Nel 1971, Theodore John Kaczynski, detto Ted, si trasferì in una cabina remota senza elettricità o acqua corrente vicino a Lincoln, nel Montana, dove visse da recluso mentre imparava le abilità di sopravvivenza per diventare autosufficiente. Ha assistito alla distruzione della natura selvaggia che circondava la sua capanna e ha concluso che vivere nella natura stava diventando impossibile, decidendo di combattere l'industrializzazione e la sua distruzione della natura.

Usò il terrorismo per combattere questa industrializzazione, iniziando la sua campagna di bombardamenti nel 1978. Nel 1995 inviò una lettera al New York Times e promise di "desistere dal terrorismo" se il Times o il Washington Post avessero pubblicato il suo saggio "La Società Industriale e il suo Futuro", in cui sosteneva che i suoi bombardamenti erano estremi ma necessari per attirare l'attenzione sull'erosione della libertà e della dignità umana da parte delle moderne tecnologie che richiedono un'organizzazione di massa.

Kaczynski è stato oggetto dell'indagine più lunga e costosa nella storia del Federal Bureau of Investigation fino a quel momento. L'FBI ha utilizzato l'identificatore del caso UNABOM (University and Airline Bomber) per fare riferimento al suo caso prima che la sua identità fosse nota, il che ha portato i media a chiamarlo "Unabomber".

L'FBI e il procuratore generale Janet Reno hanno spinto per la pubblicazione di La società industriale e il suo futuro, che è apparso sul Washington Post nel settembre 1995. Dopo aver letto il saggio, il fratello di Kaczynski, David riconobbe lo stile della prosa e riferì i suoi sospetti all'FBI.

Dopo il suo arresto nel 1996, Kaczynski, sostenendo di essere sano di mente, ha cercato e non è riuscito a licenziare i suoi avvocati nominati dal tribunale perché volevano che si dichiarasse pazzo per evitare la pena di morte. Nel 1998 è stato raggiunto un patteggiamento in base al quale si è dichiarato colpevole di tutte le accuse ed è stato condannato a otto ergastoli consecutivi senza possibilità di libertà condizionale.

"La Società Industriale e il suo Futuro"

Nel 1995, Kaczynski ha inviato diverse lettere ai media in cui descriveva i suoi obiettivi e richiedeva che un importante quotidiano pubblicasse il suo saggio di 35.000 parole La società industriale e il suo futuro (soprannominato "manifesto Unabomber" dall'FBI). Ha dichiarato che avrebbe "desistito dal terrorismo" se questa richiesta fosse stata soddisfatta. C'è stata una controversia sulla pubblicazione del saggio, ma il procuratore generale Janet Reno e il direttore dell'FBI Louis Freeh ne consigliarono la pubblicazione per motivi di sicurezza pubblica e nella speranza che un lettore potesse identificare l'autore. Bob Guccione di Penthousesi offrì di pubblicarlo. Kaczynski ha risposto che Penthouse era meno "rispettabile" del New York Times e del Washington Post, e ha detto che, "per aumentare le nostre possibilità di ottenere la nostra roba pubblicata in qualche periodico 'rispettabile'", si sarebbe "riservato il diritto di piantarne uno (e solo una) bomba destinata a uccidere, dopo che il nostro manoscritto è stato pubblicato" se Penthouse ha pubblicato il documento invece di The Times o The Post. Il Washington Post ha pubblicato il saggio il 19 settembre 1995.

Kaczynski ha usato una macchina da scrivere per scrivere il suo manoscritto, mettendo in maiuscolo parole intere per dare enfasi al posto del corsivo. Si è sempre definito "noi" o "FC" ("Freedom Club"), sebbene non ci siano prove che abbia lavorato con altri. Donald Wayne Foster ha analizzato la scrittura su richiesta della squadra di difesa di Kaczynski nel 1996 e ha notato che conteneva ortografia e sillabazione irregolari, insieme ad altre idiosincrasie linguistiche. Ciò lo portò a concludere che Kaczynski ne fosse l'autore.

"La rivoluzione industriale e le sue conseguenze sono state un disastro per la razza umana".

Scrive che la tecnologia ha avuto un effetto destabilizzante sulla società, ha reso la vita insoddisfacente e ha causato una diffusa sofferenza psicologica. Kaczynski sostiene che la maggior parte delle persone trascorre il proprio tempo impegnata in attività inutili a causa dei progressi tecnologici; chiama queste "attività sostitutive" in cui le persone si sforzano di raggiungere obiettivi artificiali, incluso il lavoro scientifico, il consumo di intrattenimento, l'attivismo politico e il seguire le squadre sportive. Prevede che ulteriori progressi tecnologici porteranno a vasti umanil'ingegneria genetica e che gli esseri umani saranno adattati per soddisfare i bisogni dei sistemi sociali, piuttosto che viceversa. Kaczynski afferma che il progresso tecnologico può essere fermato, in contrasto con il punto di vista delle persone che, secondo lui, comprendono gli effetti negativi della tecnologia ma la accettano passivamente come inevitabile. Chiede un ritorno agli stili di vita primitivisti. Le critiche alla civiltà di Kaczynski hanno alcune somiglianze con l' anarco-primitivismo, ma lui stesso ha rifiutato e criticato le opinioni anarco-primitiviste e respinto tale appellativo. Kaczynski sostiene che l'erosione della libertà umana è un prodotto naturale di una società industriale perché "il sistema deve regolare strettamente il comportamento umano per funzionare", e che la riforma del sistema è impossibile in quanto cambiamenti drastici non sarebbero attuati perché della loro interruzione del sistema. Egli afferma che il sistema non ha ancora pienamente raggiunto il controllo su tutto il comportamento umano ed è nel bel mezzo di una lotta per ottenere quel controllo.

Kaczynski prevede che il sistema si guasterà se non riuscirà a ottenere un controllo significativo e che è probabile che questo problema venga risolto entro i prossimi 40-100 anni. Afferma che il compito di coloro che si oppongono alla società industriale è quello di promuovere lo stress all'interno e sulla società e di propagare l'ideologia anti-tecnologia, quella che offre il "controideale" della natura. Kaczynski prosegue affermando che una rivoluzione sarà possibile solo quando la società industriale sarà sufficientemente instabile.

Una parte significativa del documento è dedicata alla discussione della politica di sinistra, Kaczynski attribuendo molti dei problemi della società alla sinistra. Definisce la sinistra come "principalmente socialisti, collettivisti, tipi 'politicamente corretti', femministi, attivisti gay e disabili, attivisti per i diritti degli animali e simili". Crede che l'eccessiva socializzazione e i sentimenti di inferiorità guidino principalmente la sinistra, e la deride come "una delle manifestazioni più diffuse della follia del nostro mondo". Kaczynski aggiunge che il tipo di movimento che immagina deve essere anti-sinistra e astenersi dalla collaborazione con la sinistra, poiché a suo avviso

"la sinistra è a lungo andare incompatibile con la natura selvaggia, con la libertà umana e con l'eliminazione della tecnologia moderna".

Critica anche i conservatori, descrivendoli come sciocchi che

"si lamentano del decadimento dei valori tradizionali, eppure... sostengono con entusiasmo il progresso tecnologico e la crescita economica".

La vita in Montana

Dopo essersi dimesso da Berkeley, Kaczynski si trasferì a casa dei suoi genitori a Lombard, nell'Illinois. Due anni dopo, nel 1971, si trasferì in una remota capanna che aveva costruito fuori Lincoln, nel Montana, dove avrebbe potuto vivere una vita semplice con pochi soldi e senza elettricità o acqua corrente, facendo lavoretti e ricevendo un significativo sostegno finanziario da la sua famiglia.

Il suo obiettivo originale era diventare autosufficiente in modo da poter vivere in modo autonomo. Ha usato una vecchia bicicletta per arrivare in città, e un volontario della biblioteca locale ha detto che andava spesso a leggere opere classiche nelle loro lingue originali. Altri residenti di Lincoln dissero in seguito che un tale stile di vita non era insolito nella zona. La cabina di Kaczynski è stata descritta da un addetto al censimento nel censimento del 1990 come contenente un letto, due sedie, bauli, una stufa a gas e molti libri.

A partire dal 1975, Kaczynski eseguì atti di sabotaggio tra cui incendi dolosi e trappole esplosive contro gli sviluppi vicino alla sua cabina. Si dedicò anche a letture di sociologia e filosofia politica, comprese le opere di Jacques Ellul. Il fratello di Kaczynski, David, in seguito dichiarò che il libro di Ellul The Technological Society "divenne la Bibbia di Ted". Kaczynski ha raccontato nel 1998: "Quando ho letto il libro per la prima volta, sono stato felice, perché ho pensato: "Ecco qualcuno che sta dicendo quello che stavo già pensando."

In un'intervista dopo il suo arresto, ha ricordato di essere rimasto scioccato durante un'escursione in uno dei suoi luoghi selvaggi preferiti:

"È un tipo di campagna ondulata, non piatta, e quando arrivi al limite trovi questi burroni che tagliano molto ripidi in precipizi simili a scogliere e c'era persino una cascata lì. Era a circa due giorni di cammino dalla mia cabina. Quello era il posto migliore fino all'estate del 1983. Quell'estate c'erano troppe persone intorno alla mia capanna, quindi decisi che avevo bisogno di un po' di pace. Sono tornato sull'altopiano e quando sono arrivato lì ho scoperto che avevano messo una strada proprio nel mezzo... Non puoi immaginare quanto fossi sconvolto. È stato da quel momento in poi che ho deciso che, piuttosto che cercare di acquisire ulteriori abilità nella natura selvaggia, avrei lavorato per tornare al sistema. Vendetta."

Kaczynski è stato visitato più volte in Montana da suo padre, che è stato colpito dalle abilità di Ted nella natura selvaggia. Il padre di Kaczynski è stato diagnosticato un cancro ai polmoni terminale nel 1990 e ha tenuto una riunione di famiglia senza Kaczynski nello stesso anno per tracciare il loro futuro. Nell'ottobre 1990, il padre di Kaczynski si suicidò.

Bombardamenti

Tra il 1978 e il 1995, Kaczynski ha spedito o consegnato a mano una serie di bombe sempre più sofisticate che hanno ucciso complessivamente tre persone e ne hanno ferite altre 23. Sedici bombe sono state attribuite a Kaczynski. Mentre i dispositivi di bombardamento variavano ampiamente nel corso degli anni, molti contenevano le iniziali "FC", che Kaczynski in seguito dichiarò che stava per "Freedom Club", incise su parti interne. Ha lasciato volutamente indizi fuorvianti nei dispositivi e ha avuto la massima cura nel prepararli per evitare di lasciare impronte digitali ; le impronte digitali trovate su alcuni dei dispositivi non corrispondevano a quelle trovate sulle lettere attribuite a Kaczynski.

Bombardamenti iniziali

La prima bomba postale di Kaczynski fu diretta a Buckley Crist, professore di ingegneria dei materiali alla Northwestern University. Il 25 maggio 1978, un pacco con l'indirizzo del mittente di Crist fu trovato in un parcheggio dell'Università dell'Illinois a Chicago. Il pacco è stato "restituito" a Crist, che era sospettoso perché non l'aveva spedito, così ha contattato la polizia del campus. L'agente Terry Marker ha aperto il pacco, che è esploso e ha causato lievi ferite. Kaczynski era tornato a Chicago per l'attentato del maggio 1978 e vi rimase per un po' di tempo per lavorare con suo padre e suo fratello in una fabbrica di gommapiuma. Nell'agosto 1978, suo fratello lo licenziò per aver scritto limerick insultantisu un supervisore donna che Ted aveva corteggiato brevemente. Il supervisore in seguito ricordò Kaczynski come intelligente e tranquillo, ma ricordava poco della loro conoscenza e negava fermamente di aver avuto una relazione romantica. La seconda bomba di Kaczynski fu inviata quasi un anno dopo la prima, di nuovo alla Northwestern University. La bomba, nascosta all'interno di una scatola di sigari e lasciata su un tavolo, ha causato lievi ferite allo studente laureato John Harris quando l'ha aperta.

Coinvolgimento dell'FBI

Foto identificativa di Kaczynski del 1978, nel periodo in cui furono spedite le prime bombe.

Nel 1979, una bomba è stata collocata nella stiva del volo American Airlines 444, un Boeing 727 in volo da Chicago a Washington, DC Un meccanismo di cronometraggio difettoso ha impedito l'esplosione della bomba, ma ha rilasciato del fumo, che ha indotto i piloti a effettuare un atterraggio di emergenza. Le autorità hanno affermato che aveva abbastanza potere per "cancellare l'aereo" se fosse esploso. Kaczynski inviò la sua bomba successiva a Percy Wood, il presidente della United Airlines.

Kaczynski ha lasciato falsi indizi nella maggior parte delle bombe, che ha intenzionalmente reso difficile da trovare per farle sembrare più legittime. Gli indizi includevano piastre di metallo stampate con le iniziali "FC" nascoste da qualche parte (di solito nel cappuccio terminale del tubo) nelle bombe, una nota lasciata in una bomba che non è esplosa con la scritta "Wu—Funziona! Te l'avevo detto che sarebbe—RV," e i francobolli da un dollaro di Eugene O'Neill usati spesso per spedire le sue scatole. Ha inviato una bomba incorporata in una copia del romanzo di Sloan Wilson Ice Brothers. L'FBI ha teorizzato che i crimini di Kaczynski coinvolgessero un tema della natura, degli alberi e del legno. Spesso includeva pezzi di ramo di un albero e corteccia nelle sue bombe. I suoi obiettivi selezionati includevano Percy Wood e il professor Leroy Wood. Lo scrittore di gialli Robert Graysmith ha notato che la sua "ossessione per il legno" è stata "un fattore importante" negli attentati.

Bombardamenti successivi

Nel 1981, un pacco che era stato scoperto in un corridoio dell'Università dello Utah fu portato alla polizia del campus, e fu disinnescato da una squadra di artificieri. Nel maggio dell'anno successivo, una bomba fu inviata a Patrick C. Fischer, un professore che insegnava alla Vanderbilt University. Fischer era in vacanza a Porto Rico in quel momento e la sua segretaria, Janet Smith, ha aperto la bomba e ha riportato ferite al viso e alle braccia.

Le prossime due bombe di Kaczynski presero di mira persone all'Università della California, a Berkeley. La prima, nel luglio 1982, causò gravi lesioni al professore di ingegneria Diogene Angelakos. Quasi tre anni dopo, nel maggio 1985, John Hauser, uno studente laureato e capitano della United States Air Force, perse quattro dita e la vista da un occhio. Kaczynski ha realizzato la bomba a mano con parti di legno. Una bomba inviata alla Boeing Company ad Auburn, Washington, fu disinnescata da una squadra di artificieri il mese successivo. Nel novembre 1985, il professor James V. McConnelle l'assistente di ricerca Nicklaus Suino sono stati entrambi gravemente feriti dopo che Suino ha aperto una bomba postale indirizzata a McConnell.

Alla fine del 1985, una bomba caricata con chiodi e schegge piazzata nel parcheggio del suo negozio a Sacramento, in California, uccise il proprietario di un negozio di computer di 38 anni Hugh Scrutton. Un attacco simile contro un negozio di computer ebbe luogo a Salt Lake City, nello Utah, il 20 febbraio 1987. La bomba, travestita da pezzo di legno, ferì Gary Wright quando tentò di rimuoverla dal parcheggio del negozio. L'esplosione ha reciso i nervi del braccio sinistro di Wright e ha spinto oltre 200 pezzi di schegge nel suo corpo. Kaczynski è stato avvistato mentre piazzava la bomba di Salt Lake City. Ciò ha portato a uno schizzo ampiamente distribuito del sospettato come un uomo incappucciato con baffi e occhiali da sole da aviatore.

Nel 1993, dopo una pausa di sei anni, Kaczynski inviato una bomba a casa di Charles Epstein dalla University of California, San Francisco. Epstein ha perso diverse dita aprendo il pacco. Nello stesso fine settimana, Kaczynski ha inviato una bomba a David Gelernter, un professore di informatica alla Yale University. Gelernter ha perso la vista da un occhio, l'udito da un orecchio e una parte della mano destra.

Nel 1994, il dirigente della Burson-Marsteller Thomas Mosser fu ucciso dopo aver aperto una bomba postale inviata a casa sua nel New Jersey. In una lettera al New York Times, Kaczynski scrisse di aver inviato la bomba a causa del lavoro di Mosser per riparare l'immagine pubblica della Exxon dopo la fuoriuscita di petrolio della Exxon Valdez. A ciò seguì l'omicidio nel 1995 di Gilbert Brent Murray, presidente del gruppo di pressione dell'industria del legname California Forestry Association, da una bomba postale indirizzata al precedente presidente William Dennison, che si era ritirato. Il genetista Phillip Sharp alIl Massachusetts Institute of Technology ha ricevuto poco dopo una lettera minatoria.

Le indagini

A causa del materiale utilizzato per fabbricare le bombe postali, gli ispettori postali statunitensi, che inizialmente avevano la responsabilità del caso, etichettarono il sospetto come "Junkyard Bomber". L'ispettore dell'FBI Terry D. Turchie è stato nominato per condurre l'indagine UNABOM (University and Airline Bomber). Nel 1979 fu costituita una task force guidata dall'FBI che comprendeva 125 agenti dell'FBI, del Bureau of Alcohol, Tobacco and Firearms (ATF) e del servizio di ispezione postale degli Stati Uniti. La task force è cresciuta fino a contare più di 150 persone a tempo pieno, ma analisi minuziose dei componenti recuperati delle bombe e l'indagine sulle vite delle vittime si sono rivelate di scarsa utilità nell'identificare il sospetto, che ha costruito le bombe principalmente con materiali di scarto disponibili quasi ovunque. Gli investigatori hanno successivamente appreso che le vittime sono state scelte indiscriminatamente dalla ricerca in biblioteca.

Nel 1980, l'agente capo John Douglas, che lavorava con gli agenti dell'Unità di scienze comportamentali dell'FBI, pubblicò un profilo psicologico dell'attentatore non identificato. Descriveva l'autore del reato come un uomo con un'intelligenza superiore alla media e collegamenti con il mondo accademico. Questo profilo è stato successivamente perfezionato per caratterizzare l'autore del reato come un neo-luddista in possesso di una laurea in scienze dure, ma questo profilo su base psicologica è stato scartato nel 1983. Gli analisti dell'FBI hanno sviluppato una teoria alternativa che si è concentrata sull'evidenza fisica nei frammenti di bomba recuperati. In questo profilo rivale, il sospettato era caratterizzato come un meccanico di aeroplani operaio. L'UNABOMB Task Force ha istituito una hotline telefonica gratuita per rispondere alle chiamate relative alle indagini, con una ricompensa di $ 1 milione per chiunque possa fornire informazioni che portano alla cattura dell'Unabomber.

Prima della pubblicazione di Industrial Society and Its Future, il fratello di Kaczynski, David, fu incoraggiato dalla moglie a dare seguito ai sospetti che Ted fosse l'Unabomber. All'inizio David fu sprezzante, ma prese più seriamente la probabilità dopo aver letto il manifesto una settimana dopo la sua pubblicazione nel settembre 1995. Cercò tra vecchi documenti di famiglia e trovò lettere risalenti agli anni '70 che Ted aveva inviato ai giornali a protestare contro gli abusi della tecnologia usando un fraseggio simile a quello del manifesto.

Prima della pubblicazione del manifesto, l'FBI ha tenuto molte conferenze stampa chiedendo al pubblico di aiutare a identificare l'Unabomber. Erano convinti che l'attentatore provenisse dall'area di Chicago dove aveva iniziato i suoi attentati, che avesse lavorato o avesse avuto qualche collegamento con Salt Lake City, e negli anni '90 aveva qualche associazione con la San Francisco Bay Area. Questa informazione geografica e la formulazione in estratti del manifesto che furono rilasciati prima che l'intero testo del manifesto fosse pubblicato persuasero la moglie di David a esortarlo a leggerlo.

Dopo la pubblicazione

Dopo la pubblicazione del manifesto, l'FBI ha ricevuto migliaia di indizi in risposta alla sua offerta di una ricompensa per le informazioni che hanno portato all'identificazione dell'Unabomber. Mentre l'FBI esaminava i nuovi indizi, il fratello di Kaczynski, David, assunse l'investigatrice privata Susan Swanson a Chicago per indagare discretamente sulle attività di Ted. David in seguito assunse l'avvocato di Washington, DC Tony Bisceglie per organizzare le prove acquisite da Swanson e contattare l'FBI, data la presunta difficoltà di attirare l'attenzione dell'FBI. La famiglia di Kaczynski voleva proteggerlo dal pericolo di un raid dell'FBI, come quelli a Ruby Ridge o Waco, poiché temevano un esito violento di qualsiasi tentativo dell'FBI di contattare Kaczynski.

All'inizio del 1996, un investigatore che lavorava con Bisceglie contattò l'ex negoziatore di ostaggi dell'FBI e profiler criminale Clinton R. Van Zandt. Bisceglie gli chiese di confrontare il manifesto con copie dattiloscritte di lettere scritte a mano che David aveva ricevuto da suo fratello. L'analisi iniziale di Van Zandt ha stabilito che c'era una probabilità superiore al 60% che la stessa persona avesse scritto il manifesto, che era in circolazione da sei mesi. Il secondo team analitico di Van Zandt ha determinato una probabilità maggiore. Ha raccomandato al cliente di Bisceglie di contattare immediatamente l'FBI.

Nel febbraio 1996, Bisceglie ha dato una copia del saggio del 1971 scritto da Ted Kaczynski a Molly Flynn all'FBI. Ha inoltrato il saggio alla task force con sede a San Francisco. Il profiler dell'FBI James R. Fitzgerald ha riconosciuto somiglianze negli scritti utilizzando l'analisi linguistica e ha stabilito che l'autore dei saggi e del manifesto era quasi certamente la stessa persona. Combinata con i fatti raccolti dagli attentati e dalla vita di Kaczynski, l'analisi ha fornito la base per un affidavit firmato da Terry Turchie, il capo dell'intera indagine, a sostegno della richiesta di mandato di perquisizione.

David Kaczynski aveva cercato di rimanere anonimo, ma fu presto identificato. Nel giro di pochi giorni una squadra di agenti dell'FBI è stata inviata per intervistare David e sua moglie con il loro avvocato a Washington, DC A questo e ai successivi incontri, David ha fornito lettere scritte da suo fratello nelle loro buste originali, consentendo alla task force dell'FBI di utilizzare il timbro postale date per aggiungere maggiori dettagli alla loro cronologia delle attività di Ted. David sviluppò una relazione rispettosa con l'agente speciale di analisi comportamentale Kathleen M. Puckett, che incontrò molte volte a Washington, DC, Texas, Chicago e Schenectady, New York, nei quasi due mesi prima che il mandato di perquisizione federale fosse notificato alla cabina di Kaczynski.

David una volta aveva ammirato ed emulato suo fratello maggiore, ma da allora si era lasciato alle spalle lo stile di vita da survivalista. Aveva ricevuto assicurazioni dall'FBI che sarebbe rimasto anonimo e che suo fratello non avrebbe saputo chi lo aveva denunciato, ma la sua identità è trapelata a CBS News all'inizio di aprile 1996. L'anchorman della CBS Dan Rather ha chiamato il direttore dell'FBI Louis Freeh, che ha richiesto 24 ore prima che la CBS pubblicasse la notizia al telegiornale della sera. L'FBI si affrettò a finire il mandato di perquisizione e a farlo emettere da un giudice federale del Montana; in seguito, l'FBI ha condotto un'indagine interna sulla perdita, ma la fonte della perdita non è mai stata identificata.

I funzionari dell'FBI non erano unanimi nell'identificare Ted come l'autore del manifesto. Il mandato di perquisizione ha rilevato che diversi esperti ritenevano che il manifesto fosse stato scritto da un altro individuo.

Arresto

Gli agenti dell'FBI hanno arrestato un Kaczynski trasandato nella sua cabina il 3 aprile 1996. Una ricerca ha rivelato una cache di componenti di bombe, 40.000 pagine di diario scritte a mano che includevano esperimenti di fabbricazione di bombe, descrizioni dei crimini di Unabomber e una bomba dal vivo, pronta per la spedizione. Hanno anche trovato quello che sembrava essere il manoscritto originale di Industrial Society and Its Future. A questo punto, l'Unabomber era stato l'obiettivo dell'indagine più costosa nella storia dell'FBI in quel momento. Un rapporto del 2000 della Commissione degli Stati Uniti sull'avanzamento dell'applicazione della legge federale affermava che la task force aveva speso oltre 50 milioni di dollari nel corso dell'indagine.

Dopo la sua cattura, sono emerse teorie che nominano Kaczynski come Zodiac Killer, che ha ucciso cinque persone nel nord della Californiadal 1968 al 1969. Tra i legami che hanno sollevato il sospetto c'era il fatto che Kaczynski visse nella Bay Area di San Francisco dal 1967 al 1969 (lo stesso periodo in cui la maggior parte degli omicidi confermati dello Zodiac avvenne in California), che entrambi gli individui erano molto intelligenti con un interesse per bombe e codici, e che entrambi hanno scritto lettere ai giornali chiedendo la pubblicazione delle loro opere con la minaccia di continue violenze se la richiesta non fosse stata soddisfatta. Tuttavia, non è stato possibile verificare la posizione di Kaczynski per tutti gli omicidi. Poiché gli omicidi con pistola e coltello commessi dallo Zodiac Killer differivano dagli attentati di Kaczynski, le autorità non lo perseguirono come sospetto. Robert Graysmith, autore del libro Zodiac del 1986, ha affermato che le somiglianze sono "affascinanti" ma puramente casuali.

La prima caccia all'Unabomber ritraeva un perpetratore molto diverso dall'eventuale sospettato. Kaczynski usa costantemente "noi" e "nostro" in tutta la società industriale e il suo futuro. Ad un certo punto nel 1993 gli investigatori hanno cercato un individuo il cui nome era "Nathan" perché il nome era impresso sulla busta di una lettera inviata ai media. Quando le autorità hanno presentato il caso al pubblico, hanno negato che ci fosse mai qualcuno diverso da Kaczynski coinvolto nei crimini.

Appello

Un gran giurì federale ha incriminato Kaczynski nel giugno 1996 con dieci accuse di trasporto, spedizione e utilizzo illegali di bombe. Gli avvocati di Kaczynski, guidati dai difensori pubblici federali del Montana Michael Donahoe e Judy Clarke, tentarono di entrare in una difesa per follia per evitare la pena di morte, ma Kaczynski respinse questa strategia. L'8 gennaio 1998 ha chiesto di licenziare i suoi avvocati e di assumere Tony Serra come suo difensore; Serra aveva accettato di non usare una difesa per follia e aveva invece promesso di basare una difesa sulle opinioni anti-tecnologia di Kaczynski. Dopo che questa richiesta non ebbe successo, Kaczynski tentò di uccidersi il 9 gennaio. Sally Johnson, la psichiatra che esaminò Kaczynski, concluse che soffriva di schizofrenia paranoide. Lo psichiatra forense Park Dietz ha detto che Kaczynski non era psicotico ma aveva un disturbo schizoide o schizotipico della personalità. Nel suo libro del 2010 Technological Slavery, Kaczynski ha affermato che due psicologi carcerari che lo hanno visitato frequentemente per quattro anni gli hanno detto di non aver visto alcuna indicazione che soffrisse di schizofrenia paranoide e la diagnosi era "ridicola" e una "diagnosi politica".

Il 21 gennaio 1998, Kaczynski fu dichiarato competente a sostenere un processo dallo psichiatra della prigione federale Johnson, "nonostante le diagnosi psichiatriche". Poiché era in grado di sostenere un processo, i pubblici ministeri hanno chiesto la pena di morte, ma Kaczynski ha evitato ciò dichiarandosi colpevole di tutte le accuse il 22 gennaio 1998 e accettando l' ergastolo senza possibilità di libertà condizionale. In seguito ha cercato di ritirare questo motivo, sostenendo che era involontario poiché era stato costretto a dichiararsi colpevole dal giudice. Il giudice Garland Ellis Burrell Jr. ha negato la sua richiesta e la Corte d'Appello del Nono Circuito degli Stati Uniti ha confermato tale decisione.

Nel 2006, Burrell ordinò che gli oggetti della cabina di Kaczynski fossero venduti a un'"asta Internet ragionevolmente pubblicizzata". Sono stati esclusi gli articoli considerati materiali per la fabbricazione di bombe, come diagrammi e "ricette" per le bombe. Il ricavato netto è andato verso i 15 milioni di dollari di restituzione che Burrell aveva assegnato alle vittime di Kaczynski. Anche la corrispondenza di Kaczynski e altri documenti personali furono messi all'asta. Burrell ordinò la rimozione, prima della vendita, dei riferimenti in quei documenti alle vittime di Kaczynski; Kaczynski ha contestato senza successo quelle redazioni come una violazione della sua libertà di parola. L'asta è durata due settimane nel 2011 e ha raccolto oltre $ 232.000.

Carcerazione

Kaczynski sta scontando otto ergastoli senza possibilità di libertà condizionale all'ADX Florence, un carcere di massima sicurezza a Florence, in Colorado. All'inizio della sua prigionia, Kaczynski fece amicizia con Ramzi Yousef e Timothy McVeigh, rispettivamente gli autori dell'attentato al World Trade Center del 1993 e dell'attentato di Oklahoma City del 1995. Il trio discusse di religione e politica e formò un'amicizia che durò fino all'esecuzione di McVeigh nel 2001. Nel 2012, Kaczynski ha risposto alla richiesta di directory dell'Harvard Alumni Association per la cinquantesima riunione della classe del 1962; ha elencato la sua occupazione come "prigioniero" e le sue otto ergastoli come "premi".

Il governo degli Stati Uniti ha sequestrato la cabina di Kaczynski, che ha messo in mostra al Newseum di Washington, DC, fino alla sua chiusura alla fine del 2019. Nell'ottobre 2005, Kaczynski si è offerto di donare due libri rari alla Biblioteca Melville J. Herskovits of African Studies presso il campus della Northwestern University a Evanston, Illinois, il luogo dei suoi primi due attacchi. La Biblioteca ha respinto l'offerta in quanto disponeva già di copie delle opere. La Collezione Labadie, parte della Biblioteca delle collezioni speciali dell'Università del Michigan, ospita la corrispondenza di Kaczynski con oltre 400 persone dal suo arresto, comprese risposte, documenti legali, pubblicazioni e ritagli. I suoi scritti sono tra le selezioni più popolari nelle raccolte speciali dell'Università del Michigan. L'identità della maggior parte dei corrispondenti rimarrà sigillata fino al 2049.

Eredità

Kaczynski è stato ritratto e ispirato molteplici opere artistiche nel regno della cultura popolare. Questi includono il film televisivo del 1996 Unabomber: The True Story, il gioco PO Box Unabomber del 2011, e Manhunt: Unabomber, la stagione 2017 della serie televisiva Manhunt. Il moniker "Unabomber" è stato applicato anche all'italiano Unabomber, un terrorista che ha condotto attacchi simili a quelli di Kaczynski in Italia dal 1994 al 2006. Prima delle elezioni presidenziali degli Stati Uniti del 1996, una campagna chiamata "Unabomber for President" è stato lanciato con l'obiettivo di eleggere Kaczynski presidente attraverso voti per iscritto.

Nel suo libro The Age of Spiritual Machines (1999), il futurista Ray Kurzweil ha citato un passaggio del manifesto di Kaczynski La società industriale e il suo futuro. A sua volta, Kaczynski è stato citato da Bill Joy, co-fondatore di Sun Microsystems, nell'articolo di Wired del 2000 "Perché il futuro non ha bisogno di noi". Joy ha dichiarato che Kaczynski "è chiaramente un luddista, ma semplicemente dicendo questo non respinge la sua tesi". Il professor Jean-Marie Apostolidès ha sollevato questioni relative all'etica della diffusione delle opinioni di Kaczynski. Vari movimenti radicali ed estremisti sono stati influenzati da Kaczynski. Persone ispirate dalle idee di Kaczynski si presentano in luoghi inaspettati, dai movimenti nichilisti, anarchici ed eco-estremisti agli intellettuali conservatori. Anders Behring Breivik, l'autore degli attacchi in Norvegia del 2011, ha pubblicato un manifesto che copiava grandi porzioni di La società industriale e il suo futuro, con la sostituzione di alcuni termini (ad esempio, sostituendo "sinistra" con "marxisti culturali" e "multiculturalisti").

Oltre vent'anni dopo la prigionia di Kaczynski, le sue opinioni hanno ispirato una comunità online di primitivisti e neo-luddisti. Una spiegazione per il rinnovato interesse per le sue opinioni è la serie televisiva Manhunt: Unabomber, andata in onda nel 2017. Kaczynski è spesso citato anche dagli ecofascisti online. Anche se alcuni gruppi militanti fascisti e neonazisti lo idolatrano, Kaczynski descrisse il fascismo nel suo manifesto come una "ideologia stravagante" e il nazismo come "malvagio".


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

Per una rete di Libere Comunità

L'idea di rimodellare il mondo e l'umanità, in virtù di una sfida non solo ecologica, ma economica, politica e sociale, ripensando al concetto di comunità e soprattutto di piccola patria ("small is better" direbbero gli inglesi o, meglio ancora, "less is more") è un'idea che, volenti o nolenti, terrà banco nel futuro prossimo.

Flandrensis partecipa alla Giornata Mondiale della Pulizia

Ogni anno il Granducato di Flandrensis partecipa in 72 nazioni al World Cleanup Day, un programma annuale di azione sociale globale volto a combattere il problema mondiale dei rifiuti solidi, compreso il problema dei detriti marini. È coordinato dall'organizzazione globale Let's Do It! World, la sede si trova a Tallinn, in Estonia.

I partecipanti ai World Cleanup Days sono in genere volontari, con il coordinamento di organizzazioni non governative che assistono nella sensibilizzazione, nella logistica e nella raccolta fondi.

🎥 Intervista a Plastic Free Modena - 4 Aprile 2022

Nella giornata di oggi, i Cavalieri del Consolato Estense del Gran Ducato di Flandrensis hanno supportato l'iniziativa di pulizia volontaria di discariche abusive promossa da Plastic Free Modena presso Viale Dello Sport. Plastic Free Odv Onlus è un'associazione di volontariato nata il 29 Luglio 2019 con lo scopo di informare e sensibilizzare più persone possibili sulla pericolosità della plastica, in particolare quella monouso, che inquina e uccide.

☀️ Riscopriamo la Cucina Solare, ecosostenibile e a costo zero!

Grazie ad attrezzature rudimentali e materiali facilmente reperibili è possibile concentrare la luce del sole ed utilizzarla anche per fini alimentari al posto del fuoco o del gas! Dalla cottura alla pastorizzazione, piatti semplici o elaborati, fino alla sterilizzazione dell'acqua al fine di renderla potabile, o ancora, un ottimo caffè scaldato a lento. Fornelli solari avanzati su larga scala possono cucinare per centinaia di persone.

Poiché non utilizzano carburante e non costano nulla per funzionare, molte organizzazioni senza scopo di lucro ne stanno promuovendo l'uso in tutto il mondo per aiutare a ridurre i costi del carburante e l'inquinamento atmosferico e per aiutare a rallentare la deforestazione e la desertificazione.

🎥 Liberi Dalla Civiltà

Spunti per una critica radicale ai fondamenti della civilizzazione: dominio, cultura, paura, economia, tecnologia

È possibile vivere in un mondo senza dominio, senza sfruttamento, senza inquinamento e mercificazione? Per almeno due milioni di anni i nostri antenati primitivi hanno vissuto così, ed è solo con la comparsa dell'agricoltura che l'esistenza ha preso la via di una distruttività sempre più accelerata e dilagante.

Introduzione all'Anarco Tribalismo e all'Anarco Comunitarismo

Da alcuni anni esiste una minoranza piccola ma sempre più influente nei media libertari contemporanei che si è sviluppata in alcuni paesi, considerata "eretica" dalla maggioranza. Questa minoranza, la cui voce è ogni giorno più forte nonostante coloro che sono interessati a zittirla.

Flandrensis: due giornate di riforestazione!

🇪🇬 ! CERCASI VOLONTARI !🌲 Vi aspettiamo questo week-end per un doppio appuntamento, stavolta di nuovo in collaborazione a Città di Smeraldo Aps e Simbiosi Magazine nell'ambito del progetto Riforestiamo in Italia - Pianta un albero 🌱 NAF (Nuove Antiche Foreste) nasce con l'intento di ricostruire parti dell'antica foresta planiziale ormai pressoché completamente scomparsa. Tutta la Pianura Padana un tempo era ricoperta da un'immensa verde foresta, con stagni, paludi e una biodiversità oggi inimmaginabile. Il sogno è vedere nuove parti di questa foresta crescere, aumentando il valore biologico del territorio, migliorando l'aria, abbassando la CO2, aumentando esponenzialmente la biodiversità e dando rifugio a tante specie, sia animali che vegetali, che oggi sono in grande difficoltà 🌲 COSA ASPETTATE ? IL MOMENTO DI AGIRE È ORA !

Herbert Marcuse e il pensiero anti-autoritario

Herbert Marcuse è stato uno dei pensatori più influenti del Novecento, soprattutto è nota la passione che per lui avevano gli studenti in rivolta nei tardi anni sessanta. Il suo pensiero, intrinsecamente anti-autoritario, rispecchiava la volontà di cambiamento radicale che animava la protesta dei giovani in tutto il mondo occidentale; il suo rifiuto di ogni forma di repressione, il suo secco no alla civiltà tecnologica (in entrambe le declinazioni liberal-capitalistica e comunista-sovietica), lo resero il filosofo del "grande rifiuto" verso ogni forma di repressione.

Flandrensis: mettiamo radici per il futuro!

🇪🇬 Possiedi un terreno e vuoi trasformarlo in un bosco? Contattaci! Il Consolato Estense del Gran Ducato di Flandrensis aderisce al piano d'Azione Ambientale per il futuro sostenibile tramite il bando per la distribuzione gratuita di piante forestali nell'ambito del progetto "Quattro milioni e mezzo di alberi in più: piantiamo un albero per ogni abitante dell'Emilia-Romagna"!

🌲 La Regione Emilia-Romagna prosegue nel progetto “Mettiamo radici per il futuro” con lo scopo di estendere le aree boschive e le foreste in generale, realizzare nuovi boschi e piantagioni forestali in prossimità dei corsi d’acqua, riqualificare sistemi agroforestali, siepi e filari in un contesto di valorizzazione del paesaggio e di fruizione pubblica del territorio.

Proudhon: Dio è il Male, l'Uomo è Libero

Proudhon amava lo scandalo e la provocazione, e questo ha portato lui e i suoi amici nei guai. Nel suo Sistema di contraddizioni economiche, ha avvolto la sua tesi già provocatoria sull'evoluzione delle istituzioni attorno a una narrativa scandalosa sull'"ipotesi di Dio". Proudhon era affascinato dal cristianesimo e ne scrisse da una varietà di prospettive e con una varietà di toni, ma è probabilmente ricordato soprattutto per scritti come il suo "Inno a Satana" e il capitolo finale dei primi volumi delle Contraddizioni economiche, dove si elaborò una sorta di dichiarazione di guerra contro l'idea stessa di Dio.

Le siepi morte aka dead hedges

Le siepi morte sono cumuli di rami e ramoscelli disposti a formare una barriera che vengono sempre più utilizzati come mezzo per smaltire il materiale derivante dalle operazioni di diradamento o disboscamento nei boschi. L'utilizzo di rami in eccesso in questo modo fa bene alla fauna selvatica, in particolare ai piccoli mammiferi e uccelli, perché offre loro un rifugio protetto dai predatori e dal vento e dalla pioggia. Va bene anche per gli insetti: le siepi morte in effetti creano un'eco-catasta perfetta per diversi tipi di creature. Si possono usare come copertura morta ad esempio per invitare le persone a rimanere sui sentieri pubblici e per scoraggiare le persone dal camminare attraverso aree sensibili di un bosco. In molte situazioni la siepe morta deve avere degli spazi vuoti per i sentieri dei cervi e per consentire a gestori e proprietari di aggirare il bosco, ma tutto è assolutamente non invasivo e perfettamente inglobato nell'ambiente.

Proudhon e la sua Terza Posizione

Le idee di Proudhon non sono le nostre idee, non sono state nemmeno sempre sue. Hanno combattuto in lui e così spesso si sono distrutte a vicenda che la sua mente è definita il luogo d'incontro dei contraddittori. Avendo capito molto, questo grande oratore non è stato in grado di mettere tutto in ordine.

Contea Ecologica di Ca' Pallai

Non permettendo a nessun essere umano di accedere nella sua madrepatria, nel 2022 il governo del Flandrensis ha stabilito i "Territori d'Oltremare", consentendo ai cittadini di far riconoscere il loro territorio come contea ecologica, provincia, dipendenza della corona o colonia del Flandrensis.

L'obiettivo della Contea Ecologica di Ca' Pallai è quello di creare un pezzo di terra dove sia possibile vivere a stretto e rispettoso contatto con madre natura, organizzare eventi per promuovere modi di vivere ecologici.

🎥 Botanica Per Tutti - Viaggio tra uomini, donne e piante

Questo documentario è l’ABC per approcciare l'Etnobotanica, una materia che si lega alla psiche umana, alla genetica, alle tradizioni ed all’empatia con il mondo vegetale. Sì tratta del primo frutto del progetto PROSPETTIVE VEGETALI. Un viaggio tra le persone capaci di raccontare l’importanza della Botanica nel nostro paese. Contadini, vivaisti, scienziati, artisti, poeti. Più di 260 interviste realizzate con un cellulare, raccolte viaggiando per due anni in tutta Italia con 8 domande sul taccuino.

Un documentario che vuole essere un manifesto in costante aggiornamento. Una fonte, per ispirare futuri progetti, volti a favorire processi di interazione tra Uomo e Vegetali.

Le Comunità Intenzionali Anarchiche

Alcuni anni fa, un gruppo pagano greco credeva nella possibilità di creare un villaggio dove poter vivere e lavorare in base alle proprie convinzioni e interessi. Questa sarebbe forse la salvezza nel mondo moderno: il ritorno alla comunità.

Può essere assurdo per molti, ma è senza dubbio un colpo duro contro il processo di urbanizzazione e concentrazione di popolazioni in cui ci troviamo, e questo è già qualcosa. La battaglia del futuro sarà tra centralizzazione e decentralizzazione, tra potere centrale e periferia.

Errico Malatesta - Contro la Dittatura del Proletariato (30 Luglio 1919)

Il testo che qui si riproduce è la lettera che Errico Malatesta scrisse da Londra a Luigi Fabbri in merito al tema della dittatura del proletariato che agitava il movimento operaio e rivoluzionario a seguito della Rivoluzione Russa. Con una certa cautela per una possibile evoluzione in senso libertario della Rivoluzione, ma anche con estrema chiarezza per quanto riguarda la realtà corrente, Malatesta chiarisce che la cosiddetta dittatura del proletariato altro non è che la dittatura del partito sulle masse popolari.

Il Federalismo Anarchico di Malatesta

Negli anni passati, ai tempi dell’Internazionale, si soleva spesso adoperare la parola federalismo come sinonimo di anarchia; e la frazione anarchica della grande Associazione (che gli avversari, i quali imbevuti di spirito autoritario sogliono abbassare le più vaste questioni d’idee a meschine questioni di persone, chiamavano l’Internazionale bakunista) era dagli amici chiamata indifferentemente l’Internazionale anarchica, o l’Internazionale federalista.

Storie e Memorie dell'anarchismo italiano

Porsi la questione se è possibile studiare l’anarchismo attraverso i suoi legami associativi con l’obbiettivo di coglierlo come movimento nella seconda metà del 900, significa – contestualmente – porsi una serie di problemi che si intrecciano con la grande trasformazione che le relazioni internazionali e il contesto italiano subiscono negli anni dal 1945 in poi.

Una panoramica sul Bioregionalismo

Il bioregionalismo è un approccio etico, politico, ideologico, legato al territorio in cui si vive, considerato come un insieme omogeneo dal punto di vista morfologico e da quello degli esseri viventi.

Rappresenta in un certo senso "l'intersezione" tra diverse anime culturali del movimento ambientalista: quelle tradizionaliste, (in senso eminentemente folclorico-ambientalista) e quelle localiste. Lo studio delle bioregioni utilizza largamente la Teoria degli Insiemi elaborata da Georg Cantor.

Si tratta quindi di considerare un territorio geografico omogeneo in cui dovrebbero essere predominanti le regole dettate dalla natura e non le leggi che l'uomo avrebbe definito.

Il Barone Selvatico

Lord Randal Plunkett è un barone irlandese che ha scelto di lottare per gli animali e l’ecosistema.

Ha trasformato 700 acri del suo parco a 40 chilometri da Dublino in un'area di riabilitazione e recupero di animali selvatici che ora accoglie di nuovo volpi, barbagianni, ermellini, gufi, aironi e sparvieri, cervi, volpi, lontre, tassi, martore, lepri: foreste, prati, torrenti e ruscelli selvaggi accolgono finalmente animali liberi. Sì, perché Lord Randal ha bandito la caccia (tradizione nobiliare per eccellenza nei secoli) in virtù della libertà di vivere.

Si chiama rewild, ed è un obiettivo comune ad aristocratici dal cuore puro (come il Duca del Bardo micronazione, se vogliamo restare in Italia): «Dovrebbe essere una pratica comune» racconta il Barone su VanityFair «Voglio aiutare a cambiare le cose».