Derrick Jensen (nato il 19 dicembre 1960) è un ecofilosofo, scrittore, autore, insegnante e ambientalista americano di tradizione anarco-primitivista, anche se rifiuta l'etichetta "anarchico". È un critico dell'attenzione del movimento ambientalista mainstream sulla conservazione della civiltà e della tecnologia rispetto alla conservazione del mondo naturale.

Sfida in modo specifico i cambiamenti dello stile di vita e le soluzioni individualistiche ampiamente sostenute, considerandole inadeguate alla scala della catastrofe ambientale globale. Invece, promuove la disobbedienza civile, l'attivismo radicale e lo smantellamento delle infrastrutture a livello massiccio per fermare quello che ha chiamato "l'assassinio del pianeta".

Insieme ad altri attivisti ambientalisti radicali, Jensen ha corrisposto a "Unabomber", Ted Kaczynski, dopo il suo arresto. Hanno litigato perché Kaczynski sentiva che Jensen e altri ambientalisti radicali erano troppo dediti a cause di sinistra che Kaczynski trovava irrilevanti.

Jensen è uno dei fondatori e leader di Deep Green Resistance.


Le Azioni Parlano Più Forte Delle Parole

Derrick Jensen, Earth First! (1998)

Ogni mattina quando mi sveglio mi chiedo se dovrei scrivere o far saltare una diga. Mi dico che dovrei continuare a scrivere, anche se non sono sicuro che sia giusto. Ho scritto libri e fatto attivismo, ma non è né la mancanza di parole né la mancanza di attivismo che sta uccidendo il salmone qui nel nord-ovest. Sono le dighe.

Chiunque sappia qualcosa sul salmone sa che le dighe devono sparire. Chi sa qualcosa di politica sa che le dighe rimarranno. Gli scienziati studiano, i politici e gli uomini d'affari mentono e prendono tempo, i burocrati tengono riunioni pubbliche fasulle, gli attivisti scrivono lettere e comunicati stampa e ancora i salmoni muoiono.

Purtroppo, non sono solo nella mia incapacità o riluttanza ad agire. I membri della resistenza tedesca a Hitler dal 1933 al 1945, ad esempio, mostrarono una cecità sorprendente fin troppo familiare: pur sapendo che Hitler doveva essere rimosso per l'insediamento di un governo "decente", passarono più tempo a creare versioni cartacee di questo governo teorico che tentare di rimuoverlo dal potere. Non è stata una mancanza di coraggio a causare questa cecità, ma piuttosto un senso morale fuorviato. Karl Goerdeler, ad esempio, sebbene instancabile nel tentativo di creare questo nuovo governo, si oppose fermamente all'assassinio di Hitler, credendo che se solo i due avessero potuto sedersi faccia a faccia Hitler avrebbe potuto cedere.

Anche noi soffriamo di questa cecità e dobbiamo imparare a distinguere tra speranze vere e false. Dobbiamo eliminare le false speranze, che ci rendono ciechi di fronte alle possibilità reali. Qualcuno crede davvero che le nostre proteste indurranno Weyerhaeuser o altre multinazionali del legname a smettere di distruggere le foreste? Qualcuno crede davvero che gli stessi amministratori aziendali agiranno in modo diverso da soddisfare i propri desideri? Qualcuno crede davvero che un modello di sfruttamento antico come la nostra civiltà possa essere fermato a livello legislativo, giudiziario o attraverso mezzi diversi dal rifiuto assoluto della mentalità che ingegnerizza lo sfruttamento, seguito da azioni basate su quel rifiuto? Qualcuno pensa davvero che coloro che stanno distruggendo il mondo si fermeranno perché lo chiediamo gentilmente o perché protestiamo pacificamente davanti ai loro uffici?

Pochi possono ancora credere che lo scopo del governo sia proteggere i cittadini dalle attività di coloro che vorrebbero distruggere. È vero il contrario:

L'economista politico Adam Smith aveva ragione nel notare che lo scopo principale del governo è proteggere coloro che gestiscono l'economia dall'indignazione dei cittadini feriti. Aspettarsi che le istituzioni create dalla nostra cultura facciano altro che avvelenare le acque, denudare i pendii delle colline, eliminare modi di vivere alternativi e commettere genocidi è imperdonabilmente ingenuo.

