Indice articoli

McDonald's "prevale" nel lungo caso di diffamazione "McLibel" ma il giudice riconosce la fondatezza delle critiche su: sfruttamento dei bambini tramite la pubblicita', sfrutta con paghe bassissime i lavoratori, fa soffrire gli animali, alla fine gli avvocati della multinazionale lamentano una vittoria insignificante viste le conferme date anche in corte agli attivisti ed alla loro campagna oramai irrefrenabile.

Un giudice inglese ha determinato che nell'opuscolo intitolato "Che cosa c'e' di sbagliato in McDonald's; tutto quello che non vogliono farti sapere" che trovi interamente tradotto a questa URL: http://vivaldi.nexus.it/commerce/tmcrew/csa/l38/wwi/mcdonald/mcsbagli.htm la corporation americana e' stata in alcuni punti diffamata, mentre in altri le critiche che gli erano state rivolte anche dopo questo processo, il piu' lungo della storia dei processi civili inglesi, erano fondate!

Ha percio' condannato i due attivisti di London Greenpeace (un gruppo anarco-pacifista che non ha niente a che vedere con Greenpeace International) a pagare circa 150 milioni di lire alla Multinazionale degli Hamburger, cosa che difficilmente avverra' essendo i due attivisti due proletari, Helen Steel (31) fa la barista part-time e Dave Morris (43) faceva il postino ed e' attualmente disoccupato.

I punti dai quali il giudice ha motivato la sanzione sono questi:

non e' vera, per la corte, l'affermazione che McDonald's distrugge le foreste pluviali e sposta le piccole fattorie per dare spazio ai pascoli di bestiame nei paesi del Terzo Mondo. Il giudice ha anche messo tra le diffamazioni il fatto che il cibo di McDonald's era stato descritto come dannosso per la salute e che la multi mentiva sulle quantita' di materiale riciclato usato nelle confezioni.

MA IL GIUDICE HA ANCHE DICHIARATO CHE ALCUNE PARTI DELL'OPUSCOLO SONO VERE

Ha ritenuto colpevole la McDonald's di crudelta' nel trattamento degli animali, incluso il lasciare i polli per tutta la vita in uno spazio piccolissimo e lasciarli ancora coscienti mentre sono fatti a pezzi.

Il giudice e' anche d'accordo sul fatto che la McDonald's sfrutta i bambini proponendo delle campagne pubblicitarie puntate sui bambini per far si che essi trascinino i genitori all'interno dei "ristoranti".

Il giudice ha anche detto di aver constato che anche se molti i manager della McDonald's detestano i sindacati non e' giusto dichiarare che McDonald's ha una politica loro ostile (?)Ha pero' constatato che la multinazionale paga stipendi bassissimi che hanno fatto abbassare tutta la media del settore ristorazione ed anche che minaccia i lavoratori piu' giovani o piu' deboli mentre abbassa loro la paga nei periodi di crisi.

In questi anni di processo McDonald's ha speso 16 milioni di dollari per lustrare il nome della compagnia contro le stringenti accuse ed il boicottaggio internazionale, ha ricevuto 98.000$ di danni :-))))

Gli accusati hanno parlato della grande soddisfazione della campagna mondiale contro McDonald's ed hanno affermato:"McDonald's non merita una lira, in ogni caso noi non abbiamo comunque soldi" i due attivisti spiccavano infatti per il loro look jeans e maglietta di fronte al viscido vestiario del team di legali della corporation.

Oltretutto Paul Preston e' stato sbeffeggiato dalla stampa per aver combinato questa causa con tanto di investigatori privati milioni di dollari buttati per ricevere poi questo verdetto che in fondo sancisce come veri e confermati alcuni capisaldi della Campagna anti McDonald's, e se questo lo afferma un membro della casta padronale quale un giudice, si vede che l'evidenza era innegabile. Tra l'altro il verdetto e la punizione per McDonal'ds hanno guadagnato le prime pagine di tutti i giornali di oggi da USA Today alla CNN.

