«Una comunità di non più di circa 500 persone, il massimo che una persona può conoscere, autonoma, autosufficiente e tecnologicamente disinteressata»

Non ne vale la pena. È una sorta di sporca utopia, ma le altre sicuramente non possono funzionare: capitalismo e socialismo si basano entrambi sulla teoria della "divisione del lavoro" che rende i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. La ricchezza del commercio e dell'industria non "gocciola giù". I raccolti dei contadini, la ricchezza, vengono mangiati o altrimenti consumati. Tutto ciò che resta da "gocciolare" ai contadini è fuliggine, liquami, rottami e prodotti scadenti.

La ricchezza del nucleo è causata, non dal commercio e dall'industria, ma dalla fame della periferia, la cui terra viene utilizzata per nutrire il nucleo.

Lo stato-nazione non è un contratto sociale tra governati e governatori; è una prigione in cui i governati sono, e sono sempre stati, costretti dalle leggi, nate dalla religione, a obbedire sotto pena di violenza. Come si evolverà allora la società senza queste costrizioni? Qual è la società naturale?

Sembra probabile che, affinché una società viva una vita pacifica e ordinata senza leggi di Obbedienza, non dovrebbe essere più grande di circa 500 persone, che è circa il numero massimo che una persona può conoscere:

"Esiste una regola pratica degli architetti secondo cui la capacità di una scuola elementare non dovrebbe superare i 500 alunni se il preside deve conoscerli tutti per nome - ed è stato affermato che quando un gruppo supera le 500 persone, richiede una qualche forma di polizia". (J.Pfeiffer)

Questa cifra di circa 500 sembra essere un raggruppamento naturale.

"Tra i meno avanzati raccoglitori di cibo, la dimensione media della tribù è compresa tra 300 e 400 persone. Nelle Andamane la cifra era compresa tra 400 e 450 e Kazywicki calcola la dimensione media di 123 tribù australiane tra le 300 e le 600 anime". (Diamond)

 * * *

"I dati australiani mostrano una sorprendente costanza di numeri per la tribù dialettica, che statisticamente si avvicina a 500 persone". (Pfeiffer)

Come si applicherebbe oggi questa dimensione di raggruppamento?

Un'isola delle Scillies con circa 500 abitanti avrebbe pochi problemi di riorganizzazione o di sussistenza di base. Avrebbero pesce in abbondanza; avrebbero pecore per carne e lana; avrebbero legname per combustibile e costruzione. Ma potrebbero annoiarsi con una dieta a base di aragosta e agnello arrosto, quindi farebbero un po' di tessitura extra e scambierebbero il loro tessuto e il pesce con farina, marmellata o caviale.

"Un contadino del Tonchino era occupato nei suoi campi solo per circa 125 giorni all'anno, un contadino cinese per 120 e un contadino coreano per 140; le figure giapponesi erano dello stesso ordine. I contadini avevano così tutto il tempo a loro disposizione e quindi si sarebbero occupati dell'industria e del commercio". (Gourou)

Quindi, con un sacco di tempo, gli isolani potrebbero decidere di dedicare un po' più di lavoro per risparmiare per un congelatore, o un giradischi o una fabbrica automatizzata di tessuti. I gruppi che oggi hanno provato questo tipo di vita si sono ritrovati con più lavoro, non di meno, ma questo perché il governo esige più della metà dei loro incassi nelle imposte dirette e indirette. Quindi devono lavorare il doppio. Stanno anche costruendo un'infrastruttura, irrigazione, acqua ed energia eolica, fabbricati agricoli ecc., che una società contadina ha saputo fare nel corso dei lunghi secoli. Né lavorano a livello sociale perché non prendono mai i nonni a carico.

La sinistra di solito presume che le piccole comunità saranno da qualche parte alla destra dei neofascisti, ma gli antropologi non sembrano confermarlo;

"la maggior parte di questi popoli sostiene fortemente l'idea che la ricchezza non dovrebbe essere distribuita in modo troppo disuguale". (L. Mair)

 * * *

"Negli ultimi 50 anni a Thak c'è stata una graduale perequazione delle proprietà terriere verso il livello di cinque appezzamenti. MacFarlane suggerisce che i numerosi legami trasversali, che collegano tutti con tutti gli altri, hanno ridotto i conflitti e mantenuto una sorta di non competitività" (Gellner e Humphrey).

In effetti, in una piccola comunità la ricchezza è un po' imbarazzante

"Il possesso o l'acquisizione di ricchezze creava difficoltà a un ricco paesano. I suoi concittadini che si consideravano suoi eguali, e ogni tanto erano imparentati con lui, lo travolgevano con richieste di grano e denaro". (Gourou)

Il ricco è gradualmente e in maniera indolore sollevato dal suo fardello; ma solo fintanto che è una società chiusa, introspettiva, con molti legami trasversali e dipendenza reciproca.

Considera Jeff che coltiva 200 acri sull'isola, nessun altro ha più di due acri. Ora a Jeff piace bere con i suoi amici ma non può saltare su altre isole tutte le sere. Se vuole compagnia tranne quella di sua moglie, dovrà andare al locale, l'unico pub. Ma mentre lui ha 200 acri e tutti gli altri ne hanno solo due, anche se saranno educati, non saranno così amichevoli, Jeff è da solo finché non si sbarazzerà di gran parte della sua terra. Una persona può mantenere la ricchezza solo fintanto che non deve mescolarsi socialmente con chi non ha ricchezza e in una piccola comunità autonoma ciò è impossibile.

Naturalmente, la comunità, come ogni altra società animale, avrà un ordine gerarchico; ma sarà di rispetto e influenza, non ricchezza e obbedienza.

"Un capo è una persona sacra, senza autorità politica. In effetti i Nuer non hanno governo e il loro stato potrebbe essere descritto come un'anarchia ordinata". (Evans-Pritchard)

 * * *

"L'influenza dei capi era incerta e nessuno avrebbe riconosciuto alcuna autorità alla propria volontà. Un capo riceveva deferenza, certo, ma non obbedienza... Nessun capo poteva portare la sua volontà contro un solo dissenso." (Diamond)

Consideriamo il maggiore generale John Weston. Quando la nostra isola avesse deciso di diventare autonoma, di non pagare tasse e di non avere nulla in cambio, il maggiore generale, se fosse rimasto, avrebbe perso la pensione dell'esercito. Potrebbe tornare nel suo appartamento londinese, ma potrebbe decidere di restare. Ha un giardino di buone dimensioni e gli piace l'idea di badare a se stesso; lo riporta ai suoi giorni giovanili. Non può più permettersi l'aiuto quotidiano e quando va al pub, prende whisky mite, non doppio malto. La sua posizione nella gerarchia ha preso una scossa, un maggiore generale non ha più molto peso. Ma supponendo che fosse stato nel corpo dei carri armati e avesse un vero interesse e una conoscenza dei motori, e potesse aiutare a riparare i generatori, ciò eseguirebbe il backup dell'ordine gerarchico. Beve un po' ma incute rispetto.

E come farebbe l'isola, senza leggi, a far fronte alla legge e all'ordine?

Il bobby locale non viene più pagato dal governo, quindi si è unito a un amico su un peschereccio e non è in giro quando due vicini litigano per una recinzione caduta. Le mogli corrono in aiuto e le due si separano, quella più piccola con il naso sanguinante. C'è la sensazione generale che entrambi abbiano agito in modo infantile, ma che il più grande non avrebbe dovuto permettersi di entrare nella lotta; viene chiarito gentilmente che la prossima volta il più piccolo riceverà supporto. Ma se la disputa non è risolta, gli amici li persuaderebbero, per amore della pace, a trovare qualcuno che arbitrasse tra loro. Se entrambi avessero ritenuto che il maggiore generale sarebbe stato imparziale, avrebbero potuto chiederglielo.

