Le opere di John Zerzan criticano la civiltà agricola come intrinsecamente opprimente e sostengono il ricorso ai modi di vita dei cacciatori-raccoglitori come ispirazione per come dovrebbe essere una società libera. Gli argomenti della sua critica includono l'addomesticamento, il linguaggio, il pensiero simbolico (come la matematica e arte) e il concetto di tempo.

Vita e formazione

Nato nel 1943 a Salem, nell'Oregon, da immigrati cechi, ha conseguito la laurea in scienze politiche presso la Stanford University nel 1966. Dal 1967 al 1970, Zerzan ha lavorato come organizzatore sindacale per il Social Service Employee's Union di San Francisco. Zerzan è tornato a scuola e ha conseguito un master in Storia presso la San Francisco State University nel 1972. Ha completato i suoi corsi per un dottorato di ricerca presso la University of Southern California, ma ha abbandonato nel 1975 prima di completare la sua tesi.

Attivismo

Nel 1966, Zerzan fu arrestato mentre eseguiva disobbedienza civile a una marcia contro la guerra del Vietnam a Berkeley e trascorse due settimane nella prigione della contea di Contra Costa. Dopo il suo rilascio ha giurato di non essere mai più arrestato volontariamente. Ha partecipato agli eventi organizzati da Ken Kesey e dai Merry Pranksters ed è stato coinvolto nella scena musicale e delle droghe psichedeliche nel quartiere di Haight-Ashbury a San Francisco.

Alla fine degli anni '60 ha lavorato come assistente sociale per il dipartimento del benessere della città di San Francisco. Contribuì a organizzare un sindacato di assistenti sociali, la SSEU, e fu eletto vicepresidente nel 1968 e presidente nel 1969. Il gruppo locale situazionista Contradiction lo denunciò come un "burocrate di sinistra".

Nel 1974, Black and Red Press pubblicò Unions Against Revolution del teorico dell'estrema sinistra spagnola Grandizo Munis che includeva un saggio di Zerzan precedentemente apparso sulla rivista Telos. Nel corso dei successivi 20 anni, Zerzan è stato intimamente coinvolto con il quinto potere, Anarchy: A Journal of Desire Armed, Demolition Derby e altri periodici anarchici.

Ha iniziato a mettere in discussione la civiltà all'inizio degli anni '80, dopo aver cercato di affrontare questioni relative alla neutralità della tecnologia e alla divisione del lavoro, nel momento in cui Fredy Perlman traeva conclusioni simili. Vedeva la civiltà stessa come la radice dei problemi del mondo e che una forma di società di cacciatori-raccoglitori presentava il modello più egualitario per le relazioni umane con se stessi e il mondo naturale.

Zerzan divenne più ampiamente conosciuto durante il processo a Ted Kaczynski. Dopo aver letto il manifesto di Unabomber, Zerzan è andato in Colorado per vivere il processo e incontrare Kaczynski nel mezzo di un procedimento. Un giornalista del New York Times si interessò alle simpatie di Zerzan e pubblicò un'intervista che elevò il suo profilo nazionale. Kaczynski alla fine si separò da Zerzan e dagli anarco-primitivisti con la convinzione che le cause di sinistra fossero una distrazione.

Nel saggio di Zerzan "Whose Unabomber?" (1995), ha segnalato il suo sostegno alla dottrina Kaczynski, ma ha criticato gli attentati:

"La spedizione di ordigni esplosivi destinati agli agenti che stanno progettando l'attuale catastrofe è troppo casuale. Bambini, postini e altri potrebbero essere facilmente uccisi. Anche se si concedesse la legittimità di colpire lo spettacolo horror ad alta tecnologia terrorizzando i suoi indispensabili architetti, il danno collaterale non è giustificabile..."

Tuttavia, Zerzan nello stesso saggio ha offerto una difesa qualificata delle azioni di Unabomber:

"Il concetto di giustizia non deve essere trascurato nel considerare il fenomeno Unabomber. Infatti, fatta eccezione per i suoi obiettivi, quando mai i tanti piccoli Eichmann che stanno preparando il Brave New World sono stati chiamati a rispondere?... Non è etico cercare di fermare coloro i cui contributi stanno portando un assalto senza precedenti alla vita?"

Due anni dopo, nel saggio del 1997 "He Means It - Do You?", Zerzan scrisse:

"Entra in Unabomber e viene tracciata una nuova linea. Questa volta i bohémien schiz-fluxer, gli yuppies verdi, gli anarco-giornalisti hobbisti, gli organizzatori condiscendenti dei poveri, gli esteti nihilo alla moda e tutti gli altri "anarchici" che pensavano che i loro pretenziosi passatempi sarebbero andati avanti incontrastati all'infinito - beh, è ora di scegliere da che parte stai. Può darsi che anche qui ci sia un Rubicone dal quale non si tornerà più indietro."

In un'intervista del 2001 con The Guardian, ha detto:

"Ci saranno altri Kaczynski? Spero di no. Penso che l'attività sia nata dall'isolamento e dalla disperazione, e spero che non sarà qualcosa che le persone sentono di dover intraprendere perché non hanno altro modo per esprimere la loro opposizione al nuovo mondo coraggioso."

In un'intervista del 2014, Zerzan ha dichiarato che lui e Kaczynski "non erano più d'accordo". Ha criticato il saggio del 2008 del suo ex amico "The Truth About Primitive Life: A Critique of Anarchoprimitivism" e ha espresso disapprovazione per l'Individuals Tending Towards the Wild, un gruppo messicano influenzato dalla campagna di bombardamenti di Unabomber.

L'Irish Times ha pubblicato un articolo su Zerzan e ha descritto la sua ossessione psicologica per Ted Kaczynski l'Unabomber. Da allora molti anarchici si sono impegnati a combattere violentemente "ogni sistema legale che si sarebbe imbattuto in loro". Negli anni successivi al 2009, l'aspetto degli anarchici locali è cambiato considerevolmente dall'indossare abiti casual a abbigliamento mimetico e orientato alla battaglia.

Zerzan era associato alla scena anarchica di Eugene, in Oregon.

Pensiero

Le teorie di Zerzan attingono al concetto di dialettica negativa di Theodor Adorno per costruire una teoria della civiltà come costruzione cumulativa dell'alienazione. Secondo Zerzan, le società umane originarie del paleolitico e le società simili odierne come i !Kung e gli Mbuti, vivono una forma di vita non alienata e non oppressiva basata sull'abbondanza primitiva e sulla vicinanza alla natura.

Costruire queste società come un confronto istruttivo contro il quale per denunciare le società contemporanee (soprattutto industriali), Zerzan compie studi antropologici di tali società come base per una critica ad ampio raggio degli aspetti della vita moderna.

Ritrae la società contemporanea come un mondo di miseria costruito sulla produzione psicologica di un senso di scarsità e mancanza. La storia della civiltà è la storia della rinuncia; ciò che vi si oppone non è il progresso, ma piuttosto l'utopia che nasce dalla negazione di ciò.

Zerzan è un filosofo anarchico ampiamente associato alle filosofie dell'anarco-primitivismo, dell'anarchismo verde, dell'anticiviltà, dell'anarchia post-sinistra, del neoluddismo e in particolare della critica della tecnologia. Rifiuta non solo lo Stato, ma tutte le forme di rapporti gerarchici e autoritari. "Più semplicemente, anarchia significa 'senza regole'. Ciò implica non solo un rifiuto del governo, ma anche di tutte le altre forme di dominio e potere".

Il lavoro di Zerzan si basa fortemente su un forte dualismo tra il "primitivo" - visto come non alienato, selvaggio, non gerarchico, ludico e socialmente egualitario - e il "civilizzato" - visto come alienato, addomesticato, organizzato gerarchicamente e socialmente discriminatorio. Quindi,

"la vita prima dell'addomesticamento/agricoltura era in realtà in gran parte fatta di tempo libero, intimità con la natura, saggezza sensuale, uguaglianza sessuale e salute."

Le affermazioni di Zerzan sullo status delle società primitive si basano su una certa lettura delle opere di antropologi come Marshall Sahlins e Richard B. Lee. Fondamentalmente, la categoria dei primitivi è ristretta alle società pure di cacciatori-raccoglitori senza piante o animali domestici. Ad esempio, la gerarchia tra i nativi americani della costa nordoccidentale le cui attività principali erano la pesca e il foraggiamento è attribuita al fatto che avessero addomesticato cani e tabacco.

Zerzan chiede un "Futuro primitivo", una ricostruzione radicale della società basata sul rifiuto dell'alienazione e sull'abbraccio della natura selvaggia.

"Può darsi che la nostra unica vera speranza sia il recupero di un'esistenza sociale faccia a faccia, un decentramento radicale , uno smantellamento della traiettoria divoratrice, straniante, produttiva, high-tech che è così impoverente."

L'uso abituale dell'evidenza antropologica è comparativo e dimostrativo: la necessità o la naturalità degli aspetti delle moderne società occidentali è messa in discussione indicando controesempi nelle società di cacciatori-raccoglitori.

"La documentazione sempre crescente della preistoria umana come un periodo molto lungo di vita in gran parte non alienata è in netto contrasto con i fallimenti sempre più netti della modernità insostenibile."

Non è chiaro, tuttavia, se ciò implichi un ristabilimento delle forme letterali delle società di cacciatori-raccoglitori o un tipo più ampio di apprendimento dai loro modi di vita per costruire relazioni non alienate.

Il progetto politico di Zerzan prevede la distruzione della tecnologia. Traccia la stessa distinzione di Ivan Illich, tra strumenti che restano sotto il controllo dell'utente e sistemi tecnologici che attirano l'utente sotto al loro controllo. Una differenza è la divisione del lavoro, a cui Zerzan si oppone. Nella filosofia di Zerzan, la tecnologia è posseduta da un'élite che ha automaticamente potere sugli altri utenti; questo potere è una delle fonti dell'alienazione, insieme all'addomesticamento e al pensiero simbolico.

Il metodo tipico di Zerzan è quello di prendere un particolare costrutto di civiltà (una tecnologia, credenza, pratica o istituzione) e costruire un resoconto delle sue origini storiche, ciò che lui chiama i suoi effetti distruttivi e alienanti e i suoi contrasti con le esperienze dei cacciatori-raccoglitori. Nel suo saggio sul numero, ad esempio, Zerzan inizia contrapponendo l'enfasi "civile" sul contare e misurare con un'enfasi "primitiva" sulla condivisione, citando a sostegno il lavoro di Dorothy Lee sugli abitanti delle Trobriand, prima di costruire una narrazione dell'aumento di numero attraverso fasi cumulative di dominio statale, a partire dal desiderio dei re egiziani di misurare ciò che governavano. Questo approccio si ripete in relazione al tempo, disuguaglianza di genere, lavoro, tecnologia, arte e rituali, agricoltura e globalizzazione. Zerzan scrive anche testi più generali sull'anarchismo, sulla teoria primitivista, e critiche al "postmodernismo".

Zerzan è stato uno dei redattori di Green Anarchy, un controverso giornale di pensiero anarco-primitivista e insurrezionale anarchico. È anche il conduttore di Anarchy Radio a Eugene sulla stazione radio KWVA dell'Università dell'Oregon. Ha anche lavorato come redattore collaboratore presso Anarchy Magazine ed è stato pubblicato su riviste come AdBusters. Fa numerosi tour di conferenze in tutto il mondo ed è sposato con un consulente indipendente di musei e altre organizzazioni senza scopo di lucro.

Critiche

Nel suo saggio "Social Anarchism or Lifestyle Anarchism: An Unbridgeable Chasm", Murray Bookchin ha diretto la critica da un punto di vista anarchico alla prospettiva anti-civiltà e anti-tecnologica di Zerzan. Ha sostenuto che la rappresentazione di Zerzan dei cacciatori-raccoglitori era imperfetta, selettiva e spesso razzista con condiscendenza, che la sua analisi era superficiale e che le sue proposte pratiche erano prive di senso.

Oltre a Bookchin, esistono molte altre critiche anarchiche alle filosofie primitivista di Zerzan. L'opuscolo, "Anarchismo contro primitivismo" di Brian Oliver Sheppard critica molti aspetti della filosofia primitivista. Rifiuta specificamente l'affermazione che il primitivismo sia una forma di anarchismo.

Alcuni autori come Andrew Flood hanno sostenuto che distruggere la civiltà porterebbe alla morte di una maggioranza significativa della popolazione, principalmente nei paesi poveri. John Zerzan ha risposto a tali affermazioni suggerendo una graduale diminuzione della dimensione della popolazione, con la possibilità che le persone abbiano la necessità di cercare mezzi di sostenibilità più vicini alla natura.

Flood suggerisce che ciò contraddice le affermazioni di Zerzan altrove e aggiunge che, poiché è certo che la maggior parte delle persone rifiuterà con forza la presunta utopia di Zerzan, può essere attuata solo con mezzi autoritari, contro la volontà di miliardi.

Nel suo saggio "Ascolta l'anarchico!", Chaz Bufe ha criticato la posizione primitivista da una prospettiva anarchica, sottolineando che i primitivisti sono estremamente vaghi su esattamente quali tecnologie sostengono di mantenere e che cercano di abolire, osservando che il vaiolo è stato debellato grazie ai medici tecnologia.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

👁️ Guarda anche

Il Barone Selvatico

Lord Randal Plunkett è un barone irlandese che ha scelto di lottare per gli animali e l’ecosistema.

Ha trasformato 700 acri del suo parco a 40 chilometri da Dublino in un'area di riabilitazione e recupero di animali selvatici che ora accoglie di nuovo volpi, barbagianni, ermellini, gufi, aironi e sparvieri, cervi, volpi, lontre, tassi, martore, lepri: foreste, prati, torrenti e ruscelli selvaggi accolgono finalmente animali liberi. Sì, perché Lord Randal ha bandito la caccia (tradizione nobiliare per eccellenza nei secoli) in virtù della libertà di vivere.

Si chiama rewild, ed è un obiettivo comune ad aristocratici dal cuore puro (come il Duca del Bardo micronazione, se vogliamo restare in Italia): «Dovrebbe essere una pratica comune» racconta il Barone su VanityFair «Voglio aiutare a cambiare le cose».

Sorel, il primo Sindacalista Rivoluzionario

Afferma Sorel: «il socialismo è una questione morale, nel senso che esso porta alla luce un nuovo modo di giudicare gli atti umani, oppure, seguendo una celebre espressione di Nietzsche, una nuova valutazione di tutti i valori».

Il proletariato non ha bisogno di guide: autorganizzandosi, invece, può rendersi consapevole della sua funzione rivoluzionaria. Contro la tesi marxista del proletariato organizzato in un partito, Sorel auspica - senza per questo riprendere le idee anarchiche di Michail Bakunin ma semmai quelle di Proudhon, il primo anarchico - che l'azione diretta, senza mediazione alcuna, sia lo strumento dell'azione rivoluzionaria.

Manifesto Antipolitico

Ci opponiamo alla politica giudicandola pratica di potere e riteniamo i partiti e gli esponenti politici dediti a interessi personali e non al bene comune.

Aristotele diceva che chi afferma l'inutilità della filosofia la può sostenere solo argomentando filosoficamente, così si potrebbe dire che colui che proclama la sua contrarietà alla politica, fa necessariamente politica.

Se vogliamo trovare un criterio unico valido per tutti ci dobbiamo riferire a ciò che nell'uomo è sempre presente e permane immutabile, cioè alla natura, che non è soggetta alle convenzioni umane.

🎥 Libere Comunità incontra Patria Socialista - intervista e dibattito con Igor Camilli

La vita ci regala emozioni e momenti bellissimi, ma allo stesso tempo ci pone davanti a ostacoli e sfide che ci mettono in grande difficoltà.

L’importante è farsi trovare pronti, soprattutto a livello mentale, in modo da trovare dentro di noi la forza per superarli.

Diario di uno Scemo del Villaggio

Pensavo davvero che un interesse per l'anarchia mi avrebbe circondato di persone dalla mentalità aperta. È stato così strano che molti non si siano nemmeno cimentati con il materiale di cui sono così critici. Forse questa è una cosa americana anti-intellettuale, e forse è un residuo del paternalismo marxista. Questo tipo di arroganza è ciò che allontana le persone dagli anarchici in generale. Questa necessità di avere ragione è una nozione religiosa totalmente puritana.

Bakunin: lo Stato non è la Patria

Pochi sono al corrente del fatto che un illustrissimo pensatore e rivoluzionario, quale fu Bakunin, da molti considerato effettivo padre del movimento anarchico, abbia riflettuto parecchio sul concetto di patria e su come esso poteva essere conciliato con gli ideali libertari che lui propugnava; allo stesso modo in cui lo fece Mazzini in correlazione al repubblicanesimo. Bakunin che, consapevole del concetto di “identità et(n)ica”, non lo trascura e lo assimila nel suo pensiero, senza, per questo contraddirsi.

L'Anarco-Sindacalismo: Proudhon contro Marx

Mi ci sono voluti vari anni per leggere e comprendere le opere di Pierre Joseph Proudhon. Bakunin, Kropotkin, Malatesta e Goldman mi erano tutti familiari, quindi perché ero reticente sul "padre dell'anarchismo"? Alcuni di questi possono essere attribuiti all'influenza generale degli scritti di Marx sull'opinione pubblica. Marx ha fatto un lavoro di scure su Proudhon e marxisti come Hal Draper hanno preso citazioni fuori contesto o hanno tirato fuori dichiarazioni imbarazzanti che facevano sembrare Proudhon autoritario o proto-fascista.

🎥 Piantiamo una mimosa in occasione della Festa Della Donna 2022

L'8 Marzo 2022, alcuni sodali di Libere Comunità, si sono recati presso il Parco Della di Brusciano (NA) per piantare un albero di mimosa, in occasione della festa della Donna.

Le siepi morte aka dead hedges

Le siepi morte sono cumuli di rami e ramoscelli disposti a formare una barriera che vengono sempre più utilizzati come mezzo per smaltire il materiale derivante dalle operazioni di diradamento o disboscamento nei boschi. L'utilizzo di rami in eccesso in questo modo fa bene alla fauna selvatica, in particolare ai piccoli mammiferi e uccelli, perché offre loro un rifugio protetto dai predatori e dal vento e dalla pioggia. Va bene anche per gli insetti: le siepi morte in effetti creano un'eco-catasta perfetta per diversi tipi di creature. Si possono usare come copertura morta ad esempio per invitare le persone a rimanere sui sentieri pubblici e per scoraggiare le persone dal camminare attraverso aree sensibili di un bosco. In molte situazioni la siepe morta deve avere degli spazi vuoti per i sentieri dei cervi e per consentire a gestori e proprietari di aggirare il bosco, ma tutto è assolutamente non invasivo e perfettamente inglobato nell'ambiente.

Erbe spontanee: linfa naturale di selvaticità!

Cerco sempre di coinvolgere chi mi legge, in un rapporto più diretto con ciò che utilizziamo per la nostra salute e la nostra alimentazione. Dunque oggi vorrei parlarti delle erbe selvatiche come ingredienti da portare in tavola. Perchè? Te lo racconto subito, e ti porterò due testimonianze di care amiche che praticano la raccolta di erbe selvatiche.

L'Ecologia Profonda

L’Ecologia Profonda (o Ecosofia) è un movimento filosofico e di pensiero, una visione del mondo a sfondo panteista che richiede un profondo rispetto per tutti gli esseri senzienti (e quindi anche gli ecosistemi) e per tutte le relazioni che li collegano fra loro e al mondo cosiddetto “inanimato”.

Etnobotanica, perché studiarla è importante?

L'etnobotanica è lo studio delle piante di una regione e dei loro usi pratici attraverso la conoscenza tradizionale di una cultura e di un popolo locali. Un etnobotanico si sforza quindi di documentare le usanze locali che coinvolgono gli usi pratici della flora locale per molti aspetti della vita, come le piante come medicinali, alimenti, sostanze intossicanti e vestiti.

L’individualismo assoluto quale mezzo di affrancamento dall’oppressione dualistica

Cos’è la morale? In breve rappresenta l’insieme di valori ed atteggiamenti utili alla vita comunitaria. Ma se la vita comunitaria si basa su una morale menzognera ed innaturale imposta attraverso il giogo di un sistema politico artefatto il cui fine è la sola sopravvivenza dello stato, non implica che ciò che viene pubblicamente esposto ed esaltato come “bene” sia realmente ed oggettivamente tale.

Unabomber: la società industriale e il suo futuro

Nel 1971, Theodore John Kaczynski, detto Ted, si trasferì in una cabina remota senza elettricità o acqua corrente vicino a Lincoln, nel Montana, dove visse da recluso mentre imparava le abilità di sopravvivenza per diventare autosufficiente. Ha assistito alla distruzione della natura selvaggia che circondava la sua capanna e ha concluso che vivere nella natura stava diventando impossibile, decidendo di combattere l'industrializzazione e la sua distruzione della natura.

Là dove finisce lo Stato, comincia l'uomo che non è superfluo

Si chiama Stato il più gelido di tutti i mostri. Esso è gelido anche quando mente; e questa menzogna gli striscia fuori di bocca: "Io, lo Stato, sono il popolo".

È una menzogna! Creatori furono coloro che crearono i popoli e sopra di essi affissero una fede e un amore: così facendo servirono la vita.

Distruttori sono coloro che sistemano trappole per i molti e li chiamano Stato: su di essi affiggono una spada e cento cupidigie.

Dove ancora esiste, il popolo non capisce lo stato e lo odia come occhio malvagio e colpa contro i costumi e i diritti.

Anarco Monarchismo

Il concetto di anarco-monarchia può sembrare l'ultima contraddizione in termini a molti, ma per altri può suscitare solo un senso di paradosso. Al pittore surrealista Salvador Dalì è stato chiesto, durante un'intervista televisiva, di dare un termine definitivo per esprimere le sue opinioni politiche, a cui ha risposto che era un monarchico-anarchico - con grande confusione dell'intervistatore.

Flandrensis: mettiamo radici per il futuro!

🇪🇬 Possiedi un terreno e vuoi trasformarlo in un bosco? Contattaci! Il Consolato Estense del Gran Ducato di Flandrensis aderisce al piano d'Azione Ambientale per il futuro sostenibile tramite il bando per la distribuzione gratuita di piante forestali nell'ambito del progetto "Quattro milioni e mezzo di alberi in più: piantiamo un albero per ogni abitante dell'Emilia-Romagna"!

🌲 La Regione Emilia-Romagna prosegue nel progetto “Mettiamo radici per il futuro” con lo scopo di estendere le aree boschive e le foreste in generale, realizzare nuovi boschi e piantagioni forestali in prossimità dei corsi d’acqua, riqualificare sistemi agroforestali, siepi e filari in un contesto di valorizzazione del paesaggio e di fruizione pubblica del territorio.

Anarco Transumanesimo

L'anarco-transumanesimo è una filosofia che sintetizza l'anarchismo con il transumanesimo che si occupa rispettivamente della libertà sociale e fisica. Gli anarco-transumanisti definiscono la libertà come l'espansione della propria capacità di sperimentare il mondo che li circonda, possono sostenere varie prassi per far avanzare i loro ideali, tra cui l'hacking del computer, la stampa tridimensionale o il biohacking.

Cripto-Anarchismo

Il criptoanarchismo - o criptoanarchia - è la realizzazione nel cyberspazio di una forma di anarchia mediante l'uso della crittografia. Assicurando la riservatezza, l'autenticità e l'integrità delle loro comunicazioni, il software crittografico offre agli individui una totale libertà di scambio garantendo il loro anonimato e il rispetto della loro vita privata.

Il Federalismo Anarchico di Malatesta

Negli anni passati, ai tempi dell’Internazionale, si soleva spesso adoperare la parola federalismo come sinonimo di anarchia; e la frazione anarchica della grande Associazione (che gli avversari, i quali imbevuti di spirito autoritario sogliono abbassare le più vaste questioni d’idee a meschine questioni di persone, chiamavano l’Internazionale bakunista) era dagli amici chiamata indifferentemente l’Internazionale anarchica, o l’Internazionale federalista.