Molte persone desiderano un'esistenza libera dall'autorità coercitiva, in cui tutti siano liberi di plasmare la propria vita come scelgono per il bene dei propri bisogni, valori e desideri personali. Affinché tale libertà sia possibile, nessuna singola persona può estendere la propria sfera di controllo sulla vita degli altri senza la propria scelta.

Molti di coloro che sfidano l'oppressione nel mondo moderno si adoperano per la loro concezione di una "società libera" tentando semplicemente di riformare le istituzioni più potenti e coercitive di oggi, o di sostituirle con governi "direttamente democratici", comuni controllati dalla comunità, federazioni di lavoratori, industriali, di proprietà, ecc.

Coloro che danno priorità ai valori dell'autonomia personale o dell'esistenza selvaggia hanno motivo di opporsi e rifiutare tutte le organizzazioni e società su larga scala sulla base del fatto che richiedono l'imperialismo, la schiavitù e la gerarchia, indipendentemente dagli scopi per cui possono essere progettate.

Gli esseri umani sono naturalmente socievoli, ma sono selettivi su chi desiderano associarsi. Per la compagnia e il sostegno reciproco, le persone sviluppano naturalmente relazioni con coloro con cui condividono un'affinità. Tuttavia, solo negli ultimi tempi le persone si sono organizzate in gruppi su larga scala composti da estranei che condividono poco di rilevanza in comune tra loro. Per oltre il 99% della storia umana, gli esseri umani hanno vissuto all'interno di accordi familiari allargati piccoli ed egualitari, mentre traevano il proprio sostentamento direttamente dalla terra. È noto che le bande di foraggiamento e le mutevoli comunità orticole del passato e del presente hanno goduto di un ampio tempo libero e raramente hanno richiesto in media più di 2-4 ore al giorno per soddisfare i bisogni di sussistenza. La carestia e la guerra sono estremamente rare in queste società. Inoltre, la salute fisica, la qualità dentale e la durata media della vita delle comunità su piccola scala sono nettamente superiori a quelle delle società agricole e delle prime società industriali. Se i leader esistono, di solito sono temporanei e non detengono alcun potere oltre alla loro capacità di persuadere. Sebbene la caccia/raccolta e il giardinaggio taglia e brucia effettivamente alterino gli ambienti locali e talvolta siano uno spreco, si sono dimostrati adattamenti ecologicamente stabili. Il foraggiamento ha servito l'umanità per 3 milioni di anni, mentre l'orticoltura è stata utilizzata da molte società nel bacino amazzonico per circa 9.000 anni. Le culture su piccola scala che rimangono oggi generalmente preferiscono il loro stile di vita tradizionale, e molte stanno attualmente conducendo un'impressionante resistenza politica contro le corporazioni e i governi che desiderano assimilarli con la forza in modo che la loro terra e il loro lavoro possano essere sfruttati.

L'ascesa della civiltà è stata resa possibile attraverso la produzione di massa obbligatoria. Quando alcune società iniziarono a dare la priorità alla produttività agricola come loro valore più alto, iniziarono a sottoporre con la forza tutta la vita alla portata delle loro città a tale scopo. Le comunità di persone che desideravano coltivare o coltivare la terra per il sostentamento sarebbero state massacrate o ridotte in schiavitù senza pietà e gli ecosistemi in cui abitavano sarebbero stati convertiti in terreni agricoli per nutrire le città. Coloro che sono impegnati nella facilitazione a tempo pieno della produzione agricola e animale risiedono nelle vicine campagne, mentre funzionari pubblici, mercanti, ingegneri, personale militare, servi e prigionieri abiteranno le città. Il compito di creare un surplus per sfamare una classe di specialisti in crescita ha fatto intensificare i doveri dei produttori alimentari, creando contemporaneamente la necessità di più terra, sia per l'agricoltura che per l'estrazione di materiali per l'edilizia e combustibili. Gli esseri umani sono stati costretti alla servitù a beneficio delle istituzioni di produzione della loro cultura come prerequisito per la sopravvivenza continua e la vita non umana è stata imbrigliata o eliminata per completare i progetti umani. Per occupare la terra, si sarebbe obbligati a pagare continuamente un tributo sotto forma di tassa o decima (o e più recentemente, sotto forma di affitto o mutuo), richiedendo quindi di dedicare la maggior parte del proprio tempo e delle proprie energie a una politica accettata modalità di impiego. Quando viene richiesto di soddisfare le richieste dei proprietari terrieri o dei datori di lavoro in cambio di spazio personale e merci, diventa impossibile per le persone guadagnarsi da vivere attraverso la caccia di sussistenza o il giardinaggio. Sebbene le comunità autosufficienti su piccola scala resistessero o fuggissero dall'intrusione di forze militari e commerciali, quelle che fallivano sarebbero assimilate. Successivamente, avrebbero rapidamente dimenticato le loro pratiche culturali, facendoli diventare dipendenti dai loro oppressori per la sopravvivenza.

Il capitalismo è l'attuale manifestazione dominante della civiltà. L'economia capitalista è controllata principalmente da corporazioni statali; queste organizzazioni sono di proprietà di azionisti che sono liberi di prendere decisioni commerciali senza essere ritenuti personalmente responsabili delle conseguenze. Legalmente, le società godono dello status di persone fisiche e quindi una parte lesa può prendere di mira solo i beni della società in un procedimento giudiziario, non i possedimenti o le proprietà dei singoli azionisti. I dipendenti delle società sono legalmente tenuti a perseguire il profitto al di sopra di ogni altra possibile preoccupazione (ad es. Sostenibilità ecologica, sicurezza dei lavoratori, salute della comunità, ecc.) E possono essere licenziati, citati in giudizio o perseguiti in caso contrario. In quanto forma di civiltà tecnologicamente avanzata, il capitalismo invade e utilizza un territorio ancora più vasto, causando un'ulteriore riduzione dello spazio disponibile affinché la vita possa fiorire liberamente per i propri scopi. Come la civiltà, il capitalismo arruola in servitù sia la vita umana che quella non umana se considerata utile, e ne dispone se considerata diversamente. Sotto il capitalismo, la maggior parte delle persone trascorre la maggior parte di ogni giornata cosciente (in genere 8-12 ore) impegnata in un lavoro insignificante, monotono, irreggimentato e spesso fisicamente e mentalmente dannoso per ottenere i beni di prima necessità. Gli individui privilegiati tendono anche a lavorare in modo intensivo ed estensivo, ma in genere per rispondere alla pressione sociale o per soddisfare una dipendenza da beni e servizi mercificati. A causa dell'ottusità, dell'alienazione e dell'impotenza che caratterizzano l'esperienza quotidiana media, la nostra cultura mostra alti tassi di depressione, malattie mentali, suicidio, tossicodipendenza e relazioni disfunzionali e abusive, insieme a numerosi modi di esistenza per procura (ad esempio, attraverso la televisione, film, pornografia, videogiochi, ecc.).

La civiltà, non il capitalismo di per sé, è stata la genesi dell'autoritarismo sistemico, della servitù coatta e dell'isolamento sociale. Quindi, un attacco al capitalismo che non prende di mira la civiltà non potrà mai abolire la coercizione istituzionalizzata che alimenta la società. Tentare di collettivizzare l'industria allo scopo di democratizzarla significa non riconoscere che tutte le organizzazioni su larga scala adottano una direzione e una forma che sono indipendenti dalle intenzioni dei suoi membri. Se un'associazione è troppo grande perché sia ​​possibile un rapporto faccia a faccia tra i membri, diventa necessario delegare responsabilità decisionali a rappresentanti e specialisti al fine di raggiungere gli obiettivi dell'organizzazione. Anche se i delegati sono eletti per consenso o a maggioranza, i membri del gruppo non possono supervisionare ogni azione dei delegati a meno che l'organizzazione non sia abbastanza piccola da consentire a tutti di controllarsi a vicenda su base regolare. I leader delegati o gli specialisti non possono essere ritenuti responsabili di mandati, né possono essere richiamati per comportamenti irresponsabili o coercitivi, a meno che non siano tenuti soggetti a frequente supervisione da parte di un'ampia sezione trasversale del gruppo. Tale è impossibile in un'economia basata su una divisione del lavoro altamente stratificata in cui nessun individuo può concentrarsi o anche solo vedere le azioni degli altri. Inoltre, ai delegati eletti viene assegnato più tempo e risorse per preparare e presentare un caso per i loro obiettivi, ed è quindi più probabile che acquisiscano ulteriore potere attraverso l'inganno e la manipolazione. Anche se il gruppo in generale determina tutte le politiche e le procedure (cosa di per sé impossibile quando sono richieste conoscenze specialistiche) e ai delegati viene assegnato solo il compito di farle rispettare, agiranno comunque in modo indipendente quando non saranno d'accordo con le regole e sono fiduciosi di può sfuggire alla punizione per averli ignorati. La democrazia è necessariamente rappresentativa, non diretta, se praticata su larga scala: è incapace di creare un'organizzazione senza gerarchia e controllo.

Poiché le organizzazioni di massa devono aumentare la produzione per mantenere la loro esistenza ed espandersi, tendono ad estendere imperialisticamente il loro raggio di influenza. Poiché le città e le industrie fanno affidamento su input esterni, mirano a impadronirsi delle aree circostanti per uso agricolo e industriale, rendendole inospitali sia per gli ecosistemi non umani che per le comunità umane autosufficienti. Quest'area si espanderà in relazione a qualsiasi aumento della popolazione o specializzazione del lavoro che la città sperimenta. Si potrebbe sostenere che la produzione industriale potrebbe essere mantenuta e tuttavia ridimensionata, lasciando spazio agli ecosistemi e alle popolazioni non industriali per coesistere. In primo luogo, questa proposta invita a chiedersi perché la civiltà dovrebbe determinare i propri confini, invece delle vittime della sua predazione. In secondo luogo, non ci sono esempi storici di economie di produzione che non si espandono, principalmente perché devono espandersi dopo aver esaurito le risorse a loro disposizione in un dato momento.

La complessità strutturale e la gerarchia della civiltà devono essere rifiutate, insieme all'imperialismo politico ed ecologico che propaga in tutto il mondo. Le istituzioni gerarchiche, l'espansione territoriale e la meccanizzazione della vita sono tutte richieste affinché l'amministrazione e il processo di produzione di massa avvengano. Solo piccole comunità di individui autosufficienti possono coesistere con altri esseri, umani o meno, senza imporre loro la propria autorità.


🗞️ Pubblicato originariamente su "Green Anarchy" n. 6 — Estate 2001.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Sopravvivere alla Fine dei Tempi: un "Manifesto" Wildpunk

“Lo spettro che molti cercano di non vedere è una semplice realizzazione: il mondo non sarà 'salvato'. La rivoluzione anarchica globale non avverrà. Il cambiamento climatico globale è ormai inarrestabile. Non assisteremo alla fine mondiale della civiltà/capitalismo/patriarcato/autorità. Non succederà presto. È improbabile che accada mai. Il mondo non sarà "salvato". Non da attivisti, non da movimenti di massa, non da enti di beneficenza e non da un proletariato globale insorto. Il mondo non sarà "salvato". Questa consapevolezza ferisce le persone. Non vogliono che sia vero! Ma probabilmente lo è.“

Queste sono alcune delle prime righe di Desert, probabilmente l'opera anarchica più importante degli ultimi tempi. Il deserto ci mette di fronte a qualcosa che tutti noi possiamo sentire nel profondo ma che non vogliamo essere vero: "Nel profondo del nostro cuore sappiamo tutti che il mondo non sarà 'salvato'".

Anarchia e Legge Naturale

La legge naturale è una teoria filosofica secondo cui certi diritti e leggi sono inerenti alla natura umana e possono essere universalmente compresi attraverso la ragione. È spesso usata come giustificazione per un certo codice morale o legale.

