La sperimentazione politica non era rara all'inizio del XX secolo. In Ucraina, dove le disastrose battaglie della prima guerra mondiale sul fronte orientale hanno lasciato vuoti di potere, c'erano opportunità per alcuni individui di tutto lo spettro politico di emergere con idee diverse. Ondate di uomini, armi e fondi hanno assicurato che questi nuovi movimenti potessero cristallizzarsi negli stati. Una di queste entità era Makhnovia.

Le nuvole si radunano

Nestor Makhno nacque nel 1888 a Huliaipole, un insediamento ucraino che a quel punto faceva parte dell'impero russo. Suo padre e sua madre, Ivan Makhno ed Evdokia Makhno nata Perederi, erano servi della gleba liberati e la famiglia di sette persone ha lottato per sbarcare il lunario. Questa lotta si intensificò quando il patriarca morì quando Nestore aveva solo undici mesi.

La rivoluzione del 1905 fu un risveglio politico per Nestor Makhno. Le rivolte e gli scioperi lo fecero interessare al più ampio panorama sociale, portandolo a leggere la letteratura politica. All'inizio la sua lealtà era con i socialdemocratici, perché aveva letto un numero considerevole delle loro opere, ma la situazione cambiò all'inizio del 1906 quando incontrò gli anarchici della sua città natale. Makhno è diventato un membro a pieno titolo degli anarchici dopo circa sei mesi, a quel punto ha preso parte alle varie operazioni del gruppo, come attacchi armati a uomini d'affari, agenti di polizia e diligenze postali.

Le autorità zariste avrebbero infine catturato il gruppo anarchico Huliaipole, risultando in un processo nel marzo 1910 a Ekaterinoslav. La condanna di Makhno è stata commutata dalla morte per impiccagione ai lavori forzati a vita. Di conseguenza, il giovane è andato in un sistema carcerario pieno di prigionieri politici di ogni genere, pieno della certezza che molti dei suoi anni sarebbero spariti nei confini oscuri.

Appare un'onda rossa

Nel marzo 1917, la Rivoluzione capovolse l'ordine costituito. Molti prigionieri politici, incluso Makhno, hanno riguadagnato la libertà. Non perse tempo a dedicarsi di nuovo alla politica. Nel momento in cui tornò a Huliaipole, il 29 marzo 1917 aiutò il popolo a fondare l'Unione dei Contadini. Sotto la guida di Makhno, gli operai presero la direzione delle aziende; hanno disarmato la milizia locale e revocato i loro poteri di arresto, confiscato atti di proprietà terriera e trattenuto l'affitto ai proprietari terrieri.

I rivoluzionari collettivizzarono diversi poderi agricoli della zona, creando nuovi comuni di circa 200 abitanti ciascuno. I membri delle comuni makhnoviste avevano gli stessi obblighi in termini di cucina, indipendentemente dal sesso, e di manodopera, compresa l'agricoltura e/o le officine meccaniche/produzione artigianale, determinata dalle assemblee generali. In questi comuni si rifugiarono anche alcune famiglie senza terra. Non soddisfatto di sovrintendere alla loro gestione, Makhno diede anche una mano ai comuni; lavorare come meccanico o seminare nei campi, tra le altre attività.

Nell'ottobre 1917, i bolscevichi organizzarono un colpo di stato in Russia, provocando la formazione di una ribellione anti-bolscevica, il cosiddetto movimento bianco, in opposizione ad esso. La guerra civile russa si sarebbe estesa anche a uno spazio vicino alla sfera di Makhno quando le truppe di Central Rada (nazionalisti ucraini) si sarebbero abbattute su Alexandrovsk. Il 4 gennaio 1918 il soviet Huliaipole avrebbe preso la fatidica decisione di inviare un distaccamento di quasi mille uomini a combattere contro le forze Rada.

