Le seguenti lettere provengono dagli archivi dell'FBI per i documenti trovati nella cabina di Ted Kaczynski. Tutti i documenti sono copie di lettere effettivamente inviate durante la campagna di bombardamenti (tranne la lettera non inviata a LWOD). I documenti originali risiedono nella Biblioteca delle collezioni speciali dell'Università del Michigan (Labadie Collection), dalla quale sono state richieste queste lettere per la trascrizione e la diffusione.

Nota: le parole tra [parentesi] sono note editoriali sui documenti originali.

Questi comunicati sono stati trascritti e tradotti in italiano dalla redazione di Libere Comunità.

A Proposito del Freedom Club

Il Freedom Club (FC) era un gruppo terroristico anarchico impegnato in una campagna di bombardamenti su scienziati e tecnologi tra gli anni '70 e '90 per diffondere un messaggio anti-industriale. Hanno promesso di fermare i bombardamenti se un quotidiano nazionale avesse pubblicato ampiamente il loro manoscritto contro la società industriale, La società industriale e il suo futuro, noto anche come "Il manifesto di Unabomber".

Dopo che il Washington Post e il New York Times hanno pubblicato il manoscritto, David Kaczynski ha contattato l'FBI per suggerire che FC potrebbe essere suo fratello, Theodore Kaczynski. Quando l'FBI ha fatto irruzione nella casa di Ted Kaczynski, hanno trovato tutte le prove necessarie per collegarlo agli attentati e condannarlo come Unabomber. Ted, ora conosciuto da anarchici, ambientalisti e altri sostenitori come "zio Ted", ora risiede in un carcere di massima sicurezza in Colorado, dove pubblica regolarmente scritti, molti dei quali sono stati inclusi in Technological Slavery.


Lettera al San Francisco Examiner (1985)

[Scritto a mano:] Spedito al San Francisco Examiner nel dicembre 1985

[Digitato:]

AL SAN FRANCISCO EXAMINER

La bomba che ha paralizzato il braccio destro di uno studente laureato in ingegneria elettrica e danneggiato un laboratorio informatico all'Università di Cal. Berkeley lo scorso maggio è stata fondata da un gruppo terroristico chiamato Freedom Club. Siamo anche responsabili di alcuni precedenti tentativi di bombardamento; tra gli altri, la bomba che ha ferito un professore nell'edificio di informatica dell'Università di Cal., la bomba postale che ha ferito il segretario dell'esperto di computer Patrick Fischer alla Vanderbilt University 3 anni e mezzo fa e la bomba incendiaria piazzata alla Business School all'Università dello Utah, che non si è mai spenta. Non abbiamo nulla contro gli accademici in quanto tali. Avremmo potuto attaccare uomini d'affari o scienziati che lavorano per società private. Ma gli accademici sono bersagli facili perché chiunque può entrare negli edifici universitari senza essere interrogato, e gli accademici hanno meno probabilità di sospettare di un pacco ricevuto per posta di quanto lo sarebbe qualcuno nel mondo degli affari.

Abbiamo aspettato fino ad ora per annunciarci perché le nostre prime bombe erano imbarazzantemente inefficaci. Le ferite che hanno inflitto sono state relativamente lievi. Per influenzare le persone, un gruppo terroristico deve dimostrare un certo successo. Quando finalmente ci siamo resi conto che la quantità di polvere infume necessaria per far saltare in aria qualcuno o qualcosa era troppo grande per essere pratica, abbiamo deciso di prenderci un paio d'anni di pausa per imparare qualcosa sull'esplosivo e sviluppare una bomba efficace.

Per prima cosa, abbiamo dovuto imparare un po' di fisica, chimica e matematica di base, dal momento che nessuno di noi aveva un background scientifico con cui cominciare. Quindi abbiamo dovuto affrontare alcuni esperimenti che richiedono tempo. Che ora abbiamo una bomba efficace è dimostrato da quello che abbiamo fatto al braccio di quell'ingegnere elettrico con meno di due once di esplosivo. Sarebbe stato ucciso se fosse stato in piedi in modo da prendere i frammenti nel corpo invece che nel braccio. Puoi immaginare cosa saremo in grado di fare quando avremo elaborato modi per utilizzare questo esplosivo in quantità maggiori, diciamo dieci, venticinque o cinquanta libbre. Speriamo che quei fanatici del computer all'università amino i fuochi d'artificio, perché ne vedran di belli.

Per dimostrare che siamo quelli che hanno piantato per bombardare l'U. of Cal. lo scorso maggio menzioneremo alcuni dettagli che potevano essere noti solo a noi e agli uomini dell'FBI che hanno indagato sull'incidente. L'esplosivo era contenuto in un tubo di ferro del diametro interno nominale di ¾ di pollice (in realtà circa 13/16 di pollice). Le estremità del tubo erano chiuse con tappi di ferro fissati con perni di ferro, del diametro di 5/16 di pollice. Su uno dei tappi erano segnate le lettere FC (per Freedom Club). (C'era un disco di metallo attaccato al tappo per aiutare a garantire una buona tenuta. Se questo non fosse saltato via sarebbe stato necessario rimuoverlo per vedere le lettere FC.) La bomba è stata accesa dall'elettricità che passava attraverso un fine acciaio filamento. I fili di carico che passavano attraverso la spina al filamento erano calibro 18 con isolamento verde. Il resto del cablaggio era calibro 16 con isolamento rivestito di carne. Sono state utilizzate sei batterie Duracell formato D. Questo dovrebbe essere sufficiente per dimostrare che abbiamo piazzato la bomba.

Alleghiamo una breve dichiarazione che spiega in parte i nostri obiettivi. Con la presente diamo al San Francisco Examiner il permesso di stampare integralmente tutto il materiale contenuto in questa busta. Diamo a CHIUNQUE il permesso di stamparlo. Vogliamo che il materiale sia di dominio pubblico in modo che chiunque possa stamparlo. [Scritta a mano: qui si dovrebbe leggere "Non sappiamo se"] questa nota è legalmente idonea [sic] a rendere la nostra dichiarazione di pubblico dominio, soprattutto perché non ci firmeremo con i nostri nomi [sbarrato: in questa lettera], ma puoi essere certo che non faremo causa a nessuno per violazione del copyright per la stampa di questo materiale, quindi potresti anche proseguire e stamparlo.

– FREEDOM CLUB

[Pagina 2:]

1. Lo scopo del Freedom Club è la completa e permanente distruzione della moderna società industriale in ogni parte del mondo. Questo significa niente più aeroplani, niente più radio, niente più farmaci miracolosi, niente più strade asfaltate e così via. Oggi un numero grande e crescente di persone sta arrivando a riconoscere nel sistema industriale-tecnologico il più grande nemico della libertà. Si potrebbero citare molte prove di questi atteggiamenti mutevoli. Per il momento ci accontentiamo di citare un dato statistico. “Secondo un sondaggio del gennaio 1980, solo il 33 per cento dei cittadini della Repubblica Federale di Germania [Germania Ovest] crede ancora che lo sviluppo tecnologico porterà a una maggiore libertà; Il 56% pensa che sia più probabile che ci renda meno liberi”. Questo è da "1984: Decade of the Experts?" – un articolo di Johanno Strasser del 1934 rivisto: Totalitarianism in our century, a cura di Irving Howe e pubblicato da Harper and Row, 1983. (Questo articolo nel suo insieme aiuta a mostrare fino a che punto la tecnologia sta diventando un bersaglio della ribellione sociale.)

2. È diventata chiara la vacuità delle vecchie ideologie rivoluzionarie incentrate sul socialismo. Adesso e in futuro la spinta della ribellione sarà contro lo stesso sistema industriale-tecnologico e non a favore o contro alcuna ideologia politica che dovrebbe governare l'amministrazione di quel sistema. Tutte le ideologie e i sistemi politici sono falsi. Risultano solo in potere per gruppi speciali che semplicemente spingono il resto di noi in giro. C'è solo un modo per evitare di essere presi in giro, ed è distruggere l'intero sistema e farne a meno. È meglio essere povero e libero che essere uno schiavo e essere preso in giro per tutta la vita.

3. Nessuna ideologia o sistema politico può aggirare i duri fatti della vita nella società industriale. Poiché qualsiasi forma di società industriale richiede un alto livello di organizzazione, tutte le decisioni devono essere prese da una piccola élite di leader ed esperti che esercitano necessariamente tutto il potere, indipendentemente da eventuali finzioni politiche che possono essere mantenute. Anche se le motivazioni di questa élite fossero completamente altruiste, DOVREBBERO comunque sfruttarci e manipolarci semplicemente per mantenere il sistema in funzione. Quindi il male è nella natura stessa della tecnologia.

4. L'uomo è un animale sociale, destinato a vivere in gruppo. Ma solo in PICCOLI gruppi, diciamo fino a 100 persone, in cui tutti i membri si conoscono intimamente. L'uomo non è destinato a vivere come un atomo insignificante in una vasta organizzazione, che è l'unico modo in cui può vivere in qualsiasi forma di società industrializzata.

5. Il Freedom Club è rigorosamente anticomunista, antisocialista, anti-sinistra. Uno dei motivi è che la sinistra ha una storia consistente di sovversione involontaria (quando non intenzionale) di movimenti ribelli di qualsiasi tipo trasformandoli in movimenti di sinistra. Fino ad ora, la sinistra ha avuto un'immagine come L'ideologia della ribellione, quindi è probabile che molte persone che si uniscono a qualsiasi movimento ribelle siano di sinistra. Quando un numero sufficiente di persone di sinistra si è unito a un tale movimento, acquisisce un aroma di sinistra che attrae ancora più persone di sinistra finché il movimento non diventa solo un'altra setta socialista. Pertanto il Freedom Club deve dissociarsi completamente da ogni forma di sinistra. Ciò non implica che siamo in alcun modo un movimento di destra. Siamo apolitici. La politica distoglie solo l'attenzione dal vero problema.

6. Non pensate che siamo sadici o amanti del brivido o che abbiamo adottato il terrorismo alla leggera. Anche se siamo giovani non siamo teste calde. Siamo diventati terroristi solo dopo la più seria considerazione.

-

La dichiarazione precedente fornisce solo un'indicazione molto incompleta dei nostri obiettivi e motivi. Ci spiegheremo meglio in comunicazioni successive.


Materiale inviato a LWOD

Lettera a LWOD

A LWOD [Live Wild Or Die]: questo è un messaggio da FC Anarchist Terror Group. Siamo le persone che hanno fatto saltare in aria informatici, specialisti di biotecnologie, esperti di pubbliche relazioni e così via. L'FBI ci chiama "Unabom". All'incirca nel momento in cui riceverai questa lettera dovresti sentire attraverso i media di un altro attentato, se tutto funziona bene. Si noti che questa lettera è stata timbrata prima o all'incirca nello stesso momento in cui l'attentato ha colpito la notizia, il che dimostra che la lettera è autentica. Come mezzo per provare l'autenticità di eventuali ulteriori comunicazioni che potremmo inviarti, ti forniamo un numero identificativo: 14962. Tieni segreto questo numero, in modo che quando riceverai una lettera che lo riporta saprai che la lettera proviene da noi. Questo è diverso dal numero identificativo che abbiamo dato al New York Times.

Abbiamo un manoscritto tra le 29.000 e le 37.000 parole che vogliamo far pubblicare. Stiamo scrivendo al New York Times per provare a fare un accordo al riguardo. Stiamo dicendo al Times che se pubblicheranno il manoscritto a puntate sul loro giornale, o [cancellato] se riusciranno a farlo pubblicare in forma di libro, accetteremo di smettere di far saltare in aria scienziati e dirigenti aziendali. Per il momento siamo più interessati a diffondere idee anti-industriali che a uccidere un altro dirigente o nerd biotecnologico.

Tuttavia, potremmo trovare utile far saltare in aria più biotecnici e simili in futuro, quindi preferiremmo non essere vincolati dalla promessa di fermare i bombardamenti. Se facessimo una promessa del genere, non vorremmo infrangerla. Quindi stiamo cercando un modo per pubblicare il nostro materiale senza dover fare promesse o accordi.

LWOD sarebbe disposto a pubblicare il nostro manoscritto in forma seriale? O, meglio, potresti farlo pubblicare in forma di libro e distribuirlo ampiamente al grande pubblico? Se lo pubblicassi a puntate, quanto tempo impiegheresti a pubblicare tutto? Se potessi farlo pubblicare in forma di libro, quanto lo distribuiresti e quanto tempo impiegheresti a farlo pubblicare una volta che ti abbiamo inviato il manoscritto? Saresti il ​​benvenuto a mantenere qualsiasi profitto che potresti realizzare sul libro e usarlo per propagare idee anti-industriali.

Il manoscritto contiene: (1) un'analisi di ciò che non va nel sistema industriale; (2) una dimostrazione che il sistema industriale non può essere riformato con successo ma deve essere distrutto; (3) strategia appropriata per i rivoluzionari che cercano di distruggere il sistema industriale.

Ti preghiamo di darci la tua risposta pubblicando un annuncio sul San Francisco [sbarrato] Chronicle, preferibilmente il 1 maggio 1995. L'annuncio dovrebbe iniziare con le parole "Personale di MCHVP". Ti chiediamo di rispondere in SF Chronicle invece che in LWOD perché conosciamo solo un posto dove possiamo ottenere LWOD, e se l'FBI entra in possesso di questa lettera potranno controllare i pochi posti in cui è possibile ottenere LWOD e magari prenderci in quel modo.

Alleghiamo una copia della nostra lettera al NY Times.

Inserisci l'annuncio nella classificazione #420, "Personali". Per inserire contatto annuncio

Dipartimento classificato della San Francisco Newspaper Agency

925 Mission Street

San Francisco, CA 94103

numero verde (800) 227–4423

Distinti saluti,

FC

Nota riservata a LWOD

NOTA RISERVATA

In allegato c'è una lettera che presumibilmente richiederà una discussione generale da parte dello staff LWOD. Ma questa nota riservata contiene materiale che dovrebbe essere noto al minor numero di persone possibile. Quindi, qualunque persona LWOD apra questa busta, dovrebbe nascondere questa nota e non rivelare la sua esistenza a nessuno, tranne quando assolutamente necessario. Leggi l'altro materiale in questa busta prima di leggere il resto di questa nota confidenziale [cancellato].

Il materiale in questa busta costituisce una prova in un caso criminale, quindi LWOD potrebbe finire nei guai se non [cancellato] consegna questa roba all'FBI. È sempre possibile che il tuo gruppo contenga un infiltrato dell'FBI che riferirà la nostra lettera ai suoi capi. E se pubblichi il nostro manoscritto, l'FBI lo verrà a sapere. Quindi LWOD potrebbe voler fornire questi documenti all'FBI (tranne questa nota riservata, che può essere tranquillamente tenuta segreta).

Questo crea un possibile problema, perché l'FBI sarà in grado di confondere te o noi inviando a LWOD un manoscritto falso o inserendo un annuncio falso nel SF Chronicle o qualche altro trucco del COINTELPRO. Oppure l'FBI potrebbe chiedere al Chronicle di non pubblicare il tuo annuncio sulla base del fatto che contribuirebbe ad attività "criminali". Per aggirare questo, dovremmo avere un modo di comunicare completamente confidenziale. Questo può essere stabilito come segue.

Inserisci un annuncio nella sezione riservata del Los Angeles Times, classificazione n. 1660, "Messaggi personali". L'annuncio dovrebbe preferibilmente apparire il 9 maggio 1995, ma in ogni caso lasciare alcuni giorni tra l'ora in cui appare l'annuncio di Chronicle e l'ora in cui appare l'annuncio di LA Times. Questo annuncio dovrebbe iniziare con "Caro Stargazer, i numeri mistici che controllano il tuo destino sono..." e dovrebbe essere firmato "Numerologo". In mezzo ci sarà una sequenza di numeri che trasmette un messaggio in codice.

Il codice funziona in questo modo. Sarà un codice numerico casuale e quindi infrangibile. Usa la serie di numeri casuali che abbiamo dato su un altro foglio. Inizia codificando il tuo messaggio secondo il seguente sistema: Per A metti 1, per B metti 2, per C [sbarrato] metti 3, ecc. fino a 26 per Z. Per lo spazio tra due parole metti 27, per il punto 28, per virgola metti 29, per punto interrogativo metti 30. Quando avrai il tuo messaggio codificato da questo sistema avrai una serie di numeri che possiamo chiamare sequenza base. Quindi modifichi la sequenza di base aggiungendovi i numeri della sequenza casuale. Al primo numero della sequenza base aggiungi il primo numero della sequenza casuale, al secondo numero della sequenza base aggiungi il secondo numero della sequenza casuale e così via. Ogni volta che la somma è maggiore di 30, sottrai 30 da essa. La sequenza di numeri risultante è ciò che pubblichi sul LA Times. Vedi esempio su altro foglio.

Nel tuo annuncio in codice ti preghiamo di fornirci un indirizzo al quale possiamo inviarti messaggi con la certezza che saranno [cancellato] completamente sicuri e confidenziali. (Non ti invieremo alcun messaggio non codificato che potrebbe metterti nei guai se finisse nelle mani sbagliate.) Inoltre, comunicaci nel tuo annuncio in codice se il tuo annuncio aperto in SF Chronicle è autentico e può essere preso per valore nominale.

Il tuo annuncio codificato probabilmente non utilizzerà tutti i numeri della sequenza casuale. Avere il resto della sequenza nel caso lo desideriamo per un uso futuro. NON UTILIZZARE MAI QUALSIASI PARTE DELLA SEQUENZA CASUALE DUE VOLTE. Ciò consentirebbe all'FBI di decodificare il messaggio.

Forniamo un numero identificativo separato e confidenziale per la verifica di eventuali messaggi che potremmo inviarti: 82771

Legalmente l'FBI non può aprire la posta di prima classe senza un mandato, ma c'è sempre la possibilità che abbiano comunque aperto la busta del regalo, quindi questo sistema di passaggio di messaggi riservati non è sicuro al 100%.

FC

(TERMINATO)

[Scritto a mano:] Numeri di telefono degli annunci economici del Los Angeles Times

(213) 629–4411

(800) 234–4444

Indirizzo del Los Angeles Times

Los Angeles Times

Times Mirror Square

Los Angeles, CA 9005

Esempio del codice descritto nella nota riservata a LWOD.

Copia della lettera inviata al New York Times

Copia della lettera inviata al New York Times. Puoi stamparlo in LWOD se lo desideri.

[Vedi Lettera a Warren Hoge del New York Times (1995)]


Lettera a Warren Hoge del New York Times (1995)

Questo è un messaggio del gruppo terroristico FC. Per provarne la [sic.] autenticità diamo il nostro numero identificativo (da mantenere segreto):

553-25-4394.

Abbiamo fatto saltare in aria Thomas Mosser lo scorso dicembre perché era un dirigente della Burston-Marsteller. Tra gli altri misfatti, Burston-Marsteller [sic.] ha aiutato la Exxon a ripulire la sua immagine pubblica dopo l'incidente della Exxon Valdes. Ma abbiamo attaccato Burston-Marsteller meno per il suo misfatto specifico che per principi generali. Burston-Marsteller è la più grande organizzazione nel campo delle pubbliche relazioni. Ciò significa che la sua attività è lo sviluppo di tecniche per manipolare gli atteggiamenti delle persone. È stato per questo più che per le sue azioni in casi specifici che abbiamo inviato una bomba a un dirigente di questa azienda.

Alcuni notiziari hanno fatto l'affermazione fuorviante secondo cui abbiamo attaccato università o studiosi. Non abbiamo nulla contro le università o gli studiosi in quanto tali. Tutti gli universitari che abbiamo attaccato erano specialisti in campi tecnici. (Consideriamo alcune aree della psicologia applicata, come la modifica del comportamento, come campi tecnici.) Non vorremmo che nessuno pensasse che abbiamo alcun desiderio di ferire i professori che studiano archeologia, storia, letteratura o cose innocue del genere. Le persone che stiamo cercando sono gli scienziati e gli ingegneri, specialmente in campi critici come i computer e la genetica. Per quanto riguarda la bomba piazzata nella Business School [sbarrato] dell'Università dello Utah, quella fu un'operazione fallita. Non diremo come o perché sia ​​stato fatto un pasticcio perché non vogliamo fornire alcun indizio all'FBI. Nessuno è rimasto ferito da quella bomba.

Nella nostra precedente lettera ci siamo definiti anarchici. Poiché "anarchico" è una parola vaga che è stata applicata a una varietà di atteggiamenti, è necessaria un'ulteriore spiegazione. Ci definiamo anarchici perché vorremmo, idealmente, scomporre tutta la società in unità molto piccole e completamente autonome. Purtroppo, non vediamo alcuna strada chiara per raggiungere questo obiettivo, quindi lo lasciamo a un futuro indefinito. Il nostro obiettivo più immediato, che pensiamo possa essere raggiungibile in qualche momento durante i prossimi decenni, è la distruzione del sistema industriale mondiale. Attraverso i nostri bombardamenti speriamo di promuovere l'instabilità sociale nella società industriale, diffondere idee antiindustriali e dare incoraggiamento a coloro che odiano il sistema industriale.

L'FBI ha cercato di ritrarre questi attentati come opera di un matto isolato. Non sprecheremo il nostro tempo a discutere se siamo matti, ma di certo non siamo isolati. Per motivi di sicurezza non riveleremo il numero dei membri del nostro gruppo, ma chiunque leggerà i giornali anarchici e ambientalisti radicali vedrà che l'opposizione al sistema industriale-tecnologico è diffusa e in crescita.

Perché annunciamo i nostri obiettivi [sbarrati] solo ora, se abbiamo fabbricato la nostra prima bomba circa diciassette anni fa? Le nostre prime bombe erano troppo inefficaci per attirare molta attenzione pubblica o dare incoraggiamento a coloro che odiano il sistema. Abbiamo scoperto per esperienza che le bombe a polvere da sparo, se abbastanza piccole da essere trasportate in modo poco appariscente, erano troppo deboli per fare molti danni, così ci siamo presi un paio d'anni di pausa per fare qualche esperimento. Abbiamo imparato a fabbricare bombe a tubo abbastanza potenti e le abbiamo utilizzate in un paio di attentati riusciti e in altri falliti. Sfortunatamente abbiamo scoperto che queste bombe non sarebbero esplose in modo coerente quando realizzato con tubo dell'acqua in acciaio da tre quarti di pollice. Sembravano esplodere in modo coerente se realizzati con tubi dell'acqua in acciaio da un pollice rinforzati in modo massiccio, ma una bomba di questo tipo creava un pacchetto lungo e pesante, troppo appariscente e sospettoso per i nostri gusti.

Così siamo tornati al lavoro e, dopo un lungo periodo di sperimentazione, abbiamo sviluppato un tipo di bomba che non richiede un tubo, ma viene innescata da un tappo detonante costituito da esplosivo clorato racchiuso in un pezzo di tubo di rame di piccolo diametro. (Il tappo detonante è una bomba a tubo in miniatura.) Abbiamo usato bombe di questo tipo per far saltare in aria l'ingegnere genetico Charles Epstein e lo specialista di computer David Gelernter. Abbiamo usato una bomba a tubo di clorato per far saltare in aria Thomas Mosser perché ci è capitato di avere un pezzo di tubo di alluminio leggero che era perfetto per il lavoro. Gli attentati Gelernter ed Epstein non sono stati fatali, ma l'attentato Mosser è stato fatale anche se è stata utilizzata una quantità minore di esplosivo.

Dal momento che non dobbiamo più confinare l'esplosivo in un tubo, ora siamo liberi da limitazioni sulla dimensione e sulla forma delle nostre bombe. Siamo abbastanza sicuri di sapere come aumentare la potenza dei nostri esplosivi e ridurre il numero di batterie necessarie per farli esplodere. E, come abbiamo appena indicato, pensiamo di avere ora materiale di frammentazione più efficace. Quindi ci aspettiamo di poter confezionare bombe mortali in pacchetti sempre più piccoli, leggeri e dall'aspetto più innocuo. D'altra parte, crediamo che saremo in grado di realizzare bombe molto più grandi di quelle che abbiamo mai fatto prima. Con una valigetta piena o una valigia piena di esplosivi dovremmo essere in grado di far saltare i muri di edifici importanti.

Chiaramente siamo in grado di fare molti danni. E non sembra che l'FBI ci prenderà presto. Quelli dell'FBI sono ridicoli.

Le persone che stanno spingendo tutta questa spazzatura di crescita e progresso meritano di essere severamente punite. Ma il nostro obiettivo non è tanto quello di punirli quanto quello di diffondere idee. Comunque ci stiamo stancando di fabbricare bombe. Non è divertente dover passare tutte le sere e i fine settimana a preparare miscele pericolose, archiviare meccanismi di innesco con pezzi di metallo o cercare nelle sierre un luogo abbastanza isolato da testare una bomba. Quindi offriamo un affare.

Abbiamo un lungo articolo, tra le 29.000 e le 37.000 parole, che vogliamo far pubblicare. Se riesci a farlo pubblicare secondo i nostri requisiti, desisteremo definitivamente dalle attività terroristiche. Deve essere pubblicato sul New York Times, sul Time o sul Newsweek, o su qualche altro periodico diffuso a livello nazionale. A causa della sua lunghezza supponiamo che dovrà essere serializzato. In alternativa, può essere pubblicato come un piccolo libro, ma il libro deve essere ben pubblicizzato e reso disponibile a un prezzo moderato nelle librerie nazionali e almeno in alcuni luoghi all'estero. Chi si impegna a pubblicare il materiale avrà il diritto esclusivo di riprodurlo per un periodo di sei mesi e avrà diritto agli eventuali profitti che ne trarrà. Trascorsi sei mesi dalla prima apparizione dell'articolo o libro deve diventare di pubblico dominio, in modo che chiunque possa riprodurlo o pubblicarlo. (Se il materiale viene serializzato, la prima puntata diventa di proprietà pubblica sei mesi dopo la pubblicazione della prima puntata, della seconda puntata, ecc.) Dobbiamo avere il diritto di pubblicare sul New York Times, Time o Newsweek, ogni anno per tre anni dopo la pubblicazione del nostro articolo o libro, tremila parole che espandono o chiariscono il nostro materiale o confutano le sue critiche.

L'articolo [cancellato] non sosterrà esplicitamente la violenza. Ci sarà un'inevitabile implicazione che favoriamo la violenza nella misura in cui potrebbe essere necessario, dal momento che sosteniamo l'eliminazione della società industriale e noi stessi abbiamo usato la violenza a tal fine. Ma l'articolo non sosterrà esplicitamente la violenza, né proporrà il rovesciamento del governo degli Stati Uniti, né conterrà oscenità o qualsiasi altra cosa che probabilmente considereresti inaccettabile per la pubblicazione.

Come fai a sapere che manterremo la nostra promessa di desistere dal terrorismo se le nostre condizioni saranno soddisfatte? Sarà a nostro [sbarrato] vantaggio mantenere la nostra promessa. Vogliamo ottenere l'accettazione di certe idee. Se infrangiamo la nostra promessa, le persone perderanno il rispetto per noi e quindi saranno meno propense ad accettare le idee.

La nostra offerta di desistere dal terrorismo è soggetta a tre requisiti. Primo: la nostra promessa di desistere non avrà effetto finché tutte le parti del nostro articolo o libro non saranno state stampate. Secondo: se le autorità dovessero riuscire a rintracciarci e si tentasse di arrestare qualcuno di noi, o addirittura di interrogarci in relazione agli attentati, ci riserviamo il diritto di usare la violenza. Terzo: Distinguiamo tra terrorismo e sabotaggio. Per terrorismo intendiamo azioni motivate dal desiderio di influenzare lo sviluppo di una società e destinate a causare lesioni o morte a esseri umani. Per sabotaggio intendiamo azioni motivate in modo simile volte a distruggere proprietà senza ferire esseri umani. La promessa che offriamo è di desistere dal terrorismo. Ci riserviamo il diritto di compiere atti di sabotaggio.

Potrebbe essere altrettanto positivo che il fallimento delle nostre prime bombe ci abbia scoraggiato dal fare qualsiasi dichiarazione pubblica in quel momento. Allora eravamo molto giovani e il nostro pensiero era rozzo. Nel corso degli anni abbiamo prestato la stessa attenzione allo sviluppo delle nostre idee quanto allo sviluppo delle bombe, e ora abbiamo qualcosa di serio da dire. E sentiamo che proprio adesso i tempi sono maturi per la presentazione di idee antiindustriali.

Vi preghiamo di fare in modo che la risposta alla nostra offerta sia ben pubblicizzata sui media in modo da non perderla. Assicurati di dirci dove e come il nostro materiale sarà pubblicato e quanto tempo ci vorrà per apparire in stampa una volta che avremo inviato il manoscritto. Se la risposta è soddisfacente, finiremo di digitare il manoscritto e te lo invieremo. Se la risposta non è soddisfacente, inizieremo a costruire la nostra prossima bomba.

Ti invitiamo a stampare questa lettera.

FC

PS Signor Hoge, in questo momento stiamo inviando lettere a David Gelernter, Richard J. Roberts e Phillip A. Sharp, gli ultimi due recenti vincitori del Premio Nobel. Non stiamo mettendo il nostro numero identificativo su queste lettere, perché vogliamo mantenerlo segreto. Invece, stiamo consigliando a Gelernter, Roberts e Sharp di [sbarrato] di contattarti per avere conferma che le lettere provengano da FC.


Lettera a Warren Hoge (1993)

Siamo un gruppo anarchico che ci fa chiamare FC. Nota che il timbro postale su questa busta precede un evento degno di nota che accadrà all'incirca nel momento in cui riceverai questa lettera, se [cancellato] nulla va storto. Ciò dimostrerà che sapevamo dell'evento in anticipo, quindi la nostra rivendicazione di responsabilità è veritiera. Chiedi all'FBI di FC. Hanno sentito parlare di noi. Daremo informazioni sui nostri obiettivi in ​​un momento futuro. In questo momento vogliamo solo stabilire la nostra identità e fornire un numero identificativo che garantisca l'autenticità di eventuali comunicazioni future da parte nostra. Mantieni segreto questo numero in modo che nessun altro possa fingere di parlare a nostro nome.

553-25-4394

[Scritta a mano:] Questa è una copia della lettera [sbarrato] inviata a questo indirizzo:

[Illeggibile] a Warren Hoge

Assistente caporedattore

New York Times

221 West 43rd Street

New York, NY 10036

Lettera a Scientific American

Scriviamo in riferimento a un pezzo di Russel Ruthen, "Strange Matters: Can Advanced Accelerators Initiate Runaway Reactions?" Science and the Citizen, Scientific American, agosto 1993.

Sembra che i fisici abbiano a lungo tenuto a porte chiuse la loro preoccupazione che gli esperimenti con gli acceleratori di particelle potessero portare a una catastrofe che fagocita il mondo. Questo è un buon esempio dell'arroganza degli scienziati, che corrono abitualmente rischi che colpiscono il pubblico. Il pubblico di solito non è consapevole che si corrono dei rischi e spesso gli scienziati non ammettono nemmeno a se stessi che ci sono dei rischi. La maggior parte degli scienziati ha un profondo impegno emotivo per il proprio lavoro e non è nella posizione di essere obiettivo sui suoi aspetti negativi.

Non siamo tanto preoccupati per il pericolo di esperimenti con particelle accelerate. Poiché i fisici non sono stupidi, assumiamo che il rischio sia piccolo (anche se probabilmente non così piccolo come affermano i fisici). Ma gli scienziati [cancellato] e gli ingegneri scommettono costantemente con il benessere umano, e oggi vediamo gli effetti di alcune delle loro scommesse perse: riduzione dell'ozono, effetto serra, sostanze chimiche cancerogene alle quali non possiamo evitare l'esposizione, accumulo di scorie nucleari per le quali non è stato ancora trovato un metodo sicuro di smaltimento, l'affollamento, il rumore e l'inquinamento che hanno seguito l'industrializzazione, l'estinzione massiccia delle specie e così via. Per il futuro, quali saranno le conseguenze dell'ingegneria genetica? Dello sviluppo di computer superintelligenti (se questo [illeggibile])? Della comprensione del cervello umano e della conseguente inevitabile tentazione di “migliorarlo”? Nessuno sa.

Sottolineiamo che le conseguenze FISICHE negative dei progressi scientifici sono spesso del tutto imprevedibili. (Probabilmente non è mai venuto in mente ai chimici che hanno sviluppato i primi pesticidi che potrebbero causare molti casi di malattie negli esseri umani.) Ma molto più difficili da prevedere sono le conseguenze SOCIALI negative del progresso tecnologico. Gli ingegneri che hanno dato inizio alla rivoluzione industriale non hanno mai sognato che il loro lavoro avrebbe portato alla creazione di un proletariato industriale o al ciclo di boom e recessione economica. I più saggi avrebbero potuto immaginare che il contatto con la società industriale avrebbe sconvolto altre culture in tutto il mondo, ma probabilmente non avrebbero mai immaginato l'entità del danno che queste altre culture avrebbero subito.

OGNI GRANDE AVANZAMENTO TECNOLOGICO È ANCHE UN ESPERIMENTO SOCIALE. Questi esperimenti vengono condotti sul pubblico dagli scienziati e dalle corporazioni e agenzie governative che pagano per le loro ricerche. I gruppi d'élite ottengono la realizzazione [sic.], l'euforia, il senso di potere coinvolti nel realizzare il progresso tecnologico mentre l'uomo medio ottiene solo le conseguenze dei loro esperimenti sociali. Si potrebbe sostenere che in senso puramente fisico le conseguenze sono positive, poiché l'aspettativa di vita è aumentata. Ma l'accettabilità dei rischi non può essere valutata in termini puramente attuariali. "(P) le persone classificano anche i rischi in base a... quanto equamente è distribuito il pericolo, quanto bene gli individui possono controllare la loro esposizione e se il rischio viene assunto volontariamente." (M. Granger Morgan, “Risk Analysis and Management.” Scientific American, luglio 1993, pagina 35.) I gruppi di élite che creano il progresso tecnologico condividono il controllo del processo e si assumono i rischi volontariamente, mentre il ruolo dell'individuo medio è necessariamente passivo e involontario. Inoltre, è possibile che in futuro l'esplosione demografica, il disastro ambientale o il collasso di una società sempre più travagliata possano portare a un improvviso e drastico abbassamento dell'aspettativa di vita.

Comunque sia con i rischi FISICI, ci sono buone ragioni per considerare le conseguenze SOCIALI del progresso tecnologico come altamente negative. Di questo argomento si parla a lungo in un manoscritto che inviamo al New York Times.

Gli ingegneri che hanno avviato la rivoluzione industriale possono essere perdonati per non averne anticipato le conseguenze negative. Ma il danno causato dal progresso tecnologico è ormai sufficientemente evidente che continuare a promuoverlo è [cancellato] grossolanamente irresponsabile.

-

Questa lettera, che vi invitiamo a stampare su Scientific American, è del gruppo terroristico FC. Per dimostrare che questa lettera proviene da FC, riportiamo di seguito l'intero quarto paragrafo di una lettera che stiamo inviando al New York Times. L'autenticità della lettera al Times è confermata dal nostro numero identificativo segreto.

QUARTO PARAGRAFO DELLA LETTERA AL NY TIMES:

Contrariamente a quanto suggerito dall'FBI, il nostro attentato alla California Forestry Association non è stato in alcun modo ispirato dall'attentato di Oklahoma City. Deploriamo fortemente il tipo di massacro indiscriminato che si è verificato durante l'evento di Oklahoma City. Non abbiamo alcun rimpianto per il fatto che la nostra bomba abbia fatto esplodere l'uomo "sbagliato", Gilbert Murray, invece di William N. Dennison, a cui era indirizzata. Sebbene Murray non avesse lo stile infiammatorio di Dennison, perseguiva gli stessi obiettivi, e probabilmente li stava perseguendo in modo più efficace proprio per il fatto che non era infiammatorio.


Lettera a Richard J. Roberts

Dr. Roberts: Sarebbe vantaggioso per la tua salute interrompere la tua ricerca sulla genetica. Questo è un avviso di FC.

Warren Hoge del New York Times può confermare che questa nota proviene da FC.


Lettera a Phillip A. Sharp

Dr. Sharp: Sarebbe vantaggioso per la tua salute interrompere la tua ricerca sulla genetica. Questo è un avviso di FC.

Warren Hoge del New York Times può confermare che questa nota proviene da FC.


Lettera non inviata a LWOD

LETTERA AI DIRETTORI DI LWOD. Vi invitiamo a stamparlo in LWOD.

Molte delle persone che vogliono distruggere la forma industriale della società sono preoccupate per il problema della popolazione e quindi si astengono dall'avere figli. Crediamo che questo sia un grave errore. Studi scientifici hanno dimostrato che gli atteggiamenti sociali tendono ad essere ereditati. Nessuno suggerisce che gli atteggiamenti sociali di una persona siano direttamente determinati dalla sua costituzione genetica, ma ci sono buone ragioni per credere che i bambini ereditino tratti di personalità che li rendono propensi, nel contesto della società attuale, a sviluppare l'una o l'altra serie di atteggiamenti sociali. Alcuni scienziati mettono in dubbio questa conclusione, ma le loro argomentazioni sono piuttosto fragili e motivate ideologicamente. Comunque, se gli atteggiamenti sociali non si ereditano, si trasmettono attraverso la formazione infantile, perché è certo che gli atteggiamenti di una persona tendono, in media, assomigliare a quelli dei suoi genitori; tenendo conto naturalmente delle frequenti eccezioni individuali e dei cambiamenti della situazione sociale che si verificano tra una generazione e l'altra. Diversamente da noi, le precedenti generazioni di ribelli tendevano ad attaccare particolari mali sociali piuttosto che la società industriale nel suo insieme, perché ai loro tempi non era ancora diventato evidente che il male fosse inerente all'industrialismo stesso. Ma la tendenza generale a un atteggiamento ribelle nei confronti della società moderna è comunemente trasmessa dai genitori ai figli, sia geneticamente che attraverso la formazione. perché ai loro tempi non era ancora diventato evidente che il male fosse insito nello stesso industrialismo. Ma la tendenza generale a un atteggiamento ribelle nei confronti della società moderna è comunemente trasmessa dai genitori ai figli, sia geneticamente che attraverso la formazione. perché ai loro tempi non era ancora diventato evidente che il male fosse insito nello stesso industrialismo. Ma la tendenza generale a un atteggiamento ribelle nei confronti della società moderna è comunemente trasmessa dai genitori ai figli, sia geneticamente che attraverso la formazione.

Astenendosi dall'avere figli, i ribelli contro il sistema industriale possono consegnare il mondo alle crescite. ("GrowtH" è la nostra parola per indicare chiunque favorisca la crescita economica e tutte quelle stronzate.) Poiché i growtH hanno tutti i figli che vogliono, mentre molti radicali si astengono dall'avere figli preoccupati per il problema della popolazione, c'è il pericolo che con ogni generazione successiva la proporzione di crescita nella popolazione aumenterà e la proporzione di ribelli diminuirà.

Anche noi siamo disgustati dall'attuale stato di sovrappopolazione del mondo e siamo d'accordo che sia necessario ridurre il più possibile la popolazione terrestre. Ma il modo migliore per raggiungere un obiettivo non è sempre dirigersi direttamente verso di esso.

Quale sarà la popolazione della terra tra 50 o 100 anni dipende principalmente dalla forma di società che esisterà allora. L'attuale forma di società economicamente orientata, basata sull'industrialismo, tende inesorabilmente a crescere fino al limite delle risorse disponibili. Creando nuove piante geneticamente modificate, o forse attraverso qualche tipo di fotosintesi artificiale, questa forma di società aumenterà notevolmente la capacità mondiale di produzione alimentare e consentirà o incoraggerà la sua popolazione a crescere fino al limite di tale capacità. Oppure, anche se la popolazione non cresce al limite, le esigenze del sistema industriale in continua espansione stresseranno al massimo le risorse della terra. Quindi, se l'attuale forma di società sopravvive, il mondo che crea sarà orribile.

Pertanto l'obiettivo importante è distruggere l'attuale forma di società e la sua base industriale.

Se i ribelli anti-industriali danno un vantaggio riproduttivo alle crescite astenendosi dall'avere figli, rallenteranno solo leggermente l'attuale crescita della popolazione e aumenteranno la probabilità che le crescite abbiano la meglio, che l'attuale forma di società sopravviva e che il mondo del futuro sarà un orrore.

Se i ribelli hanno quanti più figli possibile, accelereranno solo leggermente la crescita della popolazione attuale e aumenteranno il numero di ribelli antiindustriali, da qui la probabilità che l'attuale forma di società possa essere eliminata, e di conseguenza la probabilità che la popolazione mondiale può essere notevolmente ridotta in futuro.

Quindi sarebbe meglio per coloro che odiano l'industrialismo incrociare le piante fino a quando l'attuale forma di società non sarà stata eliminata.

Gruppo Terroristico Anarchico FC


Lettera a James V. McConnell

[Scritto a mano:] Carta enviada con el paquete [...] exp. 100. La carta estaba en un sobre preso con cinta al paquete. El sobre [...] [Vedi traduzione sotto]

[Digitato:] Department of History

University of Utah

Salt Lake City, Utah 84112

12 novembre 1985

Dott. James V. McConnell

2900 E. Delhi Road

Ann Arbor, Michigan 48103

Caro dottor McConnell:

Sono un dottorando in Storia presso l'Università dello Utah. Il mio campo di interesse è la storia della scienza, e sto scrivendo la mia tesi sullo sviluppo delle scienze comportamentali nel corso del ventesimo secolo.

Questa dissertazione aspira ad essere più di una mera raccolta di fatti. In esso sto tentando di analizzare i fattori nella società in generale che tendono a promuovere un vigoroso sviluppo in una data area della scienza, e soprattutto sto cercando di far luce sul modo in cui il progresso in un particolare campo di ricerca influenza gli atteggiamenti del pubblico verso il campo in modo tale da accelerarne ulteriormente lo sviluppo, sia attraverso borse di ricerca, accresciuto interesse da parte degli studenti, sia perché credo che illustrino particolarmente bene le mie ipotesi sull'interazione tra scienza e società.

Ora ho preparato una versione iniziale della dissertazione, ma prevedo di rivederla pesantemente prima di metterla in forma definitiva. Prima di completare le revisioni, chiedo a diversi eminenti ricercatori di scienze comportamentali i loro commenti sull'articolo. A tale scopo vi invio con la presente una copia della mia dissertazione nella sua forma preliminare.

Poiché questa dissertazione è molto lunga e dettagliata, mi rendo conto che potresti non avere il tempo di leggerla per intero, ma ti sarei molto grato se potessi almeno dare un'occhiata ai capitoli 11 e 12, i capitoli più strettamente legati al tuo proprio campo di ricerca, e dammi i tuoi commenti e le eventuali correzioni che potresti avere. In particolare vorrei conoscere la tua reazione all'idea delineata negli ultimi tre paragrafi del capitolo 12. Naturalmente, qualsiasi commento che potresti voler fare su qualsiasi altra parte della dissertazione sarebbe anche il benvenuto.

Vi ringrazio in anticipo per la vostra gentile assistenza.

Veramente tuo,

Ralph C.Kloppenburg

[Scritta a mano:] Lettera spedita con pacco di exp. 100. La lettera era in una busta attaccata al pacco con del nastro adesivo. La busta aveva l'indirizzo, ma nessuna affrancatura [sbarrato]. Il pacco stesso aveva abbastanza affrancatura per il pacco e la lettera.


Lettera alla rivista Earth First!

Earth First!:

Questo è un messaggio di FC. L'FBI ci chiama "unabom". Siamo le persone che hanno recentemente assassinato il presidente della California Forestry Association. Sappiamo che la maggior parte degli ambientalisti radicali sono non violenti e disapprovano fortemente i nostri attentati. Ma abbiamo alcune cose da dire che dovrebbero essere di particolare interesse per gli ambientalisti radicali. Anche se non siete d'accordo con le nostre conclusioni, difficilmente potete negare l'importanza delle questioni che solleviamo, su cui gli ambientalisti radicali dovrebbero riflettere e discutere.

Alleghiamo una copia di un manoscritto che stiamo inviando al New York Times, anche una copia della lettera che stiamo inviando al Times con il manoscritto. Abbiamo motivo di sperare che il NY Times pubblicherà il manoscritto o organizzerà la sua pubblicazione altrove. Tuttavia, se né il NY Times né alcun altro importante periodico ha pubblicato il manoscritto, o ha iniziato a pubblicarlo in forma a puntate, o lo ha pubblicato altrove, o ha annunciato una data certa per la sua pubblicazione, entro 5 mesi dal giorno in cui questa lettera è con timbro postale in poi Earth First! Journal può pubblicare il manoscritto. Potete pubblicarlo a puntate o sotto forma di un piccolo libro, e sarete autorizzati a [cancellato] trattenere qualsiasi profitto che potreste ricavarne. Contattate il NY Times per informazioni su ciò che si sta facendo per la pubblicazione del manoscritto.

Abbiamo offerto al NY Times la promessa di desistere dal terrorismo in cambio della pubblicazione del nostro manoscritto in un periodico diffuso a livello nazionale. Earth First! non si qualifica come ampiamente letto, quindi non offriamo tale promessa in cambio [sbarrato] per la pubblicazione su Earth First! Tuttavia, se Earth First! è disposto e in grado di far pubblicare il manoscritto in forma di libro, e se il libro è [cancellato] distribuito a livello nazionale e ben pubblicizzato, allora rispetteremo la promessa di desistere dal terrorismo. Contattate il NY Times [sbarrato] per informazioni sulle condizioni che abbiamo stabilito nelle nostre lettere a quel giornale.

Chiunque pubblichi per primo il manoscritto, trascorso un periodo di 6 mesi da quella prima pubblicazione, chiunque [sbarrato] (incluso Earth First!) avrà il diritto di pubblicare liberamente il materiale. Tuttavia, il periodo potrebbe eventualmente essere esteso oltre i 6 mesi. Vedi lettera allegata al NY Times.

In ogni caso, potete immediatamente realizzare fino a 5 copie del manoscritto per uso personale. Se indossate i guanti mentre fate le copie non rovinerai le impronte digitali o altro, quindi l'FBI non potrà affermare che avete danneggiato alcuna prova.

Come fate a sapere che questa lettera viene davvero da FC? Una parte della lettera che stiamo inviando al NY Times sarà probabilmente pubblicata sul giornale, e potete [cancellato] confrontarla con la copia che ti stiamo inviando. L'autenticità del materiale che stiamo inviando al NY Times sarà confermata mediante il nostro numero identificativo segreto.

FC


Lettera a Tom Tyler

[Tom Tyler era un professore di psicologia sociale all'Università della California-Berkeley.]

Dottor Tyler:

Questo è un messaggio di FC. L'FBI ci chiama "unabom". Abbiamo letto un articolo di giornale in cui lei commentava i recenti attentati, compreso il nostro, come indice di problemi sociali. Ti stiamo inviando una copia di un manoscritto che speriamo venga pubblicato per noi dal New York Times.

Il problema con gli psicologi è che nel commentare ciò che le persone dicono o fanno spesso si concentrano esclusivamente sulle motivazioni non razionali dietro il discorso o il comportamento. Ma il comportamento umano ha una componente razionale oltre che irrazionale, e gli psicologi non dovrebbero trascurare la componente razionale. Quindi, se ti prendi la briga di leggere il nostro manoscritto e di riflettere ulteriormente sul caso "unabom", ti suggeriamo di non considerare le nostre azioni solo come un sintomo di alcuni problemi sociali o psicologici; dovreste prestare attenzione anche alla sostanza delle questioni che solleviamo nel manoscritto. Potresti farti, ad esempio, le seguenti domande:

Pensi che potremmo avere ragione, in generale, sul tipo di futuro che la tecnologia sta creando per la razza umana?

Se pensi che ci sbagliamo, allora perché la pensi così? Come risponderesti alle nostre argomentazioni? Puoi delineare uno scenario PLAUSIBILE [sic] per la futura società tecnologica che non abbia le caratteristiche negative indicate dal nostro scenario?

Se pensi che probabilmente abbiamo ragione riguardo al futuro, consideri accettabile quel tipo di futuro? In caso contrario, cosa pensi che si possa fare a riguardo?

Pensi che la nostra analisi dei problemi sociali ATTUALI sia approssimativamente corretta? Se no, perché no? Come risponderesti alle nostre argomentazioni?

Se pensi che abbiamo identificato correttamente alcuni problemi sociali presenti, pensi che si possa fare qualcosa al riguardo? Miglioreranno o peggioreranno con la crescita e il progresso continui?

Ci scusiamo per averti inviato una copia così scadente del nostro manoscritto. Non possiamo fare copie in una fotocopiatrice pubblica perché le persone si insospettirebbero se ci vedessero maneggiare le nostre copie con i guanti.

FC


Lettera a David Gelernter

Dott. Gelernter:

Le persone con titoli di studio avanzati non sono così intelligenti come pensano di essere. Se avessi avuto un po' di cervello ti saresti reso conto che ci sono un sacco di persone là fuori che si risentono amaramente per il modo in cui i nerd tecnologici come te stanno cambiando il mondo e non saresti stato così stupido da aprire un pacco inaspettato da un fonte sconosciuta.

Nell'epilogo del tuo libro, "Mirror Worlds", hai cercato di giustificare la tua ricerca affermando che gli sviluppi che descrivi sono inevitabili e che qualsiasi persona universitaria può imparare abbastanza sui computer per competere in un mondo dominato dai computer. A quanto pare, le persone senza una laurea non contano. In ogni caso, essere informati sui computer non consentirà a nessuno di prevenire l'invasione della privacy (attraverso i computer), l'ingegneria genetica (a cui i computer danno un contributo importante), il degrado ambientale attraverso una crescita economica eccessiva (i computer danno un contributo importante alla crescita economica) e così via.

Per quanto riguarda l'argomento dell'inevitabilità, se gli sviluppi che descrivi sono inevitabili, non lo sono nel modo in cui lo sono la vecchiaia e il cattivo tempo. Sono inevitabili solo perché i tecno-nerd come te li rendono inevitabili. Se non ci fossero gli informatici non ci sarebbero progressi nell'informatica. Se affermi di essere giustificato nel proseguire la tua ricerca perché gli sviluppi coinvolti sono inevitabili, allora puoi anche dire che il furto è inevitabile, quindi non dovremmo incolpare i ladri.

Ma non crediamo che il progresso e la crescita siano inevitabili.

Avremo altro da dire al riguardo in seguito.

FC

PS Warren Hoge del New York Times può confermare che questa lettera proviene da FC.


Come colpire un dirigente della Exxon

[Scritto a mano:] Come colpire un dirigente della Exxon:

Invia un pacchetto simile a un libro -> a casa sua preceduto da una lettera in cui gli dici che gli stai inviando un libro che hai scritto sulle preoccupazioni ambientali legate al petrolio - attaccando la posizione ambientale - e ti piacerebbe avere i suoi commenti su di esso prima di preparare il finale versione del manoscritto.

Per l'indirizzo del mittente: ottieni nomi e indirizzi di diversi dirigenti di grandi aziende e chiama direttamente [illeggibile] per ottenere i loro numeri, finché non ne colpisci uno che ha un numero non in elenco. Usa il suo indirizzo di ritorno. Quindi avrai un vero indirizzo di ritorno, ma il dirigente della Exxon non può ottenere il suo numero da chiamare per la verifica.

OPPURE: inviare un pacco con l'indirizzo del mittente di (una società di esplorazione petrolifera?).

Inoltre, inserisci nella lettera una dichiarazione di non responsabilità in cui si afferma che il libro rappresenta le tue opinioni personali e non quelle dell'azienda per cui lavori. Questo dà [sic.] un tocco di realismo, e spiega anche perché la lettera non è sulla carta intestata dell'azienda. (Ma prova a falsificare la carta intestata privata.)


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Ted Kaczynski dal carcere sull'Ecofascismo: "un ramo aberrante della sinistra"

A smentire i luoghi comuni e l'etichetta di ecofascista sul noto ecoterrorista e scrittore Ted Kaczynski, detto "Unabomber" e sui movimenti di ecologia radicale, ci pensa lui stesso dal carcere, in una nota manoscritta datata 29 settembre 2020, scansioni recuperate il 10 febbraio 2022.

📃 Segue traduzione in lingua italiana del documento originale.

La Carcassa in Decomposizione dietro lo Spauracchio Verde
Come l'anarchia verde è diventata la posizione più controversa

L'anarchia verde, indipendentemente dalla propaggine, è una filosofia, una critica e un modo di vivere che enfatizza i principi anarchici più pronunciati. Gli anarchici verdi sono pronti e disposti a smantellare tutte le strutture di dominio, a partire da un'analisi radicata dell'ecologia, il che significa la relazione tra tutti gli esseri viventi e l'ambiente fisico da cui tutti dipendiamo per sopravvivere.

Esamineremo le origini e la graduale evoluzione dell'anarchia verde, esploreremo come queste idee vengono percepite dalle persone che guardano dall'esterno e cercheremo di capire perché l'anarchia verde è così detestata da un contingente di teorici di sinistra che, sempre più, ci hanno calunniato come "eco-fascisti".

"A Primitivist Primer", l'innesco al Primitivismo di John Moore

A Primitivist Primer è un saggio breve di John Moore pubblicato nel 2000 sulla rivista Green Anarchy, il cui titolo consiste in un interessante gioco di parole non traducibile letteralmente in italiano. "Primer" infatti è traducibile dall'inglese oltre che come "principiante", in senso tattico-militare come "innesco" o "chi innesca una carica", e in senso edilizio come "prima mano". Il suo primitivismo non è inteso come un desiderio di ritornare ad un epoca primitiva, quanto, nel prendere la società pre-industriale come un modello di riferimento in cui «la cooperazione tra gli individui erano gli aspetti prevalenti della vita comunitaria».

John Zerzan, pioniere dell'Anarco Primitivismo

Le opere di John Zerzan criticano la civiltà agricola come intrinsecamente opprimente e sostengono il ricorso ai modi di vita dei cacciatori-raccoglitori come ispirazione per come dovrebbe essere una società libera. Gli argomenti della sua critica includono l'addomesticamento, il linguaggio, il pensiero simbolico (come la matematica e arte) e il concetto di tempo.

Permacultura Incivile

Nell'ambiente ambientalista contemporaneo sia la teoria della permacultura che la sua pratica sono diventate popolari come mezzi con cui riparare lo strato superficiale della terra che si sta esaurendo e tentare altrimenti di vivere in modo più sostenibile con il nostro pianeta. Non è che una risposta alla crisi ecologica che affrontiamo, sia che la conversazione sia incentrata sul cambiamento climatico, la distruzione ambientale, la sicurezza alimentare o la totalità.

Unabomber: la società industriale e il suo futuro

Nel 1971, Theodore John Kaczynski, detto Ted, si trasferì in una cabina remota senza elettricità o acqua corrente vicino a Lincoln, nel Montana, dove visse da recluso mentre imparava le abilità di sopravvivenza per diventare autosufficiente. Ha assistito alla distruzione della natura selvaggia che circondava la sua capanna e ha concluso che vivere nella natura stava diventando impossibile, decidendo di combattere l'industrializzazione e la sua distruzione della natura.

