Si è riacceso lo spirito separatista dell'isola Corsa. L’ondata di proteste è a sostegno del militante indipendentista Yvan Colonna, aggredito brutalmente da un detenuto nel carcere di Arles, nella regione della Provenza. L'uomo, che si trova ora in fin di vita, sta scontando un ergastolo per l'assassinio del prefetto francese Claude Erignac, avvenuto nel 1998. I manifestanti, che sono scesi in piazza al grido di “Statu Francese Assassinu”, accusano Parigi di essere responsabile del tentativo di omicidio del militante.

Il militante, tutt’ora in coma, ha subito un’aggressione da parte di un altro detenuto “estremista islamico” – Franck Elong Abé – filmata e durata ben 8 minuti senza che l’amministrazione penitenziaria del carcere di massima sicurezza di Arles in cui è detenuto intervenisse.

Un paradosso, se si pensa che le autorità giudiziarie e carcerarie hanno sempre ribadito che dovesse essere “particolarmente sorvegliato”, ma non in questo caso per tutelare la sua incolumità fisica.

Per far fronte a questa ondata di proteste il governo francese si è detto disposto a discutere dell’autonomia della regione, ma ponendo come condizione per iniziare il dialogo il ritorno della calma.

Nel frattempo, però la situazione nell’isola si fa sempre più tesa e lo scenario potrebbe aggravarsi ulteriormente se Yvan Colonna, 61 anni, che è ricoverato in uno stato di "morte cerebrale", dovesse morire.

Ed è stata la gravità della situazione a spingere l’Eliseo ad intavolare urgentemente la discussione, “non per cedere alle pressioni della strada”, ma perché "quando si hanno centinaia di liceali di 16 o 17 anni che vanno più o meno ad attaccare i poliziotti con l'ascia, il primo dovere è quello di evitare una morte tra i 16 e 17enni.

Un amplissimo fronte di organizzazioni indipendentiste corse il 9 marzo, si è costituito come collettivo con il fine di coordinare le tappe delle mobilitazioni scoppiate in seguito al tentativo di uccidere Yvan Colonna, il 2 marzo scorso.

Questa sorta di coalizione, che raggruppa differenti esperienze del variegato mondo dell’indipendentismo corso – come specifica Corsica Libera, storica organizzazione politica dell’indipendentismo progressista dalla sua pagina Facebook – “d’ora in poi interverrà sul campo per evitare che i giovani corsi siano esposti alla repressione e all’estrema violenza della polizia”.

Gilles Simeoni di Femu a Corsica, attuale presidente dell’esecutivo della Corsica ed ex sindaco di Bastia, ha fatto appello ai responsabili del mantenimento dell’ordine. Con un comunicato molto duro afferma di comprendere e condividere il sentimento d’indignazione, espressa particolarmente dai giovani, su ciò che è accaduto e usa toni molto duri nei confronti delle forze dell’ordine.

Chiede quindi che non vengano assolutamente utilizzati “flash-ball, LBD, granate stordenti, cariche poliziesche, manganellate, o lacrimogeni ad altezza uomo”.

I giovani studenti delle medie superiori e delle università sono stati i principali protagonisti di quest’inedita ondata di mobilitazioni, con una serie di agitazioni che hanno bloccato gli istituti in tutta la Corsica.

Iniziative che specie di notte hanno dato vita a veri e propri momenti di guerriglia urbana soprattutto tra le strade delle due principali città (Bastia, Ajaccio, Calvi, ecc.) ed attacchi incendiari alle prefetture e alle sotto-prefetture, e vari istituzioni.

Per i media di regime questa vicenda è una manna per i nazionalisti radicali pro-indipendenza, che vogliono mettere i bastoni tra le ruote a Gilles Simeoni (presidente della giunta regionale corsa, ndr), accusato di fare un patto con lo Stato, e tali nazionalisti sarebbero stati in grado di “formattare le menti di questi giovani”, molti dei quali all'epoca dell'omicidio di Erignac non erano neanche nati.

Non tutti i manifestanti sono "necessariamente nazionalisti" ma ciò che accomuna tutti quelli che sono scesi in piazza è il senso di ingiustizia e la rabbia contro le istituzioni nazionali. Secondo i dimostranti "l'amministrazione penitenziaria è più permissiva con un terrorista islamista che con un nazionalista corso" e da lì a pensare che sia stato ordito un complotto per eliminarlo il passo è breve.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

Una panoramica sul Bioregionalismo

Il bioregionalismo è un approccio etico, politico, ideologico, legato al territorio in cui si vive, considerato come un insieme omogeneo dal punto di vista morfologico e da quello degli esseri viventi.

Rappresenta in un certo senso "l'intersezione" tra diverse anime culturali del movimento ambientalista: quelle tradizionaliste, (in senso eminentemente folclorico-ambientalista) e quelle localiste. Lo studio delle bioregioni utilizza largamente la Teoria degli Insiemi elaborata da Georg Cantor.

Si tratta quindi di considerare un territorio geografico omogeneo in cui dovrebbero essere predominanti le regole dettate dalla natura e non le leggi che l'uomo avrebbe definito.

I comunitaristi libertari in Ucraina

Con i gruppi politici marginali che hanno guadagnato slancio durante la Rivoluzione Euromaidan nel 2013, molta attenzione degli studiosi è stata data agli attori della destra radicale mentre le dinamiche della cosiddetta "Nuova sinistra radicale" sono state ignorate.