Molti cospiratori tedeschi esitarono a rimuovere Hitler dall'incarico perché avevano giurato fedeltà a lui e al suo governo. I loro scrupoli provocavano più esitazioni della loro paura. Quanti di noi devono ancora sradicare i resti fuorvianti di una convinzione nella legittimità di questo governo al quale, da bambini, abbiamo giurato fedeltà? Quanti di noi non riescono a oltrepassare il limite della resistenza violenta perché crediamo ancora che, in qualche modo, il sistema possa essere riformato? E se non ci crediamo, cosa stiamo aspettando? Come Shakespeare ha detto così accuratamente,

"La coscienza ci rende tutti codardi".

Si potrebbe obiettare che paragonando il nostro governo a quello di Hitler sto sopravvalutando il mio caso. Non sono sicuro che il salmone sarebbe d'accordo, né la lince, né il popolo del Perù, Irian Jaya, Indonesia o qualsiasi altro luogo in cui le persone pagano con la vita per le attività della nostra cultura (ndr: americana-occidentale).

Se vogliamo sopravvivere, dobbiamo riconoscere che uccidiamo con l'inazione con la stessa certezza che con l'azione. Dobbiamo riconoscere che, come scrisse Hermann Hesse:

"Uccidiamo quando chiudiamo gli occhi davanti alla povertà, all'afflizione o all'infamia. Uccidiamo quando, perché è più facile, accettiamo o facciamo finta di approvare istituzioni sociali, politiche, educative e religiose atrofizzate, invece di combatterle risolutamente".

La domanda centrale - e per molti versi unica - del nostro tempo è questa: quali sono le risposte sane, appropriate ed efficaci a comportamenti scandalosamente distruttivi?

Così spesso, coloro che lavorano per rallentare la distruzione possono descrivere chiaramente i problemi. Chi non potrebbe? I problemi non sono né sottili né cognitivamente impegnativi. Tuttavia, di fronte al compito emotivamente scoraggiante di dare forma a una risposta a questi problemi chiaramente insolubili, generalmente soffriamo di una mancanza di nervi e di immaginazione. Gandhi scrisse una lettera a Hitler chiedendogli di smettere di commettere atrocità ed era disorientato dal fatto che non funzionasse. Continuo a scrivere lettere al direttore del giornale aziendale locale sottolineando le falsità e sono continuamente sorpreso dalla prossima assurdità.

Non sto suggerendo che un programma di omicidi ben mirato risolverebbe tutti i nostri problemi. Se fosse così semplice, non scriverei questo saggio. Assassinare Slade Gorton e Larry Craig, ad esempio, due senatori del nord-ovest il cui lavoro può essere caritatevolmente descritto come incessantemente ecocida, probabilmente rallenterebbe la distruzione non molto di più che scrivere loro una lettera. Né unici né soli, Gorton e Craig sono semplicemente strumenti per mettere in atto l'ecocidio, così come lo sono sicuramente le dighe, le società, le motoseghe, il napalm e le armi nucleari. Se qualcuno li uccidesse, altri prenderebbero il loro posto. I programmi ecocidi originati specificamente dalla psiche danneggiata di Gorton e Craig morirebbero con loro, ma la natura condivisa degli impulsi all'interno della nostra cultura continuerebbe a pieno regime, rendendo la sostituzione facile come l'acquisto di una nuova zappa.

Anche Hitler fu eletto legalmente e “democraticamente” come Craig e Gorton. Anche Hitler manifestò l'impulso di morte della sua cultura in modo abbastanza brillante da catturare i cuori di coloro che lo votarono al potere e mantenere la lealtà di milioni di persone che realizzarono attivamente i suoi piani. Hitler, come Craig e Gorton, come George Weyerhaeuser e altri amministratori delegati, non ha agito da solo. Perché, allora, distinguo una differenza tra loro?

L'attuale sistema ha già cominciato a crollare sotto il peso dei suoi eccessi ecologici, ed è qui che possiamo intervenire. Avendo trasferito la nostra lealtà dalle entità economiche e governative illegittime della nostra cultura alla terra, il nostro obiettivo deve essere quello di proteggere, con ogni mezzo possibile, i residenti umani e non umani delle nostre terre d'origine. Il nostro obiettivo, come quello di una squadra di demolizione su un edificio del centro, deve essere quello di aiutare la nostra cultura a crollare sul posto, in modo che nella sua caduta tolga meno vita possibile.