"Un capo pelle di leopardo ha dato la sua decisione finale come un'opinione espressa con un linguaggio persuasivo e non un giudizio pronunciato con autorità. Il verdetto è accettato solo perché entrambe le parti sono d'accordo". (Evans-Pritchard)

Ma se il piccoletto fosse stato Jeff, il contadino con 200 acri, non avrebbe avuto alcun sostegno. "Gli sta bene." Jeff dipende per la sua protezione dalla benevolenza della comunità e non potrà mai averla e anche 200 acri.

"Il conflitto era prima di tutto una questione tra individui, poi una preoccupazione delle famiglie e infine delle bande. La persona delinquente è stata ammonita, ridicolizzata, spettegolata e svergognata fino a renderla conforme”. (Haviland)

Il problema della nostra società attuale è che le famiglie si sono disgregate; i nonni vivono lontano dai genitori che vivono lontano dai figli, così che la sanzione familiare per un buon comportamento è notevolmente indebolita. La sanzione comunitaria, nelle città, è scomparsa da tempo. Il nostro problema della legge e dell'ordine è causato principalmente dalla disintegrazione della piccola comunità.

L'isola potrebbe andare molto d'accordo senza di noi. Ma che dire della terraferma? E la gente di Penzance? Andrebbero bene per il cibo fintanto che gli piace il pesce, ma dovrebbero procurarsi legno e legname. Le cave di argilla non sono lontane, quindi potrebbero fabbricare ceramiche e cataplasmi da scambiare con le risorse naturali di cui avevano bisogno. Si sarebbero stabiliti in esclusivi gruppi di strada di circa 500 persone, ciascuno con la propria fabbrica, e ciascuno in competizione con altri gruppi di strada. Ma poiché la produzione è un lavoro più duro dell'agricoltura, ci sarebbe un trasferimento dalle città ai villaggi. I due figli di Jeff e le loro famiglie sarebbero tornati sull'isola. (Erano dovuti partire perché il governo aveva sottratto metà del reddito dell'isola con le tasse e lo aveva speso sulla terraferma, creando occupazione al centro a spese della periferia). La nipote del maggiore generale a Londra sarebbe andata a stare con lui, finché il resto dell'isola non lo avesse ritenuto sufficiente.

Nelle aree più densamente popolate, i terreni sarebbero lavorati più intensamente e, nella misura in cui non fossero autosufficienti in termini di risorse naturali, sarebbero andati a produzione. Una comunità potrebbe avere un'acciaieria o una fabbrica di automobili, o un ospedale o un'università.

Si potrebbe pensare che queste fabbriche più piccole sarebbero meno efficienti di quelle attuali perché prive delle economie di scala; ma circa l'unica acciaieria britannica redditizia, a Manchester, impiega 250 persone. Un'indagine (Economica '68) ha mostrato che le aziende più piccole erano nel complesso più redditizie delle più grandi. Questo probabilmente perché le economie di scala sono negate dalle diseconomie dell'anonimato.

E la salute? Ancora una volta ci troviamo di fronte a un malinteso di base della società primitiva. Sono infatti più sani di noi

Dei Boscimani,

"il 10% è stato stabilito avere più di sessant'anni, una proporzione che si confronta favorevolmente con la percentuale di anziani nelle popolazioni industriali". (Lee)

 * * *

“L'Australia ci presenta lo spettacolo di un continente dalla cui patologia intere classi di malattie prevalenti in altre divisioni del globo erano, fino a tempi relativamente recenti, del tutto assenti. Così l'intera classe delle febbri eruttive, del vaiolo, della scarlattina e del morbillo, così fatali altrove, era sconosciuta. Coleri epidemici, febbre ricorrente, febbre gialla, pertosse e difterite erano ugualmente assenti, così come la sifilide”. (Davidson).

L'uomo urbano è pieno di malattie e spende circa 10 sterline a settimana per curare quella malattia.

Ma questo non significa che la nostra conoscenza accumulata scomparirebbe. Ci sarebbero ancora ospedali, medicinali, medici e infermieri, gestiti come comunità.

* * *

È importante (e riconosco che questo rimarrà nella gola degli umanisti liberali) per l'equa distribuzione della ricchezza, per una società attenta e per il mantenimento dell'ordine, che la comunità sia un'entità geografica e sociale totalmente separata. Se c'è molta mescolanza sociale tra i gruppi, se le persone lavorano al di fuori del gruppo, ciò indebolirà il legame della comunità; e le società primitive lo riconobbero dall'uso del dialetto e del costume per differenziarsi dai loro vicini. La xenofobia è la chiave del successo della comunità.

Se Jeff può andare a bere fuori con amici ricchi, se lavora fuori, non dipenderà dal gruppo per l'amicizia, non avrà bisogno del loro aiuto in tempi di malattia; non ha bisogno di conformarsi ai loro costumi o di rinunciare ai suoi 200 acri e il gruppo cade a pezzi nella società non strutturata che abbiamo oggi, distrutta dal concetto di Fratellanza dell'Uomo.

La Società Naturale non sarà colta o liberale o avanzata o potente o laboriosa o grande; sarà calda e ben nutrita; sarà serena, sana, pigra e parrocchiale. Forse quel tipo di società non fa per te, ma apri la porta a chi vuole passare. E potrebbe essercene un bel numero, perché non ci sarebbe alcuna tassazione che raddoppierebbe il tuo reddito; significherebbe un piccolo appezzamento di terra e significherebbe essere il capo di te stesso. E funzionerebbe perché ha già funzionato, in tutto il mondo.

* * *

È una specie di utopia sporca, forse, ma ci sono ottime ragioni per cui le società più visionarie non funzioneranno. E per capire queste ragioni dobbiamo guardare in profondità nella storia.

È ormai accettato nel mondo antropologico che l'uomo primitivo è ben nutrito, longevo, pacifico e felice

Oggi i Boscimani !kung,

"ottengono una dieta migliore di quella di sussistenza in una settimana lavorativa media da dodici a diciannove ore". (Haviland)

I pigmei nella foresta di Ituri lavorano ancora meno. Tutt'altro che coltivare, come ha detto un Boscimano:

"Perché dovremmo coltivare cose quando ci sono così tante noci mongongo nel mondo".

Se ci fossero altrettante noci di mongongo negli altri paesi, probabilmente diremmo una cosa sana di mente.

Questa riluttanza al lavoro è stata così ampiamente osservata che pianificatori ed economisti frustrati gli hanno dato un nome gergale, "preferenza per il tempo libero"

L'agricoltura iniziò, non perché l'uomo fosse stato improvvisamente imbevuto dell'etica del lavoro protestante, o al contrario perché era meno lavoro, ma perché aveva fame. Cominciò quando una popolazione era cresciuta oltre il livello che la terra poteva sostenere in un'economia di cacciatori-raccoglitori. Non c'era abbastanza selvaggina o frutta e verdura selvatica. Uno dei primi luoghi in cui iniziò la coltivazione, la Mesopotamia, aveva subito un disastroso cambiamento climatico quando la cintura delle piogge si spostò a nord alla fine dell'era glaciale. Nonostante ciò che dicono i nostri educatori, quella "Mezzaluna Fertile" era in effetti un deserto nel 5000 aC, durante il "Massimo Termico".

Anche in questo caso, a dispetto di quello che ci dicono i nostri educatori, agricoltura significa più lavoro. Viene prodotto più cibo ma l'input di lavoro è maggiore per unità di cibo. I cacciatori-raccoglitori non coltivano perché, intelligentemente, sanno che significa più lavoro.

La prima forma di coltivazione, nelle aree boschive, è conosciuta come "taglia e brucia", dove una piccola area viene tagliata e bruciata, coltivata per alcuni anni, poi lasciata a ricrescere allo stato selvatico per recuperare la sua fertilità e una nuova area viene designata. Ma con l'aumento della popolazione, tutta la foresta deve essere gradualmente tagliata e l'agricoltura di sussistenza deve sostituire "taglia e brucia" e questo significa più lavoro.

“Anche dopo che il 'taglia e brucia' è stato abbandonato, quando il lavoro diventa certamente più laborioso, la maggior parte dei coltivatori in Africa sono ancora occupati solo per una frazione di quello che considereremmo un normale anno lavorativo; in media due-quattro ore al giorno”. (Clark)

Mentre i cacciatori-raccoglitori si spostano nel loro territorio intanto che alcuni alberi danno frutti e alcuni animali si spostano ogni anno, i coltivatori per proteggere sia il cibo in crescita che quello immagazzinato, sono costretti a rimanere fermi. Questo ha alcuni vantaggi. Possono costruire abitazioni più confortevoli, possono usare utensili di ceramica che sarebbero stati troppo pesanti da portare in giro. Ma questi vantaggi sono solo effetti collaterali di una situazione deteriorata impostagli dal loro numero crescente.

Così il primo importante sviluppo del progresso è stato totalmente frainteso da tutti, economisti compresi. L'agricoltura invece di essere l'invenzione di una specie creativa che ha portato un crescente tempo libero, scopriamo che è causata dalla scarsità di risorse causata da una popolazione in crescita e che significa un lavoro più duro.

Quando i primi coloni americani arrivarono per la prima volta nelle fertili terre quasi disabitate della costa orientale, portarono con sé le tecniche relativamente sofisticate dell'agricoltura europea. Ma con tutta la terra vergine disponibile, non c'era bisogno dei loro vecchi metodi intensivi e tornarono rapidamente a "tagliare e bruciare" perché era meno lavoro. Tecnologicamente sono regrediti.

Quando una tribù di Giava fu cacciata dalla loro terra coltivata nella giungla dagli olandesi, dimenticarono la loro agricoltura e tornarono alla raccolta e alla caccia. Non trovavano che le comodità derivate dall'agricoltura valessero il lavoro extra. Sono regrediti e indicano un motivo inaspettato del comportamento umano.

Come ogni altra particella e organismo in Natura, l'uomo obbedisce alla Legge del Minimo Lavoro

Non cercare di capire le motivazioni contorte di un alpinista, artista o industriale. Chiediti solo quanto duro lavoreresti se fossi caldo e ben nutrito e tutti i tuoi amici e la tua famiglia fossero fuori al sole. Quanto ti annoierai del tempo libero per andare a lavorare su una linea di produzione in fabbrica? Molte persone dicono che amano il loro lavoro. Intendono dire che godono della compagnia dei loro colleghi, godono della concorrenza degli affari o godono dell'esercizio dell'autorità. Non è il lavoro in sé che apprezzano.

Quindi se troviamo l'uomo che lavora sodo, invece di elogiarlo per la sua operosità, dobbiamo chiederci quali sono le condizioni avverse che lo hanno costretto a questa situazione indesiderabile.

Perché, ad esempio, l'uomo ha iniziato a tessere?

Man mano che la popolazione cresce, tutta la terra coltivabile deve essere utilizzata. Ma man mano che la foresta si riduce, lo è anche la quantità di selvaggina che può supportare; pelliccia e pelle diventano scarse. Per riscaldarsi le persone sono ridotte a tessere, e questo è un lavoro più duro; e sebbene il tessuto abbia i vantaggi di comfort, lavorabilità e aspetto. Questi sono solo gli effetti collaterali di una carenza di pelli di animali. Il tessuto è meno durevole, più costoso e un lavoro più difficile. Ancora una volta, quando l'uomo lavora sodo, non è solo per il piacere di farlo.

Ma poiché la nuova tecnologia è più costosa, viene inizialmente utilizzata dai ricchi come status symbol o arma. In Scandinavia le falci di bronzo erano in uso molto tempo dopo che il ferro aveva sostituito il bronzo per le spade. Fu solo quando il bronzo divenne costoso quanto il ferro, a causa della carenza di stagno, che le falci di ferro sostituirono il bronzo. La stoffa sarebbe stata prima il segno della ricchezza fino a quando la pelle sempre più costosa non costrinse l'intera popolazione a indossare la stoffa. Raramente stiamo meglio perché abbiamo quello che una volta erano lussi. La carne di pollo è un esempio contemporaneo, dal momento che la carne di manzo è diventata così costosa.

Ma la pelle e il cibo non sono le uniche risorse che scarseggiano. Man mano che le foreste vengono abbattute, anche il legname diventa scarso e di conseguenza assume un valore di scambio. Un contadino senza alberi sulla sua terra deve svendere parte del suo cibo in cambio di legna da ardere e legname da costruzione (combustibile e materie prime). Pertanto, sebbene stia coltivando più cibo, non può sostenere così tante persone nella fattoria. I più poveri, costretti a lasciare la fattoria, devono fare cose che persuadano il contadino a scambiare cibo. Lo farà solo se mettono più lavoro nell'artefatto di quanto non farebbe lui stesso. La specializzazione è un lavoro più duro ed è causata dalla povertà, non dal tempo libero.

“Certe visioni ortodosse dell'evoluzione andrebbero ribaltate; la quantità di lavoro pro capite aumenta in proporzione al progresso tecnologico e la quantità di tempo libero diminuisce”. (Salins)

Il fabbro nel mito è spesso zoppo, come Efesto, Vulcano o Wayland Smith. Nelle società meno avanzate i fabbri appartengono alle caste o classi più basse. In Baluchistan "vivevano nei loro campi segregati e venivano impiegati dalla compagnia nella loro tradizionale funzione umile di spazzini e fabbri". In termini più generali, la mitologia conferma questa analisi in un altro modo. Descrive quasi sempre un'età dell'oro che è stata nel passato.

Per scambiare il suo cibo il contadino deve andare al mercato. Occorre costruire strade e ponti; devono essere costruiti carrelli con ruote; devono essere realizzati strumenti più efficienti e tutto questo lavoro extra deve essere incluso nel costo del cibo. Più l'agricoltura intensiva diventa, più lavoro è coinvolto:

"la necessità di sostenere una popolazione più numerosa da una data area di terra richiederà un maggiore input di manodopera per unità di cibo prodotto, in particolare quando si tiene conto del lavoro che dovrà essere utilizzato per investimenti privati ​​sotto forma di miglioramenti nelle fattorie e investimenti pubblici in mezzi di trasporto, irrigazione, ecc." (C. Clark)

* * *

Non vi è altra ricchezza, se non le risorse naturali:

Quando un contadino coltiva un surplus di cibo, ha creato ricchezza; ma tenuto troppo a lungo il cibo va a male, quindi è conveniente scambiarlo con bestiame che vive più a lungo, dà latte e può essere scambiato con cibo. I bovini, oltre ad essere essi stessi cibo, sono una riserva di valore per cibi più deperibili.

Ora, supponiamo che un artigiano abbia bisogno di cibo e faccia un aratro e lo scambi con il contadino per cibo. Questo lo mangia. Il contadino ora ha un aratro che vale, diciamo, uno staio di grano. Ma è una riserva di valore in diminuzione. L'aratro si deteriora e ogni anno vale meno cibo. Entro la fine della sua vita, diciamo, vent'anni, quanta ricchezza è stata creata? Se l'aratro ha contribuito a produrre più cibo, allora si è creata ricchezza, cibo. Ma l'aratro stesso è svanito; non è ricchezza. Il lavoro non crea ricchezza; in questo caso, si muove solo un po' di cibo da contadino ad artigiano.

Se anche un vasaio avesse bisogno di cibo e il surplus del contadino fosse limitato, il vasaio e l'aratore dovrebbero condividere quel surplus. Tutti i manufatti valgono solo il surplus agricolo disponibile (e il carburante e le materie prime). Se raddoppi gli artefatti dimezzi il loro valore. La ricchezza è aumentata, non dalla produzione di manufatti, ma da un aumento dell'offerta di risorse naturali.