Una serie di scontri

Nestor Makhno si è imbattuto in un grave problema: il finanziamento. Accettare i finanziamenti dal comitato rivoluzionario di Alexandrovsk li renderebbe dipendenti da qualcun altro e, cosa più significativa, renderebbe il Soviet di Huliaipole sottomesso ai bolscevichi. Makhno non voleva che accadesse. Invece, il popolo ha accettato di requisire circa 250.000 rubli da una banca locale. I makhnovisti hanno dirottato questi fondi all'ufficio acquisti, che li avrebbe utilizzati per le necessità quotidiane del soviet, e un orfanotrofio per gli orfani di guerra.

Il trattato di Brest-Litovsk del 3 marzo 1918 capovolse ancora una volta il mondo. Era un trattato, suggellato tra Lenin e la Germania, in cui quest'ultima potenza acquisì influenza su gran parte dell'Europa orientale. Migliaia di truppe austro-tedesche marciarono in Ucraina per unirsi ai loro alleati locali. Il 15 aprile, mentre Makhno e 1500 volontari stavano viaggiando per unirsi ad altri gruppi partigiani, un gruppo di nazionalisti ucraini si impadronì di Huliaipole e da allora in poi invitò le forze austro-tedesche nell'insediamento.

Makhno partì con dodici compatrioti il ​​22 settembre 1918 per contrattaccare. Indossava un'uniforme da capitano nazionalista mentre viaggiava su una tachanka, una carrozza trainata da cavalli dotata di una mitragliatrice Maxim. Quando incontrarono un contingente nazionalista a un centinaio di chilometri da Huliaipole, Makhno montò sulla mitragliatrice e ordinò loro di disarmarsi. Dal successivo interrogatorio, gli anarchici appresero la posizione degli alloggi del nemico, la loro forza e il loro morale. I sotterfugi e la tachanka rimarrebbero i segni distintivi delle campagne dei machnovisti.

I gruppi armati più piccoli e mobili dell'anarchico permisero loro di ottenere vittorie contro gruppi più grandi di truppe ben attrezzate delle fazioni bianche e delle potenze centrali. Parte del successo di Makhno è dovuto anche alle sue precauzioni ossessive, come l'affissione sempre 24 ore su 24 di avamposti su ogni lato dell'area che occupava, che gli hanno permesso di essere allerta per qualsiasi minaccia, di cui ce n'erano molte nel mutevole paesaggio del Guerra civile russa. Per mascherare i movimenti delle sue truppe, preferiva anche marciare di notte.

Un codice tenuto a portata di mano

I machnovisti sfruttarono il potere della propaganda. Hanno fatto circolare migliaia di volantini anarchici, Makhno si è rivolto ai villaggi in innumerevoli discorsi e hanno reclutato migliaia di volontari. Queste misure avevano spinto la regione di Alexandrovsk in una rivolta generale entro la fine del 1918. Anche la rete di intelligence anarchica di donne contadine volontarie teneva Makhno aggiornato sui movimenti delle truppe nemiche. L'armistizio dell'11 novembre significò il ritiro delle truppe austro-tedesche, il che significava che vaste zone dell'Ucraina furono riaperte.

Il 27 dicembre 1918 Makhno venne in aiuto del soviet operaio di Ekaterinoslav, che era stato smembrato dalle forze nazionaliste ucraine. Durante una pausa nei combattimenti, un gruppo di sedicenti funzionari bolscevichi ha visitato il quartier generale di Makhno per iniziare la consegna del potere. Nel momento in cui si è reso conto di cosa stava succedendo, l'anarchico li ha schiaffeggiati e presi a calci, cacciandoli dal suo ufficio. Makhno non aveva pazienza per quella che pensava fosse una vena di autoritarismo nei bolscevichi.

Defezioni e volontari aumentarono il numero dei makhnovisti, portando il loro esercito a contare quasi 60.000 soldati entro la fine di gennaio 1919. Anche la Russia rientrò nel conflitto in questo periodo, inviando unità dell'Armata Rossa in Ucraina, il che indebolì ulteriormente i "bianchi" e i nazionalisti. La situazione ha permesso ai makhnovisti di stabilire la loro autorità su un'area nel sud-est dell'Ucraina, con Huliaipole come capitale. Tuttavia, Makhno era contrario al centralismo economico e politico, e questo influenzò la sua organizzazione politica. Un osservatore bolscevico ha riferito come il governo ha operato a Makhnovia (Mentzel 2017: 178):

“Non c'era un organo centrale di governo: c'era solo il Soviet Rivoluzionario Militare che era allo stesso tempo una sorta di parlamento e un'agenzia militare centrale che si occupava sia di questioni militari che civili. Questa agenzia aveva una vasta gamma di funzioni, ma nello svolgimento di queste si presentava solo come un organo direttivo e non aveva diritti propri, tutti i poteri erano conferiti agli organi locali. Tutto si riduceva ad ogni villaggio e ad ogni distretto dirigendosi con completa indipendenza”.