La filosofia anarchica è invece un'ideologia politica che sostiene l'abolizione del governo e l'istituzione di una società basata sulla cooperazione volontaria e l'aiuto reciproco.

Sebbene la teoria del diritto naturale possa essere utilizzata per sostenere determinati diritti e libertà, non è intrinsecamente legata alla filosofia anarchica, che enfatizza il rifiuto di tutte le forme di autorità e gerarchia esterne, ma le due cose non si escludono a vicenda.

Alcuni anarchici possono usare argomenti di diritto naturale per sostenere le loro convinzioni, tuttavia ci sono anche anarchici che rifiutano completamente il concetto di diritto naturale.

Ambientalismo Senza Stato

Lo Stato e le sue istituzioni governative sono state dignitose nel mainstream ambientalista come forze palliative per affrontare e risolvere gli eccessi e i fallimenti del capitalismo e del neoliberismo verso una corretta gestione ambientale. Ma questo stato ambientale cade in evidenti contraddizioni rispetto al suo impegno formale con finalità ambientaliste. Inoltre, le istituzioni governative contribuiscono ad ampliare un atteggiamento nichilista nelle azioni ambientaliste della cittadinanza.

All'interno dei filoni ambientalisti dell'anarchismo, la questione dello Stato ha concentrato un'attenzione e una posizione rilevanti. Una prima critica verde si può trovare negli anarchici del diciannovesimo secolo, in cui lo Stato non ha spazio come forza violenta e centralizzata, in quanto corruttore della bontà della materia e della connessione riproduttiva e spirituale dell'uomo con la Natura.

🎥 Liberi Dalla Civiltà

Spunti per una critica radicale ai fondamenti della civilizzazione:
dominio, cultura, paura, economia, tecnologia

È possibile vivere in un mondo senza dominio, senza sfruttamento, senza inquinamento e mercificazione? Per almeno due milioni di anni i nostri antenati primitivi hanno vissuto così, ed è solo con la comparsa dell'agricoltura che l'esistenza ha preso la via di una distruttività sempre più accelerata e dilagante.

Anarchia o "Anarchismo"?

Una qualificazione che riteniamo importante per cominciare è la distinzione tra "anarchia" e "anarchismo".

Alcuni la rigetteranno in quanto meramente semantica o banale, ma per la maggior parte degli anarchici post-sinistra e anti-civiltà, questa differenziazione è importante.

Sebbene l'anarchismo possa fungere da importante punto di riferimento storico da cui trarre ispirazione e lezioni, è diventato troppo sistematico, fisso e ideologico... tutto ciò che l'anarchia non lo è.

La Carcassa in Decomposizione dietro lo Spauracchio Verde
Come l'anarchia verde è diventata la posizione più controversa

L'anarchia verde, indipendentemente dalla propaggine, è una filosofia, una critica e un modo di vivere che enfatizza i principi anarchici più pronunciati. Gli anarchici verdi sono pronti e disposti a smantellare tutte le strutture di dominio, a partire da un'analisi radicata dell'ecologia, il che significa la relazione tra tutti gli esseri viventi e l'ambiente fisico da cui tutti dipendiamo per sopravvivere.

Esamineremo le origini e la graduale evoluzione dell'anarchia verde, esploreremo come queste idee vengono percepite dalle persone che guardano dall'esterno e cercheremo di capire perché l'anarchia verde è così detestata da un contingente di teorici di sinistra che, sempre più, ci hanno calunniato come "eco-fascisti".

Ted Kaczynski dal carcere sull'Ecofascismo: "un ramo aberrante della sinistra"

A smentire i luoghi comuni e l'etichetta di ecofascista sul noto ecoterrorista e scrittore Ted Kaczynski, detto "Unabomber" e sui movimenti di ecologia radicale, ci pensa lui stesso dal carcere, in una nota manoscritta datata 29 settembre 2020, scansioni recuperate il 10 febbraio 2022.

📃 Segue traduzione in lingua italiana del documento originale.

"A Primitivist Primer", l'innesco al Primitivismo di John Moore

A Primitivist Primer è un saggio breve di John Moore pubblicato nel 2000 sulla rivista Green Anarchy, il cui titolo consiste in un interessante gioco di parole non traducibile letteralmente in italiano. "Primer" infatti è traducibile dall'inglese oltre che come "principiante", in senso tattico-militare come "innesco" o "chi innesca una carica", e in senso edilizio come "prima mano". Il suo primitivismo non è inteso come un desiderio di ritornare ad un epoca primitiva, quanto, nel prendere la società pre-industriale come un modello di riferimento in cui «la cooperazione tra gli individui erano gli aspetti prevalenti della vita comunitaria».

Anarchia indigena e necessità di un rifiuto della "Civiltà" del colonizzatore

I popoli indigeni nel corso della storia hanno combattuto e sono morti per resistere alla forte invasione della civiltà nelle loro vite. Questa lotta continua oggi, poiché gli "incivili" sono spinti sempre più vicino al limite della sopravvivenza dai "civilizzati" di tutto il mondo e lo squilibrio tecnologico tra noi continua ad espandersi e creare un divario sociologico che ci rende incapaci di capire l'un l'altro anche a livello di base.

Cieli Caduti, è Tempo di Baciare di Nuovo la Terra

"Il cataclisma è avvenuto, siamo tra le rovine, iniziamo a costruire nuovi piccoli habitat, ad avere nuove piccole speranze. È un lavoro piuttosto duro: adesso non c'è una strada agevole verso il futuro: ma si gira intorno, o si scavalca gli ostacoli. Dobbiamo vivere, non importa quanti cieli siano caduti."

– DH Lawrence

Che cos'è comunque la civiltà? Definire questo termine sembra sempre uno dei maggiori ostacoli per le persone quando cerco di parlare con loro di primitivismo. Ritengono che il termine "civiltà" sia troppo ampio e gli venga dato troppo libero arbitrio. Cosa intendo quando dico che "la civiltà sta distruggendo la terra" o "la civiltà ci aliena da noi stessi e gli uni dagli altri"? La civiltà non è davvero una cosa, quindi non può davvero agire, sostengono. Questo è un buon punto e vale la pena soffermarsi.

John Zerzan, pioniere dell'Anarco Primitivismo

Le opere di John Zerzan criticano la civiltà agricola come intrinsecamente opprimente e sostengono il ricorso ai modi di vita dei cacciatori-raccoglitori come ispirazione per come dovrebbe essere una società libera. Gli argomenti della sua critica includono l'addomesticamento, il linguaggio, il pensiero simbolico (come la matematica e arte) e il concetto di tempo.

Come Ho Fatto A Far Crollare La Civiltà

Una domanda che mi viene spesso posta è:

"Cosa ti fa pensare di poter abbattere la civiltà?"

La mia risposta è piuttosto semplice e si compone di due parti: la prima parte è che sono ancora relativamente (rispetto a molti altri) abile e capace e la seconda parte è che le mie esperienze passate dimostrano che ho la capacità di fare crollare la civiltà.

Aurora Selvaggia: Oltre il Pallore

La civiltà è la conquista 'più alta' dell'uomo. Eppure, in tutta la sua grandezza soprannaturale, è piuttosto perversa, un disorientamento spiccatamente umano.

Cosa si intende qui per 'civiltà'? Si intende un amalgama di tutte le cose nobili: moralità, altruismo, fedeltà, pietà, duro lavoro, amore incondizionato, purezza, 'progresso', ecc.

Cosa significa: sacrificio di sé, sublimazione degli istinti animali, rinuncia alla volontà, rinuncia alla libertà.

Dal Pensiero all'Ignoto
Come viene troncato il pensiero dalla sua radice?

Quando pensiamo all'immaginazione cosa ci viene in mente? Potremmo pensare alla creatività umana alla sua fonte, a una persona viva e pensante. Potremmo anche pensare all'immaginario, un regno separato da questo mondo in cui viviamo, sogni ad occhi aperti che sono separati dalle nostre vite: fantasie che servono solo come meccanismi di fuga, fantasie che sono piene di immagini prodotte dai mass media di altri pianeti, alieni con 14 dita, o sesso con umanoidi bionici dai lineamenti geometrici in silicone.

La parola immaginazione è stata corrosa insieme alla sua radice: l'immagine. Le immagini che ci troviamo di fronte ogni giorno sembrano non avere origine umana. Sono create per il mercato, e hanno le qualità del mercato, lasciano poca traccia dei loro creatori umani.

Permacultura Incivile

Nell'ambiente ambientalista contemporaneo sia la teoria della permacultura che la sua pratica sono diventate popolari come mezzi con cui riparare lo strato superficiale della terra che si sta esaurendo e tentare altrimenti di vivere in modo più sostenibile con il nostro pianeta. Non è che una risposta alla crisi ecologica che affrontiamo, sia che la conversazione sia incentrata sul cambiamento climatico, la distruzione ambientale, la sicurezza alimentare o la totalità.

Unabomber: la società industriale e il suo futuro

Nel 1971, Theodore John Kaczynski, detto Ted, si trasferì in una cabina remota senza elettricità o acqua corrente vicino a Lincoln, nel Montana, dove visse da recluso mentre imparava le abilità di sopravvivenza per diventare autosufficiente. Ha assistito alla distruzione della natura selvaggia che circondava la sua capanna e ha concluso che vivere nella natura stava diventando impossibile, decidendo di combattere l'industrializzazione e la sua distruzione della natura.

Fanculo la vostra Rivoluzione Rossa: contro l'Ecocidio, verso l'Anarchia

Il collettivismo, che sia ideologicamente comunista, fascista o capitalista, non è qualcosa che serve i miei interessi come agricoltore di sussistenza indigeno e raccoglitore che vive in queste remote montagne.

Qualunque sia il dogma industriale che mi ordina di vivere la mia vita serve solo a riempire il mio cuore di dolore. Respingerò a gran voce l'idea di una società collettiva in ogni occasione, indipendentemente dalla sua alleanza ideologica. Tutta l'industria uccide tutta la vita.

Sono un anarchico. Anche l'idea di una “società” che governa il mio stile di vita mi fa un po' vomitare. I tuoi bisogni non sono i miei bisogni, non voglio andare dove il collettivo vuole portarmi...

…Voglio essere liberato dal sistema, non diventare il sistema. Il collettivo non è il mio padrone. Il collettivo è in realtà solo un altro stato, per quanto ben impacchettato.

I Comunicati del Freedom Club

Le seguenti lettere provengono dagli archivi dell'FBI per i documenti trovati nella cabina di Ted Kaczynski. Tutti i documenti sono copie di lettere effettivamente inviate durante la campagna di bombardamenti (tranne la lettera non inviata a LWOD). I documenti originali risiedono nella Biblioteca delle collezioni speciali dell'Università del Michigan (Labadie Collection), dalla quale sono state richieste queste lettere per la trascrizione e la diffusione.

Tecnoprimitivismo

Il tecnoprimitivismo (o archeofuturismo) è un'ideologia che crede che, sebbene i progressi della tecnologia siano stati benefici per la razza umana, il cambiamento nei valori culturali avvenuto insieme agli sviluppi tecnologici sia stato negativo per la razza umana. Pertanto la società dovrebbe tornare ai valori culturali del passato.

Primitivismo Primordiale

Il Primitivismo Primordiale, originariamente chiamato Primalismo, chiamato anche Feralismo o Animalismo, è un'ideologia libertaria fuori bussola che crede nella devoluzione dell'umanità in uno stato più animalesco.

Il Primitivismo Primordiale potrebbe essere considerato la forma estrema fuori controllo dell'Anarco-Primitivismo, a meno che non venga portato ancora più in là per disassemblare la società fino a ridurla agli istinti primordiali.

Il Primitivismo Primordiale è così contrario all'esperimento umano che qualsiasi segno di sviluppo evolutivo oltre la base dell'istinto animale (che sopravviva o muoia) è considerato malvagio e da punire.