Alla fine degli anni '80 si parlava molto di un Nuovo Ordine Mondiale. Questa idea è nata con il miglioramento delle relazioni tra l'Occidente capitalista e il cosiddetto Oriente comunista e il crollo finale dell'Unione Sovietica. Mentre il termine Nuovo Ordine Mondiale era nuovo a quel tempo, i processi che indicava erano tutt'altro che nuovi, tuttavia. Il crollo dei Soviet, che ha lasciato gli Stati Uniti d'America come unica superpotenza mondiale, è stato solo l'ultimo di un lungo processo che ha costantemente rafforzato la conformità rispetto alla varietà.

Questo processo può essere rintracciato almeno fino al XVII secolo, dove iniziarono a emergere i lontani imperi dei paesi europei industrializzati. Le culture straniere furono distrutte da cannoni e fucili da caccia. Aree che una volta erano state composte da centinaia e centinaia di città-stato e gruppi simili a tribù venivano riunite per formare enormi regni. Durante il XIX secolo questo processo prese davvero piede. Gli imperi europei governavano supremamente sugli altri in tutto il mondo.

Sicuramente le storie sulle forze inglesi che marciavano attraverso Pechino durante le guerre dell'oppio - la Pechino che era stata scoperta solo un paio di centinaia di anni prima - possono essere viste dalle persone in quel momento solo come, sì, un "Nuovo Ordine Mondiale". E il Nuovo Ordine Mondiale non stava semplicemente operando al di fuori dell'Europa. All'interno dell'Europa l'unificazione della lingua e dei costumi per creare grandi stati-nazione artificiali si è davvero accelerata nel corso del XIX secolo.

E poi è arrivata una delle più grandi truffe di unificazione alla fine del XIX secolo: le due ideologie del liberalismo e del comunismo hanno distrutto tutte le altre ideologie. Lentamente ma inesorabilmente il conformismo all'interno del movimento operaio così come all'interno della borghesia fu assicurato. Ciò è stato fatto congelando quelle persone con idee divergenti, come è successo a Proudhon nella prima Internazionale.

L'ultima ideologia a piegarsi all'unificazione politica è stata il nazionalismo. Incolpandolo per lo scoppio della seconda guerra mondiale - anche se le vere ragioni della guerra erano l'imperialismo così come l'avidità umana ordinaria e la brama di potere - schiacciò il nazionalismo. Dopo la prima guerra mondiale i leader europei proposero di dividere l'Europa in stati-nazione come soluzione che avrebbe posto fine alla guerra per sempre. L'avvento della seconda guerra mondiale, che gli stati-nazione non hanno potuto impedire, ha reso le persone disilluse da tutte le idee associate al nazionalismo.

Così tante speranze di pace e prosperità erano state riposte nell'idea di stati-nazione solo per essere schiacciati nell'incubo furioso della seconda guerra mondiale. Quindi, dopo la guerra, la gente non poteva che essere arrabbiata con il nazionalismo che aveva così completamente fallito.

Quindi il nazionalismo fu incolpato per la guerra, mentre era completamente innocente in quella materia, e tutte le idee nazionaliste furono spazzate via. Ciò include non solo l'idea di un grande stato-nazione, ma anche l'amore per il patrimonio e la cultura.

Durante il XX secolo l'unificazione politica è continuata. Dalla multiforme fonte ideologica del XVII secolo siamo passati a due sole ideologie (comunismo e capitalismo) e infine, con la caduta dell'Unione Sovietica, a un'unica ideologia dominante: il capitalismo.

E non solo nella politica dei partiti il ​​mondo è diventato più uniforme. In tutte le discipline scientifiche, nella politica mondiale, in termini di cultura e filosofia, in termini di religione; in tutti i modi è emersa negli anni una crescente conformità.Oggi c'è solo una superpotenza (USA) e solo pochissime, le religioni dominanti e la cultura americana stanno minacciando sempre più vecchie tradizioni e stili di vita.

Quindi questa conformità - questo Nuovo Ordine Mondiale - è male? Sì, dico che è ...Prima di tutto il Nuovo Ordine Mondiale con la sua conformità e il materialismo incurante nega la cultura, distrugge l'ambiente e crea un appiattimento agghiacciante e spietato all'interno di qualsiasi paese si avvicini ai suoi diktat. Questo da solo dovrebbe essere sufficiente per individuarlo come una cosa negativa.

Ma c'è di più ...Anche il Nuovo Ordine Mondiale viola le stesse leggi della natura! Il mondo naturale è costruito sull'evoluzione.

