato principalmente all'attenzione del pubblico era come abolizionista. Nel 1845 pubblicò un libro intitolato L'incostituzionalità della schiavitù, in cui sosteneva che la Costituzione degli Stati Uniti proibiva la schiavitù. Parte della sua argomentazione si basava sulla sua convinzione che tutte le leggi ingiuste fossero incostituzionali e potessero essere annullate dai giudici. Le sue argomentazioni sono state citate nella piattaforma del partito del Liberty Party e sono state citate da Fredrick Douglass per aver cambiato idea sull'argomento.

Dalla pubblicazione di questo libro fino al 1861, Spooner fu un instancabile attivista contro la schiavitù. Ha redatto lavori sull'annullamento della giuria e altri modi per i privati ​​​​cittadini di combatterlo. Spesso forniva gratuitamente consulenza legale agli schiavi fuggiaschi. Il senatore del Mississippi a favore della schiavitù Albert G. Brown credeva che Spooner fornisse la più forte sfida legale alla schiavitù, di cui era a conoscenza.

Spooner ha anche sostenuto la guerriglia e altre forme di violenza per fermare la schiavitù negli Stati Uniti. Tuttavia, si oppose anche agli Stati Uniti usando la forza per mantenere gli Stati Confederati nell'Unione. La sua opinione era che la stessa legge naturale che rendeva giusto e giusto che gli schiavi si ribellassero contro i loro proprietari, rendesse sbagliato e ingiusto che gli Stati Uniti usassero la forza militare contro il sud. Ciò lo rese alquanto impopolare da entrambe le parti della guerra, poiché le sue argomentazioni erano in contrasto con la narrativa ufficiale di ciascuna parte.

Anarchismo idiosincratico di Spooner

Dopo la guerra, ha continuato a scrivere sul tema dell'annullamento della giuria. La maggior parte del suo lavoro successivo è apparso nel diario Liberty dell'anarchico individualista Benjamin Tucker.

Spooner era un anarchico di una tradizione che è in gran parte scomparsa dalla scena: l'anarchico individualista che considera la società preindustriale e le piccole parti interessate come contrappeso al capitalismo industriale, di cui Spooner era un aspro critico. Era anche contrario alle leggi contro l'usura, così come alle leggi che impedivano il conio di moneta privata. Ha sostenuto il lavoro autonomo e si è opposto al lavoro salariato.

Quando il movimento libertario iniziò ad emergere all'inizio del XX secolo, il lavoro di Spooner godette di una sorta di rinascita, venendo ristampato nelle riviste popolari dell'epoca come Rampart Journal e Left and Right: A Journal of Libertarian Thought. Murray Rothbard lo ha citato come un'influenza, così come Randy Barnett. Tuttavia, la sua critica al lavoro salariato e al capitalismo rende difficile collocare Spooner come un "anarco-capitalista" nel modo in cui sarebbe pensato oggi. Spooner era un paladino del piccolo imprenditore, del piccolo agricoltore e della cooperativa di lavoro.

Forse il segno che Spooner lascia di più al movimento libertario come lo conosciamo oggi è la sua critica alla Costituzione, che secondo lui non ha alcuna autorità intrinseca. In quanto tali, gli individui non sono legalmente o moralmente obbligati a rispettare l'autorità federale. Tali sentimenti sono spesso ripresi da cittadini sovrani, resistenti alle tasse e altri membri del movimento per la libertà.

Vale la pena leggere Spooner, non solo perché le sue idee sono ancora attuali oggi (come lo sono) ma anche perché esiste in uno spazio così insolito e non calpestato nella storia della libertà americana. Potresti non essere d'accordo con tutto ciò che ha da dire, ma sicuramente avrai difficoltà a discuterne.

* Dall'articolo originale di Sam Jackobs https://ammo.com/articles/lysander-spooner-first-private-post-office-anarchism-forgotten-history

Il pensiero

In qualità di anarchico individualista, Spooner ha sostenuto la vita preindustriale in comunità di piccoli proprietari di proprietà in modo che potessero perseguire la vita, la libertà, la felicità e la proprietà in reciproca onestà senza cedere la responsabilità a un governo centrale. Spooner riteneva che un governo espansivo creasse schiavi virtuali e le sue richieste di obbedienza espropriassero il ruolo dell'individuo. Lasciando che il governo faccia e faccia rispettare le leggi, Spooner ha affermato che gli americani "hanno ceduto le loro libertà senza riserve nelle mani del governo".

Oltre al suo servizio postale extra-governativo e alle opinioni sull'abolizionismo, Spooner scrisse No Treason in cui sostiene che la Costituzione non è né un contratto né un testo a cui i cittadini sono vincolati. Spooner ha sostenuto che il Congresso nazionale dovrebbe dissolversi e lasciare che i cittadini si governino da soli poiché riteneva che gli individui dovrebbero fare il proprio destino.