All'interno di questa libera confederazione di governi regionali, gli anarchici fondarono la rivista Put k Svobode (Road to Liberty), istituirono una Commissione culturale-educativa e cercarono di sviluppare un sistema educativo. La popolazione di Makhnovia era diversificata, con popolazioni greche, ebraiche, russe, tedesche e ucraine sparse ovunque. Mentre le fazioni bianche e bolsceviche hanno intrapreso attacchi antisemiti, Makhno ha impiccato chiunque fosse colpevole di tali azioni. Ai frequenti raduni popolari makhnovisti, in effetti referendum permanenti, i cittadini potevano presentare lamentele, ascoltare altri oratori e interagire con figure politiche.

Il sentiero tortuoso

Entro la fine di gennaio 1919, le offensive dell'Armata Bianca e la mancanza di munizioni costrinsero le truppe makhnoviste a tornare indietro, portando Makhno a fare ciò che cercava sempre di evitare: cercare aiuto dai bolscevichi. I rifornimenti dei bolscevichi permisero ai partigiani makhnovisti di passare all'offensiva il 4 febbraio. Nell'arco di un mese e mezzo, il makhnovista rinvigorito respinse i Bianchi per una distanza di cento chilometri sui loro fronti occidentale e orientale, distruggendo i bastioni nemici. Nonostante il successo, in un congresso makhnovista tenutosi il 12 maggio, Makhno disse (Shubin 2010: 24):

“Il governo bolscevico dell'Ucraina si è nominato tutore dei lavoratori. Ha messo le mani su tutta la ricchezza del paese e se ne dispone come se fosse proprietà del governo. La burocrazia del Partito, ancora una volta appesa al collo di una classe superiore privilegiata, tiranneggia il popolo... la tirannia della Ceka [la Commissione straordinaria panrussa dei bolscevichi per la lotta alla controrivoluzione e al sabotaggio — AS] contro le organizzazioni anarchiche e socialiste, parlano tutte di un ritorno al dispotismo del passato”.

Queste parole sarebbero profetiche. I bolscevichi chiesero ai makhnovisti di rinunciare alla loro indipendenza per essere incorporati nel loro regno, ma gli anarchici intensificarono le loro critiche ai loro alleati. Con le tensioni crescenti, Makhno inviò un telegramma alla leadership bolscevica il 6 e 9 giugno 1919, affermando che si sarebbe dimesso dalla sua posizione per evitare un conflitto. In risposta, i bolscevichi mandarono la Ceka ad arrestarlo, ma sfuggì ai suoi inseguitori.

Makhno avrebbe continuato a condurre una guerriglia partigiana. Ha tenuto la città di Ekaterinoslav dall'11 novembre al 19 dicembre 1919, ma un'epidemia di tifo decimò le sue truppe, indebolendo la sua posizione. Nel gennaio dell'anno successivo, due divisioni dell'Armata Rossa marciarono nel territorio makhnovista. Una breve alleanza tra anarchici e bolscevichi il 1° ottobre 1920 permise a entrambi di concentrarsi sui bianchi risorgenti. Il 26 novembre 1920 i bolscevichi lanciarono un attacco senza preavviso contro gli anarchici. Makhno è sfuggito alla cattura per mesi, permettendo a lui e a una banda di suoi seguaci di attraversare il fiume Dnister per cercare sicurezza in Romania. Machnovia non c'era più.

Nestor Makhno trascorse i suoi ultimi anni a Parigi, discutendo di politica e lavorando come macchinista, operaio e falegname. Morirà il 6 luglio 1934, dopo essere sopravvissuto a più di cento battaglie, a causa degli effetti della tubercolosi.