Qui di seguito riportiamo la conferenza stampa tenuta da McLibel Support Campaign alla fine del processo.

McLibel Support Campaign 5 Caledonian Road, London N1 9DX, UK. Tel/Fax +44-(0)171 713 1269
For independent information on the case and McDonald's: http://www.McSpotlight.org/
Press Release 20th June 1997
SUBSTANTIAL & SIGNIFICANT PARTS
OF THE McLIBEL CASE
WON BY THE DEFENDANTS
Judge finds it to be a fact that McDonald's 'exploit children' through their advertising and promotions, that McDonald's promotion of its food as nutritious is deceptive, that McDonald's is 'culpably responsible' for cruelty to animals, that McDonald's pays low wages to its workers in the UK and is anti-union.
Mr Justice Bell yesterday ruled, in his personal verdict in the McLibel Trial delivered at Britain's High Court, that substantial and significant parts of the London Greenpeace Factsheet criticising the company have been proved to be true by the evidence brought by the McLibel Defendants, Helen Steel & Dave Morris.

There follows extracts from the official Summary of the Judgment by Mr Justice Bell in the McLibel Trial which was yesterday read out in a courtroom packed with journalists, supporters of the McLibel Defendants, and McDonald's top executives and their lawyers. The full Summary (running to 45 pages) is available on the McSpotlight Internet site (www.mcspotlight.org) and the full judgment (approx 1000 pages) will be uploaded onto the site soon. The McLibel Support Campaign will be issuing a Press Release on Monday 23rd June analysing in detail the judge's full judgment, and reporting on Saturday's UK and global protests against the company.

ADVERTISING (p 26)
[The criticism in] the leaflet to the effect that [McDonald's] exploit children by using them, as more susceptible subjects of advertising, to pressurise their parents into going to McDonald's is justified. It is true.
In my judgment McDonald's advertising and marketing makes considerable use of susceptible young children to bring in custom, both their own and that of their parents who must accompany them, by pestering their parents.

McDONALD'S FOOD (pp 21 & 23)
At the material time of publication of the leaflet between September 1987, and September 1990, McDonald's food was high in fat (including saturated fat) and salt (sodium) and animal products and it has continued to be so.
I..find that various of [McDonald's] advertisements, promotions and booklets have pretended to a postive nutritional benefit which McDonald's food, high in fat and saturated fat and animal products and sodium, and at one time low in fibre, did not match.

THE REARING AND SLAUGHTER OF ANIMALS (p 29)
[The criticism that McDonald's] are culpably responsible for cruel practices in the rearing and slaughter of some of the animals which are used to produce their food is justified, true in substance and in fact.
EMPLOYMENT PRACTICES (pp 33 & 37)
[McDonald's UK] does pay its workers low wages, thereby helping to depress wages for workers in the catering trade in Britain. [McDonald's] are stongly antipathetic to any idea of unionisation of crew in their restaurants.

The Defendants were cheered by hundreds of people as they came out of court. They believe that their stance in fighting the case has been vindicated; that evidence in the trial has backed up all the criticisms made of McDonald's over the promotion of unhealthy food, and exploitation of people, animals and the environment; and that the campaign has become unstoppable.


🌱 Vuoi supportarci? Visita il nostro eco-shop:

📎 Guarda anche

Ecofascismo, una supercazzola prematurata?

Prima o poi saremmo arrivati a trattare anche questo spinoso argomento, e come sempre, lo faremo sine ira et studio, liberi da paraocchi e acriticità. L'ecofascismo non è un termine di così recente invenzione, ma negli ultimi anni sta tornando a una notevole ribalta semantica, ormai difficile da ignorare. Ma di che cosa si tratta esattamente?

