Il confederalismo democratico è una piattaforma politico-sociale sviluppata da Abdullah Öcalan, leader del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, sulle basi del municipalismo libertario e dell'ecologia sociale precedentemente teorizzate dal filosofo socialista libertario Murray Bookchin. Öcalan lo descrive come "una amministrazione politica non statale o una democrazia senza stato".

Il Confederalismo democratico è il modello di organizzazione del Rojava, regione autonoma de facto nel nord e nord-est della Siria.

Dopo il suo arresto nel 1999, Abdullah Öcalan è dal 2002 in regime di ergastolo e unico detenuto nell'isola-prigione di massima sicurezza di İmralı, lì Öcalan iniziò a leggere intensamente Murray Bookchin, specialmente L'Ecologia della libertà e Urbanizzazione senza città, i suoi scritti successivi ne mostrano l'influenza del suo studio e l'evoluzione teorica che dal marxismo o portò a teorizzare il Confederalismo democratico.

Nel marzo 2005 Öcalan diffuse una Dichiarazione per il Confederalismo democratico nel Kurdistan in cui auspicava una democrazia dal basso basata sulle strutture democratiche comunitarie della società naturale e che istituisse assemblee nei villaggi, nelle città e nei paesi.

Nel maggio 2007 il 5º congresso del Kongra-Gel (Kongra Gelê Kurdistan - Congresso del Popolo del Kurdistan) svoltosi sui Monti Qandil ha dato vita all'Unione delle Comunità del Kurdistan (KCK), un'unione organizzativa dei gruppi, tra i quali il PKK che in Turchia, Siria, Iran e Iraq hanno per scopo la creazione della nazione curda e la realizzazione del Confederalismo democratico.

Il 20 gennaio 2014 nella regione autonoma del Rojava, nel nord e nord-est della Siria, viene promulgato il Contratto Sociale del Rojava ispirato al Confederalismo democratico e che ne descrive l'amministrazione come una repubblica parlamentare fondata sul pluralismo ed il decentramento del potere.

Dichiarazione per il Confederalismo democratico nel Kurdistan (di Abdullah Öcalan)

I. Prefazione

Da oltre trent'anni il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) lotta per i legittimi diritti del popolo curdo. La nostra lotta, la nostra lotta per la liberazione ha trasformato la questione curda in una questione internazionale che ha interessato l'intero Medio Oriente e ha portato a una soluzione della questione curda a portata di mano. Quando il PKK è stato formato negli anni '70, il clima ideologico e politico internazionale era caratterizzato dal mondo bipolare della Guerra Fredda e dal conflitto tra il campo socialista e quello capitalista. Il PKK è stato ispirato in quel momento dall'ascesa dei movimenti di decolonizzazione in tutto il mondo. In questo contesto abbiamo cercato di trovare la nostra strada in accordo con la particolare situazione della nostra Patria. Il PKK non ha mai considerato la questione curda come un semplice problema di etnia o nazionalità. Piuttosto, abbiamo creduto, era il progetto di liberare la società e democratizzarla. Questi obiettivi hanno determinato sempre di più le nostre azioni a partire dagli anni '90. Abbiamo anche riconosciuto un nesso causale tra la questione curda e il dominio globale del moderno sistema capitalista. Senza mettere in discussione e sfidare questo collegamento una soluzione non sarebbe possibile. Altrimenti saremmo coinvolti solo in nuove dipendenze. Finora, di fronte a questioni di etnia e nazionalità come la questione curda, che hanno le loro radici profonde nella storia e alla base della società, sembrava esserci una sola praticabile. soluzione: la creazione di uno Stato-nazione, che era il paradigma della modernità capitalista di quel tempo. Non credevamo, tuttavia, che nessun progetto politico pronto sarebbe stato in grado di migliorare in modo sostenibile la situazione della popolazione in Medio Oriente. Non erano stati il ​​nazionalismo e gli stati-nazione a creare così tanti problemi in Medio Oriente? Diamo quindi uno sguardo più da vicino allo sfondo storico di questo paradigma e vediamo se possiamo mappare una soluzione che eviti la trappola del nazionalismo e si adatti meglio alla situazione del Medio Oriente.

II. Lo Stato-Nazione

A. Nozioni di base

Con la sedentarizzazione delle persone iniziarono a farsi un'idea dell'area in cui vivevano, della sua estensione e dei suoi confini, che erano per lo più determinati dalla natura e dalle caratteristiche del paesaggio. Clan e tribù che si erano insediate in una certa zona e vi hanno vissuto per lungo tempo svilupparono le nozioni di identità comune e di patria. I confini tra ciò che le tribù consideravano le loro terre d'origine non erano ancora confini. Commercio, cultura o lingua non erano limitati dai confini. I confini territoriali sono rimasti a lungo flessibili. Strutture feudali prevalevano quasi ovunque e di tanto in tanto sorsero monarchie dinastiche o grandi imperi multietnici con confini in continuo mutamento e molte lingue e comunità religiose diverse come l'Impero Romano, l'Impero Austro-Ungarico, l'Impero Ottomano o l'Impero Britannico. Sopravvissero a lunghi periodi di tempo ea molti cambiamenti politici perché la loro base feudale consentiva loro di distribuire il potere in modo flessibile su un'ampia gamma di centri di potere secondari più piccoli.

1. Stato-nazione e potere

Con la comparsa del commercio, il commercio e la finanza dello stato-nazione hanno spinto per la partecipazione politica e successivamente hanno aggiunto il loro potere alle tradizionali strutture statali. Lo sviluppo dello stato-nazione all'inizio della rivoluzione industriale più di duecento anni fa è andato di pari passo con l'accumulazione sregolata di capitale da un lato e lo sfruttamento senza ostacoli della popolazione in rapida crescita dall'altro. La nuova borghesia nata da questa rivoluzione voleva partecipare alle decisioni politiche e alle strutture statali. Il capitalismo, il loro nuovo sistema economico, divenne così una componente intrinseca del nuovo stato-nazione. Lo stato-nazione aveva bisogno della borghesia e del potere della capitale per sostituire il vecchio ordine feudale e la sua ideologia che poggiava su strutture tribali e diritti ereditati con una nuova ideologia nazionale che univa tutte le tribù ei clan sotto il tetto della nazione. In questo modo, capitalismo e stato-nazione divennero così strettamente legati l'uno all'altro che nessuno dei due poteva essere immaginato senza l'altro. Di conseguenza, lo sfruttamento non solo è stato sanzionato dallo stato, ma anche incoraggiato e facilitato. Ma soprattutto lo stato-nazione deve essere pensato come la massima forma di potere. Nessuno degli altri tipi di stato ha una tale capacità di potere. Una delle ragioni principali di ciò è che la parte alta della classe media è stata legata in maniera sempre più crescente al processo di monopolizzazione. Lo stesso stato nazionale è il monopolio completo più sviluppato. È l'unità più sviluppata di monopoli come il commercio, l'industria, la finanza e il potere. Si dovrebbe anche pensare al monopolio ideologico come a una parte indivisibile del monopolio del potere.

2. Lo Stato e le sue radici religiose

Le radici religiose dello stato sono già state discusse in dettaglio (A. Ocalan, The Roots of Civilization, Londra, 2007). Molti concetti e nozioni politiche contemporanee hanno la loro origine in concetti o strutture religiose o teologiche. Infatti, uno sguardo più attento rivela che la religione e l'immaginazione divina hanno determinato le prime identità sociali nella storia. Hanno formato il collante ideologico di molte tribù e altre comunità pre-statali e hanno definito la loro esistenza come comunità.

