Henry Furst, detto “il Cardinale”, o “l’ultimo Don Chisciotte”, nacque a New York l’11 ottobre 1893 da famiglia di origine tedesca (e oggi ne voglio festeggiare il compleanno pubblicando quest'articolo, se non altro per il legame parentale che mi lega a quest'uomo così speciale). Personaggio colto ed eclettico studiò in America, a Ginevra, Berlino, Oxford. Nel 1916 venne in Italia, studiò diritto a Roma e letteratura a Padova, dove si laureò con la tesi 'La Farsaglia di Lucano e la sua influenza nella letteratura europea'. Fu segretario del regista Gordon Craig, consulente politico di Gabriele d’Annunzio, con cui partecipò all’impresa di Fiume e ne divenne Ministro della Reggenza.

Fu critico letterario, giornalista, traduttore, scrittore, regista teatrale e divulgatore storico. Conobbe e scrisse in inglese, francese, italiano, tedesco, danese, spagnolo, latino, greco e arabo. Intellettuale politico antifascista durante il ventennio e nostalgico dopo la caduta del fascismo, fu ministro della Reggenza Italiana del Carnaro nel 1919 quando ebbe il merito di convincere il reggente Gabriele d’Annunzio a riconoscere la Repubblica d’Irlanda prima della Gran Bretagna.

Viene infatti accolto nella segreteria di D'Annunzio con l'incarico di seguire la stampa straniera. Successivamente è assegnato all'Ufficio relazioni esteriori, per conto del quale redige un messaggio di solidarietà al presidente del parlamento irlandese. Ha idee di estrema sinistra.

Lui e Kochnitzky, come ricorda Giovanni Comisso, "pensavano che il mondo dovesse andare verso il comunismo e si illudevano di influenzare le decisioni del Comandante, definito da Lenin ai comunisti italiani, andati a Mosca, il solo capace di fare una rivoluzione in Italia. Talvolta li ascoltava con attenzione, ma finiva sempre per fare quello che gli sembrava più opportuno". Scrive per il foglio La Testa di Ferro, che spalleggia Fiume e ospita la rubrica 'Movimento degli oppressi', manifestando una costante attenzione per le questioni economico-sociali, in particolare nei suoi articoli. 

Carli lo descrive così: '... l'americano Henry Furst, promoso sottotenente fiumano (nella Legione dalmata, corpo irregolare - ndr) perché s'insaccasse in una divisa goffa e abbondante, il cui cinturino era come un sottopancia da atleta: Furst, il tipo più malizioso e più sollazzevole, meno bellicoso meno utile e più simpatico, dell'impresa: giornalista e nottambulo, complottatore e bevitore, grande ammiratore di Keller e suo complice nelle beffe fantasiose a ammonitrici fatte agli organi ufficiali della Città...' Keller, l'aviatore dal nome Guido che diede lo stesso alla sua aquila con cui viveva appollaiato su un albero. Amico e compagno d'erotismo, perché a Fiume in tanti erano bisessuali, e omosessuali, più o meno palesemente. Alberto Arbasino in questi versi dedicati a Pier Paolo Pasolini scrive della posizione di Furst: 'e domandare pareri / anche a Comisso, Furst, Penna, Testori, / e confrontare le libertà, / le felicità e le facilità / di una perduta bisessualità / contadina, militare, marittima...'

Keller, Comisso, Furst sono sodali per davvero, prendono in affitto una casetta di montagna, vi trascorrono piacevoli serate mangiando pane e miele, bevendo latte... Vegetarianesimo, edonismo, estetismo, senso ludico. Il tutto condito dal coraggio dei temerari, quello tipico di chi sogna un mondo diverso, ma non si limita ad immaginarlo e lotta per attuarlo. 

Conclusa la vicenda di Fiume rimane in Italia e ottiene la cittadinanza italiana. Torna in America durante il periodo bellico, ma ritorna nel 'bel paese' nel dopoguerra, diviene collaboratore de Il Borghese e assume pose da nostalgico, proprio lui che era stato comunisteggiante a Fiume e sempre uno spirito critico durante il Ventennio fascista. Spiega il cambiamento, sostenendo che 'tutti i galantuomini sono sempre contro il regime che sta al potere'. 

Corrispondente dall’Italia della rivista The New York Times Book’s Review negli anni Trenta del Novecento e collaboratore del periodico longanesiano L’Italiano, nel 1946 assieme ad Indro Montanelli e Giovanni Ansaldo, aiutò Leo Longanesi a fondare l’omonima sua casa editrice ed in seguito collaborò ai periodici dell’amico Il Libraio e Il Borghese. Amico di personalità di spicco come Eugenio Montale ed Ernst Junger, che lo cita anche in un suo libro, sapeva intessere rapporti con menti libere e coraggiose. Menti come la sua.

Henry Furst sposò la scrittrice Orsola Nemi alle 11 del 22 aprile 1967, contemporaneamente alla nascita di tre gattini alla Baruffa. Un uomo geniale, bizzarro e trasgressivo scrittore americano, di quasi dieci anni più vecchio di lei, quasi un metro più alto di lei. E fu un connubio singolare, per molti aspetti straordinario. Vissero in molte località (Genova, Recco, Cervo Ligure, Roma,La Spezia), in case grandi piene zeppe di libri e di gatti, sempre con ampi giardini: a tutto sovrintendeva con fermezza Orsola.

Pochi mesi dopo il matrimonio, il 15 agosto 1967, Enrico morì e venne seppellito nel cimitero della Spezia, nella stessa tomba dove verrà seppellita Orsola l’11 giugno 1985.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

Riccardo Zanella, un antifascista a Fiume

Al termine della Prima guerra mondiale, inizialmente sostenne l'occupazione di Fiume compiuta dai legionari dannunziani per proclamare l'annessione della città all'Italia. Tuttavia, quando i dannunziani e gli irredentisti cittadini iniziarono a limitare le libertà d'espressione dei cittadini, divenne loro oppositore. Principale sostenitore dell'autonomia di Fiume dall'Italia, e unico Presidente democraticamente eletto dello Stato di Fiume, dal 5 ottobre 1921 al 3 marzo 1922. Fu deposto da un colpo di mano di fascisti, nazionalisti ed ex legionari dannunziani.

Reggenza del Carnaro: può essere considerata una micronazione?

Dal 27 al 29 Agosto 2020 i portavoce di Libere Comunità si sono riuniti presso una località. Tra i vari punti, vi è stato un dibattito sullo Stato Libero di Fiume, un'esperienza che riteniamo sia molto vicina ad LC nonostante le strumentalizzazioni della Destra. La volontà di slegare l’appropriazione indebita della Destra reazionaria è stato uno degli argomenti affrontati, rendendo giustizia a quella che è stata una delle più incredibili avventure degli uomini liberi di ogni latitudine ed attitudine, la Reggenza del Carnaro.

Il Misticismo di Gabriele D'Annunzio

Fin dalla giovinezza il Vate è ossessionato, quanto perennemente impreparato, dal declino, a tal punto che all’età di sedici anni trovandosi un giorno con alcuni amici che parlavano di suicidio così si espresse: “Molti si uccidono per fuggire alla vita, nessuno si uccide per fuggire alla morte. Ciò significa che la morte è meno insopportabile della vita”.

Alceste De Ambris: Il Sindacalista Rivoluzionario ed Antifascista di D'Annunzio

La figura di Alceste De Ambris è stata studiata ed è conosciuta da diversi ricercatori, studiosi o appassionati di storia. La sua vicenda biografica lo vede protagonista della politica rivoluzionaria e non solo dei primi trentenni del novecento; nato a Licciana di Pontremoli (Massa) il 15 settembre 1874, il suo nome è legato a due episodi celebri: lo sciopero generale dei contadini a Parma nel maggio 1908 e la collaborazione con Gabriele D’Annunzio a Fiume nel 1920.

🎥 Libere Comunità incontra Patria Socialista - intervista e dibattito con Igor Camilli

La vita ci regala emozioni e momenti bellissimi, ma allo stesso tempo ci pone davanti a ostacoli e sfide che ci mettono in grande difficoltà.

L’importante è farsi trovare pronti, soprattutto a livello mentale, in modo da trovare dentro di noi la forza per superarli.

L'espressione libertaria della Fiume Indipendente

Cent’anni fa venne promulgata la Carta del Carnaro, “fu scritta da un grande sindacalista come Alceste de Ambris e rivista da un grande poeta-soldato, Gabriele d’Annunzio. All’articolo 2 della parte generale sono condensate tutte le parole chiave della Carta: democrazia diretta, sociale, organica, fondata sulle autonomie, lavoro produttivo e sovranità collettiva di tutti i cittadini senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di classe e di religione.

D'Annunzio secondo Hakim Bey

Gabriele D’Annunzio, poeta decadente, artista, musicista, esteta, donnaiolo, ardimentoso pioniere aeronautico, stregone, genio e trasgressore del codice dei gentiluomini, emerse dalla prima guerra mondiale come un eroe, con un piccolo esercito al comando di un suo cenno: gli Arditi. In mancanza di avventure, decise di catturare la città di Fiume dalla Jugoslavia, e darla all’Italia. Dopo una cerimonia necromantica in un cimitero di Venezia assieme alla sua amante, partì per conquistare Fiume e ci riuscì senza problemi di sorta. Ma l’Italia respinse la sua generosa offerta. Il primo ministro lo chiamo uno “sciocco”. Stizzito, D’Annunzio decise di dichiarare l’indipendenza e vedere quanto a lungo poteva passarla liscia. Lui e uno dei suoi amici anarchici scrissero la costituzione che dichiarava la musica essere il principio centrale dello Stato.

La vita spericolata di Guido Keller

Asso dei cieli, divenne un temutissimo avversario per gli austriaci che spesso furono costretti a battere in ritirata alla sola vista del suo velivolo. Dopo decine di duelli vinti, venne abbattuto e detenuto in un campo di prigionia austriaco, ma riuscì a fuggire. Alla fine del conflitto portò a casa tre medaglie d’argento per diversi meriti sul campo ed una fama di uomo indisciplinato e ribelle.

Dopo la penosa conclusione della prima guerra mondiale, Keller fu tra i legionari dannunziani che parteciparono all’impresa di Fiume. In una città, come Fiume, dove tutto era lecito l’avanguardia sperimentale e futurista diventò legge, e nella rottura degli schemi e del bigottismo, ovviamente, Guido Keller emerse senza difficoltà.