Ora supponiamo che un uomo porti una pepita d'oro. Il contadino ritiene che sia carina e non si appanni. Crede di poterla sempre scambiare con uno staio di mais. Ma se non c'è mais, l'oro non ha valore. Se l'ha scambiata con un aratro, l'aratro è ancora solo una riserva di valore in diminuzione per le risorse naturali. L'importazione di oro non ha creato ricchezza. Ma se, in un periodo di scarsità di cibo, il vasaio, l'aratore e il commerciante d'oro volessero tutti cibo, il surplus di cibo disponibile sarebbe diviso in tre. Vale a dire, un'unità di valuta ridurrà il valore di un manufatto. Tutti i manufatti più l'oro ora valgono il surplus della fattoria.

Il valore delle risorse naturali in eccesso è uguale al valore di tutti i manufatti sul mercato più tutta la valuta più tutte le riserve di valore più tutto il credito

Adam Smith ha detto, erroneamente, "Il consumo è l'unico fine e scopo della produzione". Non è così. L'acquisizione di risorse naturali è l'unico fine e scopo della produzione. Ma ogni economista dopo Smith ha commesso l'errore di Smith, e quindi ha costruito l'edificio dell'economia moderna su una premessa fondamentalmente falsa. Non c'è da stupirsi che gli economisti siano in salamoia.

Se il maltempo produce un raccolto basso, l'agricoltore non potrà acquistare i prodotti degli artigiani; ci sarà disoccupazione. Se il boscaiolo subisce un incendio, non potrà scambiare il suo legname con manufatti. Ci sarà disoccupazione.

L'ammontare delle risorse naturali in eccedenza determina l'ammontare dell'occupazione disponibile

Se il livello di occupazione è determinato dalla produzione di risorse e se un agricoltore decide di spendere il suo surplus per una quota dell'aratro dal Canada anziché per i vestiti di Hong Kong, l'occupazione in un luogo può essere solo a scapito dell'occupazione in un altro. L'occupazione a Londra deve essere a scapito dell'occupazione nelle Highlands scozzesi o in Mozambico.

* * *

Tra i primitivi cacciatori-raccoglitori, i gruppi contano circa 25 persone. Quando la densità di popolazione aumenta, e sono costretti a coltivare, si uniscono in gruppi di circa 500, il numero massimo di persone che una persona può conoscere; e usano il dialetto e il costume come mezzo di identificazione con la tribù; e un mezzo per escludere gli estranei.

In un'economia naturale, man mano che il suo numero cresceva al di sopra del 500 ottimale, si sarebbe divisa in due a causa del crescente dissenso, ciascuno coltivando la propria metà del territorio sempre più intensamente; ciascuno, nella misura in cui aveva bisogno di importare materie prime, fabbricando un prodotto, geloso delle sue conoscenze e tecniche. Questo è in una certa misura ciò che è accaduto nel sud-est asiatico. Il gruppo non avrebbe bisogno di capi, regole o polizia:

"quando un gruppo supera le 500 persone ha bisogno di un'unica forma di polizia", ​​(Pfeiffer).

Avrebbe un ordine gerarchico naturale, ma quelli al vertice non potevano pretendere obbedienza dagli altri.

"Il capo non ha autorità istituzionalizzata e poco potere disciplinare". (Haviland).

 * * *

“Il capotribù di solito è portavoce del suo gruppo e maestro delle sue cerimonie con poca influenza, poche funzioni e nessun privilegio. Una parola da parte sua è di tutti, fa come vuole”. (M. Sahlins).

 * * *

“Non c'è un centro di autorità nel villaggio ed inoltre è consuetudine evitare la responsabilità pubblica... per paura di scomode invidie”. (M. Douglas)

Soprattutto in Europa, l'economia naturale è stata distorta dai sacerdoti

I semi di questa distorsione risalgono alle società più primitive sebbene la religione fosse, in questa fase, molto meno significativa ed esigente di quanto fossimo stati indotti a credere. Gli isolani delle Andamane temono davvero il loro dio; ma si divertono anche a imbrogliarlo infrangendo le sue regole in determinate circostanze in cui credono che non possa vedere. Le sue regole provenivano da stregoni;

“consuetudini consolidate da tempo possono essere modificate dall'oggi al domani a seguito di una rivelazione di qualche veggente, solo per far sì che le nuove usanze vengano rovesciate nel corso del tempo dalla successiva rivelazione”. (L. Cipriani)

Ma questa obbedienza meno che sincera alle leggi del dio tramandate da un veggente era il mezzo improbabile con cui l'élite cresceva al potere. In un piccolo gruppo il veggente era sempre un profeta nella sua stessa terra; era Fred Smith, aveva le verruche e non aveva un grande successo con le donne; ovviamente aveva il "potere", ma era altrettanto ovviamente ancora solo un uomo. Non gli era mai stato possibile chiedere obbedienza al resto della tribù. Ma ora, con la crescita della religione, la situazione cambia e l'uomo compie un importante allontanamento dalla Società Naturale. Era ora possibile per il gruppo crescere oltre la dimensione di 500 ed essere ancora una società ordinata, ma ciò dipendeva dall'accettazione da parte della popolazione di un dio, del suo profeta e delle sue leggi. Senza quell'ordine di accettazione non potrebbe essere mantenuto in una società anonima.

Il comportamento degli eschimesi mostra che lo sviluppo della religione non è un progresso del pensiero ma un adattamento a una vita più densamente popolata in un raggruppamento più anonimo:

“il popolo ha due modi di raggrupparsi, e a questi due modi corrispondono due sistemi giudiziari, due sistemi morali, due tipi di economia domestica e di vita religiosa. Ad una vera comunità di idee e di interessi nel fitto agglomerato dell'inverno, si oppongono un isolamento, un'atomizzazione sociale e un'estrema povertà morale e religiosa nella dispersione del sole". (Mauss)

Ma l'accettazione di un decreto religioso comportava molti più pericoli che vantaggi. Il veggente o il profeta non potevano pretendere obbedienza, e il capo autocratico che noi consideriamo tipico, comincia ad emergere.

Una volta che una società cresceva più di 500 persone, quando c'era un certo grado di anonimato, alcuni, che non conoscevano il veggente, potevano essere persuasi che era qualcosa di speciale, che aveva davvero l'orecchio di Dio. E se le persone potevano essere persuase a fare quello che diceva, la sua famiglia e i suoi amici non tardavano a vedere il potenziale. Era nel loro interesse aumentare la sua immagine di superuomo ed era nel suo interesse lasciarglielo fare. L'individuo dipendeva dall'oligarchia e l'oligarchia dall'individuo.

Il profeta, sostenuto dall'oligarchia, poteva ora esercitare pressioni. In Israele,

“Mosè disse al popolo: 'Devi obbedire a tutti i comandamenti del Signore, tuo Dio, seguendo le sue istruzioni fino all'ultimo dettaglio, percorrendo tutta la strada che ha tracciato per te; solo allora vivrai una vita lunga e prospera nella terra in cui devi entrare e possedere'” (Deuteronomio)

Nel caso in cui la carota non bastasse, è stato applicato il bastoncino.

“Egli, (il Signore), diede a Mosè il seguente comando: «Eseguite tutti i capi tribù d'Israele. Appendili davanti al Signore in pieno giorno, affinché la sua ira ardente si allontani dal popolo». Così Mosè ordinò ai giudici di giustiziare tutti coloro che avevano adorato Baal”. (Passo 26)

Avendo stabilito il principio dell'obbedienza alla Legge, il Signore procedette a portare il Suo popolo in lavanderia:

«Un decimo del prodotto della terra, grano o frutto, è del Signore ed è santo. Se qualcuno vuole ricomprare questo frutto o grano, deve aggiungere un quinto al suo valore. E il Signore possiede ogni decimo animale dei tuoi armenti e greggi”, ecc. (Levitico 27)

E dove sono finiti questi soldi? Al re profeta, Mosè, alla sua famiglia e ai suoi amici, che ora potevano comprare i loro scagnozzi, burocrati, poliziotti, soldati, sacerdoti. ecc. per rafforzare la loro posizione. Potevano così vivere comodamente, senza bisogno di lavorare, costringendo gli abitanti a cedere parte dei loro prodotti agricoli. Potevano anche, dopo una breve chiacchierata con il Signore, riscrivere le regole quando le mutate circostanze potevano minacciare il loro reddito.