Successivamente, dopo che le strutture statali si erano già sviluppate, i tradizionali legami tra stato, potere e società iniziarono a indebolirsi. Le idee e le pratiche sacre e divine che erano state presenti all'origine della comunità perdevano sempre più il loro significato per l'identità comune e venivano invece trasferite su strutture di potere come monarchi o dittatori. Lo stato e il suo potere derivavano dalla volontà e dalla legge divina e il suo sovrano divenne re per grazia di Dio. Rappresentavano il potere divino sulla terra.

Oggi, la maggior parte degli stati moderni si definisce laica, sostenendo che i vecchi legami tra religione e stato sono stati interrotti e che la religione non fa più parte dello stato. Questa è probabilmente solo metà della verità. Anche se le istituzioni religiose oi rappresentanti del clero non partecipano più al processo decisionale politico e sociale, continuano a influenzare queste decisioni in una certa misura così come sono essi stessi influenzati da idee e sviluppi politici o sociali. Pertanto, il secolarismo, o laicità come viene chiamato in Turchia, contiene ancora elementi religiosi. La separazione tra stato e religione è il risultato di una decisione politica. Non è venuto naturalmente. Questo è il motivo per cui anche oggi il potere e lo stato sembrano essere qualcosa di dato, dato da Dio, potremmo anche dire. Nozioni come stato laico o potere laico rimangono ambigue. Lo stato-nazione ha anche assegnato una serie di attributi che servono a sostituire attributi più antichi radicati religiosamente come: nazione, patria, bandiera nazionale, inno nazionale e molti altri. In particolare nozioni come l'unità di stato e nazione servono a trascendere le strutture politiche materiali e ricordano, in quanto tali, l'unità pre-statale con Dio. Sono stati messi al posto del divino

Quando in passato una tribù soggiogava un'altra tribù, i suoi membri dovevano adorare gli dei dei vincitori. Possiamo senza dubbio chiamare questo processo un processo di colonizzazione, persino di assimilazione. Lo stato-nazione è uno stato centralizzato con attributi quasi divini che ha completamente disarmato la società e monopolizza l'uso della forza.

3. Burocrazia e Stato-nazione

Poiché lo stato-nazione trascende la sua base materiale, i cittadini, assume un'esistenza al di là delle sue istituzioni politiche. Ha bisogno di istituzioni aggiuntive proprie per proteggere le sue basi ideologiche così come le strutture legali, economiche e religiose. La burocrazia civile e militare che ne risulta in continua espansione è costosa e serve solo a preservare lo stato trascendente stesso, che a sua volta eleva la burocrazia al di sopra del popolo. Durante la modernità europea lo Stato aveva tutti i mezzi a sua disposizione per espandere la sua burocrazia in tutti gli strati della società. Lì è cresciuto come un cancro infettando tutte le linee di vita della società. Burocrazia e stato-nazione non possono esistere l'uno senza l'altro. Se lo stato-nazione è la spina dorsale della modernità capitalista, è certamente la gabbia della società naturale. La sua burocrazia assicura il buon funzionamento del sistema, assicura le basi della produzione di beni e assicura i profitti per gli attori economici rilevanti sia nello stato-nazione socialista reale che in quello favorevole agli affari. Lo stato-nazione addomestica la società in nome del capitalismo e aliena la comunità dalle sue basi naturali. Qualsiasi analisi volta a localizzare e risolvere i problemi sociali deve dare un'occhiata da vicino a questi collegamenti.

4. Stato-nazione e omogeneità

Lo stato-nazione nella sua forma originaria mirava alla monopolizzazione di tutti i processi sociali. La diversità e la pluralità dovevano essere combattute, un approccio che portava all'assimilazione e al genocidio. Non solo sfrutta le idee e il potenziale lavorativo della società e colonizza i capi delle persone in nome del capitalismo. Assimila anche tutti i tipi di idee e culture spirituali e intellettuali al fine di preservare la propria esistenza. Mira a creare un'unica cultura nazionale, un'unica identità nazionale e un'unica comunità religiosa unificata. Così si impone anche una cittadinanza omogenea. La nozione di cittadino è stata creata come risultato della ricerca di tale omogeneità. La cittadinanza della modernità non definisce altro che il passaggio dalla schiavitù privata alla schiavitù di stato. Il capitalismo non può ottenere profitto in assenza di eserciti di schiavi moderni. La società nazionale omogenea è la società più artificiale che sia mai stata creata ed è il risultato del “progetto di ingegneria sociale”. Questi obiettivi sono generalmente raggiunti con l'uso della forza o con incentivi finanziari e hanno spesso portato all'annientamento fisico di minoranze, culture o lingue o all'assimilazione forzata. La storia degli ultimi due secoli è ricca di esempi che illustrano i violenti tentativi di creare una nazione che corrisponda alla realtà immaginaria di un vero Stato-nazione. Questi obiettivi sono generalmente raggiunti con l'uso della forza o con incentivi finanziari e hanno spesso portato all'annientamento fisico di minoranze, culture o lingue o all'assimilazione forzata. La storia degli ultimi due secoli è ricca di esempi che illustrano i violenti tentativi di creare una nazione che corrisponda alla realtà immaginaria di un vero Stato-nazione. Questi obiettivi sono generalmente raggiunti con l'uso della forza o con incentivi finanziari e hanno spesso portato all'annientamento fisico di minoranze, culture o lingue o all'assimilazione forzata. La storia degli ultimi due secoli è ricca di esempi che illustrano i violenti tentativi di creare una nazione che corrisponda alla realtà immaginaria di un vero Stato-nazione.

5. Stato-nazione e società

Si dice spesso che lo stato-nazione si preoccupa del destino della gente comune. Questo non è vero. Piuttosto, è il governatore nazionale del sistema capitalista mondiale, un vassallo della modernità capitalista che è più profondamente invischiato nelle strutture dominanti della capitale di quanto si tende a supporre: è una colonia della capitale. Indipendentemente da quanto nazionalista possa presentarsi lo stato-nazione, serve nella stessa misura i processi capitalistici di sfruttamento. Non c'è altra spiegazione per le orribili guerre di ridistribuzione della modernità capitalista. Quindi lo stato-nazione non è con la gente comune, è un nemico dei popoli. Le relazioni tra altri stati-nazione e monopoli internazionali sono coordinate dai diplomatici dello stato-nazione. Senza il riconoscimento da parte di altri stati-nazione nessuno di loro potrebbe sopravvivere. La ragione può essere trovata nella logica del sistema capitalista mondiale. Gli stati-nazione che lasciano la falange del sistema capitalista saranno presi dalla stessa sorte che ha subito il regime di Saddam in Iraq o saranno messi in ginocchio per mezzo di embarghi economici. Deriviamo ora alcune caratteristiche dello stato-nazione dall'esempio della Repubblica di Turchia.

B. Fondamenti ideologici dello Stato-nazione

In passato la storia degli stati veniva spesso identificata con la storia dei loro governanti, che conferiva loro qualità quasi divine. Questa pratica è cambiata con l'ascesa dello stato-nazione. Ora l'intero stato era idealizzato ed elevato a un livello divino.

1. Nazionalismo

Supponendo che paragoneremmo lo stato-nazione a un dio vivente, allora il nazionalismo sarebbe la religione corrispondente. Nonostante alcuni elementi apparentemente positivi, lo stato-nazione e il nazionalismo mostrano caratteristiche metafisiche. In questo contesto, il profitto capitalista e l'accumulazione del capitale appaiono come categorie avvolte nel mistero. Dietro questi termini c'è una rete di relazioni contraddittorie che si basa sulla forza e sullo sfruttamento. La loro egemonica lotta per il potere serve alla massimizzazione dei profitti. In questo senso, il nazionalismo appare come una giustificazione quasi religiosa. La sua vera missione, tuttavia, è il suo servizio allo stato-nazione virtualmente divino e la sua visione ideologica che pervade tutte le aree della società. Arte, scienza e consapevolezza sociale: nessuno di loro è indipendente.

