L'improbabile e incredibile micronazione del sud della Francia che stimola una cittadinanza alternativa e complementare. Nato il 21 giugno 2011 per essere una parodia di Monaco in salsa camarghese, il Principato di Aigues-Mortes ha suscitato un vero slancio popolare e unificante nel villaggio per diventare una comunità cittadina sincretica e costante.

Ha creato la sua associazione LOUPAM nel marzo 2012 per sostenere e promuovere la città e le iniziative locali con il suo stile eccentrico.

Il Principato si è poi ispirato a Seborga, una micronazione italiana che grazie alla sua esistenza ha sviluppato il turismo nel suo comune. Con il sostegno degli artigiani, degli abitanti e dei commercianti del paese, il Principato crea la sua guardia principesca, la sua radiotelevisione e la sua stampa nazionale. Oggi è famosa per essere stata la prima micronazione al mondo ad aver lanciato la propria moneta locale per sostenere il commercio e l'artigianato locale con il sostegno morale del comune: il fenicottero. 

In campo culturale e sociale, il Principato organizza numerosi eventi che permettono agli artigiani locali di illustrare i propri talenti. Il più noto è il gran ballo principesco del Godet d'Or dove viene assegnato ogni anno il Prix de Constance, trofeo dedicato a chi ha compiuto un'azione significativa per la qualità della vita o per la fama di Aigues-Mortes. Nel giugno 2016, il Principato ha sostenuto e co-fondato FIMCAM, un festival internazionale di musica classica che ha presentato cinque Masterclass londinesi per la sua prima edizione. Nel 2020 si è impegnato nella conservazione del patrimonio raccogliendo fondi per la ristrutturazione di una cappella del XV secolo ad Aigues-Mortes. Oggi il Principato sta valutando la creazione di un museo micronazionale che sarebbe il primo del suo genere al mondo. 

Attorno a un'improbabile coppia principesca ma molto devota allo sviluppo socio-culturale ed economico di Aigues-Mortes, il principato si è progressivamente evoluto fino a diventare un paese (di fantasia certo, ma dotato di una popolazione reale). È quindi giustamente diventata una micronazione con i propri simboli identitari che uniscono tradizione camarghese e idee innovative per il futuro. 

La forza di questa micronazione è avere una grande comunità di talenti e cercare l'iniziativa e la solidarietà dei cittadini. Il Principato vuole e intende svolgere in questo modo un ruolo utile e sociale. Si tratta di una forza di proposta e non di opposizione.

La collaborazione con le autorità pubbliche si svolge con pragmatismo e buona intelligenza. A differenza di Seborga in Italia, il principato di Aigues-Mortaise non ha alcuna intenzione sovranista ed esiste solo per servire la sua città creando più iniziative di solidarietà e cittadini che la coppia principesca e tutta la loro squadra riescono a stimolare.

Attraverso gli occhiali color rosato: la Vie en Rosé

Nel Principato di Aigues-Mortes, vedere la vita in rosa è uno stato d'animo ce permette a tutti di essere attori e spettatori nella propria città!

"Non chiederti cosa può fare il tuo paese per te, chiediti cosa puoi fare tu per il tuo paese" disse John Fitzgerald Kennedy ai suoi concittadini americani. È qui che inizia il nostro concetto di cittadinanza alternativa. Il nostro motto è "Vedo la vita in rosato" riferendosi ai vini delle sabbie che circondano la nostra città, ma anche e soprattutto alla gioia di vivere e all'ottimismo.

Crediamo che essere positivi e proattivi sia più utile che essere semplicemente in contestazione. Ci siamo resi conto che le autorità pubbliche hanno restrizioni di bilancio che non consentono loro di fare tutto come vorrebbero i loro cittadini. La creazione della nostra micronazione con il suo stato d'animo fornisce una soluzione, sollecitando attraverso l'umorismo e la solidarietà, i mezzi per assumere e sostenere in modo civico e anticonformista, alcune realizzazioni di interesse pubblico o culturale per il nostro comune.

Alcuni nostri cittadini vi diranno che "facciamo cose serie senza prenderci sul serio", ecco cos'è, perché sì, possiamo divertirci pur svolgendo azioni di città per la nostra località. La Vie en Rosé ha dimostrato il suo valore ad Aigues-Mortes ed è aperta a tutti coloro che lo desiderano, residenti o semplicemente sostenitori di questo stato d'animo che rimane accessibile a tutti. 

È tutto questo il cemento della nostra micronazione, costruita sull'ingegno e la solidarietà degli abitanti di questa meravigliosa città nel sud della Francia: Aigues-Mortes.

Oggi il Principato opera in diversi ambiti quali la cultura, l'ecologia, l'economia locale, la difesa e la promozione dell'artigianato, la lotta alla discriminazione e la tutela degli animali. Perché

"Crediamo che anche se non abbiamo il potere di cambiare il mondo, abbiamo sempre la scelta e i mezzi per fornire soluzioni" (Olivier Martinez, fondatore del Principato di Aigues-Mortes)

Guarda la vita in rosato!

Sotto il suo lato bizzarro e folcloristico, il Principato di Aigues-Mortes suscita uno stato d'animo costruttivo che è incoraggiato dalla sua coppia principesca.

La Famiglia Principesca

​Le Loro Altezze Serenissime, il Principe Jean-Pierre IV e la Principessa Olivia-Eugenie hanno regnato sul Principato dal 21 giugno 2011. I beati sovrani di Aigues-Mortais formano una coppia molto unita e molto disponibile per i loro concittadini.

