L'attuale società cosiddetta liberalista è alle prese con gravi problemi. In questo testo discuterò questi problemi e cosa li ha creati e cercherò di abbozzare una soluzione per loro.

Ovviamente non è possibile discutere di tutti questi problemi, poiché sono numerosi come le stelle. La maggior parte di essi, tuttavia, sono legati al fenomeno dell'alienazione, quindi questo è ciò su cui ci concentreremo in questo testo.

La società moderna ha devastato la maggior parte, se non tutte, le comunità locali e le reti umane che un tempo garantivano ai suoi membri sicurezza economica, sicurezza sociale e, cosa più importante, senso di comunità, responsabilità e scopo nella vita.

Invece di questi legami naturali, il sistema moderno ha creato una pseudo-società che assicura un immenso benessere materiale ma non provvede in alcun modo ai bisogni immateriali delle persone. Questo è ciò che ha creato l'alienazione di oggi. Nei borghi antichi ognuno aveva la sua specifica responsabilità di pastore, fabbro o contadino. Così tutti giocarono un ruolo importante nel garantire il benessere dell'intero villaggio.

Ciò ha dato agli abitanti del villaggio un senso di scopo e di comunità. Oggi, tuttavia, alle persone mancano questi sentimenti poiché la maggior parte delle persone lavora con cose non essenziali per la continuazione della vita. Anche coloro che lavorano con questioni importanti per la vita non hanno alcun contatto con le persone per le quali il loro lavoro è importante e sono spesso spinti dai loro dipendenti a lavorare più velocemente piuttosto che a fare un buon lavoro. Quindi anche quelli non hanno alcun vero sentimento e rilevanza.

Per cercare di compensare le proprie inadeguatezze, lo stato sociale garantisce consulenza psicologica gratuita e ogni tipo di intrattenimento. È ovvio, tuttavia, che queste compensazioni non aiutano molto. Se la consulenza psicologica avesse potuto risolvere i problemi di alienazione della società moderna, sarebbero già stati risolti con le fortune spesi in queste cose. Per quanto riguarda l'intrattenimento, anche l'effetto è piccolo e in diminuzione: sono necessari programmi televisivi sempre più estremi per tenere le menti delle persone lontane dalla loro vita quotidiana noiosa e insensata.

Poiché questi tentativi di risolvere i problemi dell'alienazione falliscono miseramente, c'è solo un modo per risolvere i problemi: ricreare le comunità locali. Ovviamente i bisogni immateriali del genere umano non possono essere soddisfatti nel quadro di un governo centralizzato. Dobbiamo avere una rivoluzione sociale e politica. Dobbiamo ribellarci ai gruppi di interesse economico dalla mentalità ristretta e ai politici assetati di potere, strappargli il potere dalle mani e decentralizzarlo.

Si noti che dico deliberatamente una rivoluzione politica e non solo sociale. Alcuni potrebbero affermare che per rilanciare la comunità locale è necessaria solo una rivoluzione sociale. Mentre è chiaro che il rilancio della comunità locale inizia creando un sentimento di comunità tra le persone in un quartiere comune, a lungo termine è necessario anche un cambiamento politico.
Solo i membri di una comunità locale sanno come quella comunità locale può prosperare al meglio e quindi il potere sulla comunità deve spettare a loro. Le comunità locali viventi non possono essere create da un governo centralizzato.

Quindi, in pratica, come si potrebbe costruire un sistema basato sulla comunità locale? Ebbene, il primo problema di un tale sistema sarebbe un aumento del conflitto tra due interessi per quanto riguarda le dimensioni delle comunità:
Da un lato vogliamo che le comunità siano in grado di fornire benessere e, se necessario, difesa militare dei suoi membri, il che significherebbe comunità abbastanza grandi. D'altra parte, vogliamo che i membri della comunità siano in grado di avere una relazione reale tra loro, il che indica comunità molto piccole.

La soluzione a questo problema è costruire un sistema politico basato su livelli: la componente principale della società che stiamo delineando qui sarebbe la comunità locale. Queste comunità locali dovrebbero essere formate da non più di 1000 membri. Un tribunale locale a cui tutti hanno accesso e tutti hanno diritto di voto governerebbero le comunità locali.
L'unità politica secondaria sarebbe il comune. Il comune sarebbe composto da circa 40.000 a 80.000 membri e sarebbe quindi formato come una federazione di 40-80 comunità locali.

Un consiglio comunale composto da un membro di ciascuna delle comunità locali del comune dovrebbe quindi occuparsi dell'amministrazione quotidiana del comune. I membri del consiglio comunale sarebbero nominati mediante elezione diretta presso i tribunali delle comunità locali.

Oltre alle responsabilità quotidiane dei consigli comunali, avrebbe anche il diritto di formulare suggerimenti per l'andamento generale del comune. Tutte le decisioni importanti, tuttavia, sarebbero state decise tramite voto nei tribunali delle comunità locali.
Oltre alle comunità e ai comuni locali, potrebbe esserci un consiglio nazionale che potrebbe elaborare suggerimenti per un corso comune per tutti i comuni all'interno di una data nazione. Il consiglio nazionale tuttavia non sarebbe in grado di prendere decisioni da solo. Servirebbe solo a consigliare i comuni e ad attuare le loro decisioni. Per illustrare questo sistema, facciamo un esempio: c'è stata una guerra in un paese (chiamiamola Paese A) ma ora le parti della guerra hanno negoziato un cessate il fuoco. Al fine di assicurarsi che il cessate il fuoco sia rispettato, la comunità internazionale ha fatto appello al suo paese vicino (Paese B) per radunare una forza di mantenimento della pace e inviarla nel Paese A per assicurarsi che il cessate il fuoco non sia rotto.

Ora il Paese B è governato da un sistema come quello descritto sopra. Pertanto, il consiglio nazionale non può prendere alcuna decisione in merito. Invece si tiene una votazione nei tribunali delle comunità locali in tutto il paese. Quando la votazione è terminata, il consiglio comunale riunisce gli uomini delle forze permanenti del comune che hanno le loro radici nelle comunità locali che hanno accettato l'idea e li invia al consiglio nazionale. Ovviamente se qualcuno desidera offrirsi volontario per l'impresa, anche se non proviene da una comunità locale che ha deciso di prendere parte alle forze di mantenimento della pace, potrebbe farlo. Quando le forze di tutto il paese si sono riunite e inviate nel Paese A, il consiglio comunale (in stretto collegamento con le comunità locali) elaborerà un accordo con il consiglio nazionale sulla durata della permanenza delle truppe nel Paese A. Quando che l'accordo è stato fatto il consiglio nazionale quindi controlla le truppe per il tempo concordato. Quando il periodo di tempo concordato sarà scaduto, le truppe torneranno a casa nei loro comuni nativi e nelle comunità locali.

Come si può vedere questo sistema funzionerebbe al contrario dell'attuale. Nel sistema attuale la potenza è distribuita dall'alto verso il basso in una forma di piramide convertita. Il governo nazionale ha il potere maggiore e può restare in carica sugli enti regionali e gli enti regionali hanno potere sugli enti locali.

Nel sistema che abbiamo delineato sopra, il potere sarebbe distribuito in forma piramidale: con più potere a livello locale, meno potere con le entità regionali (i comuni) e meno potere alla leadership nazionale. Il consiglio nazionale non sarebbe in grado di comandare le comuni e nessuna comune potrebbe costringere una comunità locale ad agire contro la sua volontà.

Quindi, questa è la mia idea per una società decentralizzata. Ovviamente non è il piano definitivo e completo di come realizzare una società decentralizzata. Al contrario: è solo uno schizzo. Inoltre, un sistema politico decentralizzato è solo la precondizione per creare una società che risolverà i problemi della società attuale: l'integrazione di ideali estetici nelle nostre abitazioni, i nostri strumenti e tutta la vita quotidiana, la creazione di città che riflettano tutte le emozioni umane e, in generale, la creazione di una società in cui il desiderio delle persone di avventura, mistica, un senso di scopo e un senso di comunità possono essere veramente soddisfatti.

