La civiltà è la conquista 'più alta' dell'uomo. Eppure, in tutta la sua grandezza soprannaturale, è piuttosto perversa, un disorientamento spiccatamente umano.

Cosa si intende qui per 'civiltà'? Si intende un amalgama di tutte le cose nobili: moralità, altruismo, fedeltà, pietà, duro lavoro, amore incondizionato, purezza, 'progresso', ecc.

Cosa significa: sacrificio di sé, sublimazione degli istinti animali, rinuncia alla volontà, rinuncia alla libertà.

Bisogna amare il bello, e solo le cose nobili sono belle! Bisogna amare il bene, e solo la civiltà è buona!

"Rinuncia alla tua natura vergognosa, amico! Abbraccia la vita superiore!"

Sì, i profeti della civiltà mi invitano a vergognarmi di tutto ciò che la mina. Devo essere costantemente in conflitto con me stesso – la mia natura animale e la mia 'anima nobile', il mio diavolo e il mio angelo. Come sarebbero a casa Zarathustra, Platone e Valentino in questo ambiente! Per la loro visione del mondo vecchia di millenni, la loro etica fuorviata, è ancora orgogliosa di essere l'essenza della mentalità civile.

Quando un uomo non riesce a essere all'altezza delle esigenze della civiltà, dei suoi ideali trascendenti, quasi religiosi, lo chiamiamo "animale" o "bestia", e ascoltando queste parole ci si aspetta che si penta, chini il capo e si autoflagelli. Se lo scimpanzé avesse i poteri di comprensione necessari, considererebbe sicuramente questo come molto sconcertante, pensando tra sé:

"Perché questo animale si odia così tanto? Perché è così impegnato nella sua ricerca di non essere quello che è? È la più intelligente delle creature e la sua intelligenza lo ha reso stupido".

Prova a dire a un serpente che è ignobile che ti morda. È del tutto privo di significato per lui. Per la natura ci sono solo le creature, i loro desideri e i loro poteri. Concetti come la moralità sono interamente radicati nel linguaggio, che ci permette di creare un mondo di astrazioni mentali. Tuttavia, le idee astratte esistono solo nella mente, non in natura, e sono create da noi nel processo del pensiero, non preesistono nel pensare. Il processo di reificazione, in cui erroneamente attribuiamo la precedenza ai pensieri sul pensatore, come se avessero una "vita propria", si svolge attraverso le varie manifestazioni del "pensiero civilizzato", che per gradi non è conforme la realtà del mondo. La civiltà è il prodotto dell'uomo posseduto, dove prevalgono le idee nobili e le persone sono i loro giocattoli; dove le case che gli uomini hanno costruito sono diventate le loro prigioni.

Ovunque l'impulsività è castigata e la compulsione è predicata. Essere un "buon cittadino" è la via nobile, subordinarsi alle leggi e agli ideali. Con quale entusiasmo i progressisti cantano "cittadini non sudditi". E tuttavia, che cos'è il cittadino se non il suddito che ha l'orgoglio della sua sudditanza?

Allo stesso tempo gli anarchici di sinistra dichiarano la loro opposizione allo 'Stato' in tutte le sue manifestazioni, e poi snocciolano il loro 'statuto universale sulla parità dei diritti dell'uomo'. [Qualcosa di cui, va notato, sono colpevoli anche gli 'anarco-capitalisti' e i libertari nella loro reificazione del 'Principio di non aggressione'.] Come descrivere meglio uno Stato, vi chiedo, se non come un'istituzione che fa rispettare uno statuto? Questo fatto, che l'anarchia, in quanto opposizione allo Stato, non può assolutamente essere conciliata con un sistema di uguaglianza radicale, è il tallone d'Achille degli anarchici di sinistra. Non volendo ammettere la necessità della forza - e quindi scambiando la loro bandiera nera con una rossa - non hanno risposta alla domanda su come realizzare la loro visione utopica. I grandi regimi dittatoriali erano semplicemente pratici quando intraprendevano campagne di omicidio, prigionia e indottrinamento. ['Anno Zero' di Pol Pot è forse l'esempio più chiaro di ciò, ma ce ne sono molti tra cui scegliere.] Un ideale, per sua natura, si oppone all'ordine naturale delle cose. Dicono che non puoi inserire un piolo quadrato in un foro rotondo. Beh, forse puoi, ma ti serviranno un martello e una lima.