La discussione presuppone la distanza e il fatto che stiamo valutando se la violenza sia appropriata mi dice che non ci interessa ancora abbastanza. C'è un tipo di azione che non emerge dalla discussione, dalla teoria, ma dai nostri corpi e dalla terra. Questa azione è l'ape che punge per difendere il suo alveare; è la madre grizzly che carica un treno per difendere i suoi cuccioli; è la portavoce zapatista Cecelia Rodriguez che dice:

"Ho una domanda per quegli uomini che mi hanno violentata. Perché non mi avete ucciso? È stato un errore risparmiarmi la vita. Non starò zitta, questo non mi ha traumatizzato fino alla paralisi".

È l'attivista Ogoni Ken Saro-Wiwa, assassinato dal governo nigeriano su sollecitazione della Shell, le cui ultime parole sono state:

"Signore, prendi la mia anima, ma la lotta continua!"

Sono quelli che hanno partecipato alla rivolta del ghetto di Varsavia. È Cavallo Pazzo, Toro Seduto e Geronimo. Sono i salmoni che si battono contro il cemento, usando l'unica cosa che hanno, la loro carne, per cercare di abbattere ciò che li trattiene dalle loro case.

Non credo che la domanda se usare la violenza sia quella giusta. Invece, la domanda dovrebbe essere: senti sufficientemente la perdita? Finché ne discutiamo in astratto, abbiamo ancora troppo da perdere. Se cominciamo a sentire nel nostro corpo l'immensità e il vuoto di ciò che perdiamo ogni giorno: comunità naturali intatte, ore vendute per salario, infanzia perduta per la violenza, capacità delle donne di camminare senza paura, sapremo esattamente cosa fare.


Fonte: articolo pubblicato originariamente su Earth First! Journal, maggio-giugno 1998, p. 5


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Flandrensis partecipa alla Giornata Mondiale della Pulizia

Ogni anno il Granducato di Flandrensis partecipa in 72 nazioni al World Cleanup Day, un programma annuale di azione sociale globale volto a combattere il problema mondiale dei rifiuti solidi, compreso il problema dei detriti marini. È coordinato dall'organizzazione globale Let's Do It! World, la sede si trova a Tallinn, in Estonia.

I partecipanti ai World Cleanup Days sono in genere volontari, con il coordinamento di organizzazioni non governative che assistono nella sensibilizzazione, nella logistica e nella raccolta fondi.

La figura del Subcomandante Marcos

Il Subcomandante Marcos (in spagnolo: Subcomandante Insurgente Marcos), chiamato anche il “Delegato Zero”, è lo pseudonimo dietro il quale si celava il portavoce (vocero) dell'EZLN. Secondo il governo messicano, dietro il passamontagna che cela il volto del Subcomandante si nasconderebbe un laureato in filosofia ed ex-ricercatore dell'Universidad Nacional Autónoma de México (UNAM): Rafael Sebastián Guillén Vicente (nato a Tampico, Messico, il 19 giugno 1957). Marcos ha tuttavia sempre negato di essere Rafael Guillén. Il 25 maggio 2014, durante un pubblico discorso, ha annunciato la sua scomparsa come personaggio pubblico e il passaggio di consegne ad altre realtà indigene dell'EZLN.

Ca' Pallai - Giornata di Riforestazione Collettiva del Consolato Estense del Flandrensis

🇪🇬 Consolato Autonomo Estense del Gran Ducato di Flandrensis 🌲 Giornata di Riforestazione Collettiva di Ca' Pallai, 40 ciliegi messi a dimora in un'oasi protetta.

🐝 Creazione di Bug Hotel ecosostenibili in omaggio al recente rapporto diplomatico con il Principato d'Anthophilia, la Micronazione delle Api.

Tecnoprimitivismo

Il tecnoprimitivismo (o archeofuturismo) è un'ideologia che crede che, sebbene i progressi della tecnologia siano stati benefici per la razza umana, il cambiamento nei valori culturali avvenuto insieme agli sviluppi tecnologici sia stato negativo per la razza umana. Pertanto la società dovrebbe tornare ai valori culturali del passato.

Confederalismo Democratico

Il confederalismo democratico è una piattaforma politico-sociale sviluppata da Abdullah Öcalan, leader del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, sulle basi del municipalismo libertario e dell'ecologia sociale precedentemente teorizzate dal filosofo socialista libertario Murray Bookchin. Öcalan lo descrive come "una amministrazione politica non statale o una democrazia senza stato".

Il Confederalismo democratico è il modello di organizzazione del Rojava, regione autonoma de facto nel nord e nord-est della Siria.