Riferimenti

Articolo originale

Makhnovia: The World’s First Anarchist State

www.historyofyesterday.com/makhnovia-the-worlds-first-anarchist-state-3b5fd93a0299

Bibliografia

Anderson, B. 2010. Preface. In Hirsch, S. & Van der Walt, L (eds.). Anarchism and Syndicalism in the Colonial and Postcolonial World, 1870–1940. Leiden: Brill.

Akulov, M. 2015. Playground of Violence: Mennonites and Makhnovites in the Time of War and Revolution. International Relations and Diplomacy Vol. 3, №7: 439–447.

Mentzel, P.C. 2017. Chaos and Utopia: The Anarchists in the Russian Revolution and Civil War. The Independent Review Vol. 22, №2: 173–181.

Skirda, A. 2003. Nestor Makhno — Anarchy’s Cossack: The Struggle for Free Soviets in the Ukraine 1917–1921. Chico: AK Press.

Shubin, A. 2010. The Makhnovist Movement And The National Question In The Ukraine, 1917–1921. In Hirsch, S. & Van der Walt, L (eds.). Anarchism and Syndicalism in the Colonial and Postcolonial World, 1870–1940. Leiden: Brill.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

Fabrizio De André: l'internazionalista identitario

«Credo che ogni piccola etnia abbia diritto all'auto-determinazione. Anzi, se fosse per me tornerei ai Comuni liberi, alle città-stato.» (Fabrizio De André)

Rampollo favoloso e ribelle di una borghesia genovese distintissima, curioso del mondo e innamorato di sé, a vent’anni trascurava gli studi in giurisprudenza frequentando prostitute e suonando sulle navi da crociera.

Contestato dal Movimento Studentesco nel 1968 salì sul palco un po’ barcollante, scherzò dedicando La cattiva strada “al mio amico Nietzsche” e “al mio amico Cristo” e iniziò a suonare.

"Il marxismo è alieno alla mia cultura quanto il capitalismo": Nativi Americani e Rivoluzione

Il seguente discorso fu tenuto da Russell Means nel luglio del 1980 davanti a migliaia di persone di tutto il mondo che si erano radunate per il "Black Hills International Survival Gathering", sulle Black Hills, nel Dakota del Sud, negli Stati Uniti. È il discorso più famoso di Russell Means. Membro della tribù Oglala Lakola, probabilmente è stata la personalità più conosciuta dell’American Indian Movement degli USA, fondato nel 1973 con l’occupazione di Wounded Knee. Means è stato anche attore, carriera che iniziò con il ruolo di Chingachgook nel film "L’ultimo dei Mohicani", autore e filosofo. È deceduto il 22 ottobre del 2012 a 72 anni.

L'Uomo Autarchico

Può sembrare difficile da credere, ma c'è stato un tempo in cui la gente comune ha avuto un maggiore controllo sulla propria vita e ha abitato un mondo in cui la stragrande maggioranza degli individui era in grado di vivere in comunità solidali con i loro simili dove perseguire un'esistenza rurale lontano dal rumore dei centri commerciali; coltivare il cibo per il proprio consumo, parlare tra di loro e godere delle arti come la musica in una società senza televisione né videogiochi, una società centrata sulla trasmissione di valori tradizionali ai propri figli senza l'influenza nefasta delle scuole di regime e dei mass-media. Ma qualcosa è andato storto.

Carl Schmitt: Nichilismo e Anarchia nel Diritto Internazionale

Una scomoda complicità condivisa da quell'esistenzialista ed eretico realista, Carl Schmitt, con i suoi acerrimi nemici ideologici: gli anarchici. Nelle loro posizioni diametralmente opposte sullo Stato, sia Schmitt che gli anarchici rivelano l'assolutismo dello Stato nel momento sovrano dell'eccezione, e la sua dipendenza da una figura dell'anarchia che allo stesso tempo lo destabilizza, offuscando la divisione tra dentro e fuori e aprendo un momento genuinamente rivoluzionario.