Fanculo la vostra Rivoluzione Rossa: contro l'Ecocidio, verso l'Anarchia

Il collettivismo, che sia ideologicamente comunista, fascista o capitalista, non è qualcosa che serve i miei interessi come agricoltore di sussistenza indigeno e raccoglitore che vive in queste remote montagne.

Qualunque sia il dogma industriale che mi ordina di vivere la mia vita serve solo a riempire il mio cuore di dolore. Respingerò a gran voce l'idea di una società collettiva in ogni occasione, indipendentemente dalla sua alleanza ideologica. Tutta l'industria uccide tutta la vita.

Sono un anarchico. Anche l'idea di una “società” che governa il mio stile di vita mi fa un po' vomitare. I tuoi bisogni non sono i miei bisogni, non voglio andare dove il collettivo vuole portarmi...

…Voglio essere liberato dal sistema, non diventare il sistema. Il collettivo non è il mio padrone. Il collettivo è in realtà solo un altro stato, per quanto ben impacchettato.

🎥 Filosofia di Unabomber

Breve spiegazione del pensiero di Theodore Kaczynski estrapolato dalla sua opera: La Società Industriale e il suo futuro.

L'odio per la tecnologia, l'odio per la sinistra, la stretta e difficile strada per la rivoluzione.

Un pensiero politico raffinato e con molte caratteristiche inedite. Un autore fondamentale da riscoprire.

Anarchia e Legge Naturale

La legge naturale è una teoria filosofica secondo cui certi diritti e leggi sono inerenti alla natura umana e possono essere universalmente compresi attraverso la ragione. È spesso usata come giustificazione per un certo codice morale o legale.

La filosofia anarchica è invece un'ideologia politica che sostiene l'abolizione del governo e l'istituzione di una società basata sulla cooperazione volontaria e l'aiuto reciproco.

Sebbene la teoria del diritto naturale possa essere utilizzata per sostenere determinati diritti e libertà, non è intrinsecamente legata alla filosofia anarchica, che enfatizza il rifiuto di tutte le forme di autorità e gerarchia esterne, ma le due cose non si escludono a vicenda.

Alcuni anarchici possono usare argomenti di diritto naturale per sostenere le loro convinzioni, tuttavia ci sono anche anarchici che rifiutano completamente il concetto di diritto naturale.

Ambientalismo Senza Stato

Lo Stato e le sue istituzioni governative sono state dignitose nel mainstream ambientalista come forze palliative per affrontare e risolvere gli eccessi e i fallimenti del capitalismo e del neoliberismo verso una corretta gestione ambientale. Ma questo stato ambientale cade in evidenti contraddizioni rispetto al suo impegno formale con finalità ambientaliste. Inoltre, le istituzioni governative contribuiscono ad ampliare un atteggiamento nichilista nelle azioni ambientaliste della cittadinanza.

All'interno dei filoni ambientalisti dell'anarchismo, la questione dello Stato ha concentrato un'attenzione e una posizione rilevanti. Una prima critica verde si può trovare negli anarchici del diciannovesimo secolo, in cui lo Stato non ha spazio come forza violenta e centralizzata, in quanto corruttore della bontà della materia e della connessione riproduttiva e spirituale dell'uomo con la Natura.

🎥 Liberi Dalla Civiltà

Spunti per una critica radicale ai fondamenti della civilizzazione:
dominio, cultura, paura, economia, tecnologia

È possibile vivere in un mondo senza dominio, senza sfruttamento, senza inquinamento e mercificazione? Per almeno due milioni di anni i nostri antenati primitivi hanno vissuto così, ed è solo con la comparsa dell'agricoltura che l'esistenza ha preso la via di una distruttività sempre più accelerata e dilagante.

Anarchia o "Anarchismo"?

Una qualificazione che riteniamo importante per cominciare è la distinzione tra "anarchia" e "anarchismo".

Alcuni la rigetteranno in quanto meramente semantica o banale, ma per la maggior parte degli anarchici post-sinistra e anti-civiltà, questa differenziazione è importante.

Sebbene l'anarchismo possa fungere da importante punto di riferimento storico da cui trarre ispirazione e lezioni, è diventato troppo sistematico, fisso e ideologico... tutto ciò che l'anarchia non lo è.

Anarchia indigena e necessità di un rifiuto della "Civiltà" del colonizzatore

I popoli indigeni nel corso della storia hanno combattuto e sono morti per resistere alla forte invasione della civiltà nelle loro vite. Questa lotta continua oggi, poiché gli "incivili" sono spinti sempre più vicino al limite della sopravvivenza dai "civilizzati" di tutto il mondo e lo squilibrio tecnologico tra noi continua ad espandersi e creare un divario sociologico che ci rende incapaci di capire l'un l'altro anche a livello di base.

Cieli Caduti, è Tempo di Baciare di Nuovo la Terra

"Il cataclisma è avvenuto, siamo tra le rovine, iniziamo a costruire nuovi piccoli habitat, ad avere nuove piccole speranze. È un lavoro piuttosto duro: adesso non c'è una strada agevole verso il futuro: ma si gira intorno, o si scavalca gli ostacoli. Dobbiamo vivere, non importa quanti cieli siano caduti."

– DH Lawrence

Che cos'è comunque la civiltà? Definire questo termine sembra sempre uno dei maggiori ostacoli per le persone quando cerco di parlare con loro di primitivismo. Ritengono che il termine "civiltà" sia troppo ampio e gli venga dato troppo libero arbitrio. Cosa intendo quando dico che "la civiltà sta distruggendo la terra" o "la civiltà ci aliena da noi stessi e gli uni dagli altri"? La civiltà non è davvero una cosa, quindi non può davvero agire, sostengono. Questo è un buon punto e vale la pena soffermarsi.

Come Ho Fatto A Far Crollare La Civiltà

Una domanda che mi viene spesso posta è:

"Cosa ti fa pensare di poter abbattere la civiltà?"

La mia risposta è piuttosto semplice e si compone di due parti: la prima parte è che sono ancora relativamente (rispetto a molti altri) abile e capace e la seconda parte è che le mie esperienze passate dimostrano che ho la capacità di fare crollare la civiltà.

Sopravvivere alla Fine dei Tempi: un "Manifesto" Wildpunk

“Lo spettro che molti cercano di non vedere è una semplice realizzazione: il mondo non sarà 'salvato'. La rivoluzione anarchica globale non avverrà. Il cambiamento climatico globale è ormai inarrestabile. Non assisteremo alla fine mondiale della civiltà/capitalismo/patriarcato/autorità. Non succederà presto. È improbabile che accada mai. Il mondo non sarà "salvato". Non da attivisti, non da movimenti di massa, non da enti di beneficenza e non da un proletariato globale insorto. Il mondo non sarà "salvato". Questa consapevolezza ferisce le persone. Non vogliono che sia vero! Ma probabilmente lo è.“

Queste sono alcune delle prime righe di Desert, probabilmente l'opera anarchica più importante degli ultimi tempi. Il deserto ci mette di fronte a qualcosa che tutti noi possiamo sentire nel profondo ma che non vogliamo essere vero: "Nel profondo del nostro cuore sappiamo tutti che il mondo non sarà 'salvato'".

Brucia il Libro del Pane: il comunismo industriale non ti libererà

Il pane e altri prodotti industriali ci alienano dal nostro ecosistema e ci fanno smettere di preoccuparci di come viene prodotto il nostro cibo, purché sia ​​lì nel negozio quando vogliamo mangiarlo.

In una società industriale che mira a dare a tutti nel mondo pari accesso ai beni di consumo, l'industria non diminuisce: aumenta.

Rimettere la produzione alimentare sotto il controllo dell'individuo è l'unico modo per preservare l'ecosistema.

Il cibo diretto è l'unico modo di produzione anarchico.

Una burocrazia sarà sempre instillata in una società di massa organizzata ed è per questo che il comunismo industriale non è sostenibile.

Tecnoprimitivismo

Il tecnoprimitivismo (o archeofuturismo) è un'ideologia che crede che, sebbene i progressi della tecnologia siano stati benefici per la razza umana, il cambiamento nei valori culturali avvenuto insieme agli sviluppi tecnologici sia stato negativo per la razza umana. Pertanto la società dovrebbe tornare ai valori culturali del passato.