Questo difficile compito è ciò che dobbiamo alla fine accettare per uccidere la bestia dell'alienazione!
Spero che questo testo, per quanto imperfetto possa essere, ti ispiri ad assumerti questo compito!


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

"Statu Francese Assassinu!" Libere Comunità in solidarietà al Popolo Corso

Si è riacceso lo spirito separatista dell'isola Corsa. L’ondata di proteste è a sostegno del militante indipendentista Yvan Colonna, aggredito brutalmente da un detenuto nel carcere di Arles, nella regione della Provenza. L'uomo, che si trova ora in fin di vita, sta scontando un ergastolo per l'assassinio del prefetto francese Claude Erignac, avvenuto nel 1998. I manifestanti, che sono scesi in piazza al grido di “Statu Francese Assassinu”, accusano Parigi di essere responsabile del tentativo di omicidio del militante.

Il Federalismo Anarchico di Malatesta

Negli anni passati, ai tempi dell’Internazionale, si soleva spesso adoperare la parola federalismo come sinonimo di anarchia; e la frazione anarchica della grande Associazione (che gli avversari, i quali imbevuti di spirito autoritario sogliono abbassare le più vaste questioni d’idee a meschine questioni di persone, chiamavano l’Internazionale bakunista) era dagli amici chiamata indifferentemente l’Internazionale anarchica, o l’Internazionale federalista.

Libere Comunità: per una reale alternativa sociale

Il comunitarismo libertario è visto come movimento atipico da chi non conosce tale stile di vita, perché è davvero l''unica reale alternativa sociale che schiettamente combatte per un mondo nuovo. La nostra visione trae radici dall'anarchismo classico e dai pensatori che promuovevano libertà ed indipendenza. Nel nostro mondo, noi auspichiamo un predominio, in maniera non totalitarista, ma attraverso la libera associazione delle persone, delle comunità/tribù auto-sufficienti ed auto-governate.

Panarchia?! Che cos'è? Si mangia?

Nel suo articolo del 1860 "Panarchia" Paul-Emile De Puydt, che espresse anche il suo sostegno all'economia del laissez-faire, applicò il concetto al diritto dell'individuo di scegliere qualsiasi forma di governo senza essere costretto a spostarsi dal luogo in cui si trova attualmente. Questo è talvolta descritto come "extraterritoriale" (o "exterritoriale") poiché i governi spesso servirebbero appezzamenti di terreno non contigui.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Fabrizio De André: l'internazionalista identitario

«Credo che ogni piccola etnia abbia diritto all'auto-determinazione. Anzi, se fosse per me tornerei ai Comuni liberi, alle città-stato.» (Fabrizio De André)

Rampollo favoloso e ribelle di una borghesia genovese distintissima, curioso del mondo e innamorato di sé, a vent’anni trascurava gli studi in giurisprudenza frequentando prostitute e suonando sulle navi da crociera.

Contestato dal Movimento Studentesco nel 1968 salì sul palco un po’ barcollante, scherzò dedicando La cattiva strada “al mio amico Nietzsche” e “al mio amico Cristo” e iniziò a suonare.

Anarchia indigena e necessità di un rifiuto della "Civiltà" del colonizzatore

I popoli indigeni nel corso della storia hanno combattuto e sono morti per resistere alla forte invasione della civiltà nelle loro vite. Questa lotta continua oggi, poiché gli "incivili" sono spinti sempre più vicino al limite della sopravvivenza dai "civilizzati" di tutto il mondo e lo squilibrio tecnologico tra noi continua ad espandersi e creare un divario sociologico che ci rende incapaci di capire l'un l'altro anche a livello di base.

Cosa intendono gli anarchici per "federalismo"?

Il concetto di federalismo appare più e più volte nella letteratura anarchica e nell'attività anarchica, ma al giorno d'oggi è raramente elaborato. È più probabile che si senta parlare di "democrazia diretta", "decentramento", "orizzontalità" e altri concetti leggermente diversi invece di "federalismo" in modo chiaro e semplice. Questo articolo vuole dare un'introduzione decente a quel federalismo, chiaro e semplice, elaborando anche un po' di più il suo significato.