Il Federalismo Anarchico di Malatesta

Negli anni passati, ai tempi dell’Internazionale, si soleva spesso adoperare la parola federalismo come sinonimo di anarchia; e la frazione anarchica della grande Associazione (che gli avversari, i quali imbevuti di spirito autoritario sogliono abbassare le più vaste questioni d’idee a meschine questioni di persone, chiamavano l’Internazionale bakunista) era dagli amici chiamata indifferentemente l’Internazionale anarchica, o l’Internazionale federalista.

Una panoramica sul Bioregionalismo

Il bioregionalismo è un approccio etico, politico, ideologico, legato al territorio in cui si vive, considerato come un insieme omogeneo dal punto di vista morfologico e da quello degli esseri viventi.

Rappresenta in un certo senso "l'intersezione" tra diverse anime culturali del movimento ambientalista: quelle tradizionaliste, (in senso eminentemente folclorico-ambientalista) e quelle localiste. Lo studio delle bioregioni utilizza largamente la Teoria degli Insiemi elaborata da Georg Cantor.

Si tratta quindi di considerare un territorio geografico omogeneo in cui dovrebbero essere predominanti le regole dettate dalla natura e non le leggi che l'uomo avrebbe definito.

I comunitaristi libertari in Ucraina

Con i gruppi politici marginali che hanno guadagnato slancio durante la Rivoluzione Euromaidan nel 2013, molta attenzione degli studiosi è stata data agli attori della destra radicale mentre le dinamiche della cosiddetta "Nuova sinistra radicale" sono state ignorate.

In passato la Nuova Sinistra Radicale si è battuta per l'egemonia culturale; tuttavia, la loro influenza diminuì quando il movimento sviluppò gravi divisioni ideologiche dopo Euromaidan. Con una "Nuova Sinistra Radicale" ideologicamente divisa, un nuovo gruppo, i comunitaristi libertari, è entrato nell'arena politica ucraina con l'obiettivo di riappropriarsi dei concetti del nazionalismo ucraino e dell'idea di una lotta antimperialista contro la Russia che incarna l'ucraino contemporaneo.

I comunitaristi libertari africani di Afro Native Pride Liberia

Oggi abbiamo chiesto ai nostri fratelli Africani dell' ANPT (Afro Native Pride Liberia) di spiegarci la loro visione del mondo, la loro comunità è attiva da una decade, e qui ci illustrano il perchè hanno aderito al Comunitarismo Libertario. Ringraziamo pubblicamente il loro portavoce, passandogli metaforicamente la penna per descriverci la sua realtà comunitaria libertaria ed autosufficiente!

Hakim Bey, il sogno anarchico delle T.A.Z.

Questa volta però vengo come il Dioniso vittorioso, che trasformerà il mondo in una vacanza... Non che abbia molto tempo...Nietzsche (dalla sua ultima “folle” lettera a Cosima Wagner)

I corsari e i pirati dei mari del XVIII secolo crearono una “rete d'informazione” che si estendeva per l’intero globo: primitiva e primariamente rivolta a truci affari, la rete funzionava nondimeno ammirabilmente. Sparse attraverso la rete erano isole, remoti nascondigli dove le navi potevano venire rifornite d'acqua e cibo, il bottino scambiato per necessità e lussi. Alcune di queste isole sostenevano “comunità intenzionali”, intere mini-società che vivevano coscientemente al di là della Legge e decise a rimanerci, anche se solo per breve ma felice esistenza.

Autodeterminazione nazionale, internazionalismo e socialismo libertario

Ci sono pochi argomenti di maggiore disaccordo tra i socialisti libertari di "liberazione nazionale" e "autodeterminazione nazionale".

Per "socialisti libertari" si intendono anarchici di ogni tipo, anche marxisti libertari autonomi e altri con politiche simili.