È sicuramente tempo che gli scontenti, che non desiderano più vivere nella vergogna e nella servitù, si tolgano non solo le vestigia della religione, ma della civiltà; ridere del profeta dal suo podio, stare senza paura davanti all'eroe e dare fuoco ai loro statuti.

Ma noi che saremmo liberi ci troviamo in un enigma. Perché ovunque su questa terra possiamo mettere piede, siamo seguiti da un burocrate con il suo regolamento, che osserva ogni nostra mossa, pronto a chiamare avanti un esercito di forze dell'ordine al primo segno che ci stiamo "prendendo delle libertà". E così ci troviamo inevitabilmente nemici dello stato, perché uno stato è un centro di "legittimità". È nella sua natura dettare "libertà valide", determinare per me cosa posso fare e chi posso essere. Promuove e difende la libertà solo nella misura in cui è libertà sanzionata ideologicamente – che a malapena merita il nome.

Ma, detrattori, non fraintendetemi. I nichilisti come me non sono i nemici della "società", in quanto tale, perché chi si opporrebbe all'amicizia e alla cooperazione? No, immagino una società, ma ben diversa da quella che oggi si intende con il termine. Una di ordine spontaneo, creata dagli uomini per servire se stessi, in cui le nostre azioni non onorano più le idee, ma onorano solo le nostre volontà creative. Una incontrastata alla potenza dell'individuo. Sociale, eppure profondamente individualista, personale, in quanto la mia comunità è mia – la scelgo io, non mi fa da padrone. Ordine, ma ordine caotico – genuinamente 'libera associazione'. Post-normativa, cioè radicata nella volontà piuttosto che in un'astratta giustificazione morale-filosofica. Non più un sacro idolo doveva omaggi, ma uno strumento da usare per la mia soddisfazione. Una rete di individui ostinati, i termini della nostra comunità non ci sono dettati, ma decisi da noi, insieme. Se non riusciamo a venire a patti, semplicemente non ci associamo, viviamo separati, perché nessuno statuto rivendica il dominio su tutta la terra.

Così distinguiamo tra 'civiltà' e 'società', come tra ordine ideologico e ordine volontario spontaneo, come tra idealistico e naturalistico. Chiediamo la società con la "s" piccola. Combattiamo non per la gloria di ideali astratti – non per il Bene, il Sacro, il Vero, il Giusto – ma per noi stessi e ciò che è nostro. Il regno dell'uomo è finito, perché io non sono l'uomo, non sono altro che me stesso. [L'ideale più persistente è il più assurdo: che un sé non cerchi il proprio benessere, ma quello di un altro.] Non renderò più omaggio ai fantasmi della civiltà. Ho scacciato i demoni che hanno posseduto i miei antenati. Mi lavo le mani della fantasia sovrana.

Ci chiameranno barbari, ma non sanno cosa significa. Ci immagineranno mentre beviamo sangue perché sono persi nei loro miti secondo cui essere selvaggi è essere selvaggi e crudeli. Ma la natura non è crudele, è semplicemente indifferente. La crudeltà è un'affettazione nevrotica, cioè un prodotto di una tensione irrisolta. Quando gli impulsi non possono essere espressi liberamente, quando la libido non può essere soddisfatta, un uomo diventa frustrato e quella frustrazione, quando persiste, dà origine a risentimento e rabbia verso ciò che viene giudicata la sua fonte. Suscitare sofferenza in quella fonte è il modo più potente per manifestare la propria potenza su di essa, per governare.

Il potere civile è ritenuto necessario per fermare questo tipo di comportamento. Se non ci si pensa troppo, ha senso. Ma, con i suoi assurdi dettami morali, in realtà finisce per causare ancora più "immoralità" di quanto si proponesse di sopprimere. Non è ovvio, ad esempio, che una civiltà con regole rigorose sulla moralità sessuale, in cui le donne trattengono i propri affetti sessuali per non diventare "troie", sarà più afflitta da uomini frustrati e risentiti che ricorrono allo stupro o spostano inconsciamente la loro attenzione a oggetti sessuali più passivi, come i bambini?