In passato la Nuova Sinistra Radicale si è battuta per l'egemonia culturale; tuttavia, la loro influenza diminuì quando il movimento sviluppò gravi divisioni ideologiche dopo Euromaidan. Con una "Nuova Sinistra Radicale" ideologicamente divisa, un nuovo gruppo, i comunitaristi libertari, è entrato nell'arena politica ucraina con l'obiettivo di riappropriarsi dei concetti del nazionalismo ucraino e dell'idea di una lotta antimperialista contro la Russia che incarna l'ucraino contemporaneo.

Fabrizio De André: l'internazionalista identitario

«Credo che ogni piccola etnia abbia diritto all'auto-determinazione. Anzi, se fosse per me tornerei ai Comuni liberi, alle città-stato.» (Fabrizio De André)

Rampollo favoloso e ribelle di una borghesia genovese distintissima, curioso del mondo e innamorato di sé, a vent’anni trascurava gli studi in giurisprudenza frequentando prostitute e suonando sulle navi da crociera.

Contestato dal Movimento Studentesco nel 1968 salì sul palco un po’ barcollante, scherzò dedicando La cattiva strada “al mio amico Nietzsche” e “al mio amico Cristo” e iniziò a suonare.

I comunitaristi libertari africani di Afro Native Pride Liberia

Oggi abbiamo chiesto ai nostri fratelli Africani dell' ANPT (Afro Native Pride Liberia) di spiegarci la loro visione del mondo, la loro comunità è attiva da una decade, e qui ci illustrano il perchè hanno aderito al Comunitarismo Libertario. Ringraziamo pubblicamente il loro portavoce, passandogli metaforicamente la penna per descriverci la sua realtà comunitaria libertaria ed autosufficiente!

Makhnovia: il primo stato anarchico al mondo

La sperimentazione politica non era rara all'inizio del XX secolo. In Ucraina, dove le disastrose battaglie della prima guerra mondiale sul fronte orientale hanno lasciato vuoti di potere, c'erano opportunità per alcuni individui di tutto lo spettro politico di emergere con idee diverse. Ondate di uomini, armi e fondi hanno assicurato che questi nuovi movimenti potessero cristallizzarsi negli stati. Una di queste entità era Makhnovia.

I comunitaristi libertari nativi americani d'Alaska

Oggi noi di Libere Comunità vi presentiamo i comunitaristi libertari delle tribù dei nativi americani d'Alaska. Ringraziamo il compagno Rinehart per averci inviato l'articolo raccontandoci la sua esperienza e la formazione della sua comunità libertaria indipendente ed autosufficiente formata da nativi americani in Alaska... buona lettura.

🎥 Libere Comunità incontra Patria Socialista - intervista e dibattito con Igor Camilli

La vita ci regala emozioni e momenti bellissimi, ma allo stesso tempo ci pone davanti a ostacoli e sfide che ci mettono in grande difficoltà.

L’importante è farsi trovare pronti, soprattutto a livello mentale, in modo da trovare dentro di noi la forza per superarli.

Hakim Bey, il sogno anarchico delle T.A.Z.

Questa volta però vengo come il Dioniso vittorioso, che trasformerà il mondo in una vacanza... Non che abbia molto tempo...Nietzsche (dalla sua ultima “folle” lettera a Cosima Wagner)

I corsari e i pirati dei mari del XVIII secolo crearono una “rete d'informazione” che si estendeva per l’intero globo: primitiva e primariamente rivolta a truci affari, la rete funzionava nondimeno ammirabilmente. Sparse attraverso la rete erano isole, remoti nascondigli dove le navi potevano venire rifornite d'acqua e cibo, il bottino scambiato per necessità e lussi. Alcune di queste isole sostenevano “comunità intenzionali”, intere mini-società che vivevano coscientemente al di là della Legge e decise a rimanerci, anche se solo per breve ma felice esistenza.

De Benoist: tra Ecologia, Decrescita Sostenibile e Piccole Patrie

L'Ecologia, tagliando deliberatamente i ponti con l'universo del pensiero meccanicistico, analitico e riduzionista che ha accompagnato l'emergere dell'individuo moderno, ricrea un rapporto tra l'uomo e la totalità del cosmo, che forse non è altro che un modo per protestare contro l'imbruttimento del mondo e per rispondere all'eterno enigma della bellezza.

Introduzione all'Anarco Tribalismo e all'Anarco Comunitarismo

Da alcuni anni esiste una minoranza piccola ma sempre più influente nei media libertari contemporanei che si è sviluppata in alcuni paesi, considerata "eretica" dalla maggioranza. Questa minoranza, la cui voce è ogni giorno più forte nonostante coloro che sono interessati a zittirla.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Gheddafi, il Libro Verde e la critica alla Democrazia

Il verde è il colore e il titolo del libro pubblicato da Gheddafi nel 1975: il Libro Verde in cui è racchiuso il suo pensiero politico. Sintetizziamo in questo articolo i tratti salienti dell’opera del Raìs.

Il Libro Verde critica i sistemi di governo "democratici" composti da partiti e parlamenti. Il voto non rappresenta la volontà popolare, ma quella del partito che raccoglie più voti.

Esso non rappresenta il popolo, ma solo una parte formata dai rappresentanti in parlamento che tutelano gli interessi economici del partito. Per il Raìs, il partito è come un clan, che persegue il suo "familismo amorale".

Per una rete di Libere Comunità

L'idea di rimodellare il mondo e l'umanità, in virtù di una sfida non solo ecologica, ma economica, politica e sociale, ripensando al concetto di comunità e soprattutto di piccola patria ("small is better" direbbero gli inglesi o, meglio ancora, "less is more") è un'idea che, volenti o nolenti, terrà banco nel futuro prossimo.