Spirito della Natura e Stregoneria: intervista a Lisa Catola

Essere strega per me è un modo di vivere la vita con la consapevolezza di essere parte della Natura in cui ogni cosa vivente è sacra. È un cammino spirituale fatto di pratiche concrete e reali che arrivano dalle Streghe che mi hanno preceduta, e che integro nella mia vita quotidiana. Trovo che sia essenziale per una strega, vivere seguendo i ritmi della Natura, onorarne i cambiamenti e in base a questi ritmi creare i propri incanti per trasformare la propria vita e aiutare anche gli altri a fare lo stesso.

Contea Ecologica di Ca' Pallai

Non permettendo a nessun essere umano di accedere nella sua madrepatria, nel 2022 il governo del Flandrensis ha stabilito i "Territori d'Oltremare", consentendo ai cittadini di far riconoscere il loro territorio come contea ecologica, provincia, dipendenza della corona o colonia del Flandrensis.

L'obiettivo della Contea Ecologica di Ca' Pallai è quello di creare un pezzo di terra dove sia possibile vivere a stretto e rispettoso contatto con madre natura, organizzare eventi per promuovere modi di vivere ecologici.

Vegetarismo e Occultismo

La monografia Vegetarismo e Occultismo fa parte dell’Opera del celebre teosofo Charles Webster Leadbeater (1847–1934) intitolata «Some Glimpses of Occultism Ancient and Modern» (Theosophical Publishing House, London, 1903), consistente in una serie di conferenze tenute dall’Autore negli Stati Uniti d’America nel semestre ottobre 1902 – aprile 1903. L’Autore, con profonda competenza specifica della materia, sia sotto il profilo scientifico che spirituale, espone l’argomento con la massima chiarezza, in modo da offrire al lettore validi elementi per un suo razionale esame. Valendosi della capacità di osservare gli effetti soprasensibili di ogni azione materiale, mette in evidenza tutte le ragioni che militano a favore di un’alimentazione più razionale per l’uomo.

Transizione Ecologica? Ma intanto dichiariamo guerra al Cielo!

Nella città di Modena è in vigore, senza la necessità di ulteriori ordinanze, il divieto di far esplodere petardi, articoli pirotecnici o fuochi d'artificio di qualunque genere, a eccezione di quelli a esclusivo effetto luminoso.

Ma, in occasione della Festa Dell'Unità di Modena, roccaforte piddina, nelle serate di apertura, di chiusura e non solo, vi sono soventi esibizioni di fuochi d'artificio che non tengono minimamente conto di tali norme espresse dalla Giunta.

Un nuovo ruolo per la Geografia

Quella Geografia che fino agli anni cinquanta del secolo scorso si proponeva come sintesi conoscitiva enciclopedica dei vari ambiti dell'esistente non ha più piena validità. Oggi essa ha necessità di assumere una scala, una modalità di indagine e una finalità capaci di far cogliere nel contempo le cause e l'evolversi delle situazioni locali, statali, continentali e planetarie. Una geografia quindi in grado di cogliere gli aspetti del sociale e del culturale in rapporto alle situazioni ecologico ambientali e delle risorse. Una geografia cioè atta a fornire indicazioni sullo sviluppo sostenibile.

Il Generale Giuseppe Marasco: la nuova figura cardine per la lotta e la tutela dell'ambiente

A meno che non viviate sotto una roccia o in una caverna nascosta (scelta che noi approviamo, ndr), vi sarà sicuramente capitato di vedere, soprattutto grazie alla diffusione per mezzo internet attraverso video oppure attraverso "meme" divertenti (menzioni d'onore a pagine come Mimmo Modem), le avventure del dott. Giuseppe Marasco, persona che da anni combatte per la tutela ambientale ed ecologica specialmente della sua zona d'origine Manfredonia ed il Nord Della Puglia. In questo articolo vogliamo farvelo conoscere e ringraziarlo per il suo operato.

