La "parrocchia di Torgu" era inizialmente una Comune rurale sulla punta della penisola di Sõrve sull'isola di Saaremaa nell'Estonia occidentale, facente parte della contea di Saare. Nel 1992, in seguito all'indipendenza dall'Unione Sovietica, un errore nella nuova costituzione dell'Estonia portò all'esclusione di Torgu. In risposta, i 500 abitanti della zona decisero di formare il proprio regno. Il giornalista e attivista Kirill Teiter divenne il suo primo monarca.

L'anno successivo, l'errore fu corretto e Torgu divenne ufficialmente parte dell'Estonia. 

Questa parrocchia contava 22 villaggi. La Comune aveva una popolazione di 375 abitanti (al 1 gennaio 2006) e copriva un'area di 126,44 km².

Durante la riforma amministrativo-territoriale del 2017, tutte le 12 Comuni dell'isola Saaremaa sono state fuse in un unico Comune amministrativo: la parrocchia di Saaremaa.

Tuttavia, nella Comune sono ancora utilizzati la bandiera e lo stemma del Regno di Torgu.

Storia

Tempi antichi

Nei tempi antichi, Sõrvemaa era un'isola separata. Era separato da Saaremaa da uno stretto stretto (o versetto), che ora è diventato un canale fluviale che collega il Mar Baltico e il Golfo di Riga (Fiume Salme). Gli antichi isolani erano temuti guerrieri e marinai nei paesi nordici, conosciuti con il comune denominatore di Osiliani nelle fonti scritte della Danimarca, della Svezia e di altri a quel tempo.

Il loro stile di vita era dettato dalla cultura vichinga prevalente nei paesi nordici. Una delle lapidi più antiche dell'Estonia dà un'idea della vita nell'antica Sõrvemaa: le tombe delle navi nel villaggio di Lülle e SalmeltLe sepolture vichinghe nell'VIII secolo, associate alle usanze vichinghe, sono tra i più antichi reperti del loro genere al mondo.

Privilegi 

Alla fine dei tempi antichi, Saaremaa era una delle regioni più densamente popolate e sviluppate dell'Estonia. Per ragioni strategiche e tattiche dovute alla vita vichinga, le antiche parrocchie vi formarono probabilmente una contea coordinata già nell'XI secolo. A causa della sua storia, Saaremaa era la contea estone più organizzata e persistente nei primi decenni del XIII secolo.

I crociati riuscirono a fermare le continue ostilità degli isolani che conquistarono nel 1227 con i trattati del 1231 e del 1234 (vassalli), in base ai quali la maggior parte degli antichi anziani (re) divennero vassalli dei nuovi signori (anche la prima menzione scritta di Sõrve - Sworve risale al 1234).

Come risultato degli accordi vassalli, i locali conservarono uno status speciale su molte questioni importanti per loro. Comprese maggiori libertà rispetto ad altre parti dell'Estonia di preservare sia le tradizioni culturali e religiose (es. usanze funerarie) sia l'organizzazione del governo locale (es. regolamentazione dell'uso del suolo a Sõrvemaa secondo il suo antico sistema di distribuzione della Lapponia, ecc.).

Questi privilegi passarono nel 1241 e nel 1255. al trattato di pace tra l' Ordine di Livonia, il vescovo di Saare-Lääne e la nobiltà di Saaremaa nel 1449, e al trattato di pace di Kuressaare nel 1449, ancora sotto il dominio danese e svedese. I privilegi non iniziarono a scomparire fino al 18° secolo, quando questi territori entrarono a far parte dell'Impero russo, anche se come distretto di Arensburg, Saaremaa rimase anche un'area a statuto speciale in Russia (una provincia bifamiliare, una semicontea) in quanto parte della provincia di Livonia. Questo è stato fino al 1917, quando il distretto di Arensburg in modo chiaro e inequivocabile per l'Estonia era unito alla provincia nazionale.

Precedenti disposizioni amministrative

Come tutte le contee estoni, in tempi antichi Saaremaa era costituita da antiche parrocchie o villaggi (nei documenti scritti più antichi kylagund, kylægund, kiligunda, kelichonta, poi la parrocchia). A causa della loro autonomia, matrimoni intracomunitari, ecc. le loro unità nazionali relativamente chiuse hanno mantenuto i loro usi e costumi specifici, i dialetti linguistici, i modelli di abbigliamento, le pratiche di lavoro e altro patrimonio etnografico.

La prima menzione scritta di Sõrve risale al 1234.

La divisione di Saaremaa tra il vescovo di Riga, l'Ordine e la città di Riga è stata approvata da un accordo (dalla punta meridionale di Sõrve, Säär, una parte significativa del minerale utilizzato per costruire la città di Riga sulle dune di sabbia, che è stato trasportato da Sõrve a Riga).

L'accordo menzionava sei kelichonta in Osilia. Quattro di loro avevano formato le cosiddette associazioni di villaggi accoppiati: Horele e Mone (l'odierna Pöide + Muhu) e Kiligunde e Sworve (Kihelkonna + Sõrve). Inoltre, le due ben consolidate sottoregioni erano composte anche da Carmele (Kaarma) eWaldele (Valjala), il che indica che i processi volti alla centralizzazione dell'amministrazione erano già stati completati in quel momento. Probabilmente per il maggior potere dei genitori tipici estoni, Henrik di Lettonia chiama gli isolani di Saaremaa invece dei soliti seniores o meliores.

Successivamente le comunità ecclesiastiche (parrocchie) furono suddivise negli originari villaggi pre-battesimali. Sõrvemaa appartenne alla città di Riga dal 1233 e al vescovo di Saare-Lääne dal 1240, formando una parrocchia separata di Jämaja (tedesco Kirchspiel Jamma). Le parrocchie avevano il diritto amministrativo dei loro territori e fungevano da giudice parrocchiale fino alla formazione di altri organi amministrativi.

A causa dei continui scontri, lo spirito vichingo degli isolani fu presto spezzato, compresa la divisione delle parrocchie in parrocchie più piccole. Il territorio di Ees - Sõrve (oggi parrocchia di Salme) fu separata da Sõrve nel XIV secolo e fusa con la parrocchia di Kärla. Nel XVI secolo vi si formò una parrocchia separata di Anseküla.

Il maniero di Torgu fu fondato nel XIV secolo come maniero statale (Gemeinde Torkenhof), che divenne l' omonimo comune padronale con le riforme del 1866, uno degli otto comuni padronali entro i confini della parrocchia di Jämaja. Nel 1891, tutti i manieri e i comuni padronali della parrocchia di Jämaja furono fusi nel comune di Torgenhof (Torkenhof).

Secondo il censimento condotto nell'Estonia indipendente nel 1922, il comune di Torgu si è rivelato essere l'area rurale più densamente popolata dell'Estonia con una popolazione di 4.028 abitanti.

La riforma amministrativa del 1925 abolì tutte le parrocchie in Estonia, inclusa la Jämaja a Taga-Sõrve, trasformando le congregazioni rurali luterane in associazioni religiose estranee al loro territorio. Nel corso della riforma dei comuni rurali avviata nel 1938, il comune rurale di Torgu divenne il cosiddetto nuovo comune rurale di Torgu (senza i villaggi di Rahuste e Ula precedentemente appartenenti alla parrocchia di Jämaja e al comune rurale di Torgu, che furono trasferiti nella nuova Salme comune rurale).

Vi fu la comparsa delle basi militari russe sovietiche a Sõrvemaa con l'espulsione dei partecipanti locali nel 1939, la deportazione di tutti i soldati disponibili in Germania nel 1944, poi l'acquisizione di Sõrvemaa come una delle battaglie più impegnative della seconda guerra mondiale e poi per mezzo secolo la penisola fu usata come base militare chiusa e zona di confine dell'Unione Nazionale. Tuttavia, più di mille rimpatriati sono tornati a vivere tra le rovine della loro patria.

Il 13 settembre 1945, le autorità di occupazione sovietiche formarono il Consiglio del villaggio di Kargi e il Consiglio del villaggio di Torgu sul territorio della parrocchia di Torgu. La parrocchia di Torgu fu liquidata nel 1950. Nel 1971, la fusione di Sõrvemaa in una (grande) fattoria statale a Sõrve fece diminuire nuovamente la popolazione a Taga-Sõrve e i due consigli di villaggio stabiliti lì furono fusi sotto il consiglio del villaggio di Salme. Di conseguenza, sia l'unità amministrativa che porta il nome di Torgu che i resti dell'autogoverno separato dei rimpatriati erano scomparsi.

Il prossimo futuro e il "Regno di Torgu"

Nel 1989, in un referendum tenuto prima che l'Estonia riconquistasse la sua indipendenza, Taga-Sõrve, con circa 470 abitanti, voleva essere nuovamente separata dal consiglio del villaggio di Salme. Su iniziativa di Leevi Häng, è stata fondata la "Società per il restauro e lo sviluppo di Sõrve", che ha iniziato a lavorare per la ricostruzione del comune di Torgu. Lo STAS ha anche affrontato le preoccupazioni sulla riforma agraria del popolo di Jr., ha combattuto per il risarcimento dalla LV tedesca per le deportazioni di massa in Germania, le case distrutte e altri danni di guerra durante la seconda guerra mondiale e ha assistito la gente del posto in altre questioni Leevi Häng, in qualità di consulente del governo della contea di Saare su Sõrve, ha mantenuto la questione Torgu nel governo della contea di Saarecostantemente in su. Di conseguenza, il restauro del comune di Torgu è stato avviato nell'aprile 1991 (con decisione della RSN del villaggio di Salme), sulla base del referendum del 1989 e della legge sulle fondazioni del governo locale. Valdek Kaus è stato nominato capo dell'amministrazione, che ha assunto la carica di consigliere per lo sviluppo di Sõrve istituito presso il Consiglio del villaggio di Salme il 1 giugno 1991.

Con decreto del 30 luglio 1992, il Consiglio supremo della Repubblica di Estonia ha istituito una nuova divisione amministrativa in Estonia. Descriveva l'intero territorio della Repubblica di Estonia attraverso i comuni ivi situati, ma Torg è stato menzionato solo una volta nel determinare lo status municipale del comune di Salme:

/.../ "Per confermare, in deroga, lo status di governo locale del comune di Salme nel suo attuale territorio amministrativo, ad eccezione del territorio dell'ex comune di Torgu..." /.../.

Taga-Sõrve, le aree dell'ex comune di Torgu, non sono state descritte come parte del territorio della Repubblica di Estonia dopo la riforma amministrativa. In questo modo, la Repubblica di Estonia ha dichiarato Taga-Sõrve un'area extraterritoriale in cui la giurisdizione della Repubblica di Estonia non si applicava più de jure. Le persone lì hanno così perso i loro diritti costituzionali di organizzare la vita locale attraverso il governo locale, di partecipare alle elezioni e così via.

Entro il 3 agosto 1992, come risultato dei suoi precedenti preparativi, Valdek Kaus aveva raggiunto il punto in cui una squadra e locali nella cosiddetta "Bulla House" erano disponibili nel centro del comune rurale per i lavori di costruzione del comune rurale di Torgu. Ma non c'era il comune. La Sõrve Restoration and Development Society ha rappresentato i rimpatriati come l'unica organizzazione ufficiale. Il suo presidente, Leevi Häng, ha proclamato il Regno di Torgu per protestare contro l'abbandono senza precedenti del popolo di Taga-Sõrve. Uno dei suoi compiti principali era quello di restaurare il comune con l'aiuto di Kirill Teiter, l'inviato del Riigikogu, Kirill I, che fu eletto re di Torgu.

L'11 marzo 1993, il VII Riigikogu della Repubblica di Estonia ha approvato la risoluzione n. 96, che ha ripristinato la parrocchia di Torgu entro i suoi ex confini. Valdek Kaus, l'ex consigliere per lo sviluppo di Sõrve e governatore generale del regno di Torgu, è diventato il capo ad interim del comune rurale nel comune di Torgu appena restaurato, che ha governato il comune fino alle successive elezioni locali regolari. Come indicazione della fase intermedia reale del comune di Torgu, l'immagine della corona reale compare anche sullo stemma e stemma dell'odierno comune di Torgu.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

OWK: il Regno dell'Altro Mondo, la micronazione BDSM

The Other World Kingdom (spesso abbreviato OWK) è una micronazione fondata presso una grande struttura commerciale BDSM e femdom resort che ha aperto nel 1996 utilizzando gli edifici e i terreni di un castello del XVI secolo situato nel comune di Černá a Žďár nad Distretto di Sázavou, in Repubblica Ceca. Mantiene la propria valuta, passaporti, forze di polizia, tribunali, bandiera di stato e inno di stato. Il motto recita: «le donne sopra agli uomini».

Regno di Tavolara

In epoca antica, sull'isola furono esercitati i diritti feudali goduti dall'omonima famiglia Tavolara, la quale successivamente abbandonò il possesso dell'isola a causa della posizione e delle difficoltà connesse al suo utilizzo. Sul finire del Settecento, Giuseppe Bertoleoni (di origine corso-genovese) giunse in prossimità dell'arcipelago di La Maddalena, costeggiando la Corsica, a bordo di una piccola nave da diporto proveniente da Genova, in cerca di una terra in cui abitare; si stabilì dapprima sull'isolotto di Spargi, poi si spostò più a sud, sulla piccola isola di Mortorio, ma, spinto dalla ricerca di un'isola più generosa e ospitale, navigando ancora verso sud, raggiunse nel 1806 l'isola disabitata di Tavolara. Qui si stabilì con la famiglia, dedicandosi all'allevamento delle capre selvatiche, assai numerose sul territorio e caratterizzate da una particolare colorazione dorata della dentatura, causata dall'alimentazione.

Regno di Amethonia

Il Regno di Amethonia è una micronazione fondata da Ernest Emmanuel il 12 febbraio 2011. Amethonia rispetta il diritto umano a vivere un'esistenza pacifica e sana. Amethonia crede che la cavalleria moderna sia ancora molto viva. In quanto tale, Amethonia apre la sua cittadinanza a persone di tutte le nazionalità che desiderano fortemente dare un contributo significativo all'umanità.

La Micronazione dell'Isola di Lithua

L'Isola di Lithua è una micronazione conservazionista situata su una piccola isola tra due fiumi. Questa minuscola isola, sebbene parte di un villaggio rurale incastonato tra le colline gallesi, è disabitata e, come tale, si è dichiarata micronazione sovrana indipendente nel 2020.

Fondato come progetto di conservazione il 7 giugno 2020 per prevenire lo scarico dei rifiuti e aumentare la consapevolezza della fauna selvatica lungo il fiume, il messaggio dell'Isola di Lithua è di cautela e conservazione dell'ambiente.

L'isola di Lithua è una monarchia assoluta. Non c'è democrazia o elezioni, tuttavia i cittadini possono candidarsi per diventare Ambasciatori e Consoli se hanno precedenti esperienze.

Regno di Araucania e Patagonia

Il Regno di Araucania e Patagonia, chiamato anche Nuova Francia, è una micronazione fondata da un avvocato e avventuriero francese di nome Orelie-Antoine de Tounens nel Sud America meridionale a metà del 19° secolo. A quel tempo la popolazione indigena mapuche locale era impegnata in una disperata lotta armata per mantenere la propria indipendenza di fronte all'invasione militare ed economica ostile da parte dei governi di Cile e Argentina, che bramavano le terre mapuche per il loro potenziale agricolo.

Il Regno dei Libri

Il primo aprile del 1977, un piccolo paese di campagna, al confine tra l'Inghilterra e il Galles, dichiarò la sua indipendenza. I nuovi passaporti furono stampigliati con il nome di Hay-on-Wye nelle due osterie del luogo, mentre veniva intonato l'inno nazionale di Hay.

Regno di Elleore

Il Regno di Elleore è la più antica micronazione moderna, essendo stata fondata da un gruppo di insegnanti danesi (conosciuti come "Immortali") sull'isola disabitata di Elleore nel 1944. Successivamente, quando gli Immortali approfondirono la storia dell'isola, scoprirono che in realtà aveva un lignaggio antico, che risale al 944 e all'insediamento di una banda esausta di monaci irlandesi. Contro ogni previsione, i monaci avevano qualcosa in comune con gli stessi Immortali...

Dominio di Melchizedek

Il Dominio di Melchizedek (DoM) è una micronazione nota per aver facilitato frodi bancarie su larga scala in molte parti del mondo durante gli anni '90 e all'inizio degli anni 2000. Il DoM è stato dichiarato unilateralmente per occupare alcune minuscole isole in tutto il mondo ed è internazionalmente non riconosciuto da qualsiasi altra nazione.