Le regole proteggono i governanti, non i governati

Molto spesso l'élite guadagnava la propria posizione con l'invasione, Mosè in Israele, Guglielmo il Conquistatore in Inghilterra. Gli invasori lo presero per la spada ma ne legittimarono il furto in connivenza con le religioni e la teoria del “Diritto Divino dei Re”. Naturalmente la popolazione può essere imbrogliata in questo modo solo fintanto che crede nello stesso dio. Ecco perché è stato così utile convertire al cristianesimo tutti gli africani nelle colonie. Una volta che una popolazione crede che un sovrano sia scelto da Dio, allora è semplice esigere Cieca Obbedienza (o obbedienza alla legge; è la stessa cosa) dalla popolazione.

I contadini erano ora costretti a produrre un surplus (poiché un surplus non si produce mai volontariamente) e quel surplus veniva immagazzinato nei palazzi, nelle guarnigioni, nelle abbazie e nei castelli. Perciò i contadini più poveri con meno terra furono costretti ad andare dove si teneva il surplus per riguadagnare col lavoro il cibo che era stato loro sottratto. È stata l'estorsione di un'eccedenza alimentare dalla terra da parte dell'establishment che ha portato la necessità di inventare la scrittura. Le prime tavolette d'argilla scritte erano elenchi di depositi agricoli nei magazzini del tempio della Mesopotamia.

Così paesi e città sono cresciuti attorno a questi castelli e abbazie. Non hanno validità economica indipendente. Non producono ricchezza, perché il lavoro non crea ricchezza. Sono semplicemente luoghi in cui è stato speso il surplus estratto. Se un re se ne va e l'eccedenza non viene più portata in città, la città muore. Nel 1570 Akbar il Grande costruì una città a Fatehpur Sikri. Quattordici anni dopo se ne andò, portando con sé l'eccedenza. Quindi anche le persone dovettero andarsene. Tutto ciò che restava era l'elegante scheletro di una bellissima città di arenaria.

“Le abitazioni private e le botteghe decaddero e scomparvero; rimasero le mura, la moschea, la zecca, il tesoro, il canvansary, i palazzi e altri luoghi pubblici; da allora nessuna industria si è avvicinata”. (J. Galbraith)

L'idea che le persone lavorino solo per gli altri a causa della povertà è certamente un concetto insolito nella nostra società, ma i popoli più primitivi lo accetterebbero totalmente. In Nepal

 “Ciascuno degli insediamenti più grandi della valle ha, ad esso annessi, un certo numero di famiglie di caste basse, sia fabbri, pellettieri o sarti” (Gellner e Humphrey).

In Polinesia,

"in alcuni villaggi c'è una disprezzata comunità di artigiani e commercianti, altamente qualificati nell'intaglio del legno e nel vimini". (Diamond).

 * * *

"Dove vige un buon mercato, dove chiunque voglia può procurarsi un pezzo di terra, non solo il lavoro è molto caro, per quanto riguarda la quota dei profitti dei lavoratori, ma la difficoltà è ottenere lavoro combinato a qualsiasi prezzo". (Gibbon Wakefield)

Una volta che un'istituzione può controllare una popolazione mediante leggi di obbedienza, può adattare le leggi a se stessa. In Inghilterra il Mercante della Gilda locale pagava oro al re e in cambio riceveva il monopolio del commercio all'ingrosso della zona. Ha ricevuto una carta per tenere un mercato o una fiera. Ciò significa, in realtà, che al resto delle campagne è vietato avere un mercato, situazione che la popolazione è costretta ad accettare, anche se a malincuore dalle leggi dell'obbedienza. Gli agricoltori devono venire nella città mercato dove il loro prezzo di vendita è costretto al ribasso dal monopolio e il prezzo di acquisto per i vestiti, ecc. è forzato ad aumentare. (E se pensi che questo tipo di monopolio non esista più, prova a vendere la tua sovrabbondanza di lattuga nella strada principale del tuo paese. Troveranno un centinaio di ragioni per dirti che non puoi.)

E proprio come il commercio era monopolizzato, così era la manifattura. Il capitalismo non era il prodotto dell'accumulazione di capitale o dell'estro imprenditoriale, ma del monopolio imposto dalle leggi dell'obbedienza. Il commercio era proibito ai poveri a tutti tranne che ai livelli più bassi.

Le città sono biologicamente malsane; il tasso di fertilità diminuisce all'aumentare della densità; la crescita è principalmente dovuta all'immigrazione. Le città sono malsane dal punto di vista medico:

"il tasso di mortalità per tutte le cause è spesso ben al di sopra della media nazionale". (Coates e Rawston)

Quanto alla criminalità:

“studi statistici hanno dimostrato che la frequenza della criminalità è parecchie volte più alta nelle città che nelle aree rurali” (Glozer)

Per l'establishment le città erano centri di lusso e di svago e poiché solo loro avevano il tempo libero per scrivere, è il loro giudizio sulle città che è rimasto. Gli abitanti di Gin Alley di Hogarth difficilmente sarebbero stati d'accordo con il dottor Johnson su Londra. Rimuovendo l'eventuale eccedenza, mediante tassazione, dalla periferia al centro, si crea occupazione in città a spese dell'occupazione alla periferia. Questo è il motivo fondamentale del volo verso le città. Ma gli economisti lo ignorano.

* * *

Una volta che una nazione ha superato il proprio cibo e le proprie risorse, si raggiunge la fase finale della crescita economica. Esistono due metodi di importazione, baratto e furto

Atene ha usato il primo. Per ottenere il grano dovette persuadere le tribù del Mar Nero a venderle il loro grano. In cambio doveva produrre un manufatto più economico del prodotto indigeno. Ha dovuto distruggere l'industria della ceramica indigena causando disoccupazione. Se queste terre fossero occupate dai proprietari, i contadini avrebbero venduto qualsiasi eccedenza occasionale. Ma poiché gli stabilimenti possedevano la terra, potevano svendere il cibo in cambio dell'oro o dei gingilli dello status di civiltà a scapito dei contadini che ora dovevano lavorare molto più duramente producendo cibo sia per se stessi che per Atene e avevano pagare di più per il loro grano essendo in diretta moquette con gli Ateniesi. Era quindi nell'interesse di Atene sostenere l'autorità dell'establishment locale contro i contadini locali.

Roma non ha prodotto nulla. Ha inviato i suoi eserciti nei paesi produttori di grano e li ho "tassati". Questo metodo di furto non ha bisogno del supporto dell'élite locale, come ha scoperto Boadicea. Quando la popolazione romana declinò nel III sec. Roma non aveva più bisogno delle vaste terre di grano. L'Impero Romano declinò e cadde. E con il declino della popolazione, la tecnologia è regredita, come ci si potrebbe aspettare.

"La caduta di Roma si è manifestata nel ripristino di una cultura progettata non per la coltivazione ma per lo sfruttamento della natura selvaggia". (Duby)

La Gran Bretagna ha utilizzato una miscela dei due sistemi. Si è procurata un impero e si è industrializzata. Entro la fine del 18° secolo la sua popolazione era in forte aumento. La grave carenza di legname rese infine necessario scavare carbone su larga scala e costruire la vasta rete di canali, strade e ferrovie necessarie per trasportarlo, e altre necessità, in tutta la Gran Bretagna. Mai prima o dopo una popolazione ha lavorato così duramente durante la costruzione di questa infrastruttura. Solo quando fu terminato il lavoro minorile fu messo fuori legge. Ancora una volta la scarsità di risorse naturali ha prodotto nuove tecniche che richiedono più manodopera.