L'evoluzione è di nuovo costruita sul progresso, che non può esistere senza disordine e cambiamento continuo. Il gioco dell'evoluzione richiede, per così dire, un campo di gioco disordinato. Quindi il mondo che il Nuovo Ordine Mondiale annuncia - con le sue visioni di unità globale e conforme - è completamente opposto a tutto ciò che è naturale. Di natura più pratica è un'altra delle mie preoccupazioni riguardo al Nuovo Ordine Mondiale: crea conflitto politico.

Man mano che il potere viene centralizzato, la lotta tra diversi gruppi di interesse e fazioni politiche diventa più fanatica. La sua logica pura: se c'è un solo centro di potere la lotta per controllare questo centro sarà molto più violenta. Questo distrugge il processo di divergenza dei gruppi per lavorare insieme a beneficio di tutta la società in quanto rende impossibile per tutti vivere come vogliono.

Se il potere fosse decentralizzato e dato alle autorità locali, ognuno potrebbe avere la propria piccola comunità in cui vivere, come preferisce . I socialisti potevano governare in una città, i nazionalisti in un'altra e le persone religiose in una terza. Ognuno potrebbe fare a modo suo. Il Nuovo Ordine Mondiale è in completa opposizione a questo.

Guardate la situazione politica odierna influenzata dal Nuovo Ordine Mondiale: abbiamo razzisti che accettano solo la razza come fattore di identificazione, abbiamo socialisti che si preoccupano solo della classe sociale, liberalisti che si preoccupano solo dell'identità individuale, umanisti a cui solo il loro legame per il genere umano conta, le femministe che si preoccupano solo della loro identità sessuale, i fondamentalisti religiosi che pensano che solo la fedeltà religiosa delle persone sia importante ecc. Tutte queste persone sono, in realtà, abbastanza simili: mettono tutte una delle loro identità al di sopra delle altre.

Nessuno di loro, a quanto pare, vede il fatto ironico in questo. Credo che una personalità umana sia creata non da un fattore ma da mille fattori. Razza, nazione, classe, religione, sesso ... tutto questo fa parte della personalità di ognuno. Questa consapevolezza è la chiave per sconfiggere il Nuovo Ordine Mondiale: I valori proposti dal Nuovo Ordine Mondiale sono quelli del conformismo, del materialismo, del razionalismo e della globalizzazione.

Questi valori sono ora quelli che dominano completamente questo mondo .In questa situazione abbiamo bisogno di un movimento e di un'ideologia che difendano i valori opposti di varietà, spiritualità, mistica e comunità locale.

Questi valori sono, credo, intrinsecamente radicati in tutte le culture e religioni antiche e nello spirito di tutti i veri idealisti. Quindi il conflitto del nostro tempo non è tra persone di ideologia, religione o cultura diverse, ma tra tutte le persone idealiste, religiose o nazionaliste da una parte e coloro che si preoccupano solo del guadagno materiale dall'altra.

Noi, che ci preoccupiamo di tutto tranne che del denaro, dobbiamo stare insieme per abbattere il Nuovo Ordine Mondiale. Dobbiamo stare insieme per portare avanti i valori di varietà, spiritualità, mistica e localismo! Questi valori devono essere al centro della nostra società se non vuole diventare fredda e morta. È necessaria una buona economia per mantenerci in vita, sì, ma è la spiritualità, la mistica e l'emozione per cui viviamo. Se creare più denaro è l'unico obiettivo per la società, diventerà disumano e freddo.

Non esistono, credo, ideologie buone o cattive, religioni buone o cattive, culture buone o cattive. Ogni cultura, religione e ideologia racchiude tratti positivi e negativi.

Noi che abbiamo a cuore la nostra eredità dobbiamo rendercene conto e unirci per abbattere il nostro nemico comune: l'indifferenza, la rassegnazione, il profitto economico, la rettifica culturale e l'unificazione politica, in breve: il Nuovo Ordine Mondiale.

Man mano che il Nuovo Ordine Mondiale ha preso il controllo dell'agenda politica, un altro tratto è seguito sulla sua scia: mentre i politici si riferivano al pubblico come le persone, ora usano sempre più il termine "la popolazione" per descrivere il grande pubblico.

Questo può essere visto solo come un riflesso del modo in cui ci vedono! Una popolazione è passiva e imbarazzata; questo è quello che pensano che siamo! Questo è quello che vogliono che siamo! Bene, mostriamo loro il contrario ... siamo un popolo! Un popolo è attivo e non può essere facilmente comandato.

Un popolo controlla il proprio destino. Un popolo chiarisce se è infelice. È tempo di resistere al Nuovo Ordine Mondiale e dimostrare a coloro che potrebbero pensare in modo diverso che noi siamo le persone e non solo un gruppo di capre (una "popolazione")!