Senza dubbio il lettore più dotto che vorrà screditare questa prospettiva ricorrerà alle argomentazioni di Thomas Hobbes, che oserei essere, almeno nelle sue argomentazioni di fondo, il filosofo politico della modernità per eccellenza. In uno "stato di natura" privo di qualsiasi giustizia intrinseca, ha proposto Hobbes, gli uomini sono destinati a trovarsi costantemente in uno stato di guerra, perché all'inizio saranno gelosi quando vedranno gli altri con cose che non hanno, e quindi lo prenderanno con la forza, e secondariamente, per paura che accada la prima cosa, cercheranno di dominarsi a vicenda per garantire la sicurezza. Per questo motivo, le persone che vivono in questa forma di società "anarchica" non potranno mai prosperare. Lotteranno per la sopravvivenza, la sola sussistenza sarà difficile e la cultura e l'industria avanzate saranno impossibili.

Alla luce di questo problema ha proposto che un potere sovrano di cui tutti gli uomini sono "in soggezione" è necessario per forzare il comportamento civile. Solo per paura di questo potere ci si può aspettare che gli uomini si rispettino. Gli uomini dovrebbero accettarlo perché, mentre sarà loro richiesto di rinunciare a determinate libertà, ciò porterà a una pace che migliorerà e prolungherà le loro vite.

È un argomento intelligente, ma pieno di buchi. Se gli uomini hanno la tendenza ad agire come sostiene Hobbes, allora perché mai dovrei riporre la mia fiducia in uno, o in un gruppo di loro, per governarmi? Possono giurare la loro devozione alla protezione dei miei "interessi legittimi" quanto vogliono, ma so che da un momento all'altro potrebbero appropriarsi dei miei beni, prendere mia moglie come amante o ordinarmi di fucilare. Se non posso fidarmi del mio prossimo come mio prossimo, allora fidarmi di lui quando indossa una corona e si fa chiamare "Re" è una palese follia. Si potrebbe quasi pensare che Hobbes ignorasse completamente la storia. Se la cosa che dobbiamo temere è la volontà arbitraria di altri, allora arrendersi completamente alla volontà arbitraria di un altro è impensabilmente stupido.

Anche se dovessimo immaginare che il potere sovrano fosse in qualche modo decisamente benevolo, il valore del sistema dipenderebbe dal suo dominio globale. Se esistono poteri sovrani in competizione – vale a dire gli stati nazione – allora quello stato di guerra rimane, e ora non è solo un conflitto su piccola scala tra individui o tribù, è un conflitto che mette milioni di persone l'una contro l'altra. Lo stato mi dice che ha in mente i miei interessi, che sotto il suo occhio vigile non ho più bisogno di temere il mio vicino, e quindi in un attimo "siamo" in guerra con l'Iran, e vengo mandato a farmi esplodere il corpo in un fosso da qualche parte. Ma va bene, sto morendo per la libertà (una nobilissima causa)! E l'amata libertà che avrò la fortuna di esercitare è il diritto di essere un cadavere fetido e mutilato.

Non sono d'accordo con Hobbes sul fatto che lo "stato di natura", come si suol dire, è pieno di conflitti. Ma questo è qualcosa che non può non accompagnare la vita, in quanto la vita è composta da una moltitudine di corpi, ciascuno con la propria volontà. L'unica strada praticabile verso un mondo veramente senza conflitti è lo sterminio di tutta la vita. Non mi piace, ma non può essere altrimenti, e gli utopisti si ritroveranno per sempre frustrati.

E così, se devo essere conquistato, non lo sarà con il mio consenso. Non canterò un inno nazionale con una pistola puntata alla testa. E non implorerò la mia libertà, la dichiarerò! Perciò chiedo la dissoluzione della civiltà. Iconoclasti e fuorilegge, ribelli e intoccabili, scontenti, disertori, reprobi, egoisti, cinici, eretici, neanderthal, espatriati, guerrieri, radicali, dissidenti, truffatori, falliti, sognatori, complottisti, qualcuno e nessuno: infilate le dita nelle crepe, e tirate...


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Contro la Società di Massa

Molte persone desiderano un'esistenza libera dall'autorità coercitiva, in cui tutti siano liberi di plasmare la propria vita come scelgono per il bene dei propri bisogni, valori e desideri personali. Affinché tale libertà sia possibile, nessuna singola persona può estendere la propria sfera di controllo sulla vita degli altri senza la propria scelta.

Gli scritti di Bakunin contro Marx

Bakunin tira fuori le sue armi migliori, finalmente, per attaccare Marx e il gruppo di potere che si era insediato nell’Internazionale. In queste pagine è finito il tempo delle illusioni e delle collaborazioni, le critiche sono chiare e dirette.

Una volta aveva detto che bisognava separare le grandi capacità analitiche di Marx, la sua preparazione filosofica ed economica, la quale poteva essere utilizzata anche dagli anarchici (invero in questo campo endemicamente carenti) e per il resto lo si poteva mettere tra parentesi. Adesso affronta le trame intestine, le calunnie, le chiacchiere di corridoio, i soppesamenti dietro le quinte, le correnti di potere, le meschinerie personali, e tutto quel bagaglio che in una parola si potrebbe definire come “politica”.

Permacultura Incivile

Nell'ambiente ambientalista contemporaneo sia la teoria della permacultura che la sua pratica sono diventate popolari come mezzi con cui riparare lo strato superficiale della terra che si sta esaurendo e tentare altrimenti di vivere in modo più sostenibile con il nostro pianeta. Non è che una risposta alla crisi ecologica che affrontiamo, sia che la conversazione sia incentrata sul cambiamento climatico, la distruzione ambientale, la sicurezza alimentare o la totalità.

Unabomber: la società industriale e il suo futuro

Nel 1971, Theodore John Kaczynski, detto Ted, si trasferì in una cabina remota senza elettricità o acqua corrente vicino a Lincoln, nel Montana, dove visse da recluso mentre imparava le abilità di sopravvivenza per diventare autosufficiente. Ha assistito alla distruzione della natura selvaggia che circondava la sua capanna e ha concluso che vivere nella natura stava diventando impossibile, decidendo di combattere l'industrializzazione e la sua distruzione della natura.

Tecnoprimitivismo

Il tecnoprimitivismo (o archeofuturismo) è un'ideologia che crede che, sebbene i progressi della tecnologia siano stati benefici per la razza umana, il cambiamento nei valori culturali avvenuto insieme agli sviluppi tecnologici sia stato negativo per la razza umana. Pertanto la società dovrebbe tornare ai valori culturali del passato.

Cieli Caduti, è Tempo di Baciare di Nuovo la Terra

"Il cataclisma è avvenuto, siamo tra le rovine, iniziamo a costruire nuovi piccoli habitat, ad avere nuove piccole speranze. È un lavoro piuttosto duro: adesso non c'è una strada agevole verso il futuro: ma si gira intorno, o si scavalca gli ostacoli. Dobbiamo vivere, non importa quanti cieli siano caduti."

– DH Lawrence

Che cos'è comunque la civiltà? Definire questo termine sembra sempre uno dei maggiori ostacoli per le persone quando cerco di parlare con loro di primitivismo. Ritengono che il termine "civiltà" sia troppo ampio e gli venga dato troppo libero arbitrio. Cosa intendo quando dico che "la civiltà sta distruggendo la terra" o "la civiltà ci aliena da noi stessi e gli uni dagli altri"? La civiltà non è davvero una cosa, quindi non può davvero agire, sostengono. Questo è un buon punto e vale la pena soffermarsi.

Errico Malatesta - Contro la Dittatura del Proletariato (30 Luglio 1919)

Il testo che qui si riproduce è la lettera che Errico Malatesta scrisse da Londra a Luigi Fabbri in merito al tema della dittatura del proletariato che agitava il movimento operaio e rivoluzionario a seguito della Rivoluzione Russa. Con una certa cautela per una possibile evoluzione in senso libertario della Rivoluzione, ma anche con estrema chiarezza per quanto riguarda la realtà corrente, Malatesta chiarisce che la cosiddetta dittatura del proletariato altro non è che la dittatura del partito sulle masse popolari.

Primitivismo Primordiale

Il Primitivismo Primordiale, originariamente chiamato Primalismo, chiamato anche Feralismo o Animalismo, è un'ideologia libertaria fuori bussola che crede nella devoluzione dell'umanità in uno stato più animalesco.

Il Primitivismo Primordiale potrebbe essere considerato la forma estrema fuori controllo dell'Anarco-Primitivismo, a meno che non venga portato ancora più in là per disassemblare la società fino a ridurla agli istinti primordiali.

Il Primitivismo Primordiale è così contrario all'esperimento umano che qualsiasi segno di sviluppo evolutivo oltre la base dell'istinto animale (che sopravviva o muoia) è considerato malvagio e da punire.

Dal Pensiero all'Ignoto

Come viene troncato il pensiero dalla sua radice?

Quando pensiamo all'immaginazione cosa ci viene in mente? Potremmo pensare alla creatività umana alla sua fonte, a una persona viva e pensante. Potremmo anche pensare all'immaginario, un regno separato da questo mondo in cui viviamo, sogni ad occhi aperti che sono separati dalle nostre vite: fantasie che servono solo come meccanismi di fuga, fantasie che sono piene di immagini prodotte dai mass media di altri pianeti, alieni con 14 dita, o sesso con umanoidi bionici dai lineamenti geometrici in silicone.

La parola immaginazione è stata corrosa insieme alla sua radice: l'immagine. Le immagini che ci troviamo di fronte ogni giorno sembrano non avere origine umana. Sono create per il mercato, e hanno le qualità del mercato, lasciano poca traccia dei loro creatori umani.

Ted Kaczynski dal carcere sull'Ecofascismo: "un ramo aberrante della sinistra"

A smentire i luoghi comuni e l'etichetta di ecofascista sul noto ecoterrorista e scrittore Ted Kaczynski, detto "Unabomber" e sui movimenti di ecologia radicale, ci pensa lui stesso dal carcere, in una nota manoscritta datata 29 settembre 2020, scansioni recuperate il 10 febbraio 2022.

📃 Segue traduzione in lingua italiana del documento originale.

La Carcassa in Decomposizione dietro lo Spauracchio Verde

Come l'anarchia verde è diventata la posizione più controversa

L'anarchia verde, indipendentemente dalla propaggine, è una filosofia, una critica e un modo di vivere che enfatizza i principi anarchici più pronunciati. Gli anarchici verdi sono pronti e disposti a smantellare tutte le strutture di dominio, a partire da un'analisi radicata dell'ecologia, il che significa la relazione tra tutti gli esseri viventi e l'ambiente fisico da cui tutti dipendiamo per sopravvivere.

Esamineremo le origini e la graduale evoluzione dell'anarchia verde, esploreremo come queste idee vengono percepite dalle persone che guardano dall'esterno e cercheremo di capire perché l'anarchia verde è così detestata da un contingente di teorici di sinistra che, sempre più, ci hanno calunniato come "eco-fascisti".

John Zerzan, pioniere dell'Anarco Primitivismo

Le opere di John Zerzan criticano la civiltà agricola come intrinsecamente opprimente e sostengono il ricorso ai modi di vita dei cacciatori-raccoglitori come ispirazione per come dovrebbe essere una società libera. Gli argomenti della sua critica includono l'addomesticamento, il linguaggio, il pensiero simbolico (come la matematica e arte) e il concetto di tempo.

Carl Schmitt: Nichilismo e Anarchia nel Diritto Internazionale

Una scomoda complicità condivisa da quell'esistenzialista ed eretico realista, Carl Schmitt, con i suoi acerrimi nemici ideologici: gli anarchici. Nelle loro posizioni diametralmente opposte sullo Stato, sia Schmitt che gli anarchici rivelano l'assolutismo dello Stato nel momento sovrano dell'eccezione, e la sua dipendenza da una figura dell'anarchia che allo stesso tempo lo destabilizza, offuscando la divisione tra dentro e fuori e aprendo un momento genuinamente rivoluzionario.

"Il marxismo è alieno alla mia cultura quanto il capitalismo": Nativi Americani e Rivoluzione

Il seguente discorso fu tenuto da Russell Means nel luglio del 1980 davanti a migliaia di persone di tutto il mondo che si erano radunate per il "Black Hills International Survival Gathering", sulle Black Hills, nel Dakota del Sud, negli Stati Uniti. È il discorso più famoso di Russell Means. Membro della tribù Oglala Lakola, probabilmente è stata la personalità più conosciuta dell’American Indian Movement degli USA, fondato nel 1973 con l’occupazione di Wounded Knee. Means è stato anche attore, carriera che iniziò con il ruolo di Chingachgook nel film "L’ultimo dei Mohicani", autore e filosofo. È deceduto il 22 ottobre del 2012 a 72 anni.

Clarence Lee Swartz, "La praticabilità del Mutualismo" (1926)

Il mutualismo è applicabile a tutte le relazioni umane. In tutta la gamma dell'esistenza, dalla nascita alla morte, la mutualità — associazione volontaria per l'azione reciproca — è dovunque e in ogni momento in attesa di risolvere ogni problema dei rapporti sociali, di decidere ogni questione che si pone nel commercio e nell'industria. Per praticare il mutualismo è necessario nominare solo due condizioni: che l'individuo non invadente non sia costretto, e che nessuna parte del prodotto del lavoro di nessuno gli sarà tolta senza il suo consenso. Con quelle generalizzazioni negative così postulate, affermando così la sovranità dell'individuo, ne deriva naturalmente il corollario positivo e costruttivo: la reciprocità; che implica iniziativa individuale, libero contratto e associazione di volontariato.

"A Primitivist Primer", l'innesco al Primitivismo di John Moore

A Primitivist Primer è un saggio breve di John Moore pubblicato nel 2000 sulla rivista Green Anarchy, il cui titolo consiste in un interessante gioco di parole non traducibile letteralmente in italiano. "Primer" infatti è traducibile dall'inglese oltre che come "principiante", in senso tattico-militare come "innesco" o "chi innesca una carica", e in senso edilizio come "prima mano". Il suo primitivismo non è inteso come un desiderio di ritornare ad un epoca primitiva, quanto, nel prendere la società pre-industriale come un modello di riferimento in cui «la cooperazione tra gli individui erano gli aspetti prevalenti della vita comunitaria».

Anarchia indigena e necessità di un rifiuto della "Civiltà" del colonizzatore

I popoli indigeni nel corso della storia hanno combattuto e sono morti per resistere alla forte invasione della civiltà nelle loro vite. Questa lotta continua oggi, poiché gli "incivili" sono spinti sempre più vicino al limite della sopravvivenza dai "civilizzati" di tutto il mondo e lo squilibrio tecnologico tra noi continua ad espandersi e creare un divario sociologico che ci rende incapaci di capire l'un l'altro anche a livello di base.

L'Anarchismo Spirituale nell'Anarca

L'Anarca è quell'individuo sovrano nato dalla mentalità fuori dal comune che attingeva dall'illimitato pozzo della storia, della filosofia e dell'arte.

Lui-lei è al di là della sinistra o della destra, si muove senza fine in modo nomade con libertà mutevole attraverso il pensiero, sintetizzando idee contrastanti. Ma sempre saldamente radicato nel nichilismo. Questo è il vero anarchico. La loro è l'anarchia che ha prodotto (e produce tuttora) una vasta sottocultura ermetica e letteraria sotterranea.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Come Ho Fatto A Far Crollare La Civiltà

Una domanda che mi viene spesso posta è:

"Cosa ti fa pensare di poter abbattere la civiltà?"

La mia risposta è piuttosto semplice e si compone di due parti: la prima parte è che sono ancora relativamente (rispetto a molti altri) abile e capace e la seconda parte è che le mie esperienze passate dimostrano che ho la capacità di fare crollare la civiltà.