2. Scienza positivista

Il paradigma di una scienza positivista o descrittiva costituisce un altro pilastro ideologico dello stato-nazione. Alimenta l'ideologia nazionalista ma anche il laicismo che ha preso la forma di una nuova religione. D'altra parte è uno dei fondamenti ideologici della modernità ei suoi dogmi hanno influenzato in modo sostenibile le scienze sociali. Il positivismo può essere circoscritto come un approccio filosofico strettamente confinato all'apparenza delle cose, che identifica con la realtà stessa. Poiché nel positivismo l'apparenza è realtà, nulla che non ha apparenza può far parte della realtà. Sappiamo dalla fisica quantistica, dall'astronomia, da alcuni campi della biologia e persino dall'essenza del pensiero stesso che la realtà si verifica in mondi che sono al di là degli eventi osservabili. La verità, nel rapporto tra osservato e osservatore, si è mistificato nella misura in cui non si adatta più a nessuna scala o definizione fisica. Il positivismo nega questo e quindi, in una certa misura, assomiglia all'idolatria dei tempi antichi, dove l'idolo costituisce l'immagine della realtà.

3. Sessismo

Un altro pilastro ideologico dello stato-nazione è il sessismo che pervade l'intera società. Molti sistemi civili hanno impiegato il sessismo per preservare il proprio potere. Hanno imposto lo sfruttamento delle donne e le hanno usate come una preziosa riserva di manodopera a basso costo. Le donne sono anche considerate una risorsa preziosa nella misura in cui producono prole e forniscono la riproduzione degli uomini. Quindi, la donna è sia un oggetto sessuale che una merce. È uno strumento per la conservazione del potere maschile e può al massimo avanzare fino a diventare un accessorio della società maschile patriarcale. Da un lato, il sessismo della società dello stato-nazione rafforza il potere degli uomini; d'altra parte lo stato nazionale trasforma la sua società in una colonia sfruttando le donne. Da questo punto di vista le donne possono anche essere considerate una nazione sfruttata. Nel corso della storia della civiltà il patriarcato ha consolidato la struttura tradizionale delle gerarchie, che nello stato-nazione è alimentata dal sessismo. Il sessismo socialmente radicato è proprio come il nazionalismo un prodotto ideologico dello stato-nazione e del potere. Il sessismo socialmente radicato non è meno pericoloso del capitalismo. Il patriarcato, tuttavia, cerca comunque di nascondere questi fatti. Ciò è comprensibile alla luce del fatto che tutte le relazioni di potere e le ideologie di stato sono alimentate da concetti e comportamenti sessisti. Senza la repressione delle donne non è concepibile la repressione dell'intera società. Il sessismo all'interno della società dello stato-nazione, mentre da un lato dà al maschio il massimo potere, dall'altro trasforma la società attraverso la donna nella peggiore colonia di tutte. Quindi la donna è la nazione colonia della società storica che ha raggiunto la sua posizione peggiore all'interno dello stato nazionale. Tutte le ideologie del potere e dello stato derivano da atteggiamenti e comportamenti sessisti. La schiavitù della donna è l'area sociale più profonda e mascherata in cui si realizzano tutti i tipi di schiavitù, oppressione e colonizzazione. Il capitalismo e lo stato-nazione agiscono in piena consapevolezza di questo. Senza la schiavitù della donna nessuno degli altri tipi di schiavitù può esistere e tanto meno svilupparsi. Capitalismo e stato-nazione denotano il maschio dominante più istituzionalizzato. Più audacemente e apertamente detto: il capitalismo e lo stato-nazione sono il monopolio del maschio dispotico e sfruttatore. La schiavitù della donna è l'area sociale più profonda e mascherata in cui si realizzano tutti i tipi di schiavitù, oppressione e colonizzazione. Il capitalismo e lo stato-nazione agiscono in piena consapevolezza di questo. Senza la schiavitù della donna nessuno degli altri tipi di schiavitù può esistere e tanto meno svilupparsi. Capitalismo e stato-nazione denotano il maschio dominante più istituzionalizzato. Più audacemente e apertamente detto: il capitalismo e lo stato-nazione sono il monopolio del maschio dispotico e sfruttatore. La schiavitù della donna è l'area sociale più profonda e mascherata in cui si realizzano tutti i tipi di schiavitù, oppressione e colonizzazione. Il capitalismo e lo stato-nazione agiscono in piena consapevolezza di questo. Senza la schiavitù della donna nessuno degli altri tipi di schiavitù può esistere e tanto meno svilupparsi. Capitalismo e stato-nazione denotano il maschio dominante più istituzionalizzato. Più audacemente e apertamente detto: il capitalismo e lo stato-nazione sono il monopolio del maschio dispotico e sfruttatore.

4. Religiosità

Anche se si comporta apparentemente come uno stato laico, lo stato-nazione non esita a usare un miscuglio di nazionalismo e religione per i suoi scopi. Il motivo è semplice: la religione gioca ancora un ruolo importante in alcune società o parti di esse. In particolare l'Islam è molto agile in questo senso. Tuttavia, la religione nell'età della modernità non svolge più il suo ruolo tradizionale. Che si tratti di un credo radicale o moderato, la religione nello stato-nazione non ha più una missione nella società. Può fare solo ciò che gli è consentito dallo stato-nazione. La sua influenza ancora esistente e la sua funzionalità, che possono essere utilizzate in modo improprio per la promozione del nazionalismo, sono aspetti interessanti per lo stato-nazione. In alcuni casi la religione assume anche la parte del nazionalismo. La Shi'ah dell'Iran è una delle armi ideologiche più potenti dello stato iraniano. In Turchia l'ideologia sunnita gioca un ruolo simile ma più limitato.

C. I curdi e lo Stato-nazione

Dopo la precedente breve introduzione allo stato-nazione e alle sue basi ideologiche, vedremo ora perché la fondazione di uno stato-nazione curdo separato non ha senso per i curdi. Negli ultimi decenni i curdi hanno lottato non solo contro la repressione delle potenze dominanti e per il riconoscimento della loro esistenza, ma anche per la liberazione della loro società dalla morsa del feudalesimo. Quindi non ha senso sostituire le vecchie catene con nuove o addirittura rafforzare la repressione. Questo è ciò che significherebbe la fondazione di uno stato-nazione nel contesto della modernità capitalista. Senza opposizione alla modernità capitalista non ci sarà posto per la liberazione dei popoli. Questo è il motivo per cui la fondazione di uno stato-nazione curdo non è un'opzione per me. La richiesta di uno Stato-nazione separato deriva dagli interessi della classe dirigente o dagli interessi della borghesia, ma non riflette gli interessi del popolo poiché un altro Stato sarebbe solo la creazione di un'ulteriore ingiustizia e limiterebbe il diritto alla libertà anche di più. La soluzione alla questione curda, quindi, va trovata in un approccio che indebolisca la modernità capitalista o la respinga. Ci sono ragioni storiche, peculiarità sociali e sviluppi attuali, oltre al fatto che l'area di insediamento dei curdi si estende sui territori di quattro diversi paesi, che rendono indispensabile una soluzione democratica. Inoltre, c'è anche il fatto importante che l'intero Medio Oriente soffre di un deficit di democrazia. Grazie alla situazione geostrategica dell'area di insediamento curdo, i progetti democratici curdi di successo promettono di promuovere la democratizzazione del Medio Oriente in generale. Chiamiamo confederalismo democratico questo progetto democratico.