Pensiamo di lavorare meno duramente dei popoli del passato perché ci confrontiamo con quei giorni della prima Rivoluzione Industriale; ma quel periodo fu eccezionale

Nell'antica Grecia,

"l'effetto dei periodi di dormienza significava che per quasi metà dell'anno c'era poco da fare nelle fattorie". (A. French)

Nelle Fiandre medievali i lanieri erano tra i più poveri e laboriosi d'Europa.

“le feste erano frequenti poiché tutti i giorni santi erano solitamente fissati come giorni di riposo obbligatori... Anche quando si osservavano solo i giorni degli apostoli, la vacanza annuale totale sarebbe stata più lunga di adesso, soprattutto perché il lavoro comunemente si interrompeva alla campana della cena di mezzogiorno nella veglia (il giorno prima) o in ogni festa... Le ordinanze di Arras decretavano che non si lavorasse per quattro giorni a Natale, otto giorni a Pasqua e otto a Pentecoste”. (Camb.Econ.Hist.Eur.)

I contadini, naturalmente, lavorano meno duramente.

“A Thaxsted un virgore aveva lavorato 137 giorni in inverno e in estate (complessivamente) più 38 giorni di stagione del raccolto, sulla base di cinque giorni alla settimana, quattro settimane di vacanze a Natale, Pasqua e Pentecoste e 61 giorni di santi in inverno e in estate e 4 nella stagione del raccolto”. (N.Kenyon)

La Gran Bretagna doveva importare cibo o sarebbe morta di fame. Le persone a cui esportavamo non avevano assolutamente bisogno delle nostre merci, quindi dovevamo produrle cotone nel Lancashire, posate a Sheffield, a un prezzo più basso di quanto avrebbero potuto produrle loro stessi. Abbiamo dovuto lavorare più duramente di loro con l'apporto di più manodopera, compresi più investimenti in macchinari e più infrastrutture. Questo per quanto riguarda l'etica del lavoro protestante e il nativo pigro.

Inoltre, poiché nessuno cresce più del necessario, i paesi produttori di cibo hanno dovuto lavorare di più per produrre sia per se stessi che per noi. Come ad Atene, abbiamo barattato con l'elite locale a scapito della disoccupazione e dell'aumento dei costi alimentari degli abitanti locali. Non è diverso oggi.

Intorno al 1870 iniziò la Grande Depressione che durò vent'anni e nessun economista lo ha spiegato. Intorno al 1870 il mais iniziò ad arrivare dall'America e poiché era molto più economico, la Gran Bretagna non doveva produrre così tanti beni per acquistare il cibo necessario. La domanda di acciaio è crollata ecc.ecc.

Gli economisti non lo spiegavano perché pensavano che l'oggetto della produzione fosse il consumo e non l'acquisizione di risorse naturali. Ma in questo caso la popolazione britannica obbedì alla legge del minimo sforzo e lavorò solo quanto era necessario per stare al caldo e ben nutrita. La depressione è stata una depressione per il commercio e l'industria, ma non per la maggior parte della popolazione. I salari si sono stabilizzati ma i prezzi sono scesi. Non avevano bisogno di lavorare e non l'hanno fatto! Questo è un buon esempio di depressione commerciale che migliora la vita dell'uomo comune. Lo stesso era vero nel periodo successivo alla peste nera o alla depressione degli anni '30, quando l'80% della popolazione occupata godeva degli stessi prezzi più bassi.

Nel 1868 i giapponesi furono improvvisamente autorizzati dal loro stabilimento a commerciare con il mondo esterno, a importare cibo. Per due secoli c'erano state malnutrizione, carenza di cibo e carestia. Non c'era industria perché non c'erano risorse naturali in eccesso da acquistare. All'inizio le importazioni di cibo venivano pagate in oro finché non furono in grado di costruire un'industria di esportazione. Il loro miracolo economico è stato semplicemente la pressione repressa per cibo, carburante e materie prime per una popolazione densa.

Ho cercato di mostrare che il progresso e la crescita economica sono semplicemente funzioni della densità della popolazione, della necessità di stare al caldo e ben nutriti di fronte alle crescenti richieste dell'establishment, dittatoriale o democratico. E ho cercato di dimostrare che non è una strada a senso unico. Se la popolazione diminuisce in modo significativo, o se l'establishment diventa meno rapace, allora la tecnologia regredisce come durante i secoli bui dopo la peste nera, il periodo noto come l'età dell'oro del contadino, o nell'America del primo colonialismo o abbastanza recentemente nel sud America.

* * *

Ma se la crescita economica e il progresso sono i prodotti di un deterioramento della situazione, perché sembriamo essere più ricchi dei paesi sottosviluppati?

Parte del problema risiede nella definizione di povertà e tenore di vita. Il cacciatore-raccoglitore non conosce scarsità. Cibo e calore sono abbondanti. È stata definita la prima società benestante. Le uniche cose che un pigmeo prenderà dalla civiltà sono un coltello d'acciaio, tabacco e l'occasionale cappello a cilindro. Ha un prodotto interno lordo pro capite pari a zero. È caldo e ben nutrito; ha tutto ciò di cui ha bisogno o che vuole. Non ha soldi. Quanto è povero?

Gli abitanti dell'India o della Mongolia con un reddito di circa 100 sterline sopravvivono. In Gran Bretagna con un tale reddito saremmo morti di freddo e di fame entro due mesi. Il fatto è che in questi paesi meno sviluppati molto di ciò che è vitale per la vita è gratuito; legname, frutta e verdura selvatica, selvaggina, ecc. In Gran Bretagna dobbiamo pagare l'acqua. A Tokyo devono anche pagare l'ossigeno. Quindi non stiamo vivendo una bella vita semplicemente perché abbiamo un prodotto interno lordo elevato, qualunque cosa possano dire i politici.

Ho già dimostrato che il lavoro non crea ricchezza, quindi il numero di fabbriche o manufatti che abbiamo non è indice di prosperità. Ma la Gran Bretagna possiede una grande quantità di ricchezza potenziale. L'impero britannico tassava le sue colonie. Ha scremato il loro surplus e lo ha portato in Gran Bretagna, dove è stato convertito in edifici, mobili, quadri, ecc., Che conservano ancora la loro riserva di valore in termini di cibo, carburante e materie prime. In questa misura la Gran Bretagna è più ricca della maggior parte degli altri paesi.

In che misura gli ornamenti di una società benestante indicano ricchezza? Il 69% delle donne britanniche lavora e tre quarti appartengono alle classi più povere. Per lo più possono fare la spesa solo una volta alla settimana, così che per loro il frigorifero non è un lusso ma una necessità, e senza macchina come si fa a portare la scorta di una settimana a fare la spesa; e quando lavori tutto il giorno, lo stesso si potrebbe dire di recuperi o cibi pronti, ecc.

Una vera misura della ricchezza è la quantità di carne, frutta e verdura in una dieta. Oggi ci affidiamo sempre di più ai cereali e allo zucchero, la forma più economica di proteine ​​e calorie.

C'è un'altra ragione per cui potremmo sembrare più ricchi di quanto non siamo. Dal momento che la maggior parte del credito non ha il sostegno di risorse naturali, abbiamo acquistato auto con carta moneta che promette di pagare in cibo che non è stato ancora coltivato o carbone che non è stato ancora estratto o rame che non abbiamo ancora acquisito.

Sembra probabile che la Gran Bretagna sopravviva così, scambiando la sua riserva di valore accumulata dai vittoriani e vivendo di continuo.

Un altro aspetto dell'apparente ricchezza di un paese è che l'immagine che un paese dà non dice tutto. I film americani hanno dato l'impressione di una grande ricchezza generale. Come ho già dimostrato, un PIL elevato non è indicativo. Se c'è una grande ricchezza individuale, può essere solo a spese della popolazione generale. I magnati del petrolio sono ricchi perché i piccoli contadini e il lavoratore urbano nero, per esempio, sono poveri. Recentemente è stato riscontrato nel sud-ovest il kwashiorkor, una malattia della malnutrizione.