Il tribalismo delle libere comunità

Se prescindiamo dalla famiglia, la tribù è quasi certamente la più antica forma di società umana; oggi sussiste in forma piena solo in alcune popolazioni isolate, poco numerose e particolarmente arretrate, ma, seppure in forma attenuata e residuale, continua tuttora a svolgere un ruolo di rilievo in non pochi paesi in via di sviluppo, e si potrebbe inoltre sostenere che ne rimanga il retaggio anche in molti tipi di comportamento sociale tuttora riscontrabili nelle società più sviluppate.

Per una rete di Libere Comunità

L'idea di rimodellare il mondo e l'umanità, in virtù di una sfida non solo ecologica, ma economica, politica e sociale, ripensando al concetto di comunità e soprattutto di piccola patria ("small is better" direbbero gli inglesi o, meglio ancora, "less is more") è un'idea che, volenti o nolenti, terrà banco nel futuro prossimo.

Gheddafi, il Libro Verde e la critica alla Democrazia

Il verde è il colore e il titolo del libro pubblicato da Gheddafi nel 1975: il Libro Verde in cui è racchiuso il suo pensiero politico. Sintetizziamo in questo articolo i tratti salienti dell’opera del Raìs.

Il Libro Verde critica i sistemi di governo "democratici" composti da partiti e parlamenti. Il voto non rappresenta la volontà popolare, ma quella del partito che raccoglie più voti.

Esso non rappresenta il popolo, ma solo una parte formata dai rappresentanti in parlamento che tutelano gli interessi economici del partito. Per il Raìs, il partito è come un clan, che persegue il suo "familismo amorale".

Confederalismo Democratico

Il confederalismo democratico è una piattaforma politico-sociale sviluppata da Abdullah Öcalan, leader del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, sulle basi del municipalismo libertario e dell'ecologia sociale precedentemente teorizzate dal filosofo socialista libertario Murray Bookchin. Öcalan lo descrive come "una amministrazione politica non statale o una democrazia senza stato".

Il Confederalismo democratico è il modello di organizzazione del Rojava, regione autonoma de facto nel nord e nord-est della Siria.

Hakim Bey, il sogno anarchico delle T.A.Z.

Questa volta però vengo come il Dioniso vittorioso, che trasformerà il mondo in una vacanza... Non che abbia molto tempo...Nietzsche (dalla sua ultima “folle” lettera a Cosima Wagner)

I corsari e i pirati dei mari del XVIII secolo crearono una “rete d'informazione” che si estendeva per l’intero globo: primitiva e primariamente rivolta a truci affari, la rete funzionava nondimeno ammirabilmente. Sparse attraverso la rete erano isole, remoti nascondigli dove le navi potevano venire rifornite d'acqua e cibo, il bottino scambiato per necessità e lussi. Alcune di queste isole sostenevano “comunità intenzionali”, intere mini-società che vivevano coscientemente al di là della Legge e decise a rimanerci, anche se solo per breve ma felice esistenza.

🎥 Libere Comunità incontra Patria Socialista - intervista e dibattito con Igor Camilli

L'Associazione Internazionale dei Lavoratori fu costituita a Londra nel 1864, per coordinare lo sviluppo del movimento operaio. Il programma e lo statuto furono stesi dallo stesso Marx che ne dettò pure i principi costitutivi ispirati alla solidarietà internazionale nella lotta per la liberazione dal dominio del capitale.

A partire dal 1869 emersero le polemiche politiche e di principio dell’ala anarchica, guidata da Proudhon e soprattutto da Bakunin, contrari alla gestione centralistica dell'associazione e all’indirizzo di costituire partiti socialisti in tutti i paesi. Il dibattito sulla sconfitta della Comune di Parigi provocò la rottura tra le due tendenze e gli anarchici furono espulsi dall’associazione.

Cosa succede se nel 2021 queste due idee tornano a scontrarsi? Le distanze sono ancora così persistenti? Scopriamolo in questa entusiasmante intervista e dibattito con Igor Camilli, segretario nazionale di Patria Socialista.