Ken Saro-Wiwa non è morto invano

Con ogni mezzo non violento Ken Saro-Wiwa: con la forza delle parole, della letteratura, della socialità, della buona politica, dell’amministrazione etica e trasparente, del coinvolgimento popolare, della sensibilità, del “coraggio civile”. In una battaglia in cui rispetto della dignità umana e tutela ambientale sono sempre stati aspetti indivisibili, propedeutici l’uno all’altro.

Il Poeta è stato ucciso dalla sete capitalistica della Shell contro il popolo Ogoni in Nigeria.

Flandrensis partecipa alla Giornata Mondiale della Pulizia

Ogni anno il Granducato di Flandrensis partecipa in 72 nazioni al World Cleanup Day, un programma annuale di azione sociale globale volto a combattere il problema mondiale dei rifiuti solidi, compreso il problema dei detriti marini. È coordinato dall'organizzazione globale Let's Do It! World, la sede si trova a Tallinn, in Estonia.

I partecipanti ai World Cleanup Days sono in genere volontari, con il coordinamento di organizzazioni non governative che assistono nella sensibilizzazione, nella logistica e nella raccolta fondi.

Una panoramica sul Bioregionalismo

Il bioregionalismo è un approccio etico, politico, ideologico, legato al territorio in cui si vive, considerato come un insieme omogeneo dal punto di vista morfologico e da quello degli esseri viventi.

Rappresenta in un certo senso "l'intersezione" tra diverse anime culturali del movimento ambientalista: quelle tradizionaliste, (in senso eminentemente folclorico-ambientalista) e quelle localiste. Lo studio delle bioregioni utilizza largamente la Teoria degli Insiemi elaborata da Georg Cantor.

Si tratta quindi di considerare un territorio geografico omogeneo in cui dovrebbero essere predominanti le regole dettate dalla natura e non le leggi che l'uomo avrebbe definito.

🎥 Il Ducato del Bardo: Marco Zagni intervista Piercarlo Bormida

Marco Zagni intervista in esclusiva Piercarlo Bormida, fondatore della micronazione intenzionale del Bardo nella roccaforte del Ducato piemontese.

Primitivismo Primordiale

Il Primitivismo Primordiale, originariamente chiamato Primalismo, chiamato anche Feralismo o Animalismo, è un'ideologia libertaria fuori bussola che crede nella devoluzione dell'umanità in uno stato più animalesco.

Il Primitivismo Primordiale potrebbe essere considerato la forma estrema fuori controllo dell'Anarco-Primitivismo, a meno che non venga portato ancora più in là per disassemblare la società fino a ridurla agli istinti primordiali.

Il Primitivismo Primordiale è così contrario all'esperimento umano che qualsiasi segno di sviluppo evolutivo oltre la base dell'istinto animale (che sopravviva o muoia) è considerato malvagio e da punire.

Zooantropologia e Identità

La Zooantropologia è la disciplina che studia la relazione tra l’uomo e le altre specie. Ma detto così, non è abbastanza, perché in realtà essa mette in luce alcuni aspetti che molto spesso vengono ignorati e che sono fondanti per la sua reale comprensione.

Derrick Jensen: "Le Azioni Parlano Più Forte Delle Parole" (Earth First!, 1998)

Derrick Jensen (nato il 19 dicembre 1960) è un ecofilosofo, scrittore, autore, insegnante e ambientalista americano di tradizione anarco-primitivista, anche se rifiuta l'etichetta "anarchico". È un critico dell'attenzione del movimento ambientalista mainstream sulla conservazione della civiltà e della tecnologia rispetto alla conservazione del mondo naturale.

Sfida in modo specifico i cambiamenti dello stile di vita e le soluzioni individualistiche ampiamente sostenute, considerandole inadeguate alla scala della catastrofe ambientale globale. Invece, promuove la disobbedienza civile, l'attivismo radicale e lo smantellamento delle infrastrutture a livello massiccio per fermare quello che ha chiamato "l'assassinio del pianeta".