Il principe Jean-Pierre IV è soprattutto amato e rispettato per le sue qualità di statista micronazionale perché non solo difende gli interessi di Aigues-Mortes all'estero, ma lavora instancabilmente a progetti reali e concreti per sviluppare il commercio, l'attrattiva della città e cultura. È all'origine della valuta locale il fenicottero e ha co-fondato il FIMCAM, un festival internazionale di musica classica che si svolge ad Aigues-Mortes. All'estero, il Principe rappresenta il Principato nelle principali conferenze micronazionali e mantiene stretti rapporti con altre micronazioni, al fine di creare una solida rete di cittadini per difendere temi importanti come la lotta al riscaldamento globale che minaccia la Camargue e l'Aigues-Mortes a causa dell'innalzamento delle acque. È all'origine della MicroFrancophonie, l'organizzazione delle micronazioni francofone e francofile nel mondo.

La principessa Olivia-Eugenie è altrettanto amata per il suo lato molto giocoso e naturale che quasi ti fa dimenticare i suoi tratti insoliti. A disagio con il protocollo secolare della casa principesca, si denota con il suo parlare schietto e le sue incredibili avventure. Se il principe è un uomo degno del suo compito, la principessa fa del suo meglio per adempiere al suo dovere nazionale quando non è sotto l'influenza del loro tipico buon rosé.

Olivia-Eugénie sta molto meglio in strada o in un bar con i suoi concittadini piuttosto che a palazzo. Ha rapidamente conquistato i cuori degli Aigues-Mortais con la sua gentilezza e anti-formalismo. È senza dubbio il legame tra l'aigues-mortais e il Couronne. Nel 2012 ha creato il Prix de Constance che premia una persona che ha svolto un'azione significativa per il bene della città e ha stabilito la sua fondazione contro la cirrosi epatica che considera la grande malattia nazionale del Principato.

Questa coppia principesca costantemente in bilico tra il senso del dovere e scomodi slittamenti, sono comunque una delle coppie sovrane più amate del pianeta!

Nel settembre 2020, il piccolo principe ereditario Jean-Rosé ha deciso di rinunciare al suo diritto di successione al trono. Il principe sta attualmente ricevendo candidati da cittadini di età compresa tra i 18 ei 30 anni per sottoporre un nuovo principe ereditario o una nuova principessa ereditaria al voto di approvazione dell'assemblea generale dei cittadini del principato. Sarà quindi una nuova dinastia principesca che garantirà la sostenibilità della micronazione.

Se visiterete Aigues-Mortes, scoprirete con sorpresa che il ritratto della coppia principesca è presente in un gran numero di negozi della città.


Sito governativo: www.principaute-aigues-mortes.com


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Principato di Lorenzburg

Lorenzburg è una micronazione fondata il 1 dicembre 2014. I confini della nazione coincidono con i confini del distretto cittadino di Lorensberg nella città svedese di Karlstad.

Il Principato non sta occupando, con la forza o con altri mezzi, il territorio della Svezia, ma è inteso come una sorta di "doppia esposizione" in cui la nazione mette in ombra, come un universo parallelo, lo spazio fisico effettivo del distretto cittadino di Karlstad.

Lorenzburg vuole essere un rifugio per visionari, liberi pensatori, fanatici, freaks, queers, artisti, inventori e tutti gli altri.

Principato di Sealand

Il Principato di Sealand è una micronazione stabilita su un forte di difesa anti-aerea costruito dagli inglesi durante la seconda guerra mondiale. Dal 1967, la dismessa Roughs Tower è stata occupata e rivendicata come stato sovrano dalla famiglia e dai soci di Paddy Roy Bates. Bates sequestrò la Roughs Tower a un gruppo di emittenti radiofoniche pirata nel 1967 con l'intenzione di installarvi la propria stazione. Sealand fu invasa da mercenari nel 1978, ma riuscì a respingere l'attacco.

Principato d'Anthophilia, la Micronazione delle Api

🐝 Proclamatosi come "la terra dei difensori della Natura, e più particolarmente dei difensori degli animali impollinatori", all'interno della comunità micronazionale Anthophilia gode di un'ottima reputazione e si focalizza su questioni ambientali. Ha creato il Trattato di Véron per incoraggiare le micronazioni ad adottare misure a favore della salvaguardia delle api, ad agosto 2021 il quotidiano francese Le Monde ha pubblicato un articolo su di loro.

Principato dei Presìdi Marazzini

Il Principato dei Presìdi Marazzini è una autoproclamata micronazione situata nella valle dell'alto Bormida, al confine tra Piemonte e Liguria. Il Principato dei Presìdi Marazzini nasce il 25 aprile 2016 dalla definitiva unione in una unica nazione feudalmente strutturata di tutti i Presìdi, Territori, Feudi, Possedimenti, Signorie della famiglia sovrana dei Marazzo del Vasto di Rocchetta con una fondazione formale e ufficiale, ma la sua storia è molto più antica, realizzando la fusione in un'unica entità di diverse micronazioni preesistenti che erano già governate congiuntamente in unione personale di sovrani o governo.

🎥 Principato di Seborga

In Liguria c’è un piccolo centro medievale, vicino a Bordighera e Sanremo, dove vivono poco più di 300 anime, e che da molti anni si è autoproclamato «Principato» indipendente dall’Italia con tanto di principe, Consiglio della corona, guardie e moneta: tutto, ovviamente, non riconosciuto dallo Stato italiano. 

Principato di Hutt River

Il Principato di Hutt River è stata una micronazione con un territorio di 75 km², occupante due piccole enclavi in Australia, 595 km a nord di Perth. Ha proclamato la propria indipendenza il 21 aprile 1970, in seguito ad una disputa sulla produzione di grano tra il proprietario terriero Leonard Casley e lo Stato australiano, la micronazione si è dissolta ufficialmente il 3 agosto 2020.