Spooner credeva che fosse vantaggioso per le persone essere lavoratori autonomi in modo da poter godere di tutti i benefici del proprio lavoro piuttosto che doverli condividere con un datore di lavoro. Ha sostenuto che varie forme di intervento del governo nel libero mercato hanno reso difficile per le persone avviare un'attività in proprio. Per uno, credeva che le leggi contro i tassi di interesse elevati, o l'usura, impedissero a coloro che hanno capitale di concedere credito perché non potevano essere compensati per gli alti rischi di non essere rimborsati, scrivendo:

Se un uomo non ha capitale proprio, su cui elargire il suo lavoro, è necessario che gli sia permesso di ottenerlo a credito. E perché possa ottenerlo a credito, è necessario che gli sia permesso di contrarre a un tasso di interesse tale che induca un uomo, avendo un capitale in eccesso, a prestarglielo; poiché il capitalista non può, conformemente al diritto naturale, essere costretto a prestare il suo capitale contro la sua volontà. Tutti i vincoli legislativi sul saggio d'interesse, quindi, non sono altro che vincoli arbitrari e tirannici sulla capacità naturale di un uomo in mezzo al diritto naturale di assumere capitale, su cui elargire il proprio lavoro. [...] L'effetto delle leggi sull'usura, quindi, è di dare il monopolio del diritto di prendere in prestito denaro, a quei pochi, che possono offrire la sicurezza più approvata.

Spooner credeva che le restrizioni del governo all'emissione di denaro privato rendessero estremamente difficile per gli individui ottenere il capitale a credito per avviare le proprie attività, mettendoli così in una situazione in cui "una parte molto ampia di loro, per salvarsi dalla fame, ha non c'è alternativa che vendere il proprio lavoro ad altri" e coloro che impiegano altri possono solo permettersi di pagare "molto al di sotto di ciò che i lavoratori potrebbero produrre di se essi stessi avessero il capitale necessario con cui lavorare". Spooner ha detto che c'era "una tassa proibitiva - una tassa del dieci per cento - su tutte le banconote emesse per la circolazione come denaro, a parte le banconote degli Stati Uniti e delle banche nazionali" che secondo lui causavano una carenza artificiale di credito e che l'eliminazione di questa tassa comporterebbe la messa a disposizione di molti soldi per il prestito.

Spooner si oppose al lavoro salariato, argomentando:

"Tutti i grandi stabilimenti, di ogni genere, ora nelle mani di pochi proprietari, ma che impiegano un gran numero di salariati, sarebbero stati smantellati; perché poche o nessuna persona che potesse assumere capitali e fare affari per se stesso acconsentirebbe a lavorare per salariare qualcun'altro".

In risposta agli anarco-capitalisti che sostenevano che Spooner fosse un libertario di destra e un anarco-capitalista, Iain MacSaorsa sostiene che poiché Spooner era contrario al lavoro salariato, era un socialista di un tipo particolare, in particolare seguiva il socialismo di mercato, poiché il capitalismo è non l'unico sistema di mercato.

L'appartenenza di Spooner alla Prima Internazionale socialista e l'opposizione al lavoro salariato è il motivo per cui gli autori di An Anarchist FAQ e storici anarchici come James Martin e Peter Marshall lo considerano un libertario di sinistra anticapitalista, libertario socialista e socialista di mercato. Altri hanno definito Spooner un libertario, un anarco-capitalista e un proprietario terriero.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Proudhon e la sua Terza Posizione

Le idee di Proudhon non sono le nostre idee, non sono state nemmeno sempre sue. Hanno combattuto in lui e così spesso si sono distrutte a vicenda che la sua mente è definita il luogo d'incontro dei contraddittori. Avendo capito molto, questo grande oratore non è stato in grado di mettere tutto in ordine.

Corporatocrazia, o "socialismo per ricchi"

Si potrebbe dire che una politica economica simile alla corporatocrazia sia iniziata con il processo di enclosure in Inghilterra. Era un processo praticato in Inghilterra fin dal 13° secolo con il quale lo Stato inglese prendeva con la forza la terra rurale che era tradizionalmente di proprietà comune di piccoli collettivi e poi li dava a proprietari privati. Si tratta di un sistema economico in cui interviene statali all'interno dell'economia a beneficio del profitto di un numero selezionato per le società, in particolare nel contesto di schiacciamento concorrenza.