Con "liberazione/autodeterminazione nazionale", l'idea che alcune nazioni sono oppresse e meritano di essere liberate da tale oppressione e di poter decidere da sole sotto quali sistemi sociali, economici e politici desiderano vivere.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

La figura del Subcomandante Marcos

Il Subcomandante Marcos (in spagnolo: Subcomandante Insurgente Marcos), chiamato anche il “Delegato Zero”, è lo pseudonimo dietro il quale si celava il portavoce (vocero) dell'EZLN. Secondo il governo messicano, dietro il passamontagna che cela il volto del Subcomandante si nasconderebbe un laureato in filosofia ed ex-ricercatore dell'Universidad Nacional Autónoma de México (UNAM): Rafael Sebastián Guillén Vicente (nato a Tampico, Messico, il 19 giugno 1957). Marcos ha tuttavia sempre negato di essere Rafael Guillén. Il 25 maggio 2014, durante un pubblico discorso, ha annunciato la sua scomparsa come personaggio pubblico e il passaggio di consegne ad altre realtà indigene dell'EZLN.

Introduzione all'Anarco Tribalismo e all'Anarco Comunitarismo

Da alcuni anni esiste una minoranza piccola ma sempre più influente nei media libertari contemporanei che si è sviluppata in alcuni paesi, considerata "eretica" dalla maggioranza. Questa minoranza, la cui voce è ogni giorno più forte nonostante coloro che sono interessati a zittirla.

I comunitaristi libertari nativi americani d'Alaska

Oggi noi di Libere Comunità vi presentiamo i comunitaristi libertari delle tribù dei nativi americani d'Alaska. Ringraziamo il compagno Rinehart per averci inviato l'articolo raccontandoci la sua esperienza e la formazione della sua comunità libertaria indipendente ed autosufficiente formata da nativi americani in Alaska... buona lettura.

La Machnovščina: l'utopia di Makhno

Nestor Ivanovič Machno fu l’ispiratore di un vastissimo movimento rivoluzionario contadino nell’Ucraina all’indomani della rivoluzione russa. Nonostante le difficoltà create dalla lotta contro le armate bianche, quelle nazionaliste e anche quelle bolsceviche, i contadini ucraini ridistribuirono in modo egualitario la terra, costruirono soviet efficienti e iniziarono la costruzione di quello che si definisce, socialismo libertario e questo senza alcun tipo di condizionamento, senza sentire l'esigenza di un partito guida.

Bakunin: lo Stato non è la Patria

Pochi sono al corrente del fatto che un illustrissimo pensatore e rivoluzionario, quale fu Bakunin, da molti considerato effettivo padre del movimento anarchico, abbia riflettuto parecchio sul concetto di patria e su come esso poteva essere conciliato con gli ideali libertari che lui propugnava; allo stesso modo in cui lo fece Mazzini in correlazione al repubblicanesimo. Bakunin che, consapevole del concetto di “identità et(n)ica”, non lo trascura e lo assimila nel suo pensiero, senza, per questo contraddirsi.

Per una rete di Libere Comunità

L'idea di rimodellare il mondo e l'umanità, in virtù di una sfida non solo ecologica, ma economica, politica e sociale, ripensando al concetto di comunità e soprattutto di piccola patria ("small is better" direbbero gli inglesi o, meglio ancora, "less is more") è un'idea che, volenti o nolenti, terrà banco nel futuro prossimo.

"Statu Francese Assassinu!" Libere Comunità in solidarietà al Popolo Corso

Si è riacceso lo spirito separatista dell'isola Corsa. L’ondata di proteste è a sostegno del militante indipendentista Yvan Colonna, aggredito brutalmente da un detenuto nel carcere di Arles, nella regione della Provenza. L'uomo, che si trova ora in fin di vita, sta scontando un ergastolo per l'assassinio del prefetto francese Claude Erignac, avvenuto nel 1998. I manifestanti, che sono scesi in piazza al grido di “Statu Francese Assassinu”, accusano Parigi di essere responsabile del tentativo di omicidio del militante.

🎥 Libere Comunità incontra Patria Socialista - intervista e dibattito con Igor Camilli

La vita ci regala emozioni e momenti bellissimi, ma allo stesso tempo ci pone davanti a ostacoli e sfide che ci mettono in grande difficoltà.

L’importante è farsi trovare pronti, soprattutto a livello mentale, in modo da trovare dentro di noi la forza per superarli.