Indice articoli

Noto anche sotto gli pseudonimi di Guido Fawkes, talvolta scritto anche Faux, e John Johnson, era membro di un gruppo di cospiratori cattolici inglesi che tentarono di assassinare con un'esplosione il re Giacomo I d'Inghilterra e tutti i membri del parlamento inglese riuniti nella Camera dei lord per l'apertura delle sessioni parlamentari dell'anno 1605, passato alla storia come la congiura delle polveri.

Il 5 novembre 1605 il complotto fu scoperto e i trentasei barili di polvere da sparo furono disinnescati. Da allora ogni 5 novembre i bambini del Regno Unito vanno in giro per il paese con dei fantocci, recitando una filastrocca che ringrazia Dio per aver salvato il re dall'attentato e a chiedere soldi ai genitori per comprare i fuochi per il falò, in cui vengono bruciati i fantocci nella simbolica ripetizione dell'esecuzione dei congiuranti. La celebrazione è nota con il nome di Guy Fawkes Night, ovvero la notte di Guy Fawkes.

Guy Fawkes nacque nel 1570 a Stonande, nello Yorkshire; era il secondo dei quattro figli di Edward Fawkes, un avvocato al tribunale di York, e della moglie Edith. I genitori del giovane Guy erano fedeli praticanti della chiesa anglicana, così come i suoi nonni materni; la nonna, nata Ellen Harrington, era la figlia di un ricco mercante, già sindaco di York nel 1536. La data di nascita di Fawkes è sconosciuta, ma sappiamo che venne battezzato alla chiesa di St. Michael le Belfrey il 16 aprile 1570; siccome era consuetudine battezzare il neonato non più di tre giorni dopo la sua nascita, è presumibile che sia nato intorno al 13 aprile.

Nel 1568 Edith aveva dato alla luce un'altra figlia, Anne, morta però quando non aveva neanche otto settimane; ebbe comunque altri due figli dopo Guy, Anne (n. 1572), e Elizabeth (n. 1575). Entrambi si sono poi sposati, rispettivamente nel 1599 e nel 1594.
Nel 1579 Guy - all'età di soli otto anni - divenne orfano di padre; Edith si sarebbe sposata in seconde nozze con il cattolico Dionis Baynbrigge (o Denis Bainbridge) di Scotton, Harrogate.

Fawkes si sarebbe convertito al cattolicesimo per via delle tendenze "ricusanti" (si definivano così le persone che si rifiutavano di seguire le pratiche religiose anglicane) della famiglia di Baynbrigge e degli insegnamenti impartitogli alla scuola di St. Peter, a York (il cui preside, John Pulleyn, faceva parte di una nota famiglia dello Yorkshire, i Pulleyns di Blubberhouses, che faceva pratica di ricusazione). Terminati gli studi scolastici, Fawkes prestò servizio per Anthony Browne prima e per Anthony-Maria Browne poi. In questo periodo, inoltre, probabilmente convolò a nozze con una sconosciuta fanciulla, con la quale si presume abbia generato anche un figlio; non vi sono tuttavia fonti documentarie certe che accertino ciò con sicurezza.

Nell'ottobre 1591 Fawkes dissipò il patrimonio terriero ereditato dal padre, vendendo la tenuta di Clifton. Viaggiò poi per il continente per combattere la guerra degli ottant'anni al fianco dell'Impero spagnolo contro il Regno di Francia e le Province Unite. Sotto la direzione di Sir William Stanley, Fawkes prese parte con la qualifica di alférez (funzionario di grado inferiore) all'assedio di Calais nel 1596, e nel 1603 - divenuto capitano- viaggiò in Spagna per raccogliere consensi per una ribellione cattolica in Inghilterra: fu in quell'occasione che adottò la versione italiana del proprio nome, Guido, e che descrisse re Giacomo I come «un eretico» che voleva «scacciare la setta papale fuori dall'Inghilterra». Malgrado fosse stato ricevuto a corte da Filippo III, Fawkes non riuscì a convincere la corte spagnola a perorare la sua causa nell'isola britannica.

Gli artisti usano le bugie per dire la verità mentre i politici per coprire la verità. (Evey)


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche