Il mutualismo è applicabile a tutte le relazioni umane. In tutta la gamma dell'esistenza, dalla nascita alla morte, la mutualità — associazione volontaria per l'azione reciproca — è dovunque e in ogni momento in attesa di risolvere ogni problema dei rapporti sociali, di decidere ogni questione che si pone nel commercio e nell'industria. Per praticare il mutualismo è necessario nominare solo due condizioni: che l'individuo non invadente non sia costretto, e che nessuna parte del prodotto del lavoro di nessuno gli sarà tolta senza il suo consenso. Con quelle generalizzazioni negative così postulate, affermando così la sovranità dell'individuo, ne deriva naturalmente il corollario positivo e costruttivo: la reciprocità; che implica iniziativa individuale, libero contratto e associazione di volontariato.

Affinché non ci sia incertezza sul significato del termine “sovranità dell'individuo”, va spiegato che qui è usato nel senso del controllo completo dell'individuo non invasivo su se stesso e sui suoi affari, e il prodotto del suo lavoro.

In breve, il mutualismo è un sistema sociale basato su relazioni reciproche e non invasive tra individui liberi.

Gli standard mutualisti sono:

  • INDIVIDUALE: uguale libertà per ciascuno, senza invasione degli altri.
  • ECONOMICO: reciprocità illimitata, che implica libertà di scambio e contratto, senza monopolio o privilegio.
  • SOCIALE: completa libertà di associazione volontaria, senza organizzazione coercitiva.

Sotto il mutualismo, così delineato, ogni problema sociale, economico e politico della vita moderna può essere risolto e ogni rapporto aggiustato. Anche in assenza di leggi specifiche formulate in anticipo, il sistema della giuria, nella sua forma più pura e incontaminata, coprirà tutta la procedura penale. Un tale processo con giuria sarebbe infatti un processo di tutto il popolo, e non, come ora, un processo di alcune persone appositamente selezionate che rappresentano un governo - un'istituzione per nulla rappresentativa di tutto il popolo - e che sono presiedute e limitato in vari modi da un giudice, che è quasi supremo nella sua posizione e che è solo lontanamente e leggermente guidato da leggi che dovrebbero essere rappresentative della saggezza del popolo, ma in realtà sono solo l'espressione del parere di vari politici più o meno onesti, che o hanno la propria preferenza al primo posto nelle loro menti o sono influenzati da molte altre considerazioni oltre alla giustizia e al benessere del popolo.

Se le giurie fossero opportunamente estratte a sorte, dalla popolazione di una comunità, e non, come lo sono ora, estratte da un certo gruppo ristretto scelto da un funzionario che è guidato da varie considerazioni e condizioni politiche, molte delle quali dipendenti da sua convenienza, ci sarebbe il fondamento di un processo equo per tutti i trasgressori. Si può dare per scontato che una tale giuria non condannerebbe nessuna persona si aspetta a meno che l'intera comunità, se i suoi desideri potessero essere accertati, acconsentirebbe a condannare.

Sarebbe quindi estremamente difficile punire qualcuno per atti presunti invasivi, a meno che praticamente tutte le persone non fossero convinte che la persona fosse colpevole. Il mutualismo indica la via all'utilizzo di tali mezzi puramente equi e reciproci per ottenere giustizia.

Nel processo con giuria nella sua forma perfetta, il giudice non dovrebbe essere altro che un arbitro imparziale. La giuria dovrebbe adattare la legge a un caso particolare, invece di cercare di adattare il caso alla legge. La giuria dovrebbe parimenti giudicare l'ammissibilità delle prove, poiché ciò di cui la giuria ha bisogno e vuole sono i fatti del caso, e dovrebbe essere in possesso di tutto ciò che riguarda tali fatti.

Il giudice non deve essere di fatto o di nome il rappresentante di nessuna delle parti nel processo, e quindi non deve essere autorizzato a espellere verdetti o prove, poiché è a un punto tale che può mostrare la sua parzialità. Tutte queste cose dovrebbero essere di competenza della giuria. Dovrebbero essere autorizzati a giudicare il caso nella sua interezza, senza essere minimamente influenzati da nulla di detto o fatto da chiunque assuma di rappresentare un'autorità superiore. Se si vuole ottenere giustizia imparziale, la giuria dovrebbe, in primo luogo, essere autorizzata a decidere se vi sia effettivamente un reato commesso, come addebitato. Dovrebbero essere autorizzati a processare il caso nella sua interezza. In altre parole, se è stato effettivamente commesso un atto invasivo, se il presunto atto è un danno alla persona o alla proprietà di qualcuno.

Che il sistema della giuria odierno non sia organizzato o amministrato su tale base o in una tale forma è ovvio.

E proprio perché non è così organizzato o amministrato non è in alcun senso un veicolo per assicurare la giustizia. Sebbene l'origine del processo con giuria sembri storicamente confusa, è certo che sia stata stabilita nel modo più completo dalla Magna Charta. E in quel momento era, fondamentalmente, in una forma pura e migliore di quanto non lo sia mai stata da allora. Le ovvie implicazioni di quel grande strumento erano che la giuria doveva giudicare in modo indipendente e senza paura su tutto ciò che era coinvolto nell'accusa, e specialmente sulla sua intrinseca giustizia, e dare la propria decisione su di essa; e questo significava, se significava qualcosa, che la giuria doveva essere i giudici delle leggi oltre che dei fatti. Entro un secolo dalla promulgazione della Magna Charta, le sue disposizioni erano state così modificate che i tribunali cominciavano a togliere alle giurie il potere di determinare la giustizia delle leggi, e oggi è diventata una delle cosiddette “massime” della legge che i giudici rispondano solo alla domanda di diritto e giurie solo alla questione di fatto. E anche quest'ultima prerogativa non è goduta dalle giurie senza le tante restrizioni che i tribunali moderni si sono gettate addosso, tanto che in pratica sono largamente controllate dai giudici.

Non solo il giudice del processo decide sulla pertinenza delle prove depositate rispetto alle questioni da provare e sull'ammissibilità delle domande poste a un teste, ma fornisce anche consulenza alla giuria sul portamento logico delle prove ammesso sulle questioni che saranno esaminate dalla giuria. Le regole sull'ammissibilità delle prove, in gran parte basate su teorie di difficile applicazione, unite al diritto del giudice di riassumere le prove, limitano in larga misura l'indipendenza della giuria.

Nei settecento anni trascorsi da quando il re Giovanni a Runnymede fu costretto dai baroni a concedere una carta delle libertà al popolo, legislatori e giudici si sono impegnati a modificare quel famoso documento, e tra questi sforzi c'è stata l'invenzione di quelle massime che servono a guidare i giuristi di oggi. Invece di esprimere la legge, quelle massime non esprimono nient'altro che la volontà di giudici ambiziosi e che sfidano la legge e di coloro ai quali i giudici spesso devono le loro posizioni.

È vero, un giudice del processo ha funzioni proprie e necessarie da svolgere, una di queste è quella di assistere e illuminare i giurati, se può, con consigli e informazioni, ma con la comprensione da parte dei giurati che tali consigli e informazioni devono essere ricevuto solo per ciò che possono ritenere valga; e un altro è fare tutto ciò che può essere necessario per quanto riguarda la concessione di appelli e nuovi processi; ed eventualmente di preservare, ove minacciata, la dignità e la gravità del procedimento.

È interessante notare che, negli ultimi tempi, in America vi è stata una tendenza a tornare indietro verso lo scopo e la portata originali dei processi con giuria. Un esempio calzante è quello di Scharf c. Stati Uniti (156 US 61), in cui l'opinione della maggioranza della corte era che è dovere di una giuria in un procedimento penale ricevere la legge dal tribunale e applicare come stabilito dal tribunale, a condizione che nel pronunciare un verdetto generale la giuria possa incidentalmente determinare SIA IL DIRITTO CHE IL FATTO come aggravato nelle questioni presentate loro nel caso particolare, ed è stato inoltre ritenuto che il potere di pronunciare un verdetto generale consente alla giuria di avere una propria opinione sui termini e sui MERITI della legge in questione.

Si può tranquillamente prevedere che l'amministrazione della giustizia sarebbe molto semplificata in una condizione di eguale libertà e in un sistema di mutualismo, poiché, in assenza di sfruttamento privilegiato, ci sarebbe molta meno povertà e, come concordano i criminologi, la povertà è la causa principale del crimine. Con condizioni economiche tali che ogni uomo abile possa essere certo di un impiego di sostentamento vitale, sia come padrone di se stesso che alle dipendenze di qualcun altro ma ricevendo il pieno prodotto del suo lavoro, il principale incentivo per azioni invasive sarebbe carente.

Ancora una volta, una protezione più efficace contro chi è incline all'aggressività, il che significherebbe la prevenzione del crimine piuttosto che la sua individuazione a posteriori, solleverebbe i tribunali da gran parte del loro lavoro. Con la procedura giudiziaria ampiamente semplificata delineata nella precedente discussione sul processo con giuria, ci sarebbe una tendenza verso una giustizia più tempestiva e rapida, e l'esperienza ha dimostrato che ciò è molto efficace nella prevenzione della criminalità.

Inoltre, nella punizione del crimine ci sarebbe un uso maggiore della resistenza passiva, piuttosto che della forza fisica, come avviene attualmente. L'ostracismo e il boicottaggio possono essere usati con buoni risultati nella difesa contro i criminali, specialmente quelli che sono di tipo minore, e non sono di natura tale da richiedere un contenimento immediato e forzato. E l'applicazione di tale punizione potrebbe essere rapida e sicura. In ogni direzione, la semplificazione e la diminuzione del numero delle norme e dei regolamenti fa aumentare la facilità e semplicità della loro applicazione

Nella procedura civile, l'uso crescente di tribunali arbitrali privati, ora già in uso a New York e in alcuni altri stati, tenderebbe a illuminare l'onere dei tribunali principali e sotto il mutualismo sarebbero sviluppati e utilizzati al massimo grado.


Seconda Parte

Il governo implica la forza; implica la coercizione; implica l'esercizio di un'autorità, da parte di una persona o istituzione che ha il potere, su un'altra persona, che ammetta o meno tale autorità. È evidente che tale autorità non dovrebbe essere esercitata su una persona non invadente, a meno che le funzioni dello Stato, come delineate nel capo I come inerenti alla sua origine, non siano da ritenersi giuste e legittime.

Proprio qui si trova la linea di divisione tra autoritari (Socialisti, Comunisti, Single Taxers e tutti i partiti politici) e libertari (Mutualisti, Individualisti, et al.). I primi credono che qualunque male esista nell'attuale sistema possa essere sradicato mediante l'emanazione di leggi, in altre parole, mediante l'uso della forza fisica contro tutte le persone, siano esse di consenso o dissenzienti. Perché è vero che il voto nelle mani di una maggioranza è tanto un esercizio di forza fisica quanto l'uso delle mitragliatrici nelle mani di un esercito o di una bomba nelle mani di un rivoluzionario. A che serve il verdetto di una maggioranza se non può essere eseguito? E come può essere eseguita da un governo un tale verdetto se non è noto che, in caso di rifiuto di accettare il verdetto, l'intero potere dell'esercito e della marina può, se necessario, essere coinvolti per garantire tale esecuzione? Inoltre, illa minaccia dell'uso dell'esercito e della marina è tanto un uso della forza fisica quanto l'effettivo sparo dei loro cannoni e il rilascio del loro gas velenoso.

Ora, per quelle persone il cui senso di giustizia non si ribella alla coercizione di individui inoffensivi, il messaggio del libertario non ha peso. I loro occhi sono ciechi di fronte a scene di rapine e omicidi; le loro orecchie sono sorde alle suppliche di giustizia; i loro cuori sono freddi agli appelli alla correttezza; e, soprattutto, le loro facoltà di ragionamento sono impotenti di fronte ad argomenti di opportunità. Ma lasciamo da parte ogni sentimento, e si può ancora dimostrare che la libertà paga. E paga da qualunque punto di vista venga considerato. Paga perché in contanti costa meno; paga perché è più semplice e di più facile applicazione; paga perché riduce la possibilità di errore al punto più basso concepibile; paga perché è in linea con il processo di evoluzione; e, infine, il bene più grande di tutti, paga perché è produttivo del più grande grado di felicità.

L'ideale libertario è l'unico concetto che apre la strada all'operazione del mutualismo. Il mutualismo perfetto non potrebbe esistere sotto nessuna forma di autorità. Sarebbe contrastato ed evirato ad ogni passo. Così come oggi ogni male sociale ed economico che serve a rendere schiava l'umanità è il risultato di una qualche forma di interferenza governativa con la libertà e con i processi naturali, così forze uguali o simili tenderebbero ad annullare e contrastare, in ogni misura, i vantaggi derivato dall'applicazione dei principi del mutualismo. È una pianta che richiede il terreno fertile della libertà in cui fare la sua crescita senza ostacoli.

D'altronde il merito del sistema è che e' stato inaugurato senza alcun cataclisma del regime attuale. Infatti, per la fase più importante del mutualismo, quella del mutuo bancario, ma una legge federale, insieme alla sua controparte in diversi stati, dovrebbe essere abrogata per aprire la strada alla realizzazione della più grande idea liberatoria cine la rivoluzione francese. Di nuovo, in altre direzioni il mutualismo può essere iniziato nonostante l'aspetto spiacevole dell'autorità costituita. Le linee mercantili e industriali, la cooperazione volontaria e le altre attività associative possono essere svolte senza alcuna modifica delle leggi vigenti. In molti casi, tali operazioni sarebbero agevolate dalla rimozione di alcune restrizioni legali e di ostacoli di natura analoga, ma l'inizio può essere fatto, una volta che ci sono abbastanza persone così attente, senza l'abolizione di una singola disposizione.

In effetti, ci sono ora molte associazioni mutualistiche volontarie che vengono condotte con discreto successo, le cui attività sarebbero immensamente semplificate e le loro realizzazioni notevolmente aumentate se potessero essere libere dagli handicap che la legge ora pone loro. È uno degli scopi cardinali del mutualismo liberarli, il più rapidamente possibile, da questi ostacoli.

Uno degli esempi più evidenti di mutualismo nella pratica attuale, e anche sotto il capitalismo, sono le mutue assicurative, di cui ce ne sono molte in attività di successo. Il loro successo è indubbiamente dovuto al fatto che non sono inutilmente vincolati dalla legge, e la meraviglia è che non vengono interferiti, poiché stanno fornendo un'assicurazione a pagamento ai loro membri, impedendo così che una bella somma di utili vada nel casse della forma di regolamento delle compagnie di assicurazione.

Ciò che hanno fatto queste mutue assicurazioni è una prova conclusiva dell'efficacia del mutualismo in altri dipartimenti dell'industria e del commercio. Se le assicurazioni antincendio e sulla vita, tramite le mutue, possono essere fornite al costo, non c'è motivo per cui altre protezioni non possano essere fornite con lo stesso mezzo a condizioni simili. Le compagnie di mutua assicurazione non solo distribuiscono i danni da incendio tra gli assicurati, ma prevengono anche gli incendi, poiché tutti gli immobili assicurati sono sotto la supervisione dell'ispettore dell'azienda, il cui compito è assicurarsi che i proprietari si avvalgano dei migliori metodi di prevenzione incendi, in primo luogo, e del mezzo più efficace per estinguere l'incendio, qualora fosse acceso.

Questa idea assicurativa è in grado di estendersi in una moltitudine di direzioni. Come hanno ampiamente dimostrato i Lloyds (la grande compagnia assicurativa inglese), che assicurano ogni immaginabile rischio, non c'è praticamente nessuna impresa o impresa che non possa essere coperta da questa grande coperta di protezione, il cui particolare merito sta nel fatto che è interamente privato e volontario e non in alcun modo gestito o sostenuto dal governo. È puramente il risultato degli sforzi associativi volontari degli individui.

A titolo di esempio del suo funzionamento, si può citare l'esistenza in Inghilterra di un'associazione che, a titolo oneroso, ispeziona ed emette giudizi sulla costruzione di edifici, in modo che qualsiasi persona, che possa costruire una casa o acquistarne una già costruita, e chi non conosce i fattori tecnici coinvolti, può ottenere informazioni e consigli su un edificio proposto o già realizzato. Questo servizio potrebbe plausibilmente essere esteso all'assicurazione di tale persona contro i danni derivanti dalla costruzione difettosa o inadeguata di qualsiasi edificio ispezionato e trasferito da tale associazione.

La compagnia di assicurazione del titolo, così come esiste in molti degli Stati Uniti, è un esempio lampante del successo della prestazione di un servizio simile. Dopo che un titolo immobiliare è stato perfezionato a sua soddisfazione, lo assicurerà per il valore approssimativo dell'immobile, il costo di tale servizio essendo proporzionato al rischio connesso. In alcuni stati il ​​governo ha adottato un sistema che tenta di ovviare alla necessità di quel tipo di assicurazione; ma, istintivamente indifferenti a qualsiasi cosa il governo intraprenda, le persone sono state riluttanti ad approfittare dell'opportunità. Sanno fin troppo bene come il governo di solito pasticcia e gestisce male le cose che intraprende!

Sebbene molti di questi siano ostacolati e protetti da restrizioni e regolamenti da parte dello stato, la loro crescita mostra ciò che potrebbe essere realizzato in libertà. Se non ci fossero istituzioni statali che pretendessero di prestare servizio, si formerebbero associazioni di volontariato per svolgere quelle funzioni quando ne sorgerebbe la necessità. Infatti, è stata l'usurpazione da parte del governo di funzioni che dovrebbero essere puramente affari di associazioni di volontariato che ha ritardato lo sviluppo del commercio e dell'industria in molti campi.

Il compianto Stephen Pearl Andrews, nel suo illuminante libro su “La scienza della società”, fornisce un esempio di una società privata che svolgeva il lavoro del governo quando il dipartimento delle poste era demoralizzato dalla distruzione di un ponte. Una compagnia di corriere espresso (una società privata) ripristinò immediatamente il proprio servizio e per un'intera settimana dovette fornire il servizio di posta che il governo non era in grado di fornire, essendo lo stesso direttore delle poste obbligato a fare affidamento sulla compagnia espressa per la consegna del suo propria posta. Tali casi si sono moltiplicati a tal punto che è diventato un assioma che ciò che il governo fa è fatto con inefficienza quasi uniforme.

Nonostante in ogni comunità urbana esista un elaborato dipartimento di polizia, per il cui sostentamento sono tassati tutti i proprietari di immobili, il servizio reso dallo Stato è così inadeguato che (come è stato brevemente sottolineato in un capitolo precedente) molte attività sono costretti a fornire la propria protezione di polizia. Se dovessero associarsi in organizzazioni mutualistiche, potrebbero provvedere a un'assicurazione contro i furti e le molestie, senza pagare le tariffe esorbitanti che ora fanno pagare le compagnie di assicurazione contro i furti ordinari. Infatti, questo principio potrebbe essere esteso a tutta la popolazione, oa una parte di essa che volesse parteciparvi, attraverso l'organizzazione di associazioni di mutua protezione, rendendo così superfluo l'attuale tipo di forze di polizia inefficienti e incontrollabili.

Un potente strumento di protezione e difesa, e insieme libertario e capace di impiego mutualistico, è il boicottaggio. A causa del fatto che è stato utilizzato per la prima volta (dalla Land League in Irlanda nel 1880 contro un agente di un proprietario terriero di nome Boycott) dai deboli in una gara con i forti, e da allora è stato utilizzato più frequentemente dalle organizzazioni sindacali nelle controversie con i datori di lavoro, è stato attaccato dai rappresentanti del privilegio come cosa riprovevole. È stata quasi universalmente condannata dai tribunali, è stata denunciata dal pulpito ed è particolarmente sgradevole per la polizia, che non sa sempre cosa fare alle persone che si rifiutano di usare la violenza e che si ostinano ad andare in silenzio sui propri affari. Anche i lessicografi sono inclini ad anatemizzarlo nelle loro definizioni, affermando che è uno strumento di persecuzione e oppressione. Eppure è l'unica arma che non può essere usata in modo invasivo!

La ragione di ciò è che il boicottaggio non è un atto; è semplicemente il rifiuto di agire. Ora, come può essere interpretato come un'invasione un rifiuto (in assenza di un accordo espresso o di un contratto contrario) ad agire? Boicottare una persona significa semplicemente lasciarla in pace; rifiutarsi di commerciare con lui; rifiutarsi di avere a che fare con lui. Ora, prima che si possa sostenere che tale persona possa essere offesa da tale rifiuto di associarsi con lui, occorre rispondere alla seguente domanda: con quale diritto può esigere tale associazione? In altre parole, come si può presumere che ci sia un obbligo di associazione in tal modo? C'è solo una risposta, ed è che non ci può essere un tale diritto e nessun tale presupposto può essere intrattenuto. Affermare il contrario significa obbligare la persona boicottata a far valere il suo diritto al patrocinio, o il lavoro, o la società, a seconda dei casi, del boicottatore. Lascialo fare se può!

Un potente strumento di protezione e difesa, e insieme libertario e capace di impiego mutualistico, è il boicottaggio. A causa del fatto che è stato utilizzato per la prima volta (dalla Land League in Irlanda nel 1880 contro un agente di un proprietario terriero di nome Boycott) dai deboli in una gara con i forti, e da allora è stato utilizzato più frequentemente dalle organizzazioni sindacali nelle controversie con i datori di lavoro, è stato attaccato dai rappresentanti del privilegio come cosa riprovevole. È stata quasi universalmente condannata dai tribunali, è stata denunciata dal pulpito ed è particolarmente sgradevole per la polizia, che non sa sempre cosa fare alle persone che si rifiutano di usare la violenza e che si ostinano ad andare in silenzio sui propri affari. Anche i lessicografi sono inclini ad anatemizzarlo nelle loro definizioni, affermando che è uno strumento di persecuzione e oppressione. Eppure è l'unica arma che non può essere usata in modo invasivo!

Ora, se una persona può legittimamente lasciare in pace un'altra persona, può altrettanto giustamente unirsi ad altri nella sua inazione. Perché è difficile vedere come, se una persona può entrare in casa sua, chiudere le porte, abbassare le tapparelle e rifiutarsi di uscire dai suoi locali, e comunque non invadere i diritti di nessuno, diventa un crimine quando alcuni i suoi amici accettano di seguire il suo esempio allo stesso tempo. Quindi, logicamente, la cosiddetta legge del complotto non può applicarsi agli atti che non vengono compiuti. Ci deve essere un atto palese - che non può rientrare nell'ambito di un boicottaggio - prima che diventi più serio agire di concerto con gli altri piuttosto che agire da soli. Se un commerciante non ha alcun diritto stabilito al patrocinio di un cliente, o un datore di lavoro non ha alcun diritto contrattuale al lavoro di un dipendente, il commerciante non ha più diritto al patrocinio di mille clienti, e il datore di lavoro non ha più diritto al lavoro di mille impiegati. I tribunali non sono sostenuti dal diritto o dal buon senso quando decidono che un certo numero di persone potrebbe non unirsi per fare ciò che potrebbero fare correttamente da sole.

Era abitudine dei tribunali e di altri sostenitori della ricchezza predatoria denunciare più severamente i boicottaggi secondari e terziari rispetto a quelli primari. Questa affermazione non ha infatti alcun peso o giustificazione. Poiché è stato dimostrato che il boicottaggio è solo astensione dall'azione, e che non può mai essere lesivo del diritto di nessuno limitarsi ad astenersi dal compiere un atto, non può fare alcuna differenza se tale astensione sia primaria o quaternaria. In pratica, il boicottaggio secondario è dove una persona viene boicottata per non aver aderito al boicottaggio primario. Ora, esattamente le stesse condizioni esistono in un caso come nell'altro. Se una persona ha il diritto di negare il suo patrocinio o il suo lavoro a un altro per un motivo, ha lo stesso diritto di comportarsi così per qualsiasi altro motivo, o anche per nessun motivo.

Pertanto, per mettere la questione in forma concreta, se a John Doe non piace un certo droghiere, può negare il suo patrocinio. Può anche, con perfetta correttezza, chiedere al suo macellaio di non patrocinare quel certo droghiere; se il macellaio rifiuta di unirsi a lui in quel boicottaggio, può ritirare il suo patrocinio dal macellaio. E, per rendere effettivo il suo boicottaggio del macellaio, può chiedere al suo fornaio di assisterlo nel boicottaggio del macellaio; se anche il fornaio si dimostra riluttante a partecipare, può boicottare il fornaio e chiedere al suo farmacista di ritirare il suo patrocinio dal fornaio, il che sarebbe il boicottaggio terziario. E questo corso potrebbe essere esteso a tempo indeterminato.

Gli elementi in ciascuna di queste procedure sono identici. In nessun caso nessuno di quei commercianti menzionati può far valere alcun diritto al patronato che gli è stato tolto. Perciò non gli è stato fatto alcun torto. Non è stato privato di nulla su cui ha il minimo diritto. Pertanto, mentre può giustamente affermare di essere stato costretto; mentre può giustamente affermare che la sua attività è stata lesa: e mentre può essere perdonato se si sente irritato nei confronti dei suoi clienti, non può giustamente addebitare che uno qualsiasi dei suoi diritti sia stato leso.

I tribunali, nel discutere casi simili a quello sopra citato, sottolineano che la doglianza, o qualunque cosa possa essere stata che ha indotto l'individuo originario a boicottare il suo droghiere, è del tutto persa di vista nei successivi boicottaggi secondari e terziari, e che le persone coinvolte in questi ultimi non hanno alcun interesse per il motivo originario, e che quindi è un'ingiustizia costringerli a partecipare alla controversia. Tutto ciò può essere vero, tranne l'ingiustizia. Va ribadito che non ci può essere ingiustizia quando non si è fatto nulla. E in nessuna fase del caso citato è stato compiuto alcun atto palese. In ogni singolo caso della pressione esercitata c'era solo una declinazione ad agire, semplicemente lasciarsi andare. Come sarebbe sciocco per uno di quei commercianti lamentarsi che è ingiusto lasciarlo in pace! Eppure è proprio quello che dice, in effetti, quando afferma di aver commesso un'ingiustizia quando un cliente rifiuta, per qualsiasi motivo, di acquistare più beni da lui.

Un'altra cosa che i tribunali dichiarano illegale riguardo al boicottaggio è la minaccia di ritirare il patrocinio da un commerciante o la minaccia di cessare di lavorare per un datore di lavoro. Dimenticano, poiché per ora conviene al loro scopo, l'assioma che una persona ha il diritto di minacciare ciò che ha il diritto di eseguire, poiché rifiutare di comprare o rifiutare di lavorare non è in alcun modo un atto invasivo, certamente non può essere invadente per minacciare di rifiutare di acquistare o per minacciare di rifiutare di lavorare; e nessuna quantità di sofismi giudiziari può renderlo tale.

In questa discussione sul boicottaggio come misura libertaria, è stato posto l'accento sul suo impiego da parte del lavoro contro il datore di lavoro, poiché il rifiuto di lavorare per qualsiasi datore di lavoro è invariabilmente associato al rifiuto di acquistare i suoi prodotti e allo sforzo di indurre altri a rifiutarsi di patrocinarlo. Ma è un gioco a cui due possono giocare perché non è unilaterale. I datori di lavoro ricorrono spesso alle stesse misure, creando e mantenendo una lista nera, che contiene i nomi dei dipendenti che hanno scioperato il lavoro o che sono altrimenti indesiderabili, e vari datori di lavoro si uniscono per utilizzare questa lista per costringere il lavoro. In tali casi non si sente nulla dai tribunali in merito a "cospirazione" o boicottaggio secondario o terziario, sebbene questi ultimi siano spesso utilizzati per costringere dipendenti recalcitranti a partecipare al procedimento di lista nera. E c'è da aggiungere che nessuno ha più diritto di lamentarsi della black list che del boicottaggio. Sono praticamente identici e nessuno dei due viola il principio di libertà. I tribunali, ovviamente, dovrebbero essere coerenti nel trattarli. Ma sarebbe un po' troppo aspettarsi da istituzioni che sono, in generale, gli strumenti del privilegio.

È interessante notare a questo proposito che in Inghilterra, dove la libertà personale è apprezzata più che negli Stati Uniti, non sono state denunciate decisioni legali contro l'uso del boicottaggio, mentre in questo paese si hanno due esempi famigerati e sgradevoli —Bucks Stove Company vs. The American Federation of Labor, in cui gli ufficiali della federazione sono stati giudicati colpevoli, nei tribunali del Distretto di Columbia, di aver violato un'ingiunzione contro la pubblicità del fatto che la federazione considerava la società di stufe "ingiusta" e il caso dei Danbury Hatters, in cui la Corte Suprema degli Stati Uniti ha affermato una decisione del tribunale di grado inferiore secondo cui la società di cappelli potrebbe riscuotere danni dai singoli membri del sindacato che ha istituito ed attuato il boicottaggio della società che ha rifiutato di aderire i termini degli operai, la cappelleria poteva pignorare in satisfacti i risparmi bancari, i beni mobili e gli immobili dei membri del sindacato sul loro giudizio. Non è disponibile alcun resoconto del successo finale di questa impresa, ma per pura rapina nulla è paragonabile negli annali della moderna procedura giudiziaria.

Come suggerito in un altro articolo, il boicottaggio e il suo compagno, l'ostracismo, possono essere utilizzati come punizioni per il crimine e anche come deterrenti per il crimine. In determinate circostanze, possono costituire una sanzione molto drastica. A causa delle abitudini socievoli degli esseri umani, essere messo completamente fuori dai confini della società sarebbe per molti più doloroso che essere incarcerati in una prigione in compagnia di altri della loro specie. Infliggere tale punizione ha molti vantaggi per l'organizzazione difensiva che ne fa uso. È semplice: si applica facilmente ed economicamente; non implica, in teoria, nessuno degli elementi della forza fisica; e, soprattutto, non è di per sé un atto invasivo. Quale metodo più ideale per correggere le tendenze errate e le attività antisociali del nostro prossimo potrebbe essere concepito?

Poiché il boicottaggio è un'associazione puramente volontaria per scopi non invasivi, e poiché è allo stesso tempo un'arma spiccatamente libertaria e l'esempio più perfetto di resistenza passiva, è eminentemente, quando necessario, una parte del programma mutualistico.

In discussioni come questa, in cui l'etica si mescola alla politica, la parola “diritti” è spesso usata in modo lasco e vago. Fondamentalmente ed elementalmente, ovviamente, c'è un solo diritto: il diritto di potere. Parlare di diritti “naturali” e di diritti “inalienabili” è parlare di qualcosa che non esiste. Parlare di diritti naturali implica che esiste un diritto indiscusso o indiscutibile di qualche tipo che è inerente all'individuo quando nasce. Se ciò fosse veramente vero, allora il diritto del potere non potrebbe agire contro di essa. Affinché il diritto della potenza non possa operare in tal modo, il diritto inerente o naturale o alienabile dovrebbe essere di natura tale che nessuna forza possa superarlo. Basta esporre la tesi in questo modo è sufficiente per mostrare l'assurdità dell'idea che possa esserci qualcosa di superiore al diritto di potere; a meno che non ci sia un significato metafisico allegato a quei tre aggettivi che non è comprensibile dalla mente finita. La vera verità della questione è che, poiché non esiste diritto superiore a quello della potenza, tutti gli altri diritti, di qualunque natura, esistono solo per sofferenza: in altre parole, per contratto o accordo. Per certe considerazioni (come il desiderio di pace e tranquillità e altre cose che fanno felicità) i più forti hanno accettato di cedere, in certi campi, la loro prerogativa; hanno acconsentito a rinunciare ai privilegi che la loro forza assicura loro - e così vengono all'esistenza gli elementi della società moderna. poiché non c'è diritto superiore a quello della potenza, tutti gli altri diritti, di qualsiasi natura, esistono solo per sofferenza: in altre parole, per contratto o accordo. Per certe considerazioni (come il desiderio di pace e tranquillità e altre cose che fanno felicità) i più forti hanno accettato di cedere, in certi campi, la loro prerogativa; hanno acconsentito a rinunciare ai privilegi che la loro forza assicura loro - e così vengono all'esistenza gli elementi della società moderna. poiché non c'è diritto superiore a quello della potenza, tutti gli altri diritti, di qualsiasi natura, esistono solo per sofferenza: in altre parole, per contratto o accordo. Per certe considerazioni (come il desiderio di pace e tranquillità e altre cose che fanno felicità) i più forti hanno accettato di cedere, in certi campi, la loro prerogativa; hanno acconsentito a rinunciare ai privilegi che la loro forza assicura loro - e così vengono all'esistenza gli elementi della società moderna.

Va sottolineato che il termine "società", come qui utilizzato, si riferisce a quell'organismo sociale che, nella sua accezione astratta, implica l'unione o somma di relazioni con cui sono associati gli individui di un qualsiasi gruppo, e non a quell'organizzazione politica noto come "governo" o "stato".

La differenza tra i due è fondamentale e vitale e, se non distinta chiaramente nella mente dello studente, ne risulterà una grave confusione di pensiero. Tutti gli stati ei governi politici sono fondati sulla forza fisica e, come spiegato nel capitolo I, sono necessariamente aggressivi e di carattere invasivo. Considerando la loro origine e le loro funzioni, devono essere di quella natura per sopravvivere.

La società, d'altra parte, non ha tale origine e non ha tali basi. Da essa può scaturire e da essa può essere adattata qualsiasi organizzazione politica che, nel corso dell'evoluzione, possa sorgere. E tali istituzioni politiche possono essere perfettamente libere dall'elemento coercitivo, fatta eccezione per la protezione, e possono quindi essere una vera e propria antitesi dello stato attuale.

La società, così definita, è dunque costituita da miriadi di patti, sia espressi che impliciti, che dovrebbero consentire a tutti, indipendentemente dalle forze individuali, di vivere in pace e armonia, poiché tutti riconoscono, più o meno chiaramente, che è una condizione necessaria della felicità. E così i mutualisti, essendo ben consapevoli di questa condizione fondamentale, si preoccupano di quello che considerano il miglior adattamento dei mezzi al fine. Accettando francamente il concetto etico sopra delineato, ritengono di aver ideato un sistema sociale che si conformi nel miglior modo possibile a tutte le condizioni della vita moderna, poiché si basa su pari libertà e reciprocità e sulla sovranità dell'individuo su se stesso, i suoi affari e il prodotto del suo lavoro, da realizzarsi attraverso l'iniziativa individuale, il libero contratto e la libera associazione.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

L'Anarchismo Idiosincratico di Lysander Spooner e il "Socialismo di Mercato"

Lysander Spooner è una figura importante nella storia del movimento per la libertà. Era un sostenitore del movimento operaio ed era persino un membro della Prima Internazionale in un momento in cui socialisti e anarchici coesistevano pacificamente all'interno di quel movimento. Forse una delle cose più interessanti di Spooner è che fu il primo a gestire una società privata in diretta concorrenza con l'ufficio postale degli Stati Uniti. Questo sforzo prevedibilmente fallì non perché l'American Letter Mail Company non potesse competere, ma perché Spooner era ostacolato dalla legge.

La Società Naturale: una base per l'anarchismo verde

«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Anarchia o "Anarchismo"?

Una qualificazione che riteniamo importante per cominciare è la distinzione tra "anarchia" e "anarchismo".

Alcuni la rigetteranno in quanto meramente semantica o banale, ma per la maggior parte degli anarchici post-sinistra e anti-civiltà, questa differenziazione è importante.

Sebbene l'anarchismo possa fungere da importante punto di riferimento storico da cui trarre ispirazione e lezioni, è diventato troppo sistematico, fisso e ideologico... tutto ciò che l'anarchia non lo è.

Il Distributismo applicato alle Libere Comunità

L'anarco-distributismo non si adatta perfettamente alle categorie tipiche. Non è né l'anarcocapitalismo né l'anarco-comunismo: non è contemporaneamente né l'uno né l'altro. È fondamentalmente mutualismo, ma di una varietà diversa. È anticapitalista nel senso più completo.(1) È di sinistra-libertario. Come anarchico, l'anarco-distributista cerca in definitiva la totale abolizione dello Stato. Tuttavia, l'anarco-distributista è realistico sul ruolo che il governo svolge nella società esistente e continuerà a svolgere nell'immediato futuro.

L'Agorismo

L'agorismo, abbreviato in (Anarchia, Agorà, Azione), come ideologia politica riguarda più i mezzi che i fini. In breve, afferma che il modo migliore per raggiungere una società libera è attraverso i mercati neri e grigi. Fu proposto per la prima volta da Samuel Edward Konkin III alle conferenze CounterCon I nell'ottobre 1974 e CounterCon II nel maggio 1975.

Per gli agoristi è importante distinguere tra mercati grigi e neri e un "mercato rosso". L'agorismo supporta solo comportamenti legali ma al di fuori del quadro del sistema statale (mercati grigi) o illegali ma non intrinsecamente violenti (mercati neri), ma non supporta il commercio relativo a cose che violano il principio di non aggressione (il mercato rosso). Sostengono tutti gli usi della Controeconomia definendola come la somma di tutte le Azioni Umane non aggressive vietate dallo Stato.

Aurora Selvaggia: Oltre il Pallore

La civiltà è la conquista 'più alta' dell'uomo. Eppure, in tutta la sua grandezza soprannaturale, è piuttosto perversa, un disorientamento spiccatamente umano.

Cosa si intende qui per 'civiltà'? Si intende un amalgama di tutte le cose nobili: moralità, altruismo, fedeltà, pietà, duro lavoro, amore incondizionato, purezza, 'progresso', ecc.

Cosa significa: sacrificio di sé, sublimazione degli istinti animali, rinuncia alla volontà, rinuncia alla libertà.

L'Anarchia delle Frontiere

Storicamente le frontiere non erano una festa d'amore capitalista. Molte comunità erano piuttosto vicine al mutualismo. Ad esempio, in Siberia in quasi tutti gli insediamenti c'era una banca comune (магазея, magazeya), la pelliccia e altre risorse venivano vendute al valore del lavoro svolto. Un sistema simile esisteva negli insediamenti dell'Australia, delle Americhe, ecc.

Proudhon e la sua Terza Posizione

Le idee di Proudhon non sono le nostre idee, non sono state nemmeno sempre sue. Hanno combattuto in lui e così spesso si sono distrutte a vicenda che la sua mente è definita il luogo d'incontro dei contraddittori. Avendo capito molto, questo grande oratore non è stato in grado di mettere tutto in ordine.

Ted Kaczynski dal carcere sull'Ecofascismo: "un ramo aberrante della sinistra"

A smentire i luoghi comuni e l'etichetta di ecofascista sul noto ecoterrorista e scrittore Ted Kaczynski, detto "Unabomber" e sui movimenti di ecologia radicale, ci pensa lui stesso dal carcere, in una nota manoscritta datata 29 settembre 2020, scansioni recuperate il 10 febbraio 2022.

📃 Segue traduzione in lingua italiana del documento originale.

Uno sguardo all'Anarco-Capitalismo

Gli anarco-capitalisti possono essere definiti dei capitalisti classici? E soprattutto, possono essere definiti anarchici?

“Lo Stato, a differenza di quanto accade con una banda di malfattori, non è considerato una organizzazione criminale; anzi, solitamente i suoi tirapiedi hanno rivestito le posizioni più elevate nella società. Si tratta di una condizione che permette allo Stato di cibarsi delle proprie vittime e, al tempo stesso, di raccogliere il sostegno, o almeno l’acquiescenza, di gran parte di esse a questo processo di sfruttamento.”

 

(Murray Rothbard)

Lo stesso autodefinirsi "anarchici" dei principali esponenti dell'anarco-capitalismo è stato spesso contestato dagli altri movimenti anarchici. Nonostante ciò, gli anarco-capitalisti credono che la via da loro proposta sia la sola attraverso cui è possibile giungere a realizzare concretamente l'ideale di assenza dello stato cui tendono anche gli anarchici "tradizionali".

Unabomber: la società industriale e il suo futuro

Nel 1971, Theodore John Kaczynski, detto Ted, si trasferì in una cabina remota senza elettricità o acqua corrente vicino a Lincoln, nel Montana, dove visse da recluso mentre imparava le abilità di sopravvivenza per diventare autosufficiente. Ha assistito alla distruzione della natura selvaggia che circondava la sua capanna e ha concluso che vivere nella natura stava diventando impossibile, decidendo di combattere l'industrializzazione e la sua distruzione della natura.

"A Primitivist Primer", l'innesco al Primitivismo di John Moore

A Primitivist Primer è un saggio breve di John Moore pubblicato nel 2000 sulla rivista Green Anarchy, il cui titolo consiste in un interessante gioco di parole non traducibile letteralmente in italiano. "Primer" infatti è traducibile dall'inglese oltre che come "principiante", in senso tattico-militare come "innesco" o "chi innesca una carica", e in senso edilizio come "prima mano". Il suo primitivismo non è inteso come un desiderio di ritornare ad un epoca primitiva, quanto, nel prendere la società pre-industriale come un modello di riferimento in cui «la cooperazione tra gli individui erano gli aspetti prevalenti della vita comunitaria».

Proudhon, il primo anarchico

Pierre-Joseph Proudhon è stato un filosofo, economista, sociologo, saggista ed anarchico francese. Tra i principali teorici dell'anarchismo, fu il primo ad attribuire un significato positivo ai termini "anarchia" ed "anarchico", sino ad allora impiegati soltanto con un'accezione dispregiativa, come afferenti ai concetti di anomia ed entropia, anche dai suoi stessi pensatori e militanti del tempo (perfino da William Godwin, generalmente considerato un teorico ed esponente ante litteram dell'anarchismo).

🎥 Liberi Dalla Civiltà

Spunti per una critica radicale ai fondamenti della civilizzazione: dominio, cultura, paura, economia, tecnologia

È possibile vivere in un mondo senza dominio, senza sfruttamento, senza inquinamento e mercificazione? Per almeno due milioni di anni i nostri antenati primitivi hanno vissuto così, ed è solo con la comparsa dell'agricoltura che l'esistenza ha preso la via di una distruttività sempre più accelerata e dilagante.

La Carcassa in Decomposizione dietro lo Spauracchio Verde

Come l'anarchia verde è diventata la posizione più controversa

L'anarchia verde, indipendentemente dalla propaggine, è una filosofia, una critica e un modo di vivere che enfatizza i principi anarchici più pronunciati. Gli anarchici verdi sono pronti e disposti a smantellare tutte le strutture di dominio, a partire da un'analisi radicata dell'ecologia, il che significa la relazione tra tutti gli esseri viventi e l'ambiente fisico da cui tutti dipendiamo per sopravvivere.

Esamineremo le origini e la graduale evoluzione dell'anarchia verde, esploreremo come queste idee vengono percepite dalle persone che guardano dall'esterno e cercheremo di capire perché l'anarchia verde è così detestata da un contingente di teorici di sinistra che, sempre più, ci hanno calunniato come "eco-fascisti".

Diario di uno Scemo del Villaggio

Pensavo davvero che un interesse per l'anarchia mi avrebbe circondato di persone dalla mentalità aperta. È stato così strano che molti non si siano nemmeno cimentati con il materiale di cui sono così critici. Forse questa è una cosa americana anti-intellettuale, e forse è un residuo del paternalismo marxista. Questo tipo di arroganza è ciò che allontana le persone dagli anarchici in generale. Questa necessità di avere ragione è una nozione religiosa totalmente puritana.

L'Anarchia è Ordine: creare il Nuovo Mondo nel guscio del Vecchio

La parola "anarchia" deriva dall'antica parola greca "anarchos" e significa "senza un sovrano". Mentre i governanti, abbastanza prevedibilmente, affermano che la fine del governo porterà inevitabilmente a una discesa nel caos e nel tumulto, gli anarchici sostengono che il governo non è necessario per la conservazione dell'ordine. Piuttosto che una discesa nella guerra di Hobbes di tutti contro tutti, una società senza governo suggerisce agli anarchici la possibilità stessa di relazioni umane creative e pacifiche. Pierre-Joseph Proudhon ha ben riassunto la posizione anarchica nel suo famoso slogan: "L'anarchia è ordine".

Errico Malatesta - Contro la Dittatura del Proletariato (30 Luglio 1919)

Il testo che qui si riproduce è la lettera che Errico Malatesta scrisse da Londra a Luigi Fabbri in merito al tema della dittatura del proletariato che agitava il movimento operaio e rivoluzionario a seguito della Rivoluzione Russa. Con una certa cautela per una possibile evoluzione in senso libertario della Rivoluzione, ma anche con estrema chiarezza per quanto riguarda la realtà corrente, Malatesta chiarisce che la cosiddetta dittatura del proletariato altro non è che la dittatura del partito sulle masse popolari.

L'Anarco-Sindacalismo: Proudhon contro Marx

Mi ci sono voluti vari anni per leggere e comprendere le opere di Pierre Joseph Proudhon. Bakunin, Kropotkin, Malatesta e Goldman mi erano tutti familiari, quindi perché ero reticente sul "padre dell'anarchismo"? Alcuni di questi possono essere attribuiti all'influenza generale degli scritti di Marx sull'opinione pubblica. Marx ha fatto un lavoro di scure su Proudhon e marxisti come Hal Draper hanno preso citazioni fuori contesto o hanno tirato fuori dichiarazioni imbarazzanti che facevano sembrare Proudhon autoritario o proto-fascista.

Gli scritti di Bakunin contro Marx

Bakunin tira fuori le sue armi migliori, finalmente, per attaccare Marx e il gruppo di potere che si era insediato nell’Internazionale. In queste pagine è finito il tempo delle illusioni e delle collaborazioni, le critiche sono chiare e dirette.

Una volta aveva detto che bisognava separare le grandi capacità analitiche di Marx, la sua preparazione filosofica ed economica, la quale poteva essere utilizzata anche dagli anarchici (invero in questo campo endemicamente carenti) e per il resto lo si poteva mettere tra parentesi. Adesso affronta le trame intestine, le calunnie, le chiacchiere di corridoio, i soppesamenti dietro le quinte, le correnti di potere, le meschinerie personali, e tutto quel bagaglio che in una parola si potrebbe definire come “politica”.