In passato, il Sistema ha utilizzato concetti significativi come l'idea della patria e della nazione come maschera per affrontare le richieste pubbliche di giustizia sociale, colpendo così gli elementi più sani delle persone. Il Sistema continua questo attacco oggi, ma ha cambiato maschera e ora utilizza i diritti umani e le libertà civili come facciata per giustificare i suoi crimini. Non demonizziamo i valori che il Sistema utilizza oggi, come in passato con i valori della patria e della nazione! Allo stato non interessano gli ideali, ma interessa che tutti noi siamo burattini a servizio del Capitale. Per lo stato siamo solo consumatori, ma l'essere umano, gli animali e la natura stessa sono molto più che semplici pedine!

Crediamo, tuttavia, che l'ondata migratoria promossa dal Sistema miri a creare distruzione piuttosto che a preservazione. Il Sistema sa che l'unico modo per sterminare le coscienze è lo stile di vita "occidentale" e consumistico (consumismo, bassa natalità, distrofia urbana). Guardati intorno. Al sistema frutta l'ondata migratoria per danneggiare i Paesi Africani per spogliarne la propria ricchezza e importare mano d'opera a basso costo in Europa : le persone davvero scappano dalle guerre, ma il sistema sfrutta loro e coloro che rabbiosamente scaricano i problemi su loro per dividere e per ottenere sempre più consensi utilizzando la strategia del nemico comune : la famosa guerra dei poveri.

Così il Sistema disinnesta la rabbia delle masse e, a causa dello sfruttamento che le persone subiscono per mano del Sistema, incanala questo conflitto di opposizione ed evita così ogni lotta unitaria contro di esso. La sinistra che non si è resa conto che la perdita dellla coscienza nazionale delle masse comporta anche la perdita della coscienza di classe, non capiscono come loro stupidamente sostengono e promuovono questo livellamento "multiculturale", dall'altro canto i nazionalisti che stupidamente chiedono l'espulsione degli immigrati stanno così accentuando l'opposizione già esistente. Non fanno altro che svolgere un ruolo che il Sistema ha già predisposto per loro. I tiranni sopravvivono grazie al loro vecchio gioco del divide et impera.

I capitalisti stanno deliberatamente mettendo in pericolo il futuro dell'umanità, insieme all'inquinamento dell'ambiente (di cibo, acqua e aria), questi criminali pericolosi hanno come progetto di creare una nuova razza di persone; fragili e dipendenti dalle medicine, che vivranno in un ambiente artificiale, lavorando come cani per i loro padroni. Diventando così i servi convenienti dei capitalisti.

L'umanità è stata corrotta dallo stile di vita consumistico, anche se non ci piace dobbiamo ammettere che si è adottato un tale stile di vita da diventare uno strumento utile nelle mani dei sionisti. Oggi ogni anti capitalista è connesso molto più strettamente con un musulmano afgano o filippino che con la nuova generazione borghese di greci. I sionisti hanno iniziato una guerra negativa contro le nazioni che contestano il loro potere. D'altra parte, le uniche armi che hanno le forze della contestazione è la loro fede inamovibile nella giusta lotta e la loro volontà di vincere o morire. Il mondo di oggi si è separato tra i fedeli e gli infedeli, per loro sia chiaro, che hanno anche la presunzione di compiere continuamente atti a sfondo razzistico nei confronti dei popoli palestinesi.

Chiunque sarà etichettato come colpevole se non segue il "sistema", ad esempio i cristiani sono colpevoli perché rimangono fedeli alla parola di Gesù e desiderano ottenere la salvezza della loro anima in un Paese la cui anima è dominata dal monoteismo del mercato . I musulmani sono colpevoli perché pregano Allah cinque volte al giorno, contrariamente alla corrotta borghesia occidentale, che prega 24 ore al giorno il dio dorato del denaro. I marxisti sono colpevoli perché combattono e richiedono giustizia sociale, l'equa distribuzione della ricchezza di fronte a 350 capitalisti con un reddito allocato equivalente a quello di 3,5 miliardi di residenti di questo pianeta.

Gli anarchici sono colpevoli perché chiedono la liberazione dell'essere umano, la sua assoluta indipendenza, in un fondamento sociale che considera coercitivo ciò che esclude ogni libertà essenziale. I nazionalisti sono colpevoli perché vogliono difendere la particolarità di ogni razza, in contraddizione con i sionisti che stanno trasformando le razze in robot voraci e consumanti.

Siamo tutti colpevoli perché abbiamo scelto un sistema di valori diverso da quelli del commercialismo e perché difendiamo volentieri la sostanza dell'esistenza umana.


Ma per chi siamo colpevoli? Siamo colpevoli perchè non ci arrendiamo.


Non chiudete gli occhi, ribellatevi al Capitale!


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche