Disegno del frontespizio del Leviatano che Hobbes diede a Carlo II

C'è... qualcosa di degradante nel sottomettersi a un politico, o passare attraverso la sciocca farsa di fingere che il "servizio pubblico" sia un'occupazione particolarmente onorevole, o essere costretti a scegliere quale banda di briganti, mediocri, facoltosi avvocati e (Dio ci risparmi) idealisti controllare i nostri destini per i prossimi anni.

Ma un re, cioè un re senza alcun potere reale, è un'istituzione così nobilmente arbitraria, così tenera e organicamente umana. È facile dare la nostra fedeltà a qualcuno la cui unica pretesa è un caso ereditario, perché allora è un gesto gratuito di affetto spontaneo che non richiede alcun elemento di autoinganno, e che non comporta l'umiliazione di dover chiedere essere governato.

Il re ideale sarebbe un po' come il re degli scacchi: il pezzo più inutile della scacchiera, che occupa la sua casella semplicemente per impedire a qualsiasi altro pezzo di farlo, ma che in qualche modo è ancora l'intero gioco. C'è qualcosa di decisamente sacramentale nella sua impotenza strategica. E c'è qualcosa di fortunatamente galante nel prestare la propria fedeltà a qualche povero ditherer consanguineo le cui passioni principali sono la porcellana di Dresda e la storia della pesca con la mosca, ma che tuttavia, del tutto ex opere operato, è anche il portatore della dignità della nazione, l'unta incarnazione del genio gentis - una specie di totem o, meglio, mascotte.

Dal saggio di David Bentley Hart “Anarcho-Monarchism” per la rivista First Things, 11 dicembre 2010

Introduzione

Prima di iniziare un discorso che riguardi qualcosa sulla questione sempre vessata del rapporto intrecciato tra monarchia e democrazia elettorale, ho bisogno di notare qualcosa su politica e religione. È fondamentale ricordare che in Regno Unito sono sempre stati indissolubilmente mescolati in qualche modo. Ricorda dai tuoi giorni di scuola che i nostri re e regine credevano di governare per "diritto divino". Ecco come Giacomo VI di Scozia (1566–1625), alias Giacomo I dall'unione delle corone scozzese e inglese il 24 marzo 1603 fino alla sua morte nel 1625, mise la questione in un discorso al parlamento nel 1610:

Lo stato di monarchia è la cosa suprema sulla terra, perché i re non sono solo luogotenenti di Dio sulla terra e siedono sul trono di Dio, ma anche da Dio stesso sono chiamati dèi. Ci sono tre principali [confronti] che illustrano lo stato della monarchia: uno preso dalla parola di Dio e gli altri due dalle basi della politica e della filosofia. Nelle Scritture i re sono chiamati dèi, e quindi il loro potere dopo un certo rapporto rispetto al potere divino. I re sono anche paragonati ai padri di famiglia; perché un re è veramente parens patriae [genitore del paese], il padre politico del suo popolo. E, infine, i re sono paragonati alla testa di questo microcosmo del corpo dell'uomo.

La successiva guerra civile inglese (1642-1651) fu, principalmente, una lotta per la verità o meno di questa convinzione e, quindi, per quale fosse il modo appropriato di governare l'Inghilterra, una monarchia o una democrazia parlamentare. Era una questione di quale sistema le persone si sentissero meglio esprimere la volontà di Dio o avesse in qualche modo la sanzione divina e non dimentichiamo che Dio, come leggiamo da 1 Samuele 8, era registrato avvertendo il popolo contro i re.

1 Samuele 8:1-22: Dio dà a Samuele ragioni per cui scegliere un re sarebbe una cattiva idea. . .

Ora, oggi, sebbene nello spazio civico si tenda a non parlare di cose “come la volontà di Dio”, faremmo bene a ricordare il punto fatto da Carl Schmitt (1888–1985) che

«Tutti i concetti significativi della moderna teoria della lo stato sono concetti teologici secolarizzati» (Teologia politica p. 56).

Comunque sia, qui, in questo ambiente ecclesiale, noi (almeno in senso figurato) parliamo ancora in questo modo ed è importante ricordare che il nostro servizio si conclude settimana dopo settimana con le parole:

«Ora lo spirito di Gesù sia anche in noi, consentendoci di fare la volontà di Dio, e così dimorare nella pace di Dio»

Vale la pena riflettere attentamente su ciò che noi come congregazione stiamo cercando di dire/insinuare usando queste parole.

Comunque, sembra giusto dire che fino allo sviluppo relativamente recente di quella che potremmo chiamare politica tecnocratica, la questione come si fosse governati chiaramente non era semplicemente una questione laica, tecnica, ma sempre, invece, una questione teologica di principio e, quindi, religiosa.

Spero che questo renda abbastanza chiaro che il tipo di governo che ha la nostra nazione (l'Inghilterra, ndr) è una questione del tutto appropriata da considerare in un ambiente ecclesiale.

OK, con quell'importante punto generale toccato, posso iniziare adeguatamente con il mio argomento oggi.

Riflessioni irregolari

All'inizio di quest'anno (2018 d.C.) vi ho presentato quella che ritengo sia la nuova traduzione molto bella e utile e stimolante del Nuovo Testamento dello studioso americano e teologo ortodosso orientale David Bentley Hart (nato nel 1965).

In quel discorso che, come ricorderete, era un'esplorazione dell'idea che il pensiero e la pratica di Gesù potrebbero essere meglio descritti come anarchici, ho menzionato che Hart stesso è stato descritto come un anarchico, ma di un tipo insolito, un anarco-monarchico. Ora, questo mi ha incuriosito perché mi definisco anche un anarchico (sebbene, sia chiaro, di tipo Winstanley o Tolstoiano e non di Guy Fawkes, V per Vendetta, uomo mascherato con una varietà di cocktail molotov). Ricordo che, in una battuta a parte, ero alquanto sprezzante nei confronti della possibilità che una tale posizione anarco-monarchica potesse essere una proposta del tutto coerente. Dopotutto, la parola anarchia significa, letteralmente, senza (an-) un capo o leader (arkhos) e questo non sembra allinearsi in alcun modo con la monarchia.

Ma, nonostante il mio iniziale rifiuto, una o due idee dal saggio di Hart hanno continuato occasionalmente ad occupare i miei pensieri negli ultimi due mesi.

Ora, anche se non sono attivamente un antimonarchico, ceteris paribus (cioè a parità di condizioni), se in un mondo ideale mi fosse data una scelta semplice e binaria tra una monarchia e una res-pubblica, sceglierei ogni volta una Repubblica; per voltarmi di spalle, alla Guerra Civile, tendo a vedermi più come un figlio di Oliver Cromwell che di re Carlo I. 

Ma io, noi, non viviamo in un mondo ideale e le cose, ovviamente, non sono mai uguali in il mondo reale vissuto e non ci sono quasi mai semplici scelte binarie davanti a noi. Come Hart nota ironicamente

. . . come è sempre il caso qui sotto nella regio dissimilitudinis (regione della dissomiglianza). . . Il vino più dolce bevuto dalla coppa della beatitudine viene mescolato con un amaro sorso di dolore (ahimè, ahimè).

Quindi non sono davvero un Cromwell bambino - questo, mi rendo conto, è solo un'illusione - in verità sono figlio di un abbozzo intero, misto, amaro che è la storia sanguinosa e altamente conflittuale che ha portato allo strano - unico anche - la monarchia costituzionale che abbiamo oggi e, che mi piaccia o no, non ho altra scelta che articolare le mie riflessioni oggi al suo interno.

Ora, mentre procedo, usando Hart per aiutare a provocare alcuni pensieri irregolari, ricorda che scrive nel contesto degli Stati Uniti ma lo fa sempre con un grande amore, conoscenza e rispetto della Gran Bretagna. Quello che spero è che la sua prospettiva americana possa aiutare me (e forse te) a rivalutare in qualche modo la mia prospettiva.

Hart inizia il suo saggio ambientando la scena tramite una lettera intrigante di JRR Tolkien in cui delineava in modo abbozzato la propria posizione anarco-monarchica. La scena ambientata, a metà del saggio di Hart, osserva - e con lui sono pienamente d'accordo, che

se uno dovesse ideare un sistema politico da zero, sapendo qualcosa della storia e molto della natura umana, il tipo di persona che si vorrebbe principalmente, se possibile, **escludere** dal potere sarebbe il tipo di persona che più lo desidera e che è più disposto a fare un grande sforzo per acquisirlo. Con tutti i mezzi, trascina un riluttante Cincinnato [c.519–c.430 aC, un patrizio romano, statista e capo militare della prima Repubblica] dai suoi campi quando i Volsci sono alle porte, ma poi permettigli di ritirarsi di nuovo al suo esilio arabile quando la crisi è passata; per l'amor di Dio, però, non cedere mai i fasci [un simbolo romano di potere] a chi tende avidamente la mano per prenderli.

Tuttavia, come continua Hart, "il nostro [attuale] sistema ci obbliga a elevare alla carica proprio quelle persone che hanno la sfrontatezza ossessionata dall'ego per chiederci di farlo":

. . . è un po' come essere costretti a cedere il volante all'ubriacone sul sedile posteriore proclamando ad alta voce che sa come arrivarci in metà tempo. Più precisamente, dal momento che il nostro ciclo elettorale perpetuo ora è in gran parte una questione di riconoscimento del prodotto, pubblicità e strategie di marketing, dobbiamo accontentarci spesso di votare per persone disposte a mentirci con una certa regolarità o, se non quello, almeno per parlarci in modo evasivo e non sincero. In un mondo migliore e più puro — il mondo che non può essere — l'ambizione sarebbe una squalifica assoluta per l'autorità politica.

Ancora una volta, mi ritrovo completamente d'accordo con Hart su questo argomento – non ultimo perché ci sono reali parallelismi con la nostra situazione nel Regno Unito – ma, come Hart conclude questa sezione del suo saggio: 

Eppure dobbiamo scegliere, in un modo o nell'altro. Anche l'allegro ricorrente che non vota affatto, o getta un voto nel fango di qualche terza parte come protesta, sta ancora facendo una scelta con conseguenze, per quanto piccole. E nessuno degli altri sistemi politici offerti nel mondo moderno è un'alternativa che qualsiasi persona sana di mente desidererebbe; quindi non possiamo semplicemente sradicare del tutto la nostra classe politica e sperare per il meglio (comunque, chi ripulirebbe dopo?).

È a questo punto del suo saggio che introduce i paragrafi che hai sentito prima su un re. Ma diventa subito chiaro che non sta parlando del tipo di monarchi che sono immaginati in 1 Samuele 8 che erano molto simili a quelli che avevamo qui prima della guerra civile, e nemmeno di quelli che vennero dopo la Restaurazione del 1660 o i cosiddettiGloriosa Rivoluzione del 1688. Il re ideale di Hart è invece, ricordiamolo, come il re in una partita a scacchi, "il pezzo più inutile della scacchiera, che occupa la sua casa semplicemente per impedire a qualsiasi altro pezzo di farlo, ma che in qualche modo è ancora l'intero gioco".

Hart sta dicendo che è leale a questo tipo di "re" che siede al centro del suo "anarco-monarchismo".

Ora Hart è assolutamente chiaro che nulla di tutto ciò dovrebbe essere considerato "un vero programma di azione o riforma politica". Ma, dato questo, sorge la domanda sul perché mai si è preso la briga di scriverne in primo luogo? Ebbene, come osserva: "Dobbiamo tutti farci strada nel miglior modo possibile attraverso il deserto infuocato della storia, e coloro che lo fanno con l'aiuto delle "filosofie politiche" sono di due tipi.

Il primo tipo sono quelli

. . . le cui visioni politiche aleggiano in modo allettante vicino all'orizzonte, come miraggi invitanti, e che hanno la stessa probabilità di non uccidere l'intera carovana cercando di condurla in una di quelle oasi inesistenti.

Il secondo tipo sono quelli 

. . . i cui sogni politici sono solo nuvole rinfrescanti, che facilitano il viaggio con l'ombra magra di una critica dolcemente ironica, ma sempre sospese in alto, per sempre fuori portata.

Hart spera che la sua filosofia politica che, secondo lui, "deriva interamente dalle mie letture accurate di The Compleat Angler e The Wind in the Willows" è di quest'ultimo tipo. (Quanto è ironico Hart a questo punto? Non lo so e me lo chiedo in quanto amante di entrambi questi libri - in effetti, ho trascorso i miei primi cinque anni di vita camminando e pescando curiosi lungo lo stesso tratto di River Lea che è l'ambientazione di The Compleat Angler).

Ora è assolutamente certo che le opzioni politiche a nostra disposizione sono in realtà molto più ricche e diversificate rispetto alla scelta binaria che ci offre qui, ma mi sembra che il punto retorico generale di Hart espresso mettendo davanti a noi solo due opzioni ci aiuti davvero a identificare qualcosa di estremamente degno di considerazione.

Perché ha sicuramente ragione nel suggerirci che le nostre attuali classi politiche - sia di sinistra, di destra o del cosiddetto centro neoliberista - sono piene del tipo di persone che semplicemente non dovrebbero governare. Sono persone ambiziose che ci stanno chiaramente offrendo visioni che sembrano molto probabili da non condurre la nostra intera carovana in oasi inesistenti che potrebbero uccidere molte persone lungo il percorso.

È anche chiaro che i nostri politici al governo non parlano nello spirito di Gesù il cui potere impotente, per ricordarvi il mio discorso della domenica di Pasqua, "è l'amore che muove il cuore umano per consenso". Né, se così si vuol dire, le loro azioni sono conformi alla «volontà di Dio» che, mediante l'esercizio della forza impotente dell'amore, tende alla creazione di un regno pacifico.

Amen.


Riferimenti: Some irregular thoughts on anarcho-monarchism—“The ideal king would be rather like the king in chess: the most useless piece on the board"


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Diario di uno Scemo del Villaggio

Pensavo davvero che un interesse per l'anarchia mi avrebbe circondato di persone dalla mentalità aperta. È stato così strano che molti non si siano nemmeno cimentati con il materiale di cui sono così critici. Forse questa è una cosa americana anti-intellettuale, e forse è un residuo del paternalismo marxista. Questo tipo di arroganza è ciò che allontana le persone dagli anarchici in generale. Questa necessità di avere ragione è una nozione religiosa totalmente puritana.

Uno sguardo all'Anarco-Capitalismo

Gli anarco-capitalisti possono essere definiti dei capitalisti classici? E soprattutto, possono essere definiti anarchici?

“Lo Stato, a differenza di quanto accade con una banda di malfattori, non è considerato una organizzazione criminale; anzi, solitamente i suoi tirapiedi hanno rivestito le posizioni più elevate nella società. Si tratta di una condizione che permette allo Stato di cibarsi delle proprie vittime e, al tempo stesso, di raccogliere il sostegno, o almeno l’acquiescenza, di gran parte di esse a questo processo di sfruttamento.”

 

(Murray Rothbard)

Lo stesso autodefinirsi "anarchici" dei principali esponenti dell'anarco-capitalismo è stato spesso contestato dagli altri movimenti anarchici. Nonostante ciò, gli anarco-capitalisti credono che la via da loro proposta sia la sola attraverso cui è possibile giungere a realizzare concretamente l'ideale di assenza dello stato cui tendono anche gli anarchici "tradizionali".

Anarchia Intellettuale

Autarchia è indipendenza. Non ci si riferisce soltanto al suo significato strettamente materiale legato alla produzione ma alla sua valenza più ampia ed assoluta. In tal caso il concetto di autarchia giunge fino alle più intime profondità dell’essere coinvolgendo la totalità degli aspetti della sua esistenza.

D'altronde come potremmo mai chiamare quell’aspetto dell’individualismo assoluto che sfocia in autonomia di pensiero, sincerità intellettuale e retto filosofare?

In un contesto socio-politico in cui la maggioranza della moltitudine manca di coraggio e volontà di potenza, qual è l’ostacolo più grande alla realizzazione di una futura società aurea?

Cripto-Anarchismo

Il criptoanarchismo - o criptoanarchia - è la realizzazione nel cyberspazio di una forma di anarchia mediante l'uso della crittografia. Assicurando la riservatezza, l'autenticità e l'integrità delle loro comunicazioni, il software crittografico offre agli individui una totale libertà di scambio garantendo il loro anonimato e il rispetto della loro vita privata.

Panarchia?! Che cos'è? Si mangia?

Nel suo articolo del 1860 "Panarchia" Paul-Emile De Puydt, che espresse anche il suo sostegno all'economia del laissez-faire, applicò il concetto al diritto dell'individuo di scegliere qualsiasi forma di governo senza essere costretto a spostarsi dal luogo in cui si trova attualmente. Questo è talvolta descritto come "extraterritoriale" (o "exterritoriale") poiché i governi spesso servirebbero appezzamenti di terreno non contigui.

Manifesto Antipolitico

Ci opponiamo alla politica giudicandola pratica di potere e riteniamo i partiti e gli esponenti politici dediti a interessi personali e non al bene comune.

Aristotele diceva che chi afferma l'inutilità della filosofia la può sostenere solo argomentando filosoficamente, così si potrebbe dire che colui che proclama la sua contrarietà alla politica, fa necessariamente politica.

Se vogliamo trovare un criterio unico valido per tutti ci dobbiamo riferire a ciò che nell'uomo è sempre presente e permane immutabile, cioè alla natura, che non è soggetta alle convenzioni umane.

Anarco Monarchismo

Il concetto di anarco-monarchia può sembrare l'ultima contraddizione in termini a molti, ma per altri può suscitare solo un senso di paradosso. Al pittore surrealista Salvador Dalì è stato chiesto, durante un'intervista televisiva, di dare un termine definitivo per esprimere le sue opinioni politiche, a cui ha risposto che era un monarchico-anarchico - con grande confusione dell'intervistatore.

Feudalesimo e Anarchia

Il concetto storico di feudalesimo non è esente da controversie. Molti studiosi moderni mettono in dubbio sia l'utilità che l'accuratezza del termine. Ciò è in parte dovuto al fatto che i sistemi feudali nelle diverse aree avevano strutture sociali e politiche divergenti, e quindi non rientrano perfettamente nella stessa categoria. Ma nonostante i molti modi in cui il feudalesimo variava da una località all'altra, alcune caratteristiche del termine sono abbastanza coerenti da meritarne l'uso, specialmente con qualche precisazione.

Libertà o Uguaglianza?

Si oppose alla Rivoluzione francese, al comunismo e al nazismo. Descrivendosi come un "arci-liberale conservatore" o "estremamente liberale", Kuehnelt-Leddihn ha spesso sostenuto che il governo della maggioranza nelle democrazie è una minaccia alle libertà individuali e si è dichiarato monarchico e nemico di tutte le forme di totalitarismo, sebbene sostenesse anche quelle che definiva "repubbliche non democratiche", come la Svizzera e i primi Stati Uniti.

🔈 Intervista ad Alessandro Marzo Magno

Il portale libertario è lieto di comunicare una speciale Intervista ad Alessandro Marzo Magno, scrittore, storico e giornalista, presso la Villa Aganoor Pompilj, Lago Trasimeno (Umbria).

Anteprima del libro in uscita per il trecentesimo anno dalla nascita di Giacomo Casanova.

L'Agorismo

L'agorismo, abbreviato in (Anarchia, Agorà, Azione), come ideologia politica riguarda più i mezzi che i fini. In breve, afferma che il modo migliore per raggiungere una società libera è attraverso i mercati neri e grigi. Fu proposto per la prima volta da Samuel Edward Konkin III alle conferenze CounterCon I nell'ottobre 1974 e CounterCon II nel maggio 1975.

Per gli agoristi è importante distinguere tra mercati grigi e neri e un "mercato rosso". L'agorismo supporta solo comportamenti legali ma al di fuori del quadro del sistema statale (mercati grigi) o illegali ma non intrinsecamente violenti (mercati neri), ma non supporta il commercio relativo a cose che violano il principio di non aggressione (il mercato rosso). Sostengono tutti gli usi della Controeconomia definendola come la somma di tutte le Azioni Umane non aggressive vietate dallo Stato.

Donatella Di Cesare - Decostruire l'Anarchia

Il testo seguente è stato consegnato per la prima volta come discorso durante Anarchē, una conferenza di due giorni curata dall'Istituto per l'indagine culturale a Berlino. Qui la filosofa italiana Donatella Di Cesare esplora la possibilità di liberare l'ontologia anarchica nascosta nella tradizione anarchica.

L'Anarchismo Idiosincratico di Lysander Spooner e il "Socialismo di Mercato"

Lysander Spooner è una figura importante nella storia del movimento per la libertà. Era un sostenitore del movimento operaio ed era persino un membro della Prima Internazionale in un momento in cui socialisti e anarchici coesistevano pacificamente all'interno di quel movimento. Forse una delle cose più interessanti di Spooner è che fu il primo a gestire una società privata in diretta concorrenza con l'ufficio postale degli Stati Uniti. Questo sforzo prevedibilmente fallì non perché l'American Letter Mail Company non potesse competere, ma perché Spooner era ostacolato dalla legge.

Herbert Marcuse e il pensiero anti-autoritario

Herbert Marcuse è stato uno dei pensatori più influenti del Novecento, soprattutto è nota la passione che per lui avevano gli studenti in rivolta nei tardi anni sessanta. Il suo pensiero, intrinsecamente anti-autoritario, rispecchiava la volontà di cambiamento radicale che animava la protesta dei giovani in tutto il mondo occidentale; il suo rifiuto di ogni forma di repressione, il suo secco no alla civiltà tecnologica (in entrambe le declinazioni liberal-capitalistica e comunista-sovietica), lo resero il filosofo del "grande rifiuto" verso ogni forma di repressione.

L’individualismo assoluto quale mezzo di affrancamento dall’oppressione dualistica

Cos’è la morale? In breve rappresenta l’insieme di valori ed atteggiamenti utili alla vita comunitaria. Ma se la vita comunitaria si basa su una morale menzognera ed innaturale imposta attraverso il giogo di un sistema politico artefatto il cui fine è la sola sopravvivenza dello stato, non implica che ciò che viene pubblicamente esposto ed esaltato come “bene” sia realmente ed oggettivamente tale.

Errico Malatesta - Contro la Dittatura del Proletariato (30 Luglio 1919)

Il testo che qui si riproduce è la lettera che Errico Malatesta scrisse da Londra a Luigi Fabbri in merito al tema della dittatura del proletariato che agitava il movimento operaio e rivoluzionario a seguito della Rivoluzione Russa. Con una certa cautela per una possibile evoluzione in senso libertario della Rivoluzione, ma anche con estrema chiarezza per quanto riguarda la realtà corrente, Malatesta chiarisce che la cosiddetta dittatura del proletariato altro non è che la dittatura del partito sulle masse popolari.

L'Anarchismo Spirituale nell'Anarca

L'Anarca è quell'individuo sovrano nato dalla mentalità fuori dal comune che attingeva dall'illimitato pozzo della storia, della filosofia e dell'arte.

Lui-lei è al di là della sinistra o della destra, si muove senza fine in modo nomade con libertà mutevole attraverso il pensiero, sintetizzando idee contrastanti. Ma sempre saldamente radicato nel nichilismo. Questo è il vero anarchico. La loro è l'anarchia che ha prodotto (e produce tuttora) una vasta sottocultura ermetica e letteraria sotterranea.