Insieme ad altri attivisti ambientalisti radicali, Jensen ha corrisposto a "Unabomber", Ted Kaczynski, dopo il suo arresto. Hanno litigato perché Kaczynski sentiva che Jensen e altri ambientalisti radicali erano troppo dediti a cause di sinistra che Kaczynski trovava irrilevanti.

🎥 Liberi Dalla Civiltà

Spunti per una critica radicale ai fondamenti della civilizzazione: dominio, cultura, paura, economia, tecnologia

È possibile vivere in un mondo senza dominio, senza sfruttamento, senza inquinamento e mercificazione? Per almeno due milioni di anni i nostri antenati primitivi hanno vissuto così, ed è solo con la comparsa dell'agricoltura che l'esistenza ha preso la via di una distruttività sempre più accelerata e dilagante.

Arne Næss, pioniere dell'Ecologia Profonda

Seguendo le linee del filosofo norvegese Arne Næss nella sua formulazione di "Deep Ecology" (Ecologia Profonda), l'Attivismo Profondo sarebbe quello che affonda le sue radici e motivazioni nelle esperienze profonde della persona. Si tratterebbe, quindi, di un attivismo fondato non solo sugli aspetti razionali ed etici dell'azione sociale, politica o ambientale, ma anche sugli aspetti affettivi, estetici e di coscienza.

L'incontro antartico non riesce a proteggere i pinguini imperatori nonostante le crescenti minacce per l'Antartide

Nel 1959, sull'orlo della Guerra Fredda, 12 paesi accettarono il Trattato sull'Antartide. L'idea centrale del trattato era la libertà della ricerca scientifica in Antartide e l'uso pacifico del continente. Nel corso degli anni si sono aggiunte altre nazioni. Oggi, 53 paesi fanno parte del Trattato sull'Antartide.

A Berlino, 2 giugno 2022, si è conclusa la 44a riunione consultiva del Trattato Antartico, che non ha messo in atto misure urgenti per affrontare le crescenti minacce per l'ambiente dell'Antartide.

Le organizzazioni ambientaliste hanno espresso profonda preoccupazione e frustrazione per il fatto che i progressi su questioni chiave siano stati ostacolati, inclusa l'adozione di un piano d'azione sui cambiamenti climatici e la protezione delle specie chiave.

Erbe spontanee: linfa naturale di selvaticità!

Cerco sempre di coinvolgere chi mi legge, in un rapporto più diretto con ciò che utilizziamo per la nostra salute e la nostra alimentazione. Dunque oggi vorrei parlarti delle erbe selvatiche come ingredienti da portare in tavola. Perchè? Te lo racconto subito, e ti porterò due testimonianze di care amiche che praticano la raccolta di erbe selvatiche.

In che modo la guerra danneggia l'ambiente?

Spesso ci viene chiesto in che modo i conflitti armati danneggiano l'ambiente. In questo articolo cerchiamo di fornire quanti più esempi possibili di danni. È inteso come un'introduzione non esaustiva che segue il ciclo dei conflitti e contiene collegamenti per ulteriori letture. Fondamentalmente, il danno ambientale ha implicazioni per le persone, così come per gli ecosistemi. Ciò significa che la protezione dei civili richiede innanzitutto la protezione dell'ambiente da cui dipendono.

Unione Micronazionale Antartica

L'Antarctic Micronational Union (AMU) è la prima organizzazione multinazionale micronazionale che comprende solo micronazioni antartiche.

L'obiettivo principale dell'AMU è organizzare tutte le micronazioni antartiche e proteggere il territorio e le rivendicazioni reciproche. L'AMU mantiene anche l'amministrazione su tutte le attuali rivendicazioni in Antartide per evitare incomprensioni e conflitti. Dal 2010 l'AMU è stata menzionata in diversi media olandesi, belgi e russi.