I giardini forestali sono raccolte di specie vegetali diverse e utili che sono modellate sulla struttura di una foresta giovane.

Come modello orticolo, il giardinaggio forestale si trova in tutto il mondo, in particolare intorno alla cintura della foresta pluviale tropicale.

Il giardinaggio forestale a clima temperato è ancora praticato in alcune parti della Cina, e c'è molto da suggerire che il modello di giardino forestale potrebbe essere stato trovato un tempo in tutte le foreste temperate del mondo, prima dell'arrivo dell'agricoltura.

Praticato in ambienti diversi, da culture molto diverse, il modello del giardino forestale può variare notevolmente nei dettagli.

Le caratteristiche comuni da cui può essere riconosciuto il modello generale sono:

  • Accatastamento verticale di specie diverse (mimetismo dell'architettura forestale)
  • Elevata diversità vegetale (200-400 specie per giardino è comune)
  • Tipicamente stabilito su piccoli appezzamenti di terreno (¼ - 3 acri)
  • L'uso di specie vegetali per lo più perenni
  • Produrre una varietà di rendimenti per soddisfare un'ampia gamma di bisogni umani (orientati più alla sussistenza che a un'economia di scambio)
  • Bassi apporti energetici, soprattutto per quanto riguarda la manutenzione ordinaria
  • I giardini forestali sono in gran parte autofertili e autosufficienti (mimetismo dell'ecosistema)

A differenza della maggior parte dell'orticoltura e di quasi tutta l'agricoltura, che è, al contrario, molto bidimensionale, i giardini forestali sono raccolte di piante disposte sia verticalmente che orizzontalmente. Le partizioni verticali dello spazio sono chiamate "strati" e l'utilizzo di questi strati da parte del giardiniere è modellato sulla struttura verticale delle giovani foreste, o margini delle foreste. Mentre i giardini tropicali a volte presentano fino a nove strati distinti, la maggior parte dei giardini forestali comprende sette strati:

  1. la chioma, costituita dagli alberi più grandi del giardino
  2. una sottochioma di alberi più piccoli e grandi arbusti
  3. arbusti più piccoli
  4. piante erbacee
  5. la "rizosfera", lo strato di suolo, da cui si possono raccogliere radici e funghi e da cui dipendono tutti gli altri strati
  6. piante a diffusione orizzontale che coprono la superficie del suolo
  7. piante rampicanti che si arrampicano attraverso tutto il resto

Qui nel nord-est, un baldacchino da giardino forestale potrebbe comprendere noce, castagno, noce americano o acero da zucchero; con un sottotetto di cachi, prugna, papaia, saskatoon o nocciola; si fanno strada nel sottotetto le viti: uva, luppolo, kiwi resistente, arachidi; al di sotto di questi nello strato arbustivo, lamponi, ribes e mirtilli; poi piante erbacee nutrienti e medicinali e ortaggi perenni come topinambur, ortica, asclepiade, levistico o echinacea; e infine, a protezione della superficie del terreno, un tappeto di fragole, mirtilli rossi, origano o menta.

L'utilizzo dello spazio verticale all'interno del giardino forestale consente di coltivare un gran numero di specie vegetali in aree relativamente piccole. Il numero di specie che si trovano nei tradizionali giardini forestali tropicali può essere davvero sorprendente: 200 o più specie di piante, di uso diretto e indiretto per l'uomo - per non parlare di uccelli, insetti e piccoli mammiferi - è tipico su ¼ acro di giardino forestale. Ma anche nei climi temperati, la diversità delle specie può essere davvero impressionante, e 200-300 specie su un acro o due non sono rare. La diversità delle specie nei giardini forestali li rende molto resistenti alle infestazioni di parassiti e malattie, poiché queste di solito colpiscono solo un piccolo numero di specie correlate in un dato momento: se alcune cose falliscono, ce ne sono molte altre per compensare la perdita.

A differenza dell'orticoltura e dell'agricoltura incentrate sull'anno, dove ogni anno vengono piantati i semi e dopo alcuni mesi si può raccogliere il cibo, l'orto forestale, con la sua grande diversità di specie perenni, produce raccolti durante tutto l'anno - o, qui nel a nord, per tutta la primavera, l'estate e l'autunno – possibile (sebbene anche qui iniziamo a raccogliere la linfa degli alberi a fine inverno). Il giardiniere seleziona intenzionalmente le specie per fornire raccolti per tutti i mesi dell'anno ecologicamente possibili e, quindi, evita la necessità di coltivare una specie in quantità sufficienti da poter essere conservata come alimento base primario per l'intero anno. [4] La raccolta di molte specie in diversi periodi dell'anno rende la via del giardiniere forestale un modo particolarmente robusto e resistente di coltivare cibo.

Tuttavia, i giardini forestali forniscono molto più del semplice cibo. Come già accennato, una caratteristica dei giardini forestali di tutto il mondo è che sono orientati più alla sussistenza che a un'economia di scambio. Ciò non vuol dire che le colture da reddito non vengano mai coltivate nei giardini forestali, ma i giardini sono tipicamente piantati con una tale gamma di specie da consentire al giardiniere di soddisfare la maggior parte, se non tutte, le sue esigenze dal suo giardino forestale. Ci sono piante per il cibo, sì, ma anche piante per la medicina, per il combustibile, per la fibra, per la tintura, per materiali da costruzione, lavorazione del legno e vimini, e anche piante il cui ruolo può essere principalmente quello di fornire funzioni ecosistemiche, come la fissazione dell'azoto, o attirando alcuni tipi di insetti, necessari alla salute generale del giardino.

I giardini della foresta tropicale tendono ad essere piantati su piccoli appezzamenti di terreno, spesso solo da ¼ a ½ acro. Ai tropici, poiché esiste una stagione di crescita per tutto l'anno con luce solare più intensa e molte più piante adattate all'ombra, i giardinieri forestali sono in grado di piantare un numero molto elevato di specie in piccole aree. Mentre ai tropici, un giardino forestale di ¼ di acro può essere sufficiente per una famiglia, [5] nelle regioni temperate con meno sole e meno piante che rimangono produttive all'ombra, è necessario più spazio per consentire una maggiore distanza tra gli alberi, che, in turno, permette a più luce di raggiungere il sottobosco, mantenendo le piante lì produttive. I giardini forestali a clima temperato, orientati alle esigenze di una singola famiglia, tendono più verso una dimensione di 1 o 2 acri.

Nelle bioregioni forestali, la terra, se lasciata sola a seguito del disturbo, passerà rapidamente attraverso fasi successive di sviluppo fino a rivestirsi nuovamente di foresta: le forze della natura tendono sempre verso un ecosistema forestale. Se si lavora in opposizione a questa tendenza naturale, sono necessari ingenti apporti energetici per mantenere il terreno in uno stato non boscoso, e più ci si allontana dalla foresta, maggiore è il valore. requisiti diventano. Pertanto, l'agricoltura - mantenere un campo dove altrimenti ci sarebbe foresta, dipendente quasi esclusivamente da specie vegetali annuali dove ci sarebbero altrimenti specie perenni - è il modo più energivoro per soddisfare i nostri bisogni: richiede la maggior parte del lavoro (o la maggior parte dei combustibili fossili).

Il giardino forestale lavora con la tendenza naturale del terreno. In alcune forme di giardinaggio forestale, il giardino fa letteralmente l'autostop, poiché il sito viene ripulito, piantato e poi lasciato tornare a foresta al suo ritmo naturale, un nuovo sito di giardino viene aperto altrove mentre la volta della foresta si chiude. In molte forme di giardinaggio forestale, il ritorno alla foresta matura viene arrestato prima della chiusura completa della chioma, in gran parte attraverso il taglio selettivo degli alberi per riaprire la chioma.

Nel giardino forestale, il principale apporto energetico arriva nella creazione del giardino: la pulizia e la preparazione del sito del giardino e la piantumazione del giardino. Poiché la semina è per lo più di piante perenni, la semina deve essere effettuata solo una volta, non ogni anno (sebbene le piantagioni vengano generalmente aggiunte o modificate e vengano sostituite le varietà - dopotutto, si tratta di giardinaggio e i giardinieri sono ceramisti). Anche il disboscamento e la preparazione del sito, nei modelli sedentari di giardinaggio forestale, può essere effettuato una sola volta. Nei modelli mobili, che si trovano tipicamente nelle grandi foreste tropicali, il disboscamento e la preparazione del sito possono essere effettuati ogni cinque anni. Dopo l'insediamento, l'attività principale del giardiniere forestale (o foraggiere) è la raccolta.

Poiché il giardino della foresta si avvicina molto a uno stadio di successione naturale della foresta, può, come la giovane foresta che imita, essere autofertile e quindi in gran parte autosufficiente. Nel giardino forestale sono presenti anche i normali processi che fertilizzano il bosco, come la decomposizione della materia organica legnosa e della lettiera fogliare da parte di funghi, insetti e organismi del suolo. E si trovano quantità significative di letame di uccelli, insetti e animali, come nelle giovani foreste. L'uso di molte leguminose che fissano l'azoto da parte dei giardinieri forestali - per migliorare le condizioni del suolo per le piante circostanti - è un mimetismo della funzione ecosistemica delle specie pioniere. Le piante pioniere, presenti nelle fasi iniziali e intermedie della successione forestale, arricchiscono il suolo e nutrono i giovani alberi che diventeranno poi la chioma della foresta matura, proteggendoli dal vento e dalle brucature degli animali.

Come una foresta, ma diversamente dall'agricoltura, anche lo spazio sotterraneo del giardino forestale è suddiviso. Nelle monocolture, le radici delle piante si trovano tutte all'incirca alla stessa profondità nel terreno e cercano esattamente gli stessi minerali e sostanze nutritive dei loro vicini. Nelle policolture perenni altamente diverse dei giardini forestali, sono occupate diverse profondità del suolo e le esigenze precise delle piante (essendo specie diverse) differiscono, quindi le piante possono essere coltivate in stretta vicinanza l'una all'altra senza provocare l'impoverimento del suolo e un'eccessiva competizione tra le piante.

Ci è voluto un po' di tempo alle menti monoculturali degli occidentali per riconoscere che il caos caotico della vegetazione che circondava le case e i siti dei villaggi in luoghi così diversi come lo Sri Lanka, la Tanzania o il Messico meridionale era, in effetti, un modo ecologicamente sofisticato di incontrare la maggior parte di i bisogni essenziali dei giardinieri. Eppure l'agroforestazione, l'approccio agricolo alle policolture perenni tridimensionali che sono nate tra l'inizio e la metà del ventesimo secolo - su larga scala, raccoglibili meccanicamente, orientate al mercato - quando riconosce l'orticoltura forestale, la vede solo come un lontano e parente difficile.

La rinascita del giardinaggio forestale in occidente è dovuta in gran parte agli esperimenti di Robert Hart, un anarchico tolstoiano, scrittore e piccolo agricoltore. Negli anni '70, Hart sviluppò un interesse per l'agroforestazione - in particolare, il sistema di "agricoltura tridimensionale" sviluppato negli anni '50 da Toyohiko Kagawa - e iniziò i suoi esperimenti con (quello che in seguito sarebbe stato chiamato) giardinaggio forestale, su 1/ 8 °di un acro di vecchio frutteto. Su questo minuscolo pezzo di terra, Hart sviluppò un giardino produttivo (che produceva principalmente cibo e materiali per vimini), molto più complesso dal punto di vista ecologico di qualsiasi forma di agroforestazione allora praticata, e molto più vicino ai caotici giardini della foresta tropicale che l'agroforestazione cercava di semplificare. Ciò non sorprende, poiché l'agroforestazione si concentra sulla produzione per un'economia di mercato, mentre Hart cercava una società decentralizzata e deindustrializzata in cui le famiglie e i villaggi sarebbero in gran parte venduti a sufficienza. La grande ironia qui è che Hart stava conducendo i suoi esperimenti nelle terre di confine gallesi dello Shropshire, in Inghilterra, il luogo preciso in cui iniziò la rivoluzione industriale.

Il lavoro di Robert Hart ha ispirato una generazione successiva di giardinieri neo-forestali, in particolare nel Regno Unito, nell'Europa continentale, negli Stati Uniti, in Australia e in Nuova Zelanda. Sebbene si pensi spesso che l'idea del giardinaggio forestale di Hart sia sinonimo di permacultura, è stata sperimentata indipendentemente dalla permacultura, e se la pratica è stata ampiamente adottata dai permaculturalisti, è perché, per molti versi, potrebbe essere considerata la quintessenza della permacultura tecnica di produzione: un sistema di produzione ecologicamente rigenerativo/benigno, a bassa manodopera, a energia solare, autosufficiente, resiliente, diretto all'autosufficienza della famiglia e della comunità. Sebbene possano esserci alcuni problemi con il modo in cui l'orticoltura forestale è stata incorporata nella pratica della permacultura, come concentrarsi quasi esclusivamente sulla produzione di cibo, piuttosto che sull'intera gamma di cose necessarie per una vita di sussistenza, si dovrebbe comunque riconoscere che molti delle tecniche utilizzate nel giardinaggio forestale a clima temperato dai giardinieri neo-forestali, in particolare quelle di progettazione e preparazione del sito prima della creazione di un giardino, sono il frutto di decenni di ricerca, sperimentazione, insegnamento e networking da parte dei professionisti della permacultura.

Il lavoro pionieristico di Hart ha ispirato non solo alcuni giardini spettacolari, ma anche alcuni ottimi testi sulla teoria e la pratica dei giardini forestali. I più notevoli di questi sono Creating a Forest Garden di Marlin Crawford e il set in due volumi Edible Forest Gardens, di Dave Jacke e Eric Toensmeier. Il primo è, a mio avviso, il miglior testo introduttivo in quanto espone chiaramente le basi della teoria, della progettazione e dell'implementazione del giardino forestale a clima temperato, ed è scritto dalla persona che ha creato ciò che è, per consenso popolare tra i giardinieri forestali, il miglior esempio di giardino forestale a clima temperato nell'emisfero occidentale. Ma una volta agganciato e desideroso di intraprendere l'arte del giardinaggio forestale, i testi di Jacke e Toensmeier diventano indispensabili, in particolare se vivi nel nord-est degli Stati Uniti. la regione in cui risiedono questi due giardinieri forestali e su cui si concentrano i volumi. Si tratta di tomi enciclopedici: il primo volume è un'approfondita esplorazione della teoria dell'ecosistema forestale, mentre il secondo contiene spiegazioni dettagliate dei processi di valutazione e progettazione del sito, implementazione e manutenzione del giardino forestale e include un elenco quasi esaustivo di piante perenni utili per i climi temperati. Ci sono così tante informazioni in questi due volumi che temo, per chi non lo sapesse, che possano far sembrare il giardinaggio forestale ridicolmente complicato, cosa che non è. I giardini forestali, come imitazioni da vicino delle foreste naturali, sono complicati al di là della nostra comprensione, e quindi, il giardiniere non ha bisogno di tentare di capire tutto come cerca di fare lo scienziato, ma piuttosto, attraverso l'osservazione e la partecipazione all'evoluzione di questo ecosistema in miniatura, può sviluppare e dipendere dal mestiere e dall'intuizione solitamente associati all'artista o al maestro giardiniere. Ci sono alcune idee e tecniche fondamentali che devono essere comprese a fondo prima di piantare un orto forestale, ma solo alcune. D'altro canto, per diventare un maestro giardiniere forestale ci vorrà probabilmente una vita.

Infine, c'è anche Forest Gardening di Robert Hart, non tanto un manuale di istruzioni quanto un'esplorazione poetica della visione di Hart del giardino forestale e di come ci sia arrivato. Poiché l'attenzione dei giardinieri neo-forestali si è concentrata in gran parte sulla tecnica, è bene ricordare a noi stessi che, almeno per come la vedeva Hart, i veri frutti del giardino forestale erano l'autosufficienza e l'autonomia.


📗 Fonte: Backwoods: a journal of anarchy and wortcunning, N. 1, primavera 2018.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Permacultura Incivile

Nell'ambiente ambientalista contemporaneo sia la teoria della permacultura che la sua pratica sono diventate popolari come mezzi con cui riparare lo strato superficiale della terra che si sta esaurendo e tentare altrimenti di vivere in modo più sostenibile con il nostro pianeta. Non è che una risposta alla crisi ecologica che affrontiamo, sia che la conversazione sia incentrata sul cambiamento climatico, la distruzione ambientale, la sicurezza alimentare o la totalità.

Ambientalismo Senza Stato

Lo Stato e le sue istituzioni governative sono state dignitose nel mainstream ambientalista come forze palliative per affrontare e risolvere gli eccessi e i fallimenti del capitalismo e del neoliberismo verso una corretta gestione ambientale. Ma questo stato ambientale cade in evidenti contraddizioni rispetto al suo impegno formale con finalità ambientaliste. Inoltre, le istituzioni governative contribuiscono ad ampliare un atteggiamento nichilista nelle azioni ambientaliste della cittadinanza.

All'interno dei filoni ambientalisti dell'anarchismo, la questione dello Stato ha concentrato un'attenzione e una posizione rilevanti. Una prima critica verde si può trovare negli anarchici del diciannovesimo secolo, in cui lo Stato non ha spazio come forza violenta e centralizzata, in quanto corruttore della bontà della materia e della connessione riproduttiva e spirituale dell'uomo con la Natura.

Anarchia e Legge Naturale

La legge naturale è una teoria filosofica secondo cui certi diritti e leggi sono inerenti alla natura umana e possono essere universalmente compresi attraverso la ragione. È spesso usata come giustificazione per un certo codice morale o legale.

La filosofia anarchica è invece un'ideologia politica che sostiene l'abolizione del governo e l'istituzione di una società basata sulla cooperazione volontaria e l'aiuto reciproco.

Sebbene la teoria del diritto naturale possa essere utilizzata per sostenere determinati diritti e libertà, non è intrinsecamente legata alla filosofia anarchica, che enfatizza il rifiuto di tutte le forme di autorità e gerarchia esterne, ma le due cose non si escludono a vicenda.

Alcuni anarchici possono usare argomenti di diritto naturale per sostenere le loro convinzioni, tuttavia ci sono anche anarchici che rifiutano completamente il concetto di diritto naturale.