III. Confederalismo democratico

Questo tipo di governo o amministrazione può essere definito un'amministrazione politica non statale o una democrazia senza uno stato. I processi decisionali democratici non devono essere confusi con i processi noti alla pubblica amministrazione. Gli stati amministrano solo mentre le democrazie governano. Gli stati sono fondati sul potere; le democrazie si basano sul consenso collettivo. L'ufficio nello stato è determinato con decreto, anche se può essere in parte legittimato da elezioni. Le democrazie usano le elezioni dirette. Lo Stato usa la coercizione come mezzo legittimo. Le democrazie si basano sulla partecipazione volontaria. Il confederalismo democratico è aperto verso altri gruppi e fazioni politiche. È flessibile, multiculturale, antimonopolistico e orientato al consenso. Ecologia e femminismo sono pilastri centrali.

A. Partecipazione e diversità del panorama politico

La composizione contraddittoria della società richiede gruppi politici con formazioni sia verticali che orizzontali. I gruppi centrali, regionali e locali devono essere equilibrati in questo modo. Solo loro, ciascuno per sé, sono in grado di affrontare la sua particolare situazione concreta e di sviluppare soluzioni adeguate per problemi sociali di vasta portata. È un diritto naturale esprimere la propria identità culturale, etnica o nazionale con l'aiuto delle associazioni politiche. Tuttavia, questo diritto ha bisogno di una società etica e politica. Che si tratti di stato-nazione, repubblica o democrazia, il confederalismo democratico è aperto a compromessi riguardanti tradizioni statali o governative. Consente una convivenza paritaria

B. Il patrimonio della società e l'accumulo di conoscenze storiche

D'altra parte, il confederalismo democratico si basa sull'esperienza storica della società e sul suo patrimonio collettivo. Non è un sistema politico moderno arbitrario, ma accumula storia ed esperienza. È la progenie della vita della società. Lo Stato si orienta continuamente al centralismo per perseguire gli interessi dei monopoli di potere. Proprio il contrario è vero per il confederalismo. Non i monopoli, ma la società è al centro dell'attenzione politica. La struttura eterogenea della società è in contraddizione con tutte le forme di centralismo. Il centralismo distinto si traduce solo in eruzioni sociali. A memoria d'uomo le persone hanno sempre formato gruppi sciolti di clan, tribù o altre comunità con qualità federali. In questo modo hanno potuto preservare la loro autonomia interna. Anche il governo interno degli imperi utilizzava diversi metodi di autoamministrazione per le loro diverse parti, che includevano autorità religiose, consigli tribali, regni e persino repubbliche. Quindi è importante capire che anche gli imperi apparentemente centralisti seguono una struttura organizzativa confederata. Il modello centralista non è un modello amministrativo voluto dalla società. Invece, ha la sua fonte nella conservazione del potere dei monopoli.

C. Etica e consapevolezza politica

La classificazione della società in categorie e termini secondo un certo modello è prodotta artificialmente dai monopoli capitalisti. Ciò che conta in una società del genere non è ciò che sei, ma ciò che sembri. La presunta alienazione della società dalla propria esistenza incoraggia il ritiro dalla partecipazione attiva, una reazione che spesso viene chiamata disincanto nei confronti della politica. Tuttavia, le società sono essenzialmente politiche e orientate al valore. I monopoli economici, politici, ideologici e militari sono costruzioni che contraddicono la natura della società semplicemente lottando per l'accumulazione del surplus. Non creano valori. Né una rivoluzione può creare una nuova società. Può solo influenzare la rete etica e politica di una società. Tutto il resto è a discrezione della società politica basata sull'etica. Ho già detto che la modernità capitalista impone la centralizzazione dello stato. I centri di potere politico e militare all'interno della società sono stati privati ​​della loro influenza. Lo stato-nazione come moderno sostituto della monarchia ha lasciato dietro di sé una società indebolita e indifesa. In questo senso, l'ordine giuridico e la pace pubblica implicano solo il dominio di classe della borghesia. Il potere si costituisce nello Stato centrale e diventa uno dei paradigmi amministrativi fondamentali della modernità. Questo mette lo stato-nazione in contrasto con la democrazia e il repubblicanesimo. Il nostro progetto di “modernità democratica” vuole essere una bozza alternativa alla modernità come la conosciamo. Si basa sul confederalismo democratico come paradigma politico fondamentale. La modernità democratica è il tetto di una società politica basata sull'etica. Finché commettiamo l'errore di credere che le società debbano essere entità monolitiche omogenee, sarà difficile capire il confederalismo. La storia della modernità è anche una storia di quattro secoli di genocidio culturale e fisico in nome di una società immaginaria unitaria. Il confederalismo democratico come categoria sociologica è la controparte di questa storia e si basa sulla volontà di combattere se necessario, nonché sulla diversità etnica, culturale e politica. La crisi del sistema finanziario è una conseguenza intrinseca dello stato-nazione capitalista. Tuttavia, tutti gli sforzi dei neoliberisti per cambiare lo stato-nazione sono rimasti infruttuosi. Il Medio Oriente fornisce esempi istruttivi. La storia della modernità è anche una storia di quattro secoli di genocidio culturale e fisico in nome di una società immaginaria unitaria. Il confederalismo democratico come categoria sociologica è la controparte di questa storia e si basa sulla volontà di combattere se necessario, nonché sulla diversità etnica, culturale e politica. La crisi del sistema finanziario è una conseguenza intrinseca dello stato-nazione capitalista. Tuttavia, tutti gli sforzi dei neoliberisti per cambiare lo stato-nazione sono rimasti infruttuosi. Il Medio Oriente fornisce esempi istruttivi. La storia della modernità è anche una storia di quattro secoli di genocidio culturale e fisico in nome di una società immaginaria unitaria. Il confederalismo democratico come categoria sociologica è la controparte di questa storia e si basa sulla volontà di combattere se necessario, nonché sulla diversità etnica, culturale e politica. La crisi del sistema finanziario è una conseguenza intrinseca dello stato-nazione capitalista. Tuttavia, tutti gli sforzi dei neoliberisti per cambiare lo stato-nazione sono rimasti infruttuosi. Il Medio Oriente fornisce esempi istruttivi. La crisi del sistema finanziario è una conseguenza intrinseca dello stato-nazione capitalista. Tuttavia, tutti gli sforzi dei neoliberisti per cambiare lo stato-nazione sono rimasti infruttuosi. Il Medio Oriente fornisce esempi istruttivi. La crisi del sistema finanziario è una conseguenza intrinseca dello stato-nazione capitalista. Tuttavia, tutti gli sforzi dei neoliberisti per cambiare lo stato-nazione sono rimasti infruttuosi. Il Medio Oriente fornisce esempi istruttivi.

D. Confederalismo democratico e sistema politico democratico

In contrasto con una concezione centralista e burocratica dell'amministrazione e dell'esercizio del potere, il confederalismo pone un tipo di autogestione politica in cui tutti i gruppi della società e tutte le identità culturali possono esprimersi in riunioni locali, convegni generali e consigli. Questa comprensione della democrazia apre lo spazio politico a tutti gli strati della società e consente la formazione di gruppi politici diversi e diversi. In questo modo fa avanzare anche l'integrazione politica della società nel suo insieme. La politica diventa parte della vita quotidiana. Senza la politica la crisi dello Stato non può essere risolta poiché la crisi è alimentata da una mancanza di rappresentanza della società politica. Termini come il federalismo o l'autoamministrazione, così come si possono trovare nelle democrazie liberali, devono essere concettualizzati di nuovo. Essenzialmente, non devono essere concepiti come livelli gerarchici dell'amministrazione dello stato-nazione, ma piuttosto come strumenti centrali di espressione e partecipazione sociale. Questo, a sua volta, farà avanzare la politicizzazione della società. Qui non servono grandi teorie, serve la volontà di dare espressione ai bisogni sociali rafforzando strutturalmente l'autonomia degli attori sociali e creando le condizioni per l'organizzazione della società nel suo insieme. La creazione di un livello operativo in cui tutti i tipi di gruppi sociali e politici, comunità religiose o tendenze intellettuali possono esprimersi direttamente in tutti i processi decisionali locali può anche essere chiamata democrazia partecipativa. Più forte è la partecipazione, più potente è questo tipo di democrazia. Mentre lo stato-nazione è in contrasto con la democrazia,

Gli attori sociali, ciascuno per sé unità federativa, sono le cellule germinali della democrazia partecipativa. Possono unirsi e associarsi in nuovi gruppi e confederazioni a seconda della situazione. Ciascuna delle unità politiche coinvolte nella democrazia partecipativa è essenzialmente democratica. In questo modo, ciò che chiamiamo democrazia è l'applicazione di processi decisionali democratici dal livello locale al livello globale nel quadro di un processo politico continuo. Questo processo influenzerà la struttura della rete sociale della società in contrasto con la lotta per l'omogeneità dello stato-nazione, un costrutto che può essere realizzato solo con la forza determinando così la perdita della libertà.