I paesi sottosviluppati sono certamente poveri, non perché abbiano un PIL basso o perché abbiano pochi manufatti per fungere da riserve di valore, ma poveri perché le loro risorse naturali vengono vendute all'estero con profitto alla sola élite locale, creando alti prezzi locali; e poveri perché l'importazione di manufatti provoca disoccupazione. Sono poveri perché siamo ricchi: sono disoccupati perché siamo occupati.

* * *

Il problema immediato oggi è considerato come far uscire il mondo dalla recessione e quindi fornire occupazione e creare ricchezza. La soluzione è considerata quella di convincere le principali economie a reflare (stampare denaro) in sincronia, dando così ai consumatori più potere di spesa per consentire loro di acquistare più auto e frigoriferi da altri paesi (noi) e quindi creare occupazione e ricchezza. Gli economisti ritengono che se una fabbrica ha prodotto un'auto, ha creato ricchezza che può essere spesa per creare ancora più ricchezza. Secondo le loro teorie, l'auto nuova può essere acquistata con l'auto che è stata costruita vent'anni prima e che ora sta lentamente diventando ruggine.

Gli economisti credono che se la Germania e il Giappone reflazionano (stampano denaro), la loro popolazione acquisterà i nostri prodotti, dandoci lavoro per fare cose da comprare per loro, ecc. Ma Germania e Giappone non sono così stupidi. L'America sì: ha stampato miliardi e, sorpresa, sorpresa, ha l'inflazione.

Gli economisti credono che il lavoro crei ricchezza e pensano che il boom prolungato dal 1940 al 1970 dia loro ragione. Ma sembra molto più probabile che la recente crescita economica sia stata comprata dal vasto credito esteso keynesiano. Abbiamo comprato frigoriferi e macchine che producono frigoriferi e pagato i loro produttori con cartamoneta promettendo di pagare con risorse naturali inesistenti. Abbiamo creato occupazione con il credito e ora le nuove restrizioni sull'offerta di moneta stanno rallentando quel credito, causando disoccupazione.

Il secondo grande problema economico è considerato come rendere i paesi sottosviluppati ricchi quanto quelli sviluppati. Per noi c'è una risposta semplice e scomoda: uscire, smettere di comprare da loro cibo e materie prime, che ridurrebbero i loro prezzi e la loro necessità di lavorare tanto per nutrire se stessi e noi; e smettere di vendere loro i nostri manufatti, che ridurrebbe la loro disoccupazione.

Il risultato sarebbe che moriremmo di fame e avremmo una disoccupazione alle stelle. Fortunatamente per noi non c'è alcuna possibilità immediata che questa politica venga messa in pratica, poiché danneggerebbe troppo le loro élite. L'unica cosa che dobbiamo temere è l'improbabile possibilità di una riforma agraria per cui i latifondi sono divisi in appezzamenti occupati dai proprietari.

L'unico vero modo per aiutare i paesi sottosviluppati è ridurre la nostra popolazione fino a diventare autosufficienti

* * *

A poco a poco in ogni paese il diritto divino dei re divenne inaccettabile e le leggi dell'obbedienza del re furono tranquillamente trasferite a un'oligarchia eletta e per il momento sono generalmente accettate dalla popolazione, anche se tale potere di chiedere obbedienza era svanito poiché pochi governi oggi affermano di essere divinamente ispirati.

Ma senza l'ispirazione divina è necessario che i governi convincano la popolazione che hanno accesso a una conoscenza più elevata di quella generalmente disponibile. Questo è il motivo dell'elevazione dell'esperto a santità, l'esperto ha sostituito il sacerdote, ma i suoi piedi di creta stanno diventando sempre più visibili.

Mentre continuano a esigere Cieca Obbedienza alle proprie leggi, sono consapevoli della sua invalidità. Al processo di Norimberga l'appello dei leader nazisti di obbedire solo agli ordini fu respinto.

Ma anche se si accetta la legittimità dello stato-nazione, le sue politiche non possono funzionare. Il presupposto delle società capitaliste è che se i capitani d'industria fanno fortune, allora quel denaro "gocciolerà" ai poveri e tutti diventeranno più ricchi. Ho mostrato che poiché il lavoro non crea ricchezza, e poiché la ricchezza è solo risorse naturali e quindi limitate, un uomo può essere ricco solo prendendo ricchezza da un altro. La ricchezza, in teoria, non può mai "gocciolare", e l'esperienza nel corso dei secoli lo ha dimostrato nella pratica. Anche gli economisti stanno ora rifiutando la teoria del "gocciolamento".

Quindi il capitalismo non potrà mai produrre una società più egualitaria. Non potrà mai produrre più occupazione per tutti poiché l'occupazione dipende dalla fornitura di risorse naturali e non da una mistica fiducia delle imprese.

Il socialismo e il capitalismo fanno lo stesso errore. Presumono che l'industrializzazione aumenterà la ricchezza. Ma il lavoro non crea ricchezza. La muove solo un po'. Quindi chi ottiene più materie prime, è più ricco solo perché altri sono più poveri. Se aumentano l'occupazione, è solo a scapito della disoccupazione di altri paesi. Abbiamo ospedali e teatri perché i paesi più poveri muoiono di fame.

In questa analisi del progresso, ho cercato di mostrare che la crescita economica è il mezzo attraverso il quale otteniamo risorse naturali dai paesi meno densamente popolati per evitare di avere freddo e fame. Non è una misura della ricchezza; è una questione più complessa. Non abbiamo scelto la crescita economica, ci siamo stati costretti. Ma sia il capitalismo che il socialismo presuppongono che sia un fine desiderabile in sé stesso. Le loro politiche economiche sono orientate a favorire qualcosa che di fatto è prodotto dal deterioramento delle circostanze di una popolazione in aumento; in modo che non ci sia modo che possano migliorare la vita e aumentare la crescita economica allo stesso tempo. Le due cose sono contraddittorie.

Ma altrettanto inevitabile del fallimento economico degli attuali sistemi politici è il loro fallimento in campo sociale. L'aumento del tasso di criminalità è causato, secondo la destra, dalla fine delle punizioni corporali e dall'attenuazione del criminale. La sinistra dice che è causato dalla povertà. Entrambi sbagliano. È causato dalla fine della sanzione religiosa e dalla fine della sanzione comunitaria.

Non crediamo più all'inferno, così se i sacerdoti minacciano fuoco e zolfo per farci comportare bene, non ne restiamo colpiti. Ma, cosa ancora più importante, i nostri nonni non abitano più nella porta accanto e i nostri zii non vivono più in fondo alla strada. Quindi, se ci comportiamo male, la loro disapprovazione ha meno influenza, ci vergogniamo meno.

In una piccola comunità dove tutti conoscono tutti gli altri, se Johnny Jones decide di scroccare mele, e se la signora Smith lo vede, saprà che lo dirà a sua madre. Ci penserebbe due volte. E se Johnny fosse stato sorpreso, suo padre sarebbe stato oggetto di una certa quantità di critiche umoristiche nel suo locale quella sera. Sarebbe andato a casa e avrebbe convinto Johnny a non rifarlo. Ma in una società anonima, la signora Smith non conosce Johnny né la madre di Johnny, e suo padre non beve nello stesso locale, né lavora con i vicini. Non ci sono sanzioni per Johnny.

Il capitalismo, rimuovendo l'eccedenza dalla periferia al centro, ha disgregato i villaggi e costretto la popolazione in città anonime. Il socialismo e lo stato sociale non sono migliori. Quando lo Stato paga una pensione di vecchiaia, ad esempio, il pensionato non fa più affidamento sulla comunità o sui suoi figli. I bambini possono andarsene e il pensionato muore solo. I nipoti saranno cresciuti senza l'affetto e l'approvazione senza pretese dei nonni, delle zie e degli zii. Un bambino di genitori troppo forti ora è totalmente solo, costretto a rimanere solo dal Welfare State, a crescere nevrotico, insicuro e delinquente. Naturalmente la maggior parte dei bambini può farcela. Ma bastano pochi delinquenti perché la società sia invivibile.

