A smentire i luoghi comuni e l'etichetta di ecofascista sul noto ecoterrorista e scrittore Ted Kaczynski, detto "Unabomber" e sui movimenti di ecologia radicale, ci pensa lui stesso dal carcere, in una nota manoscritta datata 29 settembre 2020, scansioni recuperate il 10 febbraio 2022.

📃 Segue traduzione in lingua italiana del documento originale.


Ecofascismo: un ramo aberrante della sinistra

Gli "ecofascisti", per come intendo io quel termine, condividono almeno due tratti:

 

  1. Non sostengono il rifiuto totale della tecnologia moderna; vogliono invece creare una società in cui la tecnologia sarà “limitata e “saggiamente” utilizzata in modo tale da garantire la salute ecologica del nostro pianeta.
  2. Sostengono, se non il suprematismo bianco, almeno il separatismo bianco.

I

Per prima cosa prendiamo il tratto I. In sostanza, gli ecofascisti vogliono una società pianificata, il che significa semplicemente che sono socialisti, poiché l'idea fondamentale del socialismo è quella della società pianificata. L'illusione della società pianificata ebbe origine nell'Illuminismo, quando alcuni filosofi, fuorviati dalla riuscita applicazione della razionalità scientifica al mondo fisico, immaginarono che la razionalità scientifica potesse essere applicata con uguale successo allo sviluppo delle società umane. Questa illusione avrebbe dovuto essere dissipata da molto tempo da ciò che abbiamo appreso dal 18° secolo; ma la sinistra di oggi, inclusi gli ecofascisti, persiste nell'aggrapparsi ad essa.

 

Alla fine degli anni '90 e all'inizio degli anni 2000, molte persone di sinistra si riferivano ai miei scritti come se fossi un loro compagno ideologico. Sono stati in grado di farlo solo grazie a una lettura selettiva: non sono riusciti a percepire o a ricordare le parti del mio lavoro che erano radicalmente incompatibili con la loro ideologia. Questi ecofascisti che oggi citano il mio lavoro, o mi sostengono come fonte di ispirazione, sono allo stesso modo impegnati nella lettura selettiva: trascurano completamente parti cruciali del mio lavoro; per esempio, il capitolo uno di Anti-Tech Revolution, in cui si dimostra che lo sviluppo di una società non può mai essere soggetto a una guida umana razionale. Solo su questa base, si può prevedere con assoluta certezza che qualsiasi tentativo da parte degli ecofascisti - o di chiunque altro - di stabilire e mantenere un equilibrio stabile e mondiale tra tecnologia e salute ecologica fallirà.

 II

Ora diamo un'occhiata al tratto II. Il vero movimento anti-tecnologico rifiuta ogni forma di razzismo o etnocentrismo. Questo non ha nulla a che fare con "tolleranza", "diversità", "pluralismo", "multiculturalismo", "uguaglianza" o "giustizia sociale". Il rifiuto del razzismo e dell'etnocentrismo è — puramente e semplicemente — un punto cardinale della strategia.

 

Qualsiasi movimento che miri a limitare la tecnologia deve essere mondiale perché se il progresso tecnologico viene ridotto in una parte del mondo mentre un'altra parte del mondo continua a seguire la strada dello sviluppo tecnologico sfrenato, allora il patto pienamente tecnologico del mondo avrà una vasta preponderanza di potere sulla parte meno tecnologica. Prima o poi (probabilmente prima) la parte completamente tecnologica del mondo prenderà il controllo dell'altra parte per sfruttarne le risorse. Per citare solo l'esempio più ovvio, se il progresso tecnologico è frenato negli Stati Uniti mentre la Cina continua il suo attuale percorso tecnologico, allora la Cina dominerà il mondo e prenderà tutto ciò che vuole dalle risorse naturali americane, indipendentemente dai desideri degli americani.

 

Per ovvie ragioni, un movimento suprematista bianco non può essere mondiale. Anche se un movimento non rivendica la superiorità per nessuna razza o cultura, ma si limita a insistere nel mantenere separate e distinte le varie razze o culture del mondo, non sarà in grado di tenere sotto controllo la tecnologia, perché il suo atteggiamento separatista promuoverà inevitabilmente rivalità e /o sospetto tra le varie razze o etnie. Ogni razza o gruppo etnico, per il bene della propria sicurezza, cercherà di assicurarsi di avere più potere - e quindi più tecnologia - rispetto ad altre razze o gruppi etnici. Ne consegue che qualsiasi movimento che cerchi di limitare la tecnologia deve compiere ogni sforzo per ridurre al minimo le divisioni o differenze tra razze o gruppi etnici. Puramente per una questione di strategia, mescolanza razziale e culturale devono essere promosse.

 

Gli ecofascisti devono leggere ATTENTAMENTE ISAIF, Technological Slavery e Anti-Tech Revolution. Ciò non cambierà le loro convinzioni - che si basano esclusivamente sull'emozione, non sulla ragione - ma almeno potrebbe impedire loro di chiamarmi una "ispirazione" e di citare i miei lavori a sostegno della loro ideologia. Dovrebbe mostrare loro che io sono il loro avversario.

 

L'ossessione degli ecofascisti per la razza li mette nella stessa famiglia con i sinistri, che allo stesso modo sono fissati per la razza. La differenza tra i due è solo che per gli ecofascisti la razza "bianca" è l'eroe della storia, mentre la sinistra ordinaria trasforma la stessa razza nel cattivo. Gli ecofascisti e la sinistra ordinaria sono solo due facce della stessa (contraffatta) medaglia.

 

Ted Kaczynski

29 settembre 2020


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

I Comunicati del Freedom Club

Le seguenti lettere provengono dagli archivi dell'FBI per i documenti trovati nella cabina di Ted Kaczynski. Tutti i documenti sono copie di lettere effettivamente inviate durante la campagna di bombardamenti (tranne la lettera non inviata a LWOD). I documenti originali risiedono nella Biblioteca delle collezioni speciali dell'Università del Michigan (Labadie Collection), dalla quale sono state richieste queste lettere per la trascrizione e la diffusione.

La Carcassa in Decomposizione dietro lo Spauracchio Verde
Come l'anarchia verde è diventata la posizione più controversa

L'anarchia verde, indipendentemente dalla propaggine, è una filosofia, una critica e un modo di vivere che enfatizza i principi anarchici più pronunciati. Gli anarchici verdi sono pronti e disposti a smantellare tutte le strutture di dominio, a partire da un'analisi radicata dell'ecologia, il che significa la relazione tra tutti gli esseri viventi e l'ambiente fisico da cui tutti dipendiamo per sopravvivere.

Esamineremo le origini e la graduale evoluzione dell'anarchia verde, esploreremo come queste idee vengono percepite dalle persone che guardano dall'esterno e cercheremo di capire perché l'anarchia verde è così detestata da un contingente di teorici di sinistra che, sempre più, ci hanno calunniato come "eco-fascisti".

"A Primitivist Primer", l'innesco al Primitivismo di John Moore

A Primitivist Primer è un saggio breve di John Moore pubblicato nel 2000 sulla rivista Green Anarchy, il cui titolo consiste in un interessante gioco di parole non traducibile letteralmente in italiano. "Primer" infatti è traducibile dall'inglese oltre che come "principiante", in senso tattico-militare come "innesco" o "chi innesca una carica", e in senso edilizio come "prima mano". Il suo primitivismo non è inteso come un desiderio di ritornare ad un epoca primitiva, quanto, nel prendere la società pre-industriale come un modello di riferimento in cui «la cooperazione tra gli individui erano gli aspetti prevalenti della vita comunitaria».

Unabomber: la società industriale e il suo futuro

Nel 1971, Theodore John Kaczynski, detto Ted, si trasferì in una cabina remota senza elettricità o acqua corrente vicino a Lincoln, nel Montana, dove visse da recluso mentre imparava le abilità di sopravvivenza per diventare autosufficiente. Ha assistito alla distruzione della natura selvaggia che circondava la sua capanna e ha concluso che vivere nella natura stava diventando impossibile, decidendo di combattere l'industrializzazione e la sua distruzione della natura.

Fanculo la vostra Rivoluzione Rossa: contro l'Ecocidio, verso l'Anarchia

Il collettivismo, che sia ideologicamente comunista, fascista o capitalista, non è qualcosa che serve i miei interessi come agricoltore di sussistenza indigeno e raccoglitore che vive in queste remote montagne.

Qualunque sia il dogma industriale che mi ordina di vivere la mia vita serve solo a riempire il mio cuore di dolore. Respingerò a gran voce l'idea di una società collettiva in ogni occasione, indipendentemente dalla sua alleanza ideologica. Tutta l'industria uccide tutta la vita.

Sono un anarchico. Anche l'idea di una “società” che governa il mio stile di vita mi fa un po' vomitare. I tuoi bisogni non sono i miei bisogni, non voglio andare dove il collettivo vuole portarmi...

…Voglio essere liberato dal sistema, non diventare il sistema. Il collettivo non è il mio padrone. Il collettivo è in realtà solo un altro stato, per quanto ben impacchettato.

🎥 Filosofia di Unabomber

Breve spiegazione del pensiero di Theodore Kaczynski estrapolato dalla sua opera: La Società Industriale e il suo futuro.

L'odio per la tecnologia, l'odio per la sinistra, la stretta e difficile strada per la rivoluzione.

Un pensiero politico raffinato e con molte caratteristiche inedite. Un autore fondamentale da riscoprire.