Ho già affrontato il punto che il livello locale è il livello in cui vengono prese le decisioni. Tuttavia, il pensiero che porta a queste decisioni deve essere in linea con le questioni globali. Dobbiamo prendere coscienza del fatto che anche i villaggi ei quartieri urbani richiedono strutture confederate. Tutte le aree della società devono essere affidate all'autogestione, tutti i livelli devono essere liberi di partecipare.

E. Confederalismo democratico e autodifesa

In sostanza, lo stato-nazione è un'entità strutturata militarmente. Gli stati-nazione sono alla fine il prodotto di tutti i tipi di guerra interna ed esterna. Nessuno degli stati-nazione esistenti è nato da solo. Invariabilmente, hanno un record di guerre. Questo processo non si limita alla loro fase di fondazione, ma si basa sulla militarizzazione dell'intera società. La direzione civile dello Stato è solo un accessorio dell'apparato militare. Le democrazie liberali lo superano persino dipingendo le loro strutture militaristiche con colori democratici e liberali. Tuttavia, ciò non impedisce loro di cercare soluzioni autoritarie nel culmine di una crisi causata dal sistema stesso. L'esercizio del potere fascista è la natura dello stato-nazione. Il fascismo è la forma più pura dello Stato-nazione.

Questa militarizzazione può essere respinta solo con l'aiuto dell'autodifesa. Le società senza alcun meccanismo di autodifesa perdono la loro identità, la loro capacità di prendere decisioni democratiche e la loro natura politica. Pertanto, l'autodifesa di una società non si limita alla sola dimensione militare. Presuppone anche la conservazione della propria identità, la propria coscienza politica e un processo di democratizzazione. Solo allora si può parlare di autodifesa.

In questo contesto, il confederalismo democratico può essere definito un sistema di autodifesa della società. Solo con l'aiuto di reti confederate può esserci una base per opporsi al dominio globale dei monopoli e al militarismo degli stati-nazione. Contro la rete dei monopoli dobbiamo costruire una rete altrettanto forte di confederazioni sociali.

Ciò significa in particolare che il paradigma sociale del confederalismo non prevede un monopolio militare per le forze armate, che hanno solo il compito di garantire la sicurezza interna ed esterna. Sono sotto il diretto controllo delle istituzioni democratiche. La società stessa deve essere in grado di determinare i propri doveri. Uno dei loro compiti sarà la difesa del libero arbitrio della società dagli interventi interni ed esterni. La composizione della leadership militare deve essere determinata in parti uguali e in parti uguali sia dalle istituzioni politiche che dai raggruppamenti confederali.

F. Confederalismo democratico contro conflitto per l'egemonia

Nel confederalismo democratico non c'è spazio per alcun tipo di lotta all'egemonia. Ciò è particolarmente vero nel campo dell'ideologia. L'egemonia è un principio che di solito è seguito dal tipo classico di civiltà. Le civiltà democratiche rifiutano i poteri e le ideologie egemoniche. Qualsiasi modalità di espressione che oltrepassi i confini dell'autogestione democratica porterebbe all'autogestione e alla libertà di espressione ad absurdum. La gestione collettiva delle questioni della società richiede comprensione, rispetto delle opinioni dissenzienti e modi democratici di prendere decisioni. Ciò è in contrasto con la comprensione della leadership nella modernità capitalista in cui decisioni burocratiche arbitrarie di carattere di stato-nazione sono diametralmente opposte alla leadership democratico-confederata in linea con i fondamenti etici. Nel confederalismo democratico le istituzioni di leadership non hanno bisogno di una legittimazione ideologica. Quindi, non hanno bisogno di lottare per l'egemonia

G. Strutture confederate democratiche su scala globale

Sebbene nel confederalismo democratico l'attenzione sia rivolta al livello locale, l'organizzazione del confederalismo a livello globale non è esclusa. Al contrario, dobbiamo creare una piattaforma di società civili nazionali in termini di assemblea confederata per opporsi alle Nazioni Unite come associazione di stati-nazione sotto la guida delle superpotenze. In questo modo potremmo prendere decisioni migliori in vista della pace, dell'ecologia, della giustizia e della produttività nel mondo.

H. Conclusione

Il confederalismo democratico può essere descritto come una sorta di autogestione in contrasto con l'amministrazione da parte dello stato nazionale. Tuttavia, in determinate circostanze la convivenza pacifica è possibile fintanto che lo stato-nazione non interferisce con le questioni centrali dell'autogestione. Tutti questi interventi richiederebbero l'autodifesa della società civile.

Il confederalismo democratico non è in guerra con nessuno stato-nazione, ma non starà a guardare gli sforzi di assimilazione. Il rovesciamento rivoluzionario o la fondazione di un nuovo stato non creano un cambiamento sostenibile. A lungo termine, la libertà e la giustizia possono essere realizzate solo all'interno di un processo dinamico democratico-confederato.

Né il totale rifiuto né il completo riconoscimento dello Stato sono utili agli sforzi democratici della società civile. Il superamento dello stato, in particolare dello stato-nazione, è un processo a lungo termine.

Lo stato sarà sopraffatto quando il confederalismo democratico avrà dimostrato le sue capacità di risoluzione dei problemi in vista delle questioni sociali. Ciò non significa, tuttavia, che gli attacchi degli stati-nazione debbano essere accettati. Le confederazioni democratiche sosterranno le forze di autodifesa in ogni momento. Le confederazioni democratiche non si limiteranno ad organizzarsi all'interno di un unico territorio particolare. Diventeranno confederazioni transfrontaliere quando le società interessate lo desiderano.

IV. Principi del confederalismo democratico

1. Il diritto all'autodeterminazione dei popoli include il diritto ad uno stato proprio. Tuttavia, la fondazione di uno Stato non accresce la libertà di un popolo. Il sistema delle Nazioni Unite basato sugli stati-nazione è rimasto inefficiente. Nel frattempo, gli stati-nazione sono diventati seri ostacoli per qualsiasi sviluppo sociale. Il confederalismo democratico è il paradigma contrapposto del popolo oppresso.

2. Il confederalismo democratico è un paradigma sociale non statale. Non è controllato da uno stato. Allo stesso tempo, il confederalismo democratico è il modello organizzativo culturale di una nazione democratica.

3. Il confederalismo democratico si basa sulla partecipazione di base. I suoi processi decisionali spettano alle comunità. I livelli superiori servono solo al coordinamento e all'attuazione della volontà delle comunità che inviano i loro delegati alle assemblee generali. Per un periodo di tempo limitato sono sia portavoce che istituzioni esecutive. Tuttavia, il potere decisionale di base spetta alle istituzioni locali di base.