Quindi, a meno che non ricostruiamo le piccole comunità indipendenti, ci stiamo dirigendo verso il totale crollo sociale e nessuna quantità di fustigazioni o ridistribuzioni di ricchezza lo eviterà

* * *

Di solito si sostiene che la disciplina è essenziale per il funzionamento efficiente di qualsiasi organizzazione. Una società gerarchica e disciplinata dipende da un presupposto attentamente coltivato che sia naturale e necessario. Ho già dimostrato che non è particolarmente naturale. È necessario?

Suggerisco che il lavoro svolto sul campo dai Servizi Sociali sia svolto in modo efficiente nonostante e non a causa della struttura gerarchica. Se le direzioni degli Ospedali per Anziani e le direzioni dei Servizi Sociali fossero colpite dall'indisposizione, il personale andrebbe avanti allegramente. Sono responsabili, intelligenti e coinvolti. La gestione in questo caso è chiaramente superflua, così che l'obbedienza è altrettanto superflua.

Né la gestione è particolarmente intelligente e più in alto si va, meno è particolarmente intelligente, perché più lontano da terra viene presa la decisione, minori sono le possibilità che sia giusta. Si è detto, ad esempio, che tutte le principali decisioni prese dai governi britannici negli ultimi cento anni sono state sbagliate. E in una stretta struttura gerarchica, una decisione sbagliata presa in fondo, contestata, è destinata per motivi disciplinari ad essere sostenuta fino in fondo. In un recente caso due operatori informatici del London Transport, sono stati puniti per aver dipinto una stanza di riposo senza permesso. Non era la pittura ad essere in questione, ma la disciplina. I casi sono stati trattati attraverso tutte le fasi del nostro meccanismo disciplinare concordato in cui il motivo era che gli uomini avevano disobbedito alle istruzioni. Si noti che se fosse una cosa buona o cattiva dipingere la stanza non era considerata rilevante. L'obbedienza era l'unico problema e la decisione, giusta o sbagliata, era destinata, per motivi disciplinari, ad essere sostenuta fino in fondo. L'intera "macchina disciplinare" è una farsa astuta e totalmente fraudolenta. Le regole sono fissate per consentire all'individuo nessuna possibilità. Accuratamente non dichiarata, ma provata nei tribunali, è l'implicita richiesta di cieca obbedienza in ogni contratto di lavoro.

Le istituzioni sostengono la finzione che qualsiasi decisione possa essere messa in discussione appellandosi a un'autorità superiore, ma anche quando ciò accadrà effettivamente, richiederanno comunque una cieca obbedienza alla decisione della massima autorità.

Quindi l'obbedienza non è per l'efficienza, ma per il mantenimento del potere dell'establishment. Per esempio, quando colonizzammo l'Africa, era impossibile far valere la nostra autorità, (togliere l'eccedenza con la tassazione) senza un capo, quindi doveva essere imposto a uno di agire come ostaggio per l'obbedienza di ogni villaggio.

"Quando i capi si dimostravano recalcitranti o inesistenti, venivano sostituiti o insediati da candidati coloniali", (B. Davidson)

In quanto carota, il capo riceveva privilegi e contanti extra, una retribuzione più alta. Era nell'interesse dei colonizzatori avere un capo; era nell'interesse dei capi; non era in nessun altro.

L'unico scopo della disciplina e dell'obbedienza è mantenere il potere dell'élite

Siamo stati condizionati per centinaia di anni a credere che siamo troppo incompetenti, troppo stupidi, per essere responsabili delle nostre vite, che dobbiamo essere guidati, che dobbiamo avere dei leader. Sei così incompetente? Sei così stupido? E se pensi di non esserlo, chi sei tu per dire che lo sono tutti gli altri? Mentre tutti rifiuteranno con rabbia l'idea di essere totalmente inadeguati, diranno felicemente che a tutti gli altri deve essere detto esattamente cosa fare, che hanno bisogno di leader. Cresci! Prendi in carico la tua vita e lascia che gli altri si prendano cura della loro; sei abbastanza grande ora per fare a meno dei leader.

Dopo tanta inettitudine dei governi, non hai cominciato a rendersi conto che i tuoi leader sono solo comuni mortali e non sanno meglio di te come gestire la tua vita? Non ti sei ancora reso conto che gli economisti semplicemente non capiscono l'economia, che gli psicologi non capiscono la natura umana, che gli esperti di educazione non sanno nulla di insegnare ai bambini? Quanto caos accetterai prima di dire loro di svolazzare via?

Coloro che hanno paura di fare a meno dei leader sono la causa dei nostri problemi. Quindi siamo bloccati con politici che ci guidano con carismatica bravura da una crisi all'altra. Non sono dei; i loro esperti non sono infallibili. Quante altre leggi ridicole devono approvare prima che diciamo loro di strisciare di nuovo sotto le loro pietre? Se le società primitive possono fare a meno dei leader, perché noi no?

* * *

La civiltà ha raggiunto uno spartiacque. Per la prima volta in migliaia di anni nella storia dell'umanità, i popoli cominciano a mettere in discussione l'esistenza degli dèi e il diritto degli altri a pretendere obbedienza cieca, il potere di ordinare la propria vita. Lentamente e con forza, in Eritrea, in Bretagna, in Scozia, nelle associazioni di quartiere d'America. Nelle isole dei Caraibi, gruppi più piccoli stanno erodendo il potere dei Leviatani. Dalla metà del XX secolo la dimensione media dello Stato è andata diminuendo. Ma il processo è lento; i governanti sono riluttanti ad abdicare al potere.

La devoluzione è inevitabile, ma il processo potrebbe essere traumatico come indolore. Se le attuali politiche dei governanti proseguiranno molto più a lungo, ci sarà un crollo sociale ed economico e milioni di persone soffriranno e moriranno. La Società Naturale sarà raggiunta ma il processo sarà agonizzante.

Se la devoluzione viene spinta in avanti con tutta la velocità deliberata, l'incidente potrebbe essere evitato; ma non c'è troppo tempo. Con un voto minimo per qualsiasi candidato che offre più devoluzione, che è contro il mercato comune, per esempio, qualunque siano le sue altre politiche idiote. Ma affinché gli eventi non superino questo lento processo, uscite, trovate altri e insieme proponete idee per rafforzare la vostra comunità, per resistere all'interferenza del governo e della burocrazia. Dovete persuadere gli altri che i problemi della società risiedono non nell'idea di destra o di sinistra, ma nell'intero sistema centralizzato.

Ma se hai intenzione di formare un gruppo, fai attenzione a non eleggere un comitato. Non assegnare al potere a una cricca interiore, e senza regole! Non permettere alla maggioranza di tiranneggiare la minoranza. L'azione deve essere consensuale.

Se vogliamo onestamente la pace e la felicità, non c'è altra alternativa che la Società Naturale. Non sarà sofisticato, ma non puoi liberarti della povertà, della guerra o dell'infelicità senza perdere le tue discoteche e i tuoi concerti sinfonici. Sono tutti figli della stessa tirannia, obbedienza ai governanti.

Le regole proteggono i governanti, non i governati. Queste parole suoneranno in tutto il mondo e cambieranno quel mondo. Le istituzioni non saranno più in grado di derubare i popoli dei loro possedimenti, di tiranneggiarli con le loro teorie e filosofie perché i loro giorni al sole sono quasi finiti, e il loro mondo ipocrita e predatore sarà sostituito da un mondo più gentile e onesto, da una pacifica, società naturale.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

🎥 Libere Comunità incontra Patria Socialista - intervista e dibattito con Igor Camilli

La vita ci regala emozioni e momenti bellissimi, ma allo stesso tempo ci pone davanti a ostacoli e sfide che ci mettono in grande difficoltà.

L’importante è farsi trovare pronti, soprattutto a livello mentale, in modo da trovare dentro di noi la forza per superarli.