Herbert Marcuse e il pensiero anti-autoritario

Herbert Marcuse è stato uno dei pensatori più influenti del Novecento, soprattutto è nota la passione che per lui avevano gli studenti in rivolta nei tardi anni sessanta. Il suo pensiero, intrinsecamente anti-autoritario, rispecchiava la volontà di cambiamento radicale che animava la protesta dei giovani in tutto il mondo occidentale; il suo rifiuto di ogni forma di repressione, il suo secco no alla civiltà tecnologica (in entrambe le declinazioni liberal-capitalistica e comunista-sovietica), lo resero il filosofo del "grande rifiuto" verso ogni forma di repressione.

Clarence Lee Swartz, "La praticabilità del Mutualismo" (1926)

Il mutualismo è applicabile a tutte le relazioni umane. In tutta la gamma dell'esistenza, dalla nascita alla morte, la mutualità — associazione volontaria per l'azione reciproca — è dovunque e in ogni momento in attesa di risolvere ogni problema dei rapporti sociali, di decidere ogni questione che si pone nel commercio e nell'industria. Per praticare il mutualismo è necessario nominare solo due condizioni: che l'individuo non invadente non sia costretto, e che nessuna parte del prodotto del lavoro di nessuno gli sarà tolta senza il suo consenso. Con quelle generalizzazioni negative così postulate, affermando così la sovranità dell'individuo, ne deriva naturalmente il corollario positivo e costruttivo: la reciprocità; che implica iniziativa individuale, libero contratto e associazione di volontariato.

Mutualismo Economico

Il mutualismo, chiamato anche proudhonismo o anarco-mutualismo (AnMut), è un'ideologia economicamente di sinistra (ma pro-mercato), anarchica e culturalmente variabile basata principalmente sugli scritti di Pierre-Joseph Proudhon.

Inoltre, è fortemente a favore della libertà individuale e può essere visto come l'ideologia unificante tra le scuole di pensiero anarchico sociale, individualista e di mercato, ed è stato molto influente nello sviluppo di altre ideologie anarchiche successive.

Il colore arancione rappresenta il suo voler essere una terza via tra il marxismo (rosso) e il capitalismo (giallo), mutuando libertà individuale e collettivismo.

L'Anarchia delle Frontiere

Storicamente le frontiere non erano una festa d'amore capitalista. Molte comunità erano piuttosto vicine al mutualismo. Ad esempio, in Siberia in quasi tutti gli insediamenti c'era una banca comune (магазея, magazeya), la pelliccia e altre risorse venivano vendute al valore del lavoro svolto. Un sistema simile esisteva negli insediamenti dell'Australia, delle Americhe, ecc.

Uno sguardo all'Anarco-Capitalismo

Gli anarco-capitalisti possono essere definiti dei capitalisti classici? E soprattutto, possono essere definiti anarchici?

“Lo Stato, a differenza di quanto accade con una banda di malfattori, non è considerato una organizzazione criminale; anzi, solitamente i suoi tirapiedi hanno rivestito le posizioni più elevate nella società. Si tratta di una condizione che permette allo Stato di cibarsi delle proprie vittime e, al tempo stesso, di raccogliere il sostegno, o almeno l’acquiescenza, di gran parte di esse a questo processo di sfruttamento.”

 

(Murray Rothbard)

Lo stesso autodefinirsi "anarchici" dei principali esponenti dell'anarco-capitalismo è stato spesso contestato dagli altri movimenti anarchici. Nonostante ciò, gli anarco-capitalisti credono che la via da loro proposta sia la sola attraverso cui è possibile giungere a realizzare concretamente l'ideale di assenza dello stato cui tendono anche gli anarchici "tradizionali".

L'Agorismo

L'agorismo, abbreviato in (Anarchia, Agorà, Azione), come ideologia politica riguarda più i mezzi che i fini. In breve, afferma che il modo migliore per raggiungere una società libera è attraverso i mercati neri e grigi. Fu proposto per la prima volta da Samuel Edward Konkin III alle conferenze CounterCon I nell'ottobre 1974 e CounterCon II nel maggio 1975.

Per gli agoristi è importante distinguere tra mercati grigi e neri e un "mercato rosso". L'agorismo supporta solo comportamenti legali ma al di fuori del quadro del sistema statale (mercati grigi) o illegali ma non intrinsecamente violenti (mercati neri), ma non supporta il commercio relativo a cose che violano il principio di non aggressione (il mercato rosso). Sostengono tutti gli usi della Controeconomia definendola come la somma di tutte le Azioni Umane non aggressive vietate dallo Stato.

Cripto-Anarchismo

Il criptoanarchismo - o criptoanarchia - è la realizzazione nel cyberspazio di una forma di anarchia mediante l'uso della crittografia. Assicurando la riservatezza, l'autenticità e l'integrità delle loro comunicazioni, il software crittografico offre agli individui una totale libertà di scambio garantendo il loro anonimato e il rispetto della loro vita privata.