L’individualismo assoluto quale mezzo di affrancamento dall’oppressione dualistica

Cos’è la morale? In breve rappresenta l’insieme di valori ed atteggiamenti utili alla vita comunitaria. Ma se la vita comunitaria si basa su una morale menzognera ed innaturale imposta attraverso il giogo di un sistema politico artefatto il cui fine è la sola sopravvivenza dello stato, non implica che ciò che viene pubblicamente esposto ed esaltato come “bene” sia realmente ed oggettivamente tale.

L'Anarchismo non è (solo) un club del libro

L’articolo di oggi vuole essere un invito a prendere per mano il proprio destino in una epoca segnata da continue divisioni sociali.

Il ruolo della cultura e della (contro)cultura in questi casi può essere sia la croce che la delizia di qualsiasi sottocultura si presenti per fare avere una propria identità a chi, non è soddisfatto di questa sopravvivenza, in una società dai mille compromessi che serve solo ad annichilire e far sprofondare sottoterra gli animi nobili e sensibili che potrebbero davvero contribuire ad una (de)crescita della qualità della vita.

🎥 Il Ducato del Bardo: Marco Zagni intervista Piercarlo Bormida

Marco Zagni intervista in esclusiva Piercarlo Bormida, fondatore della micronazione intenzionale del Bardo nella roccaforte del Ducato piemontese.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Panarchia?! Che cos'è? Si mangia?

Nel suo articolo del 1860 "Panarchia" Paul-Emile De Puydt, che espresse anche il suo sostegno all'economia del laissez-faire, applicò il concetto al diritto dell'individuo di scegliere qualsiasi forma di governo senza essere costretto a spostarsi dal luogo in cui si trova attualmente. Questo è talvolta descritto come "extraterritoriale" (o "exterritoriale") poiché i governi spesso servirebbero appezzamenti di terreno non contigui.

Donatella Di Cesare - Decostruire l'Anarchia

Il testo seguente è stato consegnato per la prima volta come discorso durante Anarchē, una conferenza di due giorni curata dall'Istituto per l'indagine culturale a Berlino. Qui la filosofa italiana Donatella Di Cesare esplora la possibilità di liberare l'ontologia anarchica nascosta nella tradizione anarchica.

Clarence Lee Swartz, "La praticabilità del Mutualismo" (1926)

Il mutualismo è applicabile a tutte le relazioni umane. In tutta la gamma dell'esistenza, dalla nascita alla morte, la mutualità — associazione volontaria per l'azione reciproca — è dovunque e in ogni momento in attesa di risolvere ogni problema dei rapporti sociali, di decidere ogni questione che si pone nel commercio e nell'industria. Per praticare il mutualismo è necessario nominare solo due condizioni: che l'individuo non invadente non sia costretto, e che nessuna parte del prodotto del lavoro di nessuno gli sarà tolta senza il suo consenso. Con quelle generalizzazioni negative così postulate, affermando così la sovranità dell'individuo, ne deriva naturalmente il corollario positivo e costruttivo: la reciprocità; che implica iniziativa individuale, libero contratto e associazione di volontariato.

Errico Malatesta - Contro la Dittatura del Proletariato (30 Luglio 1919)

Il testo che qui si riproduce è la lettera che Errico Malatesta scrisse da Londra a Luigi Fabbri in merito al tema della dittatura del proletariato che agitava il movimento operaio e rivoluzionario a seguito della Rivoluzione Russa. Con una certa cautela per una possibile evoluzione in senso libertario della Rivoluzione, ma anche con estrema chiarezza per quanto riguarda la realtà corrente, Malatesta chiarisce che la cosiddetta dittatura del proletariato altro non è che la dittatura del partito sulle masse popolari.

Makhnovia: il primo stato anarchico al mondo

La sperimentazione politica non era rara all'inizio del XX secolo. In Ucraina, dove le disastrose battaglie della prima guerra mondiale sul fronte orientale hanno lasciato vuoti di potere, c'erano opportunità per alcuni individui di tutto lo spettro politico di emergere con idee diverse. Ondate di uomini, armi e fondi hanno assicurato che questi nuovi movimenti potessero cristallizzarsi negli stati. Una di queste entità era Makhnovia.

Là dove finisce lo Stato, comincia l'uomo che non è superfluo

Si chiama Stato il più gelido di tutti i mostri. Esso è gelido anche quando mente; e questa menzogna gli striscia fuori di bocca: "Io, lo Stato, sono il popolo".

È una menzogna! Creatori furono coloro che crearono i popoli e sopra di essi affissero una fede e un amore: così facendo servirono la vita.

Distruttori sono coloro che sistemano trappole per i molti e li chiamano Stato: su di essi affiggono una spada e cento cupidigie.

Dove ancora esiste, il popolo non capisce lo stato e lo odia come occhio malvagio e colpa contro i costumi e i diritti.

Sorel, il primo Sindacalista Rivoluzionario

Afferma Sorel: «il socialismo è una questione morale, nel senso che esso porta alla luce un nuovo modo di giudicare gli atti umani, oppure, seguendo una celebre espressione di Nietzsche, una nuova valutazione di tutti i valori».

Il proletariato non ha bisogno di guide: autorganizzandosi, invece, può rendersi consapevole della sua funzione rivoluzionaria. Contro la tesi marxista del proletariato organizzato in un partito, Sorel auspica - senza per questo riprendere le idee anarchiche di Michail Bakunin ma semmai quelle di Proudhon, il primo anarchico - che l'azione diretta, senza mediazione alcuna, sia lo strumento dell'azione rivoluzionaria.

Cripto-Anarchismo

Il criptoanarchismo - o criptoanarchia - è la realizzazione nel cyberspazio di una forma di anarchia mediante l'uso della crittografia. Assicurando la riservatezza, l'autenticità e l'integrità delle loro comunicazioni, il software crittografico offre agli individui una totale libertà di scambio garantendo il loro anonimato e il rispetto della loro vita privata.

Flandrensis: due giornate di riforestazione!

🇪🇬 ! CERCASI VOLONTARI !🌲 Vi aspettiamo questo week-end per un doppio appuntamento, stavolta di nuovo in collaborazione a Città di Smeraldo Aps e Simbiosi Magazine nell'ambito del progetto Riforestiamo in Italia - Pianta un albero 🌱 NAF (Nuove Antiche Foreste) nasce con l'intento di ricostruire parti dell'antica foresta planiziale ormai pressoché completamente scomparsa. Tutta la Pianura Padana un tempo era ricoperta da un'immensa verde foresta, con stagni, paludi e una biodiversità oggi inimmaginabile. Il sogno è vedere nuove parti di questa foresta crescere, aumentando il valore biologico del territorio, migliorando l'aria, abbassando la CO2, aumentando esponenzialmente la biodiversità e dando rifugio a tante specie, sia animali che vegetali, che oggi sono in grande difficoltà 🌲 COSA ASPETTATE ? IL MOMENTO DI AGIRE È ORA !

Ambientalismo Senza Stato

Lo Stato e le sue istituzioni governative sono state dignitose nel mainstream ambientalista come forze palliative per affrontare e risolvere gli eccessi e i fallimenti del capitalismo e del neoliberismo verso una corretta gestione ambientale. Ma questo stato ambientale cade in evidenti contraddizioni rispetto al suo impegno formale con finalità ambientaliste. Inoltre, le istituzioni governative contribuiscono ad ampliare un atteggiamento nichilista nelle azioni ambientaliste della cittadinanza.

All'interno dei filoni ambientalisti dell'anarchismo, la questione dello Stato ha concentrato un'attenzione e una posizione rilevanti. Una prima critica verde si può trovare negli anarchici del diciannovesimo secolo, in cui lo Stato non ha spazio come forza violenta e centralizzata, in quanto corruttore della bontà della materia e della connessione riproduttiva e spirituale dell'uomo con la Natura.

La Carcassa in Decomposizione dietro lo Spauracchio Verde

Come l'anarchia verde è diventata la posizione più controversa

L'anarchia verde, indipendentemente dalla propaggine, è una filosofia, una critica e un modo di vivere che enfatizza i principi anarchici più pronunciati. Gli anarchici verdi sono pronti e disposti a smantellare tutte le strutture di dominio, a partire da un'analisi radicata dell'ecologia, il che significa la relazione tra tutti gli esseri viventi e l'ambiente fisico da cui tutti dipendiamo per sopravvivere.

Esamineremo le origini e la graduale evoluzione dell'anarchia verde, esploreremo come queste idee vengono percepite dalle persone che guardano dall'esterno e cercheremo di capire perché l'anarchia verde è così detestata da un contingente di teorici di sinistra che, sempre più, ci hanno calunniato come "eco-fascisti".