4. In Medio Oriente, la democrazia non può essere imposta dal sistema capitalista e dai suoi poteri imperiali che danneggiano solo la democrazia. La propagazione della democrazia di base è elementare. È l'unico approccio in grado di far fronte a diversi gruppi etnici, religioni e differenze di classe. Si sposa bene anche con la tradizionale struttura confederata della società

5. Anche il confederalismo democratico in Kurdistan è un movimento antinazionalista. Mira a realizzare il diritto all'autodifesa dei popoli attraverso il progresso della democrazia in tutte le parti del Kurdistan senza mettere in discussione i confini politici esistenti. Il suo obiettivo non è la fondazione di uno stato nazionale curdo. Il movimento intende stabilire strutture federali in Iran, Turchia, Siria e Iraq che siano aperte a tutti i curdi e allo stesso tempo formino una confederazione ombrello per tutte e quattro le parti del Kurdistan

V. Problemi dei popoli in Medio Oriente e possibili vie di soluzione

La questione nazionale non è un fantasma della modernità capitalista. Tuttavia è stata la modernità capitalista ad imporre la questione nazionale alla società. La nazione ha sostituito la comunità religiosa. Tuttavia, la transizione verso una società nazionale ha bisogno del superamento della modernità capitalista se la nazione non vuole rimanere il travestimento di monopoli repressivi.

Per quanto negativa sia l'eccessiva enfasi sulla categoria nazionale in Medio Oriente, tanto gravi sarebbero le conseguenze del trascurare l'aspetto nazionale collettivo. Quindi il metodo per affrontare la questione non dovrebbe essere ideologico ma scientifico e non nazionalista, ma basato sul concetto di nazione democratica e comunalismo democratico. I contenuti di tale approccio sono gli elementi fondamentali della modernità democratica.

Negli ultimi due secoli il nazionalismo e la tendenza per gli stati-nazione sono stati alimentati nelle società del Medio Oriente. Le questioni nazionali non sono state risolte, ma anzi si sono aggravate in tutti i settori della società. Invece di coltivare la concorrenza produttiva, il capitale impone guerre interne ed esterne in nome dello stato-nazione.

La teoria del comunitarismo sarebbe un'alternativa al capitalismo. Nel quadro di nazioni democratiche che non lottano per monopoli di potere, può portare alla pace in una regione che è stata solo il campo di guerre cruente e genocide.

In questo contesto si può parlare di quattro nazioni maggioritarie: arabi, persiani, turchi e curdi. Non desidero dividere le nazioni in maggioranza o minoranza perché non lo trovo appropriato. Ma per considerazioni demografiche parlerò di nazioni maggioritarie. Nello stesso contesto possiamo anche usare il termine nazioni minoritarie.

1. Ci sono più di venti stati-nazione arabi che dividono la comunità araba e danneggiano le loro società con le guerre. Questo è uno dei principali fattori responsabili dell'alienazione dei valori culturali e dell'apparente disperazione della questione nazionale araba. Questi stati-nazione non sono stati nemmeno in grado di formare una comunità economica transnazionale. Sono la ragione principale della situazione problematica della nazione araba. Un nazionalismo tribale motivato religiosamente insieme a una società patriarcale sessista pervade tutte le aree della società risultando in un distinto conservatorismo e obbedienza servile. Nessuno crede che gli arabi saranno in grado di trovare una soluzione nazionale araba ai loro problemi interni e transnazionali. Tuttavia, la democratizzazione e un approccio comunitarista potrebbero fornire una tale soluzione. La loro debolezza verso Israele, che gli stati-nazione arabi considerano un concorrente, non è solo il risultato del sostegno internazionale delle potenze egemoniche. Piuttosto, è il risultato di forti istituzioni democratiche e comunitarie interne all'interno di Israele. Nel corso dell'ultimo secolo, la società della nazione araba è stata indebolita dal nazionalismo e dall'islamismo radicali. Tuttavia, se sono in grado di unire il socialismo comunitario a cui non sono estranei con quello della comprensione di una nazione democratica, allora potrebbero essere in grado di trovare una soluzione sicura e a lungo termine.

2. I turchi ei turkmeni formano un'altra nazione influente. Condividono una comprensione simile del potere e dell'ideologia con gli arabi. Sono severi statisti della nazione e hanno un profondo nazionalismo religioso e razziale inciso in loro. Dal punto di vista sociologico, turchi e turkmeni sono molto diversi. Le relazioni tra l'aristocrazia turkmena e quella turca ricordano le relazioni tese tra i beduini e l'aristocrazia araba. Formano uno strato i cui interessi sono compatibili con la democrazia e il comunalismo. I problemi nazionali sono piuttosto complessi. La lotta per il potere dello stato-nazione, il nazionalismo distinto e una società patriarcale sessista prevalgono e creano una società molto conservatrice. La famiglia è considerata la cellula più piccola dello stato. Sia gli individui che le istituzioni hanno preso in considerazione questi aspetti. Le comunità turche e turkmene lottano per il potere. Altri gruppi etnici sono soggetti a una distinta politica di sottomissione. Le strutture di potere centraliste dello stato-nazione turco e la rigida ideologia ufficiale hanno impedito fino ad oggi una soluzione alla questione curda. La società è fatta credere che non ci sia alternativa allo stato. Non c'è equilibrio tra l'individuo e lo stato. L'obbedienza è considerata la più grande virtù.

In contrasto con ciò, la teoria della modernità democratica offre un approccio adeguato a tutte le comunità nazionali in Turchia per risolvere i loro problemi nazionali. Il progetto comunitario di una confederazione democratica turca rafforzerebbe la sua unità interna e creerebbe le condizioni per una pacifica convivenza con i vicini con cui vive. I confini hanno perso il loro antico significato quando si parla di unità sociale. Nonostante i confini geografici, i moderni strumenti di comunicazione odierni consentono un'unità virtuale tra gli individui e le comunità ovunque si trovino. Una confederazione democratica delle comunità nazionali turche potrebbe essere un contributo alla pace mondiale e al sistema di modernità democratica.

3. La società nazionale curda è molto complessa. In tutto il mondo, i curdi sono la più grande nazione senza uno stato proprio. Si sono stabiliti nelle loro attuali aree di insediamento sin dal Neolitico. L'agricoltura e l'allevamento del bestiame, nonché la loro disponibilità a difendersi utilizzando i vantaggi geografici della loro patria montuosa, hanno aiutato i curdi a sopravvivere come popolo autoctono. La questione nazionale curda nasce dal fatto che è stato loro negato il diritto alla nazionalità. Altri hanno cercato di assimilarli, annientarli e alla fine hanno negato categoricamente la loro esistenza. Non avere uno stato proprio ha vantaggi e svantaggi. Le escrescenze delle civiltà statali sono state accolte solo in misura limitata. Questo può essere un vantaggio nella realizzazione di concetti sociali alternativi al di là della modernità capitalista. La loro area di insediamento è divisa dai confini nazionali di quattro paesi e si trova in una regione geograficamente importante, fornendo così ai curdi un vantaggio strategico. I curdi non hanno la possibilità di formare una società nazionale attraverso l'uso del potere statale. Sebbene oggi esista un'entità politica curda nel Kurdistan iracheno, non è uno stato-nazione, ma piuttosto un'entità parastatale.

Il Kurdistan era stato anche la patria di minoranze armene e aramaiche prima che queste cadessero vittime di genocidi. Ci sono anche piccoli gruppi di arabi e turchi. Ancora oggi ci sono molte religioni e fedi diverse che convivono lì fianco a fianco. Ci sono anche rudimenti di clan e cultura tribale mentre non c'è quasi nessuna presenza di cultura urbana lì.

Tutte queste proprietà sono una benedizione per le nuove formazioni politiche democratiche. Le cooperative comunali in agricoltura ma anche nell'economia idrica e nel settore energetico si offrono come modalità ideali di produzione. La situazione è anche favorevole allo sviluppo di una società politica etica. Anche l'ideologia patriarcale è qui meno radicata che nelle società vicine. Ciò è vantaggioso per l'instaurazione di una società democratica in cui la libertà e l'uguaglianza delle donne devono costituire uno dei pilastri principali. Offre inoltre le condizioni per la creazione di una nazione democratica rispettosa dell'ambiente, in linea con il paradigma della modernità democratica. La costruzione di una nazione democratica basata su identità multinazionali è la soluzione ideale di fronte allo stato-nazione di strada senza uscita. L'entità emergente potrebbe diventare un modello per l'intero Medio Oriente ed espandersi dinamicamente nei paesi vicini. Convincere le nazioni vicine a questo modello cambierà il destino del Medio Oriente e rafforzerà le possibilità della modernità democratica di creare un'alternativa. In questo senso, quindi, la libertà dei curdi e la democratizzazione della loro società sarebbero sinonimi della libertà dell'intera regione e delle sue società.

4. Le ragioni dei problemi odierni della nazione persiana o iraniana si trovano negli interventi delle civiltà storiche e della modernità capitalista. Sebbene la loro identità originale fosse il risultato della tradizione zoroastriana e mitraica, questi sono stati annullati da un derivato dell'Islam. Il manicheismo emerso come sintesi di ebraismo, cristianesimo e maomettanesimo con la filosofia greca non riuscì a prevalere sull'ideologia della civiltà ufficiale. In effetti, non andò oltre per coltivare la tradizione della ribellione. Ha quindi convertito la tradizione islamica nella denominazione sciita e l'ha adottata come sua ultima ideologia di civiltà. Attualmente ci sono sforzi per modernizzarsi facendo passare gli elementi della modernità capitalista attraverso il suo filtro sciita.

La società iraniana è multietnica e multireligiosa e dotata di una ricca cultura. Lì si trovano tutte le identità nazionali e religiose del Medio Oriente. Questa diversità è in forte contrasto con la pretesa egemonica della teocrazia, che coltiva un sottile nazionalismo religioso e la classe dirigente non si tira indietro dalla propaganda antimodernista ogni volta che serve i propri interessi. Le tendenze rivoluzionarie e democratiche sono state integrate dalla civiltà tradizionale. Un regime dispotico governa abilmente il Paese. Gli effetti negativi delle sanzioni americane ed europee non sono qui trascurabili.

Nonostante i forti sforzi centralisti in Iran, dalla base esiste già una sorta di federalismo. Quando elementi della civiltà democratica ed elementi federalisti tra cui azeri, curdi, baluchi, arabi e turkmeni si intersecano, il progetto di una "Confederazione democratica dell'Iran" può emergere e diventare attraente. Il movimento delle donne e le tradizioni comunitarie avranno qui un ruolo speciale.

5. La questione nazionale armena racchiude una delle più grandi tragedie che il progresso della modernità capitalista ha prodotto in Medio Oriente. Gli armeni sono un popolo molto anziano. Condividevano gran parte della loro area di insediamento con i curdi. Mentre i curdi vivono principalmente di agricoltura e allevamento, gli armeni si dedicano alle arti e ai mestieri. Proprio come i curdi, gli armeni coltivavano una tradizione di autodifesa. A parte alcuni brevi episodi, gli armeni non hanno mai fondato con successo uno stato. Si affidano alla cultura cristiana che dà loro la loro identità e la loro fede nella salvezza. A causa della loro religione hanno spesso subito la repressione per mano della maggioranza musulmana. Quindi, il nazionalismo emergente ha dato i suoi frutti con la borghesia armena.

A parte gli ebrei, gli armeni sono il secondo popolo più grande che vive principalmente nella diaspora. La fondazione di uno stato armeno nell'ovest dell'Azerbaigian, tuttavia, non ha risolto la questione nazionale armena. Le conseguenze del genocidio difficilmente possono essere espresse a parole. La ricerca del paese perduto definisce la loro psiche nazionale ed è al centro della questione armena. Il problema è aggravato dal fatto che da allora queste aree sono state colonizzate da altre persone. Qualsiasi concetto basato su uno stato-nazione non può offrire una soluzione. Non c'è né una struttura omogenea della popolazione lì né confini chiari come richiesto dalla modernità capitalista. Il pensiero dei loro oppositori può essere fascista; tuttavia, non basta pensare al genocidio. Le strutture confederate potrebbero essere un'alternativa per gli armeni. La fondazione di una nazione armena democratica in linea con il paradigma della modernità democratica promette agli armeni un'opportunità per reinventarsi. Potrebbe consentire loro di tornare al loro posto nella pluralità culturale del Medio Oriente. Nel caso in cui si rinnovino sotto la nazione democratica armena, non solo continueranno a svolgere il loro ruolo storico all'interno della cultura mediorientale, ma troveranno anche la strada giusta per la liberazione.

6. In tempi moderni anche i cristiani aramei (assiri) subirono la sorte degli armeni. Anche loro sono una delle persone più anziane del Medio Oriente. Condividevano un'area di insediamento con i curdi ma anche con altre persone. Come gli armeni, hanno subito la repressione della maggioranza musulmana che ha aperto la strada a un nazionalismo di stampo europeo nella borghesia arameica. Alla fine anche gli Aramei caddero vittime del genocidio per mano dei turchi sotto la guida del Comitato fascista dell'Unità e del Progresso. I curdi collaborazionisti hanno dato una mano in questo genocidio. La questione della società nazionale aramea ha le sue radici nella civiltà ma si è ulteriormente sviluppata con il cristianesimo e le ideologie della modernità. Per una soluzione c'è bisogno di una trasformazione radicale degli Aramei.

7. La storia del popolo ebraico esprime anche la problematica storia culturale complessiva del Medio Oriente. La ricerca dello sfondo di espulsioni, pogrom e genocidi equivale a pareggiare i conti delle civiltà. La comunità ebraica ha raccolto le influenze delle antiche culture sumera ed egiziana, nonché quelle delle culture tribali regionali. Ha contribuito molto alla cultura del Medio Oriente. Come gli Aramei, caddero vittime degli sviluppi estremi della modernità. In questo contesto, gli intellettuali di origine ebraica hanno sviluppato un punto di vista complesso su questi problemi. Tuttavia, questo non è di gran lunga sufficiente. Per una soluzione dei problemi così come esistono oggi è necessaria una rinnovata appropriazione della storia del Medio Oriente su base democratica. Lo stato nazionale israeliano è in guerra sin dalla sua fondazione. Lo slogan è: occhio per occhio. Il fuoco non può essere combattuto dal fuoco, però. Anche se Israele gode di una relativa sicurezza grazie al suo sostegno internazionale, questa non è una soluzione sostenibile. Niente sarà permanentemente sicuro finché la modernità capitalista non sarà superata.

Il conflitto in Palestina chiarisce che il paradigma dello stato-nazione non è utile per una soluzione. C'è stato molto spargimento di sangue; ciò che resta è la difficile eredità di problemi apparentemente irrisolvibili. L'esempio israelo-palestinese mostra il completo fallimento della modernità capitalista e dello stato-nazione.

Gli ebrei appartengono ai portatori di cultura del Medio Oriente. La negazione del loro diritto all'esistenza è un attacco al Medio Oriente in quanto tale. La loro trasformazione in una nazione democratica, proprio come per gli armeni e gli aramei, renderebbe più facile la loro partecipazione a una confederazione democratica del Medio Oriente. Il progetto di una “Confederazione Democratica Est-Egeo” sarebbe un inizio positivo. Le identità nazionali e religiose rigorose ed esclusive possono evolvere in identità flessibili e aperte nell'ambito di questo progetto. Israele potrebbe anche evolversi in una nazione democratica aperta più accettabile. Indubbiamente però anche i suoi vicini devono subire una tale trasformazione.

Le tensioni ei conflitti armati in Medio Oriente fanno sembrare inevitabile una trasformazione del paradigma della modernità. Senza di essa una soluzione dei difficili problemi sociali e delle questioni nazionali è impossibile. La modernità democratica offre un'alternativa al sistema che non è in grado di risolvere i problemi.

8. L'annientamento della cultura ellenica in Anatolia è una perdita che non può essere compensata. La pulizia etnica organizzata dagli stati-nazione turco e greco nel primo quarto del secolo scorso ha lasciato il segno. Nessuno stato ha il diritto di allontanare le persone dalla loro regione culturale ancestrale. Tuttavia, gli stati-nazione hanno mostrato ancora e ancora il loro approccio disumano nei confronti di tali questioni. Gli attacchi alle culture ellenica, ebraica, aramea e armena furono intensificati mentre l'Islam si diffondeva in tutto il Medio Oriente. Questo, a sua volta, contribuì al declino della civiltà mediorientale. La cultura islamica non è mai stata in grado di colmare il vuoto emergente. Nel XIX secolo, quando la modernità capitalista avanzava in Medio Oriente, trovò un deserto culturale creato dall'erosione culturale autoinflitta. La diversità culturale rafforza anche il meccanismo di difesa di una società. Le monocolture sono meno robuste. Quindi, la conquista del Medio Oriente non è stata difficile. Il progetto di una nazione omogenea propagato dagli stati-nazione favoriva il loro declino culturale.

9. Anche le etnie caucasiche hanno problemi sociali non di poco conto. Più e più volte sono emigrati in Medio Oriente e ne hanno stimolato le culture. Hanno indiscutibilmente contribuito alla sua ricchezza culturale. L'arrivo della modernità ha quasi fatto scomparire queste culture minoritarie. Anche loro troverebbero il loro posto adeguato in una struttura confederata.

Infine, permettetemi di ribadire che i problemi fondamentali del Medio Oriente sono profondamente radicati nella civiltà di classe. Si sono rafforzati con la crisi globale della modernità capitalista. Questa modernità e la sua pretesa di dominio non possono offrire alcuna soluzione per non parlare di una prospettiva a lungo termine per la regione del Medio Oriente. Il futuro è il confederalismo democratico.


Scritti di Abdullah Ocalan Prison Writings: The Roots of Civilization, Londra, 2007 ISBN: 978–0745326160 Prison Writings: The PKK and the Kurdish Question in the 21st Century , Londra, 2011 ISBN: 978–0956751409 Guerra e pace in Kurdistan, Colonia , 2009, PDF www.freedom-for-ocalan.com The Road Map for Democratization of Turkey and Solution to the Kurdish Question (Riepilogo), Colonia, 2011, PDF www.freedom-for-ocalan.com


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

De Benoist: tra Ecologia, Decrescita Sostenibile e Piccole Patrie

L'Ecologia, tagliando deliberatamente i ponti con l'universo del pensiero meccanicistico, analitico e riduzionista che ha accompagnato l'emergere dell'individuo moderno, ricrea un rapporto tra l'uomo e la totalità del cosmo, che forse non è altro che un modo per protestare contro l'imbruttimento del mondo e per rispondere all'eterno enigma della bellezza.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Il Socialismo Utopico Comunitario: il Falansterio

Trattando l'esperienza del Falansterio di Fourier, analizziamo il suo socialismo utopico di base comunitario, che è molto vicino al concetto del comunitarismo libertario che noi di Libere Comunità ribadiamo come nostra visione del mondo.

Fourier immagina un modello urbanistico appropriato sia per il periodo del garantismo, sia per lo stadio finale dell’armonia: nel primo caso esso corrisponde ad una città concentrica; nel secondo immagina e descrive minuziosamente il falansterio, il modello edilizio che rappresenta forse l’aspetto più noto e interessante del suo pensiero.

Ecofascismo, una supercazzola prematurata?

Prima o poi saremmo arrivati a trattare anche questo spinoso argomento, e come sempre, lo faremo sine ira et studio, liberi da paraocchi e acriticità. L'ecofascismo non è un termine di così recente invenzione, ma negli ultimi anni sta tornando a una notevole ribalta semantica, ormai difficile da ignorare. Ma di che cosa si tratta esattamente?

Il Socialismo Antidogmatico di Stanis Ruinas

La scelta di trattare un personaggio come Stanis Ruinas è dovuto al fatto che questo pensatore politico non ha mai avuto il peso che meritava. Lui, in qualche modo, può essere anche considerato precursore di quelli che poi saranno parte di movimenti successivi (come la Novelle Droite o la European New Right a destra, oppure come Partito Socialista Unificato della Catalogna o il Unione Nazionale Africana dello Zimbabwe più a sinistra) che inizieranno il sincretismo politico per superare l’oramai faziosa e stagnante dicotomia destra-sinistra, che da sempre hanno favorito il potere finanziario e capitalistico tradendo più volte gli ideali iniziali.

André Gorz e L'Ecologia Politica

Il comunitarismo di André Gorz è di matrice decisamente progressista. Si tratta di un comunitarismo di tipo associativo e non ascrittivo. È stato un filosofo e giornalista francese, noto come il principale fondatore dell'ecologia politica. Ha fondato nel 1964 Le Nouvel Observateur con lo pseudonimo Michel Bosquet, insieme con Jean Daniel.

Intervista-recensione al nuovo testo di Alessio Mannino “Disciplina del caos. Come uscire dal labirinto del pensiero unico liberale” (La Vela, Viareggio,2021)

Un’opera uscita recentemente che merita un’attenta lettura per la sua critica radicale ed innovativa all’intera visione liberale è il recente libro del giornalista e scrittore vicentino Alessio Mannino. Già conosciuto per Mare monstrum. Immigrazione. Bugie e tabù (Arianna Editrice, 2014) e Contro la Costituzione. Attacco ai filistei della Carta '48 (Circolo Proudhon Edizioni, 2017), Mannino ritorna alla ribalta con Disciplina del caos. Come uscire dal labirinto del pensiero unico liberale (Edizioni La Vela, 2021), una critica di fondo va anche oltre quella meramente nostalgica tipica di ambienti della così detta sinistra radicale nonché della destra radicale (quest’ultima focalizzata su posizioni che vanno dal tradizionalismo alla ripresa acritica del conservatorismo di stampo angloamericano). 

Gheddafi, il Libro Verde e la critica alla Democrazia

Il verde è il colore e il titolo del libro pubblicato da Gheddafi nel 1975: il Libro Verde in cui è racchiuso il suo pensiero politico. Sintetizziamo in questo articolo i tratti salienti dell’opera del Raìs.

Il Libro Verde critica i sistemi di governo "democratici" composti da partiti e parlamenti. Il voto non rappresenta la volontà popolare, ma quella del partito che raccoglie più voti.

Esso non rappresenta il popolo, ma solo una parte formata dai rappresentanti in parlamento che tutelano gli interessi economici del partito. Per il Raìs, il partito è come un clan, che persegue il suo "familismo amorale".

🎥 Libere Comunità incontra Patria Socialista - intervista e dibattito con Igor Camilli

La vita ci regala emozioni e momenti bellissimi, ma allo stesso tempo ci pone davanti a ostacoli e sfide che ci mettono in grande difficoltà.

L’importante è farsi trovare pronti, soprattutto a livello mentale, in modo da trovare dentro di noi la forza per superarli.

🎥 Partecipazione al comitato NO DRAGHI di Perugia ed intervista esponenti PCI

Questa mattina a Perugia si è svolta una manifestazione collegata alla Giornata Nazionale No Draghi, dopo un anno dalla